Skip to main content

Full text of "Iconografia della fauna italica : per le quattro classi degli animali vertebrati"

See other formats


ICONOGRAFIA 



DELLA 



FAUNA ITALICA 



PER LE QUATTRO CLASSI 



DEGLI 



ANIMALI VERTEBRATI 



DI 




CARLO L. PRINCIPE BONAPARTE 



PRINCIPE DI CANINO E 31USIGNAN0 
SOCIO DELLE PRINCIPALI ACCADEMIE SCIENTIFICHE 
DI EUROPA E DI AMERICA 



TOMO 



PESCI 



ROMA 

DALLA TIPOGRAFIA SALVIUCCI 
1852—1841. 



9 



4Ì 



INDICE DISTRIBUTIVO 

DEL TOMO TERZO = PESCI. 

(che può servire di avviso al legatore.) 



N. B. Il numero avanti i nomi serve a denotare l'ordine con cui si devono seguire le puntate : il nu- 
mero dopo i nomi è quello che trovasi impresso in pie di pagina dei fogli per indicare la progres- 
sione con la quale gli articoli furono pubblicati nel corso di dieci anni, numero che si ripete in 
questo indice perchè possa agevolare al legatore la maniera di rintracciare le puntate nei rispettivi 
fascicoli con le tavole che spettano a ciascuna. 
Le specie di Pesci sono 181. — Notisi però bene che quelle indicate in carattere minore figurate per solo 
confronto e comodo degli studiosi, italiane o no, e che non hanno articolo a sè, non sono valutate 
nella somma delle sunnumerate specie. 

FRONTESPIZIO 

INDICE DISTRIBUTIVO DEL HI. VOL. 
INTRODUZIONE ALLA CLASSE IV. PESCI 

Questo terzo tomo si compone ài puntate 75, fogli di stampai 133 , tavole 78, oltre i fogli di princi- 
pio, secondo l'ordine che segue. 



Numero 
d'ordine 
per la 


SPECIE ILLUSTRATA 


NOMENCLATURA MODERNA 


Numero 
in piò 

di pagina 
di ogni 


FASCICOLO 
in cui si troYa 


Togli 
di stampa 
di 

ciascuna 


Tavole 
che l'ac- 
compa- 


legatura 






puntala 




puntata 


gnano 


86 


Ànthias sacer 
» buphthalmus 




10 


n. 


5 


1 


87 


Labrax lupus 
Àpogon rex-mullorum 




79 


XIV, XVII. 


4 


1 


88 


Corvina nìgra 
Umhrina cirrosa 




65 


xin. 


rr 

o 


1 


89 


Cantharus orhicularis . 




5 


I. 


1 


1 


90 






80 


XV, XVI, 


4 


2 




» insidiator 






XVII. 




y> alcedo 














7> chryselis 














3> gagarellà 














y> vulgaris 














» maurii 












91 


» chelo 
y> labeo 




50 


VI. 


2% 


1 



INDICE DISTRIBUTIVO DEL TOMO TERZO. 



Numero 
d'ordine 
per la 
legatura 



95 
96 
97 

98 
99 
100 
101 
102 



SPECIE ILLUSTRATA 



NOMENCLATURA MODERNA 



Numero 
in piò 
di pagina 
di ogni 
puntata 



FASCICOLO 
in cui si trova 



92 Mugtl capilo 

» auratus 
95 Mugil saltens 
94 Trigla corax 
» lyra 
» milvus 
» aspera 
Trigla obscura . 

» gurnardus 
Trigla cuculus . 

» lineata 
Pleuronectes bosci . . . 
macrolepidotus 
arnoglossus 
Pleuronectes grohmami 
Platessa passer 
Rhomhus rhomboides . . 
» Imvis 

Rhombus podas 

» maximus 

Solca mdgaris 

» kleini 
Solca oculata . . . . . 

> lascaris 
» mangila 
Plagusia lactea 
105 Solca lutea. ...... 

» monochir 
Rhombus unimaculatus 

1 04 Cailionym.festivus foem . 
» maculatus 

105 Callionymus belennus. . 

» [estivus mas. 

Lophius piscalorius 
» budegassa 

106 Callionymus dracunculus 
Blennius rouxi 

» trigloides 

» liipulus 

» varus 

» anticolus 



Bothus rhomboides 
Bothus podas . . . 



Microchirus lingula 
Plagiusa lactca 
Microchirus luteus . . 
Monochirus trichodacty^^ 
Scophthalmus unimacuiat 
Callionymus morissoni . 



Callionymus morissoni 



51 

57 
52 



102 

58 



97 


XIX. 


1 


25 


IV. 


1 


24 


IV. 


1 


26 


V. 


1% 


27 


V, 


27. 



28 

16 
61 



145 



VI. 

XI. 

X. 



XX. 

XI. 

IV. 



V. 

III. 
xn. 



Fogli 
ili stampa 
di 

ciascuna 
puntata 



XXVIII. 



1 



^ 2 
5^2 



1 

2 



2Va 



27^ 



Tavole 
che l'ac- 
compa- 
gnano 



1 
1 



INDICE DISTRIBUTIVO DEL TOMO TERZO. 



Numero 
d'ordine 
per la 
legatura 



SPECIE ILLUSTRATA 



107 

108 

109 
110 



111 



112 



115 



114 



115 



116 



117 



NOMENCLATURA MODERNA 



Mora mediterranea . 
Strinsia tinca 
Lata argentea 

Cyprims regina . . . 

j> carpio 

» elatus 
Tinca italica 

» chrysitis 
Barbus fluviatilis tybermus 

» eques 

» plebejus 

» caninus 

" hflopogon 
Gobio venatus 

» fluviatìlù 

y> uraìioscopus. 

Leuciscus squalus. . . . 

» rubilio 

» scardafa 
Leuciscus rubella. . . . 

» muticellus 

y {mthulus) squaliisjnn 

» trasimenicus 
Leuciscus fucini. . . . 

» albus 

» cavedanus 
Leuciscus roseus . . . 

B genei 

» heegeri 
Telestes savigny. ... 
Scard, erythrophthalmus 
Chondrostoma rysela 
Aspius alburnus .... 
Squalius elatus 

» aula 
Leuciscus genei jun. 
Scard. erythrophthalmus\vsv 
Ctenolabrus iris .... 
Coricus virescens 
Julis vulgaris 

» gioffredi 



Tinca chrisitis ? 



Sgualius tyberinus . . 
Squalius rubilio 
Scardinius scardafa 
Squalius rubella . . . 
Telestes muticellus 

Squalius tyberinus jun. 

Squalius trasimenicus 
Squalius fucini . . . . 
Squalius albus 
Squalius cavedanus 



Scardinius heegeri 



Numero 
in piò 

di pagina 
di ogni 

puntata 



120 

92 

93 
129 



96 



105 



104 



125 



146 



157 



156 



FASCÌCOLO 
in cui si trova 


Fogli 
di s lampa 
di 

ciascuna 
puntata 


Tavole 
che l'ac- 
compa- 
gnano 


xxni. 




1 


xvin. 


27. 


1 


XVIlI. 




1 




2V. 

/2 


2 


XIX. 


2 


1 


XX. 




1 


XXII. 


l'A 


1 


XXIV. 


l'A 


1 


XXVII. 


l'A 


1 


XXX. 


V> 


1 


XXX. 


i 


1 



INDICE DISTRIBUTIVO DEL TOMO TERZO. 



Numero 
d'ordine 
per la 
legatura 



118 



119 



120 



121 



122 



125 



124 

125 
126 
127 



128 
129 

loO 



SPECIE ILLUSTRATA 



NOMENCLATURA MODERNA 



Atherina hepsetus. . * . 

y> mochon 

» lacustris 

» boyeri 
Gonostoma denudata . . 
Ichthyococcus ovatus 

» powertw 
Scopehis henoit 

» risso 

» cocco 
Maurolicus atfenuatus . 
» amethystmo-punctatus 
Myctophim rafinesqim . 

» metopoclampum 

» gemellari 

» pimctatum 
Lampanyctus honapartii 
Odontostomus hyalinus 
Chlorophthalmus agassizi 
Àulopus flamentosus 
Àrgyropelecus hetnigy^nnm 

Belone aciis 

Sayris camperi 
Tylosunis cantrainii . . 
Stomias harhatus. . . . 
Chauliodus setinotus 
Macrurus coelorhynchus 



Sudis hy alina 

Paralepis coregonoides 
Sphyrcena spet 
Stromateus fiatola » . 

» microchirus 
Coryplmna hippurus . 

y> pelagica 
Astrodermus elegans . 
Centrolophiis pompilus 
Schedophilus medusop'^'s''' 
Ruvettus pretiosus . . 
Acipenser sturio . . . 

» naccarii 
Ckimcera monslrosa . 



Lampanyctus crocodilus 



Tylosurus imperialis 



Numero 
in pie 

di pagina 
di ogni 

puntata 



FASCICOLO 
in cui si troya 



Fogli 
di stampa 
di 

ciascuna 
puntata 



91 



158 



159 



144 



82 



158 



152 



48 



155 

(132) leggi 

155 



81 

87 

88 



XVII.XVIII 



XXVII. 



J 



XXVII. 



XXVIII. 



XV, XVII 



XXX. 



XXIX. 



IX. 



XXIX. 



XXVI. 



XV, XVII 

XVI, XVII 

XVI, xvn 



2% 



2 



2V2 



1V2 



9. 



2 



1 
1 



Tavole 
che l'ac- 
compa- 
gnano 



1 



1 



1 
1 
1 



1 
1 



INDICE DISTRIBUTIVO DEL TOMO TERZO. 



Numero 
d'ordine 
per la 
legatura 



SPECIE ILLUSTRATA 



151 
152 

155 

154 

155 
156 

157 

158 
159 
140 

141 

142 
145 



144 
145 
146 
147 
148 

149 



150 

151 

152 
155 

154 



Scyllmm canicula. . . . 

» stellare 

» melamstomum 
Mustelus plebejus. . . . 

» equestris 
Coleus canis 
Squalus glaucus . . . . 
Sphyrna zygcena 

Alopias vulpes 

Lamna cormhica 
Carcharodon lamia. . . 
Oxyrrhina spallanzanii. 
Odontaspis ferox 
Notidams griseus . . . 

» cinereus 
Echinorhinus spinosus . 
Spinax acanthias. . . . 
Spinax hlainvillii. . . . 

» uyatus 

Spinax niger 

Centrina salviam 
Scymms lichia . . . . . 
Squatina angelus . . . . 

» oculata 

5> fimbriata 

Raja marginata 

Raja miraletus 

Raja quadrimaculata. . 

Raja radula 

Raja falsavela 

» quadrimaculata adult 

Raja hatis 

Dasyhatis asterias 

» aspera 

» clavata 
Dasyhatis fuUonica. . . 
Lagocephalus pennanti 
Lceviraja oxyrhynchus , 

« macrorhynchus 
Rhinobatus columnce . . 
Torpedo narce ... * 

» galvanii 
Torpedo nobiliana . . , 



NOMENCLATURA MODERNA 



Pristiurus melanostomus 



Heptranchias cinereus 



Acanthias vulgaris . 
Acanthias hlainvillii 



Batis radula 



Numero 
in pie 

di pagina 
di ogni 

puntala 


FASCICOLO 
in cui si trova 


Fogli 
di stampa 
di 

ciascuna 
puntata 


Tavole 
che l'ac- 
compa- 
gnano 


89 


VII. 


4 


1 


45 


vili. 




1 


140 


XXVII. 




1 


66 


XIII. 


2 


1 


126 


XXIV. 




1 


154 


XXVI. 


1 


1 


62 


XII. 




1 


67 


XIII. 


1 


1 


44 


VIII. 


1 


1 




lA. 




1 


84 


XIV, XVII. 


2 


1 


85 


XIV, XVI. 


1 


1 


147 


XXVIII. 




1 


52 


VI. 


1 


1 


17 


Ili 




1 


18 


ni. 


V. 


1 


68 


XIII. 


A 


1 


(135) leggi 






1 


156 


XXYl. 


1 


154 


XXIX. 


2 


1 


159 


XXX. 


2 


1 


150 


XXV. 


IV2 


1 


86 


XIV, XVII. 


1 


1 


160 


XIV, XXX. 


5% 


1 


65 


XII. 


% 


1 



INDICE DISTRIBUTIVO DEL TOMO TERZO. 



Numero 
d ordine 
per la 
legatura 


SPECIE ILLUSTRATA 


NOMENCLATURA MODERNA 


Numero 
in piò 

di pagina 
di ogni 

puntata 


in cui si IroYa 


Fogli 
di stampa 
di 

ciascuna 
puntata 


Tavole 
che 1 ac- 
compa- 
gnano 


155 
156 
157 
158 
159 
160 


Trygon altavela .... 


Pteroplatea altavela . . 


6 
55 
54 
69 
11 
12 


1. 

VI. 

VI. 

XIIL 

IL 

IL 


V. 
1 

V2 


1 
1 
1 
1 
1 
1 




181 








155 


"ts" 



IMPRIMATUR 

Fr. DoMiNicus BuTTAONi Ofd. Praed. 
S. P. A. Mag. 

-- — -^-^m^m^^ 

IMPRIMATUR 

Joseph Canali Archiep. Coloss. 
Vicesg. 



IINTRODUZIONE 



ALLA CLASSE IV. PESCI 





L Ittiologia Italiana, se non completa come la Classe degli Amfibi, offre in questa 
Iconografia un tanto numero di specie da soprammontare non solamente quello di ciascuna 
delle trattate Classi , ma bene di tutte tre insieme comprese. Nè altrimenti avvenire potea 
perchè i Pesci , poco studiati , presentano inoltre nella loro grandissima varietà e molti- 
tudine, tuttodì nuove specie, o venute a sopra dai profondi impraticabili nascondigli per 
isconvolgimento di tempeste, o divagate per l'ampiezza del proprio elemento, e per sino 
condottesi da straniere regioni il corso delle navi conseguitando. Racchiude infatti questo 
Volume specie italiane 181, non contando poche altre europee ed un' affricana figurate 
a confronto: appartengono esse a 92 generi , rappresentano 42 Sottofamiglie e 21 Famiglia. 
L' intero numero di tutte le specie d' Italia può valutarsi a 470 ripartite in 206 generi , 
90 Sottofamiglie e 44 Famiglie. Europa tutta novera specie 763, generi 231, Sottofa- 
miglie 96 , Famiglie 46. Le specie conosciute di tutte le acque che cuoprono il globo sono 
circa 7000, i generi oltre 500, le Sottofamiglie 132, le Famiglie 56. È ben notevole 
avere Italia in questa Classe tutti gli Ordini e quasi tutte le Famiglie, mancandogliene 
appena dieci, delle quali due sole europee, Siluridi e MtjxinidL 

Le molte edizioni del nostro Sistema d' Ittiologia rendono forse soverchio ripetere , 
che i Pesci sono da noi schierati in 10 Ordini subordinati a 6 Sezioni e a 4 più solenni di- 
visioni dette perciò Sottoclassi, la seconda delle quali ha tre Sezioni. I due primi Ordini, 
Selacha e HoLOCEPHALA, costituiscono la Sottoclasse 1. x:i.asmobranchii , e l'unica sua 
Sezione piagiosiomi : il 3. Osteodermi è al tempo stesso Sezione 2. syngnathi , e Sottoclasse 
2. ropHOBRAurcHii : i sei che seguitano compongono la gran Sottoclasse 3. fosiatobraz^chii; 
il 4. Sclerodermi , e il 5. Gymnodontes formando la Sezione 3. il 6. Sturiones 

facendo solo la Sezione 4. micbogkathi ; e gli altri tre 7. Ganoidei , 8. Ctenoidei, 9. Cycloidei 
dando la Sezione 5. teleostomi , che abbraccia la più gran parte e i più normali dei Pesci: 
e finalmente il 10. Helminthoidei costituisce insiememente la Sezione 6. CTCLOSTOniI e la Sot- 
toclasse 4. MARsiFOBRAsrcmi. Per i miglioramenti di giorno in giorno portati nel nostro 
Metodo ci teniamo sempre più satisfatti di vederlo improntato sul disponimento della na- 
tura. La superficiale osservazione delle squame dei diversi Pleuronectidi aveaci per breve 
ora messo in temenza doversi per esigenza di tal Sistema spezzare questa Famiglia na- 
turalissima, a quel modo che nei Mammiferi vien rotto l'Ordine dei Marsupiali per 
servire all' artifiziale Sistema esclusivamente fondato sulla dentatura; la qual cosa tal- 
mente ci ripugnava , che ad ogni costo avremmo tenuto essa Famiglia indivisa. Otti- 
mamente però un più intrinseco esame , soccorso dal prestantissimo Agassiz , impegnato 
non meno di noi nella questione, ci ha persuaso essere tutti Ctenoidei, a fronte della in- 
gannevole apparenza che può far credere Cycloidei i Pleuronectini , perchè il dentellaraento 
delle loro squame non è sì distinto come nei Soleini. Laonde più fermo che fosse mai è 
uscito da questo cimento il Sistema sulle scaglie, di quel sommo Ittiologo sublime trovato, 
che efficacemente contribuisce a francheggiare importantissime divisioni tratte dalla più 
valida condizione delle branchie. 



1 



ì N T R O D U Z I O ?N E 

Omettendo significare lievi modificazioni di alcune particolarità possa aver subito il 
nostro Sistema dopo F ultima edizione , notifichiamo qui due nuove riguardevolissime 
P'amiglie, basate sopra esseri cui non senza apparente ragione si è conteso il titolo di 
Pesci; innalzato l' uno ad Amfibio, degradato l'altro a Verme. La prima è quella dei 
Lepidosirenidi (Sottofamiglia Lepidosirenini) della quale si conoscono oggi due specie, tipi 
di due generi, uno americano, Lepidosiren, Natterer, anche più prossimo agli Amtìbi, che 
non è l'altro affricano , Proctopus, Owen. Per molti avvisamenti questi strani Animali si 
raccosterebbero alla Sottofamiglia dei ganoidei Polypterini , ma il contegno generale e 
soprattutto la squamatura, fa sì li collochiamo nell'Ordine Ctenoidei presso la Famiglia 
Murcenidi , antipenultima di tutta la Classe. L' altra Famiglia deve assolutamente porsi 
estrema dei Pesci nell'Ordine Ife/mMoto" dopo i Petromyzontidi; e la si dovrà chiamare 
Branchiostomidce , perchè il nome BrancMostoma del Costa , che ci fornisce anche la Sot- 
tofamiglia Branchiostomini, è anteriore a quello di Amphyoxus , Yarrell. E poiché siamo in 
ragionamento di Classificazione diremo ottimo concetto quello del Dottor Nardo elevare a 
Famiglia di Xiphiadidi la nostra Sottofamiglia XipMadini. Avvertirem pure i Mugilidi spet- 
tare ai Ctenoidei non ai Cycloidei, e doversi conseguentemente ravvicinare ai Mullidi con cui 
hanno affinità visibilissima , ravvisata perfino nel nome di Gray Mullet dai Pescatori inglesi. 

Le specie italiane (66 d'acqua dolce) ripartisconsi così nei dieci Ordini: 



FLA6IOSTOMI 

Selachà 0 Condropterigi 84 

HoLOCEPHALÀ o Acantornui . 1 

SVMGSATHI 

OsTEODERMi 0 Eteropteri 18 

FLCCTOGHATHI 

Sclerodermi o Acantopteri 3 

Gymnodontes 0 Pelvopteri 6 

MICROGSAfHt ' 

Sturiones o Acipenseri , . . . % 

TBLEOSTOMI 

Ganoidei o Siluri. . , 3 

Ctenoidei o Perche 105 

Cycloidei o Ciprini. 272 

GYCLOSTbniI 

Helminthoidei 0 Lamprede . 6 

470 



Siam venuti a portata di conoscere un novero di Pesci italiani che sembrerà 
ragguardevole assai , comparato a quello riunito dell' Opera completa del Rondelet e della 
incompleta del Salviano, né sorpassato sarà dai più ricchi cataloghi moderni, soprattutto 
quando ne sieno scerpate le ridondanti specie nominali. Per giugnere a questa conoscenza 
abbiamo soggiornato lungamente in uno dei più belli e più pescosi golfi d* Italia , quel 
della Spezia, visitato moltissimi punti dei due nostri mari, frequentato copiose pescherìe 
di principali città, ci siamo procacciate specie non mai vengono per la mensa, e vantag- 
giati inoltre di ogni sorta aiuti e corrispondenze. Nè poco soccorso abbiam tratto dagli 
originali lavori del Risso , cui non si potrà mai negare il merito di essere pubblicati in 
un' epoca che poca luce nella oscurità dell' Ittologica scienza dovea pregiarsi come Sole : 
speriamo l' operoso zelo di lui non iscemando per declinare di anni , gli terrà sempre 
più ferma e manifesta la pur meritata estimazione. Pregevolissimi si troveranno gli scritti 



ALLA CLASSE IV. PESCI 



del Rafinesque , sceverato da essi tutto quanto è gretta compilazione che feceglì propri 
tanti errori altrui, tornando sotto nomi nuovi a ben descrivere vecchie specie malamente 
caratterizzate, pur da lui ammesse: nè grave meno è alla scienza la recente perdita di quel- 
l'egregio Naturalista in America perchè riparata dall'indefesso Ittiologo Dottor Cocco di 
Messina, cui tanto sa grado la Ittiologica scienza per le parecchie nuove specie di che 
l'arricchì, e noi gli abbiamo pur obbligo per l'accurata lista dei Pesci di Sicilia redatta a 
nostra richiesta. Bene egli si renderebbe lodevole per ogni parte di merito, se cogliendo 
la opportunità del suo soggiornare in quell'Isola, si desse all'arduo travaglio di riportare 
con particolarità e sinonimie al vero lor tipo, come noi per l' Opera ornitologica del Wilson, 
tutte le specie mal ravvisate dal Rafinesque, e quelle immaginarie annientare. Nell'altra 
estremità d'Italia il Dottor Nardo e il Cav. Naccari vanno illustrando i Pesci dell'Adria, 
e commentando l'Opera dell'Abate Chiereghini, la quale per cura del Governo Lombardo- 
Veneto fatta propria di quella Marciana biblioteca, è da desiderare sia messa a pubblica 
conoscenza. La Ittiologia italiana, che ha eziandio un Catalogo de' Pesci maltesi, stretta 
così di studio nei tre più lontani punti, Nizza, Venezia, Messina, si renderà per non molto 
di tempo completamente fornita. Rischiarati noi al lume di quei diversi Ittiologi nel 
confrontare le loro specie alle nostre, e coadiuvati non meno dai lodevolissimi lavori 
del Costa, del Metaxà, del Swainson e di altri, imprendiamo a rassegnare rapidamente 
lutti gli abitatori delle nostre acque tanto salate quanto dolci. 

Cominciamo dai Plagiostomi, che per essere i Pesci meglio organizzati si tocchereb- 
bero dirittamente coi Cetacei , senza le intermedie Classi degli Uccelli e degli Amfibi : 
novella e forte prova del contrastato organale parallelismo. Prima Famiglia è la numerosa 
dei Raidi , che pur non è già superiore agli Squalidi, salendo a meno altezza la canna 
su cui si dispone. Nell'ordinamento lineare però giova spacciarsene subitamente atteso 
che gli Squalidi sono men dissimili dalla massa dei Pesci. Alla testa dei Raidi adunque 
sta quel mostro marino la Cephaloptera giorna , Risso, che rappresenta la Sottofamiglia 
cui dà nome : vengono quindi le due Myliohati { M. aquila e M. noctula, Bp. ) le quali 
crediam tuttora aver denominate a buon diritto, traendole fuora della inavvertita confu- 
sione: speriamo si vorranno conservare quei nomi, anche per esser fondati sulla rispet- 
tiva appellazione dei Pescatori ; in onta che vediamo trasferito da Miiller ed Henle alla 
M. noctula quello di M. aquila, e a questa sostituito quello d' incerta dubbiosissima specie 
[Raia nieuhofjì , Schn. ) come esotica perfino figurata. Dalla seconda Sottofamiglia, dei 
Myliohatini, passiamo alla terza, Trygonini: alla Pteroplatea altavela , M. ed H., e alle 
tre Trygoni illustrate in questo Volume [Trygon violacea, Bp., Tr. brucco, Bp. , e Tr. 
pastinaca, Dum.), si aggiunga la Pastinaca aspra dell'Adriatico ( Tr. thalassia, Miiller ed 
Henle, Tr.gesneri, Cuv. ). TrdiRaini, oltre la Batis radula, Bp. , abbiamo nelle Arzille 
la eccellente Arzilla pietrosa ( Dasybatis clavata , Blainv.) , la ispidissima D. fullonica, 
Blainv. e la comune D. asterias, Bp. {Raja schultzi, M. ed H. , Raja asterias aspera, Rond.). 
Noi crediamo esser questa, non solo la R. asterias del Risso, come ammettono Miiller ed 
Henle, ma anche del Delaroche, quantunque eglino non credendolo abbiano nominato Raja 
asterias, Y Asterias Icevis di Rondelet, cioè una delle nostre Rajce o Razze lisce. Tra queste 
notiam prima la suddetta R. asterias, M. ed H., la quale non sembra differente dalla R. batis 
di quest'Opera, cui sarà bene torre il nome specifico batis usato per tante diverse specie, 
quello apponendole di R. maculata , Mont. : avvertasi però le Raie lisce macchiettate 
di scuro vanno meglio studiate, sì nell' Oceano come nel Mediterraneo. Vengono quindi 
la Raja falsavela , Bp. riprodotta nell' Opera di Miiller ed Henle sotto i nomi di Raja nce- 
vus ; la spregevole Baraccola { R. miraletus , L. , R. biocularis, Geofifr. ) da cui la nostra 
R. quadrimdculata , Bp. , differisce per la sagoma, checchessia degli organi maschili e 
delle macchie ; meglio le starebbe il nome R. oculata , Risso , provato fosse la stessa : e la 



INTRODUZIONE 



Razza { R. marginata , Lacép. , R.rostellata e bicolor, Risso) che pel suo prolungato bec- 
chetto già piglia effige di Lceviraia. Sembra certo abbiamo, almeno nel Siculo mare, anche 
la B. atra, M. ed H. , forse Moro-moro dei Veneti, e la R, undulata , Lncép. { R. pietà ed 
alba delio stesso, R. mosaica , Risso, R. fenestrata, Rafin. ). Delle due Lceviraice , o 
Arzille monache {L. oxyrhynchus e L, macrorhynchus , Rp. ) a sostenere la validità ne 
forniscono argomento gli stessi Miiller ed Henle, che dopo averle riunite nella lor R. sal- 
viani, ammettono senza accorgersene la rifiutata L. macrorhynchus nella iJ. intermedia, 
Parnell. La Sottofamiglia degli elettrici Torpedinini oltre la unicolore grande Torpedo nobi- 
liana, Rp., ci dà la occhiuta T. narce, Cuv., e là marezzata T. galvani, Cuv., circa le quali 
godiamo sia verificato il da noi preveduto ricredimento di Miiller ed Henle che le ammettono 
definitivamente coi nomi di T. oculata e T. marmorata. I Rhinobalini hanno soltanto certa 
\'à Rh. columnce , cui sia cambiatoli nome generico in Syrrhina non possiamo concedere: 
sta a dritto si divida in due il genere Rhinobatus ; ma con questo, che tal nome con- 
servisi alla porzione contenente la nostra specie, per la quale, se togliere le si potesse, 
non ne mancherebbe uno attinto dal Rafinesque. Rimanendo fermo Rhinobatus per la 
nostra specie e sue affini , converrà cercare altro nome da sostituire a Rhinobatus proprio , 
Miiller ed Henle , quando il nostro Glaucostegus , che ha per tipo il preteso Rh. electricus, 
non si possa stendere a tutto quel gruppo, due specie del quale [R. halavi, Forskal, e 
R. thouini , Lacép. ) stanno forse nel Mediterraneo. Nei Pristidini , ultima Famiglia dei 
Raidi, si vede, quantunque raro, il Pesce-sega {Pristis antiquorum, Lath. ), ma sono 
dubbiosissimi il Pristis pectinatus , Lath., e l' Orientai Pristis semisagittatus , Shaw. 

11 passaggio fra le due Famiglie Raidi e Squalidi è mirabile , non solo per gli Squa- 
tinini, ma pei Pristidini che hanno specie per così dire a cavalcioni. Di quella Sotto- 
famiglia abbiamo i due appiattiti Squadrolini {Squatina angelus. Dura., e Sq. ocula- 
ta , Rp. ). Gli Spinacini noverano lo Spinarolo imperiale ( Acanthias vulgaris , Risso } , 
lo Spinarolo comune {A. blainvilUi, Risso); il Sagrì o Zigrino moretto [Spinax niger , 
Rp.), il Sagrì comune [Sp. uyatus , Rp. ) intermedio ai due generi; e il Pesce-porco 
[Centrina salviani , Risso, Oxynotus centrina, Raf. ). Gli Scymnini forniscono lo Scymnus 
lichia , Rp. ; il rarissimo Lcemargus roslratus , M. ed H. , che non potemmo procurarci ; 
e il Ronco ( Echinorrhinus spinosus , Rlainv. ). I Notidanini somministrano il Capopiatto 
( Notidanus griseus , Cuv. ) a sei aperture branchiali , e il buonissimo Pesce-anciòlo 
{ Heptranchias cinereus , Rafin.). Vantano gli Odontaspidini , XOdontapsis /eroa? , Agass., e 
r 0. taurus, M. ed H., che i denti fan sembrare diverso. Giganteggia fra i Lamnini il 
Carcharodon lamia , Rp. ( Carcharodon rondeleti , M. ed H. ) , e gli fanno corteggio 
YOxyrrhina Spallanzani , Rp. ( 0. gomphodon , M. ed H. ) e lo Smeriglio ( Lamna cornu- 
bica , Cuv. ( Squalus cornubicus e monensis , Auct. ). Costituisce da sè solo la Sottofami- 
glia Alopiadini il Pesce-sorcio ( Alopias vulpes , Bp. ). Fra gli Squalini , degli abnormi 
Pesci-martelli abbiam solo sicuro la Sphyrna zygcena , Raf. ; dei veri Squali { Carcha- 
rias , Cuv., Prionodon , M. ed H. ) abbiam la legittima Canesca ( Carcharias lamia, M. ed H. 
se non Risso , cui nonostante la oscurissima confusione portata dal nome , proponiamo si 
restringa lo Squalus carcharias , L. , Carcharias requiem , Cuv. ) : le tien dietro la comun 
Verdesca ( Sq. glaucus , L. ). Raramente si prende il Talassorrhinus vulpecula , Val. {Carcha- 
rias rondeleti , ^isso). Ed ultimo della Sottofamiglia è il Palombo-canesca ( Ga/ews canis, 
Bp. ) non punto certo sia lo stesso che la specie nordica. Ren succedongli i Mustelini , veri 
Palombi, quello di taglio fino o Nocciòlo (Mustelus equestris e il comme {Mustelus 

plebeius , Rp. ). I signori Miiller ed Henle che si erano tratti a riunire queste due nostre 
specie tornano quindi a ben distinguerle sotto i nomi di M. vulgaris e M. Icevis. Gli Scyl- 
lini, ultimi degli Squalidi, offrono il Pesce impiso {Pristiurus melanopterus , Bp.) : il Gatto-, 
pardo {Scyllium stellare, Bp., Se. catulus , M. ed H.) ed il Gattuccio {Se. canicula , Cuv.j. 



ALLA CLASSE IV. PESCI 



L'Ordine secondo, Holocephala, ci dà solo la Chimcera monstrosa, L. rappresen- 
tante la Famiglia Chmceridce e la Sottofamiglia Chimcerini. Terminando essa la prima 
gran Sottoclasse dei Pesci , rannoderebbesi cogli Acipenseridi , come nell' antico Sistema 
in ciò superiore all' odierno. L' Ordinamento uniseriale però, catena ferrea non infrangibile 
dai Naturalisti, quantunque accorti che non assoggetti Natura, ci stringe a spacciarne pri- 
mamente di alcune serie collaterali. 

Facendoci dunque alla Sottoclasse Lophobranchii , l'unica Famiglia Syngnathidi ci dà 
fra i Syngnathini una. dozzina di si^ecÌQ dei generi Syngnathus , L. e Scy phius, ^isso , nel 
Rafinesque ripartiti in Typhle, Syphostoma , Syngnathus e Nerophis , da studiarsi, non tanto 
per trovare specie nuove quanto per elaborarne l' indigesta moltitudine, renduta più intri- 
cata dalle metamorfosi subiscono. Si esamini dunque se il Syngnathus aciis , L. del nord , il 
S.pelagius, L. e il S. cequoreus, L. trovinsi veramente nel Mediterraneo: sì registri il S. ty- 
phle , L. (5. rondeleti y Delar., S. viridis, Risso); e si paragonino i S. rubescens (5. bar- 
barus ? Penn. ) , S. pyrois , S. phlegon , 5. cethon , S. abasler di Risso , con i S. ferrugineus , 
S.agassizi, S. rhynchoenus , e 5. rotundatus scoperti dal Michahelles nell'Adriatico, e de- 
scritti neirisis del 1829 e 1830. Nel genere Scyphius si confrontino lo Se. cuUrirostris di 
Michahelles, lo Se. fasciatus, il papacinus , il violaceus, Vannulatus, il littoralis e Yophi- 
dion , del Risso. GY Hippocampini hanno il solo genere Hìppocampus , Cuv. rappresentato 
da due specie di Cavallucci marini, distinte in Hìppocampus brevirostris , e H. guttulatus 
dal Cuvier , XH. antiqms di Risso non essendo che sinonimo, e il suo H. rosaceus un 
giovane. 

Nell'immensa Sottoclasse dei posaATOBKAKrcHii prima di riprendere il filo sbrighiamoci 
dei Plectognathi. L'Ordine degli Sclerodermi nella sua unica Famiglia dei Balistidi ci 
dà fra i Balistini il Pesce-balestra {Balistes capriscus, L.) dal quale non crediamo diverso 
il B.buniva, Lacép. e il B. lunulatus, Risso; e fra gli Ostraciontini le svagate specie 
Ostracion nasus, RI., e 0. trigonus, L. Nell'Ordine Gymnodontes le due Famiglie Tetrao- 
dontidoB e Orthagoriscidce contano fra i Tetraodontini il Lagocephalus pennanti, Swains. 
forse non diverso dal Tetraodon hispidus, Rafin. ; fra i Biodontini il Diodon echinus, 
Rafin. ; fra gli Orthagoriscini \ Orthagoriscus planci , Rp. ( Banzania typus , Nardo ) e 
VO. oblongus, RI. [Cephalus oblongus, Shaw, Orthragus o6fow^M5, Rafin. , Cephalus elon- 
gatus, Risso, Banzania oblonga, Nardo); e fra i Molini la Mola Nardo (Tetraodon 
mola, h., Cephalus mola, bine orthagoriscus, Risso). Crediam meglio tacere dei generi 
e delle specie del Prof. Ranzani, perchè la massima parte immaginate nel compilare. Le 
vere ben descritte corrispondono alle tre sunnominate. 

La Sezione dei Micrognathi è quella bene attaccherebbesi colle Chimcerce. L'Ordine 
Sturiones che la costituisce ha due Famiglie delle quali abbiamo solamente gli Acipen- 
seridi, e in questa due Acipenserini , lo Storione [Acipenser sturio, L., seppur la nostra 
specie non è diversa dalla nordica) e il Ladano o Coppese (Acipenser naccarii, Rp.). 

Succede ad essa la Sezione Teleostomi che accoglie il numerosissimo stuolo dei Pesci 
normali. L'Ordine GANomEi giace quasi tutto fossile nella natura morta, non avendo vive 
che pochissime specie avanzate a quegl' impetuosi scoscendimenti. Delle sue cinque Fami- 
glie, mancando i Loricaridi e i Lepidosteidi come in Europa tutta, e più il Silurus glanis , 
L. tipo dei Siluridi, esso Ordine non ha che un Tetragonuride, il velenoso Tetragonurus 
cuvierì, Risso, illustrato dal Metaxà, e i due Macruridi (Macrurus ccelorhynchus , Rp- e 
Lepidoleprus trachyrhynchus , Risso). 

Cominciamo il numeroso Ordine Ctenoidei dalla Famiglia degli asimetrici Pleurone- 
elidi. I Pleuronectini ci forniscono la Passera ( Platessa passer , Rp. ) sola specie mediter- 
ranea di un genere che tante varie ne vanta nel nord d' Europa: la Suacia (Pleuronectes 
macrolepidotus , Bonn? nec Bl. ) da dirsi PI. citharus , Spinola, giacché il nome macrolepi- 



INTRODUZIONE 



dotus, va lasciato alla specie brasiliana confusa con essa dal Bloch, la Suacia francese 
{PI. bosci, Bp. ), la Cianchetta {PI arnoglossus , Bp. ), una quarta specie forse confusa 
con queste, e la men normale PI. grohmanni, Bp. ; il Peloso di grotta {Scophthalmus uni- 
maculatus , Bp. ) simigliante al nordico Se. punctatiis , ma crediam diverso ; il delizioso 
Rombo chiodato {Rhombus maximus , Cuv. ), e il men buono Rombo comune o Soaso dei 
Veneti ( Rhombus lavis , Rond. ) ; i Rombi di rena , Bothus podas , Bp. , e Rombo passero 
[Bothus rhomboides , Bp. ). I Soleini ci presentano la Linguattola o Sogliola [Solea vul- 
garis , Cuv. 5. buglossa , Raf. } , Io Sfoggio turco dei Veneti ( Solea Meini , Bp. ) , la So- 
gliola occhiuta {Solea oculata, Bp., S. pegusa , aliquorum), la Sogliola dal porro {Solea 
lascaris, Bp., Pleuronectes nasutus, Pali. ) sì bene rappresentata nell'Opera del Demidoff; le 
due Lingue bastarde Microchirus lingula , Bp. {Rhombus mangili, Risso) e M. luteus , Bp. ; 
la Pelosa ( Monochirus trichodactylus , Bp. ) ; e la Plagiusa lactea, Bp. lievemente così mo- 
dificata , perchè Plagusia era già nome di un Crostaceo. 

Meglio di qualunque altro Pesce si legano ai Pleuronectidi i variopinti Chcetodontidi 
tutti esotici, il solo Chcetodon capistratus L. d'America essendo stato preso, al dire del 
Risso, nel Mediterraneo. Seguono gli Anabantidi cotanto singolari per le branchie labirin- 
tiformi, onde la facoltà di sorvivere a terra; e quindi gli Acanthuridi smembramento 
ctenoideo dei Theuthydidi , famiglie ambedue forestiere anch' esse , talmente che siamo ai 
Fistularidi, che altronde bene considerati sono Chetodonti a mascelle protrattili. Ci danno 
questi per rappresentare i Caproidini il Soffietto largo o Tamburo ( Capros aper, Cuv. ); 
e per i Centriscini il Soffietto lungo o Trombetta ( Centriscus scolopax , L. ). È notevole 
abbiano i Pescatori sì bene ravvicinati questi due esseri , che i Naturalisti tenevano 
distantemente classificati. 

La protrattilità delle mascelle ci porta ai Moenidi, che sono agli Sparidi quello che 
i Fistularidi ai Chcetodontidi. Nei Mcenini , unica lor Sottofamiglia europea, noveriamo 
sette Zerri, lo Smaris insidiator , Cuv. (figurato dal Bowdich nella sua escursione a 
Madera col nome Smaris royeri), e i più normali S. vulgaris, S. alcedo, S. chryselis, del 
Cuvier, 5. gracilis e S. maurii, Bp. tutti illustrati in quest' Opera : e quattro Mendole, Mcena 
vomerina , M. osbecki { Sparus tricuspidatus , Spinola ) , M. jusculum e M. vulgaris del Cu- 
vier. La bella Famiglia degli Sparidi ne presenta fra gli Obladini l'Occhiata {Oblata 
melanura , Cuv. ) ; la Sarpa ( Box salpa , Cuv. ) , e la Boga ( Box boops , Bp. ). Fra i Cantha- 
rini la Tanuda ( Cantharus vulgaris , Cuv.), lo Scorzone ( C. orbicularis, Cuv.), il notevole 
C. fascialus , Gene, di Sardegna, e forse qualche altra specie non bene ravvisata. Nei 
Denticini abbiamo il Dentale {Dentex vulgaris , Cuv. ) sotto il qual nome però confondonsi 
almeno due specie distinte dai Pescatori, ma che i Naturalisti non han saputo ancora ben 
determinare , come si vede dal Dentex celti , Risso , il Boccarossa ( Dentex macrophthal- 
mus , Cuv. e il controverso singolarissimo Dentex gibbosus , Raf. I piìi numerosi Sparini ci 
somministrano la Marmorozza (Pa^e/Zw^morm^/n^^, Cuv.), il Fravolino bastardo (P. acume, 
Cuv.), e forse i suoi P. bogaraveo , e P. breviceps , l'Occhialone { P. centrodontus , Cuv.), 
e l'abbondante rosato Fravolino (P. erythrinus , Cuv.). 11 genere Pagrus fornisce il Den- 
tice praio {Pagrus vulgaris, Cuv.), il Manfrone (P. orphus , Cuv.) e dubbioso il P. hurta, 
Cuv. Ristringiamo il nome di Sparus al genere Chrysophrys di Cuvier, Aurata, Risso, 
che dà la pregiata Orata {Sparus aurata, L.) , cui va aggiunto il raro Sparus crassi- 
rostris, Bp. ( Chrysophrys crassirostris , Cuv. ) figurato nella grande Opera dei Pesci. 
I Saraghi ci porgono il Sarico rigato {Sargus rondeleti , Cuv.), lo Svaro {S. salviani , 
Cuv.), lo Sparlotto (5. annularis , Cuv.), e il raro S. ve tuia , Cuv.; cui si atterga il 
Muso-lungo {Charax puntazza, Cuv.). Nel mezzo degli Sparidi e degli Scicenidi ben si 
colloca la Famigliuola dei Chromididi di cui alcune specie si considerarono sconsigliata- 
mente Labri: abbiamo il suo tipo, la Castagnola {Chromis castaneus, Cuv.; Sparus chro- 



ALl.A CLASSE IV. PESCI 

mis di Linneo, che ben ne colse l'affinità). L'importante Famiglia degli Scmnidi nella sola 
europea delle sue tre Sottofamiglie, ha il Corvo di scoglio {Corvina nigra, Cuv.), il Cor- 
vello (Umbrina cirrosa , "è^,) , eia deliziosissima Ombrina, o Figaro dei Genovesi {.Scicena 
umbra, L., rilegando noi fra' sinonimi il nome Se. aquila, Cuv. da riserbarsi alla Sciena 
del nòrd, quando sia diversa dalla nostra). In proposito di questi Pesci gustati piii o meno 
sulle mense secondo l'ordine sono scritti, noteremo che \ Umbrina alburnus, Cuv. di 
America , non solo è priva delle singolari caratteristiche appendici del notatolo , ma di 
questa vescica intieramente. Venendo ai Perddi e alla loro Famiglia europea dei Percini , 
abbiamo nel nord d'Italia il Pesce persico o VQTSÌohmo [Perca iluviatilis,h.), da cui ripe- 
tiamo non differire la sognata Perca italica del Cuvier. Rimonta i fiumi la saporitissima 
Spigola {Labrax lupus, Cuv.) dalla quale sarebbe tempo non più disgiungere il proprio 
giovane e le varietà scure e punteggiate, sotto i nomi di Labrax punctatus , e L. nigrescens. 
Abbiamo il singoiar Pomatomus telescopium, Risso; il fulgido Re di Triglie [Apogon rex 
inullorum, Cuv.). Seguono i brillantissimi Canario largo {Anthias sacer , Bl. ) e Canario 
tondo (A. buphthalmus, Bp.): quindi la marina Perchia [Serranus scriba, Cuv.)? e il 
listato Sciarrano {S. cabrilla, L.) decantati per il preteso ermafroditismo ; e il Sacchetto 
{ S. hepalus , Cuv. )j ai quali potrassi aggiungere la Tenca di mare dei Siciliani (5. tinca, 
Cantraine, S. nebulosus , Cocco). Continuano la squisita Ombrina-cerna [Cerna gigas,Bp.), 
e la Cernia di scoglio [Polyprion cernium, Valenc. ) ancor dell'altra migliore. Passando 
sopra ^li Holocenlrini giungiamo alla Famiglia dei Mugilidi , costituita dalla sola Sot- 
tofamiglia Mugilini , che per i Polynemini soprattutto pur si allaccia bene ai Percidi : 
sono illustrati nell'Opera i sei Cefali mediterranei, il Caparello o Mazzone [Mugil cepha- 
lus , Cuv. ) , il Calamita ( M. capito, Cuv. ), l'Orifrangio [M. auratus, Risso ), il Musino [M. sa- 
liens, Risso), la Sciorina [M. cheto, Cuv. )^ e il Labbrone [M. labro, Cuv.). Ben seguitano 
i Mullidi rappresentati dalle due Triglie, di scoglio [Mullus surmuletus, L. ), e di fango 
[M. barbatus, L.) , la quale ultima assume varietà di colori dal fosco al rosso carbonchio, 
indipendentemente da quelli che cangia grado a grado lo stesso individuo. La bontà di esse 
le privilegiava delle prische mense romane, sulle quali avanti se ne beasse la bocca 
prendevano gli occhi lo stolto diletto di mirarle perder vita e colori ; laonde si ha pure 
in ciò un argomento a rispondere, questo tempo non meritar più dell'antico essere così 
rigidamente caratterizzato molle per gola e per oziose piume. Entrando nei Triglidi ci sì 
offrono i Triglini, e prime fra essi otto Triglce o Caponi, tutti figurati in questo Volume; il 
Capone ubriaco ( Trigla lineata, Pennant, T. adriatica, Gm. ), il Capone imperiale ( Tr. cucu- 
lus , L., Tr.pini,^\,), il Capone chiodo o Caviglione ( Tr. aspera ,y\\vàm) , il Grugnado 
[Tr. gurnardus,L.), il Capone caviglio [Tr. milvus, Lacép. , Tr. cuculus , Bl.), il Bari- 
lotto [Tr. obscura, L. , Tr. lucerna, Brunn. ) , il Capone panaricolo [Tr. corax , Bp. , 
Tr. Brunnich, Tr. hirundo. Risso, Tr. swainsoni, Leach), il Capone coccio [Tr. 

lyra, L. ), il quale ci mena alla Folcora [Peristedion cataphracium , Lacép.); e il Pesce 
rondine [Dactyloptera volitans, Cuv.). Negli Scorpwnini troviamo VHoplosthetus mediter- 
raneus venuto a mano del Cuvier dall'imo fondo delle acque; e quindi lo Scorfano 
bastardo [Sebastes imperialis, Cuv.), il bruno Scorfano a grandi scaglie [Scorpcena scro- 
fa, L.), e il rosso a scaglie piccole [Scorpcena porcus , L. ) detto Pesce-cappone dal buon 
brodo che dà. Non sappiamo con quanta ragione siensi tratte da questi la Scorpcena 
notata, Raf. e la Scorpcena lutea. Risso. Passando ai Cottini di cui ha tanto segnalate 
specie il nord di Europa, noi veggiam solo nuotare per i torrentelli di monte il bren- 
tino Magnarone [Cottus gobio, L. ). L'affinità dei caratteri significata nel nome c'intro- 
duce pianamente ai Gobidi. Europa ha soli Gobini , ma le sue due dozzine di specie sono 
ancora poco ben determinate malgrado recenti lavori; onde noi rattenuti fino ad ora di 
toccar questa Famiglia , nominiamo adesso i più comuni e più distinti della Penisola. Pri- 



1 



INTRODUZIONE 



meggia fra i Ghiozzi il Gobius capito, Cuy., non è raro il G. cruentatus, Gm., abbondano 
il G. niger, bicolor, e paganellus , L., nè mancano il G. guttatus, il G. lesueuri, il G.jozzo, 
il G, miratus , il 6^. longiradiatus e il G. colonianus del Risso. Abitano alcuni fiumi il bo- 
lognese Gobius Iota , Valenc, il Gobius fluviatilis , Bonelli , e una specie delle lagune di 
Coraacchio, come nuova dedicata al Notomista Panizza (G. panizzce , Verga) nel Con- 
gresso Scientifico di Firenze ; essi però dovranno essere meglio studiati e paragonati. Op- 
portunissimo smembramento dei Gobii è il Brachyochirus del Nardo, genere che ha per 
tipo un pescetto dell'Adriatico , legame ai Lophidi , forse non diverso dal Gobius aphia , 
Risso, del Mediterraneo. 

4 Entrando nel lunghissimo Ordine dei Cicloidei incontriamo quattro Famiglie le quali 
per la pelle nuda sono state erette dal Nardo a Ordine dei Gymnoidei, e che in certo modo 
tengono il mezzo fra i Ctenoidei e i Cycloidei : la saldatura poi delle pinne pettorali in disco 
suttorio, esagerazione del carattere dei Gobidi, mette i Cydopteridi primi dei Cycloidei. 
Nella loro unica Sottofamiglia dei Cyclopterini il genere Lepadogaster , Gouan, ci è largo 
di una dozzina Succiapietre dedicate quasi tutte dal Risso ai principali Botanici mo- 
derni , le quali crediam meglio neppur nominare innanzi sieno scrupolosamente vagliate. 
É privo il Mediterraneo dei^ordici generi Cyclopterus, L., e Liparis, Artedi, ma vantane 
un nuovo {Gouana, Nardo) che nota il passaggio verso i Blennidi: tipo n' è il Lepado- 
gaster piger, Nardo ( Gouana pigra , Bp. ). Dei Blennidi abbiamo fra i Blennini non poche 
Bavose: Blennius gattorugine, L. nec Bl., Bl. tentacularis , ^mm. , Bl. palmicornis , Cuv. 
il così detto Pesce cane { BL ocellaris , L. ) che rimonta il Tevere, il p'm hello Bl. sphinx , 
Valenc, il singolarissimo BL irigloides , Valenc, il BLrouxi, Cocco, il fluviatile Lupetto 
[BL lupulus , Bp. ); le crestute Allodole marine [Ichthyocoris , Bp.) delle quali è insigne 
il Galletto [Ichthyocoris pavo Bp. o Galerita), e anche più yago VI. basiliscus , Val., cui 
aggiungasi 1'/. erythrocephalus , Risso [rubriceps ,y-àl.) e 17. mrw5, Bp., abitatore non solo 
delle acque salmastre ma persino delle termali; e fra quelle di acqua dolce esclusivamente, 
per non dire del Blennius vulgaris, Pollini, del Lago di Garda, V Ichthyocoris anticolus, Bp. 
del Lago di Nemi: è ultimo il marino Buff'etto [Pholis loevis , Valenc - BL pholis , L.). 
Fra gli Anarrhichadini abbiamo solo i due generi Clinus, Cuv., e Tripterygion , Risso, che 
segnano il passaggio verso il genere tipico Anarrhichas, L., mancante affatto, in uno 
cogli altri nordici europei Zoarces, e Gunnellus , Cuv. Il primo è rappresentato dal Clinus 
argentatus,\ alene, BL variabilis , Raf. ) dalla quale mutabilissima specie fa il Risso i a. 
testudinarius , virescens , audifredi; il secondo non ha che il Tripterygion nasus , Risso 
( Tr. melanocephalum, Cocco }. La Famiglia dei Callionymidi coi soli Callionymini ci dà 
la Stringa [Callionymus maculatus , Rafin., C. lyra , Risso, C. cithara, Cnv., C. dracun- 
Schagerstrom, nec L.), il vero C. dracunculus, L. [C. festivus. Pali, nec Bp., C.pu- 
sillus , Belar. , C. admirabilis , Risso , C. tacerla , Cuv. ) , il C. morissonii , Risso ( C. festivus, 
Bp. nec Pali. ) , il C. belennus , Risso ( C. rissoi , Lesueur ) ; per tacere del C. reticulatus , 
del C. fasciatus , del C. lesueuri, tutti del Valenciennes. Le forme dei Callionymidi si mo- 
strano esagerate nei Lophidi, Famiglia .anch'essa ignuda. I Lophini ci danno il Martino 
pescatore [Lophius piscatorius , h.) , e il Budego [Lophius budegassa , Spinola) dalla pinna 
dorsale più piccola, specificamente diverso, checché ne pensi il Valenciennes poco felice 
interprete del nostro idioma. Non sono Batrachini in Europa , che per mezzo degli esotici 
Banicepini, già Gadidi, fan passare agevolmente a tale utilissima Famiglia che anche im- 
mediatamente allaccerebbesi tanto bene coi Blennidi. 

Gli stessi Gadini sono assai più copiosi nell' Oceano per ove con molto apparecchiato na- 
viglio sono pescati a sì gran dovizia , da costituire rilevante oggetto di traffico marinaresco. 
Nel genere che chiamiam Gadus ristringendogli il nome Gadus , L. [Morrhua , Cuv.) ricco 
di utilissime specie, non abbiam noi che la pimmea Figora o Pesce nudo [Morrhua capelanus. 



ALLA CLASSE IV. PESCI 



Risso, Gadus blennoides? Sw., ma Gadus mimlus, L., se non è diverso da quel dell'Ocea- 
no). 11 tripterigio genere Merlangus non ci dà alcune delle specie nordiche, ma bensì il 
Pesce bianco, e il Molloso, (forse Merlangus poutassou, e M. vernalis, Risso, da studiarsi 
meglio non che \\ M. pertusus, Cocco). Tien dietro a questi il singoiar Verdone {Mora 
mediterranea, Risso - Gadus furcatus, Sw. ) figurato nelle nostre tavole: viene appresso il 
dipterigio Merluccius , Cuv., di cui niuna specie è comune al Mediterraneo e all'Oceano, 
provatosi dal Swainson essere lo stesso Merluzzo o Nasello (Merluccius esculenlus, Risso - 
M. sinuatus, Sw.) diverso dal Gadus merluccius, L. (if. vulgaris, Cuv. nec Cocco). Non siamo 
ancora ben chiariti se due specie (Merluzzo dall'occhio grande e Merluzzo dall'occhio 
piccolo ) sieno confuse nella nostra mediterranea ; e ciò indipendentemente dall' oscuro 
M. maraldi. Risso. Nei Lotini abbiamo dal genere Loia la Rotrisia [Loia vulgaris , Cuv.) 
dei Laghi settentrionali; e fra le specie marine il così detto Stoccafisse [L. elongata. Risso), 
la L. lepidion , Risso , e la jL. jodoptera , Cocco ; di alcuna delle quali non scorgiamo es- 
sere il giovane la Loia argentea di quest'Opera. Abbiam tre Pecorelle (0/i05 , Risso), la 
comun Moietta mustela, Rp. (M. vulgaris, Cuv.), la M. maculata, e la M. fusca , Sw. Niun 
Brosmius, Cuv. ha il Mediterraneo, ma tre o quattro Postenule [Phycis mediterranea, 
Rp., Blennius phycis , L. ma non Penn. ) , Phycis tinca, Schn., Ph. blennoides, Schn. [Gadus 
albidus , Gm.) e Ph. gmelini , Risso; dalle quali crediamo non diversificare la Phycis tongi- 
pennis , e la Ph. sicula del Swainson. Tiene il confine dei Gadidi la pinnicinta Strinsia 
tinca, Raf., da noi figurata. 

Coi Cobitini ben ci troviamo nella Famiglia dei Cyprinidi tutta d'acqua dolce. 
Essa Sottofamìglia somministra tre specie, ma solo nel nord d'Italia la Cobitis fossilis, L. 
e la Cobitis barbatula, L. ; più sparsa è YAcanthopsis tcenia, Ag. Nei fitofagi Cyprinini 
il genere Gobio dà soltanto una specie , il figurato Gobius venatus , Rp. Abbiamo però 
quattro Rarbi [Barbus ftuviatilis , B. caninus , B. eques , e B. plebejus , Cuv.), circa i 
quali ripeteremo dubitare il nostro B. fluviatilis tiberino essere identico col B. vulgaris 
del Nord, e che per applicare i nomi Cuvierianì alle nostre specie ci fu unica guida 
il desiderio di non moltiplicare appellazioni : altronde si dovranno paragonare col Barbus 
meridionalis del Risso e con quelli del Costa. Del genere Tinca, Cuv. abbiam solo forse 
la Tenca comune ( T. chrysitis. Cuv. ) giacché slam sempre più dubbiosi nella validità della 
nostra T. italica, persuasi dipendere più dal sesso, come in tutti gli affini, la maggiore o minor 
robustezza dei raggi delle pinne. Il genere Cyprinus ci fa dono delle tre Regine ( Cyprinus 
regina, Rp., C, carpio, L. e C.elatus, Rp. ) sulla stabilità delle quali riposiam più fidati, 
dacché le vediam riconosciute in remoti paesi , e ridistinte dall' esimio Ittiologo Heckel 
sotto nomi di Cyprinus hungaricus e C. kollaryi. Qui si mostrerebbe il Pesce dorato ( Cy- 
prynopsis auratus , Fitz. ) vaghissimo ornamento delle fontane, originario della Cina. 
Un sol Carassius Q ÌOTSQ nuovo (l'Incobia?) avemmo dai laghi dell'Italia superiore. Sola- 
mente nei ruscelli di colassù può trovarsi il Bhodeus amarus , Ag. Manca del tutto 
il Phoxinus Icevis , Ag. rimpiazzato nel Po dal Ph. lumaireul , Ronelli. Fra i zoofagi 
Leuciscini un paio di specie ne darà il genere Chondrostoma , Ag., la Soetta cioè, e forse 
il nasus , L. Del nostro nuovo genere Telestes , che la minuta scagliatura inanella al 
Phoxinus non che alla Chondrostoma , abita i fossetti romani la Mozzella ( Telestes muti- 
cellus , Rp. ) e i Laghi dell' alta Italia il Telestes savygny ( Leuciscus savygnyi , Valenc. ). 
Tralasciamo" cercare nel Lago di Ginevra, non senza lamentare che i Pesci dei Laghi 
Lombardi sieno tutt' ora in tenebroso disordine. Citiam dunque soltanto fra i veri Leu- 
cisci l'inedito L. henle , Rp. del Lago di Lugano, da aggiungersi ai piemontesi L. roseus 
e L. genei, Rp. Il più meridionale genere Squalius, ci dà la Lasca dell'Arno o Squale 
del Tevere (Sq. tiberinus, Rp. ), il Roviglione dei Laghi suburbani (Sq. rubilio , Rp. ), 
l'Albo del Trasimeno { Sq. albus,Bp.) , la fiorente Rovella {Sq. rubella, Rp. ) , la Lasca 



I N T R O D U Z I O jN E 



{Sq. trasimenicus , Bp. ) una delle copiose produzioni della fertile Perugia, e la similis- 
sima del Fucino ( Sq. fucini, Bp. ) ; l'Avola dei Padovani ( Sq. aula, Bp. ), lo Sq. elatus, Bp., 
il più allargato di. quelli dell'Italia superiore, il Cavedano dei Bolognesi [Sq. caveda- 
mis, Bp.), e il Ligure Sq. pareti, Bp. , forse Quaiastro dei Piemontesi. 

Squalius pareti. Fusco-auratus ; altitudine quintum longitudinis superante : capite 
altitudinem siibwquante : spatio interoculari plus quam duplo magnitudine oculi: pinnis 
nigricantibus ; dorsali humilicula Inter ventrales et analem rotundatam apposita, suhtrun- 
cala. D. 10, P. 16, V. 9, A. li , C. 20. Lin. lat. sq. U. ser. 12. \. 

É somigliantissimo allo Sq. cavedanus , ma il color tanto più scuro e dorato, il capo 
più grande, le squame tanto maggiori, e le pinne nereggianti nonché un poco diversa- 
mente situate, lo differenziano abbastanza. La centrai posizione della pinna in esse due 
specie porta direttamente ai Scardimi, dei quali però innanzi parlare sarà bene si confron- 
tino con le nostre specie il Leuciscus souf/ìa e ììL.cabeda, Risso, e soprattutto il I. bu- 
latmai , Risso , certamente supposto , e cui lo Schinz senza saperne altro dà il nome 
di L. rissai. Si confrontino le nostre specie con le Linneane C. leuciscus, grislagine , 
idus et idbarus, jeses, dobula , cephalus , rutilus, aphya, con le Agassiziane Leuciscus 
rodens , majalis , argenteus , prasinus , rostratus, e con quelle di altri moderni , Squalius 
dolabratus e rutiloides, Selys ; Leuciscus lancastriensis , e Scardinius cceruleus, Yarrell, 
Squalius pigulus, Valenc. (a torto tenuto per il bipunctatus ch'è un Aspius), Sq. jaculus , 
Turine , come pure coi Leuciscus saltator , Squalius gardomis, e Sq. cenisophius della Senna, 
di noi medesimi. Lo Scardinius ci dà solo lo stringatissimo abnorme Se. heegeri, Bp. 
appena italiano, estremo ancora sul confine del genere, contrario eccesso nella corpora- 
tura al dilatatissimo Se. decipiens dell' Elvezia. Unica specie dell' Italia centrale e meridio- 
nale è lo Se. scardafa, Bp. , giacché lo Se. erythropthalmus trovasi solo nei laghi del 
Piemonte. È completato il genere Scardinius in Europa dal rosso Se. orfus di Germania, 
e dal turchino Se. cceruleus d'Inghilterra. Abbiam verificato un solo Aspius in Italia , l'Al- 
bore 0 Alborella dei laghi lombardi : e , cosa più singolare, non esservi neppure uno del 
copiosissimo genere Abramis , di cui tuttodì si vanno distinguendo nel resto d'Europa 
nuove specie. Manchiamo altresì del Pelecus cultratus, Ag., che per la sua particolar forma 
ne guiderebbe direttamente ai Clupeidi. 

Innanzi però di volgerci ad essi, le strettezze del lineare ordinamento ne obbligano 
fermarci alla Famigliuola dei Pcecilidi che veramente sono Ciprini dentati. Fra i Pcecilini 
troviam due pescetti che brulicano in alcuni seni dei nostri mari: la Lebias calaritana, 
Bonelli, e la Lebias nigropunctata , Wagler, dalle quali non differiscono YAphanius fascia- 
tus e r^. nanus del Nardo. Questa Famiglia poi forzosamente ci manda ai Labridi cui 
tanto bene ai Cyprinidi rannoda. Il Valenciennes li ha lumeggiati non poco, ma quelli medi- 
terranei stanno tuttavia in oscurità la quale a sgombrare si apparecchia il Risso con parti- 
colare Opera, che non potrà mancare di frutto se si avvantaggi bene dei tanti argomenti 
possiede per suggettare a nuovo esame la Natura e coglierla nel suo vero. Le specie 
variopinte dei Labrini quantunque sieno meno di quelle appariscono , parecchie pur se 
ne contano; Labrus mixtus, Artedi, il L. turdus,h. , il L.merula,h. , il L.psittacus,Vs.\s?^o 
{ L. limbatus, Val. ) , il L. lineolatus , Val. ( L. ossifragus e tessellatus , Risso ) , il viridis, 
h. (L. saxatilis , Valenc.) il L. carneus , Bl. [L. trimaciilatus , Pennant, L. quadrimacu- 
latus , Risso), il L. nereus , ed il L. festivus , Risso; tutti volgarmente chiamati Lagioni 
Tordi, Tordi di scoglio. Pappagalli, nei quali per vaghezza signoreggia il Canarello. Anche 
più numerosa e più disordinata è la schiera dei Crenilabri detti Bulli , Guarraccini , Ca- 
giotti, dai nostri pescatori: noveriamo senza troppa garanzia una lunga serie: Crenilabrus 
geojfroyi , cotta , melanocercus , cceruleus , melops , chrysophrys , nigrescens , boryanus, lit- 
toralis , roissali, quinquemaculatus , cinereus , masse ^ chlorosochrus , ocellaris , guttatus , 



ALLA CLASSE IV. PESCI 



arcuatus , del Risso, Cr, brunnichi, Lacép. Cr. medilerraneus , Valenc. [Perca mediter- 
ranea, h.) , Cr. pavo , Val. [Labrus pavo , Brunn. nec L. ), Cr. ocellatus , rissai, tinca, 
del Valenciennes, Cr. cyanospilotus ed aurantiacus del Cocco. Ottimo divisamento fu quello 
del Valenciennes distaccare dai Crenilabri , poco felicemente suddivisi dal Swainson , i ben 
caratterizzati generi Acantholabrus e Ctenolabrus. Ci dà il primo YAcantholabrus palloni. 
Il secondo il Ctenolabrus marginatus , Val. che appo noi rimpiazza il CI. rupestris , Val. del 
nord ; e il grazioso Ct. iris , Val. figurato da esso e da noi. Anche i Labridi hanno pesci 
a mascelle protrattili , fra' quali vantiamo il Coricus roslratus , Val. triplice specie 
secondo il Risso, che non potremmo impugnare con tanta efficacia, con quanta richia- 
miamo la corriva facilità di moderno compilatore che quattro ne adotta ^ non avendo per 
fortuna conosciuto il C. fasciatus, Cocco, nè il C. rosaceus, Risso. Una terza categoria di 
Labrini che potria dirsi Julini, come la precedente Epibulini, ci dà le graziosissime Zigu- 
relle o Donzelle ( Julis medilerraneus , Risso , poiché non é ben certo sìa lo stesso dello 
J. vulgaris dell'Oceano, quantunque da noi sotto tal nome figurato) , lo /. giofredi, Risso, 
e forse lo /. speciosus : non ci si é mostrato lo /. donzella di Cocco , solo dei molti 
Labridi nuovi del Kafinesque ch'egli sancisca. L' avvenentissimo Mara vizzo di scoglio {Chlo- 
richthys pavo, Bp. che ad osservazione del Valenciennes è il Labrus pavo di Linneo , se 
non di altri) tutti li vince in bellezza, e ne conduce ad altro stuolo numerosissimo an- 
ch' esso nei mari caldi , ma rappresentato appo noi dal solo Pesce pettine ( Xyrichthys 
novacula , Cuv. ). Esso stuolo , che potrebbesi dire Xyrichthini , si tocca colla segnalata 
Sottofamiglia degli Scarini, che non ha più il mare nostro essendo affatto mancato lo Sca- 
rus cretensis , Cuv. ( Labrus cretensis, L. ) portatovi dall'Arcipelago su Romani navigli. 

Tacendo degli Ophiocephalidi, Pesci cicloidei a branchie labirintiformi smembrati dagli 
Anabantidi, QàQgW Amidi, dei Theuthydidi, dei ilfom?/rM , tutti quanti esotici, ripigliamo 
ì Clupeidi che abbiam visto legarsi ai Cyprinidi. I soli Clupeini sono europei. Siam privi 
affatto delle nordiche Clupeae, alcune delle quali a torto si confusero con le nostre. Pri- 
vazione principale n'èla notissima Aringa ( Clupea harengus, L.) supplita miseramente nella 
domestica economia dalla Sardella [Clupea sardina, RissO; CI. sicula, S\v.) compenso più 
interessante essendo al naturalista la Clupea argyrochlora , Cocco , e la C^. chrysolCBnia , 
Cocco , forse la stessa che la CI. aureoviltata del Rafinesque : aggiungasi a queste la 
Renghetta o- papalina e la phalerica , ^ìsso , che le serba il genere Clupanodon. Abbiamo 
due Lacce , la Laccia comune o Salacca [Aiosa communis , Cuv., Clupea aiosa, h.), e la 
Laccia levantina 0 Cheppia [Aiosa fìcta, Cuv., Clupea finta, Lacép.). Seguono l'appetitosa 
Alice [Engraulis enchrasicolus , Cuv.), la bella E. desmaresli, e la ributtata amara del 
Risso, ignoriamo il genere Alpismaris di questo autore non appartenente forse a questa 
Famiglia , ed è possibile le due specie A. rissoanus e A. marmoratus si trovino sotto 
altro nome registrate. 

La ricca Famiglia dei Salmonidi così distinta per l'adiposa pinna , ci si fa incontro 
cogli Scopelini che tanto bene la congiungono ai Clupeidi. Tutti quelli da noi conosciuti 
sono figurati in quest' Opera , la Gonostoma denudata, ^àt [G. acanthurus. Cocco) ; X Ichthyo- 
coccus ovatus e 1'/. powerice, Bp. ; lo Scopeti benoit , lo S. cocco , lo S. risso , del Cocco ; il 
Maurolicus amethystino-punctalus e Vattenuatus, Cocco ; il Myctophum rafinesquii, il me- 
topoclampum , il gemellarii, Cocco, e forse il punctatum, Raf.; il Lampanyctus crocodilus,Bp. 
[ Scopelus crpcodilus , Risso , Nyctophus bonaparti , Cocco ) ; e finalmente 1' Odontostomus 
hyalinus. Cocco. Gli Aulopodini, connessi dal Chlorophthalmus agassizi, Bp. , ci porgono il 
Merluzzo imperiale ( Aulopus filamentosus , Cuv. ) , e la Lucertola o Ussaro ( Saurus tacerla , 
Risso ). Isoleggia la Sottofamiglia degli Sternoptygini , che però in qualche modo vassi ad 
attaccare ai Salmonini nel loro genere Gasleropelecus. Abbiamo di essa il mediterraneo 
Argyropelecus hemigymnus , Cocco , cui vorrebbe il Prof. Cantraine far prevalere il nome 



INTRODUZIONE 



Sternopiyx coccoi , che quantunque dedicato allo scuopritore della specie , se conosciuto in 
tempo malgrado la miglior figura promessane, avremmo messo fra' sinonimi. Veniamo 
ai Salmonini) che ben s'imparentano anch'essi ai Cyprinidi; abbondano confusìssimi nel 
settentrione di Europa , studiati però presentemente dall' Agassiz e dal Jardine ; ma le 
limpide acque della Penisola non danno che la deliziosa Trota ( Salmo furio , L. ) mutabile 
nel colore della pelle e della carne. Manchiamo affatto delle squisite specie che dal mare 
risalgono i fiumi, ond'è che i gastronomi si contentano del preparato Salmone {Salmo 
salar, L.),e solo i grandi Laghi d'Italia ci offrono due o tre grosse specie non bastevolmente 
chiarite (5. L. - S. trutta ?h.) , ultima delle quali non è di pregio il Carpione. Non 

manca in quelle acque il Temolo {Thymallus vexilliferus , kg.) e qualche Coregonus , ma 
privi siamo affatto del delicatissimo marino Osmerus eperlanus , Cuv. delizia prelibata al 
gusto dei Parigini. Non troppo lontanamente però Io richiama la non abbastanza apprez- 
zata Argentina (Argentina sphyrcena, L.), il cui genere credeasi tutto proprio del Mediter- 
raneo, prima verificasse il Nilsson viverne una seconda specie nel Mare del Nord. 

Trapassando due esotiche Sottofamiglie, che forse men lentamente legano le due Fa- 
miglie , siamo agli Esocidi , primi dei quali gli Esocini ci danno il Pesce volante o Bar- 
bastello (Exoccetus exsiliens , L. ) diverso dall' volitans , L. dell'Oceano. Dagli Esocini 
abbiamo il Luccio (Esox lucius , L.) terrore agli abitanti delle acque dolci; il raro 
Alepocephalus rostratus , Risso ; la Macrostoma angustidens dello stesso ; le Vipere di mare 
{Stomias boa, Risso, e St, barbatus , Cuv. ) , e il Pesce diavolo (Chauliodus setinotus , Schn.) 
anche più strano per la dentatura , e stravagantissimo nelle forme , qui figurato. I Be- 
lonini finalmente, tutti dati in questo Volume, sono l'Acuglia [Belone acus, Risso) cui 
il color verde compenetra persino le ossa; la Sayris camperi, Bp. [S.saurus, Yarr.) ; 
e il Tylosurus ìmperialis, Bp. poiché lo stesso fondatore Cocco ha riconosciuto il suo 
T. cantrainii essere VEsox ìmperialis , Rafin.: sospettiam forte i pretesi Hemiramphi di Eu- 
ropa altro non sieno che i giovani di tali specie. Convenevolmente è da collocare con 
Linneo vicino ad esse il Luccio imperiale o Scalmo (Sphyraena spet, Lacép. ), tipo per noi 
della Famiglia Sphyrcenidce e della Sottofamiglia Sphyrwnini. Gli affini Paralepidini ci som- 
ministrano il Paralepis coregonoides , Risso, e il P. sphyrcenoides dello stesso autore, pro- 
babilmente però non differente dal terzo genere della Famiglia, Sudis hy alina , Rafin. 
Non sapendo ove men male, poniam qui la Famiglia degli Atherinidi di cui una specie 
americana eretta in genere ( Chirostoma , Sw. ) , pur somiglia le Sphyrwnce nell' acu- 
tezza del muso. Dell' unico che la costituiva finora abbiamo i quattro Lattarini qui figu- 
rati, il Chenero dei Genovesi (Atherina hepsetus , L.) , lo sprezzato Occione dei medesimi 
{A, boy eri, Risso), la Pascatta [A. mochon, Cuv.) e il singoiar per la dimora nostro 
Lattarino di lago [A. lacustris , Bp. ) ; a queste vorrebbesi aggiungere \A. risso e VA. sar- 
da , Cuv. e la siciliana di rena ( A. hyalosoma, Cocco ) , per non parlare dell' A. coroneda 
e dell'i, lattarina , Rafin. , senz' altro comprese nelle precedenti. I Trachinidi malamente 
finora appodiati ai Percidi ci dan quattro specie dei temuti Pesci-ragni, Tracine, o Ranga- 
nelle [Trachinus draco, L. - Tr. araneus , L. - Tr. radialus , Cuv. - Tr. vipera, Cuv. 
eguale dW aureovitatus di Cocco), che appiattati nella rena trafiggono di dolorosa puntura 
i nudi piedi dì chi fa pesca o bagno. Si uniscono ad essi gli Uranoscopini esemplificati 
dal Pesce prete o Lucerna ( Uranoscopus scaber , L. ). Gli Echeneididi fatti dai soli Eche- 
neidini ci danno due specie della favoleggiata Remora, alle quali possono serbarsi i due 
nomi Linneani Echeneis remora ed E. naucrates. Avvertasi però non potersi basare le specie 
sulla varia forma della coda , che muta nello stesso pesce dal cuneiforme al forcuto , non 
meno che, dentro certi limiti, mutasi il numero delle lamelle del disco aspirante, riguar- 
dato sdoppiamento della prima pinna dorsale ; onde convien fondarsi sulla sagoma e sul- 
1 altezza del corpo. VE. arrosti del Cocco e parecchie altre supposte specie degli stessi 



ALLA CLASSE TV. PESCI 



moderni rientrano nelle due suddette. 1 Xiphiadidi ci danno il Pesce spada {X. gladiiis ,h.) , 
il cui giovane, pei cangiamenti che subisce la pinna dorsale, ha dato luogo falsamente 
ad una specie e persino ad un genere : e l'Aguglia imperiale ( Tetrapterurus belone , Rafin. ). 
I Gasterosteidi collocati sconciamente coi Triglidi, prendon qui posto essendo Cycloidei ; 
e perchè han libere spine sul dorso ben si connettono coi Centronotini primi degli Scom- 
bridi. Gli unici Gasterosteini , mancandoci le ben caratterizzate nordiche specie a molte 
spine libere sul dorso , non ci forniscono che i più o meno giusti smembramenti Cuvieriani 
del Gasterosteus aculeatus , L., cioè le parecchie specie, o varietà sebbene distinte da 
taluni perfino genericamente, dei Spinarelli [G. trachurus , G. leiurus , G. semiarmatuSf 
G. argyropomus , G. brachycentrus e G. tetracanthus , Cuv. ), che formicolano nei nostri 
laghi e ristagni sotto i nomi di Ciancerica , Spilloncolo , Stracciariglia. 

Venuti agli Scombridi troviamo i Centronotini, che ne presentano il raro Fanfano 
( Naucrates ductor , Cuv. ) non condottiere dei Cetacei, ma seguace dei medesimi e delle 
navi a solo interesse di cibarne gli escrementi. 11 Swainson presi a fondamento caratteri, 
che esistendo veramente in natura sarebbero essenzialissimi , aggiunge una seconda spe- 
cie mediterranea, 0 a parlare con giustizia viene a sancire le due già distinte dal Raflnesque 
sotto gli accettabilissimi nomi di Naucrates ductor ( N. cyanophrys, Sw. ) e N. fanfanus 
{N. ductor, Sw.}. Vengon poi le tre Lecce, la squisita Ombrina-leccia [Lichia amia, Cuv.), la 
comune Ombrina-stella (Z. glaucus, Cuv. , Centronotus glaucus , Risso, C. binotatus , ^'òt ) 
divisa genericamente dal Swainson , e la rara Cerviola o Saltaleone {Lichia vadigo , Cuv.) 
dalla linea laterale sinuosa. Il Risso ci assicura aver trovato a Nizza un Notacanthus di cui 
avremmo gradito anche più il ricevimento che 1' onore fattoci della dedica in Notacan- 
thus bonapartii. Qui registriamo per la grande affinità che ha con le Lecce , quantun- 
que le spine dorsali non sieno libere, l'Ombrina-lopes [Micropteryx dumerili, Agassiz, 
giacché Seriola è nome impiegato in Botanica). 1 Carangini oltre lo Schiamuto o Soretto 
( Caranx trachurus, Cuv. ) nel quale, elevato a genere Trachurus, Raf,, non è ancor deciso 
essere una o più specie, ci danno il C. suareus del Risso, lo Sfodaro imperiale dei 
Siciliani [Caranx luna, Cocco se non Geofl'roy, Citula banksi? Risso), e il Sauro nero 
[Caranx melanosaurus , Cocco); alle quali va paragonato, oltre i tre Trachuri di Rafinesque, 
il Tr. siculus dello Swainson, In questa famiglia entrano pur certamente i Bramini che 
per solo avere squamate le pinne verticali furono ravvicinati ai Chcetodontidi, e il delizioso 
Rondino ( Brama rayi , Cuv. ) li raffigura appo noi. Per essi , rammaricando non cono- 
scere il Lepteris fetula di Rafinesque , passiamo agiatamente agli Stromateini. Abbiamo la 
magnifica Lampuga [Stromateus fiatala, L.), dalla quale le pinne ventrali appena visibili 
non bastano a far separare il similissimo Str. microchirus , Bp. , quantunque il Cuvier ne 
faccia il genere Seserinus. Appena è nostro il bellissimo Lampris guttatus, Retz, del setten- 
trione;, e non lo è affatto lo stremamente boreale Ptericombus brama, Fries; ma ne com- 
pensano YAstrodermus elegans, Bp.; il singoiar Luvarus imperialis, Rafin., al quale il carattere 
dell' ano valvolato fece dare dal Nardo il nome di Proctostegus; e V Ausonia cuvieri. Risso, 
che a questo non si deve assolutamente riferire. Anche gli Scombridi hanno negli Zeini, 
cui tocchiamo saltando i Vomerini, la lor tribù dalla bocca protrattile, come si vede per 
il Pesce San Pietro o Gallo [Zeus faber , L. ), dal quale non possiam credere diverso il 
Zeus pungio , Cuv. Pesce non abbastanza tenuto in prezzo appo noi, non avendo sulle 
mense italiane meno delicatezza di sapore che sulle ricercate Inglesi. Nei Coryphcenini 
abbiamo il Pesce d'Umbra [Schedophilus medusophagus , Cocco), il Pesce paolo [Centro- 
lophus pompilus , Cuv. ) cui è da vedere se debbansi o no riunire il C, morio , Lac. e il 
C. liparis, Risso; migliore specie è il Pavolo 'ncoronato [Centrolophus ovalis, Cuv. e Val. ) 
sul quale è stabilito dal Cocco il genere Mupus , non sembrandone diverso il Mupus 
imperialis di quel siciliano Ittiologo. Le Coryphcence vere, dalle quali non sappiam distin- 



T N T R O D U Z I ONE 



guere i Lampugi del Valenciennes, danno il Pesce Stella {Coryphmna hippurus, L.), forse la 
C. imperialis , Rafin., e certamente la C. pelagica, Bp. {Scomber pelagicus, L.) che ci portan 
finalmente ai veri Scombrini. Questa Sottofamiglia ne dà il Maccarello o Lanzardo {Scomber 
scombrus , h.), non che il Lacerto o Strombo ( Se. pneumatophorus , Delar. } e il Cavallo 
0 Ganzariolo ( Se. colias , Cuvier se non Rondelet ) ambedue singolarissimi per avere il no- 
tatoio del quale manca il primo, carattere anatomico veramente notevole , perchè niente 
avvisato dall'esterne forme del corpo che sono similissìme. Difficilmente crediamo differi- 
scano ancora da questi lo Se. maerophtlialmus , Raf., \o Se. undulatus e \o Se. graeilis del 
Swainson , che pur quest' autore vuole diversi. Perfettamente intermedio ai Maccarelli e ai 
Tonni è lo Sgommerò (Auxis bisus , Bp. , A. vulgaris, Cuv. , A. roeheanus , Risso) di carne 
scura ed agra , cui aggiunge ora il Risso un Auxis delphinulus a noi ignoto. I Tonni 
ci forniscono il vero Scomber thynnus , L. ( Thynnus vulgaris , Cuv. , TU. mediterraneus , 
Risso) al quale si apprestano reti in assettato punto detto Tonnara con molta faccenda 
di Pescatori , e riccamente se ne fa commercio come forse miglior pesce del Mediterraneo , 
e capace più di altro essere in ogni maniera acconciato; il raro Tonno alicorte {Th. bra- 
chypterus, Cuv.); l'Alletterato, Sanguinaccio o Tonnessa [Th. thunnina, Cuv., Scomber 
allitteratus , Raf. ) scuro di pelle , rosso di carne , cattivo al gusto ; il Tombarello o Tonnessa 
alicorte ( Tìi. brevipinnis , Cuv. ) dagli occhi grossi e carne tenuta a vile ; il Tonno alilunghe 
[Th. alalunga, Cuv. già tipo del suo abolito genere Orcynus) ; e la squisita Palamita {Pelamis 
sarda, Cuy.) dal dorso rigato, che non bisogna confondere col Thynnus pelamis , Cuv. a 
ventre rigato, dell'Oceano. Meglio che al seguito di questi non sappiamo ove mettere il 
decantato Rovetto [Ruvettus pretiosus , Cocco, R. temmincki , Cantraine , R. acanthoderma , 
Cuv.) del quale si richiama il Cantraine essere stato primo nominatore; e l'insistere inces- 
santemente su questo diritto di priorità mostra essere egli convinto che le date sieno in 
suo favore. Comunquemente quello più rileva si è averne scritta pregevole Memoria, di 
cui rammarichiamo non aver potuto avvantaggiare il nostro articolo , già stampato quando 
ci pervenne ; e sia pur che si voglia del nome specifico ne piace assai veder tutti concordi 
sul nome generico, abbandonato lodevolmente il posteriore Acanthoderma, impiegato per 
un pesce fossile. A poco a poco gli Scombridi, fusiformi i normali, già fattisi compres- 
sissimi ma dilatatisi quasi orbicularmente nei Zeini e nei Vomerini, allungandosi grado 
grado mostransi nei Trichiurini diventati quasi nastriformi. L' organale parallelismo , ma- 
nifestato anche in essi, li dispone lungo una canna che porta altissima la cima, per la 
perfetta organizzazione delle prime specie, mentre la radice scende fino ai compressi 
Ophididi, a quel modo che i non men perfetti Gadidi si degradano insensibilmente fino 
ai tereti Murwnidi. Onde due diversissime Famiglie si uniformano, come già avviene di 
quante son le serie degli esseri che nell'infimo punto di lor gradazione vanno tutte a 
toccarsi , così pur congiungendosi persino i diversi Regni naturali. Non abbiamo il Trichiu- 
rus leptunis , L. dell' Oceano , ma bensì il Pesce sciabola o fiamma ( Lepidopus ensiformis, 
Vandelli, L. argyreus , Cuv.}; e non possiam portar giudizio sul nuovo Helminthosomus 
dallechiaje , Cocco , forse non diverso dal L. pellucidus , Risso. 

Alcune particolarità permettono d' isolare dagli Scombridi per farne Famiglia dei Cepo- 
lidi la Sottofamiglia dei Cepolini , quantunque poco distaccabile dai Trichiurini. Due ca- 
tegorie , se non due Sottofamiglie, ci danno i Cepolidi, la prima dei Gymnelrini composta 
da quei pochi pesci, tuttora in confusione, che han suggerito alla fantasia -dei Naturalisti 
non solo i generi Gymnetrus , RI., e Trachypterus , Cuv. i soli che modificati ammettia- 
mo , ma eziandio il Rogmarus , Schneid. , il Cephalepis e YArgyctius , Rafin. , il Gymno- 
gaster, Rrunn. , VEpidesmus , Ranzani, il Regalecus , Nardo, e forse il Xiphichthys , Sw. 
La delicatezza somma di tutto il corpo di essi Pesci, e particolarmente la fragilità delle 
stranamente prolungate pinne, fa sì che per mutilazione, o sfiguramelo di parti assu- 



ALLA CLASSE IV. PESCI 



mano aspetto diversissimo. Quindi non vorremmo garantire nel Mediterraneo più altre 
specie che i Pesci falce ( Trachypterus spinolce , bonellii , e falx, Cuv.) , le Fasce d'argento 
(Trach. iris, e leiopterus, Cuv.); e la Spada d'argento (Gymnetrus gladius, Cuv.): non 
differendo a parer nostro il G. repandus, Metaxà, il Tr. costce , Cocco, e il G. mulleria- 
mis , Risso. Oltre il Lophotes cepediams , Giorna (I. siculus? Sw. ), forma la seconda 
categoria il solo genere Cepola , L. , del quale finora non si conoscea che la comun 
Cipolla ( Cepola rubescens , L. ) : è da vedere quanta ragione debba farsi al Swainson , che 
sulle condizioni forse traviste della pinna caudale , fonda cotante specie, di cui non men di 
quattro sarebber nel Mediterraneo , C. novemradiata , C. attenuata, C. truncata , e C. ju- 
gularis , ninna riferibile a quella nordica cui lascia il nome di Cepola rubescens. 

La Famiglia degli Ophididi ci dà negli Ophidini le Galere ( Ophidium barbatum , L. e 
0. vassallii , Risso ) ; i Verzellini di mare ( Fierasfer imberbe e F. dentatum , Cuvier , 
ad uno dei quali senz'altro va riferito il F. maculatum, Sw. non che il F. acus , già 
Notopterus fontanesii , Risso). Degli argentei Ammodytini abbiamo almeno due specie 
non ancora ben conosciute, cui si riportano i diversi nomi A. lancea, Cuv. , A. argenteus , 
Risso, A. siculus, Sw., A. cicerellus , Raf., senza ben sapersi a quale vada conservato il 
nome di A. tobianus , L. Curiosissimo pescetto è il Nemotherus erythropterus , Raf. , né 
molto si discosta il non meno strano Helminclis punctatus , Cocco. Dimandano eziandio 
diligenza di studio il Leptocephalus morrisii , Lac. il L, gussonii , ed il L. trichiurus. Cocco, 
dal quale ultimo non crediamo diverso il L. filamentosus , Risso, nè dal primo il L.spallan- 
zanii ed il L. selene dello stesso autore. 

L'anguiforme Famiglia dei Miirwnidi, non ancora soddisfacentemente ripartita in 
Sottofamiglie, componesi in Europa quasi tutta di Murcenini. Due specie di Murene essa ci 
fornisce, la M. he lena , L. e la M. unicolor , Delar. ossia M. cristini , Risso, non accet- 
tando noi la M. fulva e la M. guttata del Risso. Vuoisi da taluno restringere il sinonimo 
Murwnophis alla ben distinta M. saga. Risso, dalla quale non è abbastanza diversa la sua 
Murcenophis maculata. Il genere Conger ci dà il C. mystax , Lacép. , il C. balearicus , 
Delar. [C. cassini. Risso), il Grongo o Chiagale [C.myrus, Risso, Murcena myrus, h.), 
il Grongo di scoglio {C. niger, Risso), il Grongo di rena {C. verus, Risso, C. vulgaris, 
Cuv. , M. conger , L. ) cui piace al Cocco aggiungere il C. macropterus , e il C. nebulosus. 
Chi mai potrà menar vanto di conoscere le Anguille, se persino la riproduzione n'è tut- 
tavia misteriosa? La Murcena anguilla di Linneo {Anguilla vulgaris dei moderni) si è scissa 
per la forma del muso in A. acutirostris , A. latirostris, A. medioros tris dai Risso, e men 
vagamente dal Yarrell ; ed inoltre con più debol consiglio dal luogo di abitazione in A. ma- 
rina, A. fluviatilis e A. lacustris. Sarà forse giovevole seguir l'occhio esercitato dei Pe- 
scatori, che quattro ne riconosce sotto nomi di Scucchione , Fiumarola, Settembrina e 
Chiavicarola , adattando piuttosto alla grandezza quelli di Ceriola , Anguilla e Capitone. 
A solo oggetto di richiamare le indagini dei Naturalisti, noteremo avere la Scucchiona 
color verde olivastro tendente al giallo, occhio piccolo, mento prominente, e la punta del 
muso distare dalle pettorali quanto l'origine della dorsale dall'ano. La Fiumarola, color 
di oliva intenso, ha mediocre l'occhio , e la punta del muso dista dalle pettorali un decimo 
meno che la dorsale dall'ano. La Settembrina, distinta perii labbro inferiore ascendente, 
ha colore olivognolo tendente al plumbeo , occhio mediocre , e la punta del muso dista 
dalle pinne un quinto meno che la dorsale dall' ano. La Chiavicarola finalmente ha color 
plumbeo cupo , occhio grande , sporgente , e la distanza dal muso alle pinne anche mag- 
giore che dalla dorsale all'ano. Assai meriterebbe della Ittiologia chi ponesse mano ad 
esatta Monografia delle nostre Anguille non solo, ma ad universale della Famiglia iHf^rce- 
nidi , allogando ordinatamente i generi Nettostoma, Dalophis, Echelus del Rafinesque, e 
la mezza dozzina di pretesi Sphagebranchi che ridurrannosi forse ad un solo legittimo , 



INTRODUZIONE ALLA CLASSE IV. TESCI 

Sphagebranchus roslratus , Bi. ; altri come il mcus riferendosi piuttosto al genere Apteri- 
chthys, Duméril, alcuni come V imberbis q V oculatus altrove. È ben conosciuto il Serpente 
di mare (Ophisurus serpens , Lacép. ); dal quale non diflferisce forse VOph. pictus , Sw., 
e V EcJielus oxyrhynchus , Raf.: vanno studiate però le Ophisomce acuta ed obtusa del 
Swainson , e il suo Leptognathus oxyrhynchus di Sicilia. 

Dai Pesci anguilliformi veniamo benissimo alle Lamprede, più imperfette di tutti 
i Vertebrati , le quali sregolatamente erano messe dai Naturalisti coi più perfetti dei 
Pesci. Esse formano a un tempo il decimo ed ultimo Ordine Helminthoidei , la Sezione 
dei cYCLosTOMi e la Sottoclasse maksipobranchii. La Famiglia dei Petromyzontidi ci 
dà la marmorata Lampreda di mare [Petromyzon marims , L.) che pur rimonta i fiumi, 
e le argentee Lamprede di acqua dolce (P. fluviatilis , L. e P. planeri , Bl.), dalle quali è 
certamente diverso il P. macrops , Blainv. Nei laghi principalmente si appicca alle bran- 
chie degli altri Pesci YAmmoccefus branchialis , Duméril [P. branchialis , L.). Non abbiamo 
alcun Myxinide , chè soltanto nei mari del nord trovasi copiosamente il Gastrobranco cieco 
( Myxine glutinosa , L. ) , molesto anche ai più grossi animali. E così tutta questa Classe 
estesissima giunge a suo termine segnato dal Branchiostoma lanceolatum , Bp. ( Br. lubri- 
cum, Costa, Amphyoxus lanceolatus , Yarr. ) , non senza apparenza di ragione collocato 
dal Pallas fra i Vermi , sotto nome di Umax lanceolatus ; tipo di Sottofamiglia , di Fami- 
glia e forse di Ordine, di Sezione e perfino di Sottoclasse seppure è più vero sia perfet- 
tamente ABRANCEio che maucaute di cervello, come per alcuni è sostenuto. 

In quanto alla scelta delle 181 specie figurate, si noterà che abbiam dato talvolta 
una specie nuova come il Blennius cmlicolus , o importante come la Strinsia tinca, iso- 
lata come il Buvettus pretiosus , o accompagnata come VAnthias buphthalmus. Abbiamo 
però creduto maggior pregio dell'Opera stendere Monografie più o men complete, di 
generi come per il Mugil , la Trigla , lo Smaris ; di Famiglie come per i Pleuronectidi , 
per i Cyprinidi ; di Ordini come per gli Storioni ; e perfino di Sezione e Sottoclasse 
come per ì'Plagiostomi, Di questi ultimi, anzi di tutta la serie dei Pesci cartilaginei 
del Cuvier , contrapposta all' altra degli Ossei da noi pure nel piano primitivo che affetta 
la disposizione di questo Volume , come è divisato dalla. Prefazione, diamo in proporzione 
un numero assai maggiore, anzi quasi tutte le specie. Abbiamo in ciò abbondato, perchè 
quando cominciammo questa Fauna tali importantissimi Pesci si trovavano meno illustrati, 
e il divisamento del Cuvier era serbarli ultimi nella sua grande Ittiologia. Oggi però i 
Plagiostomi sono messi in si viva luce dall' insigne Monografia di Miiller ed Henle , che 
non si ecclissa a confronto di qualunque più illustrata parte della Scienza. 

Un amore di particolare studio alla Classe dei Pesci, bella per gl'intricati rapporti che 
chiamano a filosofiche vedute , non ci terrà del tutto appagati di quanto abbiam potuto 
fare in essa. Laonde sempre più operosamente intendendovi, speriamo di satisfare finalmente 
al vivo desiderio espresso altre volte di pubblicare un Manuale d' Ittiologia Italiana. In 
esso si leggerà di tutti i nostri Pesci tanto quello è trattazione scientifica , quanto ciò si 
risguarda a conoscenza di comune portata, come gli usi economici, le variate maniere 
e gli arnesi con che sogliono essere pescati , spendendo soprattutto ogni attenzione nel 
dare esattamente raffrontate le differentissime appellazioni volgari per ogni punto della 
Penisola. 



I 



SERRANUS HEPATUS 

SERRANO SACCHETTO 



SERRANUS griseo-rubescejiSjfasciis quinque perpendicularibus saturatioribus; pinna dorsali 
postice macula nigra notata. D. lo/ii. P. i5. F. i/5. A. 3/7. C. i5. 

LABRUS HEPATUS, Limi. Syst. Nat. I. p. 476. sp. 4. Gmel. Syst. I. p. 1280. sp. 4. Schneid. Bloch. 
, Syst. p. 245. sp. 11. Lacep. Hist. Nat. Poiss. III. p. 456. Naccari, Itt. Adr. p. i3. sp. 142. 
.I^tesus ADKiATicus, Brunii, Ichth. Mass. p. 98. sp. 11. Gmel. Syst. I. p. 1297. sp. 66. Schneid. 
j Bloch. Syst. p. 282. sp. 84.) (nec Naccari Itt. Adr. ex nomine triviali.) 
HOLOCENTRUS STRiATOs, Bloch. Ichth. tab. a35. fig. 1. Schneid. Bloch. Syst. p. 3i4, sp. 3. 
LUTJANus ADRiATicus, Lacep. Hist. Nat. Poiss. IV. p. 222. Rafm. Ind. Itt. Sic. sp. 80. 
HOLOCENTROS TRiACANTHUs, Lacep. Hist. Nat. Poiss. IV. p. 576. ; 

HOLOCENTRUS HEPATUS, RissO, Ichtll. Nice p. 292. sp. 4. 

HOLOCENTRUS SIAGONOTDS, Laroche in Ann. da Muséurn XIII. p. 352. tab. 22. Jig. 8. 
HOLOCENTRUS ADRiATicus, Nardo, Prodr. Adr. Ichth. sp. 107. 

SERRANUS HEPATUS, Risso, Hist. N at. III. P.377.SP.293, Cuv. etVal. Hist. Nat. Poiss.II. Chap 11. p. 201. 
LABRUS maxilla inferiore longiore eie, Arted.Synon. p. 53. sp.2. « tanlura. Id. Genera Pise. p. 35. sp. 8. 
SACCHETTUS VENETORUM, Willughy, Pisc. IV. Gap. 3o. p. 326. Raj. Pisc.p. i5g. 
HEPATUS ou JECORiNus? Belon, Nat. Poiss. p. 259. Gesti. AquaU IV. p. 4ii. nec Hepatus Bellouii Aldr.. 

E comunissimo questo piccolo Pesce lungo le spiagge dei mari d'Italia, anzi in 
tutto il bacino del Mediterraneo. Suol pescarsi in qualche distanza dal lido, perchè 
dimora sempre nei fondi fangosi, nè segue il costume degli altri due suoi congeneri 
nostrali Serranus scriba e Serranus cabrilla^ che abitano presso gli scogli. La sua piccola 
mole e la mediocrità della sua carne lo rendono poco stimato, A Roma vien chiamato 
Forchetto^ in .Toscana Castagna o Perchia di fondale^ nel Veneziano Sacchetto^ a Pa- 
lermo Perciuda^ e nel Genovesato Lucerna^ del qual nome gode ivi in comune con 
la Cerna dei nostri Pescatori, Poljprion cernium^ Valenc. 

Sotto il titolo di Sacchettus Fenetorum diede per la prima volta una chiara notizia 
di questa specie il Willugby. Artedi, che sicuramente non l'aveva veduta, la pose 
fra i Labri^ accozzando sul conto di essa molte citazioni spettanti altrove, ripartite 
sotto tre varietà, che sono realmente cose diverse. Da questo ammasso discorde il 
Linneo, senz'aver osservato neppur'esso l'animale in natura, costituì il suo Labrus 
hepatus j i cui caratteri non concordano poi con quelli del suo stesso genere Labrus 
neppure considerato come artifiziale. Altre dimensioni, altro aspetto, altri costumi 
doveva aver V Hepatus dei Greci, del quale tante meraviglie si raccontavano, e quindi 
anche il nome specifico applicato al nostro Pesce si deve ad un'error manifesto. Nè qui 
riporteremo la storia degli altri equivoci in cui sono caduti gli autori relativamente a 
quest'essere, perchè trovasi esposta distesamente nell'opera dei celeb. Cuvier e Valen-. 
ciennes. Ciò che ora può stabiKrsi di positivo si è, che questo Acanto tterigio appartiene, 
ai Percidi normali, e propriamente alla sottofamiglia Percini^ genere Serranus del 
Cuvier, sottogenere Serranus genuino. 



I, 



SERRÀNUS HEPATUS. 

Noi consideriamo come Per cidi quei Pesci Acantotterigii che hanno i pezzi opercu- 
lari col margine dentellato o spinoso, le gote non loricate, le mascelle, il yomere, e 
quasi sempre anche le ossa palatine armate di denti, il bacino, sospeso alle ossa della 
spalla ; ed escludiamo dalla famiglia dei Percidij quale dapprinna la stabilì il GuYier, 
non solo i Triglidi dalle gote loricate, gli Scienidi e gli S paridi dal palato edentulo, 
i Mullidi e i Mugilidi dalla bocca anche meno yalidamente armata degli altri, i Menidi 
dal muso protrattile, i Lofidi dalle pinne pettorali stipitate, i quali tutti dal Cuvier 
istesso ne furono eliminati posteriormente, ma altresì gli Sfirmidi che, oltre i pezzi 
operculari integri e non spinosi ed una flsonomia propria, hanno le pinne Yentrali 
•veramente addominali, essendo il lor bacino indipendente dalle ossa della spalla,. 

I Per cidi così ristretti lianno tutti il corpo oblungo piìi o meno compresso, rivestito 
di squame per lo più. dure, aspre e coi margini dentellati o cigliosi. Le pinne sono in 
numero di sette per lo meno, e spesse volte in numero d'otto, essendo doppia la 
dorsale. Le ventrali qualunque siasi la loro justa-posizione sono sempre subbracìiiane. 
L'operculo e il preoperculo (o almeno uno di essi), portano universalmente dentelli,, o 
spine sui margini. La bocca è grande ; le aperture delle branchie sono ampie. Oltre i 
denti delle mascelle ve ne sono altri disposti in una linea trasversa innanzi al vomere, 
e quasi sempre in mia fascia longitudinale sull'uno., e sull'altro palatino, e così pure 
sulle lacinie delle branchie e sulle ossa faringee. Mancano sempre le barbette o cirri 
tanto notabili nei Mullidi ed in alcuni degli Scienidi. Il lor piloro, è laterale, con ap- 
pendici di picciola mole, per lo più in ristretto numero. La lora carne suol essere sana. 

Nel saggio d'una distribuzione metodica degli Animali vertebrati a sangue freddo 
abbiamo diviso questa famiglia dei Per cidi in quattro sottofamiglie, Percini cioè, Tra- 
chininij Uranoscopinij, e Polinemini. Ci giova ora aggiungere una quinta, che converrà 
smembrare da quella da noi precedentemente detta Percini^, nella quale ponevamo tutte 
le specie che portano le pinne ventrali sotto le pettorali, e che con vocabolo- Lin- 
neano si direbbono toraciche. Chiameremo Holocentrini la nuova sottofamiglia, e con- 
sidereremo come comprese in essa le specie che portano piri di cinque raggi alle pinne 
ventrali, e più di sette alle membrane branchiosteghe. Resteranno pertanto nella sot- 
tofamiglia Percini le specie toraciche munite di soli cinque raggi alle pinne ventrali, 
e che non ne hanno più di sette alle membrane branchiosteghe. Anche ridotta den- 
tro questi limiti la sottofamiglia dei Percini rimane tanto ricca, che abbraccia per lo 
meno l^oo specie meritevoli d'essere ripartite in 29 o 3o generi. Per buona sorte in 
questa numerosa turba s'incontrano caratteri, sui quali senza offendere le naturali affi- 
nità si possono stabilire altre divisioni inferiori, che furono dal Grwier istesso accen- 
nate. Da un lato si possono schierare quei generi clìye hanno meno di sette- raggi alla 
membrana branchiostega ; dall'altro quelli anche più numerosi che ne hanno sette pre- 
cisamente, ripartiti poi in due gruppi, il primo dei quali comprenda i Percini di sette 
raggi con la pinna dorsale divisa in due, l'altro tutti quelli che hanno la pinna dor- 
sale continua. Queste due suddivisioni costituiscono due serie così esattamente paral- 
lele, giusta l'osservazione del Cuvier, che molti caratteri dell'una si ripetono simme- 
tricamente - nell'altra. La prima serie comprende Pesci per lo più d^a equa dolce, e fra 
questi è il genere Perca^,, tipo della famiglia; nella seconda sono quasi tutte specie marine, 
ed in essa figura il S:erranus_, cui spetta il Pesce argomento del presente articolo. Se 
non fosse la diversità dei denti tal genere ripeterebbe esattameate nella sua. serie tutt' i 




SERRANUS HEPATUS. 

caratteri che presenta la Perca genuina dell'altra. I caratteri essenziali del Serranus sono 
per noi: denti incurvi frammisti agli altri a scardasso tutti rivolti all'indentro, il preo- 
perculo dentellato, la parte ossea dell' operculo terminata in una o più punte piatte, la 
bocca grandissima i ninna squama sulla mascella superiore, le pinne senza prolungamenti: 
hanno poi il cranio le gote e gli operculi squamosi. Due soli gruppi che comprendono 
Pesci indigeni sono da considerare come subordinati a questo genere, il Serranus ^^Ymm.^ 
che non ha squame apparenti nè all'una nè all'altra mascella, ed il Merou del Cuvier, 
che con vocabolo latino proporremo di chiamar Cerna^ ed in cui la mandibola inferiore 
è coperta di piccole squame. I tre gruppi esotici più affini a questi sono i generi Cuvie- 
riani Plectropomus j Diacope^ e Mesoprion. Nel primo i dentelli inferiori dell' operculo 
sono grandi e rivolti all'innanzi: nella Diacope si vede al di sopra dell'angolo dell' oper- 
culo un'intaccatura profonda, atta a ricevere una tuberosità che siede suU'interoperculo : 
nel Mesoprion poi l'operculo è terminato da un'angolo smussato, non già spinoso; e per 
tal carattere questo gruppo merita forse più degli altri d'esser considerato come un ge- 
nere a parte, tutto che sia evidentissima la sua affinità coi veri Serrani. Quanto al Barhier 
che il Cuvier tiene come semplice sezione del suo Serranus j quantunque non dissimuli 
che ci sono differenze di qualche importanza anche nello scheletro, pare a noi che debba 
farsene onninamente un genere a parte da denominarsi Anthias. 

I Serrani proprj sono sparsi in tutt'i mari meno i più freddi, e a differenza del 
nostro sottogenere Cerna ^ che contiene Pesci assai grossi come il Serranus gigas [Onir 
bl'ina-cerna del volgo), hanno piccole dimensioni, proporzioni svelte, colori vistosi, e 
seguono anche in ciò l'analogia con le vere Perchie. Tal' è il Serranus hepatus che 
passiamo a descrivere partitamente. 

Giunge appena a pesare un' oncia : di rado ha la lunghezza di quattro pollici, anzi 
generalmente è molto più piccolo. E compresso, di circoscrizione quasi ovale-ellittica 
con la schiena molto curva, il contorno del ventre curvo assai più leggermente, il 
muso piuttosto corto. Il capo comprende una terza parte della lunghezza totale. La 
maggior altezza del corpo corrisponde un poco al di sopra delle pettorali, ed è con- 
tenuta tre volte e mezzo nella lunghezza totale; la sua grossezza è circa i due quinti 
dell'altezza. L'occhio è piuttosto grande: il sottorbitale è squamoso, protratto fino alla 
punta del muso, e ricuopre in gran parte il mascellare. 11 preoperculo è tutto squamoso, 
coi margini totalmente dentellati con dentelli uguali e minuti. L'angolo del preoperculo 
è affatto attendato. L'operculo è squamoso e porta tre spine piatte, l'intermedia delle quali 
è assai più grande ielle laterali; il suo orlo membranoso eccede le dette punte, e termina 
in angolo attendato. Le narici sono vicinissime all'occhio. La bocca è fessa obliquamente 
fino al di là del livello del margine anteriore dell'occhio, e quantunque la mascella 
superiore sia poco protrattile è suscettibile di dilatarsi grandemente. La mascella infe- 
riore sporge appena al di là della superiore, ed è foracchiata di piccoli pori. Le labbra 
sono poco carnose. I denti delle mascelle sono piuttosto robusti e curvi all'indentro, 
gli esterni tutti uguali fra loro, molto più forti degl'interni, e ve ne sono due inter- 
medii grandetti internamente nella mascella di sopra. I denti del palato, disposti in 
forma di \) sul vomere sono più deboli di quelli delle mascelle, ma più forti di quelli 
che sopra due strette fascio armano i palatini. La lingua è libera, acuta, liscia. L'aper- 
tura delle branchie grande. La linea laterale consiste in piccole lineole oblique in ri- 
lievo una per ogni squama, e corre parallela al dorso tre volte più vicina alla carena 

IO* 



SÈRRANUS HEP ATUS. 



del dorsa stesso die a quella del Yeiilre. Le squame si succédonp; in numero di qua- 
ranta da un'estremità all'altra, ed in altezza sono disposte in ventiqiiattro ordini: sono 
sottilmente dentellate, col disco minutissimamente granelloso, troncate alla base; la 
parte coperta è striata a raggi che partono dal centro, il margine dal lato della radice 
è crenulato. La pinna dorsale incomincia al di sopra delle pettorali e procede molto 
al di là del termine dell'anale. De' suoi dieci raggi spinosi il primo è una metà piìi 
corto del secondo, il quarto è poco più alto- del secondo e del terzo, e i sei rimanenti 
decrescono poco sensibilmente ; la parte molle composta d'undici raggi tutti ramosi è 
pili eleyata della parte spinosa. Le pettorali lunghe quanto tre quarti del capo contano 
quindici raggi,^ è sono un poco attondate nel contorno superiore. Le yentrali sono trian- 
golari col raggio spinoso hreye e forte. L'origine dell'anale corrisponde subito dietra 
all' ano, il quale è situato un poco più yicino all'apice della coda che a quello del 
muso: il secondo de' suoi Ire raggi spinosi è il più yalido; sette sono i raggi molli 
elle seguona e sono i più lunghi. La pinna caudale è assolutamente troncata con quin- 
dici raggi, senza contarne due o tre più brevi che stanno alla radice di sotto- e di sopra. 

Il corpo è di color cervino chiaro tendente al roseo-argenteo, con cinque fascie 
yerticali di color cervino più cupo, larghe quasi quanto gl'intervalli che le separano, 
l'ultima delle quali forma un anello alla base della coda: la penultima è un poco più 
larga delle altre, ed è separata dalle vicine per mezzo d'intervalli maggiori. 1 lati del 
capo sono ornati di tre striscie d'un bel color giallo, che partendo al di dietro dell'oc- 
ehio procedono radiataniente verso il margine dell' operculo, e che sono fugacissime. Il 
Tentre è assai più chiaro del dorso-, e sù di esso appariscono varie striscie oscuramente 
segnate di colore tendente al celeste con riflessi dorati^ anche più fugaci delle fascie gialle 
del capo.- La pinna, dorsale é del color della schiena con alcuni spruzzi più cupi fra 
i raggi spinosi, e con una macchia nera oblunga molto cospicua collocata sul margine 
superiore, cbje si stende dall'ultimo raggio spinoso al terzo o quarto raggio molle. Le 
ventrali sono cinereo-biancastre con l'apice d'un turchino fosco : le pettorali sono tinte 
di giallastro: l'anale è cinereo-biancastra : la caudale è mellea chiara aspersa di punti 
d'un giallo rossastro che tendono a ordinarsi in fascie verticali. 

L'anatomia interna nulla presenta di straordinario: ci contenteremo di notare che 
questo Pesce ha ventiquattro vertebre e cinque appendici cecali. 

Questo Serrano è soggetto ad alcune varietà di colore che sono rammentate presso 
gli Autori, A noi è avvenuto di osservare un'individuo di tinte senza paragone più 
cariche e più vivaci che non sano le ordinarie. Esso aveva il fondo di color d'acciajo 
senza alcuna tendenza al roseo, e con le fascie n^re e l'anello della base della coda 
assai distintOi Le spruzzature della pinna caudale erano rosse, e sulla, dorsale se ne 
scorgevano delle altre simili ma più leggermente indicate. La macchia nera della dor^ 
sale era più larga ma meno bene definita, sfamandosi insensibilmente sulla membrana 
aU'innanzi e all' indietro. Le pettorali erano di color d'ambra, le ventrali d'un nero più 
intenso, e la pinna anale, che generalmente è cinereo-chiara con un leggiero sospetto 
di fosco, appariva nera anch'essa. Dobbiamo credere che questa sorte di melanismo.sia 
accidentale, e la stimiamo assai rara, essendocene capitato alle mani un solo esempia 
fra i numerosi individui di questo Pesce che occorrono giornalmente. ^ 



ANTHIAS SACER 



ANTIA CANARIO 



A. compressus aureo-ruber genis luteo fasciatis; preopercwlis dentìcidatìs; pinnae dorsalis 
radio tertio longe exserto; ventralibus longissiniis_, acuminatis; cauda bifurcaj, lobo utro- 
que in fdamentum elongatOj inferiore longiore. D. io/i5. P. ij. V. i/5. A. S/y. C, 17. 

LiBRUs ANTHIAS» Linn. Syst Nat. I. p. 474 »P- Gmel. Syst. I. p. 1283. sp. 3. (excl. synon.) 

LUTJANus ANTHIAS, Lacep. Hist. Poiss. IV- p. 197- Risso, Iclith. p. 260. sp. 1. 
ANTHiAS SACER, Bloch, Ichth. IV. tah. 3i5. {fig. mata.) Schneid. Bl. Syst. p. 3o3. sp. 1. 
AYLOPON ANTHIAS,. Rafuiesque-, Irid: d^Iit: Sìcil. sp. 78. Risso, Hist. Nat. III. p. 5jQ. .ip. 294. 
SEERANus ANTHIAS, Cuv. et Valenc. Hist. Poiss. II. chap. ii. p. aSo. tab. 5i. 
PERCA PENNANTI, Bloch, in Script. Soc. Nat. Berol. X. tah. 9. /. 1. 

ANTHiAE prima species. Rondai. Pise. I. Uh. 6. cap. 11. p, 188. fig. mala. Willugh. p, SaS. tal. X. 5. fig. 

Raj. Pisc.p. i38. Jonst. Pise. II. tah. 16. fig. 1. Gesn. Aqiiat. IV' Uà, 4- P- 55. (ea: Rondel.) 
I/ABRUS totus ruhescens, cauda bifurca, Arted. Synon. p. 54- sp. 3. 
lE BAJRBiEa DE LA MEDiTEKRANÉE, Cm. Regn. Anim. 2. ed. IL p. x4o- 

'Pia. gli antichi autori d'^Ittiologìa il solo che mostri dWer conosciuto questo pesce 
è il Rondelet. Gli altri che ne parlarono dopo di lui si ristrinsero a ripetere più o 
meno esattamente le di lui parole e la figura ch'egli ne diede, non senza introdurre 
qualche confusione nella notizia d'un essere per se stesso notabilissimo e distintissimo, 
non tanto a cagione della ricchezza delle tinte, quanto per la singolarità delle forme : 
e perciò conyien credere che da costoro in realtà mai non sia stato osservato. Poco 
felicemente poi determinarono i Sistematici le naturali sue relazioni. Artedi e Lin- 
neo lo posero arbitrariamente nel genere Labrus. Il secondo confessa che gli oper- 
culi di questo Pesce hanno il margine fatto a sega, e tal circostanza ayrebbe dovuto 
richiamargli alla mente le sue Percae piuttosto che i Labrij cui egli assegnava uni- 
versalmente, quantunque a torto, un operculo senza dentelli. Forse si lasciò illudere 
dall'osservazione dei vivacissimi colori di quest' /Animale, che dovevano sembrargli dis- 
simili da quelli ch'era solito veder nelle Perchie. Del pari inesatto fu il Lacépède che 
lo riferì al LutjanuSj e fa d'uopo confessare che, quando voglia riunirsi ad altri, pei 
caratteri generali conviene soltanto coi Serrani^ fra i quali lo pone il Cuvier. A noi 
però sembra che sia ancor meglio stabilire per esso e per le specie affini un genere 
a parte, come abbiamo notato a proposito del Serranus hepatus^ ed in questo porremo 
quei Percini a sette raggi branchiostegi, a pinna dorsale indivisa e a denti incurvi 
frammisti a quelli a scardasso, che hanno all' apice della mandibola due denti im- 
piantati orizzontalmente diretti all' infuori, e così pure alcuni dei canini della mascella 
superiore, il mascellare fornito di squame assai risentite, la bocca piuttosto piccola, e la 
pinna caudale (talvolta anche la dorsale e le ventrali) con qualche raggio eccessiva- 
mente - prolungato: la. lor coda conta due vertebre di più che nei Serrani^ e le lacinie 

IO** 

\ 



ANTHIAS SACER. 

delle brancliie sono più sotl;ili, più lunghe ed in maggior' numero. Diciamo poi franca- 
mente che questo genere è stato stabilito da noi, perchè esso non ha realmente nè i 
caratteri nè i limiti che fissò il Bloch per quel genere cui diede egli lo stesso nome 
AnthiaSj, ed il quale è così mal costituito che il principal carattere generico su cui si 
fonda non s' incontra neppure neìVJnthias sacer^, che per lui come per noi è tipo del 
genere. Quanto aWJnthias d'Aristotile, detto anche JulopiaSj cui attrihuiyasi la qua- 
lifica di sacer perchè credevano che avesse il .singolar privilegio d'allontanare i Pesci 
voraci, è indubitato ch'esso doveva essere diverso in tutto dal nostro. Nè di questo 
intesero parlare neppure gli altri autori e Greci e Latini, che sulle proprietà dell'^^i- 
thias accumularono le relazioni più stravaganti, quantunque sembri probabile che tal 
nome fosse dato a molti Pesci diversi, e forse a tutti quelli di corpo alto e compresso 
dotati di colori vivaci, e perciò degni d'esser paragonati a quelli dei fiori. Noi però 
prendiamo il nome udnthias come consecrato dall'uso che ne fece il Linneo, e senza 
riferirci in nulla al significato che aveva anticamente lo stesso vocabolo: esso ci sembra 
poi meritevole d'esser preferito al nome Ajlopon usato dal Rafinesque e dal Risso, im- 
proprio anche più rispetto al significato antico. Nè è vero che il nome Anthias sia stato 
già impiegato nell'Entomologia come asserì il Rafinesque, che forse lo scambiò con Anthia. 

L'individuo più grande da noi veduto di questa specie aveva nove pollici, compre- 
sovi il prolungamento caudale, ed era gigantesco in proporzione degli altri, che d'or- 
dinario sono lunghi men di sei pollici. E compresso ed ovale, con la schiena e il profilo 
assai curvo, e col muso breve. Il suo capo forma meno della quarta parte della lun- 
ghezza totale, ed è uguale all'altezLza del corpo. La maggior altezza, che corrisponde 
al di sotto del terzo e del quarto raggio spinoso, fa la terza parte della lunghezza del 
corpo misurato fino alla base della coda. La grossezza è il terzo dell'altezza. L'occhio 
è di grandezza mediocre avendo il diametro della terza parte del capo, ed è collo- 
cato due volte più vicino al muso che all'apertura branchiale. L'intervallo fra gli occhi 
è poco minore del loro diametro. Le narici sono doppie, grandette, due volte più vicine 
all'occhio che alla punta del muso. La bocca è fessa fino sotto alla metà dell'occhio. 
Il mascellare verso la parte inferiore si dilata notabilmente a cuneo. La mascella infe- 
riore è più lunga della superiore. I denti sono tenuissimi, conferti, disposti sopra fascio 
strettissime, frammisti a canini acuti; i due canini posteriori della mascella inferiore 
più validi e più uncinati degli altri: i due denti impiantati nell'apice di essa mascella 
inferiore e diretti all' innanzi sono conici, brevi; i canini anteriori della mascella di 
sopra sporgenti all' infuori ^ono all'incontro molto sviluppati. La lingua è sottile, corta 
e liscia. Il preoperculo è dentellato ; i dentelli sottili, eccetto quei due o tre che stanno 
nell'angolo, che sono un poco j)iù forti e acutissimi. Il suboperculo ha poche intacca- 
ture soltanto. L'operculo è dentellato anch'esso; la sua parte ossea è terminata da tre 
punte piatte, le due inferiori delle quali sono acutissime; la parte membranosa eccede 
le dette punte e termina in un angolo smussato. Tutto il capo, con le gote il muso il 
mascellare e i mandibolari, è coperto di squame ruvide e cigliate. Le squame del corpo 
sono grandi in numero di trenta dall' operculo alla coda, e in venti serie dall'alto al 
basso; anteriormente sono cigliate; nella parte scoperta alquanto punteggiate, e neha 
parte coperta striate a raggio colla base crenulata. La linea laterale è costituita da un 
solo tubo semplice per squama: essa è assai più curva della carena del dorso, aldi là del 
termine della pinna dorsale si torce, e va ad investire in linea retta il mezzo della coda. 



ANTHIAS SACER- 



La dorsale, che incomincia un poco più all' innanzi delle pettorali e si stende un poco 
al di là dell' anale, porta dieci raggi spinosi : il primo di essi è breyissimo, il secondo è 
breve, il terzo si prolunga due o tre volte piìi dei seguenti, che sono quasi eguali fra 
loro ed alti meno della metà del corpo ; nella lor parte libera hanno una piccola lacinia 
membranosa rivolta all' indietro: la parte molle ha quindici raggi, i primi dei quali sono 
quasi uguali agli ultimi spinosi, i seguenti si elevano alquanto di mano in mano in guisa 
che l'orlo superiore segue una linea ascendente quasi retta; la sua estremità posteriore ha 
un contorno fra l'attendato e il troncato. Le pettorali sono lunghe quattro quinti dell'al- 
tezza del corpo, ed hanno diecisette raggi. Le ventrali hanno una forma lanceolato-ovata 
acuminata; il secondo e soprattutto il terzo raggio sono molto prolungati e superano 
di due terzi la lunghezza delle pettorali; fra di esse si scorge una squama notabilmente 
grande linguiforme. 1 tre raggi spinosi dell'anale sono piuttosto validi, e sono seguiti 
da soli sette raggi molli più lunghi. La caudale composta di diecisette raggi è forcuta, e 
le sue forche si prolungano in acume, specialmente l'inferiore eh' è quasi il doppio più 
lunga dell'altra, e giunge ad avere poco meno di tre quarti della lunghezza del resto 
del corpo. 

Il colore generale di questo Pesce è un bel rosso vivace di lacca chiara con fulgori 
metallici, che su i fianchi passa ad una tinta dorata, diviene chiara sul ventre ed emula 
l'argento. I lati del capo sono ornati di tre fascio d'un bel giallo: l'inferiore incomincia 
dal lato del muso sotto all'occhio, e dopo aver segnato il preoperculo e l'operculo va 
ad investire la base della pettorale: la media scorre parallelamente a questa dall'oc- 
chio pel mezzo del preoperculo e dell' operculo fino sotto all' angolo di questo : quella 
di sopra parte dal margine superiore dell'occhio, e in una direzione un poco ascen- 
dente va a terminare all'estremità superiore del margine dell' operculo. In alcuni indi- 
vidui si scorgono sulla fronte alcune linee trasverse e irregolari d'un verde bronzino, 
ed altre macchie dello stesso colore ma sfumate segnano il dorso lungo la base della 
pinna dorsale ; ed una striscia laterale vi esiste pure talvolta d'un colore turchinastro. 
Le pinne sono gialle, variegate di roseo sulle membrane che connettono i raggi. 

Le appendici cecali sono quattro soltanto. 

La carne di questo Pesce è poco buona a mangiare : quindi esso si rende notabile 
per la sola inutile prerogativa della bellezza dei colori e delle forme. In alcune sta- 
gioni dell'anno esso è gregario. La femmina depone le uova sul finir della primavera. 
Quantunque viva in località ristrettissime è noto che trovasi in tutto il bacino del 
Mediterraneo, e forse oltrepassa di poco spazio soltanto le Colonne d'Ercole. Si trat- 
tiene sopra gli scogli poco profondi. Fra noi si pesca soltanto d'inverno; ma ciò è da 
attribuirsi alle consuetudini dei nostri Pescatori, piuttosto che ai costumi dell'Animale. 
A Roma i pochi che lo conoscono lo chiamano Canario j, o Canario largo : in Sicilia lo 
dicono Monacedda di forte. I Francesi gli danno il nome di Barbier; e nel dialetto di 
Nizza è detto Sarpanansa^, nome che ivi è comune ad un altro Pesce di color rosso^ 
cioè VJpogon ruben 

\ 



I 



ANTHIAS BUPHTHALMOS 

ANTIA OCCHIO DI BUE. 



A. teretiusculus ^ aureo-ruber ; preoperculis integrìs; pìnnae dorsalis radiis moUihus lon- 
gioribus ; ventralibus brevibus, subir uncatis; cauda bifurcaj lobis in fdamentum elon- 
gatisj aequalibus. i i/io, P. 19.. V. i/5. A, 3/io. C. 19. 

-A-bbiamo osservato per la prima volta questo Pesee fra gli altri che si portano a 
vendere nel mercato di Roma, e l'abbiamo poi ricevuto sì da Civitavecchia che da 
Gaeta. Quantunque non si possa dire dei più comuni, ci sembra men raro à^]]! Anthias 
sacerj cui somiglia perfettamente pei colori. La figura dell'uno posta vicino a quella 
dell'altro servirà a render più sensibili le differenze che passano fra di essi. Il corpo 
del nostro buphthalmos e più allungato e assai meno schiacciato, ed a questa parti- 
colarità allude il nome di Canario tondo j che gli dà il volgo de' nostri Pescivendoli, 
solito a chiamar il sacer col nome di Canario largo. Ha gli occhi senza paragone più 
grandi.- La parte posteriore della pinna dorsale s'innalza più dell'anteriore, e tanto essa 
dorsale quanto le ventrali sono sfornite di quei prolungamenti così cospicui nel 
sacer. I lobi della coda terminano in due filamenti lunghissimi, il superiore dei quali 
eccede ma di poco l'inferiore. In fine il margine dei pezzi operculari è tutto intiero, 
mentre è dentellato minutamente in tutte le specie restanti. Quindi avremmo voluto 
trarre da questo carattere il nome specifico se fosse stato possibile esprimerlo in un 
vocabolo di discreta laiighezza ; invece di ciò l'abbiamo desunto dalla grandezza straor- 
dinaria dell' occhio, che ci è giovato paragonar per iperbole all' occ/wo di Bue. 

Il ritrovamento di questa specie conferma a nostro credere l'opportunità d'un di- 
stinto genere per gli Antlùas^ e la necessità d'estendere i limiti di esso al di là di quello 
che fece il Rafinesque pel suo Aflopon^ cui non assegnò, altre caratteristiche che quelle 
della specie sacer. Abbiamo già detto in proposito di quest'ultima quali sieno i ca- 
ratteri che secondo noi distinguono essenzialmente il genere Anthias. Confesseremo 
poi volentieri che chi si attenesse troppo strettamente alle circoscrizioni dei generi 
stabiliti finora dagli autori^ e non ponesse mente all'evidente affinità che collega il 
buphthalmos: nostro con gli altri Anthias si troverebbe indotto a collocare la nuova 
specie fuori dei limiti dei Serranus di Cuvier, che pur abbracciano il nostro pesce. 
Ne è cosa meravigliosa che la circostanza del margine dell' operculo dentellata od intiera 
riesca anche in questo gruppo d'una importanza tanto leggera. 

Delle poche specie àAnthìas finora note ve ne sono due in cui si ripetono tutte 
le forme principali del sacer^ e sono V Anthias tonsor^. Cuv. dell'America meridionale 
e Y Anthias borbonicusj, Cuv. dei mari dell'Africa orientale. Due altre specie Americane,, 
cioè il furcijer ed il creolusj, sono pure vicine al sacer^ quantunque sprovvedute della 



ANTHIAS BUPHTHALMOS. 



lunga spina dorsale e del prolungamento delle ventrali ; hanno anch' esse le lunghe 
forche caudali, ma il lobo più lungo è il superiore. La specie che più di tutte s'ac- 
costa al nostro buphthalmos è il Serranus oculatus di Cuvier pesce della Martinica, il 
quale però ha il preoperculo col margine seghettato, e la pinna dorsale con un'an- 
golo rientrante fra la parte spinosa e la molle, mentre nel buphthalmos il margine è 
assolutamente continuo, anzi rettilineo. L'uno e l'altro convengono nell'avere una forma 
svelta, gli occhi molto grandi, l'operculo armato di due sole punte, il solo pezzo 
mascellare squamoso, mentre il muso e le mascelle sono del resto prive di squame; 
caratteri nei quali risiede forse il germe d'un sottogenere proprio. 

Uno dei maggiori esemplari da noi osservati aveva otto pollici di lunghezza, quattro 
e mezzo dei quali si contavano dalla punta del muso all' origine della coda, uno da 
questo punto fino alla biforcatura, e i restanti pollici due e mezzo erano occupati 
dai prolungamenti filiformi di essa coda. ^ 

La lunghezza del capo di questo pesce è contenuta per tre volte e mezzo nella 
lunghezza del corpo esclusa la coda, e corrisponde precisamente all'altezza, che è 
d'una misura doppia della grossezza. Le due linee che superiormente e inferiormente 
circoscrivono il corpo sono poco curve, quindi la sagoma di esso è quasi ensiforme : la 
radice della coda ha la metà dell'altezza maggiore. Il profilo scende in una linea leg- 
germente inarcata. L'occhio è considerahilmente grande, poiché il suo diametro prende 
due quinti della lunghezza di tutto il capo. Esso è situato alla distanza d'un dia- 
metro dall'apertura delle branchie, ed a quella d'un semidiametro soltanto dalla punta 
del muso, il quale perciò riesce brevissimo. L'iride è grande e dorata. L'intervallo fra 
gli occhi è uguale al loro diametro, ed è convesso. Le narici sono doppie, piccolis- 
sime, più vicine alla punta del muso che agli occhi. La bocca è piccolissima, es- 
sendo fessa soltanto fino al quarto antériore dell'occhio, e suscettibile di pochissima 
dilatazione. I denti della mascella superiore sono a scardasso, disposti in una stretta 
fascia, con un'ordine estemo di piccoli denti incurvi ma smussati, i quattro ante- 
riori dei quali rivolti all' infuori sono più grandi, ma non quanto nell'.^. sacer : 
nella mascella inferiore i denti sono minutissimi, e le sue branche portano lateral- 
mente una serie di denti incurvi, picciolissimi, molto addensati, quattro o sei dei 
quali più validi : i due denti caratteristici del genere impiantati orizontalmente sono 
molto grossi e sporgenti fuori dell'apice della mandibola, che sembra perciò forcuta. 
I denti del vomere e quelli dei palatini sono tenuissimi. La lingua è libera, liscia ed 
ottusa. Quantunque il cranio e il sottorbitale sieno squamosi, si scorge una certa 
nudità fra gli occhi e il muso, e sul contorno immediato della bocca: le parti nu- 
de sono affatto liscie senza pori o lineole. La porzione del mascellare che non sotten- 
tra al sottorbitale è stretta e fornita di squame ben distinte. Tanto l'operculo quanto il 
preoperculo mancano affatto di dentelli sui margini, e il primo porta soltanto due punte 
piatte e corte, ma assai acute. Le squame del corpo sono grandi: se ne contano circa 
quaranta in linea longitudinale fra l'operculo e la coda, e verticalmente soltanto dìe- 
ciotto: la parte scoperta è leggerissimamente punteggiata, verso il mezzo è corrugata 
ad arco, e sul margine esterno è sensibilmente cigliata: la parte coperta è fortemente 
striata a ventaglio, e ad ogni stria corrisponde sul margine radicale una crena o den- 
tello. La linea laterale parte dal disopra dell'occhio, sale quasi direttamente verso il 
terzo raggio dorsale, quindi scorre quasi contigua alla carena del dorso fino al ter- 



ANTHIAS BUPHTHALMOS. 



mine de' raggi molli, nel qual sito si perde: essa è costituita da un tubetto rilevato 
ehe siede sulle squame, nè yi sono pori distinti ai lembi. La pinna dorsale ha origine 
innanzi alle pettorali,, al livello' delle aperture branchiali:; il pruno, raggio spinoso è 
lungo poco più della metà del secondo; questo è assai minore del terzo,, che è poi 
pili breve del quarto: gli altri crescono con progressione regolare, e l'undecimo ch'è 
l'ul timo giunge ad esser alto poco menoi della metà del corpo. I raggi molli che sono 
dieci continuano nella progressione crescente lino al quinto che è il più lungo, di tutti, 
e supera la stessa altezza del corpo,: i seguenti decrescono rapidamente, ma sono, tut- 
tavia più alti dei raggi spinosi.. Le pettorali sono brevi,, non molto acute, e la loro lun- 
ghezza è poco più del quinto di quella del corpo: esse hanno diecinove raggi: sotto 
la lor base escono le ventrali che le superano di poco in lunghezza:, sorge fra quest'ul- 
timo una lunghissima squama triangolare acuta. L'ano è collocato precisamente alla 
metà del corpo misurato dalla punta del muso all' origine della coda. La pinna anale 
corrisponde sotto agli ultimi raggi spinosi della dorsale, e porta tre spine poco valide, 
la prima delle quali è molto breve, ed altri dieci raggi molli; essa finisce quasi in 
punta precisamente al di sotto del luogo in cui termina la dorsale : la sua lunghezza 
corrisponde all'altezza che ha d. corpo in quello stesso punto., Nelle pinne mentovate non 
si veggono scaglie, anzi i raggi spinosi della dorsale possono abbassarsi e nascondersi in 
parte fra le squame del dorso, come avviene negli Spandi. Lo spazio che corre fra la 
dorsale e la caudale forma la quinta parte della lunghezza del pesce. La caudale ha die- 
cmove raggi, che in parte sono squamosi alla base; le sue forche sono acuminate, e 
si protraggono in filamenti lunghi più della metà del corpo. 

I colori,, come già s'è detto, sono simili a quelli àtìV Anthias saceVj ma forse il rosso 
del dorso, è anche più vivace,, più splendido è l'oro dei fianchi, ed è più argentina la 
tinta del ventre :. le pinne ugualmente d'^un bel color giallo hanno le macchie rosee 
più grandi,, più distinte e più numerose.. In questo, mancano però le linee gialle segnate 
sul capo di quello* 

Mentre era sotto, il torchio il presente articolo,, il Signor Cantraine, che aveva già 
veduto presso di noi questo pesce, ci ha avvisato d'averlo rinvenuto nei Mari della 
Sicilia ch'egli sta esplorando,, e ci ha inviato una Memoria del Dottor Anastasio Cocco 
inserita alla pagina i3.8 del N.° 77 (Maggio 1829); del Giornale di Scienze, Lettere 
ed Arti per la Sicilia stampato a Palermo, nella quale esso trovasi assai ben. descritto 
sotto il nome di Bòdianus Peloritanus. Ci spiace che l'aver conosciuto troppo tardi 
questo scritto c'^impedisca di adattare il nome specifico proposto dallo scienziato Sici- 
liano. Quanto, al genere non possiamo: ablDandonare il partito da noi adattato per le ra- 
gioni che qui sopra abbiamo esposte.. È vero che i caratteri artifiziali assegnati dal 
Bloch al suoi genere Bbdianus: s'incontrano appunto nel nostra Pesce, ma il Bbdianus 
è un'ammasso; di specie accozzate a capriccio,, nelle quali non s'è mai verificato nep- 
pure quel carattere su cui il Bloch l'aveva stabilita: quindi ha operata debitamente ili 
Cuvier che l'ha esclusov dal novera dei generi ammissibili. 



9y 



PERCA FLUVIATIUS 

PERCA FLUVIATILE 



PERCA fusGO-olwacea_, fasciis suhsenìs perpendicularibus nigricantibuSj suhtus ex flavescenti 
alba: capite vix granoso: praeopercalo denticulis grandiuscuUs : pinna dorsali ante- 
riore radiis quindeciirij elata^ altitudine dimidiam longitudinem superante,, macula nigra 
postica definita : pinnis s^entralibus rubris. 

1. D. i5. 2. D. 2/14. P. 14. F. 1/5. A. 2/8. C. 57. 

PERCA FLUVIATILIS, Rondel.Pisc, FI. LI. cap. xxii. p. 196. Salv. Aquat. hist. Zl^.p.i-2&. fi§. 90. Willuglib. 

Ichth.lih.ìv.cap.Kiv.p.2Qi.tah.S.i5. Jìg-i.'i. RfJ, Syn.Pisc. p. 97.5/), 20. Linn.Syst.JS at.I. p.iSi.sp.i. 

Id.Faun. Suec.p.ii'j.sp. 5S2. Bonnat.in Tahl.Enc.Ichih. p.i'2.Q.sp.i.tab.5'5.fig.iol\, Gmel.Syst. 

Nat.I.p,i5oQ sp.i. Schneid. Bl. Sysi-p.85.sp. 1. Naccari, Itt. Adr.p.i[^.sp.l{^. Nard.Prodr. 

Adr. Ichth. sp.iio. J urine , Hist. Poiss. du Lac Léinan. p{i52. sp. 4- tah. 3. C«^'. et Valenc. Hist. 

Nat. Poiss. II. p. 20. tai. i--viii. Nilss. Prodr. Ichth. Scandin. p. 81. sp. 1. 
?£rcA italica, Ciw. et p^alenc. Hist. Nat. Poiss. II. p. 45. 

Il£pXV7j Aristot. Hist. Anim. Uh. vi. cap. xiv. jElian. lib.xh. cap.xxuì. et xxvì. Athen. lih.yiì.p.Zig. 
PERCA, Plin. Hist. Mund. Uh ix. cap. xyì. Bellan. Aquat. p. 295. GesJi. Aquat. ly. p. 6gg. cum Jìg. 
PERCA MAJOR, Churlet. Onom. p.i6i . Jonst. Pise. I. lih.ììi. iit.ìii. cap.i. p.iO'].tab,xzynì.Jìg.i5. tah. :&ù^.fig.8, 
PERCA FLDVIATILIS MAJOR, Aldrov. Ichth. Uh. M. cap. sxxiii. p. 622. cum fig. 

PERCA pinnis (lorsalibus tlislinctis: secunda radiis xvi (Abhorre), JLin/z. Faun. Suec. 1. ed. sp. 284. 
PERCA lineis utrinque sex transversis nigris, pinnis venlralibus ruLris, ^rf. Ge«. p.59. s/3.1. Id.Syn. p. 66. sp.l. 
PERCA dorso iljpler5'gio, operculis monacanlliis spinosis, eie. Gro«of.i)f«s./. p. 42, «p.gS. Id.Zooph.p.Qi.sp.5oi. 
PERCA pinna ani radiis xi. Bloch, FiscU. Deuischl. II. p. 66. sp. 2. taf/. 5,2. Donnd. E. F. Vn. p. 591, 
PERCA pinnis -ventralibns duabus, areolis nigricantibiis eie. Klein, H. Pise. Miss.y.fasc. zi.p. 56. sp.i.tab. Viì.fig.'ì, 
PERCA FLUVIATILE ( Percia di Sciumi ) , Rafin. Ind. Itt. Sie.p, \6. sp.6'5. 
■ PERCHE DE RIVIÈRE, Belon, Nat. et Pourtr. Poiss. Uh. i. p. 290./?^. in p. 291, Cuv. Tali, Elem.p. 35i; 
PERCHE, Daubent. Diet. Ichth in Enc. Meth Hist. Nat. ili. p.292. 

PERSÈQOE PERCHE, Lacép. H. P.I F. p.iSj . Duham.Tr. des Péch.II. Sect.y. chap.nì. art.\\.p.Q8. tab.S. fig.i. 
PERCHE COMMIJNE d' eau douce , Cuv. Rcgn. Anim. II. p. 2g5. Id. Ibid. 2. ed. II. p. i52. 
PERCHE SANS BANDES, d'Italie, Cuv.et Valenc. loco citato. 

PEECH, Penn Brit.Zool.III.p,^5.tab.\\%. Danovan,Brit.Fiih.tab.\n. YarrelkHi&t.Br.Fi&hJ.p.i.fig.i. 
EARSCH 5 Hartmann, Helvet. Ichth.p.Gi, 

r^arye al celebre Cuvier che abiti nell'Italia una Perca differente dalla comune; 
e registratala sotto il nome specifico di Perca senza fasce j d'' Italia f Perca italicaj^ 
l'assegnò principalmente a Bologna, come veggiamo nella sua grande opera de' Pesci, 
quantunque prudentemente si riportasse a piii mature osservazioni da farsi in appresso. 
Piacquegli altresì proferire che la Perca comune {P.Jlui^iatiliSj,!^.), abita in ciascuna con- 
trada d'Europa; e perciò appunto la prese ad archetipo dei suoi lavori d'ittiologica 
anatomia. Ma dicasi pure con la debita riverenza a tant'uomo, ninna Perca di acqua 
dolce si conosce in questo piccolo angolo della terra, che è Roma, quantunque il Be- 
lon asserisca che qui chiamisi Cerna^ nè in tutta la parte meridionale dello Stato ; nè 
la Bolognese porta seco alcuna diversità dalla Perca comune della stessa Francia. 

Non fu nostro mestieri l'osservare particolarmente codesto Pesce, che si colloca in 
tipo della immensa famiglia dei Percidij allorché parlando del Serranus hepatas espo» 

79 



PERCA FLDVIATILIS. 



nemmo le sue generalità, non meno che quelle della sottofamiglia Percìni. Vedemmo 
allora che i generi di questa forniti di sette raggi branchiostegi componevano due pic- 
cole serie parallele, l'una con la pinna dorsale divisa in due, l'altra con la pinna dor- 
sale continua; e concludemmo, che, se il genere Serranus spellar a. alia seconda serie, 
il genere Perca appartenevasi alla prima. Ora però volendo fuggire per quanto pos- 
siamo la taccia di trascuraggine in ciò che abbiano di singolare i pesci italiani, e sod- 
disfare insieme alla dotta curiosità di molti che ci dimandano della Perca italica pel 
desiderio che n'ha svegliato il Cuvier, ci siam dati ogni possibile premura d'indagare 
Perche in tutte le nostre più vicine correnti e laghi, senza però averne alcun buon 
effetto; e di ragunarne altresì un gran numero da tutt' i punti d'Italia ove si produce 
questa sorte di Pesce, segnatamente dai contorni di Bologna, donde ebbe la sua P. ita- 
lica il gran naturalista più volte nominato, proveniente forse dal Po, o dai grandi la- 
ghi dell'Italia superiore, ma non già dal Reno, in cui, come ci fe' noto l'Aldrovandi, 
non alligna: e tutte le abbiamo rinvenute simili a quella della quale presentiamo la 
imagine e la descrizione, senza raffigurarci le particolarità distintive dal medesimo Cu- 
vier attribuitele, non cioè la mancanza delle fasce nerastre, non il capo proporzionata- 
mente più grande; non i dentelli nel margine superiore del preopercolo più forti, più 
acuti, di minor numero; non la seconda dorsale più elevata. 

Ma se discordiamo dal sommo naturalista Francese nell' accettare le distinzioni da 
lui vedute ed esposte, siamo pur contenti dì sanzionare appresso un esame compara- 
tivo fatto sopra parecchi esemplari la specie finora dubbia, quantunque ammessa dai 
moderni Zoologi Alemanni (Perca vulgarisj, Schaffer), quella cioè della parte orientale 
d' Europa che vive nel Danubio, e che perciò vedesi figurata nelle opere del Marsiglì e 
del Meidinger. Coloro però i quali fan consistere la differenza fra queste due specie dal- 
l'essere più o meno profondamente intaccati i dentelli del preopercolo fortemente s'in- 
gannano; che ben lungi questi segni dal caratterizzare una nuova Perca, s'incontrano 
essi in ambedue le specie con tali modificazioni da trapassare per varj gradi anco ai più 
estremi limiti nei diversi esemplari dell'una e dell'altra. Ora per contradistinguere la 
Perca vulgaris dalla P.Jlmiatilis con buoni caratteri diagnostici, facciamo osservare che 
il profilo della prima consiste in una più regolare curvità, senza quelle convessità e con- 
cavità visibili nella nostra specie, per cui la forma del pesce diviene quasi perfettamente 
ellittica, e che le due pinne dorsali sono del tutto spiccate e disgiunte tra loro, mentre 
nella P .Jluviatilis sono per così dire collegate da una piccola ombra di membrana che non 
lascia così libero e netto l'interstizio delle medesime. Il principal carattere differenziale 
però ci vien somministrato dalla minore elevazione della pinna dorsale anteriore, che 
oltre l'essere più bassa relativamente al corpo del pesce, lo è pure relativamente alla 
di lei stessa lunghezza, essendo essa pinna poco più di un terzo alta che lunga, quan- 
tunque soglia avere due raggi di meno; mentre nella P. Jlimatilisj, che ha due raggi 
di più, la detta pinna giunge ad avere in altezza più della metà della sua lunghezza. 

Bellissima è la Perca tra' Pesci di acqua dolce. I cangianti che descriveremo in 
appresso, il dorato della pelle, il rosso vivace delle pinne la rendono assai piacevole 
alia vista, allorché sotto i raggi del sole guizza nelle acque chiare, delle quali con mag- 
gior diletto si gode. Ama egualmente laghi, ruscelli, fiumi; ma più le giova di rimon- 
tare alle sorgenti di questi che di scendere alle foci, si perchè le piace l'umore più 
cristallino, sì perchè la infastidisce il gusto dell' acqua salata. Nuota velocemente a 
mezz'acqua, e il più delle volte a due o tre piedi di profondità quando vive in grosse 



PERCA FLUVIATILIS. 



fiumane. Solitaria piuttosto, non si accompagna che con altre poche : e sovente la vedi 
ferma per lunga pezza, spiccarsi poi rapidamente a qualche distanza, e quindi rima- 
nersi immobile un'altra volta Raro è che salti fuori dell'acqua, e non viene a fiore 
che ne' mesi caldi per afferrare insetti, usando ordinariamente nutrirsi di piccoli cro- 
stacei, di pescetti, di rane giovinette e di altri Rettili, ingordissima però sempre, e quin- 
di facile a prendersi per la gola. Sente gli amori all'età di tre anni: giunge a quindici 
e diciotto pollici di lunghezza col crescere in maturità. In Italia suol rimanersi pic- 
cola, e solo nei suoi vasti laghi superiori giunge alla lunghezza di oltre un piede. Anche 
nei paesi del Nord una Perca di tre libbre è ragguardevole: se ne vedono però di quat- 
tro libbre; e senza far conto di relazioni fondate sopra qualche abbaglio, si citano esem- 
pj autenticati di Perche del peso di sei, otlo, e perfino nove libbre, che non mancano 
nel lago Maggiore, e in quello di Como. È singolare che nel Benaco ossia Lago di Garda 
non si trova affatto, non facendosene parola nell'enumerazione dei Pesci del Pollini. 
jN'avemmo però dal Piemonte, e da quello di Bientina nel Pisano: abbondantissima è 
sul mercato di Bologna, rara su quello di Firenze. Nella bella stagione la femmina in- 
grossa smisuratamente per gravidanza d'innumerevoli minutissime uova, delle quali si 
annoverò fin quasi un milione in un sacco solo; ond'è che bramosa d'alleggerirsi parto- 
risce tutto ad un tratto, ed ajutasi talvolla ad introdurre nell'ovidutto l'apice di un giun- 
co, o di altra pianta acquatica, ed appiccatovi l'umor vischioso dell' ovaja, si allontana 
svolgendo un cordone simile a quello delle rane, ma rinciambellato a più cappi e a 
piii riprese in diversa foggia; cosicché avverasi la sentenza d'Aristotile il quale scrisse 
generar la Perca (IIspxvj) tra cannucceti ed erbe palustri. In tutta la parte settentrionale 
della nostra penisola conoscesi sotto i nomi di PersegOj, PersicOj Pesce PersegOj che i 
Bolognesi cangiano in Pesce Perseghin. I Toscani lo dicono Pesce Perso e anche Perso 
di fiume. Squisitissima, solida, e facile a digerirsi è la sua carne che mangiasi prepa- 
rata e condita in diverse maniere ; ed Ausonio par che n'avesse la bocca imbalsamata di 
fresco quando cantava nella sua Mosella 

"Nec te, delicias mensarum. Perca, silebo, 
Amnigenos inter Pisces dignande marinis, 
Solus puniceis facilis contendere mullis." 

Nondimeno, sebbene ella fosse così grata al cantore di Bordò, non possiamo dedurne 
come conseguenza che i Romani antichi ugualmente ne partecipassero, mancandone ogni 
memoria nei fasti delle sontuose lor mense. Nò dell'essere mentovata da Plinio è da farsi 
gran conto; giacché fuori del nudo suo nome preso dai Greci, e delle virtù mediche tra- 
dizionali, troppo fuori del credibile, nient' altro della Perca ci venne da lui riferito. Ma 
se per avventura, a cagione dell'acqua torbida ch'essa non ama, difficilmente alligne- 
rebbe nel fiume romano, crediamo saria ben fatto il procurarla all'Aniene, e a qualche 
lago non lontano dalla città, che di Pesce maggiormente abbisogna, profittando del suo 
grande moltiplicare : il che diciamo con più di ragione conoscendo che la Perca non 
manca di ottime armi difensive, e sà bene servirsene all'uopo contro i Pesci più grossi. 
Tipo pertanto della famiglia dei Percidi il genere Perca è il primo dei Percini 
a sette raggi branchiali e a pinna dorsale doppia; i quali Percini comprendono quat- 
tordici generi, di cui soli quattro vivono in Italia, cioè i. Perca_y 2. Labrax^ 3. Apogoii^ 
4. PomatomuSi che hanno comune la particolarità di aver denti assai piccoli disposti a 

79* 



PERCA FLUVIATILIS, 

scardasso senza mistura di canini, ossiano acuti maggiori, quali si veggono nel genere 
Europeo Lucioperca dello slesso gruppo dei Percini a due dorsali, non meno che nel ge- 
nere Serranus dell'altro gruppo parallelo de' Percini ad una dorsale sola. La Perca^ Guy. 
però si contradistingue maggiormente dal preopercolo dentellato; dall'opercolo coperto 
di squame nella sola metà superiore, armato di una sola punta spinosa; dal sottorbitale 
debolmente dentellato; dalla lingua liscia: mentre il LabraXj Cuv. ha l'opercolo in ogni 
sua parte squamoso, armato di due punte spinose: la lingua aspra: e tanto il sottorbi- 
tale quanto l'omero priyi di dentelli. Il genere Jpogoiij Lacép. si riconosce al doppio 
margine dentellato nel preopercolo, alle due dorsali assai diyise, al corpo vestito di 
grandi squame caduche. Il Pomatomus_, Piisso, riunisce a questi due ultimi caratteri il 
preopercolo semplicemente striato, l'opercolo con una smarginatura, l'occhio grandissimo. 

Facendoci più a dentro ne' caratteri descrittivi del genere Perca osserviamo un 
corpo bislungo, più elevato che nei gruppi affini, alquanto gibboso e compresso, as- 
sottigliato più neir estremità posteriore, ove è quasi terete, che nell'anteriore, vestito 
di scaglie embricale, larghe, dure, striate, cigliato-dentate sul margine, difficilissime a 
spogliarsi : mediocre il capo, e senza veruna appendice, con fronte declive, alquanto 
spianata: la bocca grande, posta all'estremità del muso piuttosto ottuso, obliqua di ta- 
glio figurato ad arco che giunge alla quarta parte del capo; le mascelle quasi uguali, 
sporgenti all' infuori, fornite di labbra semplici, e poco carnose, la superiore appena 
esertile: i mascellari quasi retti, stretti nella parte superiore si allargano verso il basso 
ove sono troncati: gl'intermasceìlari sono sottili: denti piccoli, uniformi, quasi conici, 
curvi all' indietro, acuti, immobili, disordinati, posti tanto sulle mascelle quanto sulla 
parte anteriore del vomere, e lungo gli ossi palatini, e i faringei: palato ampio, for- 
nito di una larga membrana trasversa, liscio nel mezzo : lingua mobile, breve, lar- 
ga, ottusa, perfettamente levigata: occhj laterali, collocati in alto, prossimi al muso, 
grandi, protuberanti, rotondi, con la membrana nittitante intiera: narici quasi margi- 
nali collocate al di sopra del lembo frontale del primo sottorbitale, avente ciascuna 
un doppio e vicino foro disuguale, essendo maggiore il posteriore che è ovale: intorno 
a' due fori suddetti scorgonsi minuti pori per la secrezione del muco: laterale P aper- 
tura branchiale, e fessa fin sotto il mezzo della mascella inferiore : membrana bran- 
chiostega molto scoperta, co' suoi sette raggi arcuati e robusti: preopercolo dentellato: 
la parte ossea dell'opercolo terminata in rma laminetta depressa ed acuta: il sopraor- 
bitale lievemente dentellato anch'esso, come talvolta debolmente dentellati sono il sot- 
torbitale e l'omerale: dorso convesso con la carena rotondata, curva in tutta la sua 
lunghezza; quella del ventre ugualmente ottusa, più arcuata: superiore arcuata la linea 
laterale, che segue la curva del dorso fino alP estremità: l'ano piccolo, poco più vicino 
alla coda che al capo: otto pinne prive intieramente di scaglie, non valutandone al- 
cune piccole che si scorgono fra le basi dei primi ed ultimi raggi della caudale, pri- 
ve altresì di quelle scaglie membranacee che si vedono fra le pinne o sopra la loro base 
in altri generi di pesci: le dorsali poco discoste fra loro, disuguali; l'anteriore inserita 
un poco innanzi la perpendicolare che cade sul termine dell'opercolo, più lunga della 
posteriore : i raggi della prima tutti spinosi ; molli e ramosi quelli della seconda : le pet- 
torali adimate, ovali: le ventrali sottoposte alle pettorali, nascenti poco più indietro di 
esse, e a pari punto della pinna dorsale anteriore, larghette, acute e munite di un 
raggio spinoso: pinna anale opposta alla seconda dorsale con due o tre raggi spinosi: 
caudale distinta, leggermente biforcata. 



PERCA FLUVIATILIS. 



Ristretto il genere Perca ne' limiti di questi caratteri corrisponde a quel sottoge- 
nere cui da] Cuvier si diede più propriamente tal nome, e non comprende piìi di do- 
dici specie similissime tutte fra loro, e tutte abitatrici delle acque dolci. Le due di 
queste già sopra menzionate sono le sole che vivono in Europa; abitano le altre nelle 
isole dell'Oceanica, e nelF America settentrionale. 

La maggior altezza della Perca fluviatili s cade al di sopra delle pinne ventrali, ed 
ivi corrisponde alla terza parte della totale lunghezza: la maggior grossezza non ne 
supera il sesto. Il capo è lungo quanto i due settimi di tutto il pesce, e la metà meno 
alto che lungo nel punto degli occhi. Lo spazio assotligliato del corpo che rimane die- 
tro le pinne è lungo la sesta parte della lunghezza del pesce, e alto la sola quinta del- 
l'altezza del medesimo. L'occhio occupa quasi un sesto della lunghezza del capo, ed è 
collocato quasi al livello della fronte, più prossimo al muso che al termine dell'opercolo: 
fra un occhio e l'altro corre una distanza doppia del loro diametro. I denti delle ma- 
scelle sono disposti lungo grintermascellari e i mandibolari in larga fascia che si ristrin- 
ge all'indietro: quelli del palato piantati sopra lo sporto reniforme, che vi costituisce 
il vomere, e di qua e di là sugli ossi palatini in una fascia che corre all'indietro e vi 
si va ristringendo. Sopra le faringi superiori sono dall'uno e dall'altro lato tre piccoli 
ovati di simili denti; sopra le inferiori è un solo di questi ovati bislungo e acuto all'in- 
dietro: doppia fila di piccoli tul^ercoli aspri della medesima dentatura guarnisce ciascun 
arco branchiale: la fila anteriore del primo si prolunga un poco a guisa di rastello. La 
parte superiore del capo è priva di scaglie: le gote sono ricoperte di scagliette: il primo 
sottorbitale è liscio, e porta per la più alcuni denlellini appena visibili verso il di dietro 
del margine inferiore.il preopercolo è rettangolare, coll'angolo rotondato, privo di scaglie 
nel lembo; il suo margine saliente è sottilmente dentellato con dentelli i quali di mano 
in mano che s'innalzano nella parte superiore impiccoliscono fino a scomparir del tutto; 
nel margine inferiore al contrario i dentelli sono più grossi, in numero di cinque o sei, 
diretti air innanzi, e vanno ingrossando sino all'anteriore ch'è il più robusto. L'opercolo 
vestito di scaglie nella sola metà superiore è appena visibilmente striato, e va a termi- 
nare in una punta acuta, sopra la quale scorgesi un picciol lobo ottuso, e sotto di essa 
alcuni dentelli : il subopercolo è scaglioso, e di poco visibile dentellatura lungo il terzo 
inferiore del suo margine; la di lui punta ottusa e sottilissima si stende più all'indietro 
di quella deiropercolo: il margine delf interopercolo, ch'è privo di scaglie, anch'esso 
è poco sensibilmente dentellato in tutta la sua estensione. La squama laterale è più 
grande delle altre, seghettata: la scapolare ancora dentellata: l'omerale forma sopra 
della pinna pettorale un angolo sporgente all'indietro, la di cui punta è ottusa e di 
leggieri dentelli fornita. Settanta incirca sono le scaglie comprese nella linea di tutta 
la lunghezza del corpo dall'opercolo alla pinna caudale, e trenta file se ne contano 
dove l'elevazioue del corpo è maggiore. Queste scaglie sono levigate, rotonde e cigliate 
sul margine esterno; il loro contorno è più largo che lungo; e la parte interna na- 
scosta si allarga, e vien segnata nel mezzo da sei raggi divergenti disposti a ventaglio 
che mettono capo fiìa gl'interstizj di cinque dentelli ottusi del margine. La linea late- 
rale disegnata da un piccolo rilievo e da una minuta impressione obliqua lungo cia- 
scuna delle sue scaglie» corre quasi parallela alla curva del dorso, da cui nella metà del 
corpo dista un solo quarto dell'altezza; verso la coda poi corre quasi sul centro. L'ano 
è posto sotto il principio della pinna dorsale posteriore, duo volte più vicino al muso che 
alla caudale. La pinna dorsale anteriore ha origine perpendicolarmente sulla punta del- 



I 



PERCA FLUVIATILIS. 

l'opercolo, e termina poco prima del punto corrispondente all'ano, occupando un terzo 
del corpo, esclusane la pinna caudale ; essa è composta di quindici e spesso sedici raggi 
spinosi di robustezza e acutezza notabile, sostenuti da una membrana tenace, integerri- 
ma: il primo raggio è più lungo dello spazio fra la sua origine e la linea laterale; il se- 
condo è d'un quarto maggiore del primo e poco più breye del terzo; il quinto ch'èilpiù 
lungo, uguaglia in lunghezza i due quinti dell'altezza del corpo misurato sotto il punto 
della sua inserzione, e sorpassa la metà della lunghezza dell'intera pinna: i raggi che 
fino all'undecimo sono andati dolcemente decrescendo, a partir da questo, uguale circa 
in lunghezza al primo, si abbassano così precipitosamente che l'ultimo a stento si scuo- 
pre. La dorsale posteriore ha il suo punto di principio precisamente ove finisce la mem- 
brana dell'anteriore, alta quasi quanto la medesima, e lunga un terzo meno: ha d'or- 
dinario due raggi spinosi, gracili, brevissimo il primo, il secondo men alto per metà 
che il primo dei ramosi; questi sono in numero di tredici, il più lungo fra loro è il 
terzo che non uguaglia però il quinto della dorsale anteriore. Le pettorali di forma 
ovale, lunghe quanto il sesto del pesce, han quattordici raggi molli tutti ramosi, ec- 
cetto i due esteriori più corti che quantunque articolati son semplici. Le ventrali son 
lunghe quanto le pettorali, più larghe però e più acute, inserite sotto di esse ma un 
poco più indietro. La pinna anale corrisponde alla metà posteriore della seconda dor- 
sale, e l'uguaglia in altezza non però in lunghezza; conta due raggi spinosi robusti 
ed otto ramosi, e prende una forma angolare dal prolungamento dei primi due di que- 
sti ultimi. La pinna caudale ha la settima parte della lunghezza del pesce, leggermente 
biforcata all'apice, composta di diecisette raggi senza contarvi i piccoli terminali. 

Il colore della nostra Perca è un bruno giallastro più intenso sul capo, verdiccio 
sul dorso, tendente al dorato sui fianchi e nelle parti inferiori degradantesi in un bian- 
co quasi opaco. I fianchi sono ombreggiati da fascio perpendicolari larghe più della 
metà dell'occhio, in numero dal cinque all'otto, ma generalmente di sei, che partono 
dal dorso e si dileguano verso il ventre: la prima di queste scende dietro l'opercolo, 
la seconda nasce sotto il mezzo della pinna anteriore, la terza fra le due dorsali, la 
quarta meno distante delle altre sotto la seconda dorsale, la quinta dietro di essa, e 
la sesta verso l'origine della coda: queste fascio però, oltre al variar di numero, va- 
riano ancora di posizione e larghezza. L'iride dell'occhio è d'un bruno dorato assai 
risplendente. La dorsale anteriore è cinereo-violacea, e la membrana che la connette 
porta fra i due o tre penultimi raggi una gran macchia nera ben definita : volge la 
dorsale posteriore ad un giallo verdastro e suol avere la membrana più scura e più 
giallastri i raggi: la pettorale è d'un rossiccio diafano: le ventrali sono di un rosso 
di minio vivace, con la robusta spina e il margine interno bianco : l'anale tiene dello 
stesso colore di minio, ed è biancastra nella base: la caudale è d'un rosso più cupo, 
sudicio alla base, vivace nei margini posteriori e inferiori. I suddescritti colori non 
sono però gli stessi in tutti gli animali, volgendo più o meno al verde il corpo, e tin- 
gendosi di un rosso più o meno splendente le pinne, facili talvolta a stingersi del 
tutto, secondo i letti delle acque in cui vivono e le sostanze di cui si cibano. 

Lo scheletro si guernisce di quarantadue vertebre, delle quali ventuno appartengono 
alla cavità addominale. 11 notatolo è grandissimo con le pareti sottili e trasparenti ed 
occupa l'addome quanto è lungo e largo. Grande è la vescichetta del fiele. Vi sono 
tre appendici cecali al piloro lunghe poco più d'un pollice. L'intestino non ha che 
una sola piegatura verso la metà della lunghezza dell'addome. 



L ABR AX 

SPIGOLA 



LUPUS 

RAGNO 



LABRAX argenieus fasciis Uneisve nullis: maxillaribus sine squamis: dentìculis inferioribus 
praeoperculi grandibus: pinnae dorsalis anterioris altitudine ejusdem longitudinem fere^ 
copitis dimidiaiìij, acquanti : pinna anali quatuordecim radiisj tribus spinosis. 
i. D ^. 1. D. 11. P. i5. F. i/5. A. 3/ii. C 17. 

PERCA LABRAX, Linn. Syit. Nat. I. p. sp.5. Bonnat. in TahJ ,Enc. Ichth.p. laj. sp. 6. iab. 5^. fig. 20Q. 

Schneid. Bl. Syst. p. 84. sp. 5. Risso, Ichth. Nic. p. 299. sp. 3. Id. Hist. Nat. III. p. 406. sp. SaS. 

Nardo., Prodr. Adriat. Ichth. sp. 109. Nillsì Prodr. Ichth. Scandìn. p. 82. nec P alias. 
PERCA PUNCTATA, Gtn.Syst.Nat.I.p.x'bw.sp.b,. (errore tamen lypogr.invecla.) Lacép.Hist.N.Poiss.Ip^.p.l^iS. 

Rafin.Ind.Itt. Sic. p.i6.sp. 66. Nacc.ltt. Adriat.p.il^. sp. 5o. Risso, Hist.Nat. HI. p.l^o-].sp. 324. 
SCi^NA LABRAX, Bloch, Hist. Poiss. IX. tah. 3oi, Shaw, Gen. Zool.IV', P. ii. 77,534. 
SCi^NA PDNCTATA, Bloch, Hist. Poiss. IX. tah. 3o5. junior 
sci^NA DtAcANTHA, Bloch. Ilist. Poiss. IX. iah. 3oa. 

CENTROPKOMDs LUPUS, Lacép. Ilist. Nat. Poiss. IF.p 267. Rafia. Ind. Itt.Sic.p. 17. sp. 71, 
CENTKOPOMUs LiNEATus , Lacép. lìist. Nat. Poiss. IV. p. 271. Rafin. Ind. Ilt. Sic. p. 17. «p. 72. 
PERCA DiACANTHA, Laccp. Hist. Nat. Poiss.IT. p. 4i8. Schneid. Bl. Syst. posth, p. 85. .sp. 6. excl. var. a 
PERCA (labrax) LUPUS, Cuv. et Falene. Hist. Nat. Poiss. II. p. 56. tab. 11. 

A. OC^pOC^ , Aristot. Hist. Anim. lib. i. cap. v. lih. iv. cap. xi. lib. v. cap. x. Zz&.vi. cap. xiìi. et xix. lib. viii. cap. xix. 

Id. de Part. Anim. lib. iv. cap. viii. et lih. viii. cap. ii. et xxx. Athen. lih. vii. p. 3io. Z/Z». xiv. p. 662. 

Oppinn. Halieut. II. V. i5o. Mlian. lib. ì. cap. xj.yi. p. 56. lib/ix. cap. Vù. lib. x. cap. ìi, lib.z\i. cap.xìi. 
LUPUS, PZi'rt. /fii^. iMund. lib.\%. cap.xy'ù. etUv. Bellon.Aquat.I.p.iiS, inp.iiS. Salv. Aquat.hist.xxwììi. 

p. io8.Jig.5o. Rondel. Pise. Mar. I. lib. ix. cap.yn.p.268.fig. sup.aiuh. fig.in/.]aD. Gesn.Aquat.IV. 

p.5o6, Aldrov. Pise. lib. ìy. cap.n.p.l^Qo.cumfig. Jonst. Pisc.II. lib. ìì. titi. cap. iì. p. 6g. tab. 25. 
fig.5. Willughb. Ichlhyogr.lib.iv. cap.\. p.^^Ltab. R.i.fig.ex Salv. Ray, Synops. Pise. p.S5. sp.i. 
SPIGOLA sive LUPUS, P. Jov. Pise. Rem. cap. ix p. 64. 

PERCA radiis pinnse dorsalis secundae i5, ani 14, Arted. Gen. Pise. p.!^i. sp. Id. Synon. p.6g. sp. 

PERCA pinnis dorsalibus dislinclis, pinnae dorsalis secundae radiis quatuordecim, Linn Mas. Ad. Fred. II. p. Q3. 
LARRAx sive Lupos, dorso caeruleo ex albo, mentre candido, Klein, H. Pise. Miss. y.fasc.ìX. p.25. .ip. 1, 
LUPO, Cetli, Pesci Surd. III.p. i5i. 

BAR, Belon, Nat. et Pourtr. Poiss. I. p. ii5- fig.in p. ii5. Duhamel, Péch. II. Sect.Vi. p. il^i. 

LOUP, Dauhenlon, DCot. Ichth. in Enc. Meth. Hist. Nat. IH. p. 207. Cui'. Tabi. Elem. p. 552. sp. 3. 

BAR3 COMMON, Cuv. Règn. Anim. 2. ed. II. p i53. 

B. \ssE, Penn.Brit.Zool. p. 348. tab. 60. Donov.Brit. p'ish. tab.^5. Yarrell, Hist. Brìi. Fish.I .p.6. fig.i. 



Ebbero i Greci prediletto tra' pesci per le vivande quello cui dissero Labrax 
forse dalla sua velocità Ilapa Tvjg l&fjpavom, come leggesi in Ateneo: la quale etimo- 
logia non si discosta dal suono della parola quanto altre che da pareechj diversi au- 
tori ci furono riferite. Ma qual altro pesce fu detto prole de numi come il Labrax? 
Non conosciamo alcuna favola nell'antica mitologia che giustifichi presso la sapienza 
de' Greci una denominazione che si rivendica appena da' semidei. Pure tanto potè un 
Archestrato di Mileto! Ma che coloro che sanno, e il maestro Aristotile dicessero che 
il Labrace sia di acuto orecchio, e sensibilissimo al freddo, ne troviamo plausìbile 
ragione per entro al contesto; perchè eglino osservarono ad un tempo che quel pesce 



è 



LIBRAX LUPUS. 

nuota a poca profondità; dal quale costume si ripete ancora la sua paura de' tuoni, e 
la maggiore mortalità a cui va soggetto nell'inverno. Si passino le altre meraviglie che 
Ninfiodoro, Oppiano, ed Eliano stesso fra' Greci narrano di questo prezioso abitatore 
delle acque; e rammentiamo soltanto che tutti i caratteri del Lahrax de' Greci si rin- 
contrano nel Lupus dei Latini, sul quale molto ebbe a discorrere l'antica ghiottoneria. 
Ove dunque i primi nominarono il pesce dalla celerità del suo moto, i secondi lo chia- 
marono dalla sua nota voracità. Il qual nome di Lupus si fe' Lupo in Ispagna; come 
nella Francia meridionale in grazia della stessa lingua romanza si volse in Loupj quan- 
do nelle provincie del Nord dicesi Bar : e mentre per uso volgare nato dal peggiora- 
tivo LupacciOj o dal diminutivo LupaccloIOj si conosce per Lubas^ Lovasso e simili nella 
Liguria e in alcune altre parti d'Italia. I Veneti però lo dicono Brancin^ Favolo, e 
quando è giovine e macchiato Baìcolo; Varolo esclusivamente i Marcheggiani. A Napoli 
chiamasi Spinola; in Sicilia Spinula o Spinola; in Malta Spinotto; in Toscana il Ragno, 
Mentre però altrove si conserva un qualche suono del greco o del latino nel de- 
nominar questo pesce, dalla moderna Roma gli viene assai tramutato il nome in quello 
di Spigoldj carissimo a quanti si piacciono di soddisfare al palato : nome di cui l' uso è 
tanto esclusivo di ogni altro, che se ad un forastiere dimandar piacesse del Labrace^ 
del Lupo o del RagnOj ninno il comprenderebbe de' pescivendoli, e molti lo accompa- 
gnerebbero con le risa. Se però di codesto vocabolo Spigola volesse alcuno indagare 
l'origine, vegga se può esser prodotto dal romanesco svicolare o sbicolare^ cioè sfuggi- 
re, e deludere con una fuga inaspettata le insidie; e ponderi quella proprietà di esso pe- 
sce ricordata dagli antichi e da' moderni, l'esser cioè molto scaltrito ed astuto per cam- 
pare dalle reti, oltre l'essere veloce e fuggiasco siccome abbiam veduto di sopra. Al 
qual proposito gradiremmo che meglio s'intendesse un luogo de' frammenti dell' Alieu- 
tico di Ovidio, che dice 

Clausus rete Lupus, quamvis immanis et acer, 
Dimotis cauda submissus sidit arenis; 
Atque ubi jam transire plagas persentit, in auras 
Emicat, atque dolos saltu deludit inultus. 

Ove, non già come vuole il Cuvier al seguito di altri Naturalisti, e dello stesso Paolo 
Giovio che scriveva in Roma e alla mensa del Papa, non si dovrà, dico, interpre- 
tare che il pesce incappato nella rete fori la sabbia con la coda, e vi penetri uscendo 
dalle maglie col fare un cono di se stesso con la parte più sottile del corpo; ma piutto- 
sto, che facendo esso quasi una mestola della sua coda si tiri addosso l'arena e la mel- 
ma, sotto la quale appiattato per celare il bel colore d'argento, allora soltanto che si 
traggo all'aperto spicca repentinamente un salto fuori della rete, e brillando si rituffa 
nelle acque. Della quale interpretazione chi dubitasse legga di grazia il capo secondo 
del trentaduesimo libro di Plinio, e vedrà chiaramente detto, ma non bene osservato 
fin ora, Lupum rete circumdatum arenas arare cauda j atque ita conditum transire rete ; 
quando quell'altra astuzia di scampare per la coda sforzando non le maglie della rete 
ma i vimini delle nasse o bertovello, si adopera dallo Scaro : Scarum inclusum nassis 
non fronte erumpercj nec infestis viininibus caput insererej sed caudae ictibus crebris 
laxare foreSj atque ita retrorsum erumpere. Quando però il nostro Lupo si rimane 



LABRAX LUPUS. 



piccato agli ami, allora con violento moto dilata si fattamente la piaga, che ne fa uscire 
l'uncino, ed evade: 

quassatque caput, dum vulnere saevus 

Laxato cadat hamus, et ora patentia linquat. 

{Oi>id. l. c.) 

Che se l'astuto fuggire del Lahrax gli meritò da' pescatori romani il nome di Spigola^ 

0 Svigolttj niente altro forse gli avrà acquistato in Toscana quello di Ragno che abbiamo 
detto di sopra, se pure non vogliam dire, che siccome conobbesi, al dire di Plinio, una 
specie di Ragni col nome di Lupi, fosse così avvenuto lo scambio tra l'insetto ed il 
pesce, cosa da non recar meraviglia in quelli paesi che la lingua ricevono dal volgo. 

Ora, non essendo più dubbio alcuno sull'identità del Lupo^ LomssOj Ragno ^ o Spi- 
gola col Lahrax dei Greci [Perca Lahrax^ L.) ben giustamente il Cuvier alzò la voce 
contro il nordico Pallas che onorò di tal nome un pesce totalmente diverso del mare 
del Kamschatka: e siccome esso Cuvier fe' divenir suggenerico il nome specifico La- 
hrax j così ottimamente scelse a denotar la specie quello di Lupus riunendo le due lin- 
gue più dotte dell'antichità; Lahrax però per noi, come abbiamo notato nell'articolo 
della Perca JlmiatiUsj è un genere di Percini affinissimo alla Perca, ma distintone 
per non dubbiì caratteri. 

Il corpo è più allungato, meno alto gibboso e compresso di quello che non suol 
essere nelle vere Perche, vestito di scaglie mediocremente grandi e aderenti con tutta 
tenacità. La bocca è grandissima, giungendo la sua fessura al terzo del capo: le ma- 
scelle sono un poco disuguali, giacché l'inferiore sporge alcun che di là della superio- 
re, che però è alquanto esertile: le labbra sono semplici ma carnosette. Il mascellare 
angusto nella parte superiore si slarga all'apice ove è conformato a cuneo tronco. I denti 
sono a scardasso ma validi e acuti, disposti in una zona che va ristringendosi all' in- 
dietro sopra l'intermascellare, in altra fascia a cavalletto sull'apice del vomere, e lungo 
ciascun dei palatini che sono corti : il palato è fornito di membrana trasversa ma pic- 
cola e stretta: la lingua in tutto simile a quella delle Perche, distinta però eminen- 
temente per avere denti finissimi disposti in una ovale allungata sopra la sua base, con* 
un'altra aggregazioncella sopra ciascuno dei suoi lati, e per essere aspra eziandio sulla 
punta. Grandemente fessa è l'apertura branchiale coi sette raggi della sua membrana 
arcuati, il più elevato dei quali è più largo degli altri. Numerosi pori destinati alla se- 
crezione del muco foracchiano il contorno delle narici : ambo i fori di ciascuna sono 
rotondi e presso che uguali, posti in molta yicinanza fra loro sopra il margine fron- 
tale del primo sottorbitale, il quale è grande, piuttosto liscio, triangolare e integro sui 
margini: esleso e dentellato è il preopercolo: la gota tutta squamosa, come è pure tutto 
l'opercolo, non meno che il subopercolo e l'interopercolo, che non hanno nè dentelli 
nè spine. La linea laterale un poco superiore è quasi retta. L'ano può dirsi situato alla 
metà circa del corpo. Le otto pinne non sono del tutto sfornite di scaglie, essendone 
coperte alla base non solo la caudale ma anche le pettorali; mancano però di scaglie 
ascellari. Le due dorsali sono contigue e non molto disuguali; l'anteriore ha origine 
molto indietro alla perpendicolare che cade sul termine dell'opercolo: spinosi sono tutti 

1 suoi raggi: la seconda è di questa più breve ma però più alta, ed ha i raggi ramosi, 
eccettuato il primo: le ventrali nascenti sotto le pettorali e assai più innanzi della pinna 
dorsale anteriore, del resto come le altre pinne, somigliano a quelle del genere Perca. 



LABRAX LUPUS. 



Ristretto in tai limiti questo ben definito gruppo, lasciando da parte le varietà del 
Mediterraneo orientale, sulle quali può cader dubbio, conta cinque o sei specie, fra le 
quali primeggia il celebre Rock-Fish degli Anglo-Arnericani [Labrax lineatuSj, Cuv. ) 
più pregeyole anco del nostro in sapore abbondanza e bellezza, ma sopralutto in mole. 
Due altre specie si rendono ragguardevoli, una, anch'essa appartenente all'America Set- 
tentrionale, dall'avere perfino il mascellare scaglioso [Lahvax mucronatasj Cuv.), Tal- 
Ira (Z». JVaigiensiSj Cuv.) per la forma somigliante alle Perche. Ve n'ha per l'opposto 
una di corpo anche piìi allungato della nostra Spigola detta perciò Labrax elongatusj 
Cuv. che vive presso le foci del Nilo: le altre specie sono proprie dei mari Indiani. 

La più grande altezza del Labrax Lupus ha luogo poco dietro le ventrali ed è com- 
presa quattro volte e un quinto nella lunghezza totale del pesce, mentre la maggior 
grossezza vi entra nove volte. Il capo sorpassa in lunghezza l'altezza del corpo. Lo 
spazio fra la dorsale posteriore e la pinna caudale occupa la quinta parte e mezza di 
questa intera lunghezza: n' occupa la sesta parte e due terzi quello che corre fra la 
pinna anale e la stessa caudale. La porzione assottigliata nell' indietro del corpo fra le 
nominate pinne, penetrante nella pinna caudale per un seno rotondalo, è compressa 
in modo che la sua grossezza non ha se non la metà dell'altezza e poco più della quarta 
parie della lunghezza. Il culmine del dorso dalla punta del muso fino alla dorsale ante- 
riore corre in linea alquanto convessa, poscia sotto essa dorsale si fa leggermente con- 
cavo, e di nuovo torna convesso sotto la posteriore; riprende poscia una linea alcun po- 
co concava fino alla coda. La carena del ventre dal muso fino alla pinna anale non è 
che una curva regolare dolcemente convessa: la nuca, il dorso e il ventre sono tra- 
sversalmente rotondati, sola rimanendosi compressa e piana la parte posteriore assot- 
tigliata. L'occhio è collocato sopra la commissura della bocca, quasi due volte più vi- 
cino al muso che all'apice dell'opercolo: il suo diametro longitudinale alquanto più 
lungo del verticale raggiunge oltre ad un quinto la lunghezza del capo. Una serie di 
piccoli ossicini riuniti al primo sottorbitale accerchiano l'orbita: esso è grande, piuttosto 
liscio, triangolare e integro lungo i margini. L'inlermascellare non oltrepassa i due terzi 
del mascellare. Il preopercolo molto esteso ha il margine saliente sottile, verticale, e 
minutamente dentellato; se non che l'angolo eh' è rotondato porta dei dentelli un poco 
più forti diretti a guisa di raggi, gli ultimi due dei quali sono vere spinuzze ; il mar- 
gine inferiore è un poco obliquo, armato di robuste spine correnti anch' esse in obliquo 
all'innanzi, ben distanti l'una dall'altra, una o due delle quali più spesso troncate e 
forcute all'apice nei vecchj esemplari. L'opercolo di forma triangolare esteso due volte 
più verticalmente che trasversalmente ha il margine membranoso assai piccolo e sot- 
tile; due spine robuste e schiacciate, divise da una sinuosità, la più bassa delle quali 
è un poco maggiore armano il di lui angolo posteriore. Il subopercolo e l'interoper- 
Golo di forma allungala mancano di dentelli o di qualsivoglia spina. La scaglia sopra- 
scapolare è piccola, oblunga, un poco arcuata, rotondata posteriormente, integra sui 
margini: lunga è quella scapolare, stretta e intiera. L'omerale è rotondato sopra le pet- 
torali e appena dentellato. La linea laterale nasce all'angolo dell'osso mastoideo poco 
al disotto della quarta parte superiore dell'altezza del pesce; scende alquanto fino al 
punto corrispondente al mezzo della dorsale anteriore, e prende ivi leggera inflessione; 
quindi scorre in linea retta sino alla pinna caudale, dividendo per metà la parte 
assottigliata del corpo : essa linea viene segnata da una serie di punti allungati rilevati 



LABRAX LUPUS. 



e eontigui sopra ciascuna scaglia. Circa settanta scaglie contansi nella lunghezza, e 
circa ventitré nella maggiore altezza, e tutte di figura pentagona, cioè composta da 
un quadrato e da un triangolo; nelle q:uali i due lati piccoli cioè quelli da' quali si 
forma il triangolo, costituiscono il margine yisiLile eh' è sottile, memhranoso, e minuta- 
mente dentellato ; le due parti laterali sono integre, il margine radicale dentellato ; la 
superficie coperta di piccole granulosità sopra la porzione scoperta, striata sulla parte 
nascosta, dal cui centro si divaricano otto o dieci raggi disposti a ventaglio fino al 
margine radicale. L'ano è piìi vicino alla coda che al muso quanto è lunga la nona 
parte del corpo. La pinna dorsale anteriore è posta molto indietro del perpendicolo che 
corrisponde alla punta dell'opercolo; la distanza che corre dalla sua inserzione alla 
punta del muso è contenuta poco più di tre volte nella lunghezza totale: essa pinna 
è lunga quanto i tre quarti della lunghezza del capo, alta più di un terzo: presenta 
nove raggi spinosi, il primo de' quali è hrevissimo, il secondo doppio del primo, il 
terzo doppio del secondo, il quarto e il quinto i più lunghi; gh altri gradatamente de- 
crescenti in modo che l'ultimo non è più lungo del primo. Nasce la seconda dorsale 
alla hase della prima ed è di un quarto meno estesa di questa in lunghezza, ma di nn 
quinto più elevata: tredici sono i suoi raggi, il primo, spinoso, è di metà più corto 
del terzo ch'è il più lungo : tutti gli altri sono ramosi e vanno diminuendo a gradi fino 
all'ultimo che riesce più corto di poco- del raggio spinoso. Le pinne pettorali sono pic- 
cole non uguagliando che la metà dell'altezza del corpo,, ed hanno sedici raggi, il primo 
de' quali più corto degli altri e non ramoso henchè molle. Le ventrali nascenti un poco 
più addietro, delle pettorali, ma avanti la dorsale anteriore,, sono presso, che uguali alle 
medesime ed hanno cinque raggi ramosi oltre il raggio esterno consistente in una 
robusta spina e più corto per metà degli altri raggi.. La pinna anale leggermente ar- 
cuata sul margine nasce sotto la parte posteriore della seconda dorsale, ed uguaglia 
tanto in altezza quanto in lunghezza la nona parte della lunghezza totale del pesce; 
ed in essa pinna sono tre raggi spinosi, il primo de'quali è tre volte più breve del 
terzo, e neppur giunge alla metà del primo dei raggi ramosi che sono in numero di 
undici. La pinna caudale, lunga quanto la sesta parte del pesce, è un poco forcuta 
col lobo superiore più lungo, ed ha dieeisette raggi tutti ramosi, meno i due estremi 
che sono semplici:, tutti però sono coperti alla base di scaglie che si estendono quindi 
in piccole fasce longitudinali sopra la membrana che li riunisce. 

Il colore generale del Lahrax Lupus, è un cinereo argentino,: il dorso^ vien riflesso 
da un turchino, d'acciajo, che neU'opercola, e quasi generalmente nel capo, volge in 
verde aurato : i fianchi però, hanno le cangianze turchine più languide, le argentine 
più splendide: il ventre è di un bel bianco splendente: l'apice della mascella infe- 
riore è grigio scuro. L'iride dell'occhio è d'un colore d'argento. Ciascuna scagha è ar- 
gentea nel centro, il che produce lungo, il corpo una ventina di file longitudinali 
poco, più splendenti del fondo. Lungo il dorso piccole congerie dii tratti nerastri for- 
mano quattro, linee al disotto della dorsale anteriore, tre sotto la posteriore e due 
sopra la parte assottigliata del corpo, poco visibili. Le pinne sono- tutte di un color 
cinereo, ma più pallido, e quasi bianco» sulla prima dorsale, sulle pettorali e sulle ven- 
trali; più scuro poi sulla seconda dorsale,, sull'anale e sulla caudale. 

Non però questi colori sono invariabili ;• imperoccliè alcune volte veggiamo' il nostro' 
pesce sparso- d'alcune macchiette o brune o, nerastre sul dorso,, che quantunque senir 



LABRAX LUPUS. 



Lriiio proprie dei giovani, e delle femmine soltanto, tuttavia ci parrebbe ardito il ri- 
putarle assolutamente distintive dell'età e del sesso. Questo screziato che d'altra parte 
si rinnuova in molti altri pesci, e segnatamente nel Dentice e nel Barbo, ha fatto dire a 
quasi tutti gli autori che due sono le sorta di Labrax. 

Ventisei vertebre ha lo scheletro, tredici paja di costole, essendo l' interspinoso 
dell'anale sospeso alla decimaquarta vertebra. Il cranio è men largo di quello delle 
Perche. Il fegato è piccolo posto trasversalmente. La vescichetta del fiele grande. Le 
appendici cecali in numero di cinque, tre da un lato del piloro, tre dall'altro piuttosto 
lunghe: l'intestino non fa che due ripiegature. Semplice e grande è il notatojo esteso 
dalla faccia concava del fegato lino all'ano: la sua prima membrana è di un bel 
bianco, erta ma debole; la seconda sottile e periata. 

Questo pesce in tempo di maturità suol esser lungo un piede e mezzo in circa, 
ma non di meno cresce talvolta a due piedi, a due e mezzo, e raramente anco a tre; 
onde è che d'ordinario non supera il peso di quindici o venti libre: e pure chec- 
ché dicesse in contrario Cuvier, il quale non ebbe fede al peso di alcune Spigole 
ascendenti a trenta libre, noi ne abbiam pesate per fin di quaranta sulla nostra bi- 
lancia. La squisitezza della sua carne fa che le mense se ne onorino, benché più non 
si creda alla sua discendenza celeste, e quindi la si fa continuamente pescare: al qual 
uopo si accorre con reti, con ami non meno al profondo che alla superficie dell'acqua, 
e con altri ingegni atti ad ingannare la sua voracissima gola, che d'altro però non si 
degna che di viva preda, e specialmente di Crostacei, in cerca dei quali si avventura 
tra gli scogli quando il flutto li discuopre. 

Oltre quel che abbiamo avvertito della voracità, dell'udito, della sensibilità, del- 
l'astuzia, giova ora aggiungere che nuota il nostro pesce in piccoli branchi lungo le 
coste, che gli piace l'entrare dal mare nelle acque dolci rimontando i fiumi a gran di- 
stanza dalle foci, e che depone le uova vicino alle imboccature e presso il lido verso 
il principio di autunno. Così prima del nemico inverno provvede alla sua specie. 
Abita in tutto il Mediterraneo, e in molte parti dell'Atlantico, ma ne' mari del più 
freddo settentrione o scarseggia o non esiste affatto; a tale che i libri de' naturalisti 
di quelle regioni non lo descrivono. Prive però non ne sono le coste meridionali delle 
isole Brittaniche : e vedesi talvolta perfino sulle spiagge scandinave come insegna il 
Prodromo della Ittiologia del Professor Nilsson che ci giunge nel punto che scrivia- 
mo. Nel Mediterraneo poi tanto piìi abbonda quanto il soggiorno è più tiepido. Ma 
quello che salito nel Tevere sia stato travagliato dalla corrente, e siasi pasciuto del 
lezzo della città, piglia un sapore ed una mollezza anco maggiore dell' ordinario, la 
quale pure è notabile assai nel giovane, poco però nella femmina quando è gravida. 
Perciò le Spigole pescate nel Tevere tra' due ponti, cioè vicino allo sbocco della cloaca 
massima, proprio là dove il fiume é cosi rapace che non tollerò mai gli archi quan- 
tunque robustissimi e più volte rinnuovati del Ponte Emilio, furono presso gli antichi 
riputatissime, ed ebbero il nome distintivo di Lupi lanuti,, de' quali e Plinio in più luo- 
ghi e Columella, e Macrobio, ed Orazio piacevolmente parlarono: non già lanuti o Za-. 
neij perché fossero villosi, o alcuna lanugine avessero nel corpo, ma nel senso figurato 
di teneri e morbidissimi, come lanci si dissero i piedi de'Numi per la ben supposta 
leggerezza, e Catullo chiamò laneo il fianco di quel Tallo cinedo così gentilmente 
minacciato da lui, per avergli rubato il pallio e il fazzoletto. 



APOGOrV REX-MULLORUM 



RE DI TRIGLIE ROSSO 



JPOGON aureo-ruher pimctuìis nigris conspersuSj macula ad basini caudae nigricanti: 
dentibus unifoirmibus i corporis longitudine altitudinem triplo superante', capitis longi- 
tudine altitudinem corporis acquante. 

1. 3. 6. a. D. 1/9. F. la. J^. i/5. A. 2/8. ^.19. 

MDLLUS iMBEKBis, Liun. Syst. Nat. I. p. 469. sp. 3, Gmel. Syst. Nat. I. p, i34i, sp. 3. Bonnat. in 

Tabu Enc. Ichth. p. 'sp.5. 
APOGON BCBER, Lacèp. Hist. Toiss. III. p. 4l2. Risso, Ichth, Nie. p^2i5, sp. l. Id. Hist. Nat. III. 
p. 383. &p, 298. Eafm. Ind. Itt. Sic. p. 27. sp. 189. 
I DIPIERODON BDBER, Rafiìi. C uvatt. p. sp. 125» id. Itt. Sic, p. 26. sp, 18^. 

CENTKOPOMBS RUBENS, Spinola, in u4nn. Mas. Hist. Nat. X. p. 370. tah. xxs'uì.Jìg. 3. 

PERCA PUSILLA, Delaroche , Mem. Poiss. Ivic. in Ann. Mas. Hist. Nat. XIII, p, 3i8. nec Brunn, 

APOSON REx-MULLORDM, Cuv.inMeni.Mus.H. N.I.p 556. tah. xi.fig.2. Cuv.et Kalene. H.N .Poiss, II.p.\l^5. 

coRvuLus, Gesn. Aquat^ IV^.p. ii']5, cumfig. Aldrov. Pise, lib.i. cap. xv. p. 75. cum fig. 

MciLLus iMBERBis sive REX MULLORUM Willugb. Ichtyogc. Ub.ìv . cap^x- p. 2S6. Ray, Synops.Pisc.p.gi. sp, 5. 

TRiGLA Capite glabro, tola ruhens, cirris careiis , Avted, Gen. Pisc.p. I^5.sp.5. Id.Synon.p.']i.sp,5. 

AMIA, Gronov. Zoophyl. p^So. lab. \x.Jig-2. 

KOI D£S RODGETS, Daubeiit. Dict. IcìUh. in Enc. Meth. Hist. Nat, III. p. 556. 
APOGQN BOUGE, -Lacep. loco citato. 

APaGON ROi UES ROOGETS, Cuv. Règu. Aniiìi, II. p. 29,6. Id. Ihid. 2. ed, II. p. i5o. 



Ejccocì al tipo del terzo gruppo cte'Percini a due dorsali conosciuto in Ilalia : al 
quale chi superficialmente guardasse nella figura che ne porgiamo, e all'incantesimo si 
fermasse del fo.rte rosso metallico che lo tinge, facilmente direbbe non altro egli essere 
che una specie di Mullusj e andrebbe al pari con tanti scrittori, de' quali troppo saria 
lungo il solo annoYerar le opinioni. Molte però a chi bene osseryi appariscono le diffe- 
renze tra questo ed i Mulii, al tempo stesso che i caratteri suoi lo includono tra i Per- 
cidi. Qualche non lieve dissìmiglianza si frappone è vero tra questo pesce e gli altri 
stessi Percini a due pinne dorsali, ma nè la mancanza di alcuni caratteri può farlo 
escludere da un gruppo cui reahiiente appartiene; nè la presenza di altri può inclu- 
derlo a buona ragione in uno essenzialmente diverso. Che se inopportuna ed inutile 
ripetizione sarebbe F esporre le particolari differenze tra questo pesce ed i Mulli, tut- 
tavia dalla descrizione che qui daremo, si verrà chiaramente a scorgere che non si 
deve servire ad alcune apparenze soltanto esterne, e molto meno appoggiare la classi- 
ficazione su di esse. 

Primo fu il Willughby a produrre questo animale offertogli da pescatori Maltesi 
sotto il nome di Re di Triglie ch'egli malamente credette suggerito dalla statura a cui 
fosse cresciuto, e si vantò di aver trovato un vero Mullo imberbe, nel quale per eccesso 
di gioja non avverti come i denti e specialmente quelli del palato lo separano da' Mulii 



APOGON REX-MULLORUM. 



anche più che non ne dista quella stessa Trigla che ingiustamente il nome di Mullus 
imberbis erasi fino a quel tempo goduto; ed alla opinione del Willughby si attenne- 
ro tutti quelli che dopo lui fino a' giorni nostri parlarono di questo pesce, del quale 
neppure un motto avevano fatto gli antichi: ma ebbene qualche incompiuta notizia il 
Gesnero, dappoi che lo riportò nelle sue Tavole. Dobbiamo al Signor di Lacépède la 
di lui classificazione in un genere particolare. Sotto il nome di Jpogon riiber lo separò 
egli da' Mulli, non perchè ponderasse i suoi caratteri più importanti, ma solo per tro- 
varlo privo di barbette; nè lo riavvicinò alle Perche, come Linneo ed Artedi avrebbero 
saputo fare, se ne avessero avuto contezza. E forse egli stesso lo conobbe soltanto per 
la descrizione altrui; perchè al contrario non gli sariano sfuggite all'occhio le affinità 
di questo suo Jlpogon coi suoi pretesi OstorhynchuSj Dipterodorij e Centropomus auraius. 
Nè lo Spinola poi, nè il Rafinesque sebbene sufficientemente lo descrivessero, seppero 
riconoscerlo; lo considerarono essi come nuovo, non potendo, nell'averle sott'occhio, sup- 
porre giammai essere stato posto da' loro predecessori tra'Mullì, e perciò sono degni di 
scusa; ma non così il Risso che lo sostenne vicino ad essi facendone un suo Miigilide. 
Nè sappiamo il perchè dicasi da Cuvier che il detto autore abbialo esposto per quello 
che realmente si è. Esso Cuvier fu per verità quegli che da suo pari seppe distinguere 
il genere degli jdpogoni di cui può dirsi il vero fondatore; e fin dal ioi5 tra le me- 
morie del Museo d'Istoria Naturale di Parigi, una ne dedicò a bandire ogni incertezza 
relativa a questo grazioso pescetto, nella quale distrusse i generi stravaganti che il La- 
cépède avea stabiliti sopra specie non solo congeneri ma affinissime al nostro Apogon. 

Abbiamo già visto all'articolo della Perca Jliwiatilis quali sieno i caratteri essenziali 
del genere jlpogonj che come il Pomatomus ed un altro piccolo genere esotico detto dal 
Lacépède Cheilodipterus si distingue nella sua serie di Percini per aver brevi le pinne 
dorsali e scostate l'una dall'altra, non meno che per la facilità con cui gli cadono, 
come a' Mulli, le scaglie. Gli Apogoni del resto hanno il corpo cortino, poco compres- 
so, e assai ventricoso nella parte media, coperto di scaglie grandi, sottili, facilmente 
caduche, ruvidette sul loro margine: il capo corto, ottusetto, privo di appendici; ed 
assai differentemente dalle vere Triglie fMbdliJ lo spazio compreso fra la bocca e gli 
occhj è molto breve, poco essendo prolungati l'etmoide e i sottorbitali. L'occhio è 
assai grande. La bocca è mediocremente fessa e poco protrattile : ambedue le mascelle, 
delle quali l'inferiore è alquanto più sporgente, scorgonsi armate di una stretta fascia 
di denti a scardasso, ma fitti molto e sottili: una fascia a V rovescio di simili denti 
occupa l'estremità anteriore del vomere, e ve n'ha una piccola striscia sopra ciascun 
osso palatino: le ossa faringee sono fornite di denti maggiori. La lingua è libera, ottusa 
e molle sulla cima, senza alcun dente o veruna altra asprezza. Sette, come in tutti i 
Percini a due dorsali e non tre come nelle Triglie, sono i raggi della membrana bran- 
chiostega. Il preopercolo è sottilmente dentellato con una cresta sporgente, assai nota- 
bile per formarvi quasi un doppio margine. La porzione ossea dell' opercolo vien ter- 
minata da un piccolo ma saldo angolo alquanto ottuso. Tanto le gote quanto tutt'i pezzi 
opercolari sono guarniti di scaglie, la pelle del cranio però ne rimane priva, come pure 
il muso, le mascelle e lo spazio interoculare. La linea laterale molto più prossima al 
dorso che al ventre segue presso a poco la curva del primo : ciascuna delle scaglie che 
la segnano hanno tre piccole elevazioni, o per meglio dire tre tubetti sporgenti. L'ano 
è situato poco più innanzi della metà del corpo. Le otto pinne sono affatto sprovviste 



APOGOPi REX-MULLORUM. 



di scaglie, aTTanzandosi queste di poco sulla stessa caudale. Le due dorsali sono fra 
loro divise da distanza non lieve, ma ben lontana dall' uguagliare Io spazio che se- 
para quelle dei Mulli: ed esse pinne sono brevi, composte di pochi raggi gracilissimi 
tutti, eziandio gli spinosi. La prima ha origine sopra la perpendicolare che cade sul 
termine dell'opercolo, ma dietro il punto corrispondente alla inserzione delle pettorali: 
la seconda è più lunga e piìi alta della prima la cui altezza uguaglia colla lunghezza. 
Le ventrali sono collocate molto innanzi alle pettorali. La pinna anale tanto per la 
posizione quanto per la figura corrisponde con perfetta simmetria alla seconda dorsale. 
La caudale è poco forcuta. 

L'Apogone del Mediterraneo è il solo che trovisi in Europa; Molte altre specie 
però popolano il Mare dell'Indie. Al tempo ancora che scriveva il Cuvier era opinio- 
ne comune che ninna specie abitasse l'Oceano Atlantico nè sulle coste di Africa nè 
molto meno su quelle d'America: tuttavia in queste bande ne sono state non ha guari 
scoperte, e di giorno in giorno si scuoprono, specie del tutto somiglianti alla nostra. 

Questo Re di Trìglie rosso è alto quanto un terzo, largo quanto un quinto della 
sua lunghezza. Il capo uguaglia in lunghezza l'altezza del pesce. La parte superiore 
del cranio ha piccole ineguaglianze, e sotto le branche della mascella inferiore sono 
due linee laterali rilevate. L'occhio collocato molto innanzi alla commissura della bocca, 
due volte piìi vicino alla punta del muso che al margine posteriore dell'opercolo è 
grande quanto lo spazio che lo separa dal margine inferiore del medesimo, e poco 
meno d'un terzo della lunghezza del capo: l'intervallo che corre fra un occhio e 
l'altro uguaglia i tre quarti del diametro dell'occhio. La forma del corpo fino al ter- 
mme della seconda pinna dorsale e della anale si può paragonare ad una ovale, quivi 
si ristringe di subito, e le due carene del dorso e del ventre si prolungano in linee 
quasi rette: lo spazio assottigliato che queste circoscrivono raggiunge d'un quarto la 
lunghezza del pesce, ed ha in altezza il doppia della sua grossezza, ma solamente la 
metà della lunghezza. Nella maggior altezza del corpo si distinguono otto file di sca- 
glie, ed in ciascuna fila se ne contano venticinque per longitudine. Lo spazio che corre 
fra le due pinne dorsali è lungo in modo che lascia libero il luogo a tre scaglie. La 
dorsale anteriore nasce sul punto ove finisce il terzo anteriore del pesce, ed è poco più 
alta del diametro dell'occhio: ha sei raggi spinosi, il secondo e il terzo de' quali sono 
i pili lunghi di tutti, il primo è tre volte più breve di questo e poco più lungo del 
sesto, che tocca la metà del quarto. La dorsale posteriore lunga più dei due terzi del 
capo conta un raggio spinoso e nove ramosi, lo spinoso è la metà più corto di quello 
che il segue; gli altri decrescono a gradi, talmente che l'ultimo dei ramosi rimane 
uguale allo spinoso. Il numero dei raggi delle pettorali monta a dieci tutti molli: a 
cinque ramosi ed uno spinoso quello delle ventrali: l'anale ne ha due spinosi e otto 
ramosi. La caudale lunga la sesta parte del pesce è poco profondamente forcuta, e vi 
si numerano diecinove raggi ramosi. 

Il colore generale del pesce è un rosso argen teo-dorato, che secondo il variare delle 
stagioni volge più o meno al ranciato, o al cupreo più o men sudicio. Tutto il corpo 
è minutissimamente punteggiato di nero, ma più visibilmente sulle gote e sugli oper- 
coli. Da ciascun lato della parte attenuata del tronco, all'origine della caudale, evvi 
mna macchia nerastra, la quale si triplica sovente come vedesi neiresemplare effigiato; 
e per lo più si osserva una tinta fosca fra l'occhio e il muso, come anche una màcchia 



APOGON REX-MTJLLORUM, 



nerastra mal definita sopra ciascun angolo della pinna caudale, e un'altra simile verso 
l'apice della dorsale posteriore. Le pinne sono di un rosso vivace. L'iride dell' occhio 
è argentea. 

Anche le viscere richiamano quelle delle Perche non già quelle dei Mulli. CortOj 
rotondo e carnoso è lo stomaco: il piloro non ha che quattro sole appendici cecali: 
l'intestino poco allungato non si ravvolge che due sole volte. Grande è il notatojo 
con le pareti sattili e trasparenti. Venticinque vertebre compongono lo scheletro, nove 
delle quali soltanto appartengono all'addome, otto di esse sostenendo le costole. 

Questo pesce dimora nel Mediterraneo ma non in tutti i luoghi ritrovasi nell'istessa 
copia talché mentre spesseggia verso la Sicilia e l'isola di Malta, le coste romane al 
contrario ne scarseggiano assai : ond' è che dopo grandi e ripetute premure pochissimi 
esemplari ne abbiamo ottenuti, e questi senza verun nome volgare, da' pescatori che o 
noi conoscevano, o noi rammentavano. Nell'Adriatico poi non sembra mostrarsi, op- 
pure non lo colsero ancora le reti di quel golfo per quanto sappiamo. Nell'Atlantico po- 
chissimo si estende e, a somiglianza di molti nostri pesci, non fa vedersi che nelle coste 
dell'Africa, ed ancora in queste poco si dilunga. Privo di nome, come dicemmo, sulle 
spiaggie degli Stati romani, come anche in Toscana per quello eh' è a nostra conoscen- 
za, porla in Sicilia quello di Miinacedda russa comune ad altri pesci, in Malta di Re 
di Triglie j come si è visto; nelle isole Baleari di Coqua-vieja-rossa: a Nizza di Sar- 
pananzoi a Genova finalmente ove s'incontra di rado, dicesi Castagnena rossa, il qual 
nome ci piace ricordare per la impressione nataci quando il vedemmo la prima volta 
da una certa somiglianza, che quantunque di famiglia diversa, mantiene col Chromis 
castaneusj che nella Liguria ottiene il nome di Pesce castagna o Castagnola : e per que- 
sta somiglianza sarà stato anche chiamato Corvulus. 

Usa di vivere al fondo delle acque: perciò si vede raramente nè si conoscono i 
suoi costumi. Amoreggia per riprodursi in estate, e soltanto allora si espone alle nostre 
insidie. Offre buona carne, e meraviglioso colore in un grazioso corpicciuolo di quattro 
o al più sei pollici di lunghezza. Se non fosse l'interesse che desta per la particolarità 
de' suoi caratteri ittiologici, giustamente lo si potria lasciar vivere e moltiplicare nelle 
acque. 



64 



SCIJEIVA UMBRA 

S G 1 E N A OMBRINA 



sciJEi^A cinereo^argentea^ subtus àlbida in ochraceum vergens; pinnis decoloribus; cor por is 
longitudine altitudinem quadruplo superante ; pinna caudali truncato-rotundata. 
i.«Z>. IO. i.^'D. i^. P. 17. F. 1/5 A. 2/7 C. 20. 

SCivENA UMBRA, Jjinn.. Syst, NaUl. p. 480. sp. 4. prò parte, imo esclusa diagnosi et synon, Hasselq. Gmel. Syst. 

Nat. I. p. 1298. s-p. 4. prò p. Rafin. Ind. Itt. Sie.p. 17. sp-B;. Cuv.Règn. Anim..2. ed. II. p. 172. 
EHEiLODiPTEROS Aqxjihk, Lacép. Hist. Nat. Poiss. Sappi. F'.p.6SS,tab-xxi.fig.5.^ 
PERCA VANLOO, Risso, Ichth. Nic. p. 29,8. sp.2. iab. ix. fig. 3o. 

SCi^NA AQUILA, Cuv. in Mém. Mus. I. p. 1. Id. Règn. Anim. II. p. 298. Cuv. et Valenc. Hist. Nat. 
' Foiss. p^.p 2^8Uah 100., Risso, Hist. Nat: III. p-^li.sp. 52S. 

SCIjENA iles Grecs, umbra marina des Lalias, umbrina des B.omaìns, Bellon, Pise. Uh. i p.wj.fig.ìn p.. 119. 
vu'&mìik,Jov. Pise. Rom.cap.y.p. 3i. Salv. Hist..Aqaat.p. ii5.Jìg.55. 

LATUS, Rendei Hist. Pisci. lib.\. cap. x.p. loS. cumfig. Gesn.Aquat.. IF'.p. l\']l.cumfig.ex Ronde' 

SCIjENA, sive UMB.RA^ Aldrov. Pise. Uh. i. cap. xvii. p. jS.fig. in pag.. 8l. 

OMBRINA di CANALE, Celti, Pesci di Sard. 1 1 1. p. 129. 

MAiGRE, Belan, Nat. et Pourtr. Poiss. Uh. ì.p. \io.fig..in p. 112. 

MAiGRE paissoN-ROYAL, i?u/jaOT. Pèch. II. Sect. vi.p. \'5'].tab. ì.fig. 3.. 

FEGARO ou MAIGRE, AIGLE elc. Cuv. Règn- Anim, loco citato. 

SCIÈNE AIGLE, Risso, Hist. Nat. loco citato.. 

MAIGRE d' edrope, Cuv. et Valenc. loco citato. 

MAIGRE, PEISREY» FEGARO des Géaois,, DMBJ8.INA des Romains,, Cuv. Règn. Anim.. 2. ed. loco, citalo, 

IjodeTole fu al certo il partito preso dal Cuyier, allorché nella Storia de' Pesci 
pubblicata unitamente col Valenciennes separò gli Scienidi dalla massa dei Percidi^ 
coi quali egli medesimo gli aveva lasciati fin allora frammisti e confusi. È, vero che 
tali due gruppi hanno in comune le condizioni de' pezzi ossei opercolari dentellati o 
spinosi sul margine e delle gote non loricate, pei quali distinguonsi dalle famiglie 
affini. Vero è pure che s'avvicinano per varj altri caratteri, come quello della bocca 
protrattile, delle squame che rivestono il corpo conformate e disposte ad un modo stesso, 
e che perfino ciascuno d'essi è soggetto a quelle modificazioni medesime cui soggiace 
l'altro; ma non è men certo, che gli Scienidi si discostano essenzialmente e in modo 
costante dai Percidi per esser privi di denti sul vomere e sulle ossa palatine, ed hanno 
qualche cosa di particolare nell'aspetto, che risulta immancabilmente da un complesso 
di caratteri esteriori non sempre ugualmente facili ad esprimersi con parole:, di più 
sogliono avere le ossa del capo e sopratutto quelle del muso turgide, cosa che di rado 
soltanto s'incontra nei Percidi, e le loro scaglie al solito men dure si stendono più 
largamente sulle diverse parti del capo. La stessa anatomia interna, analoga nel mas- 
simo numero dei punti, somministra pur qualche carattere di distinzione, perocché il 
notatojo degli Scienidi offre maggior varietà di forme, e struttura più complicata che 
non è quella dei Percidi^ vedendoyisi quasi sempre appendici corniformi in gran co- 
pia, oppure appendici ramose, 

65 



SCLENA UMBRA. 



A rigore le due famiglie Percidae e Sciaenidae andrebbero considerate come co- 
stituenti due serie fra lor parallele, circostanza che spesso veggiam ripetuta nel qua- 
dro della natura. Attenendosi però all' ordinamento lineare eh' è il solo opportuno 
per l'uso prattico convien riguardare come intermedia alle due famiglie delle quali or 
parliamo quella dei Triglidlj, che, prescindendo dai caratteri forniti dai pezzi ossei sot- 
torbitali, presenta alcune specie fornite di denti palatini, e perciò analoghe ai Percidij 
ed altre dal palato liscio, che tendono manifestamente verso gli Scienidi. 

11 numero dei generi e delle specie che costituiscono la famiglia degli Scienidi non 
è gran fatto minore di quello dei Percidi. Analoghi sono i costumi, e simili i van- 
taggi che ne trae l'uomo con destinarli al proprio alimento: anzi il massimo numera 
degli Scienidi ha una carne di sapore anche più squisito, e pareggia o supera la mole 
dei più grandi fra i Percidi. i 

Divìdiamo gli Scienidi in due sottofamiglie. Nella prima sotto il nome di 6'c/aem«f 
poniamo quelle specie che han la linea laterale protratta fino alla pinna caudale; 
nell'altra sotto il nome di Pomacentrini aggreghiamo quelle la cui linea laterale rimane 
tronca sotto la fine della pinna dorsale. Quasi universalmente nelle prime il cranio 
presenta alcuni rigonfiamenti all'esterno, perchè le ossa che lo compongono interna- 
mente sono cavernose: nella seconda le ossa del cranio non sono mai cavernose, e- 
perciò non dan luogo a rigonfiamenti esteriori. 

I tre Pesci de' quali ci accingiamo a tener discorso spettano alla numerosa sotto- 
famiglia degli Sciaeninij hanno servito di tipo ai tre generi del Cuvier Sciaena^ Cor- 
vina ed Umbrincij e sono i soli Europei fra tutti quelli della famiglia.. Più partico- 
larmente poi le tre nostre specie prendono posto in un gruppo di Sciaenihi^ che si fa 
distinguere perchè ha sette raggi alla membrana branchiostega^ laddove i restanti Scice- 
nini vanno a schierarsi in un' altro, in cui i raggi sono in numero minore di sette. In 
questo secondo la pinna dorsale è sempre una sola: nel primo all'opposto la stessa 
pinna ora è semplice, ora più o meno profondamente intaccata, oppure divisa in due. 
Simili divisioni e suddivisioni han luoga pure nella sottofamiglia dei Percini^ come 
abbiam rilevato all'articolo del Serranus hepatus. I tre generi dei quali ci occupiamo 
sono di quella categoria del gruppo da sette raggi branchiostegi^ che ha la pinna dorsale 
più o meno divisa. In essa v'han poi altre condizioni meritevoli d'essere qui riferite. Le- 
ossa del cranio sempre san cavernose, e rigonfie : tutto il capo esteriormente è squa- 
moso: la mascella inferiore suol esser segnata di pori: l'opercolo è osseo e terminato 
con una a due punte piatte; il preopercolo è dentellato, almeno nella prima età del- 
l'animale: le spine della pinna dorsale sana assai valide, e la parte molle della mede- 
sima è molta più lunga della spinosa: l'anale invece è brevissima. Le pietruzze dell'or- 
bano auditivo sono osservabili per la grandezza: il ventriglio ha la forma d'un lungo 
sacco; le appendici cieche sano in numero di dieci, dodici,, e più ancora : il n>otatojo è- 
grandissimo, fornito d'appendici diversiformi, spesso di strana figura. 

Ecco l'esposizione compendiosa dei caratteri che presenta ciascuno dei tre generi 
Sciaena^ Corvina ed Unihrina. Nella Sciaena^ Cuv. i raggi spinasi della pinna anale 
son tenui: Luna e l'altra mascella porta una fila di denti validi, uguali, e la supe- 
riore ha di più una stretta fascia di denti a scardassa : non v'han denti canini : il 
mento è priva d'appendici carnose. La Corvina^ Cuv. ha i raggi spinosi della pinna 
anale assai validij specialmente il secondo : ambedue le mascelle sono, armate di denti 



\ 

4 



SCmNA UMBRA. 

a scardasso, e la superiore soltanto ha di più una fila di denti validi : non v'han 
canini, nè appendici aderenti al mento. 1^' Uinbrina poi è segnalata dalla presenza d'un 
appendice carnosa inserita sotto la sinfisi della mandibola, ed ha tutt'i denti delle 
mascelle disposti a scardasso su lunghe fasce. 

Il più. voluminoso, il più squisito, il meno abbondante degli Scienidi nostri è quel- 
lo, in grazia del quale Cuyier adottò il nome generico Sciaena; e dai Romani anzi uni- 
versalmente dagl'Italiani vien detto Ombrina oppure Uinbrina: i Sardi lo dicono più 
specialmente Umbrina di canale : i Veneti Ombra j Ombria j Onibrela : i Genovesi poi 
FegarOj e i Nizzardi Figou. È più che dubbioso che sia questo il Pesce cui i Greci 
diedero il nome di Imolivo. dal quale fu tratto il vocabolo Sciaena j e non è verosi- 
mile neppure che fosse questa la vera Umbra de' Romani anti chi. Ci sembra piut- 
tosto che la Ix£«jva dei Greci corrisponda al pesce che oggi a Roma chiamasi CorvOj 
e che r Umbra de Romani antichi sia l' Ombrina di scoglio o Corvo di scoglio de' 
moderni. Ma abbiasi pure ognuno l'opinione che più gli sembra plausibile su tal 
particolare; certo è che la Storia della nostra Ombrina e degli altri due Scienidi no- 
strali fu piana ed aperta finché ne trattarono i vecchi Ittiologi dell'Europa meridionale, 
i quali avevano tutti tre i pesci sott' occhio. Non così quando incominciarono a scriver- 
ne quei del Settentrione. Willughby pel primo si fece a dire che le specie del Medi- 
terraneo si riducevano a due sole, e la di lui autorità trasse in errore A.rtedi e Lin- 
neo. Quest'ultimo, dato il nome di Sciaena cirrhosa al Pesce che poi dal Cuvier è stato 
chiamato Umbrina mlgariSj riunì implicitamente dietro l'esempio d'Artedi i sinonimi 
/Spettanti agli altri due pesci, e stabilì sui medesimi una specie complessa cui impose il 
nome di Sciaena umbra,. Tal nome certamente gli fu suggerito dal vocabolo Umbrina 
che trovava in Giovio e in Salviano, e dovette credere che in quello appunto si fosse 
conservata la tradizione del nome Umbra de' Romani antichi. La diagnosi che diede 
però non era tale che potesse competere alla nostra Omè/wa,, ricordava invece i caratteri 
della nostra Ombrina di scoglio o Corvo di scoglioj che poi è stata detta dal Cuvier Cor- 
pina nigra. Altri oculati Ittiologi rinvenuto nelle acque dell'Oceano il pesce detto Maigre 
dai Francesi, il quale a parere di tutti i moderni è la cosa stessa che la nostra Ombrina^ 
e non riscontrando in esso le condizioni espresse dalla diagnosi linneana, applicarono ad 
esso il nuovo nome specifico Aquila. Così fece lo stesso Cuvier : ma a noi piace piutto- 
sto conservar Umbraj che rassomiglia al nome vernacolo Ombrina degl' Italiani. Per ac- 
cordargli tal preferenza, che lo stesso Cuvier ha pur dovuto dargli alla perfine, ab- 
biam pure un'altra ragione, che accenneremo qui sotto. 

La configurazione àeWOmbr'ma h bislunga, attenuata più all'indietro che all'innanzi, 
come suole nella maggior parte dei pesci ossei, e con la carena del dorso più arcuata 
e più acuta di quella del ventre. La maggior altezza, la quale cade al termine del terzo 
anteriore del pesce, è compresa quattro volte e mezzo nella lunghezza totale, e quattor- 
dici volte vi resta compresa l'altezza che ha il tronco poco innanzi alla radice della pin- 
na caudale, punto nel quale maggiormente s' abbassa. La maggior larghezza corrisponde 
all'ottava parte della totale lunghezza. Il capo misurato dalla punta del muso al ter- 
mine dell'opercolo ha una lunghezza oltre a quattro volte minore di quella del pesce 
intiero. Il profilo obliquamente declive è rilevato sulla nuca, alquanto concavo sulla 
fronte. Il muso è ottuso, un poco rigonfio, ricoperto di scaglie. La bocca è terminale. 
I pezzi mascellari nudi, inerrai, angusti superiormente, s' allargano verso il basso in 
figura di cuneo, e stando chiusa la bocca non restano occultati dai sottorbitali. Le lal^- 

65* 



SCr/ENA UMBRA. 

bra sono mediocremente carnose. I margini dell'una e dell'altra mascella sono armati 
d'una fila di denti mediocri, isolati, alquanta uncinati, acuti: frammisti ad essi ve n'ha 
dei minori sulla mandibola, ed altri ve n'ha di simili dietro ai grandi della mascella. 
Non vi son denti ne sul palato, nè sul vomere, nè sulla lingua. Nel disotto della man- 
dibola si veggono tre pori profondi per parte presso la sinfisi. Il diametro dell' orbita 
resta compreso poco men di cinque volte nella lunghezza del capo: dall'occhio alla 
punta del muso corre poco più della misura d' un diametro, e altrettanto corre supe- 
riormente fra un' occhio e 1' altro. I due forami nasali distano fra loro quanto il po- 
steriore dall'orbita, e circa tre volle meno che l'anteriore dalla punta del muso: il pri- 
mo è maggiore e bislungo, l'altro è rotondo. I pezzi sottorbitali hanno poca estensione, 
e son tutti occultati dalle scaglie. L'opercolo posteriormente ha due angoli acuti sepa- 
rati da un seno. Il preopercolo negli esemplari giovani è dentellato sottilmente sul mar- 
gine : con l'età i dentelli s'obliterano, e solo verso l'angolo posteriore il lembo rimane al- 
quanto sfrangiato. La membrana branchiostega è sostenuta da sette raggi. La pinna dorsale 
anteriore ha origine poco più indietro della punta inferiore dell'opercolo, ed è composta 
di dieci raggi spinosi, il primo brevissimo, il secondo poco minore del terzo e del quar- 
to, che son quasi uguali ed hanno in lunghezza un buon terzo dell' altezza del tronco : 
i raggi seguenti decrescono a gradi fino al decimo, eh' è molto breve. Questo si collega 
per mezzo d'una membrana col primo della dorsale posteriore ; talché non v'ha inter- 
ruzione fra le due pinne. Chiudendosi la dorsale anteriore i suoi raggi rimangono na- 
scosti sotto le scaglie che orlano la sua base. Solo il primo della dorsale posteriore è spi- 
noso ed è breve, i rimanenti sono molli, quasi uniformi, lunghi un terzo meno dei 
raggi maggiori della pinna dorsale. Il lor numero varia da 26 a 29, e la pinna in- 
tiera supera il doppio della lunghezza della dorsale anteriore. Le pinne pettorali sor- 
gono subito dietro all'opercolo, e sono lunghe circa un sesto di tutto il pesce: hanno 
un sol raggio spinoso, e i5 ramosi. Le ventrali sono inserite al disotto delle pettorali, 
han la lunghezza di queste, e si compongono d' un raggio spinoso e cinque ramosi piut- 
tosto crassi. La pinna anale sta un quarto più vicino alla caudale che alle ventrali ; la 
sua base non giunge ad occupare la quarta parte di quella della seconda dorsale, e la sua 
altezza supera di poco quella della dorsale anteriore. Ha un solo raggio spinoso, breve, 
tenue, poco visibile, e otto raggi molli. La caudale resta compresa quasi sei volte nella 
lunghezza del pesce, ha il lembo terminale leggermente convesso, è composta di 1 7 raggi 
ramosi, e dista dall'anale oltre a due volte più che dalla dorsale posteriore. Le scaglie 
che vestono tutto il corpo sono più larghe che lunghe, hanno il lembo terminale 
tenuissimo, intiero, un poco arcuato, obliquo, e alla base sono striate sottilmente, non 
intaccate. La linea laterale anteriormente scorre tre volte più vicina al fil della schiena 
che alla carena del ventre, presso il termine del tronco diviene media, e tale si conserva 
fino all'estremità della pinna caudale. Vien costituita da tubi ramosi rilevati sopra le sca- 
glie. L'ano s'apre un poco dietro al punto medio della lunghezza totale. Le dimen- 
sioni fin qui accennate sono state prese sopra un'esemplare assai giovane: nei vecchi 
sono soggette ad alterarsi non poco. 

Il colore di tutto il pesce è un cinereo-argentino, assai chiaro dai lati e nelle parti 
inferiori, scuro sul capo. Secondo che invecchia l'animale, il ventre tende maggior- 
mente ai bianco-ocraceo. Le pinne dorsali e le ventrali sono scolorate, o volgono leg- 
germente alla tinta cinerea. Le pettorali, l'anale e la caudale hanno un color cinereo, 
qualche poco più sordido verso i raggi maggiori. 



4- 



SCI^NA UMBRA. 



Il cranio è costituito dalle solite ossa rigonfie e cavernose internamente, che abbiani 
detto essere ovvie ne' pesci della famiglia.. Le ossa faringee sono, armate di sottili denti 
uncinati disposti a scardasso, e gli archi branchiali portano pure gruppi di denti della 
stessa forma. Dieci intestini, ciechi circondano l'origine del tubo intestinale. Ma quello 
che offre di più curioso, l' esame delle parti interne del pesce è la struttura del notatojo, 
il quale si stende per tutta la lunghezza dell' addome.. La sua figura è conica allungata, 
e porta di qua e di là una serie- di trentasei appendici brevi, ramosissime,, cave interna- 
mente e comunicanti con la gran cavità di tutto, l'organo.. Per le restanti particolarità 
anatomiche ci è d' uopo> rimandare il lettore all' accuratissima descrizione che ne ha 
data il Cuvier.. 

La misura della lunghezza varia da sei pollici a cinque e a sei piedi; generalmente è 
di tre piedi circa. 

YÌN.Q V Ombr'maj, lungoni lidi d'Italia,, e pescasi sopratutto, alle foci dei fiumi. Sog- 
giorna pure nelle acque della Sicilia,, della Barberia, della Sardegna,, della Spagna, del 
Portogallo,, della.. Francia,, ma inoltrandosi verso il Settentrione diviene di mano in 
mano più rara. Suol congregarsi a torme e nuotando produce un romore o grugnito 
analogo a quello dei Pesci caponi_„ ma più forte, che si fa sentire talvolta da più di 
venti braccia di profondità. Il Cuvier inclina a credere che questo, remore,, comune agli 
altri Scienidi ancora, abbia qualche relazione con la complicata struttura del notatojo 
di siffatti pesci.. I pescatori si valgono, di questo- indizio per riconoscere la presenza 
d'un' animale,, che avidamente ricercano, perchè son certi di venderlo^ a caro prezzo: 
infatti è squisito il sapore della sua carne.. Basta scorrere il Giovio per vedere in 
quale- stima fosse a Roma a suoi tempi. Presso^ quelF autore è da leggersi certa novel- 
letta d' un Tamisio, ghiottone famoso, la quale per essere piuttosto, piacevole è stata 
poi ripetuta a sazietà da molti e- molti altri in proposito, dell' Ombrina.. 

Il Cuvier parlando del Maìgre- avverte che la pinna dorsale anteriore,, le pettorali 
e le ventrali sono, d'un color rosso> piuttosto, bello,, e le altre pinne d'un, bruno rossastro; 
laddove nulla di simile riscontriamo noi noW Ombrina.. Di più egli assegna nove raggi 
alla pinna dorsale anteriore del Maìgre e dieci ne contiam noi nel nostro pesce; dieci 
poi ne rappresenta la figura del Cuvier medesimo,, la quale noU: sappiamo con; cer- 
tezza se ritratta da un'esemplare dell'Oceano piuttosto che da un di quelli del Me- 
diterraneo. Anche Belon si fa a dire che il Maigne dell' Oceano, mal corrisponde nei 
colori al nostrale. Noi non vorremmo dare alle asserite diversità, maggior peso, di quel 
rche si meritano : lecito, ci sarà tuttavia, nutrir qualche dubbio, sulla identità perfetta 
finora ammessa.. Che se da un diligente confronto, si chiarisse un giorno, esser il 
Maigre' diverso, di specie ààW Ombrina piuttosto che leggera varietà, della medesima,, 
a quello, resterebbe di diritto, l'appellazione specifica Aquila^, e più citazioni che se gli 
lìiferisconof in modo, esclusivo, andrebbero, eliminate perciò dal catalogo, dei sinonimi 
dell' Ombrina^^ in favore della quale opportunamente: avremmo, noi ristabilito, il nome 
Umbra usato da Linneo.. 

Due sole vere Sciaenae oltre di questa sono, conosciute in oggi dagl- Ittiologi,, la Se. 
hololepidotoi del Capo, di Buona Speranza,, e la So. pama del Gange. Y' hanno altri Pesci 
esotici che a prima vista somigliano^ assaissimo alle SGÌaenaej. ed hanno un gran numero 
di caratteri in comune con esse ; ma perchè sono, fornite di denti canini validi,, debbono 
liferirsi ai generi Otolithus e JhGylodon ài Cuvier,. secondo, che que' canini sono, dua 
s©li.,. oppure accompagnati da altci denti essi pur molto, lunghi., 



CORVINA NIGRA 



CORVINA LOCCA 



coRFiNA supra cinereo-fusca^ subtus alba^ undique argentata^ pinnis ventralibus et anali ni- 
gricantibus: corporis longitudine altitudinein triplo cum dimidio vix superante: poris 
submaxillaribus quinque : radio spinoso secundo pinnae analis robusto^ trigono. 

IO. 2.^D.25. P. i5. ^. i/5 J.2fl C. iQ. 

SClMUk tiMBKA, Linn. Syst. Nat.I.p. 480. *p. 4- prò p. et esci, synon. Hasselq. Gmel. Syst. Nat. I.p. 1298. 

s/j. 4. pfop. Bonnat. in Tabi. Enc. Ichlh. p. iig. sp. 1. Lacép. Hist. Nat. Poìss. III.p. /i5. sp. 1. 

Misso, Ichth. Nic. p. 295. sp. 1. Id. Hist. Nat. III. p. 410. sp. 327. Cuv. Rhgn. Anim. II. p. 298. 

Nacc. Itt. Adr. p. 14. sp. 47- 
SCifiNA NiGRA, Bloch, Hist. Poiss. tah. ^QJ. Nardo, Prodr. Adr. Ichth. sp. ili. nee Gmel. 
jOHNius ììiGEV, Schneid. Bl. Syst. p. "jG. sp. 8, 
SCi^ENA. CAPPA, Ra/in. Ind. Itt. Sic. p. ij. sp. 68. 

CORVINA NIGRA, Cuv.et falene. Hist. Nat. Poiss. V. p- 86. Cuv. Règn.Anim. 2. ed. II. p. ijS. 
COEACINTJS SCBNIGER, ET coRACiNus ALBUS, Rondcl- Hist. Pisc I. lib. V, cup. yììi. p. 126. cum fig. Gesn. 

Acjuut. IV. p.294. cum fig. ex Rondel. 
CORACXNus NiGER, Salv. Hist. Aquat. p. iig. fig. 35. Aldrov. Pisc. lih.ì. cap. xv.p.eg. cum fig. in p. 73. 74. 

JVillughb. Ichthyogr.lib.ìv.cap.xzni.p.5QO.^.i. et §, ii.tab.S. 20./?^. ex Salv. 
TINCA MARINA, Bcìlon. Pise. lib. ì. p. IH .fig. in p. 1 15. Gesn. Paralip.p. ì.l\. cani fig. ex Bellon. 
se i^N A nigro-varia, pinnis venlralibus nigertlmls, èrteci. Gere. Pise p. 39. Id. Synon. p. 

CORVO DE FORTIERA, SalV. locO citato. 

OMBRINA DI SCOGLIO, Cetti, Anf. 6 Pesc. Sard. II I.p. 129. 

CARPE DE MER, Belon, Nat. et Pourtr. Poiss.Ub.ì. p. lo'j.fig.inp. 109, - 
UMBRE, Bonnat. loco citato. 
SCiÈNE UMBRE, Lacép. loco citato. 

SCIÈNE CORBEAU, RissO,loCO citato. 

CORB, cuoRP CU CORBEAU, C uv . Règn. Anim. loco citato. 
CORB noiR, Cuv. Règn.Anim. 2. ed. loco citato. 



r^er quali caratteri distinguasi la Confina di Cuyier dagli altri Sciaenini Europei 
è stato già detto nell'articolo che precede. Ciò che ha di proprio e di piii osseryabile 
il genere sono i denti tenui, disposti a scardasso sull'una e sulF altra mascella, con 
quelli della fila anteriore della mandibola più yalidi, e più acuti degli altri, sempre 
però uguali fra loro. 

La figura del corpo è oyale, convessa anteriormente, attenuata all' indietro, com- 
pressa: la carena del ventre ha un risalto alla base della pinna anale. L'altezza mag- 
giore è compresa tre yolte e mezzo nella lunghezza totale e otto volte e mezzo v'è 
contenuta la maggior larghezza. Il capo, lungo più d' una quarta parte del Pesce, 
ha il profilo declive e il muso rigonfio, con otto pori, cinque sopra e tre sotto. La 
bocca è poco protrattile, e s'apre al di sotto dell'apice del muso. Le labbra sono car- 
nose. I pezzi mascellari, chiusa che sia la bocca, mostrano al di fuori la sola estre- 
mità inferiore. I denti dell'una e dell'altra mascella sono disposti a scardassa sopra una 



ÈORVINA NIGRA. 



larga fascia, quelli della fila anteriore grandetti. Sotto il mento v'han cinque grandi 
pori. Gli occhi distano dall'estremità posteriore dell'opercolo della misura di due dia- 
metri e mezzo dell'orbita, d'uno e mezzo dalla punta del muso, d'uno e un quarto 
fra loro. Il forame posteriore delle narici è ovale, prossimo all'occhio; l'anteriore stà 
in mezzo fra l'occhio e la punta del muso. Sette raggi ha la membrana branchiostega. 
L'opercolo ha le due punte terminali separate da un seno. Il preopercola ha l'angolo^ 
rotondato, è dentellato, ma cinto d'un lembo membranoso. La prima pinna dorsale 
sorge al termine del quarto anteriore del Pesce, ha io raggi spinosi, sottili» il primo 
hreye, ij^^to e il settimo lunghi quasi quanto la metà dell'altezza del tronco, i 
seguentl^ò.^ decrescono con rapida progressione. La dorsale posteriore ha un raggio 
spinoso breve connesso con quelli dell'anteriore e 24 raggi malli; è un quinto men 
alta della prima e s'estende più del doppio. Le pettorali hanno un raggio spinoso, 14 
molli, e sono lunghe un terzo più che non è alta la dorsale. Le ventrali, lunghe quanto 
le pettorali, comprendono un raggio spinoso e 5 molli crassi. L'anale è alta più della 
dorsale anteriore, ha due raggi spinosi validi, il primo breve,, l'altro lunghetto trigono, 
e sette raggi molli. La caudale è troncata, lunga quanto la quinta parte del Pesce,, com- 
posta di 19 raggi, e dista dall'anale quasi due volte più che dalla dorsale. Le scaglie 
scabrette e cigliose sul margine anteriore sono intiere posteriormente e solcate a ven- 
taglio. La linea laterale è costituita da pori tubulosi semplici. L'ano sta un ventesimo, 
più vicino all'estremità posteriore che all'anteriore. 

II colore delle parti superiori e laterali è un cinereo-fosco metallico^ con splendori 
verdi, turchini, porporini o dorati,, che appariscono secondo l'incidenza della luce. 
II disotto è biancastro-argentino. Le pinne dorsali sono d'un cinereo-ocraceo scuro, 
più intenso verso la base. Le pettorali sono cinereo-scure. La caudale è dello stesso co- 
lore, ed ha la base, il termine e il margine inferiore- nereggianti. Le ventrali e l'anale, 
biancastre lungo il raggio spinoso,, sono nereggianti nel resto. 

Le ossa del cranio son cavernose. Le faringee hanno all' innanzi e alTindietro denti 
acuti disposti a scardasso, nel mezzo denti conici ottusi II ventriglio, ha otto appendici 
cieche. Il notatojo grandissimo non ha appendici. Varia la lunghezza di tutto il Pesce 
da sei pollici a venti al sommo. 

È frequente su tutt'i lidi dei mari d'Europa: si pesca pure negli stagni d'acqua 
salsa, non però nei fiumi o nei ricettacoli delle acque dolci.. La sua carne quantunque 
buona è di gran tratto inferiore nel pregio a quella della Sciaena umbraj, ed è men 
ricercata di quella dell' Umbrina cirrhosa. Quasi in tutta Italia e in Sardegna chiamasi 
Ombrina di scoglio j a Nizza Cuorb. A Roma la dicono pure Coivo di scoglio; ma 
a queste appellazioni si sOiStitubcono spesso* i semplici nomi Ombrina o Corvo j,, sia per 
ignoranza, sia per malizia dei venditori.. Del resto, in Toscana dicesi Locca j Ombrina 
Locca j Ombrina di castrOj.OYY.exo Ombrina bastarda: nel Genovesato dicesi Occa_,.Cappa 
nera : nel Veneziano Corbo: de sasso j Corbo d'aspreo in Sicilia Umbrina di niuri. 

Rondelet credè che questo fosse il Corviniis degli antichi; ma a torto, come ben 
dimostra il Cuvier. Se il nome latino Umbra fu suggerito dal colore oscuro,, e v'è- 
un passo di Varrone che non ne fa dubitare, a questo dovette esser datO; in origine,, 
che fra i nostri Sdaeninl è il più fosco. Forse fu applicato, in seguito tanto ad esso» 
quanto al precedente,, e il vocabolo Ombrina.,, che ad evidenza procede da Umbraj. ri- 
mase definitivamente presso^ di noi a quello, dei due, che. gode- di stima maggiore.. 



DM BRINA GIRRHOSA 

OMBRINA CORVO 



VMBRiNA supra cìnereo-argenteaj fasciis obliquisj JlexuosìSj aureis nigro-marginatis : cor- 
poris longitudine altitudinem quadruplo et ultra superante : appendicula menti bre- 
vissinuij, oblusa : cauda truncato-ìunulata. 

i.« D.io. 2 « 2>. 24. P. 17. F. 1/5. A. 2/7. C. 19. 

sciiENA CIRROSA, iVaf. /. p. 481. sp.'S. Gmel. Syst N at.I.p. 1299. 5p.5. Bonnat.in Tali. Enc. 

Ichih. p. i7.\. sp. 9. tah. 55. fig. Qo3. Bloch. Hist. Poiss. tab. 3oo. Naccari, Itt. Adriat. p. 1^, sp. 48. 

NardcXf Prodr.Adr. Iclitli.sp. ii'ì. 
PKKCA vumki Lcieép. H.N. Poiss. II l.p.i&.spZ. Eafin. Ind.Itt.Sìc.p.iG.sp.G^. Jìisso,Ichth.N.p.'ìQ'].sp,i. 
CHE11.ODIPTERUS CYANOPTERDS, Lacép. Hist. Nat. Poiss. III,p.5^6. iaò. vi._/7§.iii.exPlumerio. 
TOHNius ciRRROsvs, Schneid. Bl. Syst. p. "jQ.sp.Q. 

tJMBRiNA ciRRHOSA, C uv.RègTt. Anim.2. ed. I I.p. i"] ^. Risso, Hist. Nat. III. p.liog.sp.Z^G. 
UMBRiNA vuLGAEis, Cuv.et Valerle. Hist. N at. Poiss. V- p. 171. 

^GLADCOS, Belon, Nat. et Pourtr. Poiss. Uh. i. p. io5. fig.inp io5. Gesn, Aqaat. IV.p.Z<^O.cum fig.ex Bellori. 
CHBOMis, Belon, Nat. etPourlr, Poiss. lib. ì.p. 106, ftg. in p. 107. Gesn. Aquat.IV.p.22^.cum fig-ex Bellori, 
OMBRA, Rondel. HiU. Pise. I. lib v. cap. 1%. p. i32. cum fig. Gesn. Aquat. /^.p.io3o. cum fig. Rendei. 
Tf^illughb. Ichthyogr. lib.ìv. cap.^%.n. p. 2QQ.tab.S. 2\. 
Salv. Hist. Aquat. p. 11']. fìg. 5^. 
C0B.kCiìivs, Sahìan'i, Aldrov. Pise. lib. ì. cap. XV. p. cum Jig. 

SCIjENA maxilla superiore longiore, inferiore cirrosa, Artedi, Synan, p. 65, Id^ Gener. Pise. p. 08, 
CORP, Bonnat. loco citato. 

PEBSÈQDE UMBRE, Lacép. locO citato. 

OMBRINE BAEBUE, Cu f. i?è^«. ^njWZ. //. p. 297. 

\ OMBRINE COVIMENE, Ckì». cZ ^"flZenc. Zoco ciiaio. 

.A. distinguere il genere Umbrina del Cuvier da ogni altro della sua famiglia 
basterebbe in assenza d'altri caratteri quello dell'appendice carnosa inserita sotto la 
sinfisi della mandibola. Vbanno fra gli Scienidi esotici altri generi, il cui mento è ornato 
d'appendici carnose; ma ne han sempre più d'una. 

Se il Cuyier adottò il nome generico Umbrina fu perchè il pesce di cui siam per 
trattare, e che egli tenne per tipo Yien denominato Ombrine dai Marsigliesi. Del resto si 
vede da quanto è detto ne' due articoli precedenti, che tal pesce non può corrispondere 
làW Umbra dei Romani antichi, e nemmeno è quello cui oggi yien applicato fra noi il 
nome Ombrina. Ad esso invece deve riferirsi secondo noi il nome Ch'romis celebre presso 
i Greci, il quale fuor d' ogni ragione ad altri Pesci è stato applicato dai varj Ittiologi. 

La configurazione deìVUmbrina cirrhosa h intermedia fra quella della Sciaena umbra^ 
e quella della Confina nigra^ essendo il corpo più alto che nell'una, men che nell'altra. 
La maggior altezza, che cade al termine del quarto anteriore, resta compresa ben 
quattro volte nella lunghezza del Pesce intiero. La maggior larghezza, corrisponde al- 
l'ottava parte di quest'ultima misura, nella quale è contenuta quattro volte e mezzo la 
lunghezza del capo. Il profilo è tutto convesso superiormente, con una depressione 



UMBRINA CIRRIIOSA. 



appena sensibile sulla fronte. Il muso è breve, ottusìssimo, rigonfio, tutto coperto 
di scaglie, e porta tre pori considerevoli scolpiti sulF apice, e quattro piccioli lobi 
sul margine inferiore. La bocca è infera piuttosto che terminale. I pezzi ossei ma- 
scellari non, s' allargano gran fatto verso il basso, e chiusa la bocca rimangono oc- 
cultati dai sottorbitali. Ambedue le mascelle sono fornite d'una fascia larghissima 
di denti a scardasso, uguali fra loro, assai tenui e fitti. Il palato e la lingua son 
lisci. La mandibola è piana, e sotto la sua sinfisi evvi un corpicciuolo carnoso, ci- 
lindrico, non più lungo della quarta parte del diametro dell'occhio: v' han poi due 
pori a destra, due a sinistra di questa appendice. La larghezza dell'orbita resta com- 
presa più di quattro volte nella lunghezza del capo. Lo spazio che corre fra l'oc- 
chio e la punta del muso eccede la misura d'un diametro dell'orbita, ed è uguale 
alla distanza che passa superiormente fra un' occhio e l'altro. Bislungo e molto obli- 
quo è il forarne posteriore delle narici, e dista superiormente d'un breve tratto dal- 
l'occhio: l'anteriore, eh' è minore e quasi rotondo, è men lontano dall'occhio stesso che 
dall'apice del muso. La membrana branchiostega ha i raggi nel solilo numero di sette, 
L' opercolo termina posteriormente in due punte piatte ed acute. Il preopercolo è or- 
togono coir angolo rotondato : il suo lembo inferiore non ha dentelli ; il posteriore è 
dentellato minutamente finché il pesce è giovane, ed allora v'han sull'angolo tre o 
quattro dentelli più grandetti. La pinna dorsale anteriore sorge poco più indietro del 
termine dell'opercolo, ed è sostenuta da dieci raggi spinosi non molto validi, fra i 
quali il primo è assai breve, e applicato vicino al secondo : il terzo e il quarto che 
sono i maggiori hanno in altezza due terzi della porzione sottoposta del tronco ; i 
seguenti decrescono a gradi fino al decimo, eh' è uguale al primo, e che per mezzo 
d' una membrana si connette con la dorsale posteriore. Questa ha in lunghezza quasi 
due volte e mezzo la misura dell'altra, ed ha l'altezza minore d'un terzo, porta ante- 
riormente un sol raggio spinoso poco elevato, e ventiquattro raggi molli d'altezza quasi 
uniforme, l'ultimo de' quali è forcuto. Le pinne pettorali sono alquanto più lunghe della 
dorsale anteriore, composte d'un raggio spinoso e sedici molli. Le ventrali han la lun- 
ghezza delle pettorali, e portano un raggio spinoso e cinque molli. L'anale è un sesto 
più vicino alla radice della caudale che alla base delle ventrali; ha in altezza quasi il 
doppio della misura della propria base e dell'altezza della dorsale posteriore. Il suo 
primo raggio spinoso è brevissimo ; il secondo valido, men però che quello della Cor- 
s>ina nigra ; gli altri raggi in numero di sette son molli, l'anteriore lungo un terzo 
più del secondo spinoso, i seguenti di mano in mano più brevi. La pinna caudale 
composta di diecisette raggi ramosi dista dall'anale due volte e mezzo più che dalla 
seconda dorsale, ha il lembo terminale un poco lunulato, e comprende in lunghezza 
la settima parte di tutto il Pesce. Le scaglie han la figura di quelle delle due specie 
precedenti e sono ordinate in circa sessantacinque serie trasversali oblique, e circa 
vent'otto file longitudinali per parte. Il lor lembo posteriore è sottilmente ciglioso-scabro, 
l'anteriore appena crenulato, e il disco è striato da dieci solchi disposti a ventaglio. La 
linea laterale ha lo stesso andamento che nei due Pesci or ora descritti. L'ano è al- 
trettanto lontano dall'apice del muso quanto da quel della coda. 

Il colore del fondo del Pesce è un cinereo-argentino, alquanto fosco verso il dorso, 
chiaro sui fianchi, intensamente scuro sul capo : su questo fondo v'hanno numerose 
strisce, le quali ascendendo dal yentre al dorso corrono obliquamente all' indietro, sono 



UMBRINA CIRRHOSA. 



larghe più degl' intervalli che le separano, flessuoso-ondeggianti, di tinta cinereo- ocracea 
dorata , i cui orli vengono costituiti da altrettante linee nerastre, anguste, esse pure 
flessuose. Il ventre è bianco argentino quasi uniforme. Il margine po^steriore dell'oper- 
colo è tinto di nero. La pinna dorsale e la caudale sono cinereo-scure ; le pettorali, le 
ventrali e l'anale tendono all'ocraceo sordido, più o men frammisto di cinereo. 

Le ossa del cranio non mancano delle solite cavità interne. Le ossa faringee por- 
tano anteriormente e posteriormente denti sottili disposti a scardasso ; in tutta la parte 
di mezzo hanno altri denti brevissimi, cilindrici, rotondati all'apice. Il piloro è cinto 
esteriormente da dieci appendici cieche non molto estese in paragone di quelle della 
Sciaena umbra. Il notatojo è grande oltremodo, e porta sui lati tre larghi seni brevi 
rotondati, in luogo delle appendici ramose 

La lunghezza ordinaria del Pesce è di circa un piede, ma giunge ad oltrepassare 
la misura di due e di due e mezz.o. 

Yive assai abbondante la nostra Umbrina cirrhosa su tutte le spiagge del Mediterra- 
neo, e si diletta dei fonghi fangosi. Incontrasi pure lungo i lidi Europei dell'Oceano, 
ma alquanto meno comune. Bellezza e bontà, doti spesso disgiunte, si riuniscono fe- 
licemente in quest' essere ; perchè le fasce dorate le quali ornano il dorso ed i fian- 
chi gli danno molta vaghezza, e la sua carne, sebbene non abbia la squisitezza di 
quella della Sciaena umbraj è di tal qualità che si lascia indietro la Corvina nigraj e la 
massima parte degli altri pesci de' nostri mari. 

A Roma chiamasi Corico o Corvetto: in Toscana CrovellOj Crivello j. Ombrina crivello; 
nella Li guria Crovellaj Corvello j Pesce corvo ; a Nizza Oumbrina: sui lidi Veneti Corbo 
Corbello: nel Picenio Corbello. 

Poche altre specie conta il genere Umbrinaj. le quali sono sparse su yarj punti 
dell'Oceano. Fra queste ve n'ha una, V Umbrina Jlburnus propria delle acque degli 
Stati Uniti d'America, assai riputata pel saper della carne e per la bellezza delFaspetto, 
il cui notatojo manca del tutto di quelle appendici, che costituiscono un© dei caratteri 
più universali della famiglia degli Scienidi. 



I 



I 



CANTHARUS ORBICULARIS 

CxlNTARO ORBICOLARE 

C. corpore late ovato f iltitudine ad longitudinem : : 2 : Sj; dentibus exterioris ordinis 
validis; suborbitali non emarginato; squamis superscapidaribus decem. 

CANTHA.RUS ORBicuLABis, Cuv. et T^alenc. Hist. Nat. des Poiss. VI. Chap. p^III. p. 55i. 
CANTH\Rus? Aldr. Pise. p. i36.fig. Slip, nec in/. 

Clol nome di Scorzone distinguono i Pescivendoli romani questa grande specie di 
CantharuSj finora non mai effigiata, la quale si pesca nei nostri mari durante la Ijuona 
stagione. Senz'essere un mangiare squisitissimo essa può stare a paragone del Sargo e 
delle OratBj, ed è superiore agli altri Pesci del suo genere, il più comune dei quali è il 
Cantharus vidgaris del Guvier, cMamato presso di noi S arigo bastardo j in Sicilia Cantaro j 
e pel resto d'Italia Tenutaj Tanuda^ Tanùa. 

Il CuYier, che fu il primo a dare precisa notizia di questo Pesce, volle trarre il suo 
nome dalla forma assai dilatata e quasiché attondata del contorno del corpo, che la di- 
stingue dal Cantharus vulgaris oltre la dentatura piii rohusta. Il solo individuo veduto 
dal Guvier medesimo era stato raccolto dal Signor Peyraudau sulle coste della Corsica 
vicino ad Ajaccio: sembra però che questa specie sia sparsa in tutto il Mediterraneo, 
perchè oltre che si trova lungo le coste dell'Italia, il Guvier asserisce che in una raccolta 
inedita di Pesci di Spagna ne esiste una figura piuttosto buona accompagnata dal nome 
triviale Panosa. 

Il corpo del nostro Pesce è compresso, di circoscrizione pressoché ovale: l'altezza è 
Contenuta due volte e mezzo soltanto nella lunghezza: la coda non ha in altezza nep- 
pure la quarta parte di quella del corpo: la grossezza è tre volte minore dell'altezza. La 
lunghezza del capo non giunge a formare la quarta parte di quella dell' anim^ale ; la 
fronte é larga e alquanto rigonfia : l'occhio è attendato ; il suo diametro è circa il 
quarto della lunghezza del capo. Il muso è corto e poco acuto: il profilo sta ad angolo 
quasi retto col mento, e sale in linea retta fino alla nuca, quindi incomincia la curva 
del dorso la cui maggior convessità cade poco prima dell'origine della pinna dorsale, 
talché la maggior altezza del corpo si misura al di sotto del terzo 0 quarto raggio della 
pinna dorsale: la linea che contorna il petto ed il ventre è curva in un modo molto 
sensibile, e questa circostanza piii d'ogni altra contribuisce a dare al nostro Gantàro 
la figura attondata. Il sottorbitale non è molto alto; il primo pezzo di esso è più alto 
del secondo, ma la loro sproporzione è meno grande in questa specie che nelle conge« 
neri; l'orlo inferiore ha un leggero seno al confine dei due pezzi in luogo dell'intaccatura 
che porta il Cantharus vulgaris: gli altri pezzi del sott orbitale sono bassi. 11 preoperculo è 
molto largo, col margine posteriore protratto verso il basso, ove piega ad angolo rotondato. 

5 



( 



r 

CANTHARUS ORBICULARIS. 

"Vi sono sei sole serie di squame sulle gote. L'operculo è aneli esso largo coir angolo 
terminato in una punta ossea poco prolungata ed alquanto smussata. Il suboperculo non 
si distingue dall' operculo, per ragione delle squame che rivestono questi due pezzi. 
L'interoperculo forma un arco di circolo ed è più alto anteriormente che posterior- 
mente. Le narici sono piccole; il forame anteriore è tondo e appena visibile, il poste- 
riore consiste in una fessura ovale, obliqua. Le due mascelle sono di uguale lunghezza; 
l'inferiore è alquanto rigonfia. Il mascellare è notabilmente libero, poco nascosto sotto 
il sottorbitale, e la sua carena è assai risentita: l'intermascellare è meno allungato 
che il mascellare ; porta all' estremità anteriore dieci denti conici, curvi ed aguzzi, più 
lunghi e più grossi dei rimanenti, i quali sono minuti e addensati in una stretta fascia: 
i denti della mascella inferiore sono simili a quelli della superiore: i faringei sono 
pure addensati, e robusti. Le labbra sono grosse. Il di sopra del capo è coperto d'una 
pelle erta e nuda; quella del sottorbitale e della mascella inferiore è foracchiata di 
piccoli pori. Il soprascapolare è contrasegnato da una squama notabilmente grande, la 
cui superficie è sottilmente striata presso il margine, il quale è integro: al di sopra di 
essa contansi dieci squame grandi, più oscure di quelle del corpo, disposte in una 
serie a guisa d'arco dietro la nuca ; fra il quale arco e la pelle nuda del capo vi sono 
quattro serie di squame simili a quelle dei lati: la spalla è squamosa. Le squame sono 
piuttosto alte; quelle che si veggono al di sopra della pinna pettorale sono debolissi- 
mamente ciliate, le altre sono liscie: se ne contano circa settanta fra l'apertura bran- 
chiale e la pinna caudale, e venticinque ordini nell'altezza. La linea laterale è for- 
mata da tre serie di pori; gì' intermedi! sono meno visibili in questa specie di quello 
che sogliono in altre: nel primo tratto questa linea segue una direzione un poco obli- 
qua, quindi ascende e percorre una curva parallela a quella del dorso, dalla quale è 
discosta d'una terza parte dell' altezza intiera. La pinna dorsale incomincia al di sopra 
dell'angolo delF operculo ; il sesto raggio è il più lungo; la sua altezza giunge quasi ad 
un terzo di quella del corpo; il primo ha quasi la metà dell'altezza del sesto: i raggi 
ramosi sono alti poco meno degli spinosi : la pinna anale notabilmente ampia, essendo 
più alta della parte molle della dorsale ; i suoi raggi spinosi sono validissimi. La pinna 
caudale è forcuta : le pettorali sono ampie. I raggi della membrana branchiostega sono 
in numero di 6; quelli della pinna dorsale ii spinosi, 12 ramosi; quelli dell'anale 3/io; 
della caudale 17; delle pettorali i3; delle ventrali i/5. 

Il Cantaro orbicolare è d'un colore cinereo-argenteo splendidissimo, anche più vistoso 
che nelle specie congeneri, ed ha quindici 0 sedici linee longitudinali più oscure, do- 
rate, assai vivaci, ma più visibili al di sotto della linea laterale che sul dorso o sul ven- 
tre : ogni squama porta un largo tratto verticale di color d'oro, ed ha il margine d'ar- 
gento. Le pinne sono d'un turchinastro violaceo cupo, la dorsale e l'anale più violacee; 
le pettorali più pallide, le ventrali tendenti al bruno. La femmina è senq^re più pallida 
del maschio. Questo Pesce giunge ad avere quindici pollici di lunghezza e a pesare più 
di tre libljre. 

Ora diremo del genere Cantharus e del posto che compete ad esso nel sistema Ittio- 
logico. Quantunque il Signor Risso avesse già accennato che lo Sparus canthariis di 
Linneo poteva meritare d'esser considerato come tipo d'un genere da se, questo ge- 
nere fu stabilito effettivamente la prima volta dal Cuvier. Si distingue pei denti come 
suol dirsi a scardasso, ossia tutti minuti, conferti intorno alle mascelle, solo quelli 



CANTHARUS ORBICULARIS. 



dell'ordine più esterno un poco più grossi e più ricurvi. Il corpo è alto, piuttosto erto; 
il muso corto; le mascelle non protrattili; la bocca poco fessa. Le pinne yentrali sono 
attaccate un poco più addietro che nei Pesci affini; la spina accessoria è lunga e gracile. 
I raggi della pinna dorsale e dell'anale sono sempre numerosi; e questa è circostanza de- 
gna di speciale osservazione, perchè può esser utile a distinguere alla prima i Canthari 
da certi Dentici coi denti anteriori poco sporgenti. I Canthari hanno uno stomaco me- 
diocre, quattro appèndici al piloro, e il loro intestino fa solo due pieghe: la vescica 
aerea è grande e semplice. Il cibo può dirsi animale: pure nello stomaco dello Scor- 
zone nostro abbiamo rinvenuto frammenti di fuchi in troppo gran copia per poter 
supporre che sieno stati trangugiati accidentalmente insieme con gli animaletti marini 
che ci vivono sopra. Frequentano questi Pesci le coste fangose, e perchè sono voracissimi 
si lasciano prendere facilmente coU'amo. 

Sembra che gli autori antichi abbiano avuto sott' occhi più specie di Canthari^ ma le 
hanno descritte cosi imperfettamente che per lungo tempo sono state confuse, e nep- 
pure adesso se ne può dare un' esatta sinonimia. Duhamel nel trattato delle Pesche 
fu il solo a parlare di tre delle Europee, ma anch' egli confusamente. Linneo e Gmelin 
ne registrarono una sola. La nostra non fu cognita a nessuno; ma quando il Signor 
Risso parlando del suo Cantharus Tanuda^ sola specie ch'egli ammetta, dice ch'essa 
giunge alla lunghezza di quattordici e quindici pollici, appena possiamo persuaderci 
ch'egli non abbia avuto per le mani il nostro Scorzone ^ oltre lo Sparus cantharus di 
Linneo. Ora il genere Cantharus conta dodici specie descritte accuratamente dai Signori 
Cuvier e Valenciennes. Tre sono del Mediterraneo, una delle coste Europee dell'Oceano, 
due s'incontrano nei mari del Capo di Buona Speranza, e sono strettamente affini 
a due delle nostrane. Tutte le rimanenti sono proprie dei mari Indiani. 

Ultimamente nel Saggio che abbiam dato d'una distribuzione metodica dei Verte- 
brati, del genere Cuvieriano Cantharus noi abbiamo costituito una sottofamiglia deno- 
minandola dei Cantharini; della qual cosa incontravamo le traccio negli stessi scritti del 
Cuvier. Ci è sembrato che quella circostanza dei denti numerosi, conferti e tenuissimi 
tutti, potesse stare a contrasto col carattere dei molari emisferici, che è proprio del 
nostro gruppo degli Sparinij, con quello dei denti conici allungati, eh' è nei Denticinij e 
con quell'altro della serie di denti taglienti, per cui si distinguono gli Ohladini. La 
nostra sottofamiglia comprende il solo genere Cantharus^ e quindi i caratteri di quella 
stanno dentro i limiti stessi dei caratteri di questo. 

La famiglia poi cui spettano tali Pesci è quella degli Sparidij la quale ha limiti an- 
che meno estesi, che non erano quelli assegnati da Artedi e da Linneo al solo genere 
Sparus; poiché noi, oltre quelle specie che costituiscono la famiglia dei Menidi del 
Cuvier, escludiamo di necessità dagli Sparidi altri Pesci, che i detti autori ponevano 
poco ragionevolmente a militare sotto quel lor genere. Contuttociò la famiglia degli 
Sparidi in grazia dei recenti ritrovamenti è già tanto ricca, che comprende almeno 
cento cinquanta specie ben accertate ; mentre le vere specie Linneane di Sparus ^ fatte 
le necessarie eliminazioni, non eccederebbero il numero di quindici o sedici. Gli Spa- 
ridi tutti hanno le squame grandi, una sola dorsale, la quale non è mai squamosa, il 
piloro costantemente fornito d'appendici: contano al più sei raggi alla membrana bran- 
chiostega. Differiscono dalle famiglie più affini, e con le quali potrebbe dirsi che for- 
mano un tutto omogeneo, per caratteri leggeri, ma facili a riconoscersi. Si distinguono 

/ 5* 



\ 



/ 



CANTHARDS ORBICULARIS. 

dai Percìdi i^eiché hanno il palato senza denti, i pezzi operculari onninamente sforniti 
di spine o dentelli. Quest'ultimo segno gli allontana pure dagli Sci^nidi_, coi quali hanno 
grandissima relazione per l'anatomia esterna ed interna; ma di più il muso degli S pa- 
ridi non è rigonfio, nè cavernose sono le ossa del cranio. A differenza àeì M enidi non 
hanno mai la bocca protrattile. Infine non è possil^ile confonderli nè con gli Sfirenidij 
nè coi Mullidij nè coi Triglidij famiglie d'aspetto diversissimo; le due prime delle quali, 
oltre molti altri caratteri proprj, hanno due pinne dorsali, e l'ultima porta perfino le 
gote loricate. . 



S M A R I S 

ZERRO 



GRACILIS 

SOTTILE 



SMjRis fusco-argenteusj pinnis suhrubescentibus : corporis longitudine altiludinem plus 
sextupìo superante : capite corporis altitudine valde longiore : pinna dorsali continua^ 
corporis dimidio elatiorej radiis postremis hreviorihus. 

D. ii/ii. P. i6. F. j/5. A. 3/9. O. 17. 

SPAROS SMARis, D elaro che , Meni. Poiss. Ivig. in Ann. Mas. Hist, Nat. XIII. p.5^./ig. 17. Naccari, lit, 

Adr. p. 12. sp. 35. Nard. Prodr. Adr. Icìith. sp. 127. 
srARE picAREt, Delaroche, loco citato. 



rn 

Jl alvolta una piccola circostanza conduce a rintracciare qualche verità investigata 
invano da molti più assai valenti di chi n' è il trovatore. Zen-i ì Toscani, Zeroli ì 
Romani chiamano al presente gli Smaridi: e se il Cuvier avesse ciò saputo non sa- 
rebbe andato vagando in congetture circa quel pesce che gli antichi appellarono Ger- 
res. Trasferiva egli questa appellazione ad un genere esotico ma però affine al nostro 
Zerolo, e appartenente come esso alla famiglia de' Menidi stabilita ragionevolmente da 
lui stesso per raccogliervi que' pochi pesci che somigliano agli Sparidi, e che tuttavia 
se ne distinguono per la bocca protrattile al maggior segno; al che venne forzato il 
grande naturalista dall' a^er osservato che tra gli Sparidi si mescolavano alcuni pesci 
col palato fornito di denti, ed altri co' pezzi opercolari dentellati, caratteri del tutto 
ripugnanti a quella famiglia. Vide poi che questi quasi Sparidi collettizj avevano molle 
parti simili tra loro, e segnatamente la bocca protrattile: onde fu che gli associò in- 
sieme sotto il nome di Menidi. Così alcuni caratteri artifiziali servirono di guida alla 
formazione di una famiglia quanto altra mai naturale; essendoché dall'affinità di quelli 
Maenldò che hanno denti al palato con quelli che ne sono privi, chiaramente si manife- 
sta essere molto secondario questo carattere nel gruppo del quale favelliamo. 

Per la disposizione a protrarre istantaneamente la bocca a foggia di tubo diedesi a' 
Menidi, non che ad altri pesci similmente conformati, il nome d'insidiatori, perchè con 
queir ingegno s' impadroniscono del piccolo pesciolino, che mal si confida di passar 
lungi abbastanza. Questa attitudine a prolungare il muso nasce dall'essere lunghissimi 
i rami salienti degli intermascellari, e dall'avere congiunto a' mascellari il corpo dei 
loro ossi da una pelle rilassata ed elastica: la quale ossatura essendo di libero giuoco^ 
può l'animale spingere il muso all' innanzi, abbassando a suo piacere la mascella in- 
feriore; e cosi la bocca si configura in una specie di tubo piìi o meno allungato, 
cui servono di margine anteriore da' lati le labbra distese. Sono in tutti i Menidi denti 
finissimi a scardasso più o meno rasati alle mascelle, e due o quattro piccoli canini 
in alcuni. Squammoso è il corpo, bislungo, più o meno compresso, ed attenuato alle 

80 



SMARIS GRACILIS. 



estremità, e porta sette pinne, perchè la dorsale non è mai divisa in due ; i suoi raggi 
anteriori sono spinosi, i posteriori ramosi, connessi tutti da sottilissima membrana co- 
perta di scaglie bensì minutissime: le yentrali sono sempre toraciche cioè poste al di 
sotto delle pettorali. Sei raggi si contano nella membrana branchiostega. In fine oltre 
questi ed altri caratteri esterni che han comuni agli Sparidi, co' quali furono riuniti in 
un genere solo da Artedi e da Linneo, mostrano essi grande affinità coi medesimi, 
anco per la conformazione interna. Lo stomaco di fatti è mezzanamente grande, e di 
pareti liscie: il numero de' ciechi varia da quattro fino a sette: vasto si è il notatojo, 
semplice e rotondato al dinnanzi, ma sovente diviso posteriormente in due lunghe corna 
che penetrano ne' muscoli della coda da ogni lato degl' interspinosi della pinna anale. 
La colonna vertebrale suol comporsi di ventiquattro vertebre, nove o dieci delle quali 
servono a sostenere le costole. 

Nel nostro Saggio di una distribuzion metodica dividemmo i Menidi in due sottofa- 
mìglie, la prima cioè di Maenini dalla dorsale senza scaglie, quali sono i generi Maena 
e Smarisj, la seconda di Caesionini dalla dorsale squammosa ; i quali perciò formano 
anello coi Chaetodontidi: ma lungi dal pretendere l'osservanza di cotal divisione an- 
diamo ora contenti di enumerare i generi dell'intiera famiglia. Che se anzi fossimo co- 
stretti a suddividerla, ciò faremmo assegnando diversi caratteri alle sezioni diversamente 
composte. Osservando in fatti il tubo della bocca è da notarsi, che quando i rami della 
mascella inferiore sono lunghi, quando il mascellare è libero ne' suoi movimenti per 
la pieghevolezza della membrana che lo congiunge alla faccia, esso tubo emerge oriz- 
zontalmente come avviene nelle Mendole e negli Smaridi. Se all'incontro le branche 
della mascella inferiore sono corte, e perciò il mascellare non può che mediocremente 
uscir fuori della faccia, come accade ne' GerreSj in tal caso il tubo della bocca si ab- 
bassa nel prolungarsi, e si dirige all' ingiù. 

Cinque in tutto sono i generi della famiglia Maenidaej cioè Maena, Smaris^ GerreSj 
CaesiOj Aphareus. Distinguesi da tutti ad un tratto il primo (Maena j Cuv.) p e' denti 
che gli s'impiantano sul vomere, negli altri liscio: il corpo è alto, la bocca grande, 
molto protrattile, la prima dorsale collocata anteriormente e priva di scaglie. Del secon- 
do [SmariSj Cuv.) valga per ogni descrizione comparativa il dire che sarebbe Maena se 
avesse denti al palato : le di lui specie poi sono generalmente più svelte delle Maenae, 
quantunque alcune le uguaglino in altezza. Gli altri tre generi che restano son tutti eso- 
tici ; ed il Caesio può ravvisarsi per la bocca meno protrattile, per la dorsale che gli si 
spicca pili indietro, quasi cioè al di sopra del mezzo delle pettorali, e per le sottili fra- 
gili scaglie, ond'essa dorsale non men che l'anale quasi intieramente gli si ricuoprono 
come alle Sciaenae. Il genere Gerres poi tende verso gli Scombridi_, e si distingue dagli 
altri per la bocca di fessura piccola, transversa, depressa, la quale nel gittarsi fuori si 
abbassa, perchè il pedicolo dell' intermascellare, come notammo di sopra, è più lungo 
della mascella inferiore. U Jphareus finalmente è genere poco noto e d'incerta sede, 
diversissimo in tutto dagli altri, e soltanto affine in qualche modo al Caesio; dal quale 
però differisce per l'opercolo ottuso affatto, per la bocca largamente fessa, e per F ultimo 
raggio tanto della dorsale quanto dell'anale più lungo il doppio dei precedenti. 

Ma noi qui ci ristringiamo al genere SmariSj distinto, come dicemmo, dalle Maenae 
perchè privo di denti palatini, mentre però ha simili con quelle tutti gli organi interni 
ed esterni, e perfino i colori e le abitudini. Vive anch' esso sulle coste fangose ed erbose 



SMARIS GRACILIS. 



del mare; d'indole gregario va in. amore di Giugno e di Luglio; cibasi di pesciolini 
di molluschi e di crostacei. Quantunque le varie specie europee siano confinate come 
le Mendole nel Mediterraneo, tuttavia siccome fanno altri pesci dello stesso mare, se- 
guono la costiera occidentale dell'Affrica, s'innoltrano nell'Atlantico, mostransi alle 
Isole Canarie, e perfino sulla rada di Corea, Le poche specie esotiche conosciute tro- 
vansi nel mare Indiano e in quello delle Antille, 

Il capo di tutti gli Smaridi è ben proporzionato, acuto, con la fronte un poco de- 
pressa e assai inclinata in avanti: la bocca mostrasi obliquamente fessa, con semplici 
e piccolissime labbra: le mascelle sporgono ugualmente: le branche salienti degl'inter- 
mascellari che nello stato di riposo rimontano nella fronte al di là degli occhi, due volte 
più lunghe che le branche orizzontali, si spingono molto innanzi quando il pesce pro- 
trae la bocca; il mascellare è appena più lungo della branca dentata dell' interma- 
scellare; la sua metà inferiore si slarga più che il doppio della superiore: vi ha un 
tubercolo sporgente all' estremità anteriore che sorpassa il margine deb sottorbitale, e 
forma una piccola punta all'estremità laterale del muso. La mascella inferiore può 
sensibilmente abbassarsi, ed è sottile all'apice, poi si allarga più di tre volte facendo 
quasi un gradino, sul margine del quale sì attacca il labbro inferiore. Ambo le mascelle 
sono guernite di sottilissimi denti disposti senz'ordine in stretta zona: l'inferiore ne 
porta all'apice due piccoli canini, impiantati orizzontalmente, diretti all' infuori: il vo- 
mere è del tutto liscio: il palato piuttosto ristretto presenta sopra delle crespe alcune 
papille dentiformi, I denti faringei sono a finissimo scardasso rasato. La lingua è libera, 
breve, liscia, alquanto smussata. Gli occhi sono grandi, laterali, rilevati, colla mem- 
brana nittitante rilassata. I fori di ciascuna narice prossimi agli occhi disuguali tra loro; 
più piccolo l'anteriore. L'apertura branchiale laterale, proporzionata, arcuata: il primo 
arco branchiale porta una serie di pettinazioni piuttosto lunghe dirette all' innanzi: gli 
altri archi hanno soltanto piccoli gruppi di sottili asperità. Il sottorbitale è allungato, 
ed anteriormente slargato col lembo inferiore un poco smarginato; chiusa che sia la 
bocca, cuopre la porzione elevata della mascella inferiore, il mascellare e l'interma- 
scellare. Il preopercolo è grandetto, e molto attendato l'angolo costituito dai suoi mar- 
gini verticale e orizzontale ; lo spigolo, che ne disegna il lembo, assai rilevato, onde il 
piano del lembo è molto inclinato con quello della gota: tutto il lembo poi è privo 
di scaglie ma coperto di strie parallele e perpendicolari al detto spigolo: nudi sono 
egualmente il sottorbitale e la fronte, ma l'opercolo il subopercolo e T interopercolo 
sono tutti forniti di scaglie. L'opercolo è mezzanamente grande e riunito intimamente 
col subopercolo: l' interopercolo ristretto, benché sia separato, a stento si distingue 
dagli altri due pezzi. La linea laterale apparentissima, larga, gira in alto quasi parallela 
al dorso a un quinto circa dell'altezza del corpo. Le scaglie sono disposte in dieciotto 
file circa, e se ne contano quasi ottanta per fila, embricate, piuttosto piccole, dure, 
fortemente aderenti, di figura pentagona mistilinea, striate, cibate all'apice. L'ano è 
piccolo situato in mezzo al corpo. La pinna dorsale ha origine circa il terzo anteriore 
del corpo, è lunga, non molto alta e quasi uniforme. Le pettorali alquanto adimate, 
piuttosto strette ed acute nascono sotto il termine dell' opercolo. Le ventrali collocate 
un poco dietro alle pettorali sono più piccole di esse, e portano nella base una squama 
interiore lanceolata, e due altre esteriori lunghe ed acute. L'anale comincia sotto il terzo 
circa della dorsale, e si protrae fino al termine di essa: ambedue possono nascondersi in 
un profondo solco. La caudale è forcuta coi due lobi simmetrici, 

80* 



I 



SMARIS GRACILIS. 

Di sette specie italiane del genere Smaris che ci sono giunte a notizia doventlo noi 
partitamente discorrere, incomincieremo da quella la cui sottigliezza comparativa, che 
l'allontana più delle altre dalle Mendole, giustifica il nome da noi assegnatole di Smaris 
graciliSj ossia Zerro soUile_, quando il volgo ed i pescatori non la chiamano mai ZerrOj, 
ma sempre, ad esclusione delle altre, Pesce in barile. Questa appellazione in vero do- 
vrebbe esser comune a tutti i Zerri ed anco ad alcune Mendole, insieme con le quali 
preso tal pesce e salato stivasi nelle botti, ed è cibo di povera gente a dì nostri non al- 
trimenti che presso gli antichi, che per venderlo essi pure a poco prezzo non ne faceano 
buona scelta nè salagione opportuna; onde il proprissimo odar impudicus di Marziale: 

Fuisse Qerres et inutiles Maenas 
I Odor impudicus urcei fatebatur. 

La sagoma dello Zerro sottile è rotondetta, allungata; l'altezza maggiore ad un 
terzo dopo l'estremo del muso è un sesto della totale sua lunghezza; la grossezza 
poi ha la metà dell' altezza : la porzione assottigliata del corpo occupa un' ottava parte 
del pesce. Il capo vien compreso quattro volte e mezzo nella lunghezza totale, e la sua 
altezza è quasi la metà della lunghezza: il diametro dell'occhio, poco più di un quarto 
della lunghezza del capo, uguaglia la distanza fra il suo margine anteriore e la punta 
del muso; il margine posteriore è distante dal termine dell'opercolo poco meno di un 
diametro e mezzo. Il profilo del dorso è curvilineo, quasi simmetrico intorno la linea 
d'altezza che lo divide a metà, partendo dal punto sopra l'occhio e terminando poco 
prima delia caudale : si alza sopra la corda che lo sottende per un quarto circa del- 
l' altezza del corpo, geometricamente parlando: è pur curvilineo ed uniforme il profilo 
del ventre^ se non che la curvatura è minore alcun poco: l'altezza sopra la corda che 
lo sottende è un sesto circa dell' altez.za del corpo. La linea laterale presenta una dolce 
curvatura. La pinna dorsale incomincia poco prima di un quarto della lunghezza, e si 
estende per due quinti; vien sostenuta da ventidue raggi, de' quali i più alti al prin- 
cipio sono poco mena di due terzi del tronco sottoposto; il primo è assai più breve 
del secondo, e questo poco più del terzo, dopo il quale gli altri diminuiscono pro- 
porzionalmente; sicché la pinna termina con una linea d'uniforme e dolce curvatura. 
L'anale ha per altezza poco più del diametro dell'occhio, e la sua base contiene due 
di queste allezz.e. La pinna caudale è lunga quanto la quinta parte del pesce. 

Il colore del nostro Smaride è fosco-argenteo sul dorso degradantesi sui fianchi che 
cangia in lucido argenteo sul ventre : la macchia scura dei lati è grande, e molto distin- 
ta. La pinna dorsale è leggermente tinta di olivastro chiaro, e nei suoi raggi si scor- 
gono alcuni punti rossi: la pettorale è scolorata, ma mostra una tinta slavata di pao- 
nazzetto nel contorno: k ventrale e l'anale sono biancastre: la caudale slavata e mac- 
chiata di rosso. 

Trovasi abbondantissimo per tutto il Mediterraneo dalle coste di Spagna a quelle 
dell'Asia, e segnatamente nell'Adriatico NelVeneziano chiamasi Jgon o Jgone di stria. 
La sua carne è piuttosto buona: e giacche il Prof Gené ce lo ha mandato di Sarde- 
gna sotto il nome di Giarretto femmina^ giova riferirgli quanto il Getti decanta del suo 
Zerro j Gerre o Smaride ^ chiamato dai Sardi Giarretto. Secondo il Delaroche questo 
Smaride costituisce esso solo la metà delle pescagioni dell' Isola d' Ivica, ove chiamasi 
Jarret : Caramel poi vien detto in altre contrade della Spagna, 



SMARIS IIVSIDIATOR 

ZERRO SENZA MACCHIA 



SMAÉiS argenteo rufescensj macula laterali nulla j pinnis ruhescentibus : longitudine cor- 
poris altitudinem ultra quintuplum cwn dimidio superante: capite corporis altitudine 
valde longiore : pinna dorsali sinuata^, radiis mediis brevissimis. 

D. 13/9. P. i5. V. 1/5. J. 3/9. C. 17. 

SMA.R1S INSIDÌA.TOR, Cuv. et Falene. Hist. Nat. Poiss. VI- p. 4i4- 

CENTEicANTHus ciREus? Rafiìi. Carati, p. 43. gen. xxxi. sp. n8. Id. Ind. Iti. Sic.p. 19. sp. 91. 
PICAREL iN&iDUTEUR, C ui\ et Falene, loeo citata, ^ 



LI 
esagerazione del carattere distintivo della famiglia dei Maenidi vedesi in questo 

pesce, imperocché il suo muso allungasi all'uopo fuor di misura: oltre a ciò la sua sa- 
goma pili rotonda è più stretta che negli altri Zerri, esclusone il solo gracilis descritto 
di sopra: la sua mole è suscettibile di accrescimento assai maggiore: la pinna dor- 
sale si avvalla circa il mezzo, e sembra quasi divisa in due, perchè ivi degradano som- 
mamente i raggi spinosi: gli manca la macchia oscura che vedesi d'ambo i lati negli 
altri tutti del suo genere, come pur nelle Mendole : per le quali particolari note po- 
trebbe meritare il grado di sottogenere. Ci ha ritenuto però dal conferirglielo il non 
aver potuto veder questo pesce vivo nè fresco ma stagionato alquanto e serbato nello 
spirito di vino, mentre da un'altra parte l' opportunità di esporre sette Smaridi per 
gradi di sottigliezza ci ha consigliato a non isolarlo dagli altri, ponendolo immediata- 
mente sotto lo Smaris gracilis al posto che in tale serie gli conviene. E qui avvertasi 
che per agevolare l'esame comparativo delle parti fra le due specie, nel far delineare 
le figure ci siam serviti di uno de' più grandi esemplari che esistano della prima, e 
che della seconda al contrario scegliemmo uno de' più giovani e più delicati. Il Cu- 
vier e il Valenciennes, che la ebbero come noi da Sicilia, furono i primi a porla for- 
malmente nel catalogo legittimo degli esseri naturali: sembra però che il Rafinesque 
ne avesse stabilito un genere a parte, cioè il suo Centracanthus_^ chiamandolo C, cir-* 
rus. La somma fragilità in tutti gli Smaridi della membrana che congiunge i raggi 
della pinna dorsale, cui si aggiunge in questo la gran brevità dei raggi intermedii, 
può aver fatto credere al Rafinesque, per aver egli trovato la suddetta membrana di- 
strutta, che il medesimo portasse fra due dorsali alcuni raggi indipendenti e staccati. Di 
fatti sopra questo carattere fittizio fondasi quel suo preteso nuovo genere, che tuttavia 
modificato per le buone ragioni sopraesposte potrà adottarsi almeno come sottogenere» 
Se del nostro Smaris gracilis avesse avuto contezza il Cuvier, con esso e non col 
suo Sm. vulgaris avrebbe egli paragonato questa seconda specie. Gli si avvicina infatti 
rispetto alla sottigliezza: la sua massima altezza a due terzi dell'estremità del muso è 

80=^* 



SMARIS INSIDIATOR. 



contenuta più di cinque volte e mezzo nella totale lunghezza: la grossezza è due terzi 
dell'altezza: la parte assottigliata del corpo un settimo della lunghezza. Il capo, poco 
men lungo della quarta parte del pesce, è alto due terzi della propria lunghezza : la 
fronte è larga: il diametro dell'occhio è compreso sole tre volte nella lunghezza del 
capo ; essendo alquanto più breve di esso la disianza che passa tra il margine anterio- 
re dell'orbita e del muso, e alquanto più lunga quella che corre tra il margine poste- 
riore e il termine dell' opercolo. Il sottorbitale è alto, e senza arco rientrante al margine 
inferiore. Le scaglie sono piccole, di forma pentagona con due lati paralleli, altri due 
che si riuniscono ad angolo ottuso, e il quinto di base, il quale vien ricoperto dalla sca- 
glia superiore; quelle situate sul soprascapolare sono poco distinte. Il profilo del dorso 
si compone di curve più o meno depresse; il punto della massima curvatura cade sul 
quarto anteriore della lunghezza totale: più uniforme è il profilo del ventre fino al 
termine della pinna anale. La linea laterale corre piuttosto retta. La dorsale comincia 
poco dopo i due settimi della lunghezza dall'estremità del muso; dei suoi ventidue 
raggi il terzo è il più alto, ed ha due terzi dell'altezza del pesce: gli altri succedenti 
a questo vanno decrescendo fino all'undecimo, dopo il quale gli altri fino al decimo 
settimo crescono di mano in mano, e quindi gli ultimi nuovamente decrescono : per 
la qual cosa la dorsale è terminata da due curve che si riuniscono ad angolo rientrante 
nel mezzo di essa, ed essendo quivi gli ultimi raggi spinosi quattro volte più brevi del 
terzo^ la pinna sotto un certo aspetto può sembrar doppia. I raggi delle ventrali dimi- 
nuiscono più sensibilmente che nelle altre specie. I raggi spinosi della pinna anale 
sono deboli, posti ad uguale distanza fra loro, e poco più brevi di quelli del secondo 
ramo della pinna dorsale. La pinna caudale costituisce la quinta parte del pesce. 

Cresce questo Smaride fino a nove pollici e più. Il suo colore è bruno tendente al 
rossastro nella schiena, argenteo nel ventre : non vi si scorge macchia scura laterale. 
Le pinne sono di un rossastro frammiste di giallo, più intenso e tendente al rosso 
nella caudale. 

L'anatomia di un pesce così singolare nel suo genere doveva anch'essa offerire qual- 
che anomalia: diffatti il Cuvier ha osservato uno stomaco più allungato e più cilin- 
drico; tre ciechi soltanto al piloro; il notatojo semplice e non forcuto alla parte po- 
steriore. 

Non si è pescato finora che in Sicilia, ove porta il nome di Cirru a Palermo, di 
Pesce di umbra a Catania, e di Asineddu in Messina. 



SMARIS ALCEDO 

ZERRO CORONATO SOTTILE 



SMARIS albido'-argenteuSj mno-caeruleusj pinnis, caeruleo-guttatìsj pectoralihus ftavissimis: 
longitudine corporis altitudinem quintuplo vix superante: capite corporis altitudinem 
acquante : pinna dorsali continua^ corporis dimidio elatiorij radiis postremis ad pinnam 
aaudalem palde elongatis. 

i?. ii/ii. P. i5. F.i/^. ^.3/9. C. 17. 

SP&K0S ALCEDO, Risso , Ichth. Nic. p.nSS. sp. 28. part. 

SMARIS ALCEDO, Cuv. et Valens. Hist. Nat. Poiss. VI. p, 4i6. raec Risso, Hist. Nat. 
SPARUS BJLOBATUS ? Risso., Iclith. Nic.p. 252. sp. 21. nec Lacép. 
SMARIS iTALicus? Rìsso, Hist. Nat. III.p. 546. sp, 257. 
SMARIS, TVillughb. lohthiogr. lib.ìv. eap.zxììì, p.Sig. 

'Bhzvì Duham. Tr. Péch,lI.Sect.ìv. chap.nu p.^5.sp. ^ 
SPARE ALCiON, Risso , Iclith. loco citato, 

PICAKEL M&RTIN-PÈCHEPE» Cuv, Règn, Anim.'Jt. ed. JJ.p.iZj. 

I Pescatori Kizzarcll chiamano questo pesce Martin-pécheur perchè veste hellis- 
simi colori come Fuccello di tal nome [Alcedo Ispida^ L. ), per la qual circostanza il 
Risso lo donò dell'elegante nome di Alcedo^ nè sappiamo perchè siasi da ciò ricreduto 
nella seconda edizione del suo lihro, in cui lo considerò come il maschio di uno Sma- 
ris diverso, e trasferì il suo nome ad altra specie assai incerta e priva dei vaghi colori 
che a questa lo fecero- meritare. 

Se questi colori medesimi non permettono che la presente venga confusa con cin- 
que delle sue congeneri, la sua sagoma assai più snella e meno alta vieta che si 
confonda con lo Smaris chrjselisj che gli è figurato di sotto nella nostra tavola. Anche 
per un altro carattere si fa subito riconoscere, e specialmente distinguere dal detto 
chryselisji^er il notabile prolungamento cioè degli ultimi raggi tanto della dorsale quanto 
dell'anale, che se gli si piegassero addosso al tronco, giungerebbero a toccar la base 
della caudale. Riguardo eziandio a' colori^ questi due bellissimi Smaridi offrono alcune 
leggiere modilìcaziani costanti^ ma essendo molto maggiori le comuni ad ambedue non 
convien dare soverchia importanza a quelle che si scorgono miniate benché fedelmen- 
te nella nostra tavola, scambiandosi sovente l'una con l'altra in natura. 

L'altezza di questa Smaride è quasi un quinto della lunghezza, la grossezza è la 
metà dell'altezza: la porzione assottigliata del corpo è poco meno che una sesta parte 
di tutta la lunghezza. Il capo dalla punta del muso all'estremità dell'opercolo è lungo 
quanto Faltezza del pesce, ed è alto due terzi della sua lunghezza: il diametro del- 
Focchio è compreso quattro volte e mezzo circa nella lunghezza del capo: il margine 
anteriore dell'orbita dista dalla punta del muso un diametro e mezzo, ed il posteriojfe 

ao«*« 



SMARIS ALCEDO. 



quasi due diametri dal confine dell'opercolo. La linea laterale s'incurva secondo l'an- 
damento del profilo del dorso che è rilevato con uniformità. La pinna dorsale clie ha 
origine al quarto anteriore della lunghezza totale, e si estende poco meno della metà di 
essa, vien costituita da ventidue raggi, che tanto più s'inchinano sul dorso quanto più 
si avvicinano al termine, per modo che dal terzo raggio fino all'ultimo risulta quasi 
retto il profilo della pinna, più abbassato verso la coda: l'altezza maggiore della pinna 
è poco più della metà di quella del corpo; l'angolo che fa il suo profilo superiore con 
l'ultimo raggio è molto acuto, e spinge il suo vertice quasi sull'origine della caudale. 
I raggi dell'anale s'inchinano sul dorso come quelli della dorsale, e fanno che la pinna 
sia terminata con dolce curvatura al suo lembo, e con angolo acuto al suo termine: 
le sponde dei solchi dentro cui l'una e l'altra si ricovrano sono alcun poco rilevate sui 
profili del corpo : i lobi della caudale si estendono alquanto più che nelle altre specie, 
comprendendo essa pinna una sesta parte del corpo. 

I colori dello Smaris alcedo sono un cinereo-argenteo rossastro pieno di cangianze 
verdi e dorate, che si degrada in argenteo sui fianchi, e ritorna splendidissimo sul 
ventre ove predominano i riflessi verdi-aurati. Lungo il corpo veggonsi parecchie mac- 
chie e strisce interrotte di color ceruleo: tre di queste meglio definite segnano l'oper- 
colo; la superiore delle quali scorre al di sopra dell'occhio e si estende fino alla punta 
del muso; un'altra prende la sua direzione sotto l'occhio e termina ugualmente in 
punta al muso. La macchia dei fianchi è larga ma non molto scura. Si veggono gene- 
ralmente lungo il tronco tre file di macchie cerulee sotto la linea laterale, una al di 
sopra di essa linea, e sei file di punti più pallidi sul ventre. Le pinne dorsale, anale, 
e caudale sono di color giallastro, e portano alcune serie di macchie turchine: la 
membrana della dorsale è segnata fra il primo e secondo raggio spinoso da una mac- 
chia fosca grandetta. Le pinne pettorali sono di un bel color giallo: le ventrali sono 
turchinastre mescolate di rossastro alla base, e gialle sui margini^ 

La presente specie è assai più rara delle altre sul mercato romano, vedendosene 
appena un individuo per varie centinaja dello Smaris chrjselis. Ciò deve attribuirsi al 
soggiorno che fa nelle maggiori profondità marine ; onde quei pochi pescatori che la 
distinguono dallo Zerolo della corona più comune, la dicono Zerolo di fondale ^ ed as- 
seriscono che non si pesca se non quando soffiano i grandi venti che sconvolgono il 
mare. A Nizza dicesi Gerle blavié. La qualità della sua carne non è di gran pregio. 



SMARIS CHRYSELIS 

Z E R R Q CORONATO LARGO 



SMARTS aìbidorargenteus^ vario-coeruleuSj, pinnis coeruleatis t corporis longitudine altitudi- 
Tieni quadruplo superante :. capite corporis allitudinem vìx aequante : pinna dorsali con- 
tinua corporis diniidia parum elatiorij radiis postremis subbrevioribus, 

D. ii/ir. P. i5. f^. i/5. J. 3/9. C. 17. 

SP&RUS AtCEDO,, jRiSio, Ichih;. Nic. pi 258. sp. 28. parlim. 
SMA.EIS SMARIS mas, Riss. Hist. ]S at.Hl. p. 5^5^. sp.^S^. 
SMARIS CHRXSELis, Cuv. et f^alenc. Hist. Nat. Poiss, Vl.p. 4i5, tah. a65. 

l'iTRE ou: GROSSE PICARELLE GRiSE ?. Duham. Tr. Péch. 11^ Sect. ìt. p. 4l- !.. tah.Vùì.fig. iiì, 
PiCABEL. C8.,RX§Èle,, Cuv,. et fTalenc. loco citalo.. 

C^iiesta pesce che in fatto> di splendore poco cede allo stesso Smaris alcedo cui è 
similissinio per le tinte, se ne distingue ad un tratto per la maggiore eleYazione del suo 
corpo, e perchè i raggi spinosi della sua pinna dorsale sono più lunghi che in quello 
riguardo, alla rispettiva altezza del corpo ; ed al contrario gli ultimi raggi molli non. 
si prolungano a quel punto che denotammo nella specie sopradescritta; ond'è che ri- 
feriamo il nostro Smaride alla succinta indicazione, che diede il Cuvier del suo chryselis. 

L'altezza del presente Smaride doppia della grossezza è compresa quattro, volte nella 
lunghezza,, di cui la parte assottigliata del corpo- forma un settimo. Il capo è lungo poco 
meno dell'altezza del pesce, ed alto tre quarti della propria lunghezza:, il diametro del- 
l'occhio., poco meno di un terzo* della lunghezza del capo: il margine anteriore dell'or- 
bita dista dalla punta del mu.so quanto è lungo il detta diametro ; parimente poco più 
. si diparte il margine posteriore dall'estremità dell'opercolo. La dorsale s'intesta poco 
prima del terzo anteriore della lunghezza ; si estende quasi una metà di essa,, e vien 
sostenuta da ventidue raggi,, che decrescono e s'inchinano sul dorso quanto più proce- 
dono verso il termine ; di maniera che^ il profilo della pinna ha Tandamento curvo al 
principio, quasi retto verso- il fine : la maggior altezza di essa pinna è poco più della 
metà di quella del corpo^ La disposizione dei raggi ramosi dell'anale è quasi simile a 
quella dei raggi ramosi della dorsale; ma son essi alquanto più brevi: i solchi in cui 
si possono nascondere queste due pinne hanno, i loro; lembi rilevati sui profili del 
corpo. La pinna caudale b la quinta parte del pesce. 

Il dorso si colora di un cinereo-argenteo come neW alcedo.^, e il ventre di un argen- 
teo-giallastro : il corpa ha strisce cerulee longitudinali,, come accade in quello, ed al- 
cune piccole macchie lungo la parte superiore : i fianchi pure hannoi somigliante la mac- 
chia scura.. La pinna dorsale è quasi tutta tinta di color celeste,^ sparsa di macchie ce- 
rulee più intense disposte a doppio ordine nella parte posteriore le pettorali sono gial- 
lastre : le ventrali hanno il fondo giallo fasciato di quattro, bande- cerulee alquanto in- 



V 



I 



SMARIS CHRYSELIS, 



terrotte: l'anale ba, lo stesso fondo giallo, ed è fasciata anch'essa di tre bande cerulee: 
la caudale ha lo stesso fondo, rosseggia un poco sulla punta e sui margini, e porta 
due sole bande cerulee. 

Poco valore suol darsi alla sua carne. Si pesca comunemente sulla spiaggia Roma- 
na, ove porta il nome di Zerolo dalla corona j e di Zerolo dalla corona largo. Non ci 
è stato possibile di rinvenire come era nostro desiderio a quale specie debbasi appro- 
priare la denominazione Toscana Spìgolo^ la Genovese Spigo^ le Veneziane Pontio^ 
GavizOj Menola bianca^, Maredolùj, Menolata^, le Mareheggiane Amindola lunga o tonda, 
Marindola etc. le quali voci pure si riferiscono a parecchi in complesso o ad alcuni 
in particolare di questi pesci. 

Essendo oramai giunti all'ultima specie della prima tavola de' nostri Smaridi, sti- 
miamo opportuno prima d'incominciare le illustrazioni della seconda il produrre un 
esame comparativo di tutte le loro specie. Confuse da prima con le Mendole, tanto 
più proseguono a confondersi fra di loro; e fa d'uopo aver l'occhio sagace d'un natu- 
ralista per distìnguerne i caratteri, i quali sembra che lo stessa Cuvier non abbia con la 
solita sua diligenza osservati, benché saviamente avvertisse non essere state descritte 
comparativamente le specie prima di lui indicate, e perciò riuscire quasi impossibile 
il rintracciarle negli autori; del che diede prova manifesta coli' errare nella soia- cita- 
zione che promulgò per certa. Cinque soltanto egli ne conobbe, ma sopra due si rimase 
«così dubbio e timido che noi,, postergate le sue indicazioni, potremmo quasi dire averne 
il medesimo stabilite tre sole. Messo da banda lo Smaris insidiator che per i suoi molti- 
plici caratteri non sì lascia confondere con verun altro, facendo quasi un sottogenere 
a se, osserviamo che tre delle rimanenti specie normali Cgracilis, mlgarìs e MauriiJ 
vestono colori scuri, e tre altre chiari, cioè alcedo_, chrjseliSj, gagarellà: che tre sono 
sottili Cgracilis j. Mauriij alcedoj e tre di corportura elevata somigliante a quella delle 
Mendole, cioè chrjselis_, gagarellà^ vulgaris :. che due hanno gli ultimi raggi più o meno 
prolungati falcedoj MauriiJ mentre nelle altre (gagarellà^,, mlgarisj,, gracillsj ehrjselisj 
questi .ultimi raggi sono più corti dei precedenti. Accozzando questi caratteri come 
abbiamo procurato di fare per dar forma alle nostre diagnosi, sarà impossibile di con- 
fondere d'ora innanzi queste sette specie malgrado la loro reciproca affinità. Quanto poi 
alla lor sinonimia^ andiamo di perfetto consenso col Cuvier^ che sia cioè inestrica- 
bile affatto. 



SMARIS GAGARELLÀ 

ZEROLO CHIARETTO 



SBURis albìdo-apgenteus^ Uturis suhcoeruleis vix conspìcuiSj pinnis decolorihus : longitudine 
corporìs altitudinem quadruplo superante : capite corporis altitudinem aequante : pinna 
dorsali continua_^ corporis dimidio humiliorij radiis postremis brevioribus, 

D. lì /il. P. 17. V. 1/5. A. 3/9. C 17. 

SMAEIS GAG4EELLA, Ciiv. et Valsnc, Hist. Nat. Poiss. VI. p. 1^7.0. 
SMARIS, Rondel.Pisc. Mar. I. lib. v. cap. xiiii. p. ìil^o. cum Jig. 
MAENA CANDIDA seu SMARIS Rondeletii , Gesn. Jlquat. IV. p. 622. cum fig. 
6IARET BLANC , Belorif Nat., et Pourtr. Poiss, Uh. L p. 222, 

PiTRE ou PETi^fl picARELLE BLANCHE ì. Duhamel, Truité des PécIuII. Se^t, iv. ekap.iì], p.^i.sp.l. tah.y'm.fig. 4- 

HCAREL GAGAREL, Cut-. ^7u'm. 2. ed, //. p. 187. 

(Quando noi riferiamo i siDonimi di queste e di altre specie confuse dagli autori 
citati, ci fondiamo soltanto sulle congetture: così a cagion di esempio sotto la presente 
citiamo il Rondelezio consigliati dalle semplici parole motis coeruleis caret . . . candida 
est eie. il quale avvertimento gradiremmo che non dimenticassero i cortesi nostri lettori. 

Questo pesce in quanto alle forme potrebbe a prima vista tenersi per un'esemplare 
sbiadato dello Smaris chrjselis^ del quale egli è più ancora abbondante sulla nostra 
costa, ove gli vengono dati i nomi di Zerolo comune ^ Zerolo chiaro j, Zerolo di fango ^ 
secondo che si ha in vista la sua frequenza, il colore, o il prediletto soggiorno. Ma 
quantunque ambedue ìe specie giungano a somigliare le Mendole riguardo all'altez- 
za, tuttavia oltre una diversa sembianza che all'occhio esperto dell'Ittiologo appari- 
sce issofatto, vi si troverà da ehi bene osservi una differenza non lieve in alcune 
proporzioni, e sopratutto nell'elevazione relativa della pinna dorsale. Ci gode l'animo 
di poter istabilire sopra solide basi tanto questa specie quanto la suddescritta Smaris 
chrjselis indicate soltanto e con grande incertezza dal Guvier, il quale spone cauta- 
mente i suoi dubbj dichiarando che almeno la presente altro forse non sia che una di- 
versa forma dello Zerolo coronaiOj fondatosi sulla saggia osservazione che le propor- 
zioni relative del corpo sono soggette a variazioni secondo il sesso e la stagione, e che 
quelle specialmente fra l'altezza e la lunghezza possono dipendere dal diverso stato 
di plenitudine dei pesci. Noi però sopra centina j a di esemplari abbiamo osservato va- 
riare sì ma in alcuni determinati limiti le dette proporzioni: e malgrado l'incertezza 
delle indicazioni del Cuvier, piuttosto che stabilire nuove specie abbiamo preferito di 
confermare quelle dell'esimio naturalista, invano sconsigliandocene lo spiacevol nome 
che la presente ha ricevuto. 

L'altezza del pesce è un quarto, e talvolta anche più» della sua lunghezza: la gros- 
sezza poco pili che la metà dell'altezza:, la parte assottigliata del tronco posta dietr© 



SMARIS GAGARELLÀ. 



la dorsale conta la settima parte della lunghezza. Il capo è lungo quanto l'altezza mag- 
giore del tronco, ed è alto due terzi della sua lunghezza: il diametro dell'occhio è 
poco meno che un terzo del capo: il margine anteriore dell'orbita dista dalla punta 
del muso un diametro, e il margine posteriore poco più di un diametro dall'angolo del- 
l'opercolo. Tanto il profilo del dorso quanto quello del ventre sono molto attendati, e 
vanno quasi simmetrici intorno al mezzo. La dorsale s'origina dopo un quarto della 
lunghezza del pesce, e si estende per due quinti di essa : i raggi che la sostengono 
sono ventidue; i più alti quelli dimezzo; gli spinosi verso la testa decrescono meno 
che gli altri, onde la dorsale viene a terminarsi con una curva che più si abbassa 
verso la parte posteriore: la sua maggiore altezza giunge a due quinti dell'altezza del 
tronco. I raggi ramosi dell'anale sono più brevi di quelli della dorsale. La caudale è 
meno lunga della sesta parte del corpo, 

I colorì sono assai più chiari che negli altri Smaridi: mostrasi sul dorso un grigio 
sbiancato che gradatamente passa all'argenteo lucido nel ventre: la macchia de' fianchi 
è poco visibile, per esser simile alla tinta del dorso: negli esemplari appena pescati si 
scorge un ombra leggera di tratti longitudinali a color turchino-periato : tutte le pinne 
sono scolorate, cinereo-biancastre. 



SMARIS 

ZERRO 



VULGARIS 

DEL CUVIER 



SMJRis Jtisco-argenteus j pìnnìs ruhescentibus : longitudine corporis altittidinem quadruplo 
cum dimidio superante : capite corporis altitudineni vìx aequante: pinna dorsali con- 
tinua^t corporis dimidio humiliorij radiis postremis brevioribus. 

D. ii/ii. p. 17. y. 1/5. J. 3/9. c. 17. 

SMARIS vcLGAKis, CiW.et Valenc.Hist. Nat. Poi&s. VI. p. 407. excl. synon. Delaroche. 

sPAEus SMAKis, Limi. Syst. Nat. I. p. 468. sp. 5. Ginel. Syst. Nat. I.p. 1271. sp. 5. Scìmeid. Bl. Syst, 

p. 273. sp. 14. excl. observ. in Brunii. Risso, Ichth. Nie. p.'^.SS. sp.6. nec Brunn. nec Bonnat. 
SMAKIS SMAlus foeraina, Ri&s. Hist. N at. I II. p. Zl^S. sp.7,5l{, 
^jJjOCpLQ'i Arisiot. Hist. Anim. lib.yuì. cap.xxx. Oppian. lii.i. p. 5. 

SMABis? Ovitl. Halieut. V. 120. Bellon. Ac/uat. p. 22B.Jì.g. in p.22g. Gesn. le. Ariim. p. 6S. Aldrov. 

Pise, lih.n, cap.xlp. 7:2'].fig. inp. 228. Rafì Syn, Pise. p. i56. sp. 20. 
GERRES ? Plin. Hist. Mundi, lih.^xùi. cap.%\. 

SMARIS primus, Jonst. Pise I. Uh. 1. tit. iii. cap. i. art. sxii. p. 55. tah^ xx, fig. 5. 

SFABus macula nigra in utroqne latere medio, pinnis pectoralibus cauciaque rubris, Arted. Gen. Pise. p. 56. sp. 10. 

Id. Synon. p. 62. sp. 10. 
SPARUS argenleus macula laterali fusoa pinnis -ventris anique rutris, Brunn. Ichth. Mass. p. 
oiARET, Belon, Nat. et Pourtr. Poiss. lib.ì. p. 221. fig. in p. 225. 
PlCAKEL , Daubent. Dici. Ichth. in Enc. Meth. Hist. Nat. III.p. 3oi. 

JARE ou JARET BKDN ? Duhum. Tv. des Péeh. II. Seet.ly. chap.'ùì.p, 43. sp.^.tah xuì./ig.ìi. 
piCAREL coMMciN, Cuv. Règn. Anim. II.p. o.']o. Id. Ihid. 2. ed. II.p. ibj- 
SICAREL ORDINAIRE, Cuv. et f^alenc. Hist. Poiss. loco citaio-. 



Gonvien I asciare alla sesta specie dei nostri Zerri rappresentata nella penultima 
figura il nome di Smaris vulgarisj, giacché ad essa lo imponeva il Cuvier, quantunque 
erroneamente dicesse che, non sapendo egli badare ad altri autori, distinguea con tal 
nome quella pubblicata e messa in chiara luce dal Delaroche sotto la denominazione 
di Sparus Smaris. Noi per opposto crediamo fermamente la figura del Delaroche nulFal- 
tro rappresentare che il nostro Smaris graciUs alquanto scorciato, e che il Cuvier, per 
fargli corrispondere il suo Smaris vuìgariSj, attribuisse a questo lunghezza proporzionale 
poco maggiore del vero, non cioè quattro altezze e mezza, ma cinque. E che certa- 
mente del nostro Smaris gracilis favellasse il Delaroche lo prova la lunghezza del capo 
nel suo animale, la quale notabilmente supera Taltezza del corpo, quando in quello di 
cui parliamo essa lunghezza è perfino minore: e lo stesso Cuvier cosi appunto la misu- 
rava e descriveva mentre applicava il nome mlgaris allo Smaris del Delaroche che mai 
non dovrebbe aver conosciuto. Fatale ignoranza che ingenera molte dubbiezze e con- 
fusioni nella mente de' principianti, che stentano così a riconoscere la specie, alla quale 
tutte le altre della grand-opera del naturalista francese si riferiscono. 

L'altezza maggiore contenuta quattro volte e mezzo nella lunghezza, è doppia della 
grossezza : la parte assottigliata del corpo un sesto di tutta la lunghezza. La lunghezza 



SMARIS VULGARIS. 



del capo è poco meno della maggior altezza del corpo, l'altezza alla nuca due terzi della 
propria lunghezza: l'occhio collocato alla distanza di un diametro dalla punta del muso 
uguaglia la terza parte circa della lunghezza del capo. Il profilo del dorso è più ricurvo 
che quello del ventre, il cpale dal cominciamento della pinna ventrale fino al mezzo 
dell'anale procede quasi retto: la linea laterale ha presso a poco la curvatura stessa 
del profilo. La pinna dorsale ha origine alla fine del terzo anteriore del corpo, ed è 
sostenuta da ventidue raggi: i piìi alti sono quelli di mezzo: gli spinosi anteriori de- 
crescono meno che i ramosi per cui viene la pinna a terminarsi superiormente con 
una curva che più si ahhassa verso la coda: la sua elevazione maggiore non giunge 
alla metà dell'altezza del corpo. L'anale è alta poco più del diametro dell'occhio 
lunga poco più del doppio della propria altezza ; i suoi raggi molli sono alquanto più 
brevi di quelli della dorsale. La caudale è lunga quanto la sesta parte del pesce. 

Il colore è un cinereo-argenteo assai cupo, annebbiato di fosco, che sotto alcuni 
riflessi rifulge con cangiarsi in dorato, degradandosi poi finche passa al bianco sul ven- 
tre: la macchia dei fianchi è grande, ben segnata e molto nera. La pinna dorsale è sfu- 
mata di color olivaceo e porta alcuni punti rossi disposti in serie sui raggi; le pet- 
torali sono d'un ranciato lurido il quale tinge parzialmente le ventrali e l'anale: la 
caudale foschiccia porta alcune serie di puntini rossastri. 

La qualità della sua carne è piuttosto pregevole. Al dire del Risso chiamasi a Nizza 
Gerle l'adulto, e Gavaron il giovane: noi però prendiamo forte sospetto che il nome 
di Gamron si debba appropriare invece al nostro Smaris gracilis. Dai pescivendoli ro- 
mani lo Smaris mlgaris appellasi Zerolo scuro j Zerolo di scoglio; il quale non è per 
verità tanto raro quanto è meno comune di quella specie decolore effigiatagli al di 
sopra, che da tal gente viene appellata Zerolo comune ^ Zerolo di fango j Zerolo chiaro j 
a cui meglio sarebbe convenuto che a questo la denominazione mlgaris. Ma forse già 
fummo soverchj nel propalare un abbaglio del Cuvier: non ci soffre l'animo di abolire 
il nome da lui concesso alla presente specie, che, comunque si voglia, sarà sempre 
per noi, lo Smaris vulgaris di quel sommo naturalista; e perciò lo diciamo italiana- 
mente Smaride del Cuvier, 



SMARIS MAURII 

ZERRO DEL MAURI 



SMJRis fuscQ-argenteuSj pinnis subrube&centihus: longitudine corpoHs altitadinem plus 
quintuplo superante: capite corporis altitudine viodice longiore; pinna dorsali conti- 
nuaj corporis dimidio elatiorej, radiis postremis longioribus. 

i?. 11/12. P. i6. 1/5. ^.3/9. 0.17. 

amicizia che da lunghi anni mi strinse all'esimio signor dottore Ernesto Mauri 
di eh. me. professore di Botanica pratica in Roma, l'analogia degli studj ad ambedue 
comuni sulle cose naturali, la gratitudine che gli conservo pe' consigli ed ajuti presta- 
timi in questa opera ove meno si vegga indegna dell'accoglienza dei filosofi, vogliono 
che da me diasi publica testimonianza del profondo dolore che la perdita di tant' uo- 
mo mi lasciò dentro dell'animo. Non dirò della sua vita domestica, scientifica e lette- 
raria lodatissima in ogni parte, e per soverchia sventura non giunta oltre i nove lustri; 
non de' suoi viaggi a prò *della scienza, alcuni de' quali gli riuscirono faticosissimi e 
superiori alle forze del corpo; non delle opere promulgate in istampa, e delle altre di 
maggior numero che si vorrebbero vedere in luce quanto prima; non della fortezza 
ed alacrità di animo, con la quale seppe resistere alla fierezza di una continua malattia 
di circa sette anni alla quale finalmente gli fu forza il cedere. Imperciocché le penne 
assai più adeguate di un A.ntonio Bertoloni, di un Michele Tenore, e di altri scrittori di 
merito eziandio hanno già divulgate solennemente le sue virtù. Basti a me il ricordare 
ch'educato egli ad ogni maniera di buoni studj, non prima fù giovinetto che maturo 
filologo, in greche in latine in italiane lettere pienamente versato, e di parecchie lin- 
gue oltramontane elegantissimo parlatore; co' quali ornamenti grato oltremodo si fece 
a dotti forastieri, che principalmente della sua lettura ed esposizione della Divina Com- 
media il richiedevano e si dilettavano: che dagli ameni studj delle lettere, ne' quali più 
ordinariamente s'intertenne fin quasi a mezzo il corso della sua breve età, guidato da 
quegli aurei anelli che a più gravi discipline, giusta la sentenza di Tullio, gli sposa, 
trasse a' giardini misteriosi di Flora già non sì spesso frequentati fra noi, ed in poco 
tempo fu scolare, condiscepolo, collega, e divenne, direi perfino, maestro de' suoi pre- 
cettori quantunque dottissimi; che meritatasi, mercè di publico severo concorso, la 
cattedra di Botanica pratica nell'Archiginnasio romano e la direzione dell'Orto botanico 
in freschissima gioventù, tenne decorosamente molti anni il doppio ufficio sì per la nota 
candidezza de' suoi costumi, civiltà e cortesia di maniere, sì per la dottrina ogni di più 
vasta della materia che cresce con l'osservarla, si per l'ordine lucidissimo del discòrso, 
e pel fino criterio ne per troppo vigore nè per lassezza diminuito giammai; che spese 
tutto se stesso a servigio ed aumento della scienza, nell'amore e nel rispetto d'immenso 
numero di uditori, nella estimazione de' buoni, nel gradimento del Principato : e che 
di lontano altresì con l'epistolare corrispondenza, e con le opere publicate, con la pre- 



SMARIS MAURII. 



senza eziandio, e con la viva parola, persuase anco i più schivi non essere in Roma 
altrimenti sì povere d'insegnatori opportuni le scienze naturali. Onde avvenne che di- 
morando egli una volta in Parigi, fin da Berlino il celebre Kunth mosso dalla fama 
del suo valore gli dedicasse significato col nome di Mauria un genere di piante nuovo 
della famiglia delle arboree Terebintacee come a celebratissimo botanico italianOj e solo 
rimasto (son sue parole) a continuare il Prodromo della Flora romana! Laonde io, non 
già per gareggiare con l'egregio naturalista prussiano, ma per lasciare in queste carte, 
dal mio lagrimato amico con molta dottrina soccorse, qualche memoria di lui, modesta- 
mente gli reco all'ombra della superba pianta la nuova specie di Smaride, che qui ap- 
presso descrivo. Ne già temo di andar redarguito se d'un piccolo e lurido pesce io lo 
dono ; conciossiachè gli umani desiderii conviene che si raccorcino ponendo mente a 
così miserabili sventure; e piìi degli Apogoni dorati, de' Labraci argentini, delle Perche 
variopinte, che abbiamo veduto, le squallide spoglie di questo animale si addicono alla 
mestizia e al cordoglio. Che se non mi piace di attingere ad incerta fonte derivarsi da 
Smaris il vocabolo smarrimentOj che pallido si dipinge in chi è smarrito, quale appunto 

10 mi sono in così triste congiuntura; meglio mi giova il rammemorare che sulle pietre 
sepolcrali de' più amorevoli sovente i primitivi Cristiani usarono di scolpire la figura 
di un pesce, non solo perchè nel pesce fù simboleggiata la innocenza che si riacquista 
col santo lavacro, e alcuni Dottori della Chiesa chiamarono gli uomini pesci e pescetti 
di questo mare procelloso della vita, ma principalmente perchè sotto l'emblema dei 
pesce semplicemente delineato significavasi il greco nome IK0Y2 il quale comprendendo 
in ciascuna lettera le iniziali delle parole Ivjcruc? 'K^igxoa 0£8 Yioa 2wTvjp teneva nelle epi- 
grafi mortuarie il luogo del Monograjnma Costantiniano. 

Questa novella specie di Smaride abitatrice degli scogli è piuttosto rara a pescarsi: 
e se per la forma è uguale al chrjselis_, distinguesi però da quella ad un tratto pe' diver- 
sissimi colori : se ne' colori somiglia al vulgarisj, la sua sagoma è sì snella da non po- 
tersi confondere con quello: se per la forma e pei colori non è differente àdX gracilisj 
e riceve perciò da' pescatori lo stesso nome di Pesce in barile è bensì piìi alta di quel- 
lo, nè tanto sottile di corpo, e porta innoltre gli ultimi raggi della dorsale piìi lunghi 
de' precedenti, quando invece nel gracilisj che sempre rimane più piccolo, essi raggi 
posteriori sono alquanto più brevi. 

L'altezza maggiore dello Smaris Maurii doppia della grossezza vien compresa cin- 
que volte nella lunghezza, di cui lo spazio assottigliato dietro la pinna dorsale occupa 
la settima parte. Il capo è un sesto più lungo di questa altezza, ed è alto due terzi 
della propria lunghezza: il diametro dell'occhio è quasi eguale allo spazio che corre 
fra il suo margine anteriore e la punta del muso; ed un diametro e mezzo si conta fra 

11 suo margine posteriore ed il termine dell'opercolo. Il profilo del dorso si presenta con 
curvatura meno convessa e più uniforme che negli altri pesci del genere: accade il con- 
trario per il profilo del ventre. L'ano s'apre precisamente alla metà del corpo. La li- 
nea laterale corre quasi retta Sedici sono le fila delle scaglie, ciascuna delle quali ne 
contiene ottanta circa. La pinna dorsale si origina ad un quarto della lunghezza come 
nelle altre specie, ma è lunga quanto la metà di tutto il pesce, alta più della metà 
del tronco ; i suoi raggi sono uguali fra loro, meno il primo spinoso eh' è poco più 
breve, e gli ultimi tre ramosi che si prolungano un terzo più degli altri : lo stesso 
s'intenda pe' raggi dell'anale: in genere le pinne sono tutte grandi. I colori non dif- 
feriscono punto da quelli dello Smaris vulgaris. Gli individui maggiori hanno sei pol- 
lici e mezzo di lunghezza. 



I 



/ 



i 

MUGIL CEPHALUS 

MUGGINE CEFALO 

MUGIL capite brevi j latOj anterius semicirculari: labio superiore tenui: maxillari brevi a 
' suborbitali occultato: spatio gulari operculis interposito obverse lanceolato latiusculo: 
oculis velo adiposo hjalino tectis : naris utriusque foraminibus dissitis : squama axil- 
lari pectoraliuin elongata cannata. 

is' D. 4. 2.'^^ D. 9. P. iS. F. 1/5. A. 3/8. C. 16. 

MDGIL CEPHALUS, Cuv. Regn. Jniin. 2. ed. II. sSi. Eajìnesque, Ind. Itt. Sic. p. 33. sp. 241. (excl. var.) 

Eisso, Ichth. Nic. p. 345. gen. 71. sp. 1. (escl.var. A.) Id. Hist.Nat. III. p. 388. sp. 3o3. 
MUGIL CEPHALUS, var. A. Delaroche, Mem. Poiss. libica in Ann. Mas. XIII. p. 358. tah. lo.fig, 4. 
CEPHALUS, Rond. Pise. I. Uh. ix. cap. v. p. 260. cumfig. Gesner, Aquat. lib.ìy. p. 649. 

CESTREUS, tlorso repando et sordide viridi, ventre albo, capite latiore reliquorum capiliLus, oculis mucagine lam crassa 

infectis, ut palpeLram dixeris, lineis lateralibus nigris, Klein, Ilist. Pise. Miss. y. fase. ì^. p. 25. sp. 1. 
MULET-CABOT, Duhamel, Traité des Péches III. Sect. vi. cap.yi. art. ii. p. 146. sp. 1. 

M0GE A GROSSE TETE, RisSO locO citato. 

CEPHALE, Cuv. loco citato. 

Il genere Mugil si distingue fra i Pesci Acantotterigj per un complesso tale di 
particolarità di struttura, che non si potrebbe aggregare ad alcuna delle famiglie na- 
turali ammesse uniyersalmente, senza turbare i legami reciproci sui quali esse troyansi 
stabilite. / 

Sono comuni alle specie di questo genere le condizioni seguenti. Corpo oblungo, as- 
sottigliato posteriormente, compresse-turgido, coperto di scaglie grandi, embricate, ad- 
presse, dure, striate, troncate alla base, leggermente cigliose all'apice che è arcuato. 
Capo turgido, un poco depresso, largo, coperto superiormente di scaglie grandi lar- 
ghe poligone irregolari, privo d'appendici. Membrana branchiostega crassa, sostenuta 
da sei raggi. Opercoli difilli, lisci, grandi, rigonfj, col margine angoloso nel tratto su- 
periore, intiero e rotondato nel rimanente. Muso breve, ottuso. Occhi laterali, rotondi, 
con la membrana nictitante anulare. Narici doppie. Bocca piuttosto picciola, tagliata 
obliquamente: mascelle quasi uguali, la superiore esertile, l'inferiore fornita interna- 
mente presso l'apice d'uno spigolo o carena prominente, che al chiudersi della bocca, 
vien ricevuta in un' incavo o solco della mascella di sopra. Lamina cornea del pez- 
zo sottorbitale dentellata al margine. Labbra orlate di ciglia brevi tenuissime talvolta 
impercettibili, che tengon luogo di denti. Lingua breve, immobile, carenata, scabra 
sul margine. Palato armato di scabrosità verso il fondo di qua e di là dal tratto di 
mezzo. Apparecchio faringeo assai complicato. Dorso convesso, con la carena che segna 
una linea leggermente curva per tre quarti della lunghezza, quindi per un breve 
spazio arcuata, finalmente quasi retta nel tratto vicino alla coda. Carena addominale 
più incurvata della dorsale. Ninna linea laterale propriamente detta, perchè tutte le 

3o 



MUGIL CEPHALUS. 

scaglie (Iella metà superiore elei corpo sono munite d'un poro tubulare, e segnano 
perciò altrettante linee per lato quanti sono i loro ordini. Pinne in numero d'otto. 
Due dorsali separate ; l'anteriore equilibrata, corta, fornita di quattro raggi spinosi, 
con due scaglie lanceolate membranacee adpresse disuguali situate di qua e di là lungo 
la sua base: la dorsale posteriore inserita nel mezzo fra l'anteriore e la coda, disu- 
gualmente forcuta, col lobo anteriore più alto del posteriore. Pettorali medie, mode- 
ratamente grandi, con una scaglia ascellare, ossia inserita presso il termine superiore 
della base, membranacea, grandetta. Ventrali inserite non molto dietro alle pettorali, 
poco piìi avanti della dorsale anteriore: alla base di queste dal solo lato esterno due 
scaglie lanceolate membranacee disuguali, analoghe a quelle che accompagnano la dor- 
sale anteriore. Pinna anale opposta alla dorsale posteriore, breye, disugualmente for- 
cuta, coi tre raggi anteriori spinosi, il primo brevissimo, gli altri successivamente più 
alti. Caudale distinta, biforcuta, col lobo superiore appena più lungo dell' altro. Sto- 
maco in forma di trottola, con la parete erta; tubo intestinale lunghissimo, circonvolto, 
con due picciolo appendici nel tratto vicino al piloro. Fegato voluminoso. Peritoneo 
nero. Tinta della metà superiore di tutto il corpo cinereo-argentea, con tante strisce 
longitudinali di colore più intenso quanti sono gli ordini delle scaglie; ventre bianco- 
inargentato. 

La ristrettezza delle fauci impedisce ai Pesci di questo genere il cibarsi di sostanze 
compatte, quindi non sono infesti agli altri abitatori delle acque: hanno invece in molti 
di loro, e specialmente nella Perca LabraXj L. fieri e temuti persecutori. Insieme con 
l'acqua e con la melma, nella quale si dilettano, ingojano le varie sostanze vegetabili 
o animali che vi si trovano stemperate, e i piccioli animaluzzi che vi si annidano. 
Non frequentano i fondi pietrosi e non s' inoltrano nel mare profondo, ma vivono 
lungo i lidi fangosi e presso la foce dei fiumi. Molti, e forse tutti, al principio della 
stagione calda sogliono risalire per lunghissimo tratto nelle correnti delle acque dolci. 
Sono vigorosi ed agili al nuoto, e per difendersi dai loro nemici si slanciano fuori del- 
l'acqua descrivendo parabole istantanee, ma ricadono tosto, perchè la mediocre di- 
mensione delle pinne pettorali non concede che fendano l'aria orizontalmente, come 
avviene ai pesci detti volanti. 

Paragonando tutte le condizioni fin qui esposte con quelle che caratterizzano le 
grandi famiglie degli Acantotterigj non sarà difficile convincersi di quello che da 
principio abbiamo asserito, cioè eh' è impossibile intrudere in alcuna di quelle il ge- 
nere Mugil. Sono innegabili le somiglianze che ha con la famiglia dei Per cidi j e spe- 
cialmente con quella sezione in cui è doppia la pinna dorsale : ma se ne allontana 
per la tenuità somma dei denti, che nei Percidi sono invece assai validi e grandi, e 
per gli opercoli inermi ed intieri, che mai non sono tali nei Pesci di quella famiglia. 
S'avvicinano agli Sfirenidi per la struttura degli opercoli, ma quelli hanno denti an- 
che più validi e grandi dei Percidij e presentano un'aspetto diverso, e perciò hanno 
una differente combinazione di parti, suU' esame delle quali ora è superfluo impe- 
gnarci. Ai Mallidi s'avvicinerebbe assai più che agli altri, specialmente per la bocca 
orlata di denti appena sensibili, e per le forme generali; manca però di quei cirri 
o barbette pendenti sotto il muso, che costituiscono il carattere più segnalato di cpiella 
famiglia. 



MUGIL CEPHALUS. 

Il Duméril stabilì i suoi Lepidopomi sul Mugli e sull' ExoccBtuSj associando così, 
dietro le tracce degli antichi, due generi fra i quali corre soltanto una lontana ana- 
logia. Il Risso riguardò il Mugil come tipo d'una famiglia speciale, cui assegnò il 
nome Mugiloides : ma poiché comprese in essa oltre i MulUdi alcuni veri Per cidi ^ 
tal famiglia non si poteva conservare senza modificazioni grandissime. Opportuna fu 
dunque la novità introdotta dal Guvier nella seconda edizione del suo Règne Animai^ 
perchè ivi egli fondò la famiglia Mugiloides sul solo genere Muglia registrando al 
seguito d'essa come generi indipendenti Tetragonurus Atherina. Siccome però que- 
sti due generi sono appunto nella stessa condizione del Mugil quanto al non potersi 
aggregare assolutamente ad alcuna gran famiglia d'Acantotterigj, e poiché vi sono ca- 
ratteri comuni che li collegano col Mugilj noi ci siamo indotti a riunirli nella fa- 
miglia Mugilidaej le divisioni della quale nello stato in cui ora è la scienza vengono 
costituite dai tre generi mentovati, e si meritano i nomi di Mugilinij Tetragonurini ed 
Àtherinini. 

La formula esprimente i caratteri essenziali della {-àVin^Y^^ Mugilidae sarà la seguente. 
Operculi intieri: sei raggi alla membrana branchiostega : capo depresso: niun cirro al 
muso: due pinne dorsali: scaglie grandi. Condizioni poi particolari al gruppo o sotto- 
famiglia Magilini saranno; il capo coperto di scaglie poligone: la mascella inferiore 
carenata nell'interno: i denti tenuissimi appena percettibili: la dorsale anteriore co- 
stituita da soli quattro raggi spinosi. La sottofamiglia Telragonurinij, che per ora conta 
un sol genere ed una sola specie, ed ha essa pure la carena nelF interno della boc- 
ca, si distingue perchè offre i denti taglienti ed acuti, la pinna dorsale anteriore bassa 
e allungata, e per quel carattere della coda fornita di creste, che si ripete nella maggior 
parte degli Scombridi. L'altra sottofamiglia Atherininij, in cui i denti sono pure minutis- 
simi, resta caratterizzata dalla bocca assai piìi protrattile, ma principalmente dalla 
mancanza della carena nell'interno della bocca e delle scaglie poligone sul capo. Ha 
poi i raggi spinosi flessibili, in guisa da accennare fino ad un certo punto una relazione 
con la famiglia dei Gohidi. 

Come suole avvenire nei gruppi veramente naturali, le specie del genere Mugil sono 
fra loro tanto simili che è necessario un' attento esame per riconoscere i limiti che le 
separano. Ascende forse a trenta il numero di quelle che finora sono state raccolte, 
e di queste sei per lo meno s' incontrano nei mari d'Europa, e particolarmente in quelli 
che bagnano la nostra Italia. Di quattro intese dar notizia il Rondelet, ma le sue descri- 
zioni e le figure ne fanno riconoscere con precisione due solamente. Salviano si dif- 
fuse in erudizioni relative ai nomi degli antichi, e Belon disse in conclusione che 
tutt' i Muggini del mediterraneo di cui s'era parlato fino a lui non potevano essere al- 
tra cosa che stati diversi d'un' essere medesimo. 11 grande Artedi, il primo dei Sistema- 
tici, descrive una sola specie Europea, e sotto di essa inserisce indistintamente i sino- 
nimi, che spettano a molte: anzi è cosa degna d'osservazione che spendendo tre pa- 
gine di scritto nella descrizione del suo Mugil non sia giunto a farci intendere con pre- 
cisione qual fosse il Muggine che aveva sott' occhi. Il Signor Risso fu il primo fra i mo- 
derni che dei Muggini europei si occupasse con frutto; ma neppur in ciò ch'egli disse 
trovasi tal esattezza che resti dileguata qualunque ambiguità sopra ognuna delle sue spe- 
cie. Solo il Guvier recò vera luce sulla materia nella seconda edizione del Règne Animai^ 

3o* 



MUGIL CEPHALUS. 



ed appunto seguendo le tracce da lui segnate abbiamo potuto metter in chiaro le vere 
differenze ch'esistono fra i Muggini nostrali. 

Popolano questi Pesci in quantità mirabile i nostri mari ed i fiumi, somministrando 
lucro considercTole ai pescatori, che per farne prede copiose istituiscono speciali modi 
di pesca. Infatti e la carne e le uova, che conservate si vendono sotto il nome di hot- 
targaj danno un cibo sostanzioso e gradevole al palato. Varia il pregio di cui godono 
i Muggini in ragione del luogo e della stagione in cui vengono pescati, perchè è noto 
che il soggiornare nelle acque dolci li rende insipidi, che acquistano sapore vivendo nei 
fondi salsi più grassi, che l'estate concilia ad essi un' odore qualche poco spiacevole ; 
ma varia ancor più in ragione della diversità delle specie. Quindi è naturale che pon- 
gano attenzione nel riconoscerli debitamente e pescatori e pescivendoli e consumatori. 
Accade però a tutti costoro quel eh' era avvenuto fin qui al massimo numero degli 
Ittiologi; separano cioè alcune specie più evidentemente diverse, quando pure sono 
costanti nel separarle, confondono le rimanenti; non hanno in ogni luogo altrettanti 
nomi vernacoli quante sono le specie che giornalmente passano per le lor mani, nè 
questi nomi hanno lo stesso senso, nè sono i medesimi anche in regioni contigue. 
Da ciò viene che riesce diffìcile stabilire la concordanza delle appellazioni del volgo 
niente meno che quella degli scienziati. Con grande stento abbiamo potuto determi- 
nare il significato di jnolti vocaboli vernacoli; ma ci conviene confessare che restiamo 
neir incertezza relativamente al numero maggiore , nè potremmo asserire che cosa si- 
gnifichino propriamente presso i Toscani Lustro j, CapacchiòlOj B o ce a-ro sullo; nè che 
valore abbiano fra i Veneti Botolo j CaustellOj TopOj OrbetOj MechiatOj BotaurOj Magna- 
giazzOj Verzellata^ Cagaggiolaj Pesce-inenuo_, Pesce Gufo^ e in Sicilia CaWmUj LustrUj 
C ir imi. 

Se col nome Kz^palog, che significa capo, e dal quale sono derivati il latino Oe- 
phalus e l' italiano CefalOj, i Greci ebbero ad indicare una particolare specie di Mug- 
gine, ragion vuole che si supponga averlo essi applicato a quella delle indigene che 
più si fa notare per la grossezza del capo. Tal' è il pesce chiamato oggi Cefalo vero 
dai Romani. Questa corrispondenza di nomi fu già avvertita dal Rondelet, e saviamente 
operò a nostro credere il Cuvier, che assunse il nome Cephaìus come sistematico, ap- 
propriandolo al Muggine di cui parliamo. E ben vero che anche Linneo aveva fatto 
uso del nome stesso, ma siccome egli attribuiva al suo Mugli Cephalus per solo carat- 
tere cinque raggi alla pinna dorsale anteriore, numero che non s' incontra in alcun 
Muggine meno che non sia effetto d' un' aberrazione dallo stato ordinarlo, e poiché 
si riferiva pei sinonimi all'Artedi, il quale ha stretto in un fascio le citazioni spet- 
tanti a più specie fra loro diverse, il Cuvier aveva dritto di riguardare il Mugil Ce- 
phalus di Linneo come non esistente, e poteva disporre liberamente del nome. 

Il corpo del nostro Pesce è sensibilmente turgido. La sua larghezza è la settima 
parte della lunghezza. L'altezza maggiore, che cade al dinanzi della dorsale anteriore, 
entra cinque volte e un quarto nella lunghezza totale, e cinque volte e mezzo vi è 
contenuta la lunghezza del capo. La coda alla sua origine ha due quinti dell'altezza 
del corpo. Il capo superiormente è spianato col contorno anteriore curvato a guisa di 
semiclrcolo ; la sua grossezza eccede notabilmente quella del tronco. L' occhio è assai 
grande: il diametro dell'orbita uguaglia lo spazio che corre dal suo lembo anteriore 



MUGIL CEPIIALUS. 



all' apice del muso, ed è situalo alla distanza di due diametri e più dal margine 
dell' opercolo : fra un' occhio e l'altro corrono due diametri dell' orbita. Tutta la re- 
gione oculare è ricoperta da un grosso strato adiposo trasparente, che lascia scoperta 
la sola pupilla, e si stende posteriormente fuio alla metà dell' opercolo. I forami di 
ciascheduna narice sono assai più lontani fra loro che rispettivamente dal lembo delie 
labbra e da quello dell' orbita. Il labbro superiore è alquanto più erto dell' inferiore, 
YÌsibilmente ciglioso al margine; l'inferiore è tenue senza orlo membranaceo spor- 
gente. Il pezzo mascellare è corto: la sua estremità inferiore non torcendosi all' in- 
giù, quando è chiusa la bocca resta totalmente nascosta sotto il pezzo sottorbitale. 
La lamina cornea del sottorbitale è stretta, oscuramente dentellata all' estremità. Gli 
opercoli nel tratto inferiore non giungono a chiudere la gola, e si toccano soltanto in 
un punto, al dinanzi del quale lasciano scoperto uno spazio lanceolato a rovescio, 
largo quanto la disianza fra la narice posteriore e il lembo dell' orbita. Le squame 
del tronco sono in numero di quarantasei in ciascuna fila, e le fde dalla carena del 
dorso a quella del ventre son quindici. Delle dorsali la prima è alta poco più di 
quello che è lunga, e corrisponde presso che alla metà dell'altezza del corpo: i due 
primi raggi sono quasi uguali, il terzo è poco più basso di essi, e il quarto assai più 
del terzo: verso la base posteriore della pinna sorge talvolta un quinto raggio, bre- 
ve, aderente alla carena dorsale, del che ci è avvenuto vedere un solo esempio fra cin- 
quanta individui. La pinna dorsale posteriore supera l'elevatezza dell' anteriore, ed è 
men lunga che alta: i suoi raggi gradatamente dijninuiscono dal primo al quinto, i 
due seguenti sono elevati quanto il quinto, l'ultimo che è bifido ha un altezza poco 
meno che corrispondente alla metà di quella della pinna intiera. Le pinne pettorali 
hanno una forma approssimativamente semi-ovata, la loro base è larga poco meno d'un 
quinto dell'altezza del corpo: l'altezza dei loro raggi maggiori uguaglia l'intervallo 
che passa fra il lembo posteriore dell' opercolo e il centro dell' occhio. La scaglia ascel- 
lare è lanceolata, acuta, carenata, membranacea verso la punta, lunga cpanto un terzo 
della pinna. Le pinne ventrali sono inserite sotto il punto che corrisponde fra la 
metà e l'apice delle pettorali allorché queste sono applicate al corpo: la loro altezza è 
minore della lungezza delle pettorali. La pinna anale nel dinanzi è alta quanto la dor- 
sale posteriore, nel di dietro è più bassa della metà. La lunghezza della sua base è poco 
più della metà dell'intervallo che la separa dalla radice della coda: l'altezza dei due 
primi raggi ramosi eccede d'un sesto la lunghezza della pinna; i raggi seguenti dimi- 
nuiscono a gradi lino al sesto, al di là del quale la pinna si eleva di nuovo, talché 
posteriormente la sua altezza giunge ad uguagliare la metà delia lunghezza di tutta 
la base. La pinna caudale è contenuta cinque volte nella lunghezza di tutto il Pesce, 
forcuta fino alia metà, col lobo superiore appena sensibilmente più lungo dell'altro. 

Il sistema generale di coloramento corrisponde a quello di tutt' i Muggini, perchè 
la metà superiore del corpo è cinerea tendente al fosco e all'argenteo con alcuni ri- 
flessi dorati, altri azzurri, e con nove o dieci linee per parte di colore più oscuro, che 
risultano da macchie segnate per lungo sul mezzo di ciascuna squama : la metà infe- 
riore è bianco-argentina con qualche leggera traccia di linee longitudinali più scure, 
analoghe a quelle del dorso. Gli opercoli hanno molti riflessi argentini e dorati. L'iride è 
doi-ata. Lo strato adiposo che cuopre la regione oculare volge al color d'ambra. Le pin- 
ne dorsali sono d'una tinta cinereo-fosca tendente all'ocraceo, e dello stesso colore sono 

3o** 



MUGIL CEPHALUS. 



le pettorali nel tratto compreso fra i raggi più lunghi; nel rimanente sono più chiare, e 
solo lungo la loro base si yeggono segnate da una macchia allungata di color turchino- 
nerastro, ma poco decisa. Le ventrali sono di tinta cinereo-chiara ; l'anale e la caudale 
hanno generalmente la stessa tinta ina più tendente all'ocraceo, e verso l'apice sono 
imbrattate di fosco. Il soggiorno che fa questo Pesce nelle acque dolci rende più 
languidi tutt' i colori ; e questa osservazione è applicabile anche alle altre specie del 
genere. 

Basterebbero a distinguerlo dai restanti Muggini nostrali la gran distanza che corre 
fra i due fori di ciascuna narice e lo strato d'adipe trasparente che cuopre gli occhi, 
caratteri che si ripetono soltanto in alcune specie esotiche. Meritano pure attenzione 
la forma del capo allargato ed ottuso, le labbra poco carnose, i pezzi mascellari brevi, 
che, stando chiusa la bocca, vanno a nascondersi sotto i sottorbitali, lo spazio che resta 
scoperto dagli opercoli sotto la gola, non che la scaglia carenata allungata che giace 
presso il termine superiore della base delle pettorali. Quasi in niun conto sono da 
tenere il colore generale più o meno intenso, e le linee longitudinali più o meno di- 
stinte, perchè dipendono da circostanze estranee, come sarebbero la stagione, le acque 
salate o dolci, e il fondo su cui l'animale ha fatto soggiorno. 

Il Mugli Cephalus vive nel Mediterraneo e si stende intorno a tutto il continente 
Africano: non s'è trovato sulle coste Europee dell'Atlantico. Sui nostri lidi e nei no- 
stri liumi è uno dei Muggini più comuni, e si pesca in tutte le stagioni con le reti, 
non mai con l'amo, perchè non è capace d'appetir l'esca. Nell'Adriatico non è al- 
trettanto abbondante. La sua carne è migliore di quella delle altre specie nostrali, 
seppure non è vinta da quella del M. auratus. Al solito è lungo meno d'un piede, 
ma può giungere fino a due, ed allora pesa fino a diecisette libbre. 

A Roma dicesi Cefalo verOj Cefalo comune., Cefalo mattarello ; in Toscana Muggine 
caparello; sui lidi Veneti Volpina e Volpineto. In Sicilia, per quanto asserisce il Rafi- 
nesque, è detta Molettu nel Val di Mazara e Lampune nel vai di Noto ; a Nizza si chia- 
ma Carida. Le appellazioni volgari Cefalo^, Muggine^ Muggello^ MusanOj Cievolo_, Cefalu 
usitate a Roma e a Napoli, in Toscana, nel Piceno, nel Genovesato, sui lidi Veneti, 
nella Sicilia s'applicano a tutto il genere piuttosto che ad alcuna specie in particolare. 



MUGIL 

MUGGINE 



CHELO 

C H E L O N E 



3JUGIL capite mediocri^ anterius suhtruncato ; labio superiore crassOj inferiore vix margi- 
nato; maxiUaris apice declinato infra suborbitaìem porrcelo : spatio gulari operculis 
interposito vìjc uHo : pinna dorsali spinosa corporis dimidio altiore, 

MUGIL CHELO, Cuv. Regu. Aìiim. 2. ed. II. p. aSa. 

MUGIL PROVENsALis, Risso, Iddìi. Nic. p. 5/i6. sp. J^. (esclusa var. A.) nec Hist. Nat, 
MDGiL LARBOSUs, Risso, Ilist.Nat. III.p. 589. sp. 3o4. 

MDGiL CETHALus, var. B. D elciroclie MéiTi. P oiss. Ivì ca in Ann. Mus, XI 1 1. p.ZSQ, tah. ìl. fig. '] . 

CHELON, Rondel. Pise. I. lib. ì-^. cap.\. p. 266. cum Jig. Gesner, Aquat. lib. lY.p. 552. Willugh'b. Hist. 

Pise. lib. iv. cap. iv. §. iv. Rayi Syn. Pise. p. <il\.sp. 7. 
MULET CHALUC, Duhumel, Traile des Péches III. Sect. vi. cap, li. art. ìi, p, 147. sp, 5. 

■ MOGE a' GROSSE LÈVKES, RÌSSO, loCO citato. 



noto al Ronclelet che lo chiamò Chelonj riproducendo un nome usato dai 
Greci. 11 primo a descriverlo fra i sistematici fu il Signor Risso. Disgraziatamente per 
designare la specie egli scelse da prima un yocaholo che non si può conciliare col 
genio della lingua latina: lo scambiò poi con un'altro che ha per lo meno il difetto 
d'un significato ambiguo. E sembrata perciò preferibile l'appellazione specifica stabi- 
lita dal Guyier, che richiama il nome consecrato originalmente dal Rondelet. 

Il suo corpo è compresso-turgido. La sua larghezza è contenuta otto yolte nella 
lunghezza totale: l'altezza maggiore è quasi un quinto della detta lunghezza, e poco 
minore di quella del capo. La coda alla sua origine ha due quinti dell'altezza del 
corpo. Il capo è grosso quanto il corpo, leggermente assottigliato a cuneo verso il di- 
nanzi, superiormente un poco convesso, ed ha il contorno anteriore quasi troncato. Il 
diametro dell'orbita uguaglia la distanza che passa fra il suo lembo anteriore e il 
lembo delle labbra, ed è minore della metà dell'intervallo posto fra il suo lembo po- 
steriore e il termine dell'opercolo. Fra un occhio e l'altro si conta due volte la mi- 
sura del diametro delF orbita. L'occhio none coperto da strato adiposo. I forami delle 
narici da ciascun lato sono poco men distanti fra loro, che l'anteriore dall'apice del 
muso e il posteriore dal lembo dell'orbita. Il labbro superiore è turgido, carnoso, ru- 
gosissimo nella metà di sotto, orlato di ciglia tenuissime fitte brevi. La misura della sua 
altezza corrisponde alla metà del diametro dell' orbita. Il labbro inferiore è tenue, e 
non orlato da margine cospicuo sporgente all'infuori. Il pezzo mascellare assai erto si 
prolunga oltre al sottorbitaìe torcendosi all' ingiù, talché quando la bocca sta chiusa 
resta scoperta la sua porzione inferiore. La lamina cornea del sottorbitale s'allarga sen- 
sibilmente scendendo dalla base all' apice, ed è dentellata nella sola metà inferiore. Gli 



MUGIL CHELO. 



opercoli nel disotto del capo si toccano per un tratto considerevole, ma non giun- 
gono a chiudere esattamente la gola, lasciando scoperto anteriormente uno spazio li- 
neare strettissimo. Quarantasei sono le scaglie del corpo in ciascun' ordine dal capo 
fino alla coda, e gli ordini sono quindici. La pinna dorsale anteriore eccede nell'altezza 
la metà dell'altezza del corpo, ed ha poco men del doppio della propria lunghezza: i 
primi due raggi son quasi uguali, il terzo è di poco minore, l'ultimo ha due terzi 
dell'altezza del primo. La dorsale posteriore è quasi della metà men lunga che alta: 
il suo primo raggio supera l'altezza della dorsale anteriore, l'ultimo è men alto della 
metà del primo. Le pinne pettorali sono piuttosto strette, e la lunghezza dei loro raggi 
maggiori supera la distanza che corre fra il lemho posteriore dell' opercolo e il lembo 
anteriore dell' orbita. La scaglia ascellare è breve, ottusa. 1 raggi maggiori delle pinne 
ventrali hanno quattro quinti della lunghezza delle pettorali. La pinna anale anterior- 
mente ha in altezza una volta e mezzo la propria lunghezza, posteriormente è alta 
poco più della metà della detta lunghezza. La pinna caudale è contenuta quasi cinque 
volte nella lunghezza di tutto il Pesce. 

Nulla offre di speciale il coloramento, affatto analogo a quello del Mugil Cephalus 
e degli altri. Le pinne pettorali talvolta hanno una macchia nera rotonda alla base, 
più spesso però ne sono prive: la parte più rugosa del labhro di sopra è biancastra. 

La condizione del labbro superiore carnoso è comune a più specie di Muggini, 
ma s'incontra in due sole delle nostrali, cioè in questa e nel Mugil Labeo del Cuvier. 
Oltre il carattere fornito dal labbro, merita esser considerato in questa specie che l'estre- 
mità dei pezzi mascellari è grossa, e resta scoperta anche quando è chiusa la bocca, 
che la gola è quasi tutta chiusa dagli opercoli, i quali si toccano per un buon tratto 
ma non si soprappongono : tutte queste condizioni si rinvengono più o meno distinte 
in altri Muggini, ma non riunite. Per separarla dal Labeo„ che pure ha il labbro supe- 
riore carnoso come s'è detto, basta guardare all'altezza della pinna dorsale anteriore, 
che s' innalza più che ad una metà dell' altezza del corpo. 

La sua statura suol essere uguale a quella del Mugil Cephalus o poco minore. Abita 
in grande abbondanza tanto nel Mediterraneo e nell'Adriatico, quanto nell'Oceano. La 
sua carne ha pochissimo pregio. 

A lloma chiamasi Cefalo Pietra o Cefalo di Pietra,, a Firenze Sciorina^ sui lidi 
Veneti BuosegUj nella Liguria Ciautta: a Nizza ha nome Labrù. In Sicilia stando al 
Rafmesque si direbbe Cefalune. Gli Spagnuoli lo chiamano Lissa, 



MUGIL LABEO 

MUGGINE LABBRONE 



MUGIL capite mediocrij, anterius suhtruncato; labio superiore valde crasso^ inferiore mar- 
ginato: maxillaris apice declinato infra suborbitalem por recto: operculis margine in- 
feriore tota contìguis: pinna dorsali antica corporis triente breviore. 

1- D. 4. D. 9. P. 16. r. 1/5. J. 3/11. C, 16. 

MUGIL LA.BEO, Cuv. Regn. Aìiim. 2. eàit, II, p. 235. 
MDGii; PRoVENSALis, "var. A. Risso, Ichth. Nic. p. 346. sp. 4. 
MUGIL pRoVENCALis, Risso, Hist, Nat. III. p. 5gi, sp. 3o8. 

MUGE PROVENCAL, RisSO, loCO citutO. 



Ija prima notizia di questo Muggine devesi al Signor Risso, che lo riguardò co- 
me varietà del Mugil ChelOj Cuyier, allorché descrisse quello nelV Ittiologia di Nizza 
sotto il nome di M. Provensalis. Poscia nella Storia Naturale delle principali produzioni 
delV Europa meridionale serbò tal nome esclusiyamente pel Pesce di cui ora parliamo, 
ed assegnò all'altro un nome diverso. Tanto almeno fanno congetturare le descrizioni 
date dall' autore citato. Ad ogni modo però è convenuto abbandonare il nome Pro- 
^^ensalis come poco corretto, e adottare l'altro proposto dal Cuvier, e tratto da un vo- 
cabolo antico, destinato a designare un Muggine, che doveva essere senza meno uno 
degl'indigeni dalle labbra grosse. Poco rileva il sapere se fosse piuttosto questo che 
il Mugil ChelOj Cuvier: dall'altro lato sarebbe impossibile venir a capo di risolvere 
tal questione, perchè gli antichi Ittiologi ci hanno lasciato secondo il solito lunghissime 
dissertazioni sulle parole, e luce assai scarsa sul loro significato. Qualunque si fossero i 
Muggini che Giovio intendeva sotto i nomi di Labeo e di Capito^ è curiosa l'erudizione 
che spaccia sul conto loro, perchè a questi Pesci attribuisce l'origine de' cognomi dei 
Capitoni e dei Labeoni, famiglie romane illustri sopratutto in grazia dei sommi giu- 
reconsulti Attejo ed Antistio. Ma non sarebb' egli ragionevole dire che il capo grande, 
e le labbra grosse debbono aver procacciato originalmente siffatte denominazioni tanto 
ai Giureconsulti ovvero ai loro maggiori, quanto ai Muggini, piuttosto che attribuirle 
a qualche connessione ravvisata fra quei valentuomini e i pesci ? 

Il Mugil Labeo ha il corpo compresso-turgido, la cui larghezza è contenuta otto 
volte e mezzo nella lunghezza totale, che è quintupla dell'altezza maggiore. Il capo 
è compreso cinque volte e mezzo nella mentovata lunghezza, alquanto più largo del 
corpo posteriormente, turgido, poco ristretto a cuneo dall' indietro all' innanzi, legger- 
mente convesso nel di sopra, troncato all'apice. Diametro dell'orbita maggiore della 
distanza che passa fra il suo lembo anteriore e l'apice del muso, e corrispondente 
al doppio dell'intervallo che la separa dal lembo posteriore dell'opercolo. Distanza 



1 



MUGIL LABEO. 

fra mi occhio e l'altro un poco minore del doppio del diametro dell'orbita. Forami 
nasali di ciascun lato più yicini del doppio fra loro che rispettivamente all'apice del 
muso, e al lembo dell'orbita. Labbro superiore carnoso, turgido, ma quasi spianato 
anteriormente, ruvidetto, oscuramente crenato al margine, orlato di ciglia tenui bre- 
vissime, l'altezza del quale giunge a misurare tre quinti del diametro dell'orbita. 
Labbro inferiore con un'orlo membranaceo-carnoso, sporgente infuori. Pezzo mascel- 
lare grandetto prolungato all' ingiù, in guisa che il sottorbitale cuopre poco più della 
metà della sua lungliezza mentre la bocca sta chiusa. Lamina cornea del sottorbitale 
allargata yerso il suo termine, col margine anteriore notabilmente incurvato all'indentro 
verso la base, orlato di dentelli piuttosto profondi nel solo tratto terminale. Opercoli 
col lembo inferiore quasi rettilineo, che si combaciano nel disotto del capo, lasciando 
scoperto verso il muso uno spazio strettissimo di gola appena visibile. Pinna dorsale 
anteriore che ha in altezza una volta e un quarto la misura della propria lunghez- 
za, e la terza parte dell'altezza del corpo, col terzo raggio poco più breve del pri- 
mo, che è alquanto men lungo del secondo. Pinna dorsale posteriore poco men lunga 
che alta, coi raggi maggiori che superano d'una metà l'altezza della dorsale anteriorcj 
posteriormente elevata una metà meno che anteriormente. Pinne pettorali di poco più 
brevi della distanza che corre fra il lembo posteriore dell'opercolo e l'apice del muso. 
Pinne ventrali il doppio più lunghe che largire alla base, coi raggi maggiori lunghi 
quanto quattro quinti delle pettorali. Pinna anale lunga alla base più che non sono lun- 
ghe le ventrali, alta anteriormente un quarto meno della propria lunghezza, posterior- 
mente men della metà più bassa. Pinna caudale compresa cinque volte e un terzo nella 
lunghezza totale del corpo, forcuta solo per un terzo della lunghezza propria. 

Il coloramento del corpo non offre cosa alcuna di singolare, essendo generalmente 
uguale a quello degli altri e specialmente del M. Chelo. 

Appartenendo questa specie alla categoria di quelle col labbro superiore assai tur- 
gido, con niun' altra delle nostrali si potrebbe confondere fuori che col M. Chelo. Se 
ne scosta però non tanto perchè ha il labbro superiore notabilmente più erto, quanto 
pel labbro inferiore cinto d'un margine distinto membranaceo-carnoso sporgente, e 
per la pinna dorsale anteriore, che ha solo un terzo dell'altezza del corpo. E poi il 
solo Muggine che porti undici raggi ramosi nella pinna anale. 

Suol essere di picciola mole, giungendo di rado la sua lunghezza ad otto pollici. 
Vive nel Mediterraneo, e sembra che preferisca le spiagge arenose. È rarissimo nei lidi 
Romani e la sua carne è poco pregiata. A Nizza chiamasi Sabounie: non conosciamo 
altri nomi volgari che sieno in uso nelle rimanenti regioni d' Italia. 



i 




1 

I 



MUGIL CAPITO 

MUGGINE CALAMITA 



MUQiL capite mediocri j sub attenuato j anteriiis ohtuso: lahio superiore non incrassato: 
maxillaris apice declinatOj infra suborbitalem porrecto : operculis margine infero 
inviceni incwnbenlibuSj, spatio gulari operculis interposito obverse lanceolato : utriusque 
naris foraminibus approximatis. i.'^ D. 4. 2.'^" D. 9. P. 17. F". i/5. A.Zji^. C. 18. 

MUGiL, CAPITO, Cuv- Règn. Anim. 2. cclit. II. p. 33. 
ML'GlL CEPilALDS "var. A. Risso, Ichih. Nic. p. 344- sp, 3. 
MDGir, r.AMADA, Riss- Hist.Nat. III.p. Sgo. «p. 3b5. 
KAMADO de Nice, Cuv. loco citato. 
MOLLET? Penn, Br. Zool. III. p. agS, 

questo Muggine fu assegnato dal Cuyier il nome Capito^, il quale presso gli anti- 
chi serviva a distinguere una delle specie nostrali, e forse, attesa la maggior grossezza 
del capo, designava piuttosto il M, Cephalus del Cuvier. Ciò che scrive il Signor Risso 
del suo Mugil Ramada non basterebbe a far riconoscere in esso la specie presente: ma 
poiché il Cuvier allega il Ramado di Nizza sotto il suo M. Capito^ dobbiamo credere 
eh' egli abbia avuto campo di verificare l' identità. 

È probabile che sia questo stesso il Muggine avuto in vista dall' Artedi, e chiamato 
da Linneo Mugil Cephalus_^ perchè abbonda appunto nelle regioni visitate da quegli au- 
tori, mentre invece il Mugil Cephalus del Cuvier non si rinviene sulla sponda Europea 
dell'Atlantico. La frase però di Linneo pecca d'inesattezza, come abbiamo già fatto rile- 
vare, la descrizione d' Artedi tuttoché lunga nulla contiene che sia preciso abbastanza, 
la sinonimia che allega è un complesso di citazioni discordi: bisogna contentarsi per- 
tanto di lasciare la quistione non risoluta; nè per la scienza è gran danno. 

Il Blugil Capito ha il corpo compresse-turgido. La sua larghezza è contenuta otto 
volte nella lunghezza totale, la quale comprende l'altezza maggiore per cinque volte e 
mezzo. La lunghezza del capo è contenuta cinque volte in quella di tutto il Pesce. La 
radice della coda ha due quinti dell'altezza del corpo. Il capo largo posteriormente un 
poco più del corpo, s'assottiglia alquanto verso il dinanzi, che ha il contorno arcuato, 
ma piuttosto tendente all'angoloso che al semicircolare. L'orbita giunge alla misura 
della metà della distanza che passa fra il suo lembo anteriore e l'apice del muso, ed è 
compresa quasi tre volte nello spazio che corre fra il suo lembo posteriore e quello 
dell'opercolo. Fra un'occhio e l'altro passa una distanza uguale a due diametri e due 
terzi dell'orbita. L'occhio non è ingombrato da stratto adiposo. I forami delle narici da 
ciascun lato sono talmente vicini, che l'intervallo che li disgiunge corrisponde a due 
quinti della distanza che passa fra l'anteriore e il lembo del labbro di sopra, e fra il 
posteriore e il lembo dell'orbita. 11 labbro superiore è erto mediocremente, misurando 

3i 



MUGIL CAPITO. 



la sua altezza un quarto del diametro dell'orbita, orlalo di ciglia tenuissime, e hrayi: 
l'inferiore tenue, senz'orlo sporgente. Il pezzo mascellare è sottile per tutta la sua 
lunghezza, si torce all' ingiù yerso il termine, e sporge fuori del sottorh itale, quando è 
chiusa la Locca. La lamina cornea del sottorbitale è breve, non s'allarga gran fatto 
scendendo dalla base all' apice, ed è orlata di dentelli piuttosto sensibili nella sola metà 
inferiore. Gli opercoli nel disotto del capo non solo si toccano vicendevolmente, ma il 
lembo dell'uno si soprappone qualche poco a quello dell'altro: anteriormente lasciano 
scoperto uno spazio di gola, che ha la figura lanceolata a rovescio, largo quanto la metà 
del diametro dell'orbita. Quarantasei sono le scaglie del corpo in ciascun ordine, e gli 
ordini quindici da ciascun lato. La pinna dorsale anteriore è una volta e mezzo più 
alta che lunga. Il suo primo raggio giunge alla metà dell'altezza del corpo, il secondo 
è alquanto più basso, i seguenti sono sempre più brevi. La dorsale posteriore ha in 
lunghezza tre quarti della propria altezza. Il suo primo raggio supera appena l'altezza 
del primo della dorsale anteriore, l'ultimo è alto quanto la metà del primo. Le pinne 
pettorali sono piuttosto strette: la loro base corrisponde ad un quinto dell'altezza del 
corpo: la lunghezza dei loro raggi maggiori giunge quasi ad uguagliare la distanza che 
corre fra il lembo posteriore dell'opercolo e il centro dell'occhio. La scaglia ascellare è 
breve, ottusa. I raggi maggiori delle ventrali hanno cinque sesti della lunghezza delle 
pettorali. L'anale anteriormente è appena più bassa dei raggi maggiori delle ventrali, 
lunga due terzi della propria altezza; il suo lobo posteriore è alto due quinti delF an- 
teriore. La caudale è contenuta cinque volte e mezzo nella lunghezza di tutto il Pesce. 

Una macchia nerastra di forma quasi rotonda suol mostrarsi in questa specie se- 
gnata sulle pinne pettorali presso il termine superiore della lor base; ed è quasi sempre 
molto pronunziata. Fuori di questa particolarità il sistema di coloramento è analogo a 
quello del Mugli Cephalus^ e se vi sono differenze non possono dirsi precise o costanti. 
Sembra però cosa degna d' esser notata, che mentre il massimo numero degli esem- 
plari porta le strisce fosche del dorso sottili, e segnate sopra un fondo di colore decisa- 
mente chiaro ed uniforme, se ne incontrano altri, in cui tutt'il dorso ha un fondo di 
colore assai sordido, le strisce più cupe sono poco distinte, i riflessi argentini volgono in 
gran parte all'azzurro, le pettorali quasi tutte imbrattate di tinta sordida lasciano scor- 
gere a stento la macchia nerastra alla base. Converrà considerare questo come un sem- 
plice scherzo versicolore, tanto più che la deviazione dal coloramento ordinario diviene 
sempre men facile a riconoscersi secondo che il Pesce perde della sua freschezza. 

Lasciando da parte i caratteri di minor conto, le labbra turgide bastano a separare il 
Mugil Labeo ed il Chelo dal Capito. Questo s' allontana dal Cephalus perchè ha gli occhi 
più piccioli non coperti dallo strato adiposo, pei forami nasali vicini, per la macchia 
delle pettorali rotonda e più decisa, per la squama ascellare breve, pel pezzo mascel- 
lare non occultato dal sottorbitale. Quest'ultimo carattere è sufficiente altresì per distin- 
guerlo dal M. auratus_, del quale parliamo nel prossimo articolo. 

È senza fallo il Muggine più comune in tutt'i mari dell'Europa, Lungo i lidi se ne 
fanno pesche ricchissime, particolarmente con un'apparecchio di reti, detto Mugginara 
in più luoghi d'Italia. Si prende pure in maggior copia delle altre specie nei fiumi che 
risale in estate con le reti e col mezzo del veleno àe\Y erba-mora o della noce di galla. 
Giunge alla statura del M. Cephalus o poco meno: ma gli è inferiore nel pregio della carne. 

A Roma dicesi volgarmente Cefalo Calamita: in Toscana J cuc cotto ; sulle spiagge del 
Piceno e della Vt^om^i^ndi Baldigare o BalcUcara; ciYenezm Lotregano ; a Nizza Ramada. 



MUGIL AURATUS 

MUGGINE ORIFRANGIO 



MUGIL capite mediocri j. sub attenuato antice obtusiusculo : lahio superiore vix incrassato: 
maxillari brevi a suborbitali occultato: opercuUs margine infero contiguiSj spatio gularì 
operculis interposito line ari-lane colato : utriusque naris foraminibus approximatis. 

i.« D. 4. 2.'^« D. 9. P. 18. F. 1/5. A. 3/9, C. 18. 

MUGiL AURATUS, Risso, Icìuh. Nic.p^'5l{l{. sp. a. Id. Hist. Nat. III. p. Sgo. sp. 3o6, Cut». Rcgn.Anim.. 

a. edìi. ii. p. 232, 
MDGE DOBÉ, Misso, locQ Citato. 



F u descritto dal Signor Risso e ripetuto dal CuYÌer sotto il lodevol nome imposto 
dallo scopritore, che allude ad una macchia metallica degli opercoli, con la scorta della 
quale sogliono riconoscere questo Muggine i Pescatori. 

Ha il corpo compresso-turgido. La sua larghezza sta alla lunghezza come uno a otto 
e un quarto: Taltezza alla lunghezza come uno a cinque e un quarto; la lunghezza del 
capo a quella di tutto il pesce come uno a cinque. Capo largo posteriormente poco più 
del corpo, poco assottigliato yerso il dinanzi, piuttosto spianato superiormente e declive, 
coll'apice ottuso tagliato ad arco. Diametro dell'orbita poco minore della distanza che 
passa fra il suo lembo anteriore e quello del labbro: la misura d'un diametro e mezzo 
corre fra il lembo suo posteriore e il termine dell'opercolo. Forami delle narici distanti 
fra loro due yolte meno che il posteriore dal lembo dell'orbita, e tre yolte meno che Tan- 
teriore dall* apice del muso. Labbro superiore alquanto erto, non però affatto turgido, or- 
lato da ciglia tenui ma ben visibili ad occhio nudo; la sua altezza supera la terza parte 
del diametro dell'orbita. Pezzo mascellare breve, occultato dal sottorbitale, mentre la 
bocca sta chiusa. Lamina cornea del sottorbitale leggermente dilatata dalla base all'api- 
ce, lunghetta, dentellata nella metà di sotto. Opercoli moderatamente rigonfj, che nel di 
sotto del capo si toccano per un buon tratto, al dinanzi del quale lasciano uno spazio di 
gola scoperto angusto e breve di forma lineare-lanceolata, largo quanto la quarta parte 
dell'orbita. Pinna dorsale anteriore alta poco più delia propria lunghezza : i due primi 
raggi uguali, il terzo poco minore, il quarto assai più basso. Pinna dorsale posteriore 
poco forcuta, elevata quanto l'anteriore, alta un quinto più della propria lunghezza an- 
teriormente, e un terzo soltanto posteriormente. Pinne pettorali lunghe più della di- 
stanza che passa fra il lembo posteriore dell'opercolo e il lembo anteriore dell' orbita. 
Squama ascellare breve, ottusa. Pinne ventrali lunghe due terzi della lunghezza delle 
pettorali. Pinna anale alta quanto sono lunghe le ventrali, estesa alla base per tre 
quarti della propria altezza. Pinna caudale compresa cinque volte nella lunghezza to- 
tale del Pesce. Ordini di scaglie del corpo quindici : quarantasei scaglie per ordine. 

3i* 



4 



I 



( 

MUGIL AURATUS. 

Il coloramento è simile a quello dei Pesci congeneri. Una macchia grandetta splen- 
dente dorata suol esser segnata distintamente sugli opercoli fra l'occliio e la pinna pet- 
torale ; ma spesso questa è yisibile a stento, talvolta è cancellata del tutto. 

Siccome alcuni esemplari giovani, di corpo più svelto, mancanti della macchia me- 
tallica, e tinti di colori più chiari potrebbero indurre in errore gli osservatori, come 
ingannano di continuo i Pescivendoli i quali s'ostinano a tenerli per diversi, abbiamo 
avuto cura di presentare l'effigie d'uno d'essi sotto il n.° 3 della nostra tavola. 

S'avvicina più al M. Capito che alle altre specie fin qui descritte ; ma bastano a di- 
stinguerlo da esso il mascellare coperto in tutto dal sottorbitale, lo spazio di gola sco- 
perto men ampio, l'assenza della macchia rotonda nerastra alla base delle pettorali. Il 
suo labbro superiore è un poco più erto che nel M. Cephalus e nel Capito stesso, ma 
non in guisa da potersi chiamare rigorosamente turgido com'è nel Labeo e nel Chelo; 
del rimanente s' allontana da questi ultimi due anche per lo spazio di gola non coperto 
dagli opercoli, eh' è assai meno ristretto : dal Cephalus si distingue principalmente per la 
mancanza dello strato adiposo sulla regione oculare, per le narici approssimate, pel 
capo più allungato men depresso, per la squama ascellare ottusa e breve. 

Si pesca piuttosto frequentemente sui lidi d' Italia, e sulle spiagge della Francia 
meridionale: è però meno abbondante del M. CapitOj del M. Cephalus e del Chela. 
E men grande del M. Capito: un'esemplare mediocre suol aver circa nove pollici di 
lunghezza, i maggiori non oltrepassano di molto un piede. La sua carne è di grato sa- 
pore, forse anche più di quella del Mugil Cephalus. 

A Roma chiamasi Cefalo dalla garza dforOj (e garza o sgarza significa opercolo nel 
dialetto del volgo) : agli esemplari di color dilavato si sente applicar talvolta il nome di 
Cefalo chiarOj come quello di Cefalo rigato a questo e ad altri Muggini allorché hanno 
le strisce scure più decise. In Toscana è detto Muggine orifrangio^ nelle Marche Badi- 
già d'oro. A Genova Musano dalVoro: a Nizza Daurin. 



( 





0. 




X 

-, 4 








MUGIL SALIEINS 



MUGGINE MUSINO 



MUGIL capite mediocrij attenuato j antice acutiusculo : lahlo superiore \>ix incrassato : ma', 
xillaris apice declinato infra suborbitalem porrecto: operculis margine infero contiguisj 
spatio gulari obverse lanceolato angusto : utriusque naris foraminibus approximatis : 
pinna dorsali antica corporis dimidio humiliore. 

i« D. 4. 2^'^ D. 9. P. i5 1/5. J. 3/9. C.ij. 

MOGiL SALIENS, Risso, Ichth. Nic. p. 345. sp. 5. Id. Hìst Nat. III. p.5gi. sp. 5oj. 
CESTRE0S capite aculiore, lineis Lreviorihus? Klein, Hist, Pisc.Miss. f^.fasc. IX.p. 2i.sp.2^ 
MOGE SADTEUK, Riiso, loco Citato. Cuv. Règn, Anim.^, ed. II. p. 232. 

j^nche di questo Muggine devesi la notizia al Signor Risso, ne se ne rinviene 
traccia negli scritti degl'Ittiologi anteriori. Solo può sospettarsi che l'abbia veduto il 
Rondelet, il quale attribuisce un muso acuto al suo CestreuSj ed appunto più acuto che 
in ogni altro pesce congenere è il muso del Mugil saliens. Il sinonimo qui sopra addotto 
del Klein non è punto più sicuro di quello del Rondelet. 

Il corpo di questo Muggine è compresso-turgido e la sua larghezza sta alla lunghezza 
come uno ad otto, l'altezza come uno a cinque e mezzo. La lunghezza del capo è uguale 
alla maggior altezza del tronco. Il capo posteriormente è poco più largo della parte con- 
tigua del corpo, assottigliato verso il dinanzi ed acuto all'apice nel senso verticale, spia- 
nato superiormente e declive, ottuso e tagliato ad arco nel senso trasversale. Il diametro 
dell'orbita è poco minore della distanza che passa fra il suo lembo anteriore e quello 
del labbro di sopra. Fra un'occhio e l'altro corre la misura di due diametri dell'or- 
bita, e quella di due diametri e un quarto fra il loro lembo posteriore e il termine 
dell' opercolo. I forami delle narici sono distanti fra loro due volte meno che il po- 
steriore dall' occhio, e tre volte meno che l'anteriore dalla punta del muso. Poco erto 
è il labbro superiore, essendo la sua altezza un quarto soltanto del diametro dell'or- 
bita, non turgido, orlato di ciglia tenuissime, brevi: l'inferiore è tenue ed è contor- 
nato da un orlo membranoso brevissimo. L'osso mascellare è piuttosto sottile in tutta 
la sua lunghezza, verso il termine inferiore si torce all' ingiù, e stando chiusa la bocca 
vien coperto dal sottorbitale per poco più della metà. La lamina del sottorbitale è 
breve, pochissimo s'allarga scendendo all' ingiù, ha un seno incavato sul margine ante- 
riore, ed è orlata di dentelli tanto lungo il margine anteriore medesimo, quanto lun- 
go il tratto terminale. Nel di sotto del capo si toccano vicendevolmente gli operco 
li, lasciando scoperto uno spazio di gola lanceolato a rovescio, la cui larghezza cor- 
risponde presso a poco ad una quarta parte del diametro dell' orbita. La pinna dor- 
sale anteriore è poco più lunga che alta ; ha i due primi raggi uguali, il terzo alquanto 

57 



MUGIL SALIENS. 



minore, il quarto assai più basso. L'altezza dei due primi è minore della metà dell'al- 
tezza maggiore del tronco, e non giunge ad uguagliare neppure la misura che corre fra 
il lembo posteriore dell'orbita e l'apice del muso. La seconda dorsale è poco forcuta, 
s'eleva quanto la prima, anteriormente è alta un quinto più della propria lunghezza, e 
un terzo più posteriormente. Le pinne pettorali hanno in lunghezza la misura che 
corre fra il lembo posteriore dell' opercolo e il lembo anteriore dell' orbita : la squama 
ascellare è breve ed ottusa. Le pinne ventrali hanno due terzi della lunghezza delle 
pettorali. L'anale è alta quanto sono lunghe le ventrali, e si stende alla base per un 
tratto che uguaglia tre quarti della propria altezza. La pinna caudale resta compresa 
cinque volte e mezzo nella lunghezza totale del pesce. Le scaglie che vestono il corpo 
sono ordinate in quindici file, e v'ha circa quarantasei scaglie per fila. 

I colori sono i medesimi che nelle specie congeneri. Non v'ha macchia nera alla 
base delle pinne pettorali. I pezzi opercolari portano tre macchie dorate. 

Ha in comune col Mugli Labeo il carattere della pinna dorsale anteriore bassa, s'al- 
lontana però da quella specie pel labbro superiore senza paragone men erto e men tur- 
gido. Come il Mugli Capilo ha Fosso mascellare scoperto, i forami delle narici approssi- 
mati; come e più ancora del Mugli auratus ha il corpo svello e il muso assottigliato nel 
senso verticale : ma la già detta pinna dorsale anteriore bassa più della metà del tronco 
basta sola a separarlo e da quello e da questo. 

Si pesca lungo i lidi di tutta Italia dal Maggio all' Ottobre, a differenza degli altri 
Muggini, che si prendono in qualunque stagione. La sua carne è poco migliore di quella 
del Mugli Capito. Ordinariamente ha cinque o sei pollici di lunghezza: gli esemplari 
maggiori superano appena nove pollici. 

I Toscani lo chiamano Filzettaj i Romani Cefalo muslno^, i Nizzardi FlavetoUj i Ve- 
neti Verzellataj nome che trattando del Mugli Cephalus abbiamo posto fra quelli di si- 
gnificato per noi oscuro: e a questo proposito aggiungeremo che il nome Veneto Caustello 
spetta al Mugli Capito^ mentre LotreganOj da noi registrato per errore sotto il Capito,, va 
attribuito esclusiyamente al Mugli auratus. 



I 



J 



TRIGLA CORAX 

CAPONE GALLINELLA 



TRIGLA trunco non striato; squamis minutis integrisi linea laterali mutica: dorsi cristis 
aduncis_, laevibus: rostro antico depresso^ truncato,, modice retusOj utrinque spinoso-den- 
ticulato : pinnis pectoralibus corporis trientali longitudine. 

TRIGLA. cucuLus, Brunn. Ichth. Mass.p. 'j'] . 

iRiGhK HiRCNDO, Risso, Ichth. N ic.p.-2oS.sp.'5\nec Hist. N at. 

TRIGLA LUCERNA, N ardo, Prodr. Adr. Iclith. sp. 

TRIGLA. coRvrs, Risso, Hist. Nat. II Lp. SgS. sp. 3i6. nec Rafin. 

TRIGLA MICROLEPIDOTA? RisSO, Ibid. p. 5qQ. sp. 51"]. 

CORAX, Rondelet.Pisc^I.Ub,^.cap.\iup.2g6. cum fig. Gesner,Aquat. IV-\p-2Qg. Aldrov.Piic.lih.il. 

cap. lvii.p.278. fVillughb. Ichth. ZiZ>.iv.§. iv, p. 280. Ray, Synops. Pise. p. 87. sp. 3. 
CORVCS, Salv.Hist.Aquat.p^\i^ù^.fig.']i^ Willughb. Ichth. tab.ò'.l^. 

HIRCNDO, Aldrov. Pise. libAlcap.uì. p. i55.fig.in p,i55. Willughb. lehth. Uh. ì\. §.v. p.aSo. Ray^ Syn. 
Pise.p. 88. sp. 5. 

^ LVCE-RNX Yeaeloiam, Willughb. lehth. lib. iv. §.yi. p. 281. Ray, Synops. Pise. p. 88. sp. 6. 

PERLON de la Mediterranée, Cuv. et Kalenc.Hist. N at. Poiss, IV.p. 

Costituiscono la famiglia dei TrigUdi tutti quei Pesci Acantopterigj, che hanno le 
gote loricate; vale a dire in cui la gran lamina sottorhitale ricuopre la gota, e va ad ar- 
ticolarsi col preopercolo. La famiglia si divide naturalmente in quattro sottofamiglie, che 
corrispondono presso a poco ai generi Linneani Trigla_, Scorpcena_, Cottus e Gasterosteus 
e che perciò meritano i nomi di Triglini^ ScorpcBnini^ Cottini^ e Gasterosieini. 

I Trigìini hanno due pinne dorsali, e il capo parallelepipedo. Nei Cottinij che pure 
han due dorsali, il capo è rotondato, ovvero depresso. Gli ScorpcBnini portano una dor- 
sale sola. 1 Gasterosieini si distinguono dall'aver alcuni aculei liberi in luogo della pinna 
dorsale anteriore. 

Sul conto dei Triglini ahhiam mentovato il capo parallelepipedo- Tale può dirsi in- 
fatti perchè piani e orizzontali sono in essi sì il vertice che la gola con la mascella 
inferiore; i lati sono piani e presso che verticali; il muso è declive dalla fronte all'apice 
secondo una linea parallela approssimativamente al margine posteriore dell' opercolo. 

Cinque generi conta la sottofamiglia, e sono Trigla^ PrionotuSj Peristedionj Dacijlo- 
pterusj Cephalacanthus. Nei primi tre, che sono veramente normali, il capo è assai alto, 
tutto coperto di scabrosità graniformi; la lamina sottorbitale maggiore cuopre la guancia 
intiera e va ad articolarsi col preopercolo per mezzo d'una sutura, la quale impedisce a 
questi due pezzi ossei il muoversi un senza l'altro. Sonovi poi due altre lamine minori, 
che si con giungono saldamente colla sottorbitale maggiore e son collocate al di sopra del 
termine posteriore di questa : la membrana branchiostega ha sette raggi. Le pinne petto- 
rali terminano inferiormente con tre soli raggi liberi, articolati, flessibili verso il lato in- 

52 



\ 



TRIGìA CORA.X. 



terno. Del resto il genere Trigla si fa distinguere perchè in esso le mascelle sono armate 
di denti a scardasso, de' quali v'ha pure una striscia trasversale impiantata sul vomere, 
e perchè il tronco è coperto di scaglie. Nel Prionotus oltre i denti a scardasso della 
mascella ve n'ha una fascia sull'uno e sull'altro osso palatino, e in esso pure il tronco 
è coperto di scaglie. Il Peristedion poi ha le mascelle e il palato senza denti ; il muso 
forcuto anteriormente e fornito d'appendici ramose; il tronco armato di piastre essago- 
ne, che vi disegnano sopra altrettante costole longitudinali. 

Anomali possono dirsi gli altri due generi Dactylopterus e Cephalacanthus ^ il se- 
condo dei quali tende verso gli Scombridi. In amhedue il capo è piuttosto depresso; il 
muso è breve ; la lamina sottorbitale maggiore non cuopre tutta la gota, e s'articola col 
preopercolo senza impedirgli di muoversi da se. I raggi della membrana branchiostega 
non eccedono il numero di quattro. Fra loro poi differiscono perchè il Dactjlopterus 
ha denti tabuliformi, emisferici, piccioli, disposti in più serie sulle mascelle: quattro 
raggi alla membrana bianchiostega; numerosi raggi al di sotto delle pinne pettorali, che 
collegati da membrane costituiscono due pinne sopranumerarie, e queste tanto estese 
che eccedono la lunghezza del Pesce, e a guisa d' ali possono sostenerlo per qualche 
tempo nell'aria. Nel Cephalacanthus invece i denti sono picciolissimi, disposti in una 
sola fila sull'una e sull'altra mascella; i raggi della membrana branchiostega sono tre 
soltanto; nè v' han pinne sopranumerarie o raggi liberi presso le pettorali. 

Comuni a tutte le specie del genere Trigla sembrano le condizioni seguenti. Capo 
grande, più alto che largo, col vertice piuttosto piano, la fronte incavata a foggia di ca- 
nale fra gli occhi, il muso tondeggiante superiormente nel senso trasversale, col profilo 
molto declive, incavato nel mezzo, depresso verso il termine anteriore che, è troncato e 
smarginato, oppure tagliato ad angolo rientrante, con parecchi dentelli o spine di qua 
e di là dal punto medio. Occhi grandetti ellittieo-rotondati, collocati in alto di qua e dì là 
dalla fronte, guardanti dai lati. Narici situate sul muso, più vicine all'apice di questo 
che agli occhi, poco distanti fra loro; l'anteriore di ciascuna coppia rotondata col mar- 
gine rilevato, l'altra bislunga obliqua. All'eccezione d'un picciol tratto che sovrasta alla 
smarginatura del muso, e dello spazio in cui s'aprono le narici, tutte le parti superiori 
e laterah del capo sono coperte di lamine ossee rese scabre da un grandissimo numero 
di picciolo punte rilevate graniformi disposte sopra molte strie pur rilevate, le quali par- 
tono come raggi da centri diversi. Di questi centri ve n'ha uno sopra ciascuna delle 
lamine parietali, ed uno nel bel mezzo del declivio del muso. La lamina sottorbitale 
maggiore ne ha tre, il posteriore de' quali collocato verticalmente sotto gli occhi, più 
o men vicino al margine inferiore del sottorbitale stesso ; questo è cinto da una rag- 
giera molto grande e cospicua. Delle strie che partono da esso una piuttosto risentita, 
che si dirìge all' innanzi, prima declina alquanto all' ingiù, poi prende la direzione oriz- 
zontale e viene a costituire lo spigolo marginale del muso: un'altra stria risentita, che 
dal medesimo centro si dirige all' indietro, si prolunga sulla lamina del preopercolo, 
l'attraversa e termina con una punta spinosa, di cui è armato il margine posteriore dì 
esso preopercolo. Gli altri due centri di raggi che porta la lamina sott' orbitale maggiore 
, sono collocati nella parte inferiore e anteriore della medesima, uno innanzi all' altro 
presso lo spigolo marginale del muso: i loro raggi occupano spazj assai angusti. Un'al- 
tro centro di raggi è situato sul preopercolo, ed uno sull' opercolo : il primo vicino al 
margine inferiore, il secondo non lontano dal margine superiore. Le lamine sottorbitali 



TRIGLA CORAX. 



maggiori sono assai alte e lunghe, inferiormente si dilatano verso il dinanzi, e colle loro 
estremità costituiscono i due lobi terminali del muso separati dalla smarginatura ed an- 
teriori al vomere. L'orbita eccede l'altezza della fronte con la parte superiore del suo 
lembo, il quale è elevato, scabro e porta uno o piìi denti spinosi volti all' indietro 
tanto nella parte anteriore, quanto nella posteriore; inferiormente cinge l'orbita un 
solco liscio, che procedendo all' indietro s' allarga e s'appiana. Dietro agli occhi sonovi 
due elevazioni longitudinali, scabre, da dirsi creste temporali; e dietro a queste sorge 
la lamina ossea soprascapolare, la quale è connessa saldamente con le ossa del cranio, di 
forma lanceolata, dentellata lungo il margine interiore, carenata, spinosa all'apice, sol-' 
cata superiormente e granellosa alla stessa guisa delle lamine che cuoprono il capo. 
L'opercolo posteriormente è cinto da una membrana larghetta ; la sua parte ossea su- 
periormente è incisa da un seno rotondato; all'angolo posteriore e superiore ha due 
punte spinose, la prima diretta obliquamente all' indietro e all' insù, breve, al solito 
tutta involta dalla membrana marginale ; la seconda volta orizzontalmente all' indie- 
tro ed eccedente la detta membrana. Dal punto in cui è collocata questa spina il mar- 
gine dell' opercolo scende all' ingiù in linea quasi retta. Il preopercolo, il quale come s'è 
detto s'articola saldamente col margine posteriore della lamina orbitale maggiore, è 
piatto e s'allarg;a verso il basso: il suo margine posteriore è rettilineo, verticale, privo di 
dentelli fino all'angolo che lo congiunge col margine inferiore, nel qual luogo ha due 
punte spinose; la superiore continua con la stria orizzontale rilevata, che abbiamo 
descritta parlando della gran raggiera del sott' orbitale ; l' inferiore più picciola. Sotto 
le due punte ora dette sta nascosto il subopercolo, che è picciolissimo, liscio. Anche 
r interopercolo è liscio, nascosto in gran parte sotto il lembo inferiore del preopercolo 
ed appena scernibile. 

Il taglio della bocca è infero, parallelo al contorno del muso e poco distante da es- 
so, parabolico, mediocre, non estendendosi più indietro dell' estremità anteriore del- 
l'occhio. L'osso mascellare è tenue, alquanto allargato all' estremità, una sola porzio- 
ne della quale è visibile all' esterno mentre la bocca sta chiusa ; tutto il rimanente 
si occulta sotto la lamina sottorbitale maggiore. Le labbra sono sottili e lisce, e poi- 
ché tutta la parte inferiore del capo è piana, il labbro superiore nel chiudersi cir- 
conda r inferiore. La membrana branchiostega ha sette raggi, e sotto la gola quella 
d'un lato s'unisce con quella dell'altro. I denti sono piccioli, acuti, impiantati fitta- 
mente sopra ambedue le mascelle, e disposti come suol dirsi a scardasso. Altri denti 
simili e disposti al modo stesso sono collocati in una striscia trasversale innanzi al vo- 
mere, ed altri sulle ossa faringee. Liscio è il palato, e liscia la lingua, che inferiormente 
è tutta aderente. 

Il tronco all' origine è grosso e largo quanto il capo, o all' incirca, tondeggiante, 
quindi s'assottiglia piuttosto uniformemente a foggia di cono fino alla radice della pinna 
caudale, nel qual luogo è alquanto più largo che alto : l'ano s'apre più innanzi della 
metà della lunghezza totale. La lamina ossea soprascapolare è liscia; la sopraume- 
rale è triangolare, grandetta terminata da una punta spinosa volta all' indietro, carenata 
per lungo, striata e granulosa a somiglianza delle lamine ossee del capo. 

La parte superiore della pinna pettorale collegata dalla membrana è ovata a rovescio, 
lunga almeno quanto il capo, ed ha dieci o undici raggi tutti articolati, i tre infe- 
riori de' quali sono semplici, gli altri ramosi. La parte inferiore consiste in tre raggi 

52* 



TRIGLA CORAX. 

liberi, filiformi, articolati, flessibili come le dita d'una mano, carnosetti, il primo de' quali 
non suol eccedere i raggi più lunghi della parte superiore; gli altri due decrescono di 
grado in grado. Una striscia membranosa brevissima, piuttosto crassa connette questi 
tre raggi alla base. Le pinne yentrali hanno origine quasi immediatamente al di sotto 
della base delle pettorali: la base loro è obliqua, e la loro lunghezza al solito è poco 
minore di quella del primo dei raggi liberi delle pettorali. Hanno un raggio spinoso 
semplice, e cinque o sei ramosi; il terzo e il quarto di questi ultimi più lunghi dei 
rimanenti. La pinna dorsale anteriore ha origine al disopra della metà della base delle 
ventrali, i suoi raggi sono in numero di nove circa, tutti spinosi, decrescenti verso la 
parte posteriore; l'ultimo brevissimo. La dorsale posteriore ha origine quasi immediata- 
mente dietro all'anteriore; è circa un terzo più bassa, e circa due volte più lunga, un 
poco decrescente verso la parte posteriore, composta di raggi tutti articolati, i due primi 
semplici, gli altri ramosi; il lor numero varia da i5 a 19, e il primo è sempre inferiore 
al secondo in altezza. L'anale incomincia subito dopo l'ano, alquanto più indietro del- 
l'origine della dorsale posteriore, e termina al di sotto del termine di quella. Ha la 
forma della detta dorsale posteriore, ma è più bassa ed è composta di i5 o 18 raggi tutti 
articolati, il primo semplice, gli altri ramosi. Lo spazio privo di pinne anteriore alla ra- 
dice della caudale corrisponde presso a poco alla decima parte della lunghezza totale 
del pesce. La caudale è triangolare col margine terminale tagliato a mezza luna. Undici 
raggi tutti ramosi giungono lino al detto margine terminale, ed havvene inoltre quat- 
tro o cinque più brevi tanto di sopra quanto di sotto. Tutto il tratto del colmo del 
dorso occupato dalle due pinne ha un solco longitudinale profondo e largo, dentro il 
quale chiudendosi vanno a collocarsi i lor raggi. Di qua e di là dal solco evvi una se- 
rie d'ossicini eretti spinosi, o crestuti, in numero corrispondente presso a poco a quello 
dei raggi che sostengono le due pinne dorsali. Le scaglie che cuoprono il tronco sono 
quasi sempre picciolisshne e poco aderenti, talora intiere nel margine anteriore, più 
spesso dentellate o cigliose. Non ve n' ha punto sulla gola, sul petto, nè alla base delle 
pinne, eccettuata la caudale. La linea laterale corre parallela al contorno superiore del 
dorso, ed è formata di scaglie alcune volte poco dissimili da quelle di tutto il corpo, 
ma rilevate nel mezzo ; altre volte si compone di scaglie carenate, crestute, 0 aculeate. 
Al termine del tronco essa si biforca, e i suoi due rami continuano a scorrere nella di- 
rezione delle estremità della coda. Alle condizioni fin qui enumerate parecchie specie 
aggiungono un gran numero di pieghe parallele, che partendo dalla linea laterale ad 
angolo retto, corrono verso il dorso e verso l'addome, talché tutto il tronco rimane 
striato verticalmente sui fianchi. 

Il color del dorso, del capo, delle pinne dorsali e della caudale in tutte le Triglae è 
un rosso tendente alla tinta del minio, più o meno lurido, o vivace, 0 dilavato. Quello 
delle parti inferiori quasi sempre è un bianco latteo opaco, che verso i fianchi si cangia 
in periato lucente. Le iridi sono d' un giallo dorato assai pallido ; le pupille nere 0 ne- 
rastre. 

Il ventricolo di questi Pesci è un sacco rigonfio co' due orifizj più o men vicini fra 
loro, e con molte appendici cieche. Tutti hanno il notatojo. 11 numero delle loro verte- 
bre, la forma e la disposizione di molti visceri varia non poco da specie a specie. 

Si cibano d'altri Pesci, di Molluschi e di Crostacei. Guizzano con grandissima ce- 
lerità, lanciandosi tratto tratto fuori dell'acqua. È opinione comune che nel bujo rilu- 



TRIGLA CORAX. 



cano; ma questo effetto si deve probabilmente agl'innumerevoli animaluzzi che vivono 
alla superficie del mare, e che sbattuti da quei salti impetuosi tramandano all'istante uno 
splendore fosforico. Quindi i nomi di Lucerna^ Lanterna e Fanale attribuiti dai pesca- 
tori a varj de' nostri Caponi. Estratti appena dall'acqua fanno sentire un certo grugnito 
che fino da' tempi più antichi è stato paragonato al suono d'una lira o al canto del 
Cuccù : anche oggi in più luoghi piace al volgo riconoscere in esso la voce d'un Organo. 
Con le paranze se ne fa la pesca in distanza dal lido, e più vicino a terra con le scia- 
biche. I più grossi si prendono pure con gli ami. La lor carne è bianca, saporita, ma 
dura e filamentosa, e perciò gode d'un pregio mediocre. 

I nostri mari alimentano otto specie di Triglae^ tutte o quasi tutte comuni agli altri 
mari dell'Europa, e generalmente parlando fra loro distintissime. In molte parti d'Italia 
il volgo le chiama Caponi o Pesci caponij senza dubbio per ragione della mole e della 
durezza del capo: nè il nome Triglia derivato dal Greco Tpi-jk/i vien mai distratto dal- 
l'antico significato, ma s'applica unicamente ai MuUi dei Romani antichi e degl'Ittiologi. 

Due sole Triglae_, o Pesci Caponi che dir si vogliano, riferì il Belon; ma le descrisse 
imperfettamente e ne effigiò una sola. Salviani pure ne diede due, accompagnate da 
buone tavole. Rondelet fu quello che le conobbe meglio e in maggior numero : infatti 
ne riferì sei, e le illustrò con figure se non eccellenti, tali almeno da potersi ricono- 
scere. Eu gran danno per la scienza che Artedi non avesse chiara notizia delle varie 
specie che enumerò, perchè conoscendole meglio non le avrebbe aggregate, come fece, 
ad altri Pesci di struttura diversa affatto, e non avrebbe riferito sul conto loro tante cita- 
zioni discordi. Linneo, il quale per lo meno deve aver veduto quella che inserì nella 
Fauna Suecica e le altre che registrò nei cataloghi dei Musei, pur ne diede descrizioni 
difettose; e quanto alle rimanenti si contentò di confermare secondo il solito quello 
che trovava scritto da Artedi o poco vi aggiunse. Gmelin interpretando a suo modo 
le cose di Linneo applicò descrizioni nuove ed altri sinonimi, spesso erronei, ai nomi da 
lui stabiliti. Accrebbero il viluppo altri Ittiologi posteriori col dar fuori sotto i nomi 
Linneani specie non riferite da Linneo, e sopracaricando intanto di nomi nuovi quelle 
da lui divulgale. Giacerebbe tuttora nell'oscurità più profonda la storia delle Triglae 
Europee, se non avesse preso a trattarne il Guvier con quella sua magistrale chiarezza, 
che tanto poco lascia da deciferare a chi intraprende a scrivere dopo di lui della stessa 
materia. Forse quel sommo scienziato non fu al tutto felice nell' allegare alcuni sinoni- 
mi e nello scegliere le appellazioni specifiche delle Triglae d'Europa: anzi sembra che 
la difficoltà di far concordare tanti nomi adoperati prima di lui con significati diversi 
lo facesse risolvere ad appoggiarsi principalmente alla nomenclatura Francese. Applicò 
poi ad ogni specie un' appellazione latina qual che si fosse, anche quando era tanto 
lontano dall' approvarla, che s' induceva a farne da se stesso la critica, e giunse per- 
fino a ripetere in più d' un luogo un medesimo nome Linneano originalmente. Ma a 
noi sembra che quelle leggi, che governano il capital punto della nomenclatura siste- 
matica non debbano giammai porsi da canto come cosa superflua o importuna; e quindi 
nel parlare delle Tr/^/ae nostrali ci avverrà di dilungarci qualche poco dalle tracce del 
Cuvier su questo particolare. Riterremo solo i nomi Linneani più certi, rigetteremo i so- 
vèrchiamente dubbiosi; ma sopratutto ci asterremo dall' impiegar questi ultimi in un 
seùso opposto a quello che esprimono apertamente le parole del naturalista Svedese. 

52** 



TRIGLA CORAX. 



Nella tavola annessa sotto il numero i è effigiata la più comune delle nostre 2>£- 
glde, la quale dal Rondelet fu detta Corax. Non è possibile chiarire qual nome le desse 
Linneo; ma. dal non veder citato sotto alcuna delle specie sue e d'Artedi il sinonimo di 
Rondelet si può arguire die non l'abbia conosciuta. È vero che fra i sinonimi della sua 
Trigla hirundoj, pesce indigeno de' mari della Svezia, e perciò verosimilmente a lui 
famigliare, allegò il Corms di Salviani, che corrisponde al Corax di Rondelet; ma 
poiché dichiarò in modo solenne che la linea laterale àeW hirundo dev'essere aculeata, 
mentre il nostro Pesce l'ha inerme, non v'ha dubbio ch'egli errasse appunto nel col- 
locamento di quel sinonimo. Ci è dunque sembrato opportuno riprodurre l'antico no- 
me di Rondelet imponendo alla specie nostra il nome di Trigla corax. 

Dopo aver descritto la Trigla dell'Oceano ch'egli chiama con nome Francese Per- 
lorij ci avverte il Cuvier che ha veduto esemplari d'un Pesce del Mediterraneo somi- 
gliantissimo a quella, ma pur diverso in certi particolari, che espone accuratamente. 
Gli esemplari in questione spettano fuor di dubbio alla nostra Trigla Corax^ nella 
quale vediamo ripetute tutte quelle condizioni, che il Cuvier ha segnalate in essi, spe- 
cialmente la pinna pettorale assai lunga, perchè resta compresa nella misura di tutto 
il corpo per tre volte o tre e mezzo al più, laddove nel Perlon forma la quarta parte 
della misura stessa. Sembra inoltre che nel Perlon il muso sia più breve, l'intervallo 
posto fra gli occhi più largo., che le scabrosità del capo sieno men prominenti, che la 
pinna caudale non porti mai presso il mezzo del margine terminale la macchia nera, la 
quale quasi sempre si vede nel Corax. Aggiungeremo pure che la macchia nera intensa 
spruzzata di macchiette bianche o cerulee, che è frequentissima sulla faccia posteriore 
delle pinne pettorali del Corax ^ non dev'essersi presentata mai al Cuvier nel Perlon^ 
poiché parlando della Trigla paeciloptera dice espressamente non averla riscontrata in 
alcuna altra Trigla europea, ma solo in qualche specie delle Indie. Ora siccome il Cu- 
vier non decide se gli esemplari avuti dal Mediterraneo, cioè quelli del nostro Corax^ 
differiscano di specie dal suo Perlon^ nemmeno a noi dà l'animo di pronunciare un giu- 
dizio, a stabilire il quale converrebbe aver sott' occhi esemplari freschi del Perlon e in 
buon dato. Comunque siasi però al nostro Pesce dovrà restare il nome specifico Corax; 
e se il Perlon è diverso, come possiam presumere, penserà altri a provederlo d'una nuo- 
va appellazione sistematica, perchè a cagione della linea laterale inerme non può con- 
venirgli il nome Linneano Hirundo adottato dal Cuvier. 

La Trigla Corax ha ordinariamente otto e nave pallici di lunghezza; ma giunge an- 
che al di là della misura d'un piede. L'altezza del sua capo è contenuta sei volte e un 
terzo nella lunghezza totale del Pesce; la lunghezza v'è contenuta quattro volte e un 
sesto ; la larghezza è esattamente uguale all' altezza. Lo spazia compresa fra un occhio 
e l'altro è alquanto maggiore del diametro trasversale dell'orbita, ed ha una larghez- 
za corrispondente alla quarta parte della lunghezza del capo. Il musa è lunghetto, ha 
un profilo poco declive, sensibilmente incavato nel mezzo: le guance si scostana poco 
dalla direzione verticale. I granellini che rendono scabra la superficie del capo sono 
piuttosto grandetti. Il centro della gran raggiera del sottorbitale maggiore è vicinissimo 
al lembo inferiore. La carena marginale orizzontale del muso è prominente, e il muso 
stesso anteriormente porta nel mezzo un'angolo rientrante non molto profondo, di qua 
e di là dal quale sorgono sulla carena marginale circa sette dentelli spinosi, brevi, 



TRIGLA GORAX. 



disuguali. Il lembo dell' orbita superiormente porta nel tratto anteriore tre dentelli 
spinosi, il primo appena scernibile, gli altri due grandetti ed acuti; talvolta però ne 
porta due soli. Posteriormente lo stesso lembo è pochissimo elevato, e termina con una 
punta spinosa volta all' indietro, tanto picciola che appena è visibile. Fra il lembo supe- 
riore dell'orbita e la lamina temporale havvi un sottilissimo solco trasversale. La cresta 
temporale è seghettata minutamente. La lamina soprascapolare non s'inoltra col suo 
apice spinoso al di là del termine posteriore dell'opercolo. La seconda delle due spine 
dell' opercolo eccede di poco il margine membranoso. Il taglio della bocca è grande 
mediocremente, non giungendo i suoi angoli fin sotto gli occhi. La spina colla quale 
termina la lamina sopraumerale è erta, seghettata sulla carena, grandetta. La lunghezza 
delle pinne pettorali è compresa da tre volte a tre volte e mezzo nella lunghezza totale 
del Pesce: ha 8 raggi ramosi e tre semplici. Il primo dei raggi liberi è un terzo più 
breve della porzione di pinna collegata da membrane. Le ventrali sono sensibilmente 
pili lunghe del primo raggio libero delle pettorali. La dorsale anteriore ha 9 raggi tutti 
lisci, il secondo de' quali, più lungo del primo, è alto poco meno del tronco nella parte 
ad esso sottoposta; i susseguenti sono minori di mano in mano. La dorsale posteriore 
ha 16 0 17 raggi, il terzo de' quali, maggiore degli altri, ha due terzi dell'altezza della 
dorsale anteriore. L'anale ha i5 o 16 raggi. L'ano è un buon terzo piìi distante dal- 
l'estremità della caudale che dalla punta del muso. La pinna caudale è compresa cinque 
volte e mezzo nella lunghezza totale. Le scaglie sono picciolissime, ovate, lisce, intiere : 
quelle della linea laterale protuberanti nel mezzo, ma inermi. Le creste che fiancheggia- 
no il solco dorsale sono triangolari con la punta curva, pungente, lisce superiormente, 
in numero di 25 per parte. 

Il colore delle parti superiori è un cinereo misto di roseo e di palombino, qua e là 
più volgente alla tinta rossa di minio. Il capo è maggiormente acceso sulla fronte e in 
qualche tratto dei lati. Tutta la parte inferiore è d' un color latteo o carneo opaco, e 
verso i fianchi d' un periato splendente. Le pinne pettorali nella pagina anteriore hanno 
i raggi d'un color carneo biancastro o lurido con alcuni tratti rosei, e la membrana 
frapposta d'un cinereo tendente al fosco, con macchie più scure, disposte quasi regolar- 
mente a fasce trasversali: nella pagina posteriore sono d'un turchino fosco, oppure ten- 
dente al verde di smeraldo, marezzato di nerastro, e spesso han l'orlo estremo d'un bel 
turchino chiaro. Per lo più scorgesi poi verso il centro una gran macchia nerissima, e 
su questa varie macchiette rotonde bianche 0 celesti : con tale coloramento è rappresen- 
tata una pinna rovesciata presso la figura del Pesce nella nostra tavola. La sola porzione 
compresa fra i tre raggi inferiori suol esser carnicina dall'una e dall'altra faccia. Dello 
stesso colore sono i tre raggi liberi, ma imbrattati qua e là di cinereo. Le dorsali hanno 
una tinta più sbiadata di quella del dorso, i raggi e qualche tratto della membrana in- 
terrottamente macchiati d'un colore più roseo, il quale nella dorsale posteriore tende a 
disegnare due o tre fasce longitudinali. Le ventrali e l'anale sono d'una tinta latteo-car- 
nicina. La caudale tende più delle dorsali ad un roseo vivace: i raggi di mezzo e quelli 
collocati immediatamente al di sotto, non che la corrispondente porzione di membrana 
per lo più hanno l' apice fosco. 

È sparsa per tutto il mediterraneo, ed abbondantissima lungo i lidi dell' Italia. La sua 
carne è piuttosto buona. A Roma dicesi Cappone Panaricoìo^ in Toscana Gallinella^ e 
nella Liguria GaUinetta. Sui lidi Veneti crediamo che le venga applicato più special- 
mente il nome di Lucerna^ nel Piceno quello di Capomazzo. 



TRIGLA LYRA 

CAPONE ORGANO 



TRiQLA trunco non striato; squamis paiVis ciliatis; linea laterali mutica : dorsi cristis mU- 
disj adunciSj laevibus; capitis spinis omnibus grandibus: rostro antice depresso furcato : 
spina utrinque unica magna spinulisque minoribus pluribus: pinnis pectoralibus cor* 
poris quadrantalem longitudinem excedentibus. 

i« D. 9. 2'^'^ D. 16. P. 11/3. V. 1/5. A. 16. C. II. 

TWGLA. irRA, Linn. Syst. Nat. I. p. 469, sp. 2. Gmel Syst. Nat. I. p. iZ^i. sp. 2. Bonnat. in Tali. 

Enc.Ichth. p. 145. sp. 5.iab. 6o.fig.255. Lacép.H. N. Poiss. J^l.p.5o.sp.2. Bloch.Hist.Poiss.tah.55o. 

Schneid. Bl. Syst. p. 14. sp. 8. Bafin. Ind. Iti. Sic. p.iS.sp. 196. Risso, Iclith. Nic.p. 2o3. sp. 1. 

Jd. Hist. Nat. III. p. 5g5. sp. 5og. Nacc. Itt.Adr.p.i-]. sp.6i. Nardo, Prodr.Jdr.Ichth.sp.8o, 
ItRii., Band. Pise. I.lib.s.cap.iz.p.2g8. Gesn.Aq.IF.p.5i6. Jonst. Hist.' Pise. I.lib.i.iit.iìi.cap.ì.art.uu 
CDCDLUS, SaW. Hist.Aquat. p.igo. fig.'jo. Willughb. Ichthyogr. tal. S. 7.. fig. 2. 

LTRA. prior Rondeletii, Aldrov. Pise, li b. il cap. vii. p. 146. Willuglih. Ichth. Uh. iv. §. ■vili. p. 282. Bay, 
Synops. Pise. p. 89. sp. 8. 

TRIGLA. rostro loDgo diacanlho, naribus tuLulosis, Arted. Synon. p. "j^, sp. g. Jd. Genera p, Ifi. sp.g. 
GRONAU, Dauhenton, in Enc. Method. Hist. Nat. III. p. igi. 

ITRE., CuV. Règn.Anim. 2. ed. II. p. i5g. Duhamel, Pèch. Sect. F". tah.S.Jìg. 1. 

LYRE cu PEKLON à grantles épines operculaires et claviculaires, Cuv. et Falene. Hist. Nat. Foiss. IV. p. 55. 
PIPE», Penn. Brìi. Zool, III, p. 234. sp. 3. tab. i4' Donovan, Br.Fish. F. lab. ll8. 

■ ™™« . „ ,™» ....,.«„ ™,„ 

decliye presso la fronte, il capo grosso armato di spine di straordinaria grandezza; e il 
tronco alto anche più del capo all'origine, che procedendo all' indietro prima s'abbassa 
rapidamente, quindi decresce in modo uniforme fino alla radice della pinna caudale. 
Per buona sorte gli autori sistematici tutti sono concordi nell' assegnarle il nome speci- 
fico Ljraj che le fu applicato da Rondelet. 

La lunghezza ordinaria di questo Pesce è di circa sette o otto pollici, ma non è raro 
il vederne esemplari che giungano al di là della misura d'un piede. L'altezza del capo 
corrisponde alla quinta parte della lunghezza totale, nella qual misura è contenuta tre 
volte e mezzo la sua lunghezza : la larghezza giunge appena ad uguagliare due terzi 
dell' altezza. La fronte è angusta, e fra un' occhio e l'altro corre una distanza che non 
giunge alla settima parte della lunghezza del capo. Gli occhi son grandi, e il diametro 
trasversale delle orbite è compreso nella già detta lunghezza del capo tre volte e mezzo. 
Il profilo del muso subito innanzi alla fronte è sommamente declive, quindi s'incurva 
e si protrae all' innanzi quasi in linea retta. Il contorno orizzontale del capo è fatto a 
spigolo acuto, che di qua e di là dall' estremità del muso forma due punte triangolari 
sporgenti all' innanzi per uno spazio uguale alla nona parte della lunghezza del capo. 
Fra le due punte il margine s'incurva a foggia di mezza luna e porta molti denti spi- 
nosi, che dall' esterno decrescono verso il punto medio, e sono in numero di cinque o 



) 



r 

TRIGLA LYRA. 

sei per parte. Sonori altrettanti denti spinosi lungo il margine esteriore delle due punte 
triangolari, e questi decrescono dall' innanzi all' indietro. Le guance sono quasi verti- 
cali ; i solchi e i granellini che rendono scabra tutta la superficie del capo sono piut- 
tosto elevati. Il centro della gran raggiera della lamina sottorbitale maggiore è collo- 
cato due volte più lontano dal margine superiore che dall' inferiore. Il lembo supe- 
riore dell'orbita porta due spine acute volte all' indietro, una grande anteriormente, 
l'altra posteriormente alquanto minore. La cresta temporale è prominente, ool taglio 
scabroso, e termina con due punte volte all' indietro, minori di quelle del lembo supe- 
riore dell'orbita. La lamina soprascapolare è grande, terminata da una spina erta, pro- 
tratta all' indietro quanto la punta posteriore dell' opercolo. Delle due punte spinose 
dell'opercolo la seconda ha una spina acutissima sporgente, la cui radice è continua 
con una stria elevata scabra, che attraversa l'opercolo intiero. Erta e forte è pure la su- 
periore delle due spine che sorgono fuori dell'angolo del preopercolo, e la sua radice è 
continua con una carena scabrosa, che ha origine dal centro della gran raggiera della la- 
mina sottorbitale. La lamina sopraumerale striata, granulata e carenata per traverso ha 
la forma d' un triangolo quasi equilatero, protratto in una gran punta spinosa trigona, 
più lunga del triangolo stesso. Compresa la spina tutta questa lamina è poco men lunga 
della metà del capo. La lunghezza delle pinne pettorali è compresa tre volte e mezzo in. 
quella di tutto il Pesce. Hanno 8 raggi ramosi e tre semplici insieme collegati, e tre al- 
tri liberi, il primo de' quali circa un quarto più breve della pinna stessa. Le ventrali 
sono lunghe più del primo raggio libero delle pettorali. La pinna dorsale anteriore ha 9 
raggi assai forti, i primi tre seghettati anteriormente; il terzo più elevato del secondo, e 
corrispondente a tre quarti dell' altezza del tronco nella porzione ad esso sottoposta. La 
dorsale posteriore porta 16 raggi, ed ha due terzi dell'altezza della dorsale anteriore. L'ana- 
le ha 160 17 raggi. L'ano s'apre un quarto più vicino all'apice del muso che all'estremità 
della coda. La pinna caudale resta compresa cinque volte nella lunghezza di tutto il Pesce. 

Le scaglie sono mediocremente grandi, elittiche, cigliose all' apice, ed hanno alla 
base tre 0 quattro intaccature. La linea laterale è poco prominente, sottile, inerme; an- 
teriormente è declive, poi corre parallela al contorno del dorso. Le creste di cui è ar- 
mato il solco dorsale a destra e a sinistra sono forti, compresse, uncinate, sempre più 
grandi procedendo dall' innanzi all' indietro, lisce; solo le due o tre anteriori talvolta 
sono dentellate superiormente. Ve n'ha ventiquattro per fila. 

La tinta del dorso è rosea tendente al color di minio, e diviene più dilavata scen- 
dendo verso i fianchi. Il capo superiormente e dai lati ha una tinta rossa anche più in- 
tensa.. Il di sotto del capo e del tronco è d'un bianco latteo, che volge al carneo sul 
ventre, e al periato splendente verso i fianchi. Le pinne pettorali sono rosee; ma la 
membrana che collega i raggi ramosi è cinereo-fosca dal lato anteriore, turchino nera- 
stra e spruzzata di latteo dal posteriore. Le dorsali sono roseo-chiare, l'anteriore sfumata 
di nerastro lungo il margine superiore della membrana. Le ventrali sono d'un roseo-car- 
neo ; l'anale lattea. La caudale è d'un bel rosso nella parte centrale, pallida sul contor- 
no, ma segnata d'una macchia nera irregolare verso l'apice presso il raggio di mezzo. 

Per la carne, e per la picciola quantità che ne ha in proporzione della mole, è una 
delle specie meno pregiate. È comune al Mediterraneo e all' Oceano, e si pesca piut- 
tosto frequentemente sui lidi di tutta l' Italia. Il suo nome volgare a Roma è Cappone 
coccio j a Napoli Cuoccio^ in Toscana e nella Liguria Organo j sui lidi Veneti Turchello. 



TRIGLA MILVUS 

CAPONE CAVIGLIA 



TRIGLA trunco non striato; squarnis minutis integris; linea laterali aculeata: dorsi cristis 
prominulis integris unispinosis: rostro antice depresso j truncato^ emarginato^ spinulis 
utrinque ternis subaequalibus : pinnis pectoralibus corporis quadrante brevioribus. 
i« D. 8. 2^- D. 19. P. 11/3. F. 1/5. J. 18. C. II. 

TRIGLA HiBUNDO, Xi«n? ■Sy5r.iV"rt«./.;p. 497. 5^.6. Idi Faun.Succp.xS.sp.'ò^o. BrunnMchth.Mass.p.']^. 
TiUGLA cvcvLvSy Bloch. Hist. Poiss. IL p. sp. 2. tab.Sg. Schneid. Bl. Syst. I.p. i^.sp. IO. Risso, 

Ichth. JSic. p. 208. sp- 6. Jiec Hist. Nat. 
TRIGLA. mhws, Lacép. Hist. Nat. Poiss. n. p.5o. sp. 10. Risso, Hist. Nat. III.p.5g5.sp.5i3. 
TBiGLA RODiNOGASTEK, Nardo, Prodr. Adriat- Ichth. sp. 77. 

WlLVDS, Rendei. Pise. I. lih.%. cap. -viii. p. 297. Aldr. Pise, Uh. il. cap. Iviil. p. 279. 

GKONDiN KouGE, Ci/f. ^«im. a.eti. //. p. 160. Cuv. et Falene. Hist. Nat. Poiss. IF-p.G-]- 

TRIGLE MiLAN, Lacép. loco citato. 

VKRhO!^, Bonnat. in Tabi. Enc. Ichth. tah. 60. fìg.a5']. nec pag. 1^6. 
R^Tì OVRaknD, Penn. Brit. Zool. III. p. 255. sp. 2. lab. 5"]. fig.i. 

Ija linea laterale aculeata non permette che questa specie si confonda con le due 
precedenti, nè con la seguente, nè col Cucidus di Rondelet, ossia Trigla obscura_,L., 
Fra le nostrali siffatto carattere si ripete nella Trìgla lineata e nella Trigla gurnardus ; 
ma la prima ha il tronco accerchiato da strie rilevate, la seconda non porta alcuna mac- 
chia nera sulla pinna dorsale anteriore, e invece d'aver le creste del dorso elevate li- 
sce e munite d'una spina, le ha basse e crenate. 

' 'È cosa poco dubbiosa che a questo nostro Pesce sia riferibile la Trigla Hirundo di 
Linneo. Pure la descrizione che ha posto questo autore nella Fauna Suecica è troppo 
imperfetta perchè la cosa si possa asserire con tutta certezza: i sinonimi allegati poi non 
corrispondono alla descrizione, e chi se ne volesse fidare cadrebbe in errore immanca- 
bilmente. Meglio è pertanto rigettare quel nome hirundo^ e adottare invece quello di 
Milms sotto il quale questo Pesce trovasi descritto ed effigiato in Rondelet, tanto più 
che Hirundo presso gli antichi (come Rondine di mare presso i moderni) suona tutt' altra 
cosa. Il Cuvier non s'avvide che al Pesce presente era riferibile ih sinonimo or mentovato 
di Rondelet, e gli applicò il nome Cuculus^ benché lo avesse già registrato sotto un'al- 
tra Trigla^ cui spetta legittimamente perchè datole da Linneo. 

La lunghezza ordinaria della Trigla milms è di circa cinque pollici: di rado giunge 
a sette 0 otto. L'altezza del capo è compresa sei volte e due terzi nella lunghe;z;za totale, 
è in questa misura entra per quattro volte la sua lunghezza. La larghezza uguaglia 
due terzi dell' altezza. La fronte è piuttosto angusta, e la distanza che corre superior- 
mente fra un' occhio e l'altro è contenuta poco men di cinque volte nella lunghezza 
del capo. Il diametro trasversale degli occhi ha la misura d'una quarta parte della 



TRIGLA MILVUS. 



mentovata lunghezza del capo. Il muso ha un profilo mediocremente declive, e incava- 
to^ è spianato verso l'apice il quale è troncato, appena retuso nel mezzo, ed ha a destra 
e a sinistra tre punte spinose mediocremente lunghe, dirette all' innanzi, quasi uguali 
fra loro. Il contorno orizzontale del muso è fatto a spigolo non molto prominente. I lati 
del capo sono verticali. Le strie in rilievo sono sottili e i granellini picciolissimi, po- 
co prominenti. Il centro della gran raggiera della lamina sottorhitale maggiore è più 
vicino al mezzo della guancia che al margine inferiore. Nel tratto anteriore del lembo 
superiore dell'orbita sorgono due punte spinose volte all' indietro; il tratto posteriore è 
scabroso soltanto. La cresta temporale ha il taglio dentellato. La lamina soprascapo- 
lare termina in una spina alquanto curvata all' insù, che si protrae all' indietro quasi al 
pari della punta posteriore dell'opercolo. La seconda delle due spine che armano po- 
steriormente la parte ossea dell' opercolo è lunghetta libera. Mediocremente grandi so- 
no le due spine che porta inferiormente il margine posteriore del preopercolo, e quasi 
uguali: lungo il margine inferiore di questa lamina sorgono alcuni brevi dentelli volti 
all' ingiù. La lamina sopraumerale ha la forma d'un triangolo più alto che lungo, ed 
è attraversata da una carena elevata scabra, che si protrae in una spina lunga un 
terzo meno della lamina stessa. Le pinne pettorali sono lunghe quattrò volte ed un 
terzo meno del pesce intiero; hanno 8 raggi ramosi e tre semplici nella porzione 
collegata da membrane. Il primo dei tre raggi liberi è lungo un quarto men della pin- 
na. Le ventrali sono lunghe quasi quanto il primo raggio libero or mentovato. La pinna 
dorsale anteriore ha 8 raggi, il primo de' quali è seghettato anteriormente e non dai lati; 
gli altri son lisci e il secondo, eh' è il maggiore di tutti, quasi uguaglia l'altezza che 
ha il tronco nella parte sottoposta. La dorsale posteriore ha 19 raggi; l'anale ne ha 18. 
L'ano è un buon quarto più distante dall'apice della coda che da quello del muso. 
La caudale resta contenuta cinque volte e mezzo nella lunghezza del pesce intiero. 
Le scaglie sono picciolissime, ellittiche, intiere: quelle che costituiscono la linea la- 
terale hanno lungo il mezzo una cresta elevata con due o tre punte spinose, disuguali, 
volte all' indietro. Le creste che fiancheggiano il solco dorsale sono grandette, dure, 
triangolari con la punta spinosa volta all' indietro, ed hanno i margini lisci. L'una e 
l'altra serie ne conta 28. 

La tinta di tutte le parti superiori è un roseo lurido che volge al colore di minio ; 
solo la linea laterale si fa distinguere per un colore più pallido, e il capo è più scu- 
retto del dorso. Tutte le parti inferiori sono d'un latteo opaco, che verso i fianchi di- 
viene periato splendente. Le pinne pettorali suU' una e sull' altra faccia sono pallide alla 
base e lungo i raggi inferiori, nel resto d'un rosso pallido, oppure volgente all'acceso 
verso le estremità. Le dorsali sono d'un bianco sudicio oppur rosseggiante, ed han le 
membrane trasparenti : l'anteriore porta una macchia nera ben decisa fra il terzo e il 
quinto raggio presso il margine superiore: la posteriore ha una striscia longitudinale 
poco decisa di color di minio dilavato. Le ventrali sono d'un latteo tendente al car- 
neo. L'anale è lattea. La caudale è d'un rosso più acceso di quello del dorso, meno 
che presso i margini e la base, che sono d'un bianco sudicio. 

Abbonda lungo le spiagge nostre quasi quanto la Trìgla corax. La sua carne è di 
qualità inferiore. A Roma si chiama Cappone vero^ Cappone comune^ Cappone liscio. 
I Toscani lo dicono Caviglia^ e i Liguri Caussano. I Veneti lo distinguono col nome 
di Anzoletto piccolo. 



TRIGLA ASPERA 

CAPONE C A V I G L I O N E 



TRiQLA trunco non sulcato; squamis latiusculisj obliquisj denticulato-ciliatis ; linea laterali 
inermi: dorsi cristis mlidiusculiSj integrls: temporibus pone cristas supra-orbitales pro- 
Junde excamtis: rostro antice subdepresso truncato-retuso_, utrinque spina porrecta 
unicaj denticulisque spinosis pluribus: pinnis pectoralibus corporis quadrante brevìo- 
rìbus. i« D. 9. D. i5. P. 10/3. F. i/5. J. i5. C. ir. 

THIGLA. CAvitLONE, Lacép. Hist. Nat.Poiss. VI. p. 57. sp. 12. Eisso, Hist. Nat. III. p. 5q6. sp. 3i3. 
TRIGLA ASPERA, Viviajii, Cuv. Rcgn, Atiim^'i. ed. IL p. 160. 

MDr.l.tJS AsvEVi, Rondelet, Pisc.I.lib.z. cap.\ì.p.2g6. Gesner,Jlquat.[V.p.568. Aldrov.Pisc.lih.'ù cap.W. 

p. l33. fVillughh.Ichthyogr.lìb.ì\. cap. y'n. §.iì.p.i2']g.tab.S.i.Jig.2. Ilay,Synops. Pise, p.è'jsp.^. 
TBIGLE BUDE, ou CAVILLONE, Cuv. et Falene. Hist. Nat.Poiss. IV-P- 11. 

fa distinguere a colpo d'occhio da tutte le altre Triglae nostrali per quell'in- 
cavo profondo che porta ai lati del capo fra le tempia e il lembo superiore delle orbite, 
come pure per le scaglie assai larghe, tagliate in forma di parallelogrammi, oblique e 
dentellate anteriormente, le quali rendono aspra al tatto l'intiera superficie del tronco. 

Di questo Pesce non trovasi traccia alcuna in Linneo; pure da Rondelet era stato 
divulgato sotto il nome di Mullus asper. Al Lacèpéde piacque chiamarlo Trigla cavillane ^ 
facendo uso del vocabolo sotto il quale è nota la specie lungo un gran tratto di spiaggia 
del Mediterraneo. Ma ha tanto poco garbo di latinità quella goffa parola, che a noi 
è sembrato più lodevole di gran lunga seguitare il Signor Professor Viviani di Genova, 
il quale, recando in mezzo di bel nuovo l'ottima ed originale appellazione stabilita dal 
Patriarca degl' Ittiologi, impose al nostro Pesce il nome sistematico di Trigla aspera. 

La lunghezza ordinaria della specie presente è di tre in quattro pollici, e di rado ol- 
trepassa i cinque. In questa misura è compresa per poco più di cinque volte l'altezza 
del capo, e per quattro la lunghezza del medesimo : la larghezza è un quarto minore 
dell' altezza. La fronte è profondamente avvallata, piuttosto larga, e la distanza che 
passa fra un'occhio e l'altro non è gran fatto minore d'una terza parte della lunghezza 
del capo. Il diametro maggiore degli occhi entra quattro volte nella lunghezza ora men- 
tovata. Il muso è piuttosto brève; il suo profilo è assai declive; l'apice è un poco 
depresso, troncato con un'angolo rientrante nel mezzo: lo spigolo marginale dentel- 
lato nel dinanzi e dai lati, col solo dentello che costituisce l'angolo protratto all' in- 
nanzi e spinoso. I lati del capo sono quasi affatto verticali. I granellini rilevati sparsi 
sulla superficie delle lamine ossee piuttosto grandi, collocati poco ordinatamente. Il cen- 
tro della gran raggiera della lamina sottorbitale maggiore cade un poco al di sotto del 
centro della gota: il lembo superiore dell'orbita porta anteriormente due brevi spine 
acute volte all' indietro, la seconda maggiore della prima ; al suo termine posteriore v' ha 



1 



TRIGLA ASPERA. 

una spina grandetta piegata verso l'esterno, e dopo questa dal lato interiore due o tre 
altri dentelli spinosi volti all' indietro, i quali unitamente alla già detta spina costi- 
tuiscono una specie di cresta trasversale inclinata. Dietro la cresta or descritta scor- 
gesi in ambedue le tempia un profondo incavo trasversale. Le creste temporali hanno 
superiormente molti dentelli spinosi disuguali. La lamina soprascapolare termina in una 
spina acuta, che si protrae sensibilmente al di là della punta posteriore dell' opercolo. 
La parte ossea dell' opercolo ha superiormente le due solite punte spinose, la seconda 
delle quali è mediocremente lunga. Le due punte che sorgono presso l'angolo inferiore 
del preopercolo sono quasi uguali fra loro. 11 taglio della bocca è mediocre. La lamina 
sopraumerale forma un triangolo quasi equilatero con una carena elevata, che lo per- 
corre orizzontalmente e dà origine ad una punta spinosa, lunga all' incirca quanto la 
lamina stessa. La lunghezza delle pinne pettorali è contenuta quattro volte ed un terzo 
nella lunghezza totale del Pesce. Sonovi in queste pinne io raggi collegati e tre liberi. 
Le ventrali sono un settimo più brevi delle pettorali. La pinna dorsale anteriore ha 9 
raggi ; i primi due seghettati anteriormente, gli altri lisci. Il secondo e il terzo che sono i 
maggiori di tutti, non giungono ad aver l'altezza della porzione del tronco ad esso sotto- 
posta. La dorsale posteriore è un quarto men alta dell'anteriore, ed è composta di i5 
raggi. L'anale pure ne conta i5. L'ano è collocato un terzo più vicino alla punta dei 
muso che all'apice della caudale. La pinna caudale è contenuta cinque volte e mezzo 
nella misura di tutto il Pesce. Le scaglie sono grandi comparativamente a quelle delle 
specie congeneri, più larghe che lunghe, tagliate a guisa di parallelogrammi, oblique, 
cigliose lungo il margine anteriore eh' è rettilineo, e portano circa sette intaccature 
alla base ed altrettanti solchi disposti a ventaglio. La linea laterale è poco prominente, 
composta di scaglie men regolari delle altre, elevate per lungo presso l'uno o l'altro 
dei lati. Le creste che fanno ala al solco dorsale sono piuttosto grandi, uncinate con la 
punta spinosa volta all' indietro, lisce, con l'eccezione delle due o tre prime, le quali 
portano alcuni dentelli superiormente. Ve ne ha ventitré nell'una e nell'altra serie. 

La tinta del dorso è un roseo-cenerino sfumato qua e là di color di minio, mas- 
sime verso i fianchi. Il capo ha un fondo alquanto più scuro del dorso. Le parti in- 
feriori sono d'un latteo opaco, e verso i fianchi d'un periato splendente. Le pinne pet- 
torali sono tinte irregolarmente di color di minio alla base, e sulla faccia anteriore 
hanno i raggi in parte rosei in parte carnei nel mezzo, nerastri all' estremità : sulla 
faccia posteriore sono d' un nero turchinastro. Solo la porzione frapposta ai tre raggi 
semplici è carnea mista di rosso sopra ambedue le facce. Gli stessi colori si ripetono 
sui raggi liberi. Le dorsali hanno il fondo biancastro tendente al roseo con macchie 
irregolari d'un roseo più acceso o di color di minio, le quali sulla dorsale posteriore 
tendono a confluire in una 0 due fasce longitudinali. Le ventrali sono carnee, oppure 
d'un roseo pallido. L'anale è lattea. La caudale ò carnea sparsa di macchie rosee, ir- 
regolari, mal definite. . 

E molto comune sui lidi dell' Italia, e tenuta in dispregio ovunque non solo per 
la picciolezza della mole, ma anche per la qualità della carne, inferiore a quella 
d'ogni altra Trigla nostrale. 

A Roma è conosciuta sotto il nome di Capone chiodo. I Toscani la chiamano Cavi- 
glione; i Liguri Cavillone_, Gaviggione : nel Piceno dicesi Pregnetta; ed in Sicilia Mar- 
teduzzu. 



\ 



I 



TRIGLA OBSCURA 

CAPONE GAVOTTA 



TniGLA trunco non striato; squamis minutisj integris; linea laterali mutica_, lati-squamata: 
dorsi cristis humilibuSj integris j posterius unispinulosis : capite modice compresso j spi- 
nis omnibus par vis: rostro antica parum depresso j truncatOj vix retusOj spinula utrin- 
que unica porrecta: pinnis pectoraìibus corporis triente brevioribus: dorsalis anticae 
radio secundo elongato. i.« i>. io. 2.<^«i>. i8. P. ii/3. F. i/^, ^.17. Cu. 

TRIGLA. OBscuEA, -ii«K. Mus. Ad. Fred. II. p. 94. Schneid. Bl. Sy$t. p. i6. $p. 5. 

TKIGLA LUCERNA, Brunn. Pise . Mass . p. Bonn, in T. E. Ichth. p. 1/^6. sp. 6. Riss.lchlh.Nic.p.iOQ.spì.'f. 
TBìGLA CDCtJLDS, Risso , Hist. ]S Ut. III. p. sp. - 

TRIGLA FiLARis, Olio, C onspect. p. '] . et 8. 

cvcvhos, Rondai. Pise. Mar. I. lib.x. cap.'ù.p. 28']. cumfig. Gesn. Aijuat. IF.p.òoS. cumfig. Aldr. 

Pise. Uh. Vi. cap.h'.p. i58. fig. in p. i5q. 
MORRUDE, Cuv. Régn. Anim. "2. ed. II. p. 160. 

ORGUEj ORGANO (erf.), MORHUOE etc, ou GRQNpiN à preruière dorsale ^\?LmQn\.e\ììQ,Cuv,etValenc.H.N.Poìss.IV.p.'j2. 

H a molti caratteri proprii, che la clistìnguono dalle altre specie del suo stesso ge- 
nere. I pili segnalati sono l'aver il secondo raggio della dorsale anteriore allungato fili- 
forme, e le scaglie della linea laterale larghissime, Linneo la divulgò nel Musea d'Adolfo 
Federigo col nome di Trigla obscura^ poi la dimenticò, e il nome obscura ricomparve 
solo nell'edizione del Bloch data dallo Schneider. Altri l'han cTiiamata Trigla cuculus 
in manifesta contradizione col senso dato da Linneo a quell'appellazione specifica. Al- 
tri ha preteso che fosse la Trigla lucerna di Linneo, ma questa asserzione non ha al- 
cun fondamento, perchè la diagnosi della Trigla lucerna è applicabile a qualsivoglia 
Triglaj, e i sinonimi accozzati da Artedi appartengono ad altre specie del genere da non 
confondersi al certo con quella di cui ora parliamo. 

La ordinaria lunghezza di questo Capone è di sei in sette pollici. Il capo è conir 
parativamente più basso che nelle altre specie, comprendendosi l'altezza sua sette volte 
e più nella lunghezza totale del .pesce: il vertice è plano, quasi orizzontale: la fronte 
poco declive, poco, avvallata, larghetta: la distanza fra un occhio e l'altro è uguale al 
lor diametro maggiore, ' che è la quarta parte della lunghezza del capo: il profilo è 
piuttosto declive, e quasi nulla incavato nel mezzo, depresso anteriormente, troncato 
all'apice; d'ambe le parti del quale sporge una sola punta spinosa non lunga, cui dal- 
l' esterno lato è inserito un piccolissimo dentello acuto : la carena marginale del muso 
vedesi debolmente pronunciata : i lati del capo son plani, non propriamente verticali, 
ma allargati un poco verso il basso: la superficie del medesimo è granulata e striata 
leggerissimamente; il centro della gran raggiera delle guance è poco più distante dal- 
l'occhio, che dal termine inferiore della lamina sottorbitale: contiguo al margine in- 
feriore dell'occhio è un solco che appena si vede : il lembo superiore dell'orbita non 
molto elevato ha nel dinanzi due dentelli spinosi, ambedue piccoli, il secondo però 
.. 102 



TRIGLA OBSCURA. 



maggiore del primo, ed al di dietro ne ha un altro anche più piccolo degli anterio- 
ri: la cresta delle tempia è pochissimo risentita. La lamina soprascapolare è munita 
di una spina, che quantunque assai tenue e breve, oltrepassa tuttavia il termine del- 
l'opercolo: ambedue le spine superiori della parte ossea dell'opercolo sono assai corte 
e sottili; l'inferiore sporge appena fuori del margine membranoso. Le due punte spi- 
nose del preopercolo son pur esse tenuissime e brevi, l'inferiore appena visìbile. La 
bocca è piccola, non portando il suo taglio fin sotto gli occhi: l'osso mascellare vien 
fuori del sottorbitale alquanto più che nelle altre specie. La lamina sopraumerale è 
breve, non giungendo la lunghezza della parte scoperta ad uguagliare la metà dell'al- 
tezza; e termina in una tenue punta spinosa brevissima, protratta appena più indietro 
della spina soprascapolare. Le pinne pettorali lunghe quanto il capo constano di 1 1 raggi 
collegati, e di 3 liberi più brevi: le ventrali son poco men lunghe delle pettorali, e mi- 
surano un quarto più del primo raggio libero delle medesime. La dorsale anteriore si 
compone di io raggi spinosi sottili; il primo un quinto men alto della sottoposta eleva- 
zione del tronco, il secondo alto due volte più del primo, il terzo poco più alto del 
tronco, i seguenti di mano in mano più brevi : la dorsale posteriore conta 1 7 raggij il 
terzo dei quali più alto giunge appena alla metà del terzo della dorsale anteriore: l'ana- 
le ne ha 17. L'ano dista quasi un terzo più dall'estremità della coda che da quella del 
muso. La pinna caudale, più distintamente forcuta che nelle specie affini, misura il 
quinto di tutto il pesce. Le scaglie ellittiche, troncato-rotondate ed integre anteriormente, 
hanno quattro intaccature alla base: quelle della rettissima linea laterale in numero di 
circa 70 sono eccedentemente maggiori, lunghe il doppio delle altre, larghe quasi il 
doppio della propria lunghezza, troncate, crenulate anteriormente, retuse nel mezzo, 
ristrette verso la base, aderentissime; e rilevate lungo il mezzo hanno di qua e di là 
del rilievo molte strie divergenti a largo ventaglio verso il dinanzi: fra una e l'altra 
dì esse scaglie non ne mancano mai due piccole ordinarie poste l'una al di sopra dell'al- 
tra : nella quale disposizione Cuvier scorge qualche analogia colle strie lamellari delle 
specie a corpo cerchiato. Il solco dorsale è guernito di 25 creste per parte, poco ele- 
vate, col margine superiore liscio, terminate posteriormente da una spina brevissima 
volta all' indietro. 

Il fondo del dorso è un cinereo perlino tutto spruzzato minutamente di rosso livido 
tendente al rugginoso. Il capo al di sopra è simile al dorso, ma di tinta alquanto più 
intensa ; al di sotto è latteo, come latteo è il disotto del tronco, periato lungo i fian- 
chi, che offrono una bella fascia argentea. Le pinne pettorali sono turchine-nerastre 
coi raggi ramosi lattei, e interrottamente tinti di roseo sulla pagina superiore; il tratto 
compreso fra i tre raggi semplici è carneo fasciato di roseo: i raggi liberi hanno il colore / 
del dorso, e gli apici biancastri. Le ventrali sono lattee tendenti al carneo. Le due dor- 
sali hanno il color del dorso, e come quello sono spruzzate di macchie rossastre, ma 
non tanto minute. L'anale è lattea. La caudale è carnea volgente al color di minio lu- 
rido, con una macchia nerastra posta sul margine terminale immediatamente al di sotto 
del punto di mezzo. 

Come la Tr. aspera è propria del Mare mediterraneo; sui lidi romani non è molto 
frequente ; abbonda assai più lungo quelli della Liguria. La qualità della sua carne è 
buonissima, superiore anche a quella della Tr, cucuhis. I Genovesi la preferiscono a qua- 
lunque altro pesce per marinarla facendone il principale ingrediente del loro così detto 
Scabeggio. I Toscani la chiamano Gavotta^ ì Liguri BarilottOj i Romani Capone salsiccia. 



TRIGLA GURIVARDUS ^ 

CAPONE CORNO 



V 

TBIGLJ trimco. non striato^ squamis mìnutiSj., denti culato-ciliatis^ linea laterali aculeata: dorsi 
cristis humilliniisj crenulatiSj muticis :. rostro antice depresso retiiso_,^ spinulis utrinque 
terrUs inaequalibus : pinnis pectoralibus corporis quadrante brevioribus. 

# I « A 8. 2Ai?. 20. P, F, i/5. J. 20. Cu. 

TRIGLA, GURNARDUS , Linn. Sy&t. Nat. I.p. 497, $p. 3. Gm.Syst. I. p.x^fyì. sp. 3. Bonn, in Tahl.Enc.lchth. 

p. 145. sp. 4, iab. 6o.yzg-.336. Lacép. JJist. ZVai, Poiss.FLp. ^S,sp. 8, Bloch, Hist, Poiss.II. tab. 58. 

Schneid. BL Sysi. p. 1 4. sp. 9. Bisso, Ichth. Nic. p. 207. sp. 5. IdìHist, Nat. IJI. p. 397. sp. 3i5. 
' iRiGLk mmUDO, Linn. faun. Su^c.p. 120. ip. 5/iO. Id. Syst. Nat. I.p.l^Q'j. sp. 6. ( hic vere, non alibi.) 

coccYX i^hTEB., Bellon^^q. lib. i. p.'ìo']. Piscis cucuLus, quem GREy g.urna,rd, Tocant, C/tarZef, Onom.p.iSg. 
GQRNàTas seu GURNARMs GRisEus, Will.Ichiìi. Ub.ìv. cap.Vn. p.-2']9. tab.S.l.fig.i. Bay, Synops.Pisc.p.86. sp.4. 
TRIGLA Taria, rostro diacanlho, aculeis geminis ad ulramq^ae ocu]nm, Arted. Gen. Pise. p./i6.sp.8. Id^Syn.p.']^.sp.8, 
CORVSTION gracilis; griseus; pinna -ventrali carens ; etc. Klein, Hist. Pise. Miss. iv. p.46. sp. 5. tab. xiv.^^. 3. 
TRIGLA dorso ad pinnas carinato, scabro: linea laterali aspera etc, Gron,3Ius..I.pJ^^.sp.ioi. Id.Zo.oph.p.8^.sp.2è5. 
TRIGLA digitis lernis, linea laterali aculeata, Linn. Mus.. Ad- Fred. 11. p. gS, 

TRIGLA digitis ternìs, linea laterali pinuata, radio dorsali primo antice serralo, etc? Brunn. Pise. Massil. p.']^. sp.go. 
TRIGLA laleribus nigro alboijue punctatis, linea laterali lata aculegtacjue, Bloch, Fish. Deulschl.II.p.\2i.sp.i.tab.ò8, 
GOURNAuLT, Belon, N at. et Pourir.Poiss. livr. i.p. 202. bellicant, tumbe, Péch, S^ct. -v, tab. g.fig. 1. 
GRONDIN, Daubenton, in Enc. Meih. Hist. Nat. III. p, 193. 

GRONDIN proprement dit, ou grondin gris, autrement gornadd ou GURNiRDjCMt». et Valenc,JIist.Nat,Poiss.IV.p.6'ì. 
CRONAo, GCRNARB OU GRONDIN proprement dit, Cuv. Bcgn. Anim,2. ed. II. p. 160. 

GRE? GURNARD, PcnH. Br^Zool.II I.p.-ì^ìii. sp.x.tub.Sl^. L)oaov.Br.Fish.II.taK5o. Flem.Br.Jn.p.2i5.sp.i52. 

I caratteri ìnslem riuniti del corpo non cerchiato, e della linea laterale aculeata, im- 
pediscono che questa Trigìa si confonda con alcuna altra de' nostri mari fuorché con la 
Tr. itf/Zt'w^j dalla quale si diversifica costantemente per ayer le creste dorsali basse crena- 
te e mutiche, in luogo di alte integre ed uncinate,, come yedemmo all'articolo di quella. 

Belon fu i] primo che ne parlasse : Rondelezio e Salviano ne tacquero senza nostra 
meraviglia, perchè raramente apparisce nel Mediterraneo, quando al contrario comunìssi- 
ma nei mari del Nord fu distesamente descritta dal Willughby, e piìi diligentemente fi- 
gurata dal Klein. I sistematici sembrano concordi nel chiamarla Tr. Gurnardus_, perchè 
stimano che sia la Tr. Gurnardus di Linneo, mentre potrebbesi tuttavia credere che 
corrispondesse piuttosto alla di lui Tr. hirundo^ se l'una e l'altra non fossero una stessa. 

Giunge a dimensioni assai grandi misurando perfin due piedi. È più allungata di ogni 
altra Trigla: l'altezza del capo è men di un settimo della lunghezza totale, e la di lui 
lunghezza n*è un quarto: la larghezza uguaglia due terzi dell'altezza : la fronte è leg- 
germente curva e poco incavata; la distanza che corre fra un occhio e l'altro è conte- 
nuta più di cinque volte nella lunghezza del capo: il maggior diametro de' grandissimi 
occhi eccede il quarto della suddetta misura ; il muso ha il profilo poco declive forman- 
do col cranio un angolo molto aperto ; il suo apice è sensibilmente retuso nel mezzo, 
e porta a destra ed a sinistra tre o quattro punte spinose dirette all' innanzi, una delle 



/ 



TRIGLA GURNARDUS. 



quali è molto maggiore: i lati del capo son quasi Terticali: le strie di rilievo sono sottili 
essendo piccolissimi i granellini che le constituiscono : il centro della gran raggiera della 
lamina sottorbitale maggiore siede quasi in mezzo alla guancia: il lembo dell'orbita è 
anteriormente armato di due spinette rivolte all' indietro, inerme posteriormente. La la- 
mina soprascapolare termina in una spina poco sensibile e poco protratta all' indietro: la 
seconda delle due spine che difendono posteriormente l'opercolo è robusta, granulare, 
molto acuta, e ne costituisce la metà: le due che s'impiantano inferiormente sul margi- 
ne del preopercolo son quasi ugualmente corte: due o tre dentelli seguono la seconda, 
quindi un seno, e due o tre altri dentelli rivolti all'ingiù.-la lamina sopraumerale ovale- 
triangolare, granellosa, è attraversata da una carena che si continua in una spina robusta 
ed acuta, granellosa anch'essa, lunga un poco men di quel che resta del pezzo. Le pinne 
pettorali notabili per la brevità sono la quinta parte del pesce, e più corte del capo: le 
ventrali son poco più brevi delle pettorali, e portano il raggio spinoso men lungo un 
terzo del secondo de' ramosi. La dorsale anteriore ha 8 raggi tutti robusti, ma princi- 
palmente i tre 0 quattro primi, che son granellosi, ruvidi quindi in ciascuna faccia, 
assai meno però nei Gurnardi nostrali che in quelli dell' Oceano : il secondo raggio 
maggior di tutti sorpassa in altezza la parte sottopostagli del tronco. La dorsale poste- 
riore ha 2r raggi: l'anale ne ha 18. L'ano è un buon quarto più distante dall'apice 
della coda che da quello del muso. La caudale si contiene sei volte nell'intera lunghez- 
za del pesce. Piccolissime sono le scaglie, ovali, lisce, ed intiere: quelle che costituisco- 
no la linea laterale son più larghe, ugualmente attendate, e portano lungo il mezzo una 
piccola carena munita di dentelli ineguali. Le creste che fiancheggiano il solco dorsale 
in numero di 28 per lato- son molto basse, semiellittiche, prive affatto di punta, e coi 
margini leggermente seghettati. 

Color del capo e della parte superiore del tronco suol essere un cinereo-verdognolo 
spiccante ad un tratto dal bianco argenteo delia gola e delle parti inferiori; separato 
per lungo da simil bianco della linea laterale, e screziato ordinariamente nella superior 
porzione da macchiuzze bianche irregolari, piuttosto fitte, polimorfe,, talvolta evane- 
scenti. La dorsale anteriore mostra i colori del dorso, e non ha macchia scura, del qual 
colore è semplicemente bordeggiata. L'altra dorsale, le ventrali e l'anale sono della stes- 
sa ma assai più diluita tinta, coi raggi leggermente rigati di fosco. Le pettorali sono più 
cupe della prima dorsale, spezialmente nella pagina interna, punteggiate di bianco ; 
sono poi trasparenti verso il margine inferiore, ed hanno i raggi bianchi all'esterno. La 
caudale è più scura della pinna dorsale. Questi colori però variano, per dir così, da 
uno all'altro individuo, talché due difficilmente se ne rinvengono simili. Mutasi più o 
meno il color del dorso in verdastro, in olivastro, o in rossastro. Non è raro il vederne 
cinerei senza macchie, e perfin tutti rossi, i quali, spezialmente se la bordeggia tura fo- 
sca di lor pinna dorsale si ristringa in una circoscritta macchia, facilmente si confon- 
dono da superficiali osservatori con la nostra Tr. milvUs. 

Vive come quell'altro Capone in tutti i mari d'Europa; a differenza però di esso più 
che nel Mediterraneo abbonda nell' Oceano, penetrandone le parti settentrionali dall'al- 
tro non frequentate, ed è assolutamente rara lungo le spiagge d'Italia. Pescasi in copia 
lungo le Isole Britanniche, fra le Orcadi, nel Baltico e lungo la fredda Norvegia. Portasi 
in quantità sul mercato di Parigi, ove chiamasi Grondirij ^exchh grugnisce più delle altre 
Triglae. A Nizza chiamasi Grugmo: in Sicilia Tizieza. La sua carne è di qualità infe- 
riore, stopposa. 



TRIGLA CUCULUS 

CAPONE IMPERIALE 



TRIGLA trunco secus lineam lateralem inermem striis brevibus notato; squamìs mìnutis ci- 
liatis: dorsi cristis adunciSj integris : rostro superius modice declwij antice depresso 
truncatOj emarginato j utrinque spinoso-denticulato : pinnis pectoralibus corporis qua- 
drante brevioribus. i« ì:>. 9. 2'^«2?. i8. P. 10/3. 1/5. ^.16. C. 11. 

TRIGLA cuctji:,TjS5 Linn. Mus. Ad. Fred. II. p. gS. Id. Syst. Nat. I. p. 497. sp. 4. nec Auct. 

IBIGLA PINI, Bloch, HisU Poiss. tab. 355. Lacép. Hist. Nat. Poiss. FI- p- 43. sp. 7. Schneid. Bl. Syst. 

p. 14. sp. 7. Risso, Ichth. Nic. p. 206. sp. 4- 
TBiGLA, HinuNDO, Risso, Hist. Nat. III. p. 5g']. sp. Si^.nec Ichth. JSic. 
GUCDLUS, Bellori. Aquat. p. 204. 

rrcERKA sive cccDLUs Bellonii, Willughl. Ichth. tal. S. 5. 

TRIGtA tota ruljens, rostro parum Licorni, operculis branchiarum s\.tiz\Às, Arted. Gen, Pise. p. 1^5. sp."]. Id. 

Synon. p. 74. sp.'].{ exclusis plur. synon. ) 
BODGET, Belon, Nat. et Pourtr. Poiss. lib. i. p. 199- fig. in p. aoi. 
KODGET COMMUN, Cuv. Règn. Aititn. 2. ed. II. p. xSg. 

GBONDijf RO0GE, ou BO0GET COMMON de Paris, Cuv. et Valenc. Hist. Nat, Poiss, iy.p.26. 



Ije numerose strie verticali rilevate che porta questo pesce sui fianchi, le quali in- 
tersecano la linea laterale, ma non giungono ad accerchiare il corpo intiero, bastano a 
distinguerlo da ogni altra specie di Trigla finor conosciuta. 

Il Belon lo chiamò Cuculusj e nelF applicazione di quel nome fu seguito da Linneo, 
il quale l'adottò come specifico ; cosa che vedesi chiaramente dalla descrizione inserita 
nel Museo di Adolfo Federigo. Non appartengono però a questa specie nè il Cuculiis di 
Rondelet, nò quello di Salviano, nò quello di Bloch e del massimo numero degl'Ittiologi 
sistematici. 

Ordinariamente ha da sette a nove pollici di lunghezza : ma può giungere ad un 
piede e mezzo. L'altezza del capo è compresa in questa misura per sei volte e un quar- 
to, e per quattro e un quarto la lunghezza del medesimo: la larghezza è uguale all'al- 
tezza. La fronte fra gli occhi è alquanto declive, avvallata, larga un sesto della lun- 
ghezza dei capo. Il diametro trasversale delle orbite entra poco più di tre volte nella 
misura ora detta. Il profilo non è molto declive, ha il solito incavo nel mezzo, ed è 
piuttosto depresso all'apice, il quale è troncato trasversalmente, ed ha un picciolo angolo 
rientrante nel mezzo. A destra e a sinistra della smarginatura lo spigolo marginale porta 
circa sei dentelli spinosi, brevi, gì' intermedi di ciascun lato sensibilmente piìi grandi 
degli altri. I lati del capo s'allargano dall' alto scendendo al basso. Tutta la sua super- 
ficie è segnata molto regolarmente di strie e di scabrosità rilevate, il centro della gran 
raggiera delle guance è poco più distante dall' occhio che dal termine inferiore della la- 
mina sottorbitale. Il lembo superiore dell'orbita ha anteriormente tre spine acute yolte 

58 



TRIGLA CUGULQS. 



air indietro, la prima delle quali minore delle seguenti; posteriormente ha un sol den- 
tello appena percettibile. La cresta delle tempia è scabrosa, ma si eleva poco sensibil- 
mente al di sopra delle parti contigue. La lamina soprascapolare è lanceolata, e termina 
in una spina, che eccede di poco il termine posteriore dell'opercolo. La seconda delle 
due punte spinose dell'opercolo sporge per un breve tratto fuori del margine mem- 
branoso. Il preopercolo ha presso l'angolo inferiore due punte spinose, la prima assai 
più lunga dell' altra. La lamina sopraumerale ha la forma d' un triangolo, è più alta 
che lunga, e si protrae in una punta spinosa lunga quanto la metà della lamina stessa. 
La lunghezza delle pinne pettorali è compresa quattro volte e mezzo in quella del pe- 
sce intiero. Sette sono i raggi ramosi, e tre i semplici nella parte collegata dalla mem- 
brana. Il primo dei tre raggi liberi è un quarto più breve della pinna, e un poco più 
lungo delle ventrali. Assai forti sono i raggi della pinna dorsale anteriore, in numero di 
nove: il primo di questi è seghettato anteriormente, assai più breve del secondo, che è 
alto poco meno della porzione del tronco sottostante : al di là di questo i raggi susse- 
guenti decrescono a gradi. La dorsale posteriore è alta poco più della metà dell' an- 
teriore, ed ha i8 raggi: l'anale ne ha i6. L'ano s'apre un terzo più vicino alla punta 
del muso che all'estremità della coda. Le scaglie che veslono il corpo sono picciole, el- 
littiche, più lunghe che larghe, cigliose all'apice, ed hanno quattro o cinque intacca- 
ture ^lla base. La linea laterale è pochissimo elevata, sottile, inerme: la intersecano 
quasi ad angolo retto numerose strie rilevate parallele equidistanti, che salendo dalla 
parte superiore cessano prima di giungere a toccare le creste dorsali, e dalla parte 
inferiore, si estendono per altrettanto spazio, talché ne restano prive la schiena e la 
pancia. Fra una stria e l'altra si contano due file trasverse di scaglie. Le creste del dorso 
sono adunche, spinose, volte all' indietro, lisce di sopra. Ve n'ha 26 per lato. 

Il dorso è d'un color rosso tendente a quello del minio, misto di palombino fra le 
strie dei fianchi. Il capo superiormente è di tinta più lurida. Il disotto del capo e del 
tronco è bianco latteo, e il confine dei fianchi è periato. Le pinne pettorali sono rosse 
di minio, con la parte centrale della membrana cinereo-lurida sulla faccia anteriore, 
fosco-turchinastra sulla posteriore. I raggi liberi sono rosei. Le dorsali hanno una tinta 
rosea che volge a quella del minio, ma sparsa con poca uniformità. La posteriore è più 
smorta verso la base. Le ventrali sono carnee, oppur rosee. La caudale è rossa di minio, 
con la base pallida. 

E una delle specie più stimate del genere. Vive in tutt'i mari d'Europa, e si spar^ 
perfino nell'Atlantico Americano; ma sui nostri lidi è meno frequente che sù quelli 
dell' Oceano. Chiamasi a Roma Cappone imperialej in Toscana Gallinella imperiaUj a 
Venezia Anzoletto grande. 



'4 4 . ^• 



\ 



TRIGLA LINEATA 

CAPONE UBBRIACO 



TRIGLA trunco toto striis parallelis cincto; squamis minutis ciliatis ; linea laterali aciileata: 
crisiis dorsi aduncisj praeter primores integris : rostro superius declini j antice par ce 
depressOj rotundatOj emarginato j uirinque minute crenulato : pinnis pectoralibus corpo- 
ris triente brevioribus. />. io. D. i6. P. io/3. F. i/5. J. iS, Cu. 

TBiGLA LINEA.TA, Peltri. Brit. Zool. III. p. 236. sp. 5. Gmel. Syst. Nat. I. p. i345. sp. 12. Bloch, Hìst. 

Poiss. tab. 55^. Schneid. Bl. Syst.p. lò.àp. !\. N ardo,Prodr.Adr. Ichth.sp.']^. 
TRIGLA LASTOVIZA, Brunn. Spol. Mar. Adriat.p. 100. Id. Ichih. Massil. p.gg. sp. i3. Bonnal. in Tabi. 

Enc. Ichth. p. 147. sp. 11. Lacép. Hist.N at.Poiss. J^I. p. 38. sp. 5. Rajin. Ind. Iti. Sic. p. 28. sp. 100. 
TRIGLA ADRIATICA, Giììel. Syst. N cit. I . p. sp. i f\. Schncid. Bl. Syst. p. i5. sp. 12. Risso, Icitiìi. N ic. 

p.2o4.«p.2. Id. Hist. Nat. I II. p. og/i- sp. 5io. Naccari, lit.Adriat. p. l'j.sp. 6^. Martens, Beise 

nach, y^enedig. II. p. ^5o. tab. ii. 
MULLUS iMBERBis, Rotidcl. Pisc. I. lib. X. cap. \. p. 2g5. cum fig. Gesner, Aquat, IV. p- 667. Aldrov. 

Pisc.lib.ìi. cap. ii. p. i5i. cum fig. 
MDLLtJS IMBERBIS Rondeletii, potius cuculi s[>ecìes, TVillughb. Ichthyogr. lib. ìv. cap. ■\iì. §. i.p.2'^S. tab. S, i . fig. i. 

Bay, Syriops. Pisc.p.è']. sp. 1. 
CUCOLDS LINEATDS, Bay, Synops. Pisc.p. ì65. sp. 1 1 . tab. 2. fig. 1 1 . 
GKONDIN TETARD, OU EÉC ARD, jDli AflmeZ, Pèdi. Sect. t!. lab- S.fig. 5. 

BOUGET CAMARn, Ciw. Règn. Arìim. 2. ed. II. p- iSg, Cuv. et V alene. Hist. N at.Poiss. IV- p- 34* 

STREAKED GORNARD, Bay, locO citato. 

-N'iuna delle nostre Trìglae ha come questa il tronco tutto accerchiato da strie pa- 
rallele rilevate, e perciò con niun' altra si può essa confondere. Artedi e Linneo non la 
registrarono. Ray l'aveva chiamata Cuculus lineaius; quindi Pennant e Gmelin desun- 
sero il nome che le diedero di Trigla lineata. Ad altri ittiologi deve le appellazioni spe- 
cifiche lastoviza e adriaticaj le quali per buona sorte non furono mai trasferite ad altre 
specie congeneri. Affatto piana pertanto è la sua sinonimia. Dalla figura e dalla descri- 
zione che ne diamo si vedrà quanto poco differiscono da quelli dell'Oceano gli esem- 
plari del nostro mare; cosa sulla quale il Cuvier emise pur qualche dubbio. 

Ha circa sei o sette pollici di lunghezza, ma talvolta giunge ad oltrepassare un piede. 
L'altezza del capo è contenuta quasi sei volte in questa misura, la lunghezza quattro 
volte e mezzo; la larghezza otto volte. La distanza che passa fra un'occhio e l'altro è 
minore della quarta parte della lunghezza elei capo. Il diametro maggiore delle orbite 
corrisponde alla misura ora accennala. La fronte è inclinata all' innanzi e il profilo del 
muso è molto declive, poco incavalo, tondeggiante trasversalmente all'apice, il quale è 
poco depresso, ha nel mezzo un picciolo angolo rientrante, e di qua e di là poche e 
brevissime intaccature. I lati del capo sono quasi verticali, e non v'ha spigolo marginale 
prominente. Le strie e le scabrosità graniformi delia sua superficie sono poco elevate, 
ma regolari. Il centro della gran raggiera delle guance è più vicino all' occhio che al 

58* 



V 



TRIGLA LINEATA. 



marame Inferiore della lamina sottorbitale. La parte anteriore del lembo superiore del- 
l'orbita porta tre spine acute volte all' indietro, la prima delle quali è minore delle se- 
guenti e talvolta appena cospicua : la parte posteriore ha un sol dentello spinoso poco 
elevato. La cresta temporale superiormente è scabrosa. La lamina soprascapolare è lan- 
ceolata, e termina in una spina che s' inoltra poco più indietro del termine posteriore 
dell' opercolo. La seconda delle punte dell' opercolo emerge per un breve tratto fuori 
del margine membranoso. Delle due punte del preopercolo la prima è spinosa, la se- 
conda plcciola, appena cospicua. La bocca ha il taglio assai breve. La lamina sopraume- 
rale è conformata a guisa di triangolo quasi ugualmente alto che lungo, e si protrae in 
una punta spinosa, un quarto più breve della lamina stessa. La lunghezza delle pinne 
pettorali è varia, restando compresa nella lunghezza totale del pesce da tre volte a tre 
volte e mezzo. Ha questa pinna 7 raggi ramosi e tre semplici, oltre i tre liberi, il pri- 
mo dei quali è un terzo più breve di tutta la pinna, ed è superato appena dalla lun- 
ghezza delle ventrali. La pinna dorsale anteriore ha 10 raggi, il secondo e il terzo uguali 
fra loro, alti un quarto meno della porzione di tronco sottostante : di questi raggi il pri- 
mo è sernpre scabro anteriormente, e talvolta anche il secondo. La dorsale posteriore è 
alta un quarto meno dell'anteriore, ed ha 16 raggi. L'anale ne ha i5. L'ano è un quarto 
più distante dall' estremità della coda che da quella del muso. Le scaglie che vestono il 
tronco sono più lunghe che larghe, rettangolari, cigliose anteriormente, ed hanno circa 
tre intaccature profonde alla base: quelle della linea laterale sono maggiori del dop- 
pio, e portano una cresta longitudinale con due 0 tre brevi punte disuguali acute volte 
all' indietro. Ad ogni scaglia della linea laterale corrisponde una delle strie rilevate pa- 
rallele, che partendo da esse ad angolo quasi retto di sopra salgono imo alla cresta dor- 
sale, di sotto giungono fino alla carena ventrale, talché accerchiano il tronco intiero. 
Solo ne è libera la porzione di ventre che cuopre i visceri addominali. Le creste del 
dorso sono triangolari con le punte spinose volte all'indietro, intiere superiormente, al- 
l'eccezione delle due o tre prime, che sono alquanto scabrose: ve n'ha venticinque per fila. 

Sul dorso e sulla parte superiore e laterale del capo domina una tinta rossa di mi- 
nio vivace, qua e là annebbiata di color cinereo, o interrotta da spazj più chiari. La 
parte inferiore è lattea, ma prende una tinta di minio accesa sotto al muso e ai lati 
del petto, e un bel color roseo sui fianchi e nel tratto posteriore all'ano: le strie ri- 
levate spesso sono imbrattate di colore più sordido. Le pinne pettorali sono cinereo-tur- 
chinastre sulla faccia anteriore, con macchie irregolari rosso brune disposte a fasce; 
posteriormente sono azzurro-nerastre interrotte da fasce assai larghe, rosso brune. La 
parte che corrisponde ai tre raggi semplici è tutta rossa, e rossi sono i raggi liberi, 
ma con alcuni anelli di color chiaro. Le ventrali sono rosse. Le due dorsali sono di 
color di minio, con molti spazj chiari sparsi irregolarmente sull'anteriore: nella po- 
steriore il colore intenso forma quasi due strisce longitudinali. L'anale è d'un roseo 
sbiadato. La caudale è rossa di minio con la base più pallida, e spesso con una striscia 
verticale nereggiante nel mezzo. 

Vive nel Mediterraneo ugualmente che nell' Atlantico Europeo ed Africano : sulle 
nostre sponde è frequente, e anche più su quelle dell' Adriatico. La sua carne ha poco 
pregio. I Toscani chiamano questo pesce Corri-corri^ o UbbriacOj senza dubbio per ra- 
gione del suo color rosso acceso: i Liguri Ubbriagon; i Nizzardi Belugan^ i Romani 
Cappone Corre-corre^ i Napoletani Curro-curro^ i Siciliani Pesce Papa^ i Romagnuoli 
Anzoletto turcoj e i Veneti Anzoletto muso-duro. 



3. 






'\\ W \ \ ^ ^ 




PLEURONECTES MACROLEPIDOTUS 

SUACIA COMUNE 



PLEUJRONECTES omto-oMongus griseo-cameus pdluciduSj, squamis magnis deciduis : dentibus 
mlidiusculis: oculis mediocribuSj inferiore retroposito: pinnis immaculatis. 
D. 66. J. 46. P, 10. r. 6. C. 17. 

PLEur.ONECTES MACROLEPiDOTUS, Bloch. Hist. Pisc. ^/.p.25. tal. igo. (pro parte et esclusa patria.) Schneid. 

Bloch Syst.p.i56.sp. 25. Lacep. Hist. Poiss. iy.p.&S6. (exelusa patria.) Bonn, in Tabi. Enc. Ichth. 

p. 68. sp. 28. tab. go.Jig, 376. Delaroche, Mem. Poiss. Ivia.in Ann.Mus. H. NaUXIII.p.oB5. 
PLEUEONECTES CITHA.RDS, Spinala in Ann. Mus. H. Nat. X. p. 166. 

HippoGLOSsus MACEOLEPiDOTus, Cuv. Regn, Aniiu.. II. p. 221. in noia. Id. Jhid. 2. edit. II. p. 34o. 
HiPPOGLOSSus ciTHARus, Risso^ Hist.Nnt. III. p. 146. 5p. i34. 
PLEURONECTES SOLEA var. Pataracchìa, Naccari, Ichth. Adr. p. 11,5^.29. 
SOLEA ciTHARA, Rafin. Ind. Itt. Sic. sp. 49- et Append. sp. a, 

CiTHAEDS, Randel. Pisci, lib. xi. cap. t. p.5i^. Gesn. Aquat. Uh. iiii. p. 127. eumjìg, Id. Icon. Aquat. 
p.97. Aldrosf. Pisc. Hi. li. cap. xliv. p. 240. Janst. Hist^Piso. II, lib. i, tit. 1. cap. il. art. ii. punct. ii. 
^ p. 59, ao.Jig, 14. 
EECTEN, Gesn. le. Aquat. p. 97, 

SOLEA, squamis rliomljoiilalibus magnis, lingua soluta; dentitiua senatisj Klein. Histk Pisc^ Miss. IV. fase. in. 
art. XV. p. 32. sp. 6. 

PLEURONECTE A GRANDES ÉCAILLES, Delaroche, loCO cilatO. 

SOLE A GRANDES ÉcAiLLES, Bonnat. loco citato. 

FLÉTAN MACROLEPIDOTE, Risso^ locO citato. 

!Fra tutti gli Animali vertebrati que' Pesci che costituiscono la famiglia detta da 
noi PleuronectidcB_, Heterosomi dal Dumeril, e Diprosopa dal Latreille sono i soli la cui 
conformazione si sottragga alla comune legge della simmetria nel collocamento de- 
gli organi doppj. Ambedue gli occhi posti dallo stesso lato del capo, la parte destra 
del corpo tinta d'un colore diverso da quello della sinistra danno a tali esseri una 
fisonomia propria e strana del tutto. Quanto curiosi per l'aspetto, altrettanto impor- 
tanti sono questi Pesci per l'uso che si fa universalmente della lor carne, che sommini- 
stra un'alimento molto sano, e per lo più di sapore squisito. ISon poche specie appar- 
tenenti a questa famiglia popolano i mari d'Italia, e di tutte è nostro proposito offrire 
le figure e le descrizioni, perchè ci sembra scorgere che su tale argomento regni 
molta oscurità presso gli autori. 

I Pleuronectidi spettano all'ordine dei Pesci Ossei Malacopterigiij e restano compresi 
nella tribù dei Subbrachianij ognuna delle famiglie dei quali si fa distinguere a colpo 
d'occhio per un'aspetto particolare. 

II lor capo è picciolo, compresso, scaglioso, la fronte e la nuca sono carenate. Ma- 
scelle disuguali, non protrattili. Lingua liscia, appena papillosa, strettissima, immobile. 
Palato angustissimo. Occhi situati ambedue dal lato sinistro, oppure dal lato destro del 
capo, ellittici, che vengono coperti totalmente dalla membrana nictitante. Aperture 

22 



PLEURONECTES MACROLEPIDOTUS. 



branchiali laterali, picciole, arcuate, operculate. Operculi flessibili, scagliosi, formati 
di tre pezzi, col margine coriaceo, senza dentelli. Membrana branchiostega medio- 
cre, con raggi il cui numero yaria da quattro a sette, per lo più è di sei. Branchie 
vicine fra loro, quasi uguali^ le tre anteriori internamente fornite d'una serie di tu- 
bercoli. Corpo compresso in guisa che l'altezza supera di gran lunga la grossezza^ 
col dorso e col ventre carenati, arcuati, di color pallido dal lato privo d'occhi. Ano 
pettorale, picciolo, collocato dietro le ventrali, per lo piìi sul margine del lato opposto 
agli occhi. Pinna dorsale che regna senz' interruzione lungo tutto il dorso. Pinne pet- 
torali quasi medie, spesse volte disuguali, picciole, o anche mancanti. Pinne ventrali 
contigue, toccanti l'ano, picciole, non di rado connate alla base. Pinna anale lon- 
gitudinale, protratta fino alla coda. Pinna caudale quasi sempre sciolta, ottusa, picciola. 

Il cranio è composto degli stessi pezzi che costituiscono quello degli altri Pesci, ma 
disposti fuori di simmetria e disuguali. Il restante dello scheletro partecipa di questa 
irregolarità, ed è torto notabilmente nel tratto prossimo al capo. Le costole sono brevi 
oltremodo. Il cervello è picciolissimo. La cavità addominale è angusta, ma si prolunga a 
guisa di seno nella spessezza dei lati della coda per dar posto a qualche porzione delle 
viscere, e segnatamente agli organi della generazione. La vescica notatoja manca del tut- 
to. Il lato colorato e che porta ambedue gli occhi suol essere il sinistro: vi sono specie 
in cui all'opposto è colorata e fornita d'occhi la parte destra:, ma s'incontrano esem- 
plari dell'una e dell'altra categoria in cui i colori e gli occhi sono distribuiti a rove- 
scio, e questi meritano d'esser chiamati Pesci travolti. Qualche volta mentre gli occhi 
stanno dalla parte normale, ambedue i lati sono tinti di colore intenso, e allora suol 
dirsi che il Pesce è duplicato. Assai più raro è il caso che manchi il colore tanto a 
destra quanto a sinistra. Del rimanente le tinte ordinarie di questi Pesci si modificano 
a tenore del luogo in cui vivono anche temporaneamente. Stando sopra un fondo fan- 
goso sogliono essere più nerastri ; quando vivono fra le alghe assumono macchie più o 
men risentite, e divengono più pallidi se dimorano in acque più chiare. Risalendo i 
fiumi, come fanno per l'appunto alcune specie in particolari latitudini, smarriscono i 
colori, e la lor carne diviene insipida. 

Sia che rimangano fermi, sia che nuotino, i Pleumnectidi portano il lato più scuro 
di sopra, di sotto il più pallido, e la lor coda si mantiene nella giacitura di quella dei 
Cetacei. Quindi avviene che ajutati dall' estese pinne dorsale ed anale, in luogo di nuo- 
tare alla guisa degli altri Pesci guizzano orizontalmente, e percuotendo l'acqua dal- 
l'alto al basso con la pinna caudale, salgono e scendono con somma rapidità: non 
possono però volgersi a dritta e a manca con eguale destrezza, poco giovando loro 
le corte pinne pettorali e ventrali. Il difetto del notatolo gli obbliga a far dimora sul 
fondo del mare; e perchè ivi la temperatura è presso che uguale, siffatti Pesci so- 
no sparsi pei lidi delle varie latitudini dal polo fino all'equatore. Strisciano sul fango 
imprimendovi solchi, e si seppelliscono nell'arena per tendere insidie alle prede o per 
salvarsi da qualche temuto nemico. Tuttoché abbiano un'apertura di bocca piuttosto 
angusta sono assai voraci. Si cibano d'altri Pesci più deboli, di Crostacei e d'altri Ani- 
mali marini. Le specie più grosse giungono perfino a mutilarsi reciprocamente. Di pri- 
mavera depongono le uova in prossimità della spiaggia. 

Tutta la famiglia potrà considerarsi come divisa in due categorie. Nella prima, cui si 
darà il nome di Pleuronectini^ saranno compresi tutt'i Pleuronectidi in cui la mascella 



PLEURONEGTES MAGROLEPIDOTUS. 

più lunga è l'inferiore ; la seconda, cui potrà darsi il nome di Soleini^ conterrà quelli in 
cui la più lunga è la superiore. E questi caratteri ne portan seco altri molti. Infatti i 
Pleuronectini h^nno gli occhi grandi; una coppia di narici a destra, l'altra a sinistra: 
i pezzi operculari distinti: le pinne pettorali bene sviluppate: le scaglie prive di gambo: 
la linea laterale piegata ad arco nel tratto anteriore. I Soleini invece hanno gli occhi 
piccioli; le narici unilaterali: il preoperculo non distinto dall' operculo: le pinne petto- 
rali poco sviluppate e perfino mancanti: le scaglie prolungate alla base in una lami- 
netta lineare che fa uffizio di gambo: la linea laterale retta. 

In sei generi merita a nostro giudizio d'esser ripartita l'intiera famiglia, e questi di- 
remo Platessa^ Hippogìossus^ PleuronecteSj RhomhuSj, Solea^ Plagusia; ì primi quattro 
costituiscono i nostri Pleurone clini j, i rimanenti formano la sottofamiglia dei Soleini. Da- 
remo fin d'ora un prospetto compendioso delle condizioni che li caratterizzano. 

Il genere Pìatesm ha una serie di denti taglienti ottusi in ambedue le mascelle, e 
quasi sempre denti emisferici sulle ossa faringee. La pinna dorsale anteriormente s'innol- 
tra soltanto al di sopra dell'occhio superiore, posteriormente tanto essa dorsale quanto 
l'anale hanno termine un buon tratto prima dell'inserzione della caudale, e lasciano un' 
intervallo nudo sopra e sotto alla radice della coda. La forma di questi Pesci è ovato- 
romboidea. 

Hippoglossus ha denti forti ed acuti tanto in ambedue le mascelle quanto sulle 
c^sa faringee. Le pimie si estendono al modo stesso che nel genere Platessa. Il corpo ge- 
neralmente è di forma alquanto più allungata. Le scaglie sono affatto aderenti al corpo. 

Il nostro genere Pleuronectea ha i denti mascellari e i faringei tutti acuti. La pinna 
dorsale ha origine al di sopra degli occhi, oppure più innanzi; tanto essa, quanto l'anale 
si prolungano fino alla coda. Il corpo è ovato-oblungo quasi scolorato da ambedue i 
lati, pellucido. Le scaglie grandi, caduche. L'ano s'apre nella carena del ventre. 

Il genere Rhombus porta sulle mascelle e sulle ossa faringee denti minuti , fitti. La 
pinna dorsale ha origine presso il margine della mascella, ed ugualmente che l'anale 
scorre fin presso alla caudale. 11 corpo è altissimo, d'una circoscrizione ovata quasi or- 
bicolare, col lato sinistro intensamente colorato: le scaglie sono picciole, pressoché ro- 
tondate. L'ano per lo più è laterale. 

Il genere Solea ha la bocca fuori di simmetria, col taglio piegato ad arco alF ingiù, 
più curvo e più esteso dalla parte opposta agli occhi, e da quel lato soltanto fornita 
di denti fitti, sottilissimi. La pinna dorsale ha origine al di sopra della bocca : tanto essa 
quanto l'anale scorrono fino all' origine della caudale, e talvolta sono con essa continue. 
La circoscrizione del corpo è ellittico-oblunga, col muso attendato; il lato in cui sono 
gli occhi è intensamente colorato. Le scaglie sono tenacemente aderenti. 

La Plagusia finalmente ha il taglio della bocca simmetrico, quasi retto, e ha denti 
sottilissimi dall' uno e dall' altro lato. La pinna dorsale e l'anale si congiungono poste- 
riormente e si continuano con la caudale. Il corpo è molto allungato, poco colorato, 
pellucido. Le scaglie sono decidue. 

I Pesci effigiati nella tavola qui unita, e che presso gli autori si trovano dissemi- 
nati fra gVlIippoglossij. ì Ehombi e perfino fra le Solecej appartengono al terzo dei generi 
mentovati. Quantunque da noi novellamente circoscritto ci è giovato applicargli un nome 
antico, anzi il più solenne che sia stato attribuito dagli autori ai Pesci dell'intiera fami- 

2,a* 



I 

PLEURONECTES MACROLEPIDOTUS. 



glia. Oltre le già accennate, le condizioni comuni a tutte le specie sono. Capo piuttosto 
acuto senza tubercoli o cirri, privo di papille piliformi, con la mascella inferiore assai 
più lunga della superiore, lo clie è notaJDile massimamente mentre la bocca sta aperta. 
Bocca obliqua, fessa profondamente, ampia. Lingua piuttosto libera. Occhi collocati dal 
lato sinistro, vicini fra loro, coli' intervallo frapposto rilevato a guisa di carena. Narici 
grandi; la coppia del lato destro collocata molto più in alto. Preoperculo assai distinto. 
Scaglie grandi, sottili, trasparenti, lisce, sotto la lente segnate di strie concentriche, quasi 
rotondate, oscuramente crenate, superficiali, caduche. Linea laterale da ambedue le parti 
piegata ad arco nel terzo anteriore, nel rimanente retta e media. Pinna anale libera, ro- 
tondata. Pinne pettorali bene sviluppate. Ventrali libere, quasi simmetriche, con due pie- 
ciole spine collocate innanzi all'ano più o meno visibili all'esterno. Questi Pesci si trat- 
tengono quasi sempre nei cupi fondi fangosi. Le femmine sono notabilmente feconde. 

Lungi dall' appartenere a diversi generi le nostre tre specie sono talmente simili che 
d^ifficil cosa riesce il distinguerle. Per trovare i caratteri differenziali conviene attendere 
principalmente alla circoscrizione del corpo, alla grandezza degli occhi, alla loro posi- 
zione relativa, alle macchie delle pinne, e alla grandezza e direzione delle spine ventrali. 

'Nel Pleuronectes maci-olepidotus il corpo è ovale-allungato: il muso piuttosto acuto: 
gli occhi sono grandetti, Imferiore posto più indietro del superiore: i denti validi in 
paragone di quelli delle specie congeneri. Le pinne non hanno macchie; la dorsale ha 
origine immediatamente al di sopra del lembo anteriore dell' occhio superiore, e tanto 
essa quanto l'anale lasciano un tratto scoperto alla radice della coda lungo quanta 
due terzi dei raggi laterali. L'ano s'apre più indietro dell'origine delle pettorali: le 
due spine collocate innanzi ad esso sono rivolte all' indietro e poco cospicue. La pinna 
caudale è cuneato-rotondata. 

L'altezza è contenuta più di tre volte nella lunghezza del Pesce compresa la coda : 
il capo è lungo quasi quanto la quarta parte del corpo. La bocca è fessa fino al di sotto 
degli occhi; il suo taglio corrisponde a un terzo della lunghezza del capo: il mascellare 
è quasi il doppio più largo all'apice che alla base: il diametro delle orbite è uguale alla 
distanza fra l'occhio inferiore e la punta della mascella di sopra. Le scaglie tanto in 
lunghezza quanto in larghezza sono anche maggiori del semidiametro delle orbite. La 
pettorale sinistra è lunga quanto la distanza fra la sua base e l'occhio inferiore : la petto- 
rale destra è minore d'un quinto. La ventrale destra situata più indietro è lunga quanto 
i raggi maggiori della pinna anale e della dorsale, la sinistra è appena più breve. La 
caudale è contenuta cinque volte e mezzo nella lunghezza totale. Il colore del lato 
destro è un cinero-carneo, quello del lato sinistro è un bianco di latte. 

L'individuo che abbiamo fatto effigiare non è dei grandi. I maggiori giungono quasi 
alla lunghezza di un piede. 

Il suo nome volgare a Roma è Suacia o Suacia comune^ presso i Genovesi Suasa. I 
Toscani lo dicono Passera. In Sicilia chiamasi Cantina_, nel Veneziano Pataracchia. La 
sua carne è mediocre. 

Non esitiamo a riconoscere in questo il Citharus e il Pecten degli antichi, che fu 
omesso dal Linneo. Quantunque il nome sistematico macrolepidotus possa esser contro- 
verso, seguitiamo il Guvier nella sua applicazione e lo diamo a questa specie, serban- 
do l'appellazione di Pleuronectes Aramaca al pesce Brasiliano confuso con questo dal 
Bloch, perchè esso è appunto \ Aramaca del Marcgrave. . ; 



PLEURONECTES BOSCII 

SUACL4. FRANCESE 



PLEVRONECTES ovatos gHseo-carneus pelltLcidus^squamis mediocribus deciduis: dentihus mi- 
nutissimis: oculis maximisj altero alteri supposito: pinna dorsali et anali posterius ma- 
cula gemina nigra. J). 82. 68. P. 10. F. 6. C. 17. 

PLEnBONECTES BOSCII, Risso, Ichth, Nic, p. 5ig. sp. v5. tab, "J. fig. 33. 

HiPPOGiossus BOSCII, Cuv. Regn. Anim. I. p. 221. in nota. Risso, Hist. Nat. III. p. 346. sp. i35. 
KHOMBUS BOSCII, Cuv. Regìi. Anim. 2. edit. II. p. aa. in nota. 

PLEBBONECTET DOSCIEN, RisSO, Ichth. locO citatO. 

FLÉTAN DE Bosc, Risso^ Hi&i. Nat. loco citato. \ 



Di questo Pesce non sì trova alcuna traccia presso gli autori antichi. Il Signor 
Risso che lo fece conoscere pel primo c'insegna, che a Nizza gii vien ciato il nome 
di Pampaloti comune al Pleuronectes macrolepidotus. \ Pescivendoli di Roma lo sogliono 
riconoscere sotto il nome di Suacia francese. Pare che i Genovesi lo chiamino Pataccon. 
La sua carne è leggerissima e piuttosto delicata. Quantunque non sia un pesce nobile, 
pure non manca di pregio, massimamente se è grosso. 

Le due macchie nerissime che porta sulla pinna dorsale e sull'anale, gli occhi 
stragrandi collocati uno verticalmente al di sopra dell'altro sono i caratteri che di- 
stinguono a prima vista dalle altre nostrali questa specie dì Pleuronectes. 

Per tutta la stagione in cui lungo le nostre spiagge pescano le Paranze, cioè durante 
l'inverno, la Suacia Francese si porta a vendere copiosamente in Roma; non è però al- 
trettanto comune quanto il Pleuronectes macrolepidotus, nè quanto YJrnoglossus. L'ab- 
biamo osservata nella pescheria di Firenze, e ci è stata mandata dalle spiagge del Pice- 
no. Da Venezia finora non l'abbiamo ottenuta mai, nè ci è riuscito di riconoscerla in 
alcuno dei Pleuroneciidi della Sicilia registrati dal Rafinesque. 

Il Signor Risso collocò questo Pesce fra ^Hippoglossi forse per non separarlo dal 
PI macrolepidotus suo affine, che trovò posto in quel genere. Ma se pei denti piuttosto 
validi e per la forma allungata il macrolepidotus somiglia a^VHippoglossi, il Boscii in 
cui mancano siffatti caratteri ha un'analogia più stretta coi Rhombi; e con questi per 
l'appunto piacque al Cuvier d'associarlo nella seconda edizione del Règne Ànimal. 

La circoscrizione à^ìPl. Boscii Pesce è ovale: l'altezza è contenuta men di tre volte 
nella lunghezza. Il capo è lungo poco più della quarta parte dell'animale e non è molto 
acuto : il taglio della bocca è men d'un terzo della lunghezza del capo : il mascellare 
è poco più largo inferiormente che superiormente: i denti sono tutti minutissimi. L'oc- 
chio inferiore è situato appena un poco più all' indietro del superiore: il diametro delle 
orbite comprende quattro quinti della distanza che corre fra l'occhio inferiore e l'apice 



PLEURONEGTES BOSCII. 



della mascella. Tanto in lunghezza quanto in larghezza le scaglie sono cinque o sei vol- 
te minori del diametro delle orbite. La dorsale ha origine un qualche tratto avanti all'oc- 
chio superiore, e tanto essa quanto l'anale lasciano una porzione scoperta sulla radice 
della coda estesa quanto i raggi laterali. La pettorale sinistra ripiegata giungerebbe a toc- 
car l'occhio di sotto: la destra è quasi minore della metà. Le ventrali sono due terzi 
più brevi dei raggi maggiori della dorsale e dell'anale. Non si vede sporgere alcuna 
spina innanzi all'ano, il quale s'apre anteriormente all'origine delle pettorali. La cau- 
dale è leggermente rotondata, ed è contenuta cinque volte e mezzo nella lunghezza 
del corpo. 

Il lato sinistro è cinereo-carneo, il destro è latteo. Tanto l'anale quanto la dorsale 
verso la parte posteriore portano due belle macchie nere cangianti, rotondate, ciascuna 
delle quali occupa lo spazio frapposto a quattro raggi: verso la metà le stesse pinne 
hanno due altre macchie fosche leggermente accennate^ e talvolta appena visibili. 



PLEURONECTES ARNOGLOSSUS 

SUACIA CIANCHETTA 



nEURONECTES omtus griseo-earneus pelìuciduSj^squamis maximis deciduis: dentibus minutis: 
oculis parvisj superiore retroposito: pinnis immaculatis: spina ante anum gemina valida 
deorsum porrecta. D. 88. A. 68. P. 6. i o. C. 1 7. 

rtEtjRONECTEs AnNOGLOssus, Schneid. Blocli Syst. p. 157. sp. 28, 

PLEDEONECTES LEOTARDI, HisSO, Ichth. Nic. p. 3l8. Sp. 

EHOMBTJS NUDOS, Risso, Hist. Nat. III.p. 25i. sp. 141. Cuv.Regn. Aniin.i.edit.II.p. 5/^-2. Cloquet 

in Dict. Se. Nat. XLIX. p. iig. 
SOLEA AENOGLOssA? Rufin. Ind. Itt. Sic. sp. 5.1. etApp. sp. 8. 

PLEURONECTES PELLUCiDUS, Nardo, Osserv. Ichth. Adr. in Giorn. Bntgnat. Id.Frodr. Adr. Ichth. sp. i34. 
ARNOGLOSSDS, Rondel. Pise. I. Ub. xi. eap. xiui.p.52^. sum fig. Aldrov. Pise. Uè. ii. cap. %\in. p,25']. cum Jìg. 

Jonst. Hist. Pise. II, lib. i. tit. i. cap. iL art. ii. punct..ì. p. 58. 
ARNOGLOSSDS Yel SOLEA LjEVis, Gcsìi. Aquat, lib. iy. p. 66S. cum /ig.. 
PERPEiRE, Duham. Pech. III. Sect. ix. p. aSg. tab. ì.fig^S. 
5EURB0T Ko, Risso, HisL. Nat. loco citatOi 



È comune questa specie in tntt'i mari dell'Italia. La turba dei Pescatori Ro- 
mani suol confonderla con le altre congeneri sotto il nome di Suacia: ma i Pesci- 
vendoli più esperti la distinguono con l'aggiunto di cianchetta o col particolar yocabolo 
di Tacchia. Lungo i lidi del Piceno dicesi pure Cianchetta semplicemente, e a Venezia 
Sanchetto. Il Rafinesque asserisce die in Sicilia ha rappellazione di Linguata liscia ^ ma 
è yerosimile che questo nome spetti indistintamente a tutti questi Pleuronetti a squame 
decidue. La sua carne è molle, e non è punto stimata. 

Ha i denti minuti, gli occhi piccioli, l'inferiore collocato più alF innanzi del superio- 
re, le pinne senza macchie, il corpo poco allungato. Tutte queste particolarità sono suf- 
ficientemente ben indicate nella figura che dà il Rondelet del suo Jrnoglossus^ e perciò 
abbiamo creduto necessario riferire quel sinonimo e adottare il nome specifico dello 
Schneider. È mirabile però che tanto al Rondelet quanto a tutti gli altri autori che 
hanno descritto questo pesce sia sfuggito un carattere che è più singolare d'ogni altro, 
quello cioè della spina doppia collocata avanti l'ano assai grande e sporgente all' ingiù. 
Linneo non conobhe questa specie e- non riferì ad alcuna delle sue YJrnoglossus del Ron- 
delet. Il Signor Risso e il Guvier la collocarono nel genere Rhombus e la dissero Rhombm 
nudus; nome per verità poco opportuno, perchè il corpo non è nudo, ma bensì vestito di 
scaglie sottili e fugacissime. Questa specie è il Fleiiix^necies pellueidus del Signor Nardo, 
ma sospettiamo che sotto quel nome egli abbia confuso altresì il PI. macrolepidotus^ che 
pure abita nel mar di Venezia, e ch'egli non riporta separatamente. Infatti i nomi vol- 
gari Pataracchia e Sanchetto ch'egli attribuisce al suo pellueidus, secondo le informazioni 
che ci sono state comunicate da persone espertissime, sono riferibili a due diversi oggetti 



PREURONECTES ARNOGLOSSUS. 

presso 1 pescatori Veneti, tuttoché presi forse talvolta uno per l'altro. Inoltre ci sembra 
poco probabile che il PI. Jrnoglossus acquisti la mole a cui il Signor Nardo dice che 
può giungere il suo PI. pellucidus^ e la quale non sarebbe strana affatto negli esemplari 
del macrolepidotus oppure in quelli A.q\Boscìì. 

L'individuo da noi effigiato è uno dei più grandi che abbiamo osservati. 

La circoscrizione del Pleuronectes Jrnoglossus è ovata; la sua altezza è contenuta 
poco più di due volte e mezzo nella lunghezza: il capo occupa la quarta parte di tutto il 
pesce ed è poco acuto : la bocca è tagliata molto obliquamente, e scorre fino al di sotto 
del lembo anteriore dell'occhio: il suo taglio è men d'un terzo della lunghezza del 
capo: il mascellare è quasi lineare: i denti sono sottili, ma non quanto quelli del 
Pleuronectes Boscii. Gli occhi sono assai piccioli, l'inferiore posto più innanzi del su- 
periore : il diametro delle orbite comprende tre quarti dello spazio che corre fra l'infe- 
riore e la punta della mascella. Le scaglie hanno il diametro di circa due terzi delle or- 
bite. La dorsale ha origine al di sopra del punto medio fra l'occhio superiore e l'apice 
della mascella, e tanto essa quanto l'anale lasciano un tratto nudo appena sensibile 
alla radice della coda. La pettorale sinistra è lunga quanto i due terzi della distanza 
che corre fra la base di essa e l'occhio inferiore; la destra è appena più breve. Le ven- 
trali hanno due terzi, dell'altezza dei raggi maggiori delle pinne verticali; dietro ognuna 
di esse sorge una spina dura, ossea, compressa, valida, appena quattro volte più breve 
dei raggi maggiori della ventrale stessa. L'ano s'apre più innanzi dell'origine delle pet- 
torali. La caudale è fortemente rotondata, ed ha appena la sesta parte della lunghezza 
del corpo. 

Il colore è un cinereo-carneo dal lato sinistro, dal destro è un bianco-latteo non 
dissimile da quello delle altre specie: tutta la porzione corrispondente al ventre è tinta 
di turchinastro, perchè traspajono le intestina anche più che nei congeneri. Non vi sono 
macchie sulle pinncì. 



ì 



PLEURONECTES GROHMANNI 

SUxiCIA DEL GROHMANN 



PLEURONÉCTES ovatus griseo-fuscescens nehulosuSy squamis majusculis decidiiis : ore parvo ^ 
dentibus miimtissimis : oculis mediocribuSj superiore retroposito : radio secimdo pinnae 
dorsalis valde eloiigato. D, 80. P. 10. 6. J. 52. C, 19. 

Il color fosco onde il corpo è poco o nulla pellucido, il prolungamento del se- 
condo raggio della pinna dorsale, e la bocca assai più piccola sono caratteri apparenti 
e\SOstanziali, pe' quali a prima yista si distingue questa dalle altre Suacie [Pleuronectes,, 
Nob.), e si avvicina ad altri generi della sua famiglia. Noi l'abbiamo dalla sola Sicilia; 
ed ignorandone qualunque appellazione vernacola, e non trovandola accennata daverun 
autore antico o moderno, l'abbiamo dedicata al veramente indefesso e ben conosciuto 
Signor Francesco Grohmann raccoglitore Boemo, il quale unitamente a molti altri og- 
getti siculi ce r ha mandata. Maggiore assai di questo piccolo guiderdone si è il de- 
bito che abbiam verso di lui per le belle cose onde spesso arricchisce il nostro Museo. 

La figura del Pesce è quasi perfettamente ovale, molto meno attenuata posterior- 
mente di quelle dei congeneri, somigliando in ciò sl Rhombij non meno che nella pic^- 
cola bocca e ne' denti minuti. La sua maggiore altezza, che trovasi quasi a due quinti 
della lunghezza totale, si comprende in essa tre volte, e la grossezza misura un set- 
timo di essa altezza. Il capo poco acuto non giunge alla quarta parte di tutto il pesce: 
lo squarcio della bocca obliquo e curvilineo arriva appena sotto l'estremità anteriore 
dell'occhio infimo: la sua lunghezza è men di un terzo di quella del capo: il mascel- 
lare è quasi lineare: i denti sono spessi tra loro e sottilissimi: la mascella inferiore non 
molto più lunga dell'altra. Gli occhi s'aprono ellittici, ed il maggior diametro loro vien 
compreso quattro volte e mezzo nella lunghezza del capo: un diametro corre fra l'apice 
del muso e l'estremità anteriore dell' occhio più basso, il quale s'innoltra più del su- 
periore verso la punta quanto è un terzo di se medesimo: un quarto di diametro è l'in- 
tervallo che passa tra l'uno e l'altro. L'opercolo è leggermente angolato alla sua attac- 
catura al tronco ; quindi discende rotondato per tutto il suo margine. Le scaglie sono 
grandi poco più della metà dell' orbita, quasi rotondate, e molto embricate. La linea ' 
laterale non differisce da quella delle altre specie. La pinna dorsale ha origine alla metà 
dello spazio tra l'apice del muso e l'occhio superiore; e tanto essa che l'anale non la- 
sciano tratto sensibile scoperto alla radice della coda : il secondo suo raggio, lungo il 
doppio degli altri, e alquanto più grosso, come è il primo, incurvasi al par di esso leg- 
germente indietro. La pettorale sinistra, quella cioè dal lato degli occhi, un terzo più 
lunga della destra, è due terzi della lunghezza del capo. Le ventrali sono lunghe due 
terzi di quella, essendo poco più brevi dei raggi maggiori delle pinne verticali. Sono 

97 



V, 



PLEURONECTES GROHMANNI. 

poco cospicue le due spine rivolte all'in dietro collocate innanzi all'ano, clie s'apre aTanti 
all'origine delle pettorali in quel brevissimo spazio che lascian fra loro le ventrali e 
l'anale. Questa comincia sotto il lembo estremo dell'opercolo, e giunge fino all'intesta- 
tura della caudale, la quale è fortemente rotondata, e misura un sesto della lunghezza 
del corpo. 

Il fondo dalla parte degli occhi è un cinereo-carneo annebbiato di fosco, più den- 
samente però verso i profili del dorso e del ventre, e tutto marmorato di punteggia- 
ture e venature nerastre. Dall'altra parte si scorge di un bianco latteo. Le pinne sono 
egualmente colorate e screziate, ed ugualmente bianche di latte seguendo le due di- 
verse parti del corpo. L'esemplare che abbiamo descritto, uno dei maggiori da noi rice- 
vuti, misurava quattro pollici di lunghezza, ed era alto un pollice e quattro linee. 

Giuntoci c[uesto piccol pesce dopo che avevamo effigiato i tre suoi congeneri pià 
normali, abbiam creduto bene di porlo in compagnia di una Platesscij cui trovavasi già 
destinata una tavola intera. Cotal Platessa nel Veneziano dicesi Passera e PassarinOj a 
Mantova Pese Passr^ nel Piceno Passera della Giueccaj e in altri luoghi lungo l'Adria- 
tico, ove chiamano Passera appunto una Suacia, vien da alcuni confusa sotto il nome di 
Rombo. E quantunque il vocabolo Passera usurpisi secondo le diverse località per deno- 
minare differenti specie di Pleuronettidi, non men dai pescivendoli che dai naturalisti, 
tuttavia ne facciamo peculiar nome di essa nostra Platessaj, e ne anticipiam le ragioni. Il 
Pleuronectes Passer di Artedi e di Linneo non è diverso dal Rhombus maximus: il Pleii- 
ronecles Passer di Bloch altro non è che un vecchio PI. Flesus che accidentalmente ha 
le sue fattezze a sinistra, lo che spessissimo accade. Piestava dunque in nostra facoltà il 
disporre del nome specifico Passer^, che, togliendo ad essa cjuelli usurpati ad altri pesci, 
ben con piacere le imponiamo come cjuello che porta nella città regina dell'Adriatico 
ove ha sede, e in altre provincie d'Italia che di colà suol visitare per fiume. Ci gode 
poi l'animo di tornar cosi facendo al primo significato della parola, essendo che questo 
pesce non è diverso dal Passer di prima specie del liondelezio, come principalmente 
lo prova la figura fattane in Venezia per Gesnero ; e perchè pure fu cosi denominato 
dagli antichi insiem con altri Pesci piani ^ del quale forse il ricco Fundanio gustava la 
prima volta le interiora nella famosa cena di Nasidieno, 

Cum Passeris, atque 
Ingustata mihi porrexerit ilia Rhombi^ 



I 



PLATESSA PASSER 

PIANUZZA PASSERA 



PLATESSA capite carina ossea diviso: spinulis ad dorsalis et analis basim in seriem dispositis: 
linea laterali laevi: spina ani horizontali valida, i). 64. P.io. 6. A. Ci 9. 

PLEURONECTEs IIIPPOGLOSSUS , JVciccari, Itt. Adrìat. p. 11. sp. ^-j. 

PLEUKONECTES HiPPOGLOssoiDis Ovvero PAsf ERDs , Nardo, Osserv. in Giorn. BrugnaU 
PLEUP.ONECTES FLESUS var. Nardo, Prodr. Adriat. IcJUh. sp. i3i. nee Delaroche. 

PASSER , Rond. Pise. Mar. I. Uh. xi. cap. vii. p. 5i6. (fig. inversa ut in caeleris) Gesn.Aq-I]^. p£)6l^.Jìg. origina 
PASSER L/EVis, Aldroi'. Pisc. lib. Vi. cap. xWù. p. 2^5. quoad Italie, 
PASSERO FLUVIATILE, Pollini, JTiaggio al lago di Garda, p. 22. 



>.TJ_entre l'Oceano Atlantico e maggiormente i mari settentrionali di Europa abbon- 
dano di molle deliziose specie del genere Platessa^ tra le cpali primeggia in grandezza 
la vulgaris^ìii delicatezza la Limandaj, e in simiglianza a questa nostra la i^/e^w^^ teniam 
per certo che costei sia l'unica che abiti il nostro mare mediterraneo, e neppur tutto 
di se degno lo faccia. Imperocché è propria dell' ildriatico, e scorrendo le sue lagune 
non si diparte da quello se non per rimontare a gran distanza ne' tributarii fiumi, en- 
tro i quali depone le uova, e yiene alle reti in primavera, in estate, in autunno. Uni- 
colore o macchiato che si ritrovi questo pesce, di maggiore o minor grandezza, sia nei 
fiumi, sia nel mare, sia negli stagni, egli è sempre Io stesso; conciossiachè quel degli 
stagni è più scuro, quello delle acque dolci più chiaro, ma più pingue e saporoso si è; 
il primo pel grasso nutrimento di cui gode. Noi ne figuriamo un macchiato, ed altro 
di un sol colore, quello più piccolo, e questo più grande; non però vogliam dire che il 
maggiore, ossia più adulto di età, veggasi sempre di un sol colore, nè il più giovane sia 
sempre al contrario. 

Unitamente ?ii\^Platessa^ e al FlesuSj, di Linneo appartiene esso al primo de' tre grup- 
pi, ne' quali ci giova partire il genere Platessa. Primo gruppo è Platessa propriamente 
detta, che ha denti ottusi e contigui, bocca piccola, labbra sottili, mascella inferiore più 
lunga, linea laterale retta, scaglie piccolissime, niuna delle quali sulle pinne, una spina 
orizzontale all' ano. Secondo è Cjnicoglossus^ Nob. che come il PI. cfnoglossus^ L. ha la 
Imea laterale retta, la bocca piccola, li denti come quello di sopra, ma le mascelle ugua- 
li, con labbra turgide, e l'ano senza spina. Vien terzo Limanda^ Nob. che ha denti sub- 
acuti, isolati, bocca grandicella, labbra sottili, mascella inferiore più lunga, linea late- 
rale fortemente arcuata in principio, scaglie grandette, aspre, raggi delle pinne scagliosi, 
come il PI. Limandaj, L. 

In tutte le vere Platessae il capo è mediocre, poco acuto, armato il suo mezzo di 
una serie di tubercoli, o di uno spigolo osseo non interrotto, privo di cirri e di papille. 
Gli occhi son collocati quasi sempre dal lato dritto, vicini fra loro, e separati da una 
carena. Grandette veggonsi le narici, la coppia sinistra molto più elevata, e i fori an- 
teriori valvolati. Il preopercolo è poco distinto. L'ano apresi un poco a sinistra della 



1 



PL ATESSA PASSER. V 

carena del ventre dietro l'origine delle pettorali. I raggi della pinna dorsale e dell'anale, 
convergono dalle due Estremità ad un punto solo nel mezzo. La pinna anale è libera, 
rotondata: le pettorali son bene sviluppate: le ventrali libere, quasi perfettamente sim- 
metriche. Non vi sono prolungamenti ai raggi di alcuna pinna. Il lato in cui son le fat- 
tezze è di color scuro, spesso screziato di fosco, e vagamente ornato di macchie chiare. 
Contansi due o tre intestini ciechi. 

Più ovvii in questo sottogenere trovansi gli esemplari così detti travolti, i duplicati, 
e gli albini, cioè scolorati in ambedue le facce, onde ampia materia venne somministrata 
ai facili inventori di specie. Valgano per esempio fra' rari albini le pretese PI. rosea^ e 
PI. carnariaj valga fra i travolti quel comunissimo preteso PI. Passer de' nordici scrit- 
tori, che altro non sono che aberrazioni della PI. Flesus. 

Distinguesi principalmente la nostra Pianuzza dalla Flesus per avere inerme la li- 
nea laterale, e assai più basse le pinne dorsale ed anale. La figura del pesce è ovata fino 
alla parte assottigliata del tronco, che a dritti margini si spicca dal restante del corpo, 
alta quanto è lunga, cioè la quarta parte della maggior altezza del tronco. Questa che 
incontrasi a due quinti della lunghezza totale comprendesi in essa due volte e mezzo 
circa ; e la grossezza uguaglia un quarto dell' altezza. Il capo occupa un poco più della 
quarta parte di tutta la lunghezza. Obliquo è lo squarcio della bocca, ma si corto che 
non giunge al perpendicolo del margine anteriore dell'occhio. Gli occhi sono ellitti- 
ci; il maggior loro diametro vien compreso sei volte nella lunghezza del capo; la di- 
stanza tra l'uno e l'altro n' è perfino minore della metà: l'inferiore si trova più avanti 
dell' altro per un quarto della propria lunghezza, e uguale ad essa è la distanza tra 
il suo margine e l' apice del muso. La carena che separa gli occhi si continua per 
tutto il capo in forma di uno spigolo ondulato riunito alla linea laterale, osseo, dentel- 
lato, e terminante in una protuberanza più rilevala. Sotto di essa carena l'opercolo è 
angolato, quindi discende con margine rotondato. Le scaglie quasi circolari son grandi 
appena un quinto dell' orbita. La linea laterale arcuata appena in avanti vien formata 
da una serie di scaglie tubulate lungo il mezzo, ma senza il menomo sospetto di aspe- 
rità. Le basi però delle pinne tanto dorsale che anale sono dal lato colorato armate di 
una serie di piccole spine a più punte acute, che alternano co' raggi. La dorsale ha 
origine sopra l'occhio superiore: il primo dei suoi raggi è lungo un diametro dell'or- 
bita; crescono gli altri gradatamente in lunghezza fino a quelli che spiccano dopo la 
metà del pesce, lunghi quanto la metà del capo; dopo i quali decrescono nella stessa 
proporzione ma più rapidamente fino al termine, i cui estremi sono una metà più brevi 
dei primi: alcuni raggi medii tanto della dorsale che dell'anale son ruvidi per alcune 
spinuzze a scardasso. La pettorale destra è lunga la metà del capo, la sinistra è un 
quarto più breve di essa. Lunghe due terzi della pettorale destra son le ventrali, col- 
locate molto innanzi le pettorali. Ove giungono le ventrali distese spiccia l'anale che 
simmetrica alla dorsale guarnisce la parte inferiore del pesce. L'ano è medio tra l'ori- 
gine delle ventrali e quella dell'anale. La caudale vien compresa cinque volte e mezzo 
nella lunghezza totale. 

Dal lato destro è di un bruno-olivastro, che qualche volta tende al cinereo, o al 
castagnino, uniforme generalmente, marmorato spesso di più scuro, e raramente om- 
brato di macchie rotonde più chiare. Più pallide sono le pinne, macchiate però più so- 
vente di castagnino cupo. L' altro lato è bianco. L' individuo descritto misurava otto 
pollici, ed era alto poco più di tre. 



•ne' 



AHOMBUS RHOMBOIDES 

ROMBO PASSERO 



ROTHUS brwineo^vìrescens maculis rotundatis ccerulescentibus: capite aureo-punctatOj ante 
oculum ìnferum hituher culaio: oculis valde remotis: pinnarum radiis elong atis mdlis. 
D. 90. J. 66. P. IO. V. 6, C. 17. 

PLEtJKONECTEs MANCHS, Risso, Iclith. Nic. p. 5ij, sp. l3. 
KHOMB0S MANCus, Jìisso, Hist. Nat. III. p. 2.53. sp. 144. 

KHOMBOIDES, Rondel. Pise. I. lib. si. cap. iiii. p. 3i5. Gesm. Aquat. lib, iv. p. 663.^^. Id. Icon. Aquat. 
p. 87. Aldr. Pisa. Uh. ii. cap. xlv. p. 243. Jonst. Pisa. II. lib.ì. cap. ìì. art. ii. punct. iii. p. 69. nec 
tab. 30. yì^. 16. Willughby,Ichthy.ogr.p.^&.tah.F.Q. fig.^. Ray, Syn.Pisc. p. 52.sp.8. 

BHOMBus omnium minimus, palmae longitudiae, Klein. Hist. Pise. Miss. iw.JascAn, arf.xvii. p. 55. sp. ^. 

TUKBOX MANCHOT, Risso^ Hist. Nat. loeO' citato. 

C^uesto Pesce non è comune sulla nostra spiaggia^ e sembra anche più raro in 
altri lidi d'Italia. Il suo corpo eccessiyamente compresso somministra poca carne, e 
questa è di mediocre qualità. 

Il Rondelet fu il primo a darne notizia avendolo veduto appunto nella Pescheria di 
Roma. Lo chiamò Rhomboides e nella figura che diede rappresentò in modo, non equi- 
voco il tubercolo del muso che può servire a distinguerlo. Linneo non lo registrò. Al 
Lacepède piacque riguardare il Pesce del Kondelet qual varietà del PI. Limanda^. che è 
di gran lunga dissimile, e va riferito al genere Platessa. L'equivoco del Lacepède fu ri- 
levato dal Rafinesque,^ il quale relativamente allo stesso sinonimo^ cadde in un error 
nuovo, e chiamò Solca rhomboides un pesce, .che ha la coda lunulata., Il Signor De- 
laroche riferì il Rhomboides di Rondelet ad una specie affine, ch' egli trovò nelle Iso-^ 
le Baleari^ e che chiamò Pleuronectes Podas. Il Signox Risso ebbe sott' occhi il vero 
Rhomboides di Rondelet pescato nel mare di Nizza, ma errò nel crederlo identico col 
Pleuronectes mancus del Broussonnet. Al Pesce in questione mancava pertanto un pro- 
prio nome specifico, ed a noi è giovato adottare come tale l'antico e solenne vocabolof 
Mbomboides. 

Tutt' ì Rhombi oltre le condizioni già notate trattando del Pleuronectes muci^olepidotus. 
hanno il capo mediocre, privo di cirri e di papille: denti in ambo le mascelle, minuti,, 
acuti, fìtti, disuguali: il preoperculo assai distinto: gli occhi colla pupilla reniforme,, col- 
locati dal lato sinistro, il quale è sempre d'un colore scuro asperso^ di macchie : le scaglie 
picciole, rotondate, sottili: la linea, laterale piegata ad arco nel tratto? anteriore, retla e 
media in tutto il rimanente: Pano che s'apre più innanzi dell'origine delle pettorali: i 
raggi della pinna dorsale e dell'anale convergenti. 

Così come è stato da noi circoscritto il genere Rhombus offre tre gruppi ben se- 
gnalati. Il primo, cui attribuiremo il nome Bothus^, ha per caratteri : la bocca assai pie- 



ì 



\ 

I 



RHOMBUS RHOMBOIDES. 



cìola: gli occhi slontanati uno dall'altro, coli' intervallo frapposto incavato: l'ano che 
s'apre a destra della carena ventrale: le scaglie leggermente cigliose. Nel secondo sotto- 
genere., che chiameremo più propriamente RhombuSj la bocca è fessa profondamente: 
gli occhi sono approssimati con l'intervallo che li separa convesso: l'ano sta a destra 
della carena ventrale: le scaglie non sono cigliose. Finalmente il terzo sottogenere,, 
pel quale adotteremo il nome Scophthalmiis_, ha la bocca fessa profondamente : gli occhi 
vicinissimi, separati soltanto da una carena stretta tagliente: l'ano che s'apre sotto la 
carena ventrale: le scaglie ciliato-aculeate. 

Al primo degli annoverati sottogeneri, cioè al BothuSj appartiene il nostro Bhombus 
rhomboides. In tutte le specie di tal gruppo il taglio della bocca è leggermente arcuato, 
brevissimo, più profondo dalla parte destra che dalla sinistra: la distanza fra un occhio 
e l'altro supera il diametro delle orbite; quello di sopra è collocato alquanto all' indie- 
tro, e il lembo superiore del più basso è sensibilmente sporgente: le narici sono quasi 
incospicue. Il corpo è grandemente compresso, ed essendo molto alto nella parte ante- 
riore ha la circoscrizione ovata tendente all'orbicolare anche più che nei veri Rhombi. 
Le scaglie che sono picciolissime piuttosto aderenti si stendono per qualche tratto sui 
raggi delle pinne verticali: dal lato colorato sono cigliose, dall'altro intiere. La dor- 
sale e l'anale sono piuttosto basse comparativamente al sottogenere Rhombus genuino, 
e slargandosi pochissimo verso il mezzo il loro margine serba una curva quasi paral- 
lela al dorso ed al ventre : le pettorali sono picciole, ma pure oltrepassano l'arco del- 
la linea laterale, eh' è pochissimo aperto; talvolta la sinistra, e così pure la ventrale' 
dello stesso lato, porta alcuni raggi prolungati: le ventrali sono appena congiunte 
alla base ed escono di simmetria, essendo più larga e collocata assai più innanzi la 
colorata che la pallida: la pinna caudale è rotondata coi raggi dicotomi. Il lato si- 
nistro suol esser bruno asperso di macchie rotondate turchinastre. 

I Botili sono d'un indole tranquilla, essenzialmente socievoli e poco voraci. 

Nel Rhombus rhomboides la lunghezza del corpo supera appena il doppio dell'al- 
tezza. L'altezza del capo è assai maggiore della sua lunghezza, la quale è contenuta 
quasi cinque volte in quella di tutto il Pesce. Dal lato sinistro sorge un tubercolo spi- 
noso presso la base dell'osso mascellare e un'altro minore al di sopra dell'occhio in- 
feriore. La distanza fra un' occhio e l'altro giunge quasi ad essere tripla del diametro 
delle orbite, il quale è maggiore dell'intervallo che passa fra rocchio inferiore e la 
punta del muso. La fessura della bocca è lunga quanto il detto intervallo. I raggi 
più lunghi della pinna dorsale e dell'anale comprendono una volta e mezzo il diametro 
dell'occhio. La pettorale sinistra è poco più lunga della destra: i raggi maggiori di 
quella giungono quasi ad uguagliare la lunghezza della caudale. Le venlrali hanno i 
raggi alti quanto quelli dell'anale. La caudale è contenuta sei volte nella lunghezza 
del corpo. 

II lato sinistro di questo Rombo è di una tinta bruno-olivastra ed è sparso di mac- 
chie rotonde grandette disuguali numerose d'un color celeste sordido dilavato: sul capo, 
nel tratto compreso fra gli occhi e il margine anteriore, evvi un numero grande di punti 
o lineole d'un giallo dorato. Sulla linea laterale più vicino alla coda che al capo scor- 
gesi una macchia rotonda fosca, grande quasi quanto uno degli occhi; spesso in- 
nanzi a questa se ne vede accennata una più piccola della stessa tinta. Il lato destro 
è d'un color latteo che volge al ceruleo. GÌ' individui maggiori superano di poco la 
lunghezza di mezzo piede. 



RHOMBUS LiEVIS 



ROMBO LISCIO 



late omtus tuherculis nullis: pinnae dorsalis radiis anterioribus semiliheris muìti- 

D. 80. J. 62. P. II. T^. 6. €. ij. 

rLEUROMETES KHOMBUS, Liiin, Sysi. Nat. I. p. 458. sp. 13. Gmel. Syst. Nat. I. p. ia55. sp. 12. Muli. 
Prodr. Zool.JDan. p45.sp. 5^8. Brùnn. lehth.Mass.p. 55. sp. ^8. Bloch.Ichth. II. p. 56. sp.-2.tab./i5. 
Schneid. Bloch. Syst. p. i52. sp. 20. Lacep. Hist.Poiss. iv. p. 412. Bonnat, in Tabi. Enc. Ichth. 
7;. 67. 5/7. i 9. Risso, Ichth. Nic. p. 3i5. sp. 10. 

PLEDRONEGTBS PIGGHVARF, It. JVgOih. p. I78. 

PLEDRONECTES ARENARius, Stróm. Sandin. Gronos). Mus.I.p. 25.sp.43. Id. Zooph. p. 74. sp, 353. 
PLEDRONECTEs CRiSTATUs, Licht. in Schneìd. Bloch. Syst. sub PI. maximo p. i53. sp. ai, 
PLEDRONECTES PLATESSA, Nancur. Ichth. Adr. p. 11. sp. 28. nec Auct. 
PLEtJRONECTES LDNATUS, Nardo, Osserv. Ichth. Adr. in Giorn. Brugn, nec Auct. 
PLEURONECTES LIODERMA, Nardo, Prodr. Adr. Ichth. sp. i32. 

J'.HOMBus BARBATUS, Cuv. Ixisso, Hist. Nat. III. p. 25i. sp. if^i. nec PI. LaAatus, Auct. 
KHOMBus LJ2VIS, Rondcl. Pisc. I. lib. xi. cap. ni. p. 3i2. Gesn.Aquat. Uh. U.p. 663. Aldrov. Pisc.lib. ii. 
cap. xlviii. p. il^Q.fig. Schonev.p.Qo. Jonst. Pisc. II. lib. i. cap. iii. art. ii. punct. ii. p. 66. tab. xxii. 
^ f'S- ^5, JVillughb. Ichth. p. g6. Bay, Syn. Pise. p. 52. sp. 

BHOMBUS ALTER GALLICTJS, Belon, Aquat. p. ll^l. 

EHOMBus lì:vis verus, Aldrov. Pisc. lib. ii. cap. slviii. p. a5o. fig. 

BHOMBUS NON ACULEAT15S SQUAMOSDs, Willughb. Ichth. p. 3i. Bay, Syn. Pisc. p. 5i. sp. 2. 
PLEDRONECTES oculis a sinistris, corpore glaliro, Art. Syn. Pisc. p. 5i. sp. 5. 

PLETJRONECTES glaber, oculis a sinistra, corpore glabro, Art. Gen. Pisc. p.lS. sp.S. Mus. Ad. Fred. II. p.6g. 
BOMBO VERACE, C etti, Anfibj e Pesc . Sard. III. p. Ili . 

BARB€z, Belon, Nat. et Pourtr. Poiss. lib. 1. p. 137. Cuv. Begn.Anim. II. p. 5^1, 
CARRELET; Bonnttt. loco citato. 
PEARL, Penn. Brit. Zool. III. p. 196. sp. io. 

Spetta questo Pesce al gruppo dei Rombi genuini, e l'abbiamo fatto effigiare presso 
al Rhomboides in una tayola stessa coli' intendimento d'offerire il confronto fra i sottoge- 
iieri Bothus e Rhombus. La conformazione che distingue quest'ultimo è già stata accen- 
nata: ma per darne una notizia più compiuta ci conviene aggiungere che il corpo dei 
Rhombi è lungi dall' esser compresso quanto quello dei Bothi_, anzi è fra i meno schiac- 
ciati di tutta la famiglia dei PleuronectidL II profilo della parte superiore del capo e del 
tratto anteriore del corpo segue una linea ascendente, obliqua piìi che nei Bothi; quindi 
la metà anteriore della circoscrizione del corpo tende piuttosto all'ellittico che all'oTa- 
to. 11 taglio della bocca è poco curvo, assai esteso: non v' è risalto alcuno intorno alle 
orbite: la distanza fra un occhio e l'altro corrisponde poco meno che al diametro 
d'uno di essi: le narici sono assai grandi, la coppia del lato destro situata assai più in 
alto ; il foro anteriore di ciascuna eoppia munito d'una valvula membranosa molto 
cospicua. Le scaglie s'estendono alquanto sulle pinne e sono poco aderenti. La pinna 
dorsale e l'anale hanno il margine assai più sollevato verso il mezzo che verso le estre- 
mità, dal che nasce la sagoma romboidea. Le pinne pettorali sono grandette, eppure il 



RHOMBUS 

fidis. 



RHOMBUS L^VIS. 



loro apice non si stende fino al termine dell'arco formato dalla linea laterale, la cui 
apertura è assai larga. Le ventrali sono congiunte alla base e quasi d'uguale altezza, ma 
cominciando la pallida un qualche tratto più indietro dell' origine della colorata, e ter- 
minando ambedue al punto stesso sono alquanto disuguali in larghezza. Non yì sono pro- 
lungamenti ai raggi d'alcuna pinna. L'esofago è largo, la membrana dello stomaco erta, 
e vi sono due intestini ciechi o appendici al piloro. 

Alla diversa struttura corrisponde una differenza non leggera di costumi, perchè i 
Rhombi son tanto piìi voraci dei Bothi quanto è maggiore l'apertura delle lor fauci. Nè 
si limitano questi Pesci ad usare la forza, ma ricorrono all'astuzia per impadronirsi della 
preda. Sepolti nel fango in fondo all'Oceano o presso la foce dei fiumi intorbidan l'acqua 
intorno a se stessi affine di nasconder meglio gli agguati che tendono. Con qualche leg- 
gier movimento degli estremi raggi delle pinne, che possono rassembrare minuti vermic- 
ciuoli, attraggono gl'incauti Pesciolini e li divorano. Sono però tanto schivi nella scelta 
del cibo che non curano un'esca esanimata o languente, o già addentata da altri Pesci. 

Il Rhomhus laevis è sparso pei mari dell'Europa, e comunissimo nel mediterraneo. 
Qualche volta risale pei fiumi. A Venezia lo chiamano SoazOj SoatOj Soata: per tutto il 
rimanente d'Italia i^omèoj e quando occorra distinguerlo da altra specie lo dicono i^o/wZ^o 
liscio o Rombo comune. In Sicilia oltre il nome di Rumbu porta anche quello di Linguata 
masculaj e a Messina quello di Passera. La sua carne è di buon sapore, ma non giunge 
ad avere la squisitezza di quella del Rh. maximus. Anche la sua mole è generalmente 
più picciola. 

La circoscrizione del Rombo liscio e ellittica, le carene del dorso e del ventre seguen- 
do due segmenti di circolo. Al di sopra e al di sotto del terzo posteriore del corpo la 
pinna dorsale e l'anale si sollevano notabilmente, ma il loro margine non forma angolo 
distinto, quindi il contorno del Pesce non prende la figura romboidea, ma conserva la 
sagoma ellittica. La lunghezza comprende due volte e un quarto laltezza, esclusa la pin- 
na dorsale e l'anale : il capo lungo quanto alto forma la terza parte del corpo esclusa 
la pinna caudale, la quale è contenuta quattro volte nel resto della lunghezza : l'occhio 
di sopra è il maggiore, e il suo diametro è minore della distanza che corre fra il me- 
desimo e la punta della mascella superiore; la distanza fra un'occhio e l'altro compren- 
de i tre quarti del diametro dell'occhio inferiore, che è situato alla distanza di tre dia- 
metri dall'angolo dell' oper culo : l'apertura della bocca è lunga il doppio del diametro 
dell' orbita inferiore. L'osso mascellare è tre volte più largo all' apice che alla base. Il 
primo raggio della dorsale dalla metà insù è trifido coi rami multifidi, tutta la parte 
frastagliata è libera dalla membrana che lo eonnette col secondo: la membrana che 
connette i seguenti fino al sesto è di mano in mano più alta ; tutta la parte libexa di 
essi è bifida coi raggi sempre meno composti. L'altezza dei raggi maggiori della pinna 
dorsale e dell'anale corrisponde alla distanza che passa fra il lembo posteriore dell'oc- 
chio di sotto e la punta del muso : la pettorale sinistra è poco più breve dei raggi mag- 
giori della dorsale e dell'anale, e comprende la metà della distanza che passa fra la sua 
base e il margine anteriore dell'occhio di sotto; la destra è minore d'un quinto: le ven- 
trali hanno l'altezza dei raggi della medesima. Tutto il corpo e il capo di questo Pesce 
sono lisci, privi di tubercoli, e coperti di scaglie picciole persistenti. Il lato sinistro è 
d'un color castagno più o meno chiaro, tutto asperso di punti e di macchie di forma 
rotonda o semilunare, disuguali, più cupe, che si estendono sulle pinne e che svanisco- 
no qoU'età: il lato destro è d'un bianca latteo. 



v> .4? 



V. 




/ 



RHOMBUS PODAS 

ROMBO PODA 



BOTHuS brunneo-purpumscens maculis rotundatis ccBrulescentibus: capite aureo-punctatOj 
tuberculis vix uHis: oculis modice distantibus: pinnarum radiis elongatis nullis. 
D. 88. J. 70. P. 9. V. 6. C. 19. 

PLEURONECTES PODAS, Delaroche, Mém. Poiss. Ivic. in Ann. Mus. H. Nat. XIII. p. 354- tab. 24. fi§. 14. 
PLEORONECTEs ARGos, Risso, Ichth. Nic.p. Òl"]. ip. 12. 7iec Auct. 

BHOMBUS GESNEPJ, RissO, Hisi. Nat. III. p. 254- Sp. ll^S. 

TDKBOT DE GESNBiR, Risso, Hist. Nat. loco citato. 



scoperta nelle Isole Baleari dal Signor Delaroche questa specie di Rombo, che 
è affine al RhomboideSj e che spetta del pari al sottogenere Bothus, Si distingue da quello 
per la mancanza dei tubercoli del capo, e perchè ha gli occhi meno lontani fra loro. Il 
Signor Delaroche, che non vide al tempo stesso l'uno e l'altro Pesce, fu indotto dalla ge- 
nerale conformità della figura del Rondelet a riferire il Rhomboides di quell'autore come 
sinonimo del suo Podas. Il solo cui sia avvenuto di conoscere ambedue questi Rhombi 
fu il Signor Risso, che li trovò nelle acque di Nizza: egli cadde però nell'abbaglio di 
tener quello che dal Rondelet era stato chiamato Rhomboides come identico col PI. man- 
cus del Broussonnet, pesce del mar Pacifico, che si fa distinguere pei prolungamenti 
delle pinne del lato sinistro : l'altro Rombo che dal Delaroche era stato chiamato Podas 
fu da lui tenuto in primo luogo pel PI. argus degli antichi: poscia riconosciutolo co- 
me diverso lo chiamò Rhombus Gesneri. Merita però d'esser notato che l'Ittiologo di 
Nizza riportò il PI. Podas del Delaroche sotto il suo mancuSj e citò contemporanea- 
mente il sinonimo del Rondelet tanto sotto lo stesso mancuSj, quanto sotto il suo Gesneri, 
Ecco ciò che potè indurre il Cuvier, che verosimilmente non osservò in natura sif- 
fatti pesci, a considerare le due specie di Rhombi Bothi indigene del mediterraneo co- 
me una cosa sola. Trattando del Rombo Passero crediamo aver dimostrato che a quello 
appartiene esclusivamente il Pesce del Rondelet; errò pertanto il Signor Risso allorché 
lo riportò come sinonimo del suo Rh. Gesneri. Rispetto al nome specifico Gesneri con- 
fessiamo di non conoscerne la ragione, dubitiamo però che il Signor Risso abbia creduto 
doversi attribuire alla sua specie la figura del rhomboides data dal Gesner. Ma la tavola 
di quell'autore quantunque men chiara per la rozzezza dell'intaglio, e mancante della 
rappresentazione del tubercolo del muso, altro non è che la ripetizione di quella del 
Rondelet. 

Il Rhombus Podas è tanto simile al Rhombus rhomboides per le forme e pei colori 
che crediamo inutile stenderne una special descrizione. Basterà notare che i due tu- 
bercoli del capo in luogo d'essere sporgenti e cospicui sono appena indicati leggermente : 



RHOMBUS PODAS. 



l'intervallo frapposto agli occhi supera di poco il diametro maggiore delle orbite: il 
muso è alquanto più acuto. Il capo del Rh. Podas è poco più alto che lungo, e la sua 
lunghezza corrisponde alla distanza che passa fra il lembo superiore dell'occhio più 
alto e il lembo inferiore dell' operculo. Abbiamo trovato sempre questo pesce più pic- 
colo del Rh. rhomboides; gl'individui maggiori da noi veduti superano di poco cinque 
pollici. 

Sulle nostre spiagge il Rh. Podas è anche men comune del rhomboides. Se ne 
pescano pochi esemplari adulti, che vengono confusi dai Pescatori romani col detto 
rhomboidesj e sono chiamati anch'essi volgarmente Rombi Passeri, 1 più piccioli, che 
si prendono in maggior numero rasente il lido, si sogliono confondere invece coi 
Rombi lisci. Nelle Isole Baleari questo Pesce chiamasi Podas dal volgo : ivi è comune e 
tenuto in dispregio. 

Oltre le due specie di cui noi abbiamo trattato, sono riferibili al gruppo Bothus il 
Pleuronectes mancus del Broussonnet, il PI. lunatus di Linneo (dal quale par che non 
differisca il PI. Ar^us ài Bloch) e il PI. spinosus di Schneider, ossia pietas di Forster; 
tutte specie esotiche. Converrà aggiungere a questo novero il Rhombus parvimanus delle 
Isole Maurizie testé descritto dal Signor Bennett di Londra, che dev'essere molto af- 
fine al Rh. Podas j e il Rh. heterophthalmus dello stesso autore trovato sulle coste del- 
l'Atlantico Africano settentrionale, seppure questo differisce dal nostro Rh. rhomboides^ 
del che è da sospettare grandemente. < 



/ 



BHOMBUS MAXmUS 

ROMBO CHIODATO 



RHOMBVS suhorhiculari-rhomboideusjhinc tuberculis osseis conicis exasperatus : pinnae dor- 
salis radiis multifidis nullis. D. 68. A. 5o. P, ii. V. ^. C. 17. 

PLEURONECTES MAxiMUS, Liiin. Syst. Nat. I. p. /{5g. sp. 1^. Id. Faun.Suec.p. 116. sp. 5'ì5. Gmel.Syst. 

Nat. I. p. 1336. sp. 14. Milli. Prodr. Zool. Dan. p. 45. sp. 379 Groriov. Mus. II. p. 10. sp. 169. 

Id.Zooph. p.']^. sp.'ì5/{. Sriinn. Ichth.Massil. p.5S. sp. ^g. Lacep.Hist.Poiss. IV^.p. I\0']. Bon- 

nat. in Tabi, Enc. Ic-hth.p. 67. sp. ai. Bloch. Ichth. II. p. 53. sp. 8. tab. 49- Schneid. Bloch. Syst. 

p. i55. sp. 21. (exel. -yar.) Risso, Ichth. Nic. p. 5i^. sp. 9. Naccari, Ichth. Adr. p. w.sp.òo. 

Nardo, Osserv. Itt. Adr. in Giorn. Brugn. 
PLEURONECTES pAssEE, Liun. Syst. Nat. I. p. 459. ep. l5. Gmelì Syst. Nat. I. p. 1237. sp. i5. Bonnat. 

Tabi. Enc. Ichth. p. 67. sp. 22. nec Bloch. 
KHOMBUS MAxiMus, Cuv. Cloquet in Dict. Sc. Nat. XLIX. p. Bisso,Hist.Nat.III. p.aSo.sp. i5g. 

PLEDKONECTES EHOMBUS, Nardo, Prodr. Adr. Ichth. sp. i33. nec Auct. 

^VTTTa, Arist. Uh. iv. cap. 11. et lih.M.cap. g. et lib.ìx. cap.5'], JElian.lib.ìy. cap.5. Oppian.lib.i.p.5. 
KHOMBUS, Plin.Hist.Mund. lib.ix.cap.-s.y. xz. sili. Jov. Pise. Rom. cap. s.xy. p.g5. Belon, Arjuat. p. i5g. 
BHOMBUS xcvh-EXrvs, Rondai. Pisci. Uh. x\. cap.iì. p. 5io. fìg. Gesn.A(iuat.lib.ìy.p.66i.fig.etp.6']0. Id. 

Icon. Acjuai. p, g5. Thierb. p. So. b. Schonev. Ichth. p. 60. Charlet. Exercit.p.i^g. Aldrov. 

Pise. lib. ii. cap. 48. p. 2^8. fig. Willughby, Ichthyogr. p. gS. tab. F. 8. fig. 3. Ray, Syn. Pise. 

p. 32. sp. 6. Jonst. Pise. II. lib. 1. cap. in. art. ii. punet. ii. p. 66. tab. TÙì. fig. 12. 
RHOMEus maximus aspec non squamosus, JVill. Ichth. p. 94- tab. F.fig. 2. Ray, Synops. Pise. p. 3i. sp, 1. 
PLEURONECTES oculis a sinisliis, linea laterali utrinque aculeata, Artedi,Syn.p.Zi. sp. 6. Id. Geli. p. 18. sp. 10. 
PLEURONECTES oculis a sinistra, corpore aspero, Arted. Synon. p. 33. sp. 7. Id. Gen.p.iS. sp. 9. Mus. Ad. 

Fred. II. p. 69. 

BHOMBUS aculeatus, nigricans, raaculis oLscuris fuseis in prona parte; in altero lalere ex olivaceo et albo coerulescens, 

Klein, Hist. Pise. Miss. iv. Fase. ili. art. xvii. p. 34. sp. 1. tab. yìn. fig. 1. et tab. ix-f g. 1. 
BHOMBUS cineritius, aculeis asperrimus, Kle-in, Hist. Pise. Miss.ìv. Fascili, art. xvii.p.35. sp.2.tab.yiiì.fig.2. 
TURBOT, Belon, Nat. et Pourtr. Poiss. lib. 1. p. i34. Cuv.. Regn. Anim. II. p. 341. 
PLEURONECTE TURBOT, Lacep. loco citato. 
PLEURONECTE MOiNEAU, Daubeut. in Enc. Meih. 
TXJBBOT EPiKEUX, Risso, loco citato. 
TORBOT, Penn. Brit. Zool. III. p. 192, sp. 9. 

BUTTA, li. Go«Z. 208. 



Il Rombo delizia delle mense, onorato dagli Epicurei del pomposo titolo di Fa- 
giano dei Pesci è il Rhombus maximus degl'Ittiologi. I Classici latini non si saziavano 
di ripeterne le lodi, e anche oggi per universale consentimento è annoverato fra i cibi 
più delicati. Nell'Oceano giunge ad acquistare una mole considerevole, e in Francia e 
in Inghilterra non è raro che si portino a vendere Rombi del peso di venti o trenta lib- 
bre ; talvolta giungono perfino a quaranta. Rondelet fa menzione d'un Rombo pescato 
appunto nell'Oceano lungo cinque cubiti e largo un piede. Nel mediterraneo però questa 
specie suol esser più picciola di molto, anzi è raro il vederla giungere al peso di dieci 
libbre. Il racconto di quel mirabile Rombo di Domiziano ch'era lungo 66 piedi, e per 
cui fu conyacato il Senato a decidere sul modo di cucinarlo, devesi forse ad una solenne 

24* 



V 



RHOMBUS MAXIMUS. 



Bugìa o ad un'error grossolano; che se ayesse alcun fondamento di vero sarebbe 
forza esclamare contro il senso del nostro gran Poeta 

Certo quando Natura lasciò Farte 
Di siffatti animali assai fè . . . . male ! 

In tutta l'Italia chiamasi Rombo semplicemente, oppure Rombo chiodato per alludere 
ai tubercoli che sono sparsi sulla faccia sinistra del suo corpo. 

<, La lunghezza di questo Pesce è doppia della sua altezza non considerata la pinna 
dorsale e l'anale: il suo capo egualmente lungo che alto è contenuto poco men di due 
volte nell'altezza: la pinna caudale comprende la quinta parte della lunghezza di tutto 
il Pesce. Il diametro dell'occhio di sopra, eh' è molto maggiore dell'altro, comprende 
quattro quinti della distanza fra il medesimo occhio e la punta del muso : la distanza 
fra un'occhio e l'altro comprende tre quarti del diametro dell'orbita inferiore: quattro 
diametri di questo corrono dal suo lembo all'estremità posteriore dell' operculo: l'aper- 
tura della bocca è lunga il doppio del diametro dell'orbita inferiore. L'osso mascel- 
lare è due volte più largo verso l'apice che verso la base. La circoscrizione del corpo 
è approssimativamente ellittica, segnando due archi di circolo la carena del dorso e 
quella del ventre: i primi raggi della pinna dorsale sono sciolti dalla membrana per 
una quarta parte dell'altezza; il loro apice è semplice oppure bifido: al di sopra e 
al di sotto del terzo posteriore del corpo tanto la dorsale quanto l'anale si sollevano 
notabilmente, e il loro margine nei due punti che reciprocamente si corrispondono de- 
scrive un'angolo ottuso : verso questo punto convergono gli altri raggi di queste due pin- 
ne: l'altezza dei raggi maggiori di esse corrisponde alla distanza che passa fra il lembo 
posteriore dell'occhio di sotto e la punta del muso. La pettorale sinistra è poco più bre- 
ve dei raggi maggiori della dorsale e delFanale, e comprende la metà della distanza 
che passa fra la sua base e il lembo anteriore dell' occhio di sotto ; la destra è minore 
d'un quinto: le ventrali hanno l'altezza dei raggi della medesima. La cute apparisce 
sempre nuda: dal lato sinistro è tutta cospersa di tubercoli ossei conico-compressi, spesse 
volte umbilicati all'apice, opachi nella parte inferiore, nel resto diafani: quelli del 
corpo sono grandetti e distanti fra loro: quelli del capo più piccioli, e molto fìtti intor- 
no agli occhi e lungo il margine dei pezzi operculari. 

Il colore del fondo del corpo dal lato sinistro è un cinereo verdastro più o men cu- 
po; quello delle pinne è meno scuro, e tende al bajo: tutte le suddette parti portano 
moltissime macchie tondeggianti disuguali, e molti spruzzi minuti foschi. Il lato destro 
è di color bianco-latteo, rarissime volte macchiato di fosco. Negl'individui più gio- 
vani il colore generale del lato sinistro è d'un verde assai più vivace: coli' età le mac- 
chie fosche invadono quasi tutta la superficie; locchè rende quel lato quasi unicolore. 

S'incontrano di frequente duplicati i Pesci della presente specie, e questi oltre al- 
l'essere dell'istesso colore sono anche tubercolosi da ambedue i lati. 



SOLEA VULGARIS 

SOGLIOLA VOLGARE 



SOLEA longitudine altiludinem triplo superante ^ cinereo-brunnea: pinna pectorali dextera 
apice nigra: scjuamarum ciliis mediocribus. 1). 8i. A. 67. P. 8. V. 6. C. 17. 

PLEnRONECTES SOLEA, Liìin. Syst. Nat. I. p. 457. sp. 9. Id. Faun. Suec. p. 116. sp. 326. Gmel. Syst. 
Nat. I. p. 1232. sp. 9. Milli. Prodr.Zool. Dan. p. 45. sp. 376. Brùnn. Icìith. Mass. p. 54. sp. 47. 
Gronov. Mus. I. p. 1^. sp. Sj. Id. Zoopli. p. 74. sp- a5i. Bloch. Ichth. II. p. 42. sp. 4. tah. 45. 
Schneid. Bloch. Syst. p. l/^6, sp. 8. Lacép. Hist. Poiss. IV. p. 096. Bonnat. in Tabi. Enc. Ichth. 
■ p. 66. sp. 12. Risso, Ichth. Nic. p. 307. sp. 1. Naccari, Iti. Adr. p. 11, sp. 29. 

PLEBKONECTES TUNGA, It. WgOth. p. I78. 

SOLEA VULGARIS, Cuv. Clocjuet ÌTi Dict. Sc. Nat. XLIX. p. ^i5. Risso, Hist. Nat. III. p. a^i']. sp. l56. 

SOLEA BtiGLOSSA, Rafinesque, Ind. Itt. Sic. ep. 45. 

PLEURONECTES SOLEA. Tar. a . L . Nardo, Prodr. Adr. Ichth. sp. i36, 

BsyXiiìaaog, Athen. Ub. vii, p. 288. Oppian. lib. i. p. 5. 

LINGULACA, Varr. Plaut. 

SOLEA, Ovid. Halieuticon fragra, vers. 124. Pila. Hist. Mund. lib.is.. cap. 16.77. 20. Jov. Pise. Rom. 

cap. xsvi. p. 98, Belon, Aquat. p. i^j. Gesn. Aquat. lib. iv. p. 671. Id. Icon. Aquat. p. 101. 

Thierb.p. 53. h. 55, Jonst. Pise. II. lib. i. tit. ili. cap. ii. art. ìi. punct. 1. p. Sj. XX. /i'^. 12. 10. 

Charlet. Exercit.p. i45. Ruysch. Theatr. Aniin. p. S']. tab. 20. x3. 
EUGLOSsus, Watton, lib. viii. cap. 167. p. i5o. Rondel. Pise. 1. lib. xi. cap. xi. p. 320. fig. Schoneveld, 

Ichth. p. 65. 

BtTGLOSsos sive SOLEA, Gcsu. Aquat. Ub. . p 666. Willughby, Ichth. p.ioo. tab. F. Ray, Syn. Pise, 

p. 33. sp. 22. 

BtiGLOSsA -vel SOLEA, Aldrov. Pise. lib. iì. cap. xliii. p. 235. 
, PLEUKONECTES ohlongus, masilla superiore longiore, squamis utriuqne asperis, Arted. Gen. Pise. p. 18. sp. 6. 
PLEURONECTEs oculis a sinistra, corpore oblongo, maxilla superiore longiore, squamis ulrinque asperis, Art. Synon. 

Pise. p. 32. sp. 8. ' 
SOLEA squamis minulis, Klein, Hist. Pise. Miss. iv. Fase, iii, art. xv. p. 3i. sp. 1. 

SOLEA tota laevis; vera ac genuina LINGOLACA, Klein, Hist. Pise. Miss. ì-^. Fasc.in. art.xy.p.52.sp.2.lab.ìi.fig.5. 
SOGLIOLA, Getti, Anfibi e Pesci Sard. III. p. 112. 

SOLE, Belon, Nat, et Pourtr. Poiss. lib. 1. p, fig, in p, i44- Cuv, Rcgn. Anim. 2, ed. II. p. 343. 
PLEDRONECTE SOLE, Lacép. Hist. Poiss. loco citata. 
' SOLE, Penn- Brit. Zaol. III. p. 190. sp, j. 



uno dei pochi Pleuronectidi che il mediterraneo possiede in comune coli' Ocea- 
no, e il buon sapore e la salubrità della carne lo rendono molto pregiato lungo i lidi 
di tutta l'Europa, e dell'Affrica settentrionale. Il nome Solea sotto il quale questo Pesce 
fu conosciuto dai Romani antichi dev'essere stato suggerito dalla forma del corpo che fu. 
paragonato alle suola dei calzari. Ugualmente antico è il nome Lìngulaca datogli per 
la somiglianza che ha con una lingua. Oggi i Romani lo chiamano Linguattola; dicesi 
Palaja dai Napoletani, dai Sardi e dai Messinesi; Linguata dagli altri Siciliani; Lingua 
dai Genovesi; Sogliola dai Toscani; Sfoglia dai Marchegiani; dai N enaìi SfogiOj^ e più 
specialmente Sfogio no&tran o Sfogio gentik 

26 



SOLE A VULGARIS. 



Le profondità dei mari sono il teatro delle più atroci violenze, e il non aver mai 
quiete è la condizione comune dei muti suoi abitatori. Tutti insidiano e sono insidiati 
a vicenda; sempre il debole, il timido, il semplice subisce l'oppressione dell'astuto, del- 
l'audace e del forte. Le Sogliole, e con esse tutte le specie di Soleinìj fornite come sono 
di mascelle assai deboli, hanno la disgrazia d'esser temute da pochi e d'eccitare la cupi- 
digia .di molti prepotenti nemici. I Granchi sopra tutto e gli altri grossi Crostacei fanno 
loro una guerra continua e mortale. I Pescatori non cessano d'adoperar ogni arte ai lor 
danni, ed aguzzano l'ingegno per farne prede copiose con reti, con ami, con nncini 
scagliati nell'acqua e con altri ordigni. Come gli altri Pleuronectidi durante l'inverno 
questi Pesci si trattengono nei fondi più cupi, e solo d'estate s'accostano alle spiagge, e 
talvolta s'inoltrano per qualche tratto nei fiumi, o nei laghi prossimi al mare. La lor 
carne non si corrompe sollecitamente, anzi nei climi e nei tempi men caldi col divenire 
alquanto stantìa acquista pregio invece di deteriorare. 

S'è detto a proposito del Pleuronectes macrolepidotus in che consista la sottofami- 
glia dei Soleini. In essa i pezzi operculari di ciascun lato sono riuniti insieme, talché 
formano una lamina sola. Gli occhi sono piccioli, con la pupilla rotondata. Le narici 
picciolissime quasi incospicue sono situate a coppie innanzi all'uno e all'altro occhio. 
Le scaglie sono cigliose anteriormente. La linea laterale è retta. 

I due generi Solea e Plagusia in cui suddividiamo questa sottofamiglia si distinguo- 
no principalmente perchè nel primo la bocca è disuguale fornita di denti da un lato 
solo, la pinna dorsale ha origine molto innanzi agli occhi, le ventrali sono distinte, 
le scaglie aderenti; laddove nel secondo la bocca è simmetrica con denti impiantati da 
ambedue i lati, la pinna dorsale ha origine al di sopra degli occhi, le ventrali sono riu- 
nite in una sola, e le scaglie decidue. 

Comuni a tutte le Solece sono i caratteri seguenti. Corporatura oblunga, talché la 
lunghezza eccede anche più di tre volte l'altezza. Il lato destro colorato intensamente, 
il sinistro bianco. Capo picciolo, anteriormente rotondato, con la mascella superiore 
più sporgente dell'inferiore: bocca fessa mediocremente, col taglio del lato destro ar- 
cuato più curvo nella metà anteriore che nella posteriore, quello del lato sinistro più 
profondo, più curvo nella metà posteriore che nell'anteriore, e con le labbra assai più 
grosse e più sporgenti: da quella parte la bocca è protrattile lateralmente. Osso mascel- 
lare tenuissimo, affatto nascosto dalle labbra. Denti sottili, acuti, flessibili, disposti in 
più ordini tanto nella mascella superiore quanto nell'inferiore dal solo lato più pal- 
lido, e sopra le ossa contigue alle fauci. Occhi collocati a destra, mediocremente appros- 
simati e poco sporgenti, il superiore dei quali sta all'altezza della linea laterale, quello 
di sotto è prossimo alla bocca. Una papilla cirriforme serve di valvula alla prima narice 
della coppia inferiore. Dal lato opposto agli occhi due verruche (o una sola), oltre un 
gran numero di papille piliformi, brevi, che rendono lanuginosa la metà anteriore di 
quella porzione del capo. Linea laterale retta, alquanto più vicina al dorso che al ven- 
tre. Scaglie tenacemente aderenti alla cute, picciolo, col tratto inferiore, che serve di 
gambo, rettangolare, nel rimanente altrettanto larghe che lunghe, rotondate anterior- 
mente, e orlate di dentelli acuti. La dorsale ha origine al di sopra del muso molto in- 
nanzi agli occhi; tanto essa quanto l'anale hanno i raggi indivisi, tutti inclinati all' in- 
dietro, e si stendono fino alla coda, ma per lo più sono distinti dalla pinna caudale: am- 
bedue queste pinne sono rivestite di picciolo scaglie alla base dei raggi, e non hanno 



SOLE A VULGARIS. 



tubercoli alla radice. Anteriormente all'origine dell'anale eyyi una spina incospicua, 
non acuta. Pinne laterali poco sviluppate: le pettorali talvolta mancanti: le ventrali 
sciolte o appena congiunte alla base, quasi simmetriche, collocate più innanzi delle 
pettorali. Ano che s'apre vicino alla gola immediatamente dietro alle pinne ventrali sul 
margine della carena del ventre dal lato sinistro. Pinna caudale oblunga quasi roton- 
data, coi raggi dicotomi. Canale intestinale lungamente circonvolto. Intestini ciechi man- 
canti. Il numero delle vertebre vario secondo le specie. 

Considereremo questo genere come suddiviso in cinque sottogeneri. Solea più propria- 
mente potrà dirsi il gruppo in cui ambedue le pinne pettorali sono bene sviluppate, e le 
pinne ambienti il corpo distinte. Applicheremo il nome Symphurus alle specie in cui le 
pinne ambienti sono tutte collegate, come nel genere Plagusia. Riuniremo sotto il no- 
me Microchirus le specie in cui la pinna pettorale sinistra è assai minore della destra, e 
sostenuta da tre raggi al più. Sotto il Monochii'us porremo quelle in cui la pettorale si- 
nistra manca del tutto; e sotto Vuéchirus le specie in cui manca la pettorale sì da im 
lato che dall'altro. In questi tre ultimi sottogeneri le piinie ambienti il corpo sono 
fra loro distinte come nel primo. Sarà inutile il far notare che adottiamo il nome 
Sfmphurus^, come abbiamo fatto di Scophthalmus e di BothuSj in un senso affatto di- 
ytvso da quello in cui l'usò il Rafinesque. 

La Sogliola volgare f Solea vulgaìùsj appartiene al gruppo Solea propriamente detto. 
La circoscrizione del suo corpo è linguiforme colla carena del dorso e del ventre curva 
leggermente in tutta la metà posteriore. L'altezza, esclusa la pinna dorsale e l'anale, è 
contenuta più di tre volte nella lunghezza. La pinna caudale comprende l'ottava parte 
della lunghezza del corpo. Il capo è un poco più alto che lungo : la sua lunghezza è 
poco meno d'un quinto di quella di tutto il Pesce, Il muso è ottusissimo, rotondato. La 
distanza fra un'occhio e l'altro supera il diametro maggiore d'una delle orbite, e cor^ 
risponde ai due terzi dell' intervallo che corre fra l'occhio di sotto e l'apice del muso, 
e della distanza che corre fra l'angolo interno della bocca dal lato destro e la punta 
della mascella di sopra: fra l'occhio inferiore e Pestremità dell'operculo corrono tre 
diametri dell'orbita. Quasi contigua al labbro al di sopra del punto medio dell'arco della 
bocca evvi una verruca emisferica forata nel centro, il cui diametro è d'una metà mi- 
nore di quello degli occhi. Un'altra verruca consimile, ma più picciola e per lo più 
occultata dalle papille piliformi, siede più indietro e più in alto verso l'origine della 
linea laterale. Le scaglie hanno una forma fra l'ellittico e il rettangolare ; inferiormente 
sono striate a raggi ed hanno la base crenulata: il tratto anteriore è segnato di punti 
ininuti scuri, e il lembo è ornato d'una serie di dentelli subuliformi mediocremente 
lunghi, leggerissimamente piegati all'infuorl. La pinna dorsale incomincia innanzi al- 
l'occhio di sopra, e regna fino alla coda egualmente che l'anale. I raggi cVambedue sono 
larghi alla base e scagliosi per la massima parte dell'altezza; l'apice è bifido. La cau- 
dale alla base è disgiunta appena dalle due pinne contigue, posteriormente è rotondata. 
I suoi raggi superano d'un terzo i raggi maggiori dell'anale, della dorsale e della petto- 
rale destra, che sono uguali fra loro. La pettorale sinistra è un quinto più breve dell'al- 
tra. Le ventrali sono libere e distano dalP anale d'uno spazio lungo quanto il diametro 
d'una delle orbite. La loro lunghezza corrisponde ai due terzi della lunghezza della 
pettorale sinistra. 

26* 



SOLE A VULGÀRIS, 



Il lato destro comprese le pinne ambienti è cinereo-bigio tendente più o meno al ca- 
stagno chiarO', al bruno o all'olivastro, uniformemente colorato o macchiato disordinata- 
mente di tinta pili intensa, secondo i fondi frequentati dall'animale. Se ne veggono 
esemplari quasi neri. Il lato sinistro è bianco. La pinna pettorale destra porta nna 
macchia nera nel terzo superiore, la sinistra è bianca, ma v'è una varietà in cui an- 
che l'apice di questa è tinto di nero. La colonna vertebrale conta quarantotto vertebre. 

Questo Pesce ordinariamente pesa al di sotto d'una libbra da dodici once. Nel me- 
diterraneo raro è che se ne incontrino esemplari di tre libbre o anche di due. Nel- 
r Oceano giungono ad acquistare una mole molto maggiore. Un'individuo del peso di 
sette once era lungo un piede. 



1 



SOLEA KLEINII 

SOGLIOLA TURCA 



soLEJ longitudine altitudinem triplo cum dimidio superante j castaneo-cinereaj, fusco et la- 
cteo variegata; pinnis corpus ainbientibus nigro marginatis; pectorali dextera nigra 
apice alba: squamarum ciliis brevissimis . D. 80. A. 64. P. 9. V- 6. C. 19. 

RHOMBOs KLEiNii, KissOy Hist. Nat. III. p. 2SS. sp. 146. 
EHOMBus POLus, Ris&o, Hist. Nat. III. p. 480. tab. j.nì.Jig. 32. 
PLEURONECTES SOLEA var. Sfoggio Turco, Nacc. Ichtli. Jìdr. p. ii. sp. 29. 
PLEURONECTES SOLEA var. A. Nardo, Prodr. IclUli,. Adr, sp. i36. 

X0RBOT DK KLEIN, RisSO, locO citato. 



jLjL Venezia questo Pesce suol chiamarsi Sfogio Turco j Turchetto o S agretto. Gli 
esemplari che abbiamo sott' occhi provengono tutti da quella parte dell'Adriatico; ma 
è verosimile che viva intorno a tutta la Penisola, e che di rado si lasci prendere 
perchè ha il costume di trattenersi costantemente nei fondi ingombrati dalle alghe. 

Il Signor Risso scuopritore della specie la rinvenne nel mare di Nizza, e ne pubblicò 
una figura mediocre nella sua Storia Naturale delle principali produzioni dell'Europa 
meridionale. La riferì al genere RhombuSj e nel testo del suo scritto la chiamò Rhom- 
bus Kleinii. Nella spiegazione delle tavole però invece di questo inserì il nome Rhom- 
bus PoluSj, non già che credesse il suo Pesce identico con la Pole dei Parigini fPleu- 
ronectes Pola^ Cuvier) ch'è una PlatessUj ma perchè era persuaso che fosse tutt'uno 
con la Pole del Rondelet, detta latinamente da quell' autore Cjnoglossus. Adottiamo il 
primo dei due nomi specifici recati in mezzo dal Risso, perchè sebbene non. conoscia- 
mo il motivo che l'ha suggerito, non abbiamo obiezione da allegar contro di esso. Il 
secondo all'opposto ci sembra inammissibile sotto tutt'i rispetti, e massime perchè 
è appoggiato ad un'errore. Infatti la Pole del Rondelet, ch'è Pesce straniero al mar 
mediterraneo, s' allontana manifestamente dalla specie di cui stiamo trattando, perchè 
ha gli occhi situati dal lato opposto. 

La Sogliola Turca non solo appartiene al genere Solea^ ma propriamente al 
gruppo delle Soleae genuine. Il soggetto che abbiamo fatto effigiare è uno dei mi- 
nori; se ne incontrano però alcuni grandi quasi quanto gli esemplari ordinar] della 
Solea vulgaris^ Nello stato sotto il quale presentiamo questo Pesce il contrasto, dei 
colori si fa vedere più deciso ; secondo che l'animale invecchia svanisce a gradi il 
nero delle pinne che cingono il corpo, e specialmente dal lato in cui sono, gli occhi. 

Il suo corpo è piuttosto allungato, nel tratto anteriore rotondato, e in tutta la 
metà posteriore si ristringe a guisa di cuneo. L'altezza è contenuta tre volte e mezzo 
nella lunghezza, di cui la pinna caudale non giunge ad occupare la decima parte. Il 

26» 



SOLEA. KLEINII. 



capo è più alto che lungo, ed è contenuto ben cinque volte nella lunghezza totale. 
Il muso è ottuso e rotondato. Gli occhi sono vicini e gra^ndi, quello di sopra situato 
molto all' innanzi : la distanza che li separa è minore della metà del diametro d'una 
delle orbite: dal lembo anteriore dell'occhio di sotto all'apice del muso corre una 
distanza che corrisponde ad un diametro e mezzo delle orbite ; poco minore è la di- 
stanza che passa fra la punta della mascella e l'angolo della bocca; l'interyallo fra 
l'occhio di sotto e l'estremità dell' operculo comprende due volte e mezzo il diame- 
tro dell'orbita. Le papille piliformi del lato èinistro del capo sono lunghe, abbondanti: 
le due verruche sono situate come nella Solea vaì^aris^ e dell' istessa grandezza. 
Anche la pinna dorsale e l'anale sono conformi a quelle della detta specie : la pinna 
caudale è rotondata, e i suoi raggi più lunghi eccedono d'un quarto soltanto i raggi 
maggiori della dorsale, e superano del doppio la pettorale destra, eh' è alquanto mag- 
giore della sinistra. Le ventrali distane dall' anale d'uno spazio lungo appena quanto 
un terzo del diametro dell'orbita: i loro raggi sono un terzo più brevi di quelli 
della pettorale destra. Le scaglie hanno la forma di quelle della Solea vulgaris^ ma 
sono assai picciole ; i dentelli del loro lembo anteriore sono molto brevi, e poco o nulla 
piegati ali' infuori; quindi tutto il Pesce può dirsi liscio in paragone delle a\\ie Soleae, 
Il colore del lato destro è un castagno cinericcio sparso di macchie picciolissime, 
altre oscure, altre lattee. La pinna dorsale, l'anale e la caudale dallo stesso lato destro 
hanno le tinte del corpo verso la base, e superiormente sono d'un nero quasi mora- 
to: dal lato sinistro per un terzo dell'altezza i raggi sono latteo-sordidi e la membra- 
na che li connette è nereggiante; verso l'estremità il nero è intenso più che nell'altro 
lato. La pettorale destra ha la base del color del corpo, quindi è nero-morata, ed è 
terminata di bianco; la sinistra è tutta bianca, e tale è il fondo di tutto quel lato. 



\ 



g 



SOLEA OCULATA 

SOGLIOLA OCCHIUTA 



SOLEA longitudine altitudinem triplo superante^ cinereo-casianeaj maculis quùique nigris 
margine aureo-punctatis: squamis subsquarrosisj rigide ciliatis. 
D. joi 58. P. S. F: 6. C. ij. 

SOLEA OCULATA, Rondel. Pisc. I. Uh. li. cap. xlj. p. 022. Gesn. Aquat. III. lib. ìv. p. 667. fig. in p. 669. 
Aldrov- Pisc. lib. ii. cap. xliii. p. 235. fig. in p. 236. ìVillughh. Ichlhyogr. p. 100. tal. i''. 8. fig. 4- 
Jonst.Pisc. II. lib.ì. tit. ii. cap. ii. art. ii.punct. i. p. 5']. tab.ti.fig. 1 1 . Risso, Hist. Nat. III. p. "2/^8. sp. i5'], 

PliEUKONECTES PEGUSA, Lacép. Hist. Poiss. iv. p. 609. 

PLEUKONECTES OCELLATUS, Schtieid. JBloch, Syst. p. 147. sp. 11. tab. ^iO. Risso, Ichth. Nic. p. 009. sp. 4- 
nec Lina. 

riiEURONECTES EONDELETII, ShaW, Geli. Zool. IX. p, 50-]. 

SOLEA PEGUSA, Rafiii. Ind. Itt. Sic. sp. So. 

SOLEA OCELLATA, Cloquet ÌTi Dict. Sc. Nat. XLIX. p. 416. 

SOLEA, maculis rotumlatis, oculos referentibus, Klein, Hist, Pisc. Miss. iv. Fase. iii. art. xiv. p. Sa. sp. 3. 
PÉGOUSE, Rondelet, loco citato. Duhamel, Péches III. Seot. ix. p. 269. tab. Xi.Jìg. 4- 
SOLE 0CELLÉE5 Risso, loco citato. 

"Vive intorno a tutta la Penisola Italiana, ma perchè non s'allontana mai dai 
fondi più cupi viene pescata assai raramente. Le macchie nere orlate d'un' aureola 
di punti gialli che porta dal lato destro diedero motiyo al Rondelet di dirla Solea 
oculata. Linneo non la conobbe, ma avendo egli pubblicato sotto il nome di Pleu- 
ronectes ocellatus un Pesce del Surinam ornato di quattro macchie scure coli' orlo 
bianco, vi furono autori posteriori, che non guardando tanto per la minuta confusero 
i vocaboli oculata e ocellatus., l'orlo dorato con l'orlo bianco, la stazione del Suri- 
nam còn quella del Mediterraneo, e di due esseri diversi costituirono una specie 
sola. Così avvenne che lo Schneider si trovò impacciato, allorché intento a dar no- 
tizia del Pleuronectes ocellatus di Linneo, mentre aveva per le mani il pesce del Ron- 
delet, ebbe a conciliare la diagnosi linneana con l'espressione dei caratteri che ve- 
deva. Fortunatamente il Signor Risso, che pure viveva nell'abbaglio dello Schneider, 
quando annoverò per la seconda volta il Pesce Rondeletiano fra quelli del Mar di 
Nizza scrisse Solea oculata piuttosto che ocellata., e , così venne a stabilire un distinto 
opportunissimo nome sistematico, identico con l'antica appellazione del Rondelet. Nel- 
l'altrui errore non era caduto lo Shaw, che per distinguerlo dalla specie Linneana 
chiamò il nostro Pesce Pleuronectes Rondeletii : ed è probabile che del medesimo essere 
intendesse parlare il Lacépède quando stabilì il suo Pleuronectes Pegusa^ prendendo 
ad imprestito come nome specifico l'appellazione volgare Pégouse accennata dal Ron- 
delet. Ma oltreché la diagnosi del Lacépède non s'accorda di tutto punto coi veri 
caratteri della specie propria del mediterraneo, ciò ch'egli dice d'un pesce delle ac- 
que di Gaen che suppone identico con la sua Solea Pegusa dà qualche argomento di 

27 



SOLEA OCULATA. 



dubbio sulla natura dell'oggetto ch'egli ebbe in yista. Anche il Rafinesque diede ad 
un Pesce del Mar di Sicilia il nome di Solea Pegusa^ e questo deve corrispondere 
senza meno alla nostra Solea oculata: quindi il nome Solea Pegusa sarebbe a rigore 
il più antico dei nomi sistematici. Nulladimejio ci giova rigettarlo come quello che 
oramai è stato usato in sensi tanto diversi, che diverrebbe sorgente indubitata di con- 
fusione. Infatti il Risso l'ha usurpato per un'altra specie che noi descriveremo come 
Solea monochirj ed un'autore Inglese il Signor Yarrell se n'è prevalso per applicarlo 
ad un pesce dell'Oceano, diverso anch'esso ed ornato di macchiette numerose prive 
d'aureola, sotto il quale riferisce indistintamente la Pégouse di Rondelet, la Pegusa (Ì<ò\ 
Lacépède, e quella del Risso che corrispondono come abbiamo accennato, a due e forse 
a tre esseri distinti. /' 

La circoscrizione di questo Pesce è ovato-linguiforme : l'altezza è contenuta più 
di tre volte nella lunghezza: la pinna caudale è compresa in questa sette volte e mezzo. 
Il capo somiglia a quello della Solea vulgaris : esso è alquanto più alto che lungo, la 
sua lunghezza è la quinta parte di tutto il Pesce. Le scaglie di tutto il corpo hanno 
la solita forma, ma sono grandi, e la porzione scoperta è piegata notabilmente all'in- 
fuori; locchè fa apparire il Pesce molto ruvido, quantunque i dentelli del lembo ante- 
riore delle scaglie sieno mediocremente lunghi: quelle di sotto sono piuttosto acute 
e fortemente striate. La pinna dorsale e l'anale giungono fino alla coda, dalla quale 
rimangono disgiunte : i loro raggi sono molto scagliosi, e l'altezza dei maggiori cor- 
risponde ai due terzi della lunghezza della pinna caudale. La pinna pettorale destra è 
lunga quanto la metà della caudale; la sinistra è quasi un terzo più breve dell'altra. 

Il lato destro della Solea oculata è d'un colore cinereo-cervino che tende al casta- 
gno e all'olivaceo, variegato di colore più cupo. Verso il mezzo del corpo, ma un 
poco più vicino al muso che alla coda, è segnata una macchia grande irregolare, ne- 
rastra orlala di bruno, che nel maggior diametro supera del doppio l'apertura della boc- 
ca. Altre quattro macchie nere rotondate e più picciolo ornano la parte superiore; due 
collocate presso la carena del dorso, due verso quella del ventre, corrispondendosi 
reciprocamente una coppia al di sopra dell'altra. Queste macchie sono contornate da 
un'anello di punti gialli, che le rende oculiformi. Nella metà anteriore, fra la mac- 
chia grande e il capo scorgonsi due altre macchie meno intense e situate del pari una 
verso la carena del dorso, l'altra verso quella del ventre al disotto della prima. La pinna 
dorsale, l'anale e la caudale verso la base portano gli stessi colori del dorso, nel re- 
sto volgono un poco al nerastro. La pettorale destra è fosca all'apice: la sinistra è lat- 
tea, come il resto del corpo dal lato medesimo. 

Il carattere delle macchie della Solea oculata è certamente molto cospicuo ; non 
sembra però sufficiente a distinguerla con sicurezza da certi esemplari della Solea 
vulgaris macchiati in modo quasi consimile. Assai più degna di nota è la particolar 
natura delle scaglie della nostra specie, che essendo inflesse all' infuori rendono la 
superfice di tutto il pesce sommamente aspra, e aderiscono al corpo siffattamente, che 
per trarlo via convien ricorrere all'immersione nell'acqua bollente. Questo è appunto 
l'opposto di ciò che s'incontra in altri Pleuronectedi^ le cui scaglie si staccano al me- 
nomo urto, e di rado o non mai si conservano sulla pelle. 



SOLEA LASCARIS 

SOGLIOLA DAL PORRO 

(~ 



SOLEA longitudine latitudinem duplo cum dimidio superante^ bruiineo-olivaceaj viridi pur- 
pureoque variegata: capitis verruca singularì maxima : pinnae pectoralis dexterae 
macula centrali nlgra. D. 78. J. 60. P. 8, r. 5. C. 19. 

PLEURONECTES LASCARIS, Risso, Ichth. Nic. p. 3ii. sp. 6. ta7}. -vu. flg. 52. 

SOLEA LASCARIS, Risso, Hist. Nat. III. p. 249. sp. i58. Cloquet in Dict. Se. Nat. XLIX. p. 417, 
rLEUKONECTEs SOLEA ^'ar. Sfoggio dal poro, Naccari, Itt. Adr. p. 11. sp. 29. 
PLECRONECTES SOLEA, var. c. Nardo Prodr. Adr. Icìith. sp. i36. 

PLEDRONECTES THEOPHILDS ? RissO, Ichtìl. Nic, p. 3l3. sp. 8. juv. 

EHOMBOS THEOPHiLus? Risso, Hist. Nat. III. p. 256. sp. 148. juv. 

È( piuttosto comune questa Sogliola nelle acque di Venezia, in quelle di Nizza, e 
lungo i lidi Romani. Fra noi i pescÌTendoli che hanno appreso a distinguerla dalla Solea 
vulgaris la chiamano Linguattola di rena, perchè ha per costume di frequentare i fondi 
arenosi. A questa circostanza si deve il poco pregio in cui è tenuta la sua carne, es- 
sendo noto che le migliori Sogliole sono quelle che vivono sopra fondi grassi e fan- 
gosi. I Pescatori Veneti la chiamano Sfogio dal poro desumendo tal nome da un no- 
tabile carattere anatomico, cioè dalla presenza d'una gran verruca o porro, che si fa 
scorgere sul lato piìi pallido del capo di questo Pesce. 

Appartiene la Solea Lascaris al gruppo delle Soleae genuine. La circoscrizione del 
suo corpo è meno allungata di quello che suole nelle specie di tal sottogenere. Infat- 
ti l'altezza non giunge ad esser contenuta tre volte nella lunghezza totale. La pinna 
caudale costituisce l'ottava parte dell' indicata lunghezza. Il capo è più alto che lun- 
go : esso è contenuto cinque volte e mezzo nella lunghezza totale : il muso è roton- 
dato e sporge notabilmente all' innanzi dell'apice della mascella. Gli occhi sono gran- 
detti, e l'intervallo, che li disgiunge è minore del diametro d'una delle orbite: fra 
l'inferiore e la punta del muso corrono circa tre diametri della propria orbita : àun 
di tali diametri si misurano dall'apice della mascella all'angolo della bocca. La metà 
anteriore del capo dal lato sinistro è coperta dalle solite papille piliformi molli. Presso 
la bocca, al di sopra della metà dell'arco ch'essa descrive, sorge una verruca cilin- 
drica carnosa, assai cospicua, il cui diametro corrisponde all' incirca a quello d'una 
delle orbite, e che ha l'altezza d'un semidiametro. Superiormente è piana o alquanto 
concava, spalmata d'umore vischioso, ed ha il disco segnato da solchi disposti a stella; 
nel centro e lungo l'asse è forata. Niun' altra verruca minore è discernibile nel ri- 
manente del capo. Le scaglie che cuoprono tutto il corpo sono alquanto maggiori di 
quelle della Solea vulgaris ^ ma della stessa forma, e del pari striate a raggi inferior- 
mente, e crenulate alla base, col lembo anteriore arcuato, orlato di dentelli subuliformi 



SOLEA. LASCARIS. 

lunghetti leggermente piegati all' infuori. La pinna dorsale ha origine molto innanzi 
all'occhio di sopra, e corre ugualmente che l'anale fino alla coda, I raggi d'amhedue 
sono grossi, larghi alla base, scagliosi per la massima parte dell'altezza, coli' apice sem- 
plice o bifido; i maggiori sono lunghi quanto la metà dei raggi della caudale. Que- 
st'ultima è rotondata posteriormente. I raggi della pettorale destra hanno due terzi 
della lunghezza di quelli della caudale. La sinistra è appena piìi hreye. Le yentrali 
sono disgiunte d'un breve tratto dall'origine dell'anale, libere, e lunghe men della 
metà delle pettorali. 

Il colore del lato destro è un cinereo-lionato, variegato di verde e di ferrigno, 
spruzzato di nero finché l' animale è giovane. La pinna pettorale destra è di color 
d'arancio dilavato, ed ha una cospicua macchia nera rotondata situata verso l'apice, 
che è biancastro: la sinistra è intieramente lattea, al pari di tutto quel lato del corpo. 

La mole di questo Pesce suol essere minore di quella della Linguattola volgare. 
Nella tavola che presentiamo si troverà delineato separatamente il porro del capo, 
quale apparisce sotto la lente. 

Il Pleuronectes Theophilus del Risso, stando alla descrizione dell'autore, non avrebbe 
ad esser distinto dal giovane della specie presente, perchè in questo gli spruzzi neri 
sono assai più numerosi e notabili che nell'adulto, 



I 



SOLEA MANGILII 

SOGLIOLA FASCIATA 



MiCRocHiBus castaneo-cinereuSj fasciis ohscurioribus : pinna dorsali^ analij corporisque 
margine nigro-maculatisj caudalis subrotundatae apice nigricante: oculis majuscuUsj 
remotiusculis. D, 70, A. 56. P. dext. 5. sin. 3. 5. C. i5. 

PLEBESONECTES MICROCHIE0S, Delaroche, Mém. Poìss. [vie. in Ann, Mas. H. Nat.XIII. p.356. tah.'ìo. fig.i. 

PLEURONECTES MANGILI, RissO, Ichth. Nic. p. 3x0. sp. 5. 

EHOMBus MANGILI, Misso, Hist. Nat. III. p. 255. sp. i47- 

PLEUKONECTES FASciATus, Nardo, Osserv. Iti. Adr. in Giorn. Brugn, Id. Prodr. Adr. Ichth. sp. i5']. 
PLEur.oNECTES TKiCHODACTYLUS ? Lacép. Hist.N at. Poiss. IV. p. 641. 
PLEUKONECTES LiNGUATULA? Bonnat. Tabi. Euc. Ichth. p. 66. sp. l3. 
M0N0CHIRU3 LINGUATDLA, Cloquet in Dict. Sc, Nat. XXXII. p. 460. sp. 1. 

MONOCHIKDS MANGILLI, Id. Ibìd. p. ^6l. Sp. 2. 

SOLEA PAKVA sive LINGULA, Roudcl. Pisc. I. Uh. xi. cap. XV. p. 324. Gesn. Ar/uat. III. Uh. iv. p. 669. 

Id. Icon. Aquat. p. 4o3. Aldrov. Pisc. Uh. ii. cap. xliii. p. 25'j. Jonst.Pisc. II. lib. i. tit. iii. cap. ii. 

art. lì. punct. i. p. 58. Willughby,Ichth. p. 101. tab.F. ?i. fig. 1. 
SOLEA parva; dodrantalem magnituclinem numquam excedens; linea corpus dirimente ex squamis majoribus illis, 

quae in reliquo corpore conflata, Klein, Hist. Pisc. Miss. IV. Fase. ili. art. xiv. p, 3a. sp. 4- 

PETITE SOLE DE LA MEDITERKANEE, Cloquet, locO cltatO. 
PLBtIRONECTE DB MANGILI, RissO, locO citata. 



Ijungo i lidi di tutta l'Italia è piuttosto frequente questa Sogliola, e così pure sulle 
coste Spaglinole del mediterraneo e intorno alle sue Isole. La sua mole è picciola, ed è 
raro il yederla giungere ad avere la lunghezza di cinque pollici e mezzo. A Roma vien 
detta Lingua di Cane^ nel Genoyesato Lingua bastarda^ i Veneti la chiamano Sfogio pe- 
loso: tutti questi nomi però sono dati promiscuamente a questa ed alla Solea lutea j 
di cui fra poco ayremo occasione di tener discorso. 

Il solo degli autori antichi da cui sia stata conosciuta è il Rondelet. Rimase ignota ai 
Sistematici fino all'epoca in cui il Signor Delaroche la descrisse e l'effigiò negli Annali 
del Museo di Parigi sotto il nome di Pleuronectes microchirus. Con questo secondo a^o- 
cabolo egli intese ricordare l'estrema picciolezza della pinna pettorale sinistra, che si fa 
notare in questo pesce. Ma perchè siffatta condizione è comune a parecchie specie, che 
a noi è sembrato opportuno riunire per costituirne un particolar gruppo subordinato a 
Soleaj abbiamo assunto l'appellazione Microchirus pel gruppo intiero, e come nome spe- 
cifico della medesima abbiamo ritenuto il vocabolo Mangiliij usato dal Risso che ne 
trattò quasi contemporaneamente al Delaroche. 

Il Cuvier comprende le Soleae del nostro sottogenere Microchirus sotto il suo grup- 
po Monochir; esse però hanno forse maggiore affinità con le Soleae propriamente dette. 
Questa considerazione ci ha indotto a separarle, e lasciare il nome Monochirus all'altro 



SOLEA MANGILir. 



sottogenere caratterizzato principalmente dalla mancanza assoluta della pinna petto- 
rale del lato sinistro. 

Nelle Soleae del sottogenere Microchirus la statura è picciola; il taglio della boc- 
ca è poco obliquo, e non molto arcuato; i denti sono tanto minuti, che si discernono 
a mala pena sotto la lente: il corpo è piuttosto largo in paragone delle Soleae genuine: 
le pinne ventrali sono picciole: le pettorali picciolissime, come già s'è accennato; quella 
del lato scolorato però è anche minore dell'altra, ed ha tre soli raggi tenui oltremodo. 

La circoscrizione del corpo della Solea Mangila è ellittica, segnando il tratto yicino 
alla coda una curva poco dissimile da quella del tratto anteriore. La carena del ventre 
è più arcuata di quella del dorso. L'altezza è contenuta tre volte e mezzo nella hm- 
ghezza totale. In questa stessa lunghezza è compreso cinque volte e mezzo il capo, 
che è ugualmente alto che lungo. La coda è poco men lunga della sesta parte del 
corpo. Gli occhi sono grandetti, e l'intervallo che passa fra l'uno e l'altro supera la 
metà d'un diametro delle orbite. Fra il superiore e l'apice del muso corre la misura 
d'un' intiero diametro, e quasi tre di queste misure si contano fra l'inferiore e il mar- 
gine dell' operculo. La distanza fra l'apice della mascella e l'angolo della bocca corri- 
sponde a poco più d'un diametro delle orbite. La caudale è rotondata. La pinna pettorale 
destra ha cinque raggi, ed è lunga quanto il taglio della bocca: il raggio maggiore della 
sinistra è lungo appena quanto la metà della destra. Le ventrali sono di poco più lunghe 
della pettorale destra e della metà dei raggi più alti della dorsale : questi hanno poco 
meno della metà della lunghezza del capo e del terzo dell'altezza del corpo. Le scaglie 
che vestono il corpo ed il capo sono picciole, rotondate anteriormente e striate, poi mar- 
gine orlato di dentelli tenui, mediocri, alquanto piegati all'infuori, locchè rende piut- 
tosto ruvida la superficie di tutto il Pesce. 

Tutto il lato destro è d'un color carneo-scuro volgente al cinereo-castagno, ed ha 
quattro o cinque fasce verticali irregolari più cupe, che dopo la morte dell'animale 
svaniscono prontamente. La pinna dorsale e l'anale sono ornate di macchie grandi nere 
sparse irregolarmente, che si stendono sulle parti contigue del dorso e del ventre; po- 
steriormente sono orlate di biancastro: la pettorale destra è del color del corpo; le 
ventrali hanno le tinte della pinna anale e della dorsale. La caudale porta una larga 
fascia scura verso l'apice. Tutto il lato sinistro è bianco latteo. 



I 

PLAGUSIA LACTEA 

PLAGUSIA LATTEA 



PLJQUSU carneo-lactea pellucida; oculis sinistrisi pinnis corpus ambientihus coherentibus 
secus basim nigro-maculatis. D. C. A. 162. P. 0. V. 4. 



I libri d'Ittiologia non fanno alcuna menzione di questo curioso Pesce, che è 
indigeno del nostro mare., e frequentemente si porta a vendere in Roma insieme con 
l'altra minutaglia. 

La sua mole è piccìola, e di rado eccede in lunghezza la misura di quattro pol- 
lici. Il corpo è compresso-ancipite, con la circoscrizione ovato-allungata, assottigliata 
a cuneo nel tratto posteriore, e terminata in punta: il contorno della carena del dorso 
segna una linea alquanto più curva di quella del ventre. L'altezza, esclusa la pinna 
dorsale e l'anale, è contenuta tre volte e mezzo nella lunghezza totale : di questa il capo 
comprende circa una quinta parte, la pinna caudale una tredicesima. Il capo è poco più 
alto che lungo, poco ottuso anteriormente, con la mascella superiore appena più spor- 
gente dell'inferiore. Gli occhi sono piccioli, situati a sinistra, uno verticalmente al di 
sotto dell'altro, tanto vicini fra loro che quasi si toccano, distanti dall'apice del muso 
d'un tratto che corrisponde a due diametri delle loro orbite: dall'inferiore al lembo 
posteriore dell' operculo si misurano sette di tali diametri. Le mascelle non sono pro- 
trattili in alcun senso. Il taglio della bocca è lungo quanto due diametri delle orbite, 
poco obliquo quasi retto nella metà anteriore, posteriormente alquanto curvo all' ingiù, 
dal lato destro appena sensibilmente più arcuato che dal sinistro. I denti sono sottilissi- 
mi, acuti, fitti, impiantati in ambedue le mascelle sì a destra che a sinistra. L'osso 
mascellare è occultato dalle labbra. Il preoperculo è affatto indistinto. L'operculo si 
protrae notabilmente all' indietro ; il suo angolo posteriore resta diviso in due da un 
seno piuttosto profondo. Dal lato opposto agli occhi il capo è privo di papille piliformi 
e di verruche. L'origine della pinna dorsale corrisponde al di sopra del lembo anteriore 
degli occhi : tanto essa quanto l'anale procedendo verso la parte media del corpo s'in- 
nalzano poco sensibilmente, quindi tornano ad abbassarsi in modo analogo, segnando 
un'arco col loro margine : posteriormente si congiungono e si continuano con la cau- 
dale, che termina quasi in punta. L'altezza maggiore dei raggi della dorsale e dell'anale 
supera d'un terzo quella dei raggi della caudale, e corrisponde poco meno che alla metà 
della lunghezza del capo. Le pinne pettorali mancano del tutto. Le ventrali sono riu- 
nite in una sola, e i raggi di questa disposti in un solo ordine hanno l'altezza di quelli 
della caudale; fra il suo raggio posteriore e l'origine dell'anale corre un tratto lungo 
quasi quanto è alto il raggio medesimo. L'ano «'apre presso la carena del ventre dal 
lato opposto agli occhi. Le scaglie che vestono il corpo ed il capo sono adpresse, sottilis- 



f 



PLAGUSIA LACTEA. 



sìme, trasparenti, decidue, ellittiche, lunghe all'incirca quanto una delle orbite, striate a 
raggi nel tratto inferiore, crenulate alla base, cigliose nel margine anteriore, con dentelli 
tenuissimi, breyi, numerosi, fitti. I raggi delle pinne sono nudi. La linea laterale è ret- 
ta : fra questa e la carena del dorso è segnato un leggero solco, che parte dal capo e de- 
scrivendo un arco va a terminare alla coda. 

Dal lato degli occhi il corpo è d'un color latteo carniccino, dal lato opposto è più 
chiaro : le pinne che lo cingono sono dello stesso colore del fondo ; e yerso la base por- 
tano una serie di macchie nere grandette. La ventrale è scolorata. 

Spetta questo Pesce alla seconda delle due sottofamiglie in cui abbiamo ripartito i 
Pleurone elidi j a quella cioè dei Soleini. Le particolarità fin qui esposte però consigliano ' 
a separarlo dalle Soleae^ dalle quali in vero s'allontana per un numero troppo grande 
di capi. Ci è sembrato opportuno il riguardarlo come tipo d'un genere da se, e per que- 
sto abbiamo adottato il nome Plagusia. 

Il Lacépède trattando dei Pesci che noi comprendiamo nella famiglia dei Pleurone- 
ctidi li ripartì arbitrariamente in due soli generi, cioè Pleuronectes ed Achirus^ mettendo 
nell'uno le specie fornite di pinne pettorali, nell'altro quelle che ne son prive. Suddivise 
poi VAchirus in due sottogeneri ai quali non diede alcun particolar nome, e li distinse 
dall'essere nel primo la coda disgiunta dalla pinna dorsale e dall'anale, e gli occhi col- 
locati a destra, e nel secondo la coda congiunta con le due pinne del dorso e dell'ano, e 
gli occhi collocati a sinistra. Il Cuvier, il quale introdusse ragionevolmente nella famiglia 
parecchie suddivisioni, ammise fra le altre VJchirus del Lacépède, e ai due gruppi da 
lui accennati come subalterni applicò i nomi à'Achirus propriamente detto, e di Plagii- 
siuj Brown. Anche stando alla distribuzione del Cuvier il nostro Pesce sarebbe pertanto 
una Plagusia. Ma i principj che hanno guidato noi nello stabilire questo gruppo sono 
lungi dall'essere i medesimi che avevano guidato il Cuvier, il quale seguitò a dare troppa 
importanza ai caratteri desunti dalle pinne, che a nostro giudizio hanno un valor me- 
ramente secondario. Infatti le specie che l'Autore citato pose fra i suoi Achiri propria- 
mente detti, pel complesso dei caratteri che presentano, a noi sembrano meritevoli di 
militar fra le Soleae., e di costituire soltanto un gruppo secondario di tal genere. Den- 
tro i limiti di questo abbiamo osservato in primo luogo che, rimanendo costanti le altre 
condizioni, si modificano di mano in mano quelle che vengono offerte dalle pinne pet- 
torali, perchè essendo queste sviluppate mediocremente nei nostri gruppi Solca genuina 
e SjmphuruSj sono picciolissime e disuguali nel Mìcrochirus^ ed una delle due manca 
del tutto nel Monochirus; quindi non ripugna l'ammettere che manchi sì l'una che Tal- 
tra^entro i limiti del genere stesso. Tal' è il carattere, su cui fondiamo la distinzione 
principale del nostro sottogenere AchiruSj come altrove abbiam detto. Anche la pinna 
caudale congiunta con la dorsale e con l'anale è carattere che troviamo unito a tutte le 
condizioni del genere Solea nel sottogenere da noi denominato Sjmphwiis; nè ci par- 
rebbe cosa strana che la coda riunita alle pinne vicine s'incontrasse in qualche specie 
di Solea insieme colla condizione delle pinne pettorali mancanti. Nel nostro genere Pla- 
gusia all' opposto osserviamo varj caratteri, di cui le Soleae non offrono esempio alcuno, 
e sono la bocca quasi simmetrica, col taglio poco curvo, fornita di denti tanto a de- 
stra quanto a sinistra, il capo privo di papille piliformi dal lato senz'occhi, la pinna 
dorsale non protratta all' innanzi degli occhi, e le pinne ventrali riunite in una sola. 
Queste riguardiamo per ora come le condizioni essenziali del genere. È verosimile che 



\ 



PLAGUSIA LAG TEA. 

alle medesime abbiano ad aggiungersi il corpo molto allungato, poco colorato, pellucido, 
le scaglie trasparenti, decidue, gli occhi collocati a sinistra quasi contigui, l'ano aperto 
presso la carena nel lato destro, e finalmente le pinne pettorali mancanti, e la cau- 
dale riunita con l'anale e con la dorsale. Prima però di ammettere questi ultimi carat- 
teri come principali converrà aspettare che sia conosciuta più completamente la strut- 
tura di tutti quei Pieuronectidij, che sembra debbano far parte del genere Plagusiaj quali 
sono il Pleuronectes Plagusiae a/finis del Brown il Pleuronectes hilineatus di Bloch, 
\Achirus ornatus di Lacépède, il Pleuronectes Jrel di Schneider, il Pl.nigricans del me- 
desimo e il Pleuronectes Potous di Cuvier. Tutti questi pesci, che da noi non sono stati 
mai veduti in natura, si trovano descritti tanto imperfettamente presso gli autori, che 
senza temerità non potremmo proferire sopra di essi giudizio alcuno. 

Ci è ignoto finora il Pesce Siciliano che fu dato dal Rafinesque come tipo del suo 
genere Symphurus corrispondente al secondo sottogenere degli Achiri di Lacépède. 
Probabilmente dovrà riportarsi anch'esso sotto la nostra Plagusiaj e quando pure ciò si 
avveri, poiché il citato autore lo denominò nigrescens^ il solo colore del corpo sarà suffi- 
ciente a distinguerlo dalla nostra Plagusia laotea. 



I 



\ 



( 



I 



) 



( 



; 



/ 




SOLEA LUTEA 

SOGLIOLA GL\LLA 



MicROCHiRus cinereo-luteuSj fasciis maculisque nullis: pinnae dorsalis anaìisque radiis ali- 
quot nigro-caeruleis: caiidalis suhiruncatae apice albicante: oculis minuscuUs, appro- 
ximaLis. V. 'jo. J. 56. P. dext, 5. sin. 3. V. 5. C. i5. 

PLKUP.ONECTES LDTEDS, RissO, Ichth. Nic.p. 3l2. sp. 7. 

\ KHOMBus LUTEus, Risso, Hist. Nat. III. p. 267. sp. lL^g. 

PLEURONECTES TKiCHOD ACTYLUS, JSaccari, Iclith. Adr. p. 11. sp. 26. (ex specim.) 

PLEUENNECTE JAUNE, RissO, loCO citato. 

Fu scoperto il presente Pesce dal Signor Risso, il quale lo pubblicò nell'Ittio- 
logia di Nizza sotto il nome di Pleuronectes luteuSj e ne ripetè la descrizione nella 
Storia naturale dei principali prodotti dell'Europa meridionale chiamandolo Rhombus 
luteiis. Nè egli nè altri autori ne hanno dato mai alcuna figura, anzi il Cuyier trascura 
perfino di farne menzione allorché nella nota della pag. 343 della seconda edizione 
del Règne Animai enumera le specie del gruppo Monochir^, cui spetterebbe secondo i 
suoi principii; mentre all'opposto vi ammette il Pleuronectes Theophilus del Piisso, 
che spetta altrove come s'è visto. E comune lungo tutta l'Italia, e il volgo suol con- 
fonderlo con la Solca Mangila sotto gli stessi nomi vernacoli di Lingua di Cane sulla 
spiaggia Romana, Lingua bastarda nel Genovese, e Sfogio peloso nel Veneto. Infatti c[ue- 
sti due Pesci hanno fra loro una strettissima analogia, e vanno riferiti al medesimo 
gruppo di Soleae^ a quello cioè da noi detto Microchirus. Del resto anche lasciando da 
parte i colori che sono manifestamente diversi, la S. lutea si discosta dalla S. Man- 
gila perchè ha gli occhi più piccioli e più vicini fra loro, il corpo meno allungato, 
più alto anteriormente, più ristretto a cuneo verso la parte posteriore, men ruvido 
alla superfìcie, la pinna caudale men rotondata quasi troncata. 

La mole della Solca lutea suol essere assai picciola, eccedendo di rado la lunghezza 
di quattro pollici: la figura che ne diamo ha le dimensioni d'uno dei soggetti più gigan- 
tesciii. L'altezza maggiore del corpo è contenuta men di tre volte nella lunghezza to- 
tale. Il capo che è più alto che lungo forma la quinta parte di questa stessa lunghezza, 
e la pinna caudale all' incirca la sesta. La fronte è arcuata risentitamente, e la carena 
del dorso è alquanto più curva di quella del ventre. La distanza fra un'occhio e l'al- 
tro è minore d'un semidiametro delle orbite: lo spazio che corre fra quello di sopra e 
l'apice del muso è maggiore d'un diametro, e più di tre di queste stesse misure si con- 
tano dal lembo dell'inferiore al termine dell' operculo. Il taglio della bocca eccede 
d'un terzo la misura d'un diametro. I raggi maggiori della pinna dorsale e dell'anale 
sono lunghi quanto la metà del capo, e quanto la terza parte dell'altezza del corpo= 



SOLEA LDTEA. 



La pettorale destra è lunga quanto il taglio della bocca ; la sinistra ha la lunghezza 
della metà della destra: le yentrali sono lunghe il doppio della pettorale destfa. Le sca- 
glie dal lato degli occhi sono grandette, rotondate anteriormente e striate, coi dentelli 
marginali brevi e poco inflessi all' infuori. 

11 colore del lato destro è un giallo dorato uniforme che tende leggermente al cine- 
reo ; ma dopo la morte dell'animale passa al cinereo-giallastro. La pinna dorsale e l'anale 
hanno il massimo numero dei raggi d'una tinta cinereo-ferrigna; ogni tre, quattro, o cin- 
que di questi se ne osserva uno di color turchino-nerastro. La pinna pettorale di questo 
lato è fosca. La caudale è scolorata. Tutto il lato sinistro è latteo. 



SOLEA MOIVOCHIR 



SOGLIOLA PELOSA 



MONOCHiRUS atro-castaneuSj maculis nìgris in fasciis verdcalibus coeuntibus : pinnae pecto- 
ralis singuìar'is radiis primis longiusculis: scjuamis squarrosis rigide longeque ciliatis. 
D. 56. A. 44. P. 7. F. 5. C. i5. 

fLEL'RONECTES PEGOSA, Risso, Ichlli. Nìc. p. 3lO. sp. 5. ìiec Laccp. 
MONOciURUs PEGUSA, Risso, Hist. N ai. [II. p. 257. sp. i5o. tab. %\\\. fig. 3. 

PLEtJKONECTES TKICHQDACTYLUS , Nardo, Osserv. Iti. Jdr. in Giani. Brugn. Id. Prodr.Jtdr. Ichih. sp.i5B. 
nec Naccari. 



A-bbìamo ricevuto questo Pesce da Nizza e da Venezia soltanto. Nel secondo dei 
due luoghi accennati si porta a vendere insieme con altri pesci di picciola mole sotto il 
nome di Peloso. Sembra che i Pescatori Veneti usando questo vocabolo solo, intendano 
sempre accennare il pesce presente, laddove chiamano Sfogio peloso la Solea Mangilii e 
la luteuj e Peloso da grota il Rhombus utiimacidatus. Finora non è stato segnalato in altri 
lidi d'Italia : forse perchè fa la sua dimora fra le alghe è difficile il pescarlo con gli or- 
digni usati comanemente per prender le altre Sogliole, le quali sono per la maggior 
parte pesci di fango o di rena. 

Il Signor Risso, indotto probabilmente dall'osservazione della tenacità delle scaglie, 
fu di parere che a questo spettasse il Pleuronectes Pegusa del Lacépède, specie affatto 
diversa, della quale ci è occorso parlare sotto la Solea oculata. 

Distinguesi il presente Pesce da tutte le altre Soleae nostrali per le scaglie rigide, 
piegate notabilmente all'infuori, che rendono asprissima tutta la sua superficie, pei raggi 
delle pinne che contornano il corpo grossi, vestiti di scaglie numerose, per la dorsale e 
l'anale che s'innalzano verso il tratto posteriore, per la pettorale destra allungata, e fi- 
nalmente per la mancanza assoluta della pettorale sinistra. Quest'ultimo carattere ba- 
sterà a far riconoscere il sottogenere Monochirus nel quale collochiamo quest'essere, se- 
parandolo dai nostri Microchiri. Del grado d'importanza che meritano gli altri enume- 
rati caratteri non possiamo dare fondato giudizio, non avendo cognizione d'altre specie 
che al sottogenere stesso vadano riferite : quindi non sappiamo dire quali fra essi deb- 
bano considerarsi come condizioni del sottogenere, quali sieno proprie della specie sol- 
tanto. 

Abbiamo fatto rappresentare il nostro Pesce veduto da ambedue i lati in una ta- 
vola stessa con la Solea lutea j affinchè si scorga meglio la diversità che passa fra i 
sottogeneri Microchirus e Monochirus. 

Gli esemplari maggiori della Sogliola pelosa giungono appena alla lunghezza di 
quattro pollici. La circoscrizione del corpo è ovato-linguiforme poco attenuata posterior- 

2a* 



SOLEA MONOCHIR. 



mente, con la carena del dorso assai più curva di quella del ventre. La lunghezza totale 
è tripla della maggior altezza. Il capo assai più breve che alto è contenuto nella lun- 
ghezza del corpo cinque volte e mezzo; la coda ha appunto la stessa misura. La mascella 
di sopra sporge leggerissimamente all' innanzi dell'inferiore. Gli occhi sono distanti e fra 
loro e dall'apice del muso d'un tratto lungo quanto una delle orbite: il superiore è col- 
locato alquanto più all'innanzi dell'inferiore, il quale è assolutamente contiguo alla por- 
zione posteriore del labbro di sopra, e dista dal termine dell'operculo di poco più di due 
diametri della sua orbita. Lo squarcio della bocca ha la lunghezza d'un diametro e mez- 
zo, e la valvula della narice anteriore della coppia di sotto è lunga quasi quanto un'in- 
tiero diametro. La pinna dorsale e l'anale contano un minor numero di raggi che le spe- 
cie più affini, e questi sono larghi alla base e fittamente scagliosi, assottigliati all'apice: il 
margine d'ambedue le pinne si solleva a poco a poco verso la parte posteriore, quindi si 
abbassa quasi d'un sol tratto, formando un angolo poco acuto, il cui apice dista di sette 
raggi dal termine della pinna rispettiva. Il raggio più alto ha la misura di tre quarti 
della lunghezza del capo, xilla radice della coda evvi un breve spazio nudo di sopra e 
di sotl;o: la pinna caudale è rotondata. La pinna pettorale è piuttosto grande; i suoi 
due raggi superiori hanno un prolungamento filiforme, e superano in lunghezza i raggi 
maggiori della dorsale; i raggi rimanenti sono più brevi almeno della metà. Le ven- 
trali sono lunghe quanto la metà della pettorale. Le scaglie aderiscono alla cute con 
somma tenacità, sono incurvate risentitamente all' infuori, cigliose, con dentelli nume- 
rosi, rigidi, gFintermedj notabilmente lunghi; quelle del lato pallido hanno i dentelli 
più brevi e men rigidi. 

Il colore della parte destra è un cinereo-castagno bruno, con macchie nere, che per 
la massima parte tendono a confluire in fasce irregolari verticali più o meno interrotte 
Sila pinna dorsale che 1 anale portano una serie di macchie fosche grandette. La cau- 
dale è di color castagno pallido sordido con una larga striscia nera alla radice. La pet- 
torale è del color del fondo del corpo, ed ha l'apice dei raggi nerastro. Le ventrali hanno 
la tinta della dorsale e dell'anale. 11 lato sinistro è bianco latteo. 

A prima vista la nostra Solca Monochir potrebbe confondersi con la Soìea Mangila ^ 
con cui ha comune il color generale. Ma oltre le molte particolarità notate più sopra, 
sarà facile accorgersi che la Solca MangiUi s'allontana da questa perchè ha le macchie 
diversamente disposte, e la superficie del corpo men aspra. 



/ 



RHOMBUS UIMMACITLATUS 

ROMBO DI GROTTA 



sc&phthJlmus ellipticuSj, castaneo-cinereus fusco-maculatus^ posterìus macula anmdari 
nigrescente notatus: squamarum ciliis nonnullis aristceformibus: pinnae pectoralìs si- 
nistrae dorsalisque radio primo producto. D. 78..^. 56. P. 10. y. 6. C. i5. 

BKOMBUS UNIMACCLATUS, Risso, Hist. Nat. IH. p. 1^2. sp. xl^"!. tab. xin.fig. 35. 

BHOMBDS UNIOCELLATUS,; N urdoy Oss&rv.. Itt. Aclr. in; Giom,. Brugii. Id. Prodr. Adr. IclUh. sp. i35. 

(Questo Romboi proprio del Mar mediterraneo, ma piuttosto raro, si pesca nel 
golfo di Genova, lungo i lidi dell' Abruzzo* e del Piceno, e specialmente nelle acque 
dell'Istria. Non, l'abbiamo mai veduto- finora fra i Pesci presi sulla spiaggia Romana; 
e ciò forse devesi alla diversa natura dei fondi. I Pescatori Veneti, gli danno il nome 
di Peloso da grota^ clie allude al suo. manto ispido, e al costume che ha di ricovrare 
fra i sassi e nelle cavità sottomarine. 

Quasi contemporaneamente s'avvennero, in questo Pesce il Signor Risso e il Signor 
Nardo, e nel darne conto gli applicarono nomi specifici di significato equivalente. Al 
Cuvier parve che si dovesse, riunire col Pleuronectes punctatus del Bloch, pesce dei 
mari settentrionali, dal quale sospettò che differisse soltanto in forza della diver- 
sità del sesso.. Infatti passa fra J'una e l'altra specie un'affinità molto stretta, e sono 
analoghe la forma generale del corpo, la. distribuzione dei' colori e la natura delle 
scaglie ; in somma appartengono ad un medesimo sottogenere : ma v' è diversità nei 
caratteri che forniscono varie parti e singolarmente le pinne, e il Pesce del setten- 
trione giunge ad una mole forse sei volte maggiore. 

S'è veduto nell'' articolo relativo al Rhombus rhomboides. quali sieno i principali 
caratteri che- distinguono il gruppo cui ci giova applicare il nome Scophthalmus, al 
quale è riferibile il Rombo di grotta. Nelle specie di questo sottogeriere, che non giun- 
gono mai all' enormi dimensioni dei veri Rombi, la corporatura è allungata, il capo 
è sporgente, il muso protrattile, la bocca fessa profondamente, fornita di denti t^- 
nuissimi ; la distanza che passa fra gli occhi è assai minore del diametro d'uno> d'essi 
e li separa una carena angustissima,, acuta : le narici da ambedue i lati sono prossime 
alla punta del muso.: le scaglie che vestono il corpo- ed il capo sono, aderenti, cigìiose, 
squarrose: quelle dellato colorato orlate anteriormente di dentelli disuguali lunghi rigidi, 
che rassembrano ad aculei; laddove quelle del lato pallido hanno dentelli senza para- 
gone più brevi; La pinna dorsale e l'anale si slargano notabihnente; il lor punto più. 
alto^ e quello verso cui convergono i raggi è assai vicino alla coda : tanto queste pinne 
quanto, la caudale sono vestite di scaglie alla base; e le duC prime hanno i raggi 
notabilmente larghi: la pettorale sinistra è grandissima ed oltrepassa l'arco della linea 

28** 



RHOMBUS UNIMACULATUS. 



laterale eh' è mediocremente aperto : le ventrali sono congiunte alla base soltanto, quasi 
simmetriche: l'ano a differenza degli altri gruppi di Rombi, s'apre nella carena ven- 
trale, ed è situato molto all' innanzi, quasi sotto gli occhi. La caudale è rotondata. 

La lunghezza del Rhombus unimaculatus comprende due volte e mezzo l'altezza. 
Il capo è più lungo che alto, e forma quasi il terzo della lunghezza totale del corpo. 
La pinna caudale è contenuta cinque volte in questa stessa lunghezza. La carena della 
fronte è curvata ad arco, assai protuherante : prossimo ad essa dal lato sinistro al li- 
vello dello spazio frapposto agli occhi sorge un tubercolo osseo conico prominente. Gli 
occhi sono vicinissimi fra loro, la carena frapposta ad essi è molto elevata ed rfcuta: 
sono collocati uno verticalmente sotto all'altro, e il diametro delle loro orbite è mi- 
nore della distanza che passa fra quello di sotto e la punta della mascella superiore. 
La distanza fra il lembo posteriore dell'uno e dell'altro e l'angolo deli'operculo su- 
pera oltre a due volte il diametro delle orbite, ed è maggiore d'un quarto della fes- 
sura della bocca. Il pezzo mascellare è cuneiforme. La pinna dorsale ha origine al di 
sopra del punto medio fra gli occhi e il tubercolo della fronte; il suo primo raggio 
s'allunga in un filamento bifido all' apice, che lo rende tre o quattro volte più lungo 
dei raggi contigui. Tal prolungamento però essendo fragilissimo scarso è il numero 
di soggetti in cui si lascia scorgere intiero. Tanto la dorsale quanto l'anale si sten- 
dono fino alla radice della coda; il loro margine si solleva poco sensibilmente proce- 
dendo verso la parte posteriore, quindi alla distanza di circa dieci raggi dal termine si 
ristringe quasi d'un sol tratto ; talché di qua e di là dalla coda il contorno del pesce 
apparisce come troncato. I raggi più lunghi della parte posteriore di queste due pinne 
sono minori d'un terzo di quelli della caudale, e verso di essi convergono i rimanenti. 
La pettorale sinistra è grande, ed essendo ripiegata col secondo e terzo raggio giun- 
gerebbe a toccar gli occhi; il primo raggio della medeshna s'allunga in una setola, 
che quante volte non sia mutilata gli dà la dimensione della lunghezza del capo. La 
pettorale destra è priva di qualunque prolungamento, minore dell'altra d'un terzo, 
e neppur giunge a toccare il termine dell'arco della linea laterale. Le ventrali sono 
appena disgiunte dall'anale, ed alte quanto i raggi mezzani della medesima: la de- 
stra talvolta ha il primo raggio alquanto allungato. Le scaglie che vestono il corpo 
ed il capo si ristringono qualche poco verso l'apice, che è quasi troncato; inferior- 
mente sono striate a raggi, e crenate profondamente: quelle del lato colorato verso 
il mezzo del lembo anteriore portano da due a cinque o sei aculei marginali, spesso 
alternativamente più lunghi, sempre disuguali, i maggiori dei quali si stendono al- 
l'incirca quanto una metà della scaglia che li porta : in poche di tali scaglie sparse 
disordinatamente qua e là uno degli aculei s'allunga in un filamento tortile, che ec- 
cede di tre o quattro volte la misura della scaglia stessa. Dal lato scolorato il lembo 
anteriore delle scaglie invece degli aculei porta due o tre dentelli sottili brevissimi. 

Il colore del lato sinistro di questo Pesce è un cinereo-giallastro cangiante in bruno- 
violaceo, sparso di lineole irregolari, di macchiette e di punti nerastri, che si estendono 
anche sulle pinne. Sulla linea laterale, ad una distanza due volte maggiore dall'angolo 
deli'operculo che dall'origine della pinna caudale, è segnata una macchia nera rotonda 
grande all'incirca quanto le orbite, il cui centro per lo più è scolorato, o rossastro. 
Il lato destro è d'un color bianco carneo. 

Vive questo E.ombo negli stessi luoghi in cui trovasi la Solea Monochii\ alla 
quale è analogo per molte particolarità di conformazione, pel manto e pei costumi. 



CALLIONYMUS FESTIVUS 

CALLIONIMO FESTIVO 



C. aurantiacus viridi variegatus: radiis universis utriusque dorsalis corpore valde hre- 
vioribus: calcare praeoperculi bicuspide: cauda subrotundata. 
Mas. piimae dorsalis posterioris radio ultimo et caudalis radiis mediis valde elon- 
gatis. D. 4/9. P. 18. F. 5. J. 8. 0. IO. 

CALLIQSTMUS SAGITTA? Risso, Ichtìi. Nic. p. 1 o5. sp. 3. iiec Auet. 

CALUOjSTMOS MORISSONII? RissO, Hist. Nat. III. p. 265. sp. iSS.Jig.. 12v 

JPer ragione dei colori vistosi di cui va adorno questo Pescetto gli abbiamo as- 
segnato il nome festivus. E proprio del nostro mare, ma poco comune. Lo pubblicbia- 
mo come nuovo, perchè i caratteri attribuiti dagl' Ittiologi ai varj Callionimi finora 
descritti non si confanno assolutamente con quelli ch'esso presenta. 

I Callionimi spettano alla famiglia dei Gobidij che si fa distinguere fra tutte le al- 
tre dei Pesci Acantopterigii per la gran sottigliezza e flessibilità dei raggi spinosi delle 
pinne. Quasi tutti sono di picciola mole. L'anatomia interna offre caratteri uniformi nel- 
l'intiera famiglia; incontrandosi costantemente negli esseri che comprende, uno stomaco 
sottile non sacciforme, il canale intestinale ampio, uguale, senza intestini ciechi; e man- 
cando universalmente la vescica natatoja. Alcuni Gobidi sono vivipari, e quasi tutti por- 
tano presso l'ano un cirro o un tubercolo analago ai segni maschili dei Rajidij ma talvol- 
ta comune ad ambi i sessi, il quale verisimilmente è di qualche uso nell' atto generativo. 

La strana conformazione rende il genere Callionjmus così singolare nella sua stessa 
famiglia da farcelo considerare qual tipo d'un notabile gruppo secondario, che diciamo 
dei CaUionjminij e che per le ventrali situate sotto la gola, remotissime, più larghe 
delle pettorali si distingue ad un tratto tanto dai Gobini i quali le portano sotto le pelto- 
rali riunite in un disco incavato, quanto dai Blennini che le hanno avanti le pettorali, 
separate e didattili. 

L'apertura branchiale, che suol essere piuttosto picciola nei Gobidi tutti, si riduce ad 
un semplice foro collocato di quà e di là presso la nuca nei Callionimi. Questa condi- 
zione di struttura ed alcune altre, fralle quali è la nudità della pelle, fanno sì che nel 
quadro sistematico venga a schierarsi accanto' a loro, quasi come un ramo collaterale, 
la singolarissima famiglia dei Lofidij. cui era sembrato così diffìcile assegnare un posto 
conveniente, e che Linneo insieme coi Chondropterigii eliminava perfino dalla Classe 
dei Pesci. Altrettanto stretta è la relazione che passa fra il genere Callionjmus e l' Ura- 
noscopus appartenente alla famiglia dei Percidi. L'analogia che esiste fra le specie di tali 
generi aveva colpito sì fattamente gli autori antichi, ch'essi non li disgiungevano mai 
uno dall'altro, e talvolta li confondevano. Più generalmente però gli antichi chiama- 

i6 



CALLIONYMUS I^ESTIVUS. 



rono Callionjmi appunto quei Pesci, che da Linneo in poi corrono sotto il nome d'Ura- 
noscopi. Più remota è la relazione clie passa fra il genere CalUonjnius di Linneo e i 
Cotti dalle gote yeramente loricate , ai quali li riuniva Artedi. 

I Callionimi hanno il tronco che si restringe uniformemente verso la parte poste- 
riore, liscio, privo di squame. Il capo oblungo, depresso, posteriormente più largo del 
tronco, piano, liscio, assottigliato all' innanzi; la fronte declive piuttosto piana: il taglio 
della bocca breve , alquanto arcuato; il muso un poco convesso: le mascelle picciole 
con le labbra grosse, la superiore un pochino più breve di quella di sotto: gì' inter- 
mascellari protrattili in modo notabile: denti picciolissimi, fitti, uguali, subulati, leg- 
germente incurvi: lingua brevissima, stretta, ottusa, appena libera: palato largo, pa- 
pilloso, ristretto verso la fauce: occhi quasi contigui, che guardano all' insù, grandi, 
oblunghi, protuberanti, con la membrana nictitante annulare: narici poco cospicue, 
uguali, orbicolari, vicine, marginali. Operculi frenati, lisci; preoperculi prolungati al- 
l'indietro a guisa di sprone a due o più punte spinose: membrana branchiostega scoperta 
sotto la gola, per lo più composta di cinque raggi: apertura branchiale picciola, tubu- 
losa, collocata verso la nuca. Gola spianata. Dorso convesso, superiormente rettilineo, 
solcato nel mezzo; lati tondeggianti. Linea laterale che scorre in. alto, poco cospicua. 
Radice della coda quasi terete. Ano collocato più vicino al capo che alla coda, picciolo, 
patente, marginato, presso il quale vedesi un cirro nei soli maschi. Pinne in numero di 
otto: dorsale anteriore che incomincia dietro la nuca; dorsale posteriore che ha origine 
verso il punto medio: pettorali medie, grandi, lanceolate: ventrali collocate sotto la gola, 
lontane fra loro, più larghe delle pettorali, connesse con queste mediante una membrana 
larghissima, e coi raggi ramosissimi: pinna anale d'altezza quasi uniforme, opposta alla 
dorsale posteriore: pinna caudale attendata allorché è distesa, acuminata mentre rimane 
chiusa, qualche volta fornita d'appendici. Spesso una delle due pinne dorsali, e talvolta 
anche Fanale, porta qualche raggio allungato a guisa di setola, notabilmente sporgente. 

Le femmine differiscono dai maschi per la statura assai minore, per l'assenza del 
cirro anale e perchè hanno le pinne più basse e costantemente sfornite di prolunga- 
menti filiformi. 

L'aspetto di questi Pesci è vago: i loro colori sono gai. Hanno, un'indole quieta. 
Vivono nel mare congregati in branchi poco numerosi. Tratti fuori dal loro elemento 
saltellano vigorosamente, agitano gli sproni preoperculari,. e col mez.zo di questi s'attaC- 
cano ai corpi vicini. La lor carne è bianca e poco saporita. 

Dei Callionimi d'Europa due specie sole furono note al Linneo. Propose sotta il 
nome di C. Ljra un Pesce di dimensioni piuttosto considerevoli, indigeno dell'Oceano 
Settentrionale, e gli attribuì come carattere specifico l'avere alcuni raggi della pinna 
dorsale anteriore lunghi più del corpo. Denominò C. DraGunculus un'altro Pesce di pic- 
ciole proporzioni, appartenente al Mar Mediterraneo, il quale si trovava già indicato ed 
effigiato nell'opera del Rondelet sotto il nome DraGunculus; e a questo assegnò per ca- 
rattere i raggi della dorsale anteriore più brevi del corpo, senza curarsi di far parola 
della dorsale posteriore, i cui raggi sono allungati, e che così appunto sono rappresentali 
nella già mentovata figura del Rondelet. Il Gmelin commise errori nel riferire tanto 
Luna quanto l'altra di queste due specie : perchè registrò al seguito della prima varj si- 
nonimi spettanti alla seconda, compreso quello principalissimo del Pvondelet; e sotto il 
nome Linneano della seconda descrisse un'altro essere, che nulla poteva aver di co- 



CALLIONYMUS FESTIVUS. 



mune col reio Dracimcidus. lì Bloch e gli altri Ittiologi posteriori attenendosi con troppa 
fiducia alle parole del Gmelin sono incorsi anch'essi nella falsa applicazione del nome 
Dracimculus^ e pare che tutti l'abbiano dato ad un Pesce che yive nell'Oceano Setten- 
trionale insieme col Cali. Ljra^ e si discosta da questo perchè manca dei prolungamenti 
filiformi della dorsale anteriore. Siccome però tutti gli altri caratteri sono precisamente i 
medesimi, è chiaro che quel loro preteso Dracunculus altro non è che la femmina del 
C. Ljra di Linneo. Se fu applicato fuor di luogo il nome DracunGulusA^ stessa sorte 
toccò al nome Ljraj che fu dato successivamente a più specie diverse. 

Il Signor Risso nella sua Ittiologia di Nizza annoverò tre specie di Callionimi pro- 
prii del Mediterraneo. Ad una di queste notabile pel raggio prolungato della prima dor- 
sale applicò a torto il nome di Ljra; ed è la specie di cui avremo occasione di trat- 
tare nel prossimo articolo : chiamò Dracunculus un' altro Pesce che presenta il prolun- 
gamento nei raggi della seconda dorsale, e che era appunto il Dracunculus di Rondelet, 
e perciò il C. Dracunculus di Linneo: descrisse finalmente un Callionimo con ambedue 
le dorsali basse, e gli applicò il nome Sagitta dato dal Pallas ad un pesce dell'Arcipelago 
Indiano, In una memoria posteriore aggiunse a queste una quarta specie che disse Gallio- 
njnius Belennus seguendo le traccie segnate dal Rondelet. Il Delaroche nella Memoria sui 
Pesci delle Isole Baleari pretese creare una specie nuova, che denominò C. pusillus; nè 
sappiamo comprendere per qual motivo la paragonasse piuttosto al Belennus di Ron- 
delet, che al Dracunculus di quell'autore con cui è identica. Nella seconda edizione del- 
la sua opera sui Pesci il Rissa ammise la specie del Delaroche, che rilevò non poter con- 
venire col Belennus. Al Dracunculus tolse l'antico nome e lo disse C. admirabilis : ed 
accortosi che il suo Callionimo dalle pinne basse non poteva essere il vero C. Sagitta di 
Pallas, cambiò il nome del medesimo in quella di C, Morissonii. 

Al N.° I della tavola qui unita vien rappresentata la femmina del nostro Callionjmus 
festivus. Incominceremo pertanto dal descrivere le proporzioni, le forme e i colori di que- 
sta. Lunghezza totale quattro pollici e tre linee. Lunghezza del capo un pollice e tre li- 
nee. Lunghezza della pinna caudale alquanto mena d'un pollice. La maggior larghezza 
corrisponde al di dietro degli occhi, ed è di sette linee : l'altezza maggiore che pure cade 
nel luogo indicata è di mezza p£)lHee: quindi l'altezza è contenuta cinque volte e più 
nella lunghezza, e il capo comprende quasi un terzo della misura di tutto il Pesce. Il 
corpo s'assottiglia uniformemente dal capo verso la coda. Le orbite formano protuberan- 
ze assai risentite. Occhi stragrandi tanto vicini fra loro che quasi si toccano : il lor dia- 
metro è molto maggiore dell'intervallo che li separa dalla punta del muso, ed è quasi 
uguale allo spazio che corre fra il loro margine posteriore e l'estremità della spina 
del preoperculo. Questa spina è assai prolungata, curvata all' insù e terminata da due 
sole punte. Il taglia della bocca non giunge neppure sotto il margine anteriore dell'oc- 
chio. Mascella inferiore appena più sporgente della superiore. Denti tenui e uniformi.. 
L'ano è situato più verso il mezzo di quel che suole nei Pesci congeneri. Tutt' i raggi 
delle due pinne dorsali appena più lunghi dell'altezza del corpa: i tre primi deUa dor- 
sale anteriore sono quasi uguali fra loro, e superano di poca la membrana che li con- 
nette; il quarta giunge alla metà deU' altezza degli altri, ed è pochissimo distinto: nella 
dorsale posteriore il primo raggia è quasi uguale ai primi dell'anteriore; l'altezza dei 
seguenti scema quasi insensibilmente procedendo verso la coda. Le ahre pinne sona 

16* 



CALLIONYMUS FESTIVDS. , 

normali; le pettorali hanno dieciotto raggi, e le yentrali cinque. L'anale è composta di 
soli otto raggi quasi uguali, ed è poco meno alta della seconda dorsale cui corrispon- 
de. Caudale lunga, leggermente attondata nell' apice. Linea laterale poco cospicua: essa 
prende origine da un punto molto alto prossimo alla nuca, è dorsale per un breye 
tratto, quindi procede direttamente yerso il punto medio della radice della coda, ma 
tenendo un'andamento un poco flessuoso. 

Il color generale di questo Pesce è un rancio rosseggiante yi^ace, più chiaro sui lati, 
tutto cosperso di macchiette e di lineole di color yerde, che sotto certe incidenze 
della luce yolge ad una tinta yiolacea : le lineole sono disposte quasi a modo di rete 
irregolare interrotta, o piuttosto imitano una scrittura arabesca. La pancia e tutto il di 
sotto del Pesce hanno un color bianco argentino senza macchie, il quale si stacca d'un 
sol tratto dal colore della parte di sopra. Gli occhi sono argentini, coli' iride nera, e 
in parte rimangono coperti da una membrana che yolge al ceruleo. Le pinne hanno 
un colore analogo a quello del dorso, ma sono trasparenti ed hanno macchie più re- 
golari, più rotonde e più circoscritte: nelle dorsali queste macchie sono puntiformi, 
ordinate in tre serie ; la dorsale anteriore ha inoltre una macchia nera allungata posta 
nella cima della membrana fra il terzo e il quarto raggio: nelle pettorali si fanno 
scorgere tre serie di punti yerdi decisi, ed un'altra di macchiette più dilayate. Le 
yentrali portano due serie di punti determinati, ed un'altra leggermente accennata. 
La pinna caudale ha i punti yerdi ordinati in cinque file yerticali. L'anale final- 
mente è priya di punti, e in yece d' essi porta una fascia terminale pure di color 
yerde. 

Il maschio, del quale daremo la figura in una tayola separata, si discosta dalla fem- 
mina fin qui descritta per una mole molto maggiore (perchè giunge ad ayere una lun- 
ghezza di cinque pollici e mezzo, di cui la pinna caudale occupa almeno due), pei 
colori generali senza paragone più chiari, con le macchie assai meno fitte e decise, 
e finalmente perchè in esso e l'ultimo raggio della pinna dorsale posteriore e l'ultimo 
dell'anale si prolungano per ben due linee al di là della membrana che li connette, 
Tutt' i raggi della caudale sono^ un poco prolungati, e i due di mezzo di noye linee 
circa. 

Merita d'esser notato che la forma del Callionymm festims da noi accennata in se- 
condo luogo offre quei caratteri appunto che il Signor Risso assegnò come essenziali 
alla sua specie C. Morissonii. Quindi si può dubitare che il C. festivus sia in realtà la 
stessa cosa che il C. Morissonii: ma siccome il citato autore ha detto espressamente che 
la specie sua manca delle appendici alla coda, e noi al contrario le abbiamo- troyate 
sempre assai ben distinte nella forma or ora indicata, e poiché egli aggiunge che nel 
suo Morissonii lo sprone dell' operculo è tricuspide, laddoye in tutti gl'indiyidui d'am- 
bedue le forme del festivus noi gli abbiamo yeduti costantemente bicuspidi, a dispet- 
to di tutt'i nostri dubbj ci è conyenuto prendere il partito di considerare come specie 
non mai descritta il nostro CallionimOj e darle un nome diyerso da quello del Si- 
gnor Risso. 



( 



CALLIONYMUS MACULATUS 

CALLIONIMO MACCHIATO 



C. dillUe virescenSj. utrinque punctis margaritaceis ; pinnae dorsàlìs anterioris radiis qua- 
tuor: calcare praeoperculi "ò-ly-cuspide : cauda rotundata. 
Mas. Pinnae dorsàlìs utriusque radiis: elongatis^ priore anterioris longissimo. 
D. 4/10 P. i6. K 5. J: IO. C. 10.. 

GALLiONYMirs MACULATDS, Rqfihesque,, Carati, p. aS. s/>. 60i tah. r.Jig, i. Id. Ind. Itt. Sic. sp. 56. 
CALLioNYMus LYBA, Rhso, Ichlh. Nic. p. 1 1 3. sp. 1. Id. Hist. Nat.III.p.262. sp. 154. Nardo, Osserv. 

Adr. Ichth. in Giorn. Brugnat. 
CAÌL.I.ONYM.US DRACDNCULBS,, Nardo, Prodr, Adr. Ichth. sp. 4.6. 

Il maschio dì questo Peseetto proprio del mediterraneo fu tenuto da alcuni pei 
C. Ljra di Linneo, sebbene sia d'una mole picciolissima ed abbia colori di tutt'altra 
natura: e quantunque porti i raggi più lunghi nella dorsale anteriore y'è stato un'au- 
tore receate che l'ha voluto denominare Dracunculus. Non deve confondersi però nè 
con la Ljra nè col Dracuncidm di Linneo, e il solo nome che gli possa competere è 
quello di C. maculatus impostogli dal Rafinesque» 

Pochi altri Pesci sono altrettanto comuni lungo le nostre spiagge, e infatti ogni gior- 
no si vede esposto alla rendita nel mercato di Roma, ove è conosciuto sotto il nome tri- 
viale di Strozza-Galline. Dai Veneti è chiamato Lodra^ e sembra che in tutto il Mar 
Adriatico sia molto frequente. Vive anche nei mari della Liguria, ma non sappiamo fino 
a qual punto, vi abbondi, nè qual nome gli venga dato da quei Pescatori. A Nizza si 
chiama Ì«m^eri. In SiciUa è raro al dire del Rafinesque, e vien confuso con gli altri 
Pesci congeneri sotto i nomi di Fellisu e à'Jnpiscia imperiali. Essendo poco saporita la 
sua carne, è uno dei Pesci più dispregiati che fra noi si mangino. 

Il Callionjmus maculatus. è lungo quattro pollici: tanta il capo misurato fino all'apice 
dello sprone preoperculare, quanto la, pinna caudale occupano dieci linee. La maggior 
larghezza, che corrisponde al punto in cui il capo s'innesta al tronco, è di sette linee; 
la maggior altezza è di quattro soltanto: quindi l'altezza è contenuta nella lunghezza 
dodici volte, e quasi sette volte la larghezza. 11 muso è piuttosto depresso anterior- 
mente, ottuso. Le orbite sporgono moderatamente: gli occhi hanno il diametro di tre 
linee.. La distanza che passa fra essi e il muso, allorché non è protratto, corrisponde pu- 
re a tre linee : quattro ne corrono, fra l'occhia e l'apice dello sprone, il quale è breve, 
poca valido, quasi sempre tricuspide, talvolta quadricuspide. La linea laterale propria- 
mente detta è rilevata, tenue; incomincia presso il foro della nuca,, scende obliqua- 
mente fin al di sotta del primo raggia dorsale,, quindi scorre quasi in linea retta fino 
al punta media della radice della coda. Precisamente lungo> il mezzo, dei fianchi scorre 
poi un leggerissimo solco, che rappresenta una linea laterale accessoria, appena visibile 
nell'animale viyo. L'ano è situata quasi due volte più vicina alla punta del Jiiuso. 



I 



t 



CALLIONYMUS MACULATUS, 

che all' apice della caudale : il suo cirro è lungo oltre una linea. La prima pinna dor- 
sale è lontana dall'orlo posteriore dell'occhio quanto questo dalla punta del muso, ed 
è composta di quattro raggi: il primo, lungo poco men di due pollici, essendo colcato 
giunge quasi all'origine della caudale, il secondo ed il terzo sono alti la metà del pri- 
mo, e più del doppio del quarto, il quale uguaglia l'altezza del corpo, ed eccede del 
doppio la membrana che lo connette col terzo. Due linee più oltre comincia la seconda 
dorsale, i cui dieci raggi sono di poco disuguali fra loro, molto più elevati del secondo 
e terzo raggio della dorsale anteriore, e per l'altezza corrispondono ad una terza parte 
della lunghezza di tutto il Pesce. L'anale ha dieci raggi pressoché uguali, un terzo 
più breyi di quelli della seconda dorsale, più indietro della quale ha termine. Lo spazio 
che corre fra la seconda dorsale e la caudale è pari a quello occupato da essa pinna 
dorsale. Le pettorali e le yentrali sono normali: le prime hanno sedici raggi, e cinque 
ne contano le seconde. La pinna caudale ha dieci raggi, ed apparisce acuta mentre è 
piegata, tuttoché in realtà sia rotondata. 

Il colore di questo Pesce è un bianco verdastro alquanto diafano, che verso la pan- 
cia passa gradatamente al latteo lucente. La schiena è aspersa di punti picciolissimi ferri- 
gni che la rendono quasi annebbiata, e confluiscono in quattro fascie trasverse poco di- 
stinte. I fianchi portano poche macchiette fosche, rotonde, disposte a distanze disuguali 
lungo due fde ; oltre queste vi esistono due o quattro serie di macchiette quasi rotonde 
periate tendenti al ceruleo, che si stendono anche sui lati del capo: la linea longitudinale 
frapposta alle serie intermedie delle descritte macchie è d'un color d'oro verdastro, e si 
dirama sotto e sopra. La gola è periata. Le pinne hanno il fondo d'un bianco sudicio 
tendente al grigio. Il raggio più lungo della dorsale anteriore verso la base è macchiato 
alternativamente di bianco e di fosco: nel tratto di mezzo è nero, e superiormente è 
bianco. Tutti gli altri raggi delle dorsali sono biancastri. La membrana di ambedue le 
dorsali è cospersa di punti visibili sotto la lente, fosco-atri, che la rendono nebulosa: 
questi punti verso il mezzo d'ogni tratto compreso fra due raggi confluiscono in mac- 
chie quasi ellittiche del diametro d'una linea circa, orlate d'un aureola più chiara : 
quelle della dorsale anteriore sono in ristretto numero, ed hanno una tinta più cupa: 
quelle della dorsale posteriore tendono a ordinarsi in quattro file, la più alta delle quali 
è assai pallida: quelle contigue al dorso volgono al verde smeraldo. Oltre queste macchie 
oscure tutta la membrana delle dorsali è sparsa di macchie giallo-verdastre e di mac- 
chiette senza paragone più piccole, quasi rotonde, d'un perlino ceruleo, collocate in serie 
oblique, più copiose verso la parte inferiore. La pinna anale è biancastra, e porta una 
larga fascia marginale turchino-fosca. Le pettorali e le ventrali hanno un color bianco 
sordido, che volge al fosco verso l'estremità, e sono cosperse di minutissimi punti oculi- 
formi periati, che nelle pettorali sono ordinati in quattro serie trasversali. La caudale è 
biancastra aspersa di puntini periati, e punteggiata d'atro alla base. 

La lunghezza della femmina è di due pollici e tre quarti: in essa i colori del corpo 
sono assai più luridi che nel maschio, e le macchie senza paragone meìio decise. Le 
pinne sona scolorate : le dorsali e l'anale molto basse, senza alcun raggio prolungato: 
l'anale inoltre manca della fascia scura del margine. 

Non bisogna confondere questa femmina col C. BelennuSj che le somiglia assaissimo, 
ma porta un raggio di meno^ nella dorsale anteriore, e sulla medesima una macchia nera 
cospicua : ha il muso più aguzzo,, e lo sprone del preoperculo m proporzione più lungo 
e più valido. 



CALLIOINYMUS BELENNUS 

CALLIONIMO BELENND 



C. luride virescens^ subdiaphanus : pinna dorsali anteriore superne nigra^ radiis tribus mi- 
nime productis : calcare praeoperculi tricuspide : cauda rotundata. 
Mas. Pinnae dorsalis posterioris radio ultimo mlde elongato. 

i.« D. 3. 2 « D. 9. P. 16. r, 5. J. 9, C. IO. 

CALLIONYMUS BELENOS. Pdsso, Mem. Id. Hist. Nat. III. p. 1ì65. sp. l55. 

CALLiONTMOS RISSO, Lesueur, Nouv. Bullet. Sc. Soc. Philom. p. "jG. sp. 1. tcch. 
CAitiONiMus SAGiTTA, Nardo, Osserv. Adr. Iti. in Gìorn. Brugnat. nec AitcU 
CALLiONiTMUs L¥RA, Nardo, Prodr. Adr. Ichth. sp. 45. nec Auct. 
BELENNCS, Rondel. Pise. I. Uh. vii. cap. ix. p. 214. cumfig. 
BtENNos vel BELKNNDS Rondeletii, Gesn. Aquat. lib.ìx. p. laS. 

c 

vJorrìsponde al Belennus del Rondelet, quindi il Signor Risso opportunamente 
l'ha ctiiaraato Callionjmus belennus. Adottando tal nome sistematico come il solo le- 
gittimo, noi non intendiamo impegnarci però a sostenere che spetti al pesce presente 
piuttosto che ad altri il Belennus o Blennus degli scrittori Greci. 

E comune lungo le nostre spiagge, ma alquanto men abbondante del C. maculatusj 
insieme col quale si pesca d' ogni stagione con le paranze. I pescatori del nostro paese 
confondono l'uno con l'altro pesce sotto lo stesso nome volgare Strozza-galline. I Veneti 
invece serbano il nome Lodra pel solo C. maculatasi e chiamano Lodrin il C. belennus. 

Parlando del Callionjmus maculatus abbiamo notato le differenze generali che pas- 
sano fra queste due specie. È certo che a prima vista il maschio del C. belennus pre- 
senta un'aspetto molto simile a quello della femmina del C. maculatus. Ma quand'anche 
non voglia farsi attenzione al numero dei raggi della dorsale anteriore e al cirro del- 
l'ano, che come segno del sesso deve scorgersi in uno e non nelF altra, il C. belennus 
maschio si distingue per la fascia nera sulla pinna anale e pel prolungamento dell'ul- 
timo raggio della seconda dorsale, caratteri che non s'incontrano nella femmina del 
C. maculatus. Per distinguere fra loro le femmine delle due specie in questione è quasi 
indispensabile ricorrere all' esame del numero dei raggi ; perchè sì nell' una che nell'al- 
tra mancano i prolungamenti filiformi, e le pinne sono scolorate. Vero è poi che la 
femmina del C. belennus al solito è minore del doppio, e che in essa la dorsale anteriore 
quando è chiusa presenta una macchia nera, che non è osservabile nella femmina del 
C. maculatus. 

Si noti che, relativamente alle forme, e alle modificazioni le quali accompagnano 
la diversità del sesso, il C. belennus è analogo al C. festi^us^ e in pari grado il C. ma- 
culatus al C. Ijra: laddove pel coloramento il C. belennus s'avvicina al C. maculatus j 
al modo stesso che il C. festims s'accosta al C. l/ra. 

61 



r 



CALLIOINYHIUS BELENiNUS.. 

Un'esemplare maschile del Callionfmus belennus è lungo due pollici e tre linee. Il ca- 
po occupa mezzo pollice, e la pinna caudale cinque : la maggiore altezza è di due linee 
e mezzo, la larghezza di tre e mezzo. Il muso è piuttosto depresso anteriormente, acu- 
to. Le orhite sporgono mediocremente : gli occhi hanno il diametro di una linea e mez- 
zo : la distanza da essi al muso è di due linee e un quarto, all' apice dello sprone due 
linee e tre quarti. Lo sprone è piuttosto lungo, valido, tricuspide. La linea laterale pro- 
pria rilevata, tenue, incomincia presso al foro della nuca, scende obliquamente fino 
al di sotto del primo raggio dorsale, quindi scorre quasi in linea retta fino al punto 
medio della radice della caudale. Precisamente lungo il mezzo dei fianchi scorre poi 
un leggerissimo solco, che simula una linea laterale accessoria. L'ano è situato alla 
stessa distanza dal muso che dalla radice della pinna caudale. La prima pinna dor- 
sale è situata più indietro delle pettorali e composta di soli tre raggi ; il primo lungo 
due linee e mezzo; il secondo più breve del primo parte dall' istessa base, e il terzo 
è molto distante e anche più breve : la seconda dorsale è alta circa due volte più 
della prima ; sono tutti uguali i suoi raggi meno i due ultimi, che si prolungano quasi 
due volte più degli altri. 

Il colore del fondo è un bianco-verdastro che volge al rugginoso diafano, tutto co- 
sperso di macchiette ferrigne, le quali abbondano sui lati del capo: questa tinta passa 
all' argenteo sul ventre. La dorsale anteriore ha il fondo del colore del dorso, porta 
sul margine posteriore e superiore un segno nero, che quando essa è piegata la fa com- 
parir tutta nera: la dorsale posteriore è diafana, ed ha nella metà inferiore alcune li- 
nee sottilissime trasversali bianco-periate, ed una serie di punti foschi situati sui raggi. 
L' anale è quasi periata alla base con una larga fascia terminale turchino-fosca : le pet- 
torali sono del colore del dorso con quattro serie trasversali di punti ferrigno-rossastri : 
le ventrali sono bianche, nero-turchine all' apice. La caudale è biancastra con tre serie 
trasversali di punti foschi e l'apice fosco -turchino. 

La femmina è circa un quarto più picciola. In essa la macchia nera della dorsale 
anteriore è assai ampia: la dorsale posteriore, invece d'avere l'ultimo raggio prolun- 
gato, l'ha più breve degli altri. Il primo è men breve di tutti. Tanto l'anale e le ven- 
trali, quanto la caudale mancano della fascia terminale nera. 



t 



fé 



LOPHIUS PISCATORIUS 

LOFIO PESCATORE 



LOPHIUS appendicula radii primi pinnaè dorsalis anticae lanceolata-, dorsali postica duode- 
cim-radiata, i « B. 6. 2« JD. 12. P. 24. F. 6. J. 9. C. 8. 

LOPHIUS PISCATORIUS, Lina. Syst. Nat. L p. 402. sp. l. Id. Faun. Suec. p. 108. sp. 29S. Muli. Prodr. 

Zool. Dan.p. 38. sp. Sai. GweZ. Nat. I. p. 1479. sp. i33. Lacép. Hist. Poiss. IL p. i^o. 

Bloch, Hist. Poiss. III. p. 82. sp. 1. tab. 87. Schneid. Bl.Syst.p. iSg.sp. 1. Bonnat. in Tabi. Enc. 

Ichth.p. i3. sp. i. tab. 8.Ji§. 26. Bafiit. Ind. Itt. Sic. p. 42. sp. 3o5. Risso, Ichth. Nie. p.l^i. sp. 1. 

Id.Hist. Nat. III.p.i-jo.sp. 55. Cuv.Règn.Anim. lI.p.'òoQ. Id.Ibid.i. ed.II.p,25i. Naccari, 

Itt. Adi: p. 22. sp. 95. Nardo, Prodr. Adr. Ichth. sp. 3o. 
tOPHios cORKUBicus, Shaw, [ex Borlas. Cora. p.z6S.tab.'2'] . fig. 3. 6.) specim. mancum. 
LOPHIUS FERGUSON, Lacép. [ex Ad. Angl. 1764. LUI. p. 170. tab, i3.) specim. maacum. 
lOPHius BA.KBA.Tus, Gmel. Act.Holm. 1779. ///. tab. iv. specim. mancum. 

O OÌklOCg ^OaOXÌy -^rlstot. Hist. Anim. lib.h. cap. xxx\ìi. et lib. ii. cap. xiii. et lib. v. cap. v. et lib.x. cap. xiv. 
BàxpOC^og àXjag, -^ristot. Ub. ix. cap. xxxvii. Mlian. lib. vii. p. 286. Oppìan. lib. 2. 33. 
RA.JVA, Ovid. lib. T. 126. Plin. Hist. mundi lib.ìx. cap. xxiv. et lib. ixv. cap.^^. 

KANA MARINA, Cicer. iVfli. Z>eor. lib.'ù. p. i86. Bellon. Aquat. p. 85. /onsi, Pììc. /. Ub. i. i. cap. ili. 

art. in. punct.ìx. p. 36. tab. u.Jìg. 8. 
BANA PisCATRix, Rondelet, Pise. Mar. I.lib.\n. cap.xx.p. 363. <?um fig. Salvian.Hist. Aquat.p. log.fig.^']. 

Gesn. Aquat. Ip^.p. Si5-8i6. Cliarlet. Ouont. p. IQQ. tah. 201. Willughb.Ichthyogr.p.QS.tab. E. l. 

Ray, Synops. Pise. p. 29. 
RANA pisCATRix vel MARINA, Schoneveld, p. 5g^ 

KANA PISCATRIX -VULGARIS, -<4Z<ÌrOf. P/sc. ZìJ. iii. cap. Ixiv. p. 466. 

hOVHlvs oce cirrhoso, Arted. Synon.Pisc.p.S'j.sp.i. Id.Gen.p.65.sp. 1. Linn, li. Scan. p.Zì'j. Id. 

Mas. Ad. Fred. p. 55. Gronou. Mus. I. p. 5^. 
LOPHIUS cute alepidota laevi, capile plagiopìateo, Groa&v. Zoopfi. p. 58. 
BA.TRACHUS Capite rictu(jue ranae, etc. Klein, Hist, Pise. Miss. III. p. i5. sp. 1. 

BATRACHUS altero pinnarum pare ad exortum caudae careas, Klein, Hist, Pise. Miss. III. p. iS. sp. 2. 
LOFIO PESCATORE, Rafin. loco citato. 

BAUDROYE, Camper, in Ad. Paris, cxtrane&r. yi.p.ijj. 

GRENOiLLE DE MER ou PEscHEOSE diete aultrement niAB,LE DE MEE, BAULDROY et PEsCHETKAU, Bellon, Nat. et 

Pourtr. Poiss. p. 76. fg. in p. 77. 
BADDRoiE {la Grande), Daubent. in Ene. Meth. Hist. Nat. III. p. 5o. Bailly, Mera, in Ann. Hist. 

Nat. 1824. II.p. 323. 

BAUDROIE COMMUNE, RisSO, loco citato. 

BAUDROFE COMMUNE, BAIE PÈCHEEESSE, DiABLE DE MER, GALANGA etC. CuV. loc. CÌt. 
TOAD FISH, FROGFISH, SEADEVIL, WUluglib. loc. citato. 

VismvQ VROG, Penn. Brit.Zool. I II.p, q5.q5. sp.Ui. tab. Q^. 



Il corpo tutto flaccido, privo di scaglie, di forma schiacciata al modo delle Razze 
e lo scheletro dotato di certo grado di mollezza che presentano i Lofii aveva indotto 
universsjlmente gl'Ittiologi a riguardarli come cartilaginei, e a concedere posto vicino 
ad essi a pochi altri pesci manifestamente affini, henchè d'aspetto non del tutto con- 
forme. Il Cuvier fu il primo a dimostrare che questi esseri hanno in realtà la strut- 
tura de' veri Pesci ossei acantopterigj, e che nell' ordinamento metodico non può venir 

6i« 



LOPHIUS PISCATORIUS. 



disgiunto da essi il genere Batrachus del Bloch, che fra gli ossei collocavano pur concor- 
demente quegli stessi autori, i quali tenevano per cartilaginei i Lofii e loro consorti. 

Quantunque nella prima edizione del suo Règne Jninial il sommo Zoologo francese 
aggregasse i Lofii fra i Percidl^ opportunamente li separò nella seconda, e ne costituì 
una famiglia a parte, che a noi giova chiamare dei Lofidij e che collochiamo immedia- 
tamente appresso a quella dei Gobidi. Questo gruppo si connette infatti coi Gobidi per 
le strette relazioni che ha con la sezione dei Callioniminij e forma un ramo collaterale, 
il quale si distacca dalla serie lineare, e va poi a ricongiungersi coi Gadidi_, pesci ossei 
malacopterigj. 

V è una condizione di struttura insolita in tutta la Classe de' Pesci, la quale ottima- 
mamente distingue i Lofidi ^ e consiste nelle pinne pettorali sostenute da una specie 
di gambo, che sporge fuori del tronco, ed ha internamente due ossicini assai bene svi- 
luppati spettanti al carpo. Le ventrali pure sono sostenute da un gambo, composte 
di pochissimi raggi, e inserite molto innanzi alle pettorali, appunto sotto la gola al mo- 
do di quelle dei Gadidi. 

In due sottofamiglie scindiamo i Lofìdi, Nella prima, cui potrà darsi nome Lophini 
(e che comprende le specie aggregate da Linneo sotto il suo Lophius) lo scheletro è 
fibroso-cartilagineo, il corpo è privo di scaglie, la cavità branchiale dell' uno e dell' al- 
tro lato si protrae molto più indietro delle lamine opercolari, e va ad aprirsi in uno 
squarcio della pelle dietro l'ascella delle pinne pettorali. Nella seconda, che potrà dirsi 
Batrachini ( e la quale comprende i pesci esotici riuniti dal Bloch sotto il suo BatrachuSj 
e che altri penserà a ripartire secondo il bisogno in più generi ) lo scheletro è osseo ; 
la pelle è nuda, fungosa, oppure coperta di scaglie: la cavità branchiale s'apre imme- 
diatamente dietro all' opercolo, come nel massimo numero de' Pesci ossei. 

La sotto-famiglia Lophini accoglie tre generi, LophiuSj Antennarius e Malthe, Il Lo- 
phius di Cuvier ha tutto il corpo schiacciato, contornato da molte appendici cutanee con- 
figurate a guisa di picciole pinne : il capo grandissimo, anteriormente rotondato ; la boc- 
ca supera, larghissima: i denti delle mascelle grandi, acuti, quasi tutti mobili, ordinati 
in più d'una fila: due pinne dorsali, l'anteriore consistente in sei raggi spinosi liberi o 
semiliberi, impiantati parte sul capo parte sul tronco, i due primi terminati da un' ap- 
pendice membranosa; ha sei raggi branchiostegi, e manca di notatojo. ì^elV Jntennarius 
di Commerson il corpo é compresso sparso d'aculei e d'appendici pinnuliformi : il ca- 
po è picciolo; la bocca supera: i denti delle mascelle son tenui: le pinne dorsali son 
due, l'anteriore composta di pochi raggi spinosi, tutti impiantati sul capo, il primo 
libero, spesso terminato da un'appendice membranosa, lacera; la membrana branchio- 
stega ha quattro raggi: il notatojo esiste. Nel Malihe di Cuvier il corpo è depresso, 
sparso di tubercoli acuti e d'appendici pinnuliformi: il capo si protrae anteriormente in 
un rostro conico: la bocca è infera, protrattile: v'ha una sola pinna dorsale di pochi raggi 
tutti molli collegati da membrane ; i raggi branchiostegi sono in numero di sei o sette : 
manca il notatojo. 

Torniamo ora sul proposilo del genere Lophius per esporre più minutamente le par- 
ticolarità della sua struttura singolarissima. Una pelle flaccida, pochissimo aderente, sot- 
tile, priva di scaglie e d'aculei ricuopre tutta la superficie esterna dell'animale senza 
eccettuare gli occhi, le punte spinose del capo, le pinne, e ognuno dei lor raggi liberi 



LOPHIUS PISCATORIUS. 



in particolare ; si ripiega all' interno dello squarcio esistente sotto le ascelle e riveste 
l'intiera cavità branchiale. Il corpo, che come già s'è detto è tutto compresso, per circa 
due terzi della sua lunghezza anteriormente ha una forma ellittica, posteriormente si 
restringe a guisa di cuneo fino alla radice della caudale, nel qual punto divien piìi alto 
che largo. Più della metà della porzione ellittica è occupata dal capo. Gli occhi sono 
situati superiormente più vicini fra loro che ciascuno di essi al contorno del caj)0, e 
guardano obliquamente: la parte superiore del lembo delle orbite è prominente a guisa 
di cresta con sei denti brevissimi anteriormente, due grandi posteriormente. Lo spazio 
frapposto agli occhi è tutto avvallato nel senso longitudinale. Molto innanzi agli occhi e 
prossime al labbro di sopra sorgono le narici, le quali han la forma di due picciole 
trombe, e sono di sostanza molle carnosa. Lo squarcio della bocca è grande oltremodo, 
semikmare, prossimo al contorno del muso, incapace di chiudersi esattamente, perchè 
la mandibola è assai più curva e sporgente della mascella. Il labbro inferiore è grosso 
carnosetto, il superiore tenue. Tanto le ossa mandibolari, quanto le interm ascellari, si 
connettono anteriormente per mezzo d' un ligamento molle, e ciò fà che nello spalan- 
carsi della bocca le loro estremità esteriori si ravvicinano e ne diminuiscono il diame- 
tro trasversale. Le ossa mascellari sono inermi nel contorno, conformate a guisa di due 
remi, perchè si dilatano verso la parte inferiore. I denti mandibolari sono grandi, ma 
disuguali, subuliformi, alquanto incurvi, ordinati in circa tre file, e ad eccezione di 
quelli della fila anteriore si muovono chinandosi verso l'interno della bocca quando 
vengono spinti. I denti che ornano le ossa intermascellari verso i lati della bocca sono 
impiantati solidamente, brevi, distanti fra loro, disposti in una sola serie ; quelli che 
armano la porzione vicina al mezzo forman due file, e sono analoghi ai mandibolari, 
parte mobili parte no. Il vomere è piatto e anteriormente si dilata in due branche trasver- 
se, le estremità delle quali sono armate di denti grandetti. Altri denti sorgono sulle con- 
tigue ossa palatine. Le ossa faringee dell'uno e dell' altro lato sono pure fornite di denti 
di forma uncinata, e di questi ve n' ha due file alle estremità inferiori, e tre alle supe- 
riori. Nell'interno della bocca subito dietro al labbro di sopra si scorge una fessura tra- 
sversa, la quale mette in una cavità compresa fra la pagina superiore del vomere, e la 
volta molle del muso, e che vien sostenuta da due ossicini longitudinali; questi dalla 
positura che occupano sembrerebbero corrispondenti alle ossa nasali. La lingua è affatto 
liscia, semihmare, crassa, brevissima, e a guisa d'un semplice orlo cinge anteriormente 
l'osso ioide, il quale ha la figura d'un grande arco molto prominente nell'interno della 
bocca. Sui due rami di quest'osso sono impiantati tre archi branchiali per parte, ai qua- 
li aderiscono altrettante branchie. La cavità branchiale consiste in un gran sacco molle, 
il quale come s'è già accennato si stende fino dietro alle ascelle, ed è quasi tramezzato 
e diviso per lungo dallo sporgere che fanno dentro di esso dal lato interiore gran parte 
del gambo della pinna pettorale e l'osso clavicolare, (o scapolare che voglia dirsi), il 
quale con esso s'articola, e in forma di falce s'inoltra fin sotto la gola, ove va a collo- 
carsi col suo compagno fra l'osso ioide e le estremità inferiori delle ossa faringee. Sei 
grandi raggi branchiostegi sostengono la porzione di membrana che veste inferiormente 
la cavità branchiale, e questi raggi dall'osso ioide scorrono all' indietro fino a poca di- 
stanza dall' ascella. Superiormente la cavità branchiale stessa è difesa dai pezzi operco- 
lari, i quali a somiglianza del maggior numero delle ossa del capo si espandono in la- 
mine membranoso-cartilaginee, ed hanno spigoli prominenti di sostanza più compatta, 



I 



LOPHIUS PISCATORIUS. 



sui quali sorgono poche punte acute a base larga, altre erette, altre orizzontali. Il sub- 
opercolo ha una struttura affatto inusitata, perchè la sua parte più solida ha una forma 
di T, il cui gambo è applicato sotto al margine anteriore dell'opercolo: sul lembo este- 
riore poi di quella delle due branche trasyerse che guarda all' indietro è impiantata una 
serie di raggi semplici, pur volti all' indietro in numero di circa 24, i quali scostandosi 
come le aste d'un ventaglio distendono la membrana che li connette, e servono a dila- 
tare la porzione sottoposta del sacco branchiale. I più lunghi dei raggi or descritti giun- 
gono coir apice a poca distanza dell' apertura collocata dietro l'ascelle. 

Le pinne pettorali sono approssimativamente rettangolari, composte di molti raggi 
tutti molli, e il gambo che rispettivamente le sostiene è alquanto incurvo, lungo quanto 
la pinna, nascosto in gran parte dentro la cavità branchiale, di cui alternativamente 
dilata e chiude l'apertura sollevandosi ed abbassandosi. Le pinne ventrali sorgono nella 
parte inferiore |del capo sotto la gola molto innanzi alle pettorali, vicine fra loro; sono 
picciole, composte di soli cinque raggi ramosi, i due esteriori alquanto minori, gì' in- 
termedj uguali : le ossa con le quali sono articolate si connettono con le clavicolari. La 
pinna dorsale anteriore conta sei raggi semplici, filiformi. I due primi sono liberi, ira- 
piantati sulla fronte, poco distanti un dall'altro, e quantunque nello stato di riposo sieno 
diretti all' indietro, possono volgersi per qualunque verso a volontà dell' animale. 11 
primo è liscio, e termina con un' appendice membranoso-carnosa lanciforme : tanto l'ap- 
pendice quanto l'asta che la sostiene han questo di singolare, che invecchiando il pesce 
s'accrescono fuori di proporzione con l'incremento che acquistano tutti gli altri organi. 
Il secondo raggio dorsale è scabroso anteriormente, e termina in un'appendice membra- 
nosa picciolissima. Il terzo raggio è pure libero, minore dei precedenti inserito sull'oc- 
cipite, privo d'appendici, capace di volgersi all' indietro, ma non dai lati e anterior- 
mente come fanno i due raggi che lo precedono. 

In una memoria inserita nel tomo secondo degli Annali di Storia Naturale di Parigi 
del mese di Luglio 1824 il Dottor Bailly espone con diligenza incomparabile l'apparec- 
chio che serve al moto dei tre raggi anteriori della dorsale del Lophius fin qui ricordata, 
e il congegno maraviglioso delle loro rispettive articolazioni. Una laminetta cartilagi- 
noso-ossea lineare è collocata immediatamente al di sotto dei tegumenti, nel bel mezzo 
del canale scavato sulla fronte, ed è raccommandata posteriormente alle ossa parietali 
per mezzo d'una cartilagine molle. L'estremità anteriore della laminetta è conformata a 
guisa d'anello elevato verticalmente, e nel suo forame, che va da destra a sinistra, rice- 
ve un' altro anelletto esistente alla base del primo raggio mobile a quel modo stesso 
che si connettono fra loro due anelli d'una catena. Poco più indietro s'articola con la 
stessa laminetta verticale il secondo raggio; ma questo in luogo d'aver la base configurata 
a foggia d'anello, s'allarga in due brevi rami incurvati, le estremità dei quali abbraccia- 
no una cresta che si solleva verticalmente sul mezzo della laminetta. Il terzo raggio si 
connette con una cresta sollevata suU' osso occipitale, ed ha la base conformata come 
quella del secondo raggio, e l' articokzione affatto analoga. Ventidue muscoli sono stati 
contati dal Signor Bailly ai quali incombe l' ufficio d'operare tutti i varj moti di cui 
sono capaci i tre raggi. Il lettore desideroso d'acquistare più compiuta notizia di tal mec- 
canismo consulti lo scritto del Bailly, la tavola che lo accompagna, e la relazione datane 
all'Accademia delle Scienze di Parigi dal Signor Geoffroy S.* Hilaire, la quale si trova 
inserita anch'essa nel giornale di sopra citato. 



LOPHIUS PISCATORIUS. 



I tre raggi posteriori della dorsale anteriore sono inseriti sopra le prime vertebre dor- 
sali, decrescono di grado in grado dall'innanzi all' indietro, e li collega alle base una sot- 
til piega del tegumento comune. La pinna dorsale posteriore ha da otto a dodici raggi 
molli, inclinati all' indietro, collegati fra loro per tutta l'altezza: questa pinna è inter- 
media fra la dorsale anteriore e la caudale. L'ano s'apre immediatamente al di sotto del- 
l'origine della dorsale posteriore, e poco dietro ad esso sorge l'anale, la quale è analoga 
alla detta dorsale posteriore nella struttura. La caudale ha una forma cuneata a rovescio, 
ed è sostenuta da otto raggi molli, ramosi. Una serie di numerose appendici cutanee 
brevi, vermiformi, ma sfrangiate all'apice orna il labbro inferiore e tutto il contorno 
del corpo fino alla coda; di qua e di là dalla dorsale posteriore v'ha una o due altre file 
di appendici consimili sulla porzione attenuata del tronco. Il ventricolo è ampio ed ha 
poche appendici cieche assai brevi. Il tubo intestinale è poco esteso. Manca il notato] g, 
come s'è avvertito in principio. 

I pesci di questo genere sono voraci ollremodo. Ascosi nel fango o fra l'erbe mari- 
ne vanno agitando le appendici molli che portano all'estremità dei due lunghi raggi 
anteriori della pinna dorsale, e abbandonano al moto dei fiutti quelle di cui è cinto 
il lor corpo. Gli altri abitatori del mare facilmente vengono attratti da questo genere 
d' esca, in cui forse credono scorgere pesciolini o vermi viventi, ma di colpo riman- 
gono afferrati dai denti dell' enorme bocca, che mezzo aperta sta aspettando gì' in- 
cauti. A ciò devesi il nome di pescatore o pescatrice, che a siffatta stirpe dà il volgo 
in molte contrade. 

L'ampiezza delle cavità branchiali somministra a questi esseri il mezzo di vivere 
fuori dell' acqua un tempo non breve , tanto piii che a chiudere esattamente gli sboc- 
chi esteriori di tali cavità e a impedire l'uscita dell' acqua cospirano con niaraviglioso 
artificio non solo i raggi branchiostegi, e i pezzi opercolari, ma altresì quei raggi 
minori che orlano i subopercoli e i vigorosi gambi delle pinne pettorali. 

II Signor Geoffroy S.'^ Hilaire parlando del Lophius in alcune sue considerazioni 
inserite negli Annali del Museo di Storia Naturale di Parigi Tom. 9. anno 1807 as- 
serisce che i pesci dei quali ora trattiamo non solo attraggono la preda come il pesca- 
tore con l'amo (cosa già rilevata dai più antichi filosofi e poeti, anzi dal volgo stesso), 
ma che l'accolgono in que' grandi sacchi delle branchie, come si fa da noi con le nasse 
e altri ordigni consimili. Qualunque sia la spiegazione verso la quale inclina il dottis- 
simo autore, scorgiamo un fondamento di verità nel paragone allegato, perchè spesso 
nei Lofii che si portano a vendere abbiamo trovato alcuni pesciolini ancor racchiusi 
ne' detti sacchi, anzi ci è avvenuto veder di quelli che introdottisi dalle fauci fra 
gli archi branchiali vi erano rimasti inceppati col capo già intruso nelle cavità delle 
branchie e con la coda ancor sospesa nell' interno della bocca. Convien dire che, 
quando è già soffocata la preda procacciatasi per questa via, il pesce abbia facoltà 
d'espellerla insieme coli' acqua, ch'egli tratto tratto va spingendo fuori dall'appertura 
posteriore del sacco branchiale, per poi divorarla a bell'agio addentandola nuovamente. 

Il Lophius piscatorius già vecchio eccede due ed anche tre piedi di lunghezza ; ma 
gli esemplari che più comunemente si portano a vendere al mercato, perchè ancor gio- 
vani giungono appena ad un piede. La larghezza che ha il capo verso la parte poste- 
riore è compresa circa due volte e mezzo nella lunghezza totale del pesce: quasi tre 



LOPIilUS PISCATORIUS. 



volte resta compresa in tal misura la lunghezza del capo stesso, e la sua altezza do- 
dici volte. Negli esemplari giovanili il primo raggio libero della dorsale anteriore è sen- 
sibilmente minore del secondo, e non giunge alla misura che hanno le ossa mascellari : 
r appendice membranosa con cui termina corrisponde ad un sesto circa della sua lun- 
ghezza ; ha una figura lanciforme ed è circa quattro volte più lunga che larga. Negli 
esemplari vecchi però questo stesso raggio è senza paragone più esteso, giungendo la 
sua asta a superar le ossa mascellari del doppio e del triplo: l'appendice membranosa 
si dilata e s'allunga in proporzione. La pinna dorsale posteriore ha 12 raggi, ed es- 
sendo spiegata è un terzo più alta della porzione di tronco sottoposta. La pinna anale 
conta nove raggi ed è un quinto men alta della dorsale posteriore. Le vertebre della 
spina sono in numero di trenta circa. 

11 colore delle parti superiori è un cinereo-bajo volgente al sanguigno, marmorato 
minutamente di tinta più fosca. Il disotto è d'un latteo-carnicino. La pinna dorsale po- 
steriore e la caudale hanno il color del dorso ed una striscia fosca lungo^ il lembo termi- 
nale. Le appendici membranose dei primi raggi dorsali sono fosche sulla faccia ante- 
riore, bianche sulla posteriore. Le pinne pettorali anteriormente hanno il colore del 
dorso, posteriormente quello del ventre, ma sopra ambedue le facce portano una larga 
striscia scura segnata sull'apice. Le ventrali hanno la tinta del ventre, e così pure 
l'anale, la quale però è imbrattata qualche poco di color cinereo: le appendici pinnuli- 
formi che cingono il corpo e la mandibola sono fosche: le pupille nerastre, e Tiride 
dorata pallida. 

I È comunissimo il Lophius pi&catorius nelle acque del Mediterraneo e in quelle 
dell'Atlantico Europeo. Si pesca ogni giorno sui nostri lidi con le paranze. La sua carne 
è tenuta in pochissimo pregio. 

A Roma il suo nome volgare è Pescatrice : in Toscana chiamasi Boldrò; nel Ve- 
neziano Martino pescatore; sull'Adriatico in più altri luoghi d'Italia Io dicono Rospaj 
Pesce rospOj Rana marina; a Civitavecchia ed a Genova Giudio ; a Nizza Baudroi; 
in Sicilia Maga^ Diavolo di inare^. o Giuranna di mari. 



LOPHIUS BUDEGASSA 



LOFIO MARTINO 



LOPHIUS appendicida membranacea radii primi pinnae dorsalis anticae lanceolato-subulata : 
dorsali postica novem-radiata. i/^ D. 6. 2.'^ D. 9. P. 20. 6. A. 9. C. 8. 

LOPHIUS BUDEGASSA, Spinola, in nn. 3Iuf. iSo"]. p. 5']6. sp.5. 
liOPHiDS PiscATOKits, ■var. A. Risso, Ichtii. Nic.p.l\%. sp. i. 
LOPHIUS PABTiPiNNis, Cuv. Rcgn. Anim. 2. ed. li. p. "iSi . 

I3i rado si vede giungere alle dimensioni del pesce che precede. Relativamente alle 
proporzioni del capo solo se ne discosta per una larghezza un poco minore: infatti que- 
sta misura riman compresa quasi tre volte nella lunghezza del pesce intiero. Il primo 
raggio lihero della pinna dorsale anteriore anche negli esemplari giovanili è più. lungo 
del secondo, sensibilmente più sottile, e supera sempre la lunghezza delle ossa mascel- 
lari. L'appendice da cui è terminato ha in lunghezza l'ottava parte circa dell'asta, e 
presenta una figura piuttosto di subbia che di lancia, essendo per lo men dieci volte 
più lunga che larga. Negli esemplari vecchi tutto questo raggio s'accresce in modo 
analogo a quel che avviene nel Lophius piscatorius_, senza che varii la figura dell'ap- 
pendice membranosa. La pinna dorsale posteriore ha soli nove raggi, ed essendo spie- 
gata eccede d'un quinto soltanto l'altezza della porzione di tronco sottoposta. La pinna 
analfe ha essa pure nove raggi, ed è un quinto men alta della dorsale posteriore ora 
accennata. Le vertebre della spina sono circa vent' otto. 

Il colore delle parti superiori nel fondo è un cinereo volgente al roseo lurido, 
marmerà to minutamente di tinta più bruna, distribuita in picciolissime macchie con- 
tigue rotonde col centro più pallido. Così il dorso del presente pesce tende al ca- 
stagno-rossastro chiaro, laddove quello del Lophius piscatorius s avvicina al castagno 
fosco. Nelle parti restanti il coloramento delle due specie è analogo perfettamente. 

Vive nel Mediterraneo, e fa soggiorno in que' luoghi stessi in cui s'incontra il Lo- 
phius piscatorius ; ma è meno comune. La sua carne è notabilmente più compatta e 
di sapore migliore. Ciò fa che i pescivendoli premurosi di distinguere la specie la ri- 
conoscono con maggior sicurezza che non han fatto finora gli scienziati. 

L'esistenza d'un Lophius del Mediterraneo diverso dal piscatorius fu annunziata 
per la prima volta dal Signore Spinola di Genova. Il carattere però indicato da lui 
per distinguere specie da specie è lontano dall' aver alcun fondamento di vero: quindi 
a rigore avrebbe potuto riguardarsi come non avvenuta la fondazione del suo budegassa. 
Pure abbiamo adottalo quel nome specifico pel pesce presente, conducendoci dietro 
all'appellazione vernacola dei Genovesi, che senza meno deve aver eccitato l'attenzione 
dello Spinola, e deve averlo determinato in favore di quel vocabolo. Bisogna confessare 



Risso, Hist. Nat. III. p. 170. ip, 54. 



LOPHIUS BUDEGASSA. 

frattanto che il Signor Risso parlando del suo L. Budegassa è assai più chiaro, accenna 
approssimativamente le diversità dei colori, parla della qualità migliore della carne, 
conta a davere il numero dei raggi della pinna dorsale posteriore, dal quale si de- 
sume un carattere certo. Se riportiamo come sinonimo il L, parvipinnìs del Cuvier, 
ce lo consiglia sopra tutto la convenienza del nome parvìpinnis ; giacche sul conto 
delle citazioni del Risso e dello Spinola il Cuvier non si mostra sicuro. Del resto 
quasi per commentare il nome parvipinnis^ egli dice esplicitamente, che la pinna dor- 
sale è più bassa nella specie nuova che nell'antica, senza far parola della lunghezza: 
ma appunto la differenza sta nel numero dei raggi al quale va appresso una diversa 
lunghezza, laddove nell'altezza non v'ha discrepanza degna di nota. Finalmente è da 
dire che il Cuvier attribuisce 25 vertebre al L. parwpinnìs suo, e 3o al Z. piscato- 
rius: ora noi confermiamo che 'A L. piscatorius ne ha pel solito un numero maggiore; 
ma a contarle, in più scheletri di quest'ultimo ne abbiam trovate da 29 a 3i, e in 
quelli del L. budegassa non più di 3o, non meno di 27, 

Il Lophius budegassa chiamasi a Roma Martino^, a Civitavecchia esclusivamente Pe- 
scatricej in Toscana Boldrà buonOj nella Liguria BudegOj, a Nizza Gianeli. 

Oltre le due qui effigiate non ci è nota alcun' altra specie di vero Lofio, fuorché 
il L. setigerus di Vahl, pesce della Cina, di cui vedesi una figura negli atti della 
Società di Storia Naturale di Copenhaguen, e che indebitamente fu detto viviparus. 
nell'edizione del Bloch data dallo Schneider, 



1 



Xf7 



CALLIONYMUS DRACUNCULUS 

CALLIONIMO PHAGONCELLO 



cALLioNVMUS griseo-caeruUscenSj lateribus punctìsj. Uneisque nigro-limbaiisj argenteis: dor- 
salib.us utrisque corpore elatioribus ; calcare praeoper ciliari tricuspide : pinna cau- 
dali elongata. 1.'' i?. 4. 2.'^ Z>. 7. P. 16. F. S. ^.9. C. IO. 
Mas pinna dorsali posteriore valde protracta : caudali elongatissimaj rhomboidea. 

CALLiONYMUs DRAcuNCDLas, Linn.Syst.Nat.I. p.l^òly. s.p,2. Risso, lohtìi.Nic.p.iol^. sp.1, nec ff.Nat.nec Auct. 
CALLIONYMUS FESTIVUS? P alias , Zoogr. Ross. III. p, 1^6. Eichw. Zool. spec. III. p.']8.sp.2. nec JSob. 
CALUONYMUS PDSII-L0S, DeLar. in Ann. Miis.XIII. p.55o. tah. ì,x\. fig. 16. Risso,H, N.IIJ.p.26^.sp,i5'],hem. 
CALLIONi'MDS APMIRABILIS, Risso , Jlist. Ut. 1 1 1. p. 26^. sp. iS6. tab. 6. ftg .1 1, 
CALUONYMUS LACEETA, Cuv. Règu. Anim. 2. ed. 1 1. p.z^']. Valenc. Hist. Poiss<XII.p.'ì%ò. 
DBACDNCULUS, Rond.Pisc.Mar.I.lib-x, cap.xu.p.5o^.cum fig. Aldr.Pisc.lih. ii. eap. li. p.262. Jonst.Pisc. lih.'u 
p.&l.tab.ii. fig.l^. Willughb. Icht}^.lih.\y. cap.i%y. p>i56. iab.H. fig. 3. Ray, S.yn, Pisc.p.-jg.sp.i. 
PRAC0NCULXIS, Aranei specles altera, Gesner^ Aquat. IV. p. 80. 

COTTDS pinna secuoda dorsi alta (err.alliaj Artedi, SynoA'p. 77. sp,^. Id, Gen-p, /^Q-sp. 5. 

Il Rondelezio che questo pesce conobbe chiamoilo DracunculuSj nome che da Lin- 
neo gli fu conservato specifico, quando saggiamente lo incluse nel suo genere Callionj- 
mus. Quindi noi rilegando nel!' abisso della sinonimia i molti nomi assegnatigli dai mo- 
derni Ittiologi glie lo ripristiniamo, non curandoci che il detto nome sia slato dato ad 
altri Callionimi, e molto meno valutando che i nordici scrittori lo abbian applicato alla 
femmina del vero Callionjmus Ij-ra^ la quale malamente fu creduta diversa specie per- 
chè ha la prima dorsale bassa, quando nel maschio la si vede elevata. L'equivoco di una 
sola lettera fu sorgente dei numerosi abbagli che si presero circa il Dracunculus di Hon- 
delezio: poiché l'Artedi, guida di tutti gl'Ittiologi fino ai nostri dì, nel registrarlo come 
un Cottus diede alla seconda sua pinna dorsale l'aggiunto di alta^, che lo stampatore di- 
sgraziatamente mutò in albaj cambiando così faccia a tutto il soggetto. 

Descrivelo bene il Valenciennes, e ne pennelleggia ancor bene il coloramento, ma 
restiamo maravigliati ch'egli veda in esso il Callionymus festims di questa Iconografia ; 
meraviglia che a dismisura ci si accresce, perchè ne loda le nostre figure, e ne ritradu- 
ce esattamente i colori, senza badar punto alle diversità gigantesche sì nel colorito come 
nelle grandezze rispettive delle pinne tra festivus e il pesce di cui trattiamo. Ingan- 
nato senz'altro dalla identità del nome credette il dotto naturalista, che il nostro Callio- 
njmus f e stivus fosse lo stesso del così detto dal Pallas, ch'egli riferisce al presente Gallio- 
n/mus dracunculus tanto diverso dal festims nostro, e che noi denominammo così igno- 
rando affatto che il Pallas avesse un Callionimo di tal nome. Con buona pace del sig. Va- 
lenciennes, il no&lYO festims è una eccellente specie quantunque non diversa dal Callio- 
njmus Morissoniij Risso, confuso da lui col nostro CalUonjinus belenus. E siccome dopo 
averla pubblicata ci siam sempre piìi persuasi che le differenze fra queste due supposte 

145 



CALLIONYMUS DRACUNGULUS. 



specie non hanno fondamento in natura, ma solo nella descrizione del Risso, così le ri- 
pristiniamo il nome dovutole per anteriorità, tanto più yolontieri che altrimenti ci saria 
giuocoforza il comporne uno nuovo. Non possiam poi portar giudizio sulle altre quattro 
pretese specie del mediterraneo, cui lo stesso Valenciennes dà i nomi à\ Callionymus re- 
ticulatusjfascìatusj Saeuriì^ e Rissai, le quali se non tutte, almen parte, duhitiam forte- 
mente ch'esistano in natura. 

Nel Callionymus dracunculus il profilo superiore ascende obliquo fin sopra l'occhio, 
quindi corre piano fino alla prima dorsale, d'onde procede leggermente convesso: quello 
del ventre è più regolare. La maggiore altezza che cade sulF origine delle pettorali non 
è che la decima parte della totale lunghezza, e minore della maggior larghezza che tro- 
vasi nel capo cuneiforme, fortemente compresso, dilatato, e costituente la terza parte del 
corpo. I contigui occhi, poco più. di un sesto del capo, hanno il margine inferiore dell* 
orbita appena sporgente, e distano dalla punta dell'acuto muso più di un proprio dia- 
metro. La bocca molto protrattile non si squarcia che per un simil diametro. Lo sprone 
preopercolare è tricuspide. La linea laterale diretta indentro per breve spazio, e diver- 
gente quindi in linea quasi retta, vien congiunta con quella del lato opposto mediante un 
tratto che attraversa la nuca. L'ano apresi circa al quarto anteriore del pesce. La prima 
pinna dorsale nasce poco dietro il sesto del medesimo, il primo suo raggio, quantun- 
que il più lungo, non giunge a tre quarti della lunghezza del capo: la seconda, quadrila- 
tera, spicca poco prima della metà del corpo, ed innalza i lunghissimi raggi quattro volte 
più, giungendo a misurare oltre la metà dell'intero pesce. Le pettorali ovato-oblunghe, 
estendonsi poco meno del capo. Le ventrali maggiori delle pettorali, mostransi acumi- 
nate e leggermente falcate. L'anale, lunga quasi un terzo del corpo, nasce in mezzo tra 
l'apice del muso e la caudale: i suoi raggi si allungano di grado in grado, di modo che 
l'ultimo, esteso quanto la base, è più che doppio del primo. La caudale è un terzo di 
tutto il pesce, e i raggi di mezzo lunghi il doppio degli esterni le dan forma di romboide. 

Il colore è fosco-violaceo nella metà superiore del corpo, nitidamente periato dalla 
gola fino alla caudale. Dall'apice del muso comincia una serie di punti lucidi argentei 
sparsi qua e là sulle guance, e quindi più regolarmente disposti lungo la linea laterale 
fino alla coda. Parecchie lineole verticali dello stesso lucido argentino orlate di nera- 
stro veggonsi di qua e di là sui lati del corpo, cui però non ricingono in giro. Le traspa- 
renti pinne dorsali, e segnatamente la seconda, somigliano un velo listato trasversalmente 
di argento : le altre pinne son tinte più o men di violetto smorto: la base delle pettorali 
e tutte intiere le ventrali sono sparse di punti argentei: l'anale tinge il margine infe- 
riore di nerastro : la caudale assume superiormente ii colore e le linee della dorsale, in- 
feriormente ha il margine scuro quasi come l'anale. 

L'esemplare maschio che abbiamo descritto era lungo cinque pollici. La femmina, 
che non giunge alla metà, gli è similissima per le forme e quasi per i colori, ma ne sem- 
bra diversissima perchè la seconda dorsale non si eleva all' innanzi che per un ottavo 
di quella del maschio, e la caudale semiromboidale soltanto non è che la quinta parte 
dell' animale. 

Seppur trovisi questo bel pescetto in Genova e in Roma, non così certamente vi 
abbonda come il C. maculalus, il quale dagli autori ciò asseveranti potrebbe essere stato 
preso per esso: noi non l'avemmo se non dai mari di Sicilia, ove è raro quanto nelle 
isole Baleari ed a Nizza. 



BLENNIUS ROUXI 



BAVOSA DEL HOUX 



BLENNWS compressissimuSj suhdiaphanuSj fascia utrìnque longitudinali atra : linea laterali 
obliterata: mandibulae dente majore utrìnque ecctremo conspicuOj valde recurvo. 

D. 34. P. i3. F. 2. A. 26. C. 12. 

BLENNius Ruxii, Cocco, Leti. Pesci, Mess. in Giorn.Sc. Lcit.etc. XLII. p.ii. sp.x.tab.g: fxg. x. 

t 

Molte famiglie già credute naturali sì dovettero scindere per seguire la riforma 
fondamentale del Sistema Ittiologico secondo l'Agassiziana teoria delle scaglie, così con- 
sentanea ai principii genetici della creazione. E tralasciando quelle famiglie che ora for- 
mano l'Ordine dei Ganoideij gli Jnabantidi dovettero spogliarsi degli Ophìocephalidi ; i 
Theutydidi degli Acanthuridi; ì Percidi dei Trachinidij e degli Sphjraemdi ; i TrigUdi 
dei Gasterosteidi ; i Gobidi dei Callionymidi e dei Blennidi; e si rimasero così puri Cte- 
noidij mentre quelli, de' quali si scevrarono, schieraronsi fra i Cjcloidi : come al con- 
trario i Labridi si spogliarono dei Chromididij gli Scombridi dei Caproidini per rima- 
nersi puri Cjcloidi. Così è che le sottofamiglie dei Blennini e dei Callionjminij le quali 
insieme coi Gobini formavano la famiglia dei Gobidi appo il Cuvìer, non meno che in 
questa Iconografia, ora formano famiglie indipendenti dell' ordine dei Cjprini sotto il 
nome di Blennidae e di Callionyniidaej restandosi i Gobini soli a costituire quella dei 
Gobidi nell'ordine delle Percae. Ma siccome fra i Gobidi e i Blennidi esiste una reale 
affinità, che non si verifica punto fra i Percidi e i Trachinidi^ fra i TrigUdi e i Gastero- 
steidi etc. così dal buon coordinamento del sistema vuoisi che il passaggio tra l'uno e 
l'altro Ordine si faccia per mezzo di loro stessi, intervenendo fra i Gobidi (ultimi fra le 
Percae) e i nostri Blennidi j la sola famiglia dei Cjclopteridi (primi dei Cjprini) che 
ben meritano di essere più approssimati ai Gobidi per cagione delle loro ventrali anche 
più strettamente congiunte. I Blennidi poi passano speciosamente nei Gadidi per mezzo 
de Callionjmidi e dei Lophidij senza de' quali vi si riunirebbero forse ancor meglio; e ne 
sia testimonio Linneo, che poneva nel genere Blennius il Phjcisj cioè un Gadide vero. 

Inutile è dopo l'articolo del C.festivus il replicare i caratteri delle tre famiglie, che 
già furono riunite insieme dal distintivo dei raggi sottili e flaccidi tanto importante fra 
gli Acantotterigii, cui però divenuto ora secondario sovrasta quello che si desume dalla 
forma diversissima delle pinne ventrali. La famiglia dei Blennidi_, oltre all'avere le dette 
pinne jugulari e separate, caratterizzasi ancora da sei raggi nella membrana branchio- 
stega, e dal corpo allungato, compresso e mucilaginoso. D'appresso più recenti studj in 
tre sottofamiglie la dividiamo: i. Blennini dai denti uniseriali, simili, dal corpo onni- 
namente privo di scaglie e rivestito abbondantemente di denso muco, coi raggi spinosi 
della dorsale flessibilissimi, e con le pinne ventrali avanti le pettorali collocate, didat- 

145* 



BLENNIUS ROUXI. 



tili, ben sviluppate. — 2. Jnarrhichadini dai denti quasi sempre disposti in più serie, 
dissimili, dal corpo eccessivamente compresso, e sparso di scagliette, coi raggi spinosi 
della dorsale numerosi e pungenti, colle pinne ventrali avanti le pettorali collocate, di 
dattili, ma poco sviluppate, anzi spesso monodattili, e ridotte ad un semplice brevissimo 
filamento, clie talvolta manca del tutto. — 3. Opistognathini colle ventrali di cinque 
raggi collocate sotto le pettorali; il cui unico genere è VOpistognathuSj Cuv. esotico, col 
mascellare stranamente prolungato dietro gli angoli della bocca, ed anomalo al punto, 
che quasi non entrerebbe tra i Blennidij accostandosi piuttosto al genere ChiruSj Steller, 
{Labrax di Pallas ma non di Cuvier). 

Agli Jnarrhichadini appartengono otto generi: cioè V Anarrhichas, L. privo affatto di 
ventrali, e con denti palatini emisferici; formato dall'unica specie Jnarrhichas lupuSj L. 
dei mari settentrionali d'Europa. — ZoarceSj Cuv. con le ventrali di un solo raggio bre- 
vissimo e filiforme, col corpo quasi anguillaceo, coi raggi dorsali molli ed articolati, ce- 
lebre da tanto tempo come indubitatamente viviparo. — Gunnellus_, Cuv. (MuraenoideSj 
Lacép,, Pholis, Gronov. CentronotuSj Schneid. ) colle ventrali non dissimili dall'antece- 
dente, col corpo teniiforme, coi raggi della dorsale prolungatissimi, e tutti inarticolati! 
— Crisiicepsj Cuv. con la dorsale suddivisa in un lontano lobo piantato sopra l'occipite, 
coi denti anteriori radi, uncinati, i posteriori a scardasso. — TripterjgioUj Risso, diverso 
da tutti per la dorsale tripartita, ma con denti non dissimili dal precedente; abitatore del 
mediterraneo, — CirribarbuSj Cuv. con denti tutti a scardasso, e notabilissimo pei molti 
tentacoli radicatigli intorno alla bocca, — ClinuSj Cuv. coi denti anteriori radi, uncinati, 
i posteriori a scardasso, e col palato dentato^ alcune specie del quale vivono intorno all' 
Italia. — Mfxodesj Cuv. col palato edeutulo, unico degli Anarrhicadini che abbia denti 
uniseriali in ambedue le mascelle. 

Venendo finalmente alla sottofamiglia dei Blennini la veggiam composta di sei ge- 
neri. I. BlenniuSj L. dai denti lunghi, immobili, fitti, eguali in ambedue le mascelle; ma 
spessissimo un dente canino grosso e ricurvo nelle estremità della serie ; di capo breve 
ed ottuso (a differenza dei Clinìj e del Tripterjgion che, oltre le sue specie, sono i soli 
Blennidi d'Italia) ; di fronte verticale munita di uno o due paja di tentacoli diversi nella 
forma e nel collocamento; di aperture branchiali protratte fin sotto la gola. — 2, Pholis_, 
Cuv. distinto appena dal BlenniuSj non diversificando che per la semplice mancanza di 
tentacolo, che in certi tempi è si esile in alcuni Blenniij che facilmente 0 fugge dall'oc- 
chio o lo si trova distrutto. — 3. IchthjocoriSj Nob. che volentieri proponiamo per com- 
prendere i Blennii crestuti, cioè muniti (almeno i maschi) di una cresta occipitale pin- 
guedinosa, che inturgidisce nel tempo degli amori. — BlennechiSj Cuv. meglio separato 
per l'apertura branchiale, che ben lungi dall' esser fessa fin sotto la gola, riducesi ad una 
semplice fenditura non protratta oltre la base della pettorale, quantunque non sia di- 
verso nella dentatura. — 5. ChasmodeSj Cuv. simile all'antecedente per l'apertura bran- 
chiale, ma distintone invece per la dentatura impiantata unicamente sul davanti della 
bocca più squarciata. — 6. Salarias di Cuvier ( non però del Risso che malamente ap- 
plicavalo a un pesce del mediterraneo ben riconoscibile fra tutti gli altri generi per gl'in- 
numerevoli sottilissimi denti, mobili tutti singoli come i tasti di un cembalo. 

Tra i numerosi e non per anco ben conosciuti Blennii italiani, ne abbiam soltanto 
prescelti cinque, tutto o parte nuovi, che si veggono figurati nell'annessa tavola. E già 
ninno è che non sappia essere comunissimo nei nostri mari il Blennius ocellarisj del 



BLENNIUS RO.UXI. 



quale diGÌam solo che ne possediamo una varietà priva della speciosa rotella nel bel 
mezzo della pinna dorsale. Così pure sono conosciutissimi da tutti il gattoruginej ed il 
palmicorw's. chfi come le specie esotiche pilicorniSj^ fissicornisj parvicornisj grandicornisj 
cornutus ed altri, desume il nome dalla forma dei tentacoli sopraccigliari durante il 
tempo in cui danno opera alla generazione. 

Il corpo del Blennius Mouxi è fortemente compresso ; il profilo del dorso corre appe- 
na convesso dall'occipite all'origine della coda ove incavasi leggermente; e gli corri- 
sponde neir andamento q^uello del ventre. La niaggiore altezza che cade sul mezzo del- 
k pettorali è inelusa cinque volte nella lunghezza del pesce, toltane la coda; e la mag- 
gior larghezza, ia,on è che il nono di questa misura. 11 capo lungo un terzo più che non è 
largo estendesi per un quinto- dell' intiera lunghezza, mostrasi coijipresso anch'esso spe- 
cialmente nelle gote, ed è ottuso e rapidamente declive. Gli occhi occupano un quarto 
del capo, distando un lor diametro dalla punta del muso,, e un terzo appena fra loro* 
1 tentacoli che li sovras.tano leggermente palmati nascono sul mezzo del margine su- 
periore. Due altre appendici più lunghe ma più esili ergonsi di qua e di là sulla fron- 
te in vicinanza delle narici. L'angusta bocca squarciasi fin sotto la metà dell'occhio: 
le mas-celle, ambedue fornite di labbra carnose, sono eguali; gli esili e folti denti so- 
no più allungati nel mezzo, e vanno degradando insensibilmente in modo da far vie 
più rilevare la robustezza dell'ultimo adunco della lor serie, assai più sviluppato nella 
mandibola che nella mascella. L'opercolo di pezzi rotondali e pochissimo distinti ha il 
margine superiore leggermente incavato. La linea laterale si oblitera dopo le pettorali,, 
fino alle quali non mostrasi che leggermente. L'ano apresi avanti la metà del pesce. La 
pinna dorsale spicca innanzi il termine dell'opercolo, e giunge fin quasi alla radice del- 
la caudale staccata visibilmente da essa: elevasi oltre due terzi della maggior altezza del 
corpo, sulla quale leggermente s'abbassa, come pure verso l'estremità. Le pettorali trian- 
golari acute son lunghe quanto il capo. Le ventrali estese in modo da giungere verso 
la metà delle pettorali, spingono fino all'ano l'interno ossia maggior raggio. L'anale spic- 
ca sotto la metà delle pettorali dopo il terzo anteriore del pesce, e si protrae quanto 
la dorsale, di cui è un terzo più bassa. La caudale rotondata occupa un sesto di tutto 
l'animale. 

Trasparente come l'ambra, e di colore più o meno carico, è spruzzato per tutto di 
punti nerastri: una fascia castagno-fosca scorre superiornaente lungo i fianchi dall'oc- 
chio alla coda, sotto la quale il pesce assume un colore argentino: le gote hanno un co- 
lor di zolfo pallido, e son punteggiate di nero: l'iride è argentina con raggi rosso-ran- 
ciati* la pupilla è nera: i tentacoli sopracciliari sono giallognoH, scuri però alla base e 
alla punta: i piccoli delle narici sono tutù gialli. Le pinne pettorali sono giallognole; 
le ventrali bianche; le altre rosseggiano alquanto, specialmente in taluni individui che 
tingono la caudale in color di aurora; la dorsale, e l'anale massimamente, sono orlate di 
nerastro. 

Questo agilissimo pesciolino non è maggiore di due pollici, essendo la grossezza un 
sol terzo di pollice. Pescasi ma non di frequente nei mari di Sicilia, ove però vedesi in 
qualche numero nella state. Gode fra'suai congeneri del distintivo nome di l'/a/zcOj. chia- 
mandolo quei marinari Bausa janca. 

145** 



BLEIVIMUS TRIGLOIDES 

BAVOSA CAPONE 



BLENNius fusco-olwaceuSj, atro-nebulosus ; longitudine altitudinem quater superante: capite 
ingenti j antice truncato-retusOj corporis altitudinem aequante: cirro supraciliari brevis- 
simo: pinna dorsali bipartita: caudali rotunda. D.2%. P. 12. V.i. ^.18. Ci4- 

BLENNios TBIGLOIDES, Cuv. et Valeitc^ Hist. Poiss. XI.p.238.- 

ì{ 

Ija pinna dorsale tanto profondamente intaccata da parer doppia anziché bifida, 
ma sopra tutto la grossa testa foggiata precisamente a guisa delle Triglae di Linneo, 
cioè di quei pesci chiamati volgarmente Caponijhen distinguono questa specie essenzial- 
mente marina da tutti i Blennii fin qui conosciuti. C'incontrammo perciò, senza nep- 
pur saperlo, col signor Valenciennes nelF applicargli il nome Trigloides. 

Questo pesce è molto ingrossato nella metà anteriore, nella posteriore è compresso: 
il profilo superiore corre orizzontale dall'occhio alla pinna dorsale, quindi incurvasi leg- 
germente; più convesso è quello del ventre specialmente dalle ventrali alla coda. La 
maggior altezza sul mezzo delle pettorali è un quarto della totale lunghezza, della quale 
misura un sesto la grossezza, che a cagione del gonfiamento straordinario delle gote, tro- 
vasi al termine del capo. Questo dal piano superiore scende bruscamente all'ottusissima 
estremità del muso incavandosi sotto rocchio; la sua lunghezza comprendesi quattro vol- 
te in quella del pesce. L'occhio ampio, rotondo, occupa un quarto del capo, dista più di 
un proprio diametro dall'apice del muso, mezzo dal compagno: gli acuti margini su- 
periori delle orbite sono notabilmente sporgenti. La bocca affatto terminale squarciasi 
fin sotto la metà degli occhj ; le mascelle pressoché uguali rivestonsi di labbra carnose; 
e l'estremo dente isolato di qua e di là è molto breve ma robusto. Le narici collocate in- 
nanzi al margine anteriore dell'occhio hanno ambo i fori velati da una sottile appendice 
cutanea fimbriata ne' margini. L'opercolo obliquamente troncato, termina in una punta 
che richiama anch' essa le Triglae. La linea laterale discende arcuata fino al mezzo del 
corpo, ove risale dolcemente per proseguir retta fino al suo termine. L'ano piccolissi- 
mo, rotondetto, s'apre nel mezzo del corpo. La pinna dorsale fortemente arcuata spicca 
molto innanzi il termine dell' opercolo, e giunta alla sua metà scorcia talmente i suoi 
raggi, che sembra divisa in due di una stessa forma. Le pettorali, carnose alla base, e 
lunghe quanto il capo, spingono lor punte fino alla metà del pesce: i sei raggi inferiori 
son più robusti. Le ventrali protraggono il raggio interno al terzo anteriore delle petto- 
rali. L'anale spicca lungi dall'ano sotto l'intaccatura della dorsale, della cui metà poste- 
riore ha forma e grandezza. La caudale, che non giunge ad un sesto del pesce, è quasi 
rotonda. La tinta è cinereo-cupa sparsa tutta di folle macchie nerastre che assumono 
sulle gote l'apparenza di trìplice fascia: le pinne sono tempestate di niacchiuzze rossigne. 

Dei pochi che avemmo fra le mani, il più grande esemplare, ricevuto di Sicilia, mi- 
surava tre pollici e mezzo. 



BLENNIUS LUPULUS 



BAVOSA LUPETTO 



BLETfmus fusco-oUvaceus atromaculatus longitudine altitudinern vix quinquies 'superante : 
capite oblique truncatOj subbreviore altitudine corporis: cirro superciliari vix ullo: ano 
a pinna anali longinquo : cauda rotundata. Z?, 29. P. i3. V. 2. ^.18. C 14. 

Sotto un nome specifico tratto dal volgare ài Lupetto^ che questo pesciolino divide 
con altri congeneri nostrali, introduciamo ne' cataloghi non senza qualche timore un 
vero Blennio che nella Fiora ed altre correnti tributarie del mediterraneo sui confini 
Toscani e Romani chiamasi Pesce cane; del (jual nomig è già noto goder nel Tevere il 
comune e vago Bl. ocellaris. 

Il profilo del dorso corre intieramente convesso; quello del ventre è convesso anch' 
esso fin al termine delle pettorali, ove salito tostamente, continuasi quasi retto. La mag- 
gior altezza nel terzo anteriore del pesce è compresa quattro volte nella sua lunghezza 
esclusane la coda. 11 capo schiacciato nella metà anteriore, alquanto rigonfio nella poste- 
riore, e breve a segno di agguagliare appena la suddetta altezza, vedesi piano dalla nu- 
ca alle orbite, ove scende rapido fino alla poco ottusa punta del muso; dalla quale l'oc- 
chio, che ne occupa un quarto, dista un buon diametro e mezzo, mentre un mezzo dia- 
metro soltanto divide un occhio dall' altro. Lo squarcio della bocca non giunge sotto la 
metà di questi. I piccoli denti sono ottusi in punta ma taglienti, quello isolato che ne 
fiancheggia di qua e di là la serie è breve e poco ricurvo. L'opercolo ha il margine 
troncato obliquamente, La linea laterale piuttosto superiore, corre ad arco fino al ter- 
mine delle pettorali, quindi continuasi retta per lo mezzo del corpo. L'ano apresi in- 
nanzi la metà del pesce. La pinna dorsale nasce dietro il termine dell'opercolo, va cre- 
scendo grado grado fin oltre la sua metà, quivi si eleva più sensibilmente, e con la ottu- 
sa estremità dista dalla base della caudale per un sensibil trailo: la sua maggiore altez- 
za, che trovasi in quel punto, è la metà della lunghezza del capo. Le pettorali ovate, lar- 
ghe alla base, son lunghe quanto lo stesso capo : il settimo lor raggio, eh' è il più. lungo, 
si stende fino all'ottavo della dorsale. Le ventrali, che ripiegate giungono alla punta del 
muso, hanno il più lungo raggio assai più breve delle pettorali. L'anale spicca elevata 
alla metà del pesce un buon tratto dietro l'ano, e termina prima della dorsale: i suoi 
raggi pressoché uguali fra loro son più brevi che gli ultimi di quella, La caudale lunga 
un solo sesto del pesce è ovato-rotonda. 

11 dorso è di un cinereo olivognolo sparso di molte macchie di color cioccolata; il 
ventre assai più dilavato non ha che sette ad otto di tai macchie sulla metà posteriore. 
Il capo fin dietro le gote riveste una tinta più cupa delle macchie suddette, e sotto la 
gola insudiciasi di giallognolo ; una fascia scura corre obliquamente dall'occhio al ter- 
mine dell'opercolo. Le pinne sono alquanto giallognole, tutte spruzzate di macchiuzze 
fosche: cinque o sei macchie rugginose formano quasi una fascia alla base delle pettorali. 

Vedonsene ma raramente esemplari di buoni tre pollici e mezzo. 



BLENNIUS VARUS 

CAGNOTTA VARO 



iCHTHYocoRis fusco-oUmceus_^nìgro dense punctulatuSjmaculis ìatissimis suhfascialibus atris ; 
longitudine altitudinem vix quinquies superante : capite rotundatOj vix longiore altitudine 
corporis: cirro superciliari mìnimo: pinna dorsali elata j caudali truncata connexa. 

D. 3o. P. i3. 2. A. 21. C i3. 

/ 

ELENNIDS SUJEFIANUS, Risso, Ickth. Nic. p. i5i. sp. 8. Tiec Lacéf?^ 
SALARIAS. VARCS, EiSSO,Hist. N at. III. p. z'5'], ip.l2%. 

(Quando un genere è molto numeroso di specie gioya pigliar partito di alcun carat- 
tere, che sia commune a parecchie, ed in altre manchi; ne sorgono così diverse sezioni, 
che il più delle volte dopo serie considerazioni si giunge ad elevare al grado di genere. 
Non esitammo quindi a profittare del bel carattere di una carnosa cutanea cresta che 
alcuni Blennii hanno sul vertice ; e perciò li separammo formandone il nostro genere 
IchthjocoriSj che ha inoltre la pinna caudale troncata, non già rotondata come quelli; 
la linea laterale curva, e piìi chiaramente conspicua; l'ano contiguo alla pinna cui dà 
nome; ed altre minori distinzioni, che non mancano mai in gruppi veramente naturali. 
Ne desumiamo il nome dal Galerita degli antichi Ittiologi f Alauda cristataj^ vocabolo 
che non può adoperarsi come generico tra i Pesci, perchè già usato non solo in Botani- 
ca, ma pur anco in Entomologia. Tipo infatti di questo nostro genere è il Blennius pavo 
non men vago che ovvio, il cui maschio è la Galerita^ ossia Alauda cristata del Rondelet, 
essendone V Alauda non cristata evidentemente la femmina, o il giovane. Non conviene 
però dipartirsi da questo nome di pavo,, attesoché quello ài galerita fu malamente appli- 
cato come specifico ad altri Blennii^ perfin dal medesimo Linneo. Apparterranno inoltre 
a questo nostro Ichthjocoris l'ancor più vago Bl. basiliscus_, Valenc. e V erjthrocephalus 
Risso, ambedue dei nostri mari, il eagnota di Valenciennes, del quale farem parola qui 
sotto, il fraterj Schn. dell'Ebro, e parecchi esotici che non ci occorre di nominare. Ven- 
gono tuttavia figurati nella nostra tavola sotto il nome di Blennius due Ichthjocoris,, 
cioè il varusj e ì'anticolusj perchè già uscita erane dai torchi la stampa quando deter- 
minammo il genere ; nè volemmo correggerla nel testo perchè siam certi che molti na- 
turalisti, vorran ricever soltanto in sottogenere il gruppo. Somigliano grandemente l'uno 
e l'altro al Bl. eagnota del Valenciennes, e forse si comprendono in esso, che all'inten- 
dimento di chiunque non sembrerà determinata specie, ma un complesso di parecchie; 
ond'è che noi chiamammo italianamente Cagnotta il nostro genere Ichthjocoris. 

Il nostro Blennino ha il profilo del dorso quasi retto fino al mezzo delle pettorali, 
quindi leggermente convesso: quello del ventre convesso fino alla metà del corpo, ove 
salito bruscamente procede assai meno incurvato. La maggiore altezza è un quarto del- 



BLENNIUS VARUS. 

la lunghezza cl(?l pesce, esclusane la coda. Il capo, che occupa un quinto dell' intiero 
animale, è piuttosto rotondo, e presenta superiormente l'appendice adiposa formata da 
sporginiento della stessa cute^ estesa dall' orbita alla nuca. L'occhio è rotondo, piccolis- 
simo, non occupando che il settimo del capo: dista due diametri e mezzo dall'estremità 
del muso, e due diametri dal compagno. Lohliquo squarcio della bocca giunge al mar- 
gine posteriore dell'occhio.. I denti sono acuti, piatti, leggermente ripiegati all'indentro; 
quello isolato che fiancheggia le due estremità della serie è ben conspicuo e acutamente 
adunco. Le narici sono ovali, distanti dal muso per un. diametro e mezzo dell'occhio. 
L'opercolo ha il margine interamente convesso e piuttosto carnoso. La linea laterale 
che ne spicca sull'angolo superiore estendesi leggermente arcuata fino al margine del- 
le pettorali, quindi si abbassa rapidamente e procede retta. L'ano apresi nel mezzo del 
corpo.. La pinna dorsale spiccante sopra il termine dell'opercolo va convessa fino alla 
sua metà, ove esiste un avvallamento, dopo il quale rimonta per descrivere nuovamente 
la stessa curva, e congiungersi propriamente alla caudale per aiezzo di una sotti] mem- 
brana. Le pettorali, ovate, arrivano, se le ripieghi, all'apice quasi del muso. Lmanzi ad 
esse spiccano le ventrali, di cui l'interno raggio più protratto misura due terzi della lun- 
ghezza del capo. L'anale nasce nel mezzo del pesce esclusane la coda, e interamente 
convessa finisce sotto la dorsale. La caudale, cuneiforme con l'apice troncato, è lunga 
men, di un sesto del pesce. 

Il colore superiormente fino alla linea laterale è brunastro, quasi fasciato di larghe 
macchie fuliginose. Il ventre ha una tinta cinereo lurida; la gola è alquanto piìi carica: 
le gote, e la cresta caratteristica del capo, sono visibilmente spruzzate di minutissimi 
innumerevoli punti nerastri, che non mancano, ma sono invisibili in tutto il resto della 
parte superiore del corpo. La pinna dorsale e le pettorali sono turchine nereggianti: le 
ventrali foschicce: la caudale è cinereo lurida, più carica nei raggi. 

Giunge a buoni quattro pollici di lunghezza. 

Abbiam chiamato varus questa specie perchè siam persuasi che sia il Salarias varusj, 
Risso, avendo essa, come osserva benissimo queirautore, la pinna dorsale congiunta alla 
caudale per mezzo di una membrana; e ciò appunto la diversifica dall'/, anticolus figu- 
rato nella stessa tavola, che ha le dette pinne onninamente divise; e pescasi insiem con 
VJtherina lacustrisj ne' laghi di Nemi e di Bracciano, tenace di vita quanto quella lo è 
poco. Veggano i Lombardi se il BLvulgariSj Pollini, del lago di Garda, siagli identico, 
o semplicemente affinissìmo. Il Valenciennes lo crede essere il varus^ Risso, o per me- 
glio dire il suo cagnotaj, cui applica la località ed i costumi di quello. Noi però non ri- 
ferimmo tra' sinonimi del nostro il suddetto cagnota del Valenciennes, perchè quantun- 
que sotto quel nome egli confonda evidentemente questa con altre specie affini, tuttavia 
descrive il suo pescetto con la pinna caudale assolutamente isolata dalla dorsale: in vi- 
sta di che lo riferiremmo piuttosto oìV anticolus. che è soltanto lacustre. Il nostro mrus 
al contrario, è specie marina, la quale rimonta le acque dolci anco de' minimi ruscelli; 
e ciò eh' è più da maravigliare, si moltiplica abbondantemente nelle acque termali di 
elevata temperatura, come ci fece toccar con mani il eh. Burroni, che cen porse esem- 
plari pescati in quello di Caldana presso Campiglia in Toscana. 



\ 



y 



BLEIMNIUS ANTICOLUS 

CAGNOTTA ANTICOLO 



icuTEYocoRis fusco-rujescens^ minutissime nigro punctatuSj lituris atro-purpureis ; longitu- 
dine altitudinem quinquies et ultra superante: capite pyramidalij valde longiori altitu- 
dine corporis : cirro superciliari esili: ano pinnae anali contìguo: dorsali a caudali 
subtruncata distincta. D. 3o. P. i3. V, 2, A, 20. C. 14. 

( BLENNius VOLGABIS? Pollini, Lago di Garda, p.io, iab. i.fig. 1. 
BLENNius ANTICOLUS) JSoh. in art, Atherin. lacustris. 
BLENNIUS CAGNOTA? Valenc. Zfzsi. Pozis. Xi. p. 249. «juoail descript? 

di questo pescetto escludi il capo, conico ancor esso, ti rappresenta la figura di 
un cono. Il profilo superiore convesso fino all'occipite corre poi quasi retto fino alla co^ 
da .'quello del ventre è lievemente convesso. La maggiore altezza, che cade sulla origine 
delle pettorali, è contenuta quattro volte nella lunghezza del corpo. Il capo grande in 
modo da non capir che tre volte nella detta misura, meno ottuso, e men verticalmente 
tagliato che negli altri Blennii^ è rigonfio alle gote, dietro le quali v'ha due fossette; un 
avvallamento poco sensibile vedesi pure sopra la regione orbitale, d'onde ha origine la 
cresta cutanea protratta fino all'occipite, dietro il quale è uno strozzamento. L'occhio 
rotondo non occupa che un quinto della lunghezza del capo, distando un diametro e 
mezzo dalla punta del muso, e quasi un diametro dal compagno. La bocca di labbra 
molto carnose squarciasi fin sotto la metà dell' occhio : la mascella è alquanto più lunga 
della mandibola: i sottili denti sembrano aculei, e il più grande che li fiancheggia è po- 
co adunco. L'opercolo è leggermente concavo-convesso. La linea laterale che spicca dal 
suo angolo postico-superiore incede parabolica fino al quarto del suo corso, quindi pie- 
gasi tosto in basso, e va retta fino alla coda. L'ano s'apre nel mezzo del corpo. La pinna 
dorsale nasce sopra il termine dell'opercolo, si avvalla leggermente nel mezzo, e termi- 
na poco innanzi alla caudale senza congiungersi punto con essa: la sua maggiore altez- 
za, che trovasi all'estremità, è quasi la metà della lunghezza del capo. Le pettorali son 
lunghe quanto questo. Le ventrali hanno il raggio più lungo protratto ai due terzi delle 
medesime. L'anale alquanto più bassa della dorsale nasce umile subilo dopo l'ano, e ter- 
mina poco prima di quella.. La caudale, lunga meno di un quinto di tutto l'animale, è 
cuneiforme troncata. 

Il colore è superiormente lurido fosco, minutamente punteggiato di nero, e sparso di 
varie macchiuzze scure, più cariche e più frequenti sul capo; inferiormente è giallognolo 
leggermente olivastro: in tutte le pinne prevale una tinia brunastra, più densa sul mar- 
gine deli' anale. 

Gli esemplari più grandi misurano appena tre pollici, ma comunemente sono assai 
più piccoli. Quello figurato è affatto privo della cresta pinguedinosa, carattere principale 
del gruppo cui appartiene, e che al certo ne'maschj sviluppasi grandemente in alcune 
stagioni. 



( 



MORA MEMTEEEANEA 

MORA VERDONA 



MORyJ violaceo-virens: ore intus nigricanti: oculis maximis : pinna dorsali antica septem- 
radiata. i.^D. 7. 2.»/?. 42. P. 18. F. 6. x." J. 16. 2.»^^. 17. C. Sg. 

GADUS MORO, Rìss. Ichih. Nìc- p ii6. sp. J. 

MOKA MEDITERRANEA, RissO , HiU. IS at. 1 1 1. p. ^2/\. SV. HO. 

Ija taToJa che andiamo ad illustrare contiene tre pesci della famiglia de Gadidij. 
compresa la Loia Jrgentea^ Nob. venutaci dal mare di Sicilia, della quale non ragionia- 
mo, perchè un bambino è forse ella di altra Lota„ la di cui genealogia non ci è aperta. 
Imperocché nò la L. elongata del mar Tirreno, che malaproposito dicesi Stoccafissa^, nè 
la stessa L. Jodoptera del Cocco, per quanto potemmo giudicare cogli occhi, non hanno 
punto alcun che di comune con questa Loticciuola pigmea: nè può mai supporsi che 
appartenga alla L. migarisj, che solo yive nelle acque dolci, e pescasi nei laghi superiori 
d'Italia. Due pesciolini simili della stessa famiglia, ma di altro genere, trovansi nei mari 
del nord, e registransi nelle Ittiologie settentrionali, ove ad uguali dubbj dier luogo; la 
Motella glauca del Jenjns cioè, e Vargenteola del Montagu, le quali altri riputarono 
specie, altri prole di due Motelle diverse, ben conosciute. Le due specie però im- 
portanti della tavola nostra sono tipi di due veri generi, l'un de'quai dobbiamo al Rafi- 
iiesque, l'altro al Risso, osservatori talvolta infelici della natura, per la quale ragione 
v'ha molti che poca fede prestavano a quei loro trovati. Tal quali però da essi ci furono 
descritti vengono qui figurati a giustificarli: questo ripescato nei mari di Sicilia, ove 
scoperselo il Rafinesque, quello nel mar Tirreno: rarissimi ambedue non meno che sin- 
golari; ed ambedue capaci d'interessare ogni Ittiologo moderno piìi che se fossero nuo- 
vissimi affatto. 

La famiglia loro osservando, benemerita tanto della marina e del commercio, perchè 
le appartengono i celebri Baccalarij che tanta ricchezza ne arrecano, e tanto gusto di 
buon mercato alla bocca; notabile assai ci si presenta per le pinne ventrali acuminate 
poste sotto la gola fm piij innanzi delle stesse pettorali. Offreci il corpo allungato, com- 
presso, vestito di scaglie molli, lisce, per lo più caduche, le aperture branchiali grandi, 
con sette raggi sostenenti la membrana che le sovrasta, le mascelle e la parte anteriore 
del vomere armate di denti acuti, ineguali, o piccoli, o non molto grandi, disposti in 
più serie a guisa di raspa o di scardasso, il baccino sospeso immediatamente alle ossa 
della spalla, le pinne tutte molli, numerosi gì' intestini ciechi, lo stomaco robusto, fog- 
giato a guisa di largo sacco, il canale intestinale piuttosto lungo, il notatojo grande, 
valido nelle pareti, dentellato sovente sui bordi : carne divisibile a strati, bianca, sana, 
leggera, piacevole. 

120 



MORA MEDITERRANEA. 



Se più altamente la rintracciamo vedremo che nell'antico sistema fin qui seguito, ed 
in quest'opera ancora, facevasi appartenere alla tribù dei Malacotterìgii subbracchiani^, 
ossia Sternotlerigiij la quale era innaturale più di ogni altra che fondisi sulla relativa 
posizione delle pinne, giacché veniva a racchiudere famiglie totalmente dissimili, analo- 
ghe soltanto fra loro, quelle cioè dei così detti Pesci Jugulari. Nel novello sistema però, 
posciachè i deboli nostri sforzi, uniti ai potentissimi dell' Agassiz, disgombrarono i pre- 
giudizi dell' Artedi cotanto cari al Cuvier, collocasi tra le prime dei Cicloideij fra i Lo- 
Jidtj e i Ciprimdij congiungendosi al Batrachus dei primi mediante il suo RanicepSj e 
2l\V Jnableps e al Cobitis dei secondi mediante le Lote. Questa famiglia per mezzo del 
genere Phycis mostra ancora notabile affinità coi Blennidij e per mezzo delle dette Lote 
perii n colle Anguille. 

Suddividesi in tre sottofamiglie. Una dei Ranicppinij, costituita da due sole specie 
Atlantiche dello stesso unico genere Raniceps^ Cuv. di capo larghissimo, oltremodo de- 
presso, e colla pinna dorsale anteriore sì piccola, che sembra quasi non uscir dalla cute, 
vergente come si disse ai Lofidi: altra de Gadini ossia dei Gadidi più normali: la terza 
da' Latini tendenti come si è visto ai Ciprinidi. Fra i Gadini e i Lotini però qual diffe- 
renza passi è malagevole il significare. I Lotini corrispondenti in parte al genere Enche- 
Ifopus di Bloch (facies AnguillaeJ hanno il corpo molto più allungato, lubrico, assai 
compresso posteriormente, il capo grande, una o due dorsali al più, sempre una sola 
anale, la caudale intiera e generalmente rotondata: sono forniti di una barbetta, e per 

10 più di parecchie: il capo loro poi è rivestito sempre di scaglie simili a quelle del 
tronco. I Gadini veri altronde hanno il corpo più raccorciato, meno compresso ; il capo 
ben proporzionato, due ed anche tre pinne dorsali, due anali per lo più, la caudale 
spesso forcuta, una sola o niuna barbetta, il capo quasi sempre privo di squame. 

Cinque generi abbiam di Gadinij cioè: i. GaduSj Nob. ristretto alla Morrhudj Cuv. 
distinto per tre pinne dorsali, due anali, caudale dolcemente lunata, ed una barbetta. 
2. MerlanguSj Cuv. con lo stesso numero di pinne, caudale forcuta, ma privo di bar- 
betta. 3. PollachiuSj Nills. con lo stesso numero parimente di pinne, senza barbetta, ma 
colla mascella inferiore eccedente dalla superiore. 4. MerlucciuSj Cuv. con due sole dor- 
sali ed una sola anale, caudale troncata, senza barbetta. 5. Moraj Risso, avente due 
dorsali e due anali disuguali, la caudale forcuta, ed una barbetta. Dicemmo i Gadini ay ei 

11 capo quasi sempre privo di squame; e poiché il genere Mora lo ha vestito di scaglie 
grandissime come quelle del suo tronco, perciò appunto distinguesi eminentemente tra 
i Gadinij senza guardare ai denti che più di ogni altro ha minuti. Il Pesce di cui par- 
liamo è l'unica specie finor conosciuta del suddetto genere Mora. 

La sua figura è ovale molto allungata con le carene del dorso e del ventre ugualmen- 
te arcuate e rotondate: l'altezza maggiore che abbia il suo tronco nel punto onde spiccia 
la seconda dorsale, misura un quinto di tutto l'animale; la grossezza è la metà dell'altez- 
za: il capo vestito universalmente di scaglie, è di regolar profilo, depresso alquanto nella 
nuca, lungo un quinto della lunghezza totale, ed alto tre quarti della sua sola: lo spazio 
assottigliato del tronco, terminante in una vera mezza ellissi circondata dalla sua cau- 
dale, è la nona parte della totale lunghezza suddetta, ed ha per altezza un ventisettesi- 
mo della medesima : il muso è breve, rotondato: la bocca molto ampia fendesi fin sotto 
il terzo anteriore dell'occhio: i pezzi mascellari nudi, angusti, esteriormente si allargano 
pochissimo, e se la bocca è chiusa, nascosti rimangono da' sottorbitali : le labra si scoi- 



1 



MORA MEDITERRANEA. 

gono membranacee, sottili; l'iiiferior mascella è poco della superiore più lunga; i iiiar- 
gini di ambedue sono armati di iìtti piccolissimi denti a scardasso in una fascia su' bor- 
di, divisa ne' due apici da intervalli, con la unica differenza che la superiore va dilatan- 
dosi d'ambo i lati verso il punto suddetto: una fascia ondata di simili denti è sul vo- 
mere, ed a poca distanza è munita di due piccoli fascetti di altrettali all'origine de'pa^ 
latini: ripetonsi uguali denti nelle fauci, su i faringei, ed in piìi serie di fascetti lungo 
la base della lingua: di sotto l'estremità del mento esce una corta lesinare barbetta: il 
diametro delle orbite stragrandi eccede un terzo della lunghezza del capo, e dista un 
quarto della medesima dalla punta del muso; la distanza tra l'uno e l'altro occhio equi- 
vale quasi a tre quinti del diametro loro: i due forami nasali sono contigui ad essi, am- 
bedue oblunghi, il posteriore però otto volte maggiore dell'anteriore: il preopercolo, ed 
il subopercolo, rivestiti dalla cute squamosa, sono poco distinti, rotondati al par dell'oper- 
colo, che si eleva poco più che a livello del margine inferiore dell'occhio: la membrana 
branchiostega è sostenuta da sette raggi: le scaglie assai più grandi del maggior foro na- 
sale sono di forma poligona irregolare, integerrime ne' margini, e senza alcuna stria nò 
in sostanza nò in superficie, profondamente embricate, e disposte in ventidue serie; ot- 
tantacinque se ne contano in quella di mezzo dall'opercolo all'estremità del tronco: la 
linea laterale incavata lungo ciascuna scaglia corre orizzontalmente per un tratto, tre 
volte più vicina al filo della schiena che alla carena del ventre, inflettesi quindi legger- 
mente, e rettilinea procede a metà del pesce: l'ano è alla metà del tronco non valutata 
la pinna caudale: la prima dorsale vien fuori poco innanzi al quarto anteriore, compo- 
nesi di sette raggi decrescenti in altezza dal primo all'ultimo, e la sua lunghezza ò due 
terzi del primo raggio, eh' è lungo la metà del capo; l'ultimo è la quarta parte del pri- 
mo: la seconda dorsale, che immediatamente segue, si estende per tutto il rimanente 
del dorso sostenuta da quarantaquattro raggi, i più corti de' quai sono i mediì; ed il se- 
condo, che è il più lungo, misura tre quarti del più elevato fra quei dell'anteriore: le 
pettorali uscenti sotto l'opercolo, composte di diciannove raggi, son lunghe il settimo 
del pesce : le piccole ventrali situate sotto la gola vantano sei raggi poco più lunghi 
della metà delle pettorali, se ne togli il secondo prolungato assai di più in guisa di fila' 
mento: la prima anale immediata all'ano consta di sedici raggi, il quarto de' quali più 
lungo è uguale al più elevato de' dorsali; la lunghezza della medesima supera di un 
quinto il suo raggio più lungo; e la seconda anale nasce dopo un intervallo uguale alla 
metà della sua lunghezza ; la sostengono dieciotto raggi, i primi brevissimi, il sesto più 
lungo di ogni altro, uguale a' più alti dell' anleriore, e poco minore di tutta la lun- 
ghezza della pinna: la caudale finalmente, che ò la sesta parte del pesce, sensibilmente 
forcuta, coinponesi di raggi circa quaranta. 

Le grandi scaglie, che le rivestono il corpo, sono di un bianco argenteo velato di 
paonazzo scuro, che cangiasi in torchino metallico sul ventre: il palato è torchino 
nerastro, come è pure la lingua punteggiata inoltre di nero: argentei son gli occhi, ed 
hanno l'iride perlina: l'opercolo in cima è marginato di torchino; nera è la dorsale an- 
teriore, torchina la posteriore, nere le pettorali. 

Giunge ad un palmo e mezzo di lunghezza; ma perchè molto è panciuta, pesa più 
che apparisca. Vive ne'più cupi abissi del solo Mediterraneo, accostandosi alla terra 
unicamente in estate. Da' soli pescatori romani abbiamo udito imporle un nome ver^ 

* 12 0* 



) 



ri 



V 



MORA iMEDI TERRANEA, 



iiacolo in quel di Verdone. A Nizza però la chiamano Moro; e colà è meno rara, forse 
perchè gli ordigni pescherecci tentano piìi profondamente il mare. La sua carne piut- 
tosto insipida, e accompagnata da cattivo odore, La femmina depone uova numerosissi- 
me come le altre della sua più che feconda famiglia, la quale va comunemente prover- 
biata di cotal facoltà. 



/ 



STRINSIA TINCA 

STRINSIA TINCA 



STRINSI J plumbea : ore intus albo : pinna dorsali antica decemradìata, 

IO. aJ' D.J.C.iii. P. 22. V. 

STBIKSU TINCA, Rafinesque , Jnd^ lit. Sic. 17. sp^53. ei uépp.p. 5i' ^ea. 2. sp. ^. 

Ija sottofamiglia deLotini contiene i seguenti generi: i. Lotaj,CuY. (/l/o/i^tz^ Nilsson) 
con due dorsali, una anale, ed una o più barbette: 2. MoielIa_, Cuv. [OnoSj Risso) nota* 
bile per la dorsale anteriore tanto bassa che appena si scorge: 3^ BrosmuSj Cmy . (Brosme^ 
Nilsson) con una sola pinna dorsale, che si stende fin yerso la coda: 4. Brotula^ Guy. 
in cui non solo la dorsale, ma la anale altresì si uniscono con la caudale acuminata : 
5. Strinsia, Rafln. con due dorsali; la seconda delle quali si congiunge all'anale per 
mezzo della caudale rotondata: 6. Phjcisj Artedi, con due dorsali e una barbetta, dif- 
ferente dagli altri Gadidi per le yentrali non aventi che un solo raggio sovente forcuto. La 
Strinsia e la Brotula pertanto ci offrono nella famiglia de' Gadidi ciò che la Plagiusa 
(non Plagusiaj nome di un Crostaceo) ci offre in cpella de Plenronettidi, Ambedue ve- 
donsi circondate nella parte posteriore da una sola pinna composta dalla riunione delle 
verticali; esempio che rinnuovasi in pochissimi altri pesci. 11 genere Brotula però, fon^ 
dato dal Cuvier sull' unico Encheljopus barbatus dello Schneider figurato dal Parrà 
nella sua Storia naturale fin dal 1784, proprio delle Antille, fornito di sei barbette al 
mento, ed anco di quattro al labro, non può assolutamente confondersi con la Strinsia^ 
perchè non ha pinna dorsale anteriore, che in quella sì ben si rileva, e perchè la sua 
caudale prolungasi in forma di punta. Insigni poi sono i caratteri, pe'quai la Strinsia sì 
distingue dagli <d{xi Latini. Assai più grandi sono le scaglie che la rivestono: ambedue le 
sue mascelle sono fragli altri denti- armate di alcuni anco più robusti di quelli che van- 
tano i Merlangij e i MerluccHj, nè meno validi di quelli che le Late hanno sul vomere, 
e nella sola mandibola. Oltre questi caratteri, che la distinguono dagli altri Lotinij uno 
altresì la fa differire anco da tutti i Gadidi da noi fin' ora osservati, il palato cioè privo 
affatto di denti. Unica specie di questo genere si è la Strinsia Tinca^, che passiamo a de- 
scrivere tal quale ci fu mandata da Sicilia sotto i nomi già registrati dal Rafinesque di 
Pesce Modduj ovvero Tenca di mare, 

Spatiforme gradatamente dal mezzo in giù» grosseggia nella superiore metà, roton- 
dandosi verso il capo. La lunghezza è cinque volte e mezzo l'altezza dell'animale , la 
grossezza quasi due terzi dell'altezza: il capo è più di un quarto di tutto il corpo, alto 
e largo due terzi della sua lunghezza : il diametro dell' orbita è un quarto della lun- 
ghezza del capo, lo spazio tra la punta del muso e l'occhio è appena più breve, quanta 
pure è la distanza tra l'un occhio e l'altro : i fori nasali prossimissimi ad essi son pic- 



STRINSIA TINCA. 



coli, rotondati, poco distinti: il muso è grosso: la bocca fendesi fin oltre la metà dell' 
occhio : la mascella inferiore è alquanto più breve della superiore, e porta, al dire del 
Rafinesque, una barbetta, che noi non abbiamo potuto riconoscere nel nostro esem- 
plare, attesa forse la esiguità quasi impalpabile di tale organo ne'Gadidi, che innoltre è 
assai corruttibile e caduco: i pezzi mascellari stretti, piegati all' ingiù agli apici, nascosti 
intieramente dal sottorbitale: piccolissimi denti guerniscono ambedue le mascelle, fra' 
quali ne sorgono alcuni grandi, acutissimi, ricurvi all' indietro, posti a spaziosi ineguali 
intervalli, e talvolta spesseggianti fino a tre, crescenti di mole nella mascella di mano 
in mano che si scostano dagli angoli della bocca, mentre que' della mandibola crescono 
in senso contrario; il palato è intieramente privo di denti; il capo ingrossa nelle gote, 
scabre generalmente di creste, e di cjuasi spine ricoperte dalla cute, le quali ricordano 
la conformazione di alcuni Cottini: i pezzi opercoiari si lasciano appena distinguere 
sotto le integumenta vestite tutte di squame: l'opercolo, che s'innalza oltre il livello 
d"eir occhio, è marginato ellitticamente, e la membrana branchiostega è sostenuta da 
sette raggi : le scaglie piccole, rotondate, integre e lìsce, sono embricate, e quasi in- 
numerabili : la linea laterale non apparisce che in un leggerissimo sospetto, lungo il 
mezzo, verso la coda: la prima pinna dorsale, spiccante poco innanzi il terzo ante- 
riore del pesce, composta di dieci raggi, il quarto ed il quinto de' quali sono i più lun- 
ghi, decrescendo gli altri per gradi dall'una e dall'altra parte, è lunga quanto alta, 
cioè due quinti della lunghezza del capo: la seconda dorsale intestata vicinissimo alla 
prima si distende fino alla caudale, e con lei si confonde, componendosi insiem con essa 
di einquantaquattro raggi, i più lunghi de'quai sono eguali a'medj della prima dorsale: 
le pettorali lunghe tre quarti del capo constano di ventidue raggi: le tenui ventrali 
uscenti sotto la gola ne bau sette, il terzo de' quali prolungasi in modo che sorpassa le 
pettorali: l'anale, che nasce dopo il terzo anteriore del pesce, corre simmetrica con la 
seconda dorsale, e si commesce totalmente con essa, mediante la caudale, la cui metà 
inferiore computando, vedesi la detta anale comporsi di cinquantasette raggi. Il colore 
di questo pesce è plumbeo; bianco-latte nella bocca, indizio di carne assai buona. 

Non sarà inutile il ricordare, oltre quanto abbiam detto a suo luogo, come i mari setten- 
trionali abbondino di Gadidi più assai del mediterraneo, che a quelli invidia le specie più 
preziose. Spettano esse al genere GaduSj in cui comprendesi la celeberrima Gadus Mor- 
rhua L. Nò dello stesso genere Gadus il mediterraneo possiede altra sorta fuor del Gadus 
minutusj conosciuto sotto il nome di Figora a Roma, e di Pesce nudo in Toscana, il quale 
potria quasi dirsi àol s^eneie Merlangus da chi soltanto guardasse il suo colore argentino. 
Le specie nostrali poi del Merlangus non sono ancora bastantemente studiate ; nè lo 
sono altrimenti quelle appartenenti al PoUachius. Del genere Merluccius si cibiamo ogni 
giorno nel Romanesco Merluzzo,, ossia Nasello de' Toscani ; del quale sembraci ravvisar 
due specie confuse in una, e già distinte da que' Pescivendoli che segregano il Merluzzo 
dalVocchio piccolo [Merluccius MicrophthalmuSj Nob.) da quello dall'occhio grosso [Mer- 
luccius vulgarisj Cuv.). Due, tre, e forse quattro Moiette vantano i nostri mari, che di 
Brosmlus non ha alcuno. Phjcis ci nuotano due specie, la Ph.Tincaj e la Ph. Blen- 
noides dello Schneider riprodotte sotto varii nomi da diversi autori; le quali in Roma 
si chiamano Postenule^ e Tinche di mare: e tuttavia crediamo che una terza non manchi. 



CYPRINUS REGINA 



CIPRINO REGINA 



crPRiNus capite subtongiorì attitudine corporis cjuarlam longitudinis partem acquante: 
dorso i^ix gibboso. P. i6. F". 9. J.g. C 24. 

CTPRINOS, Bellon. Aquat. lib.\. p.i'jZ. fig.iti p.'Z'jB' 

EEGINA, Gambini, Lago Trasim. p. jd. 

CkìiVE, Belon f Nat. et Pourtr, Poiss. lib.'ì, p.zQ'j.fig. in 

-Bene sembra che questo pesce fosse chiamato Cfprinus dagli antichi e Regina 
da' moderni perchè veramente si può dire che sia la Regina degli amori e l'esempio 
della fecondità. Desidera maggiormente di riprodursi nella bella stagione di Prima- 
vera, e vanno allora sulle tracce della femmina più maschi per fecondarne le uova, 
che suol deporre ordinariamente di Maggio o nei primi di Giugno tra i virgulti ac- 
quatici e tra le giuncaglie. Due o tre soli corteggiani della gravida Regina registrava 
il Signor de Lacépède, ma Plinio fino a tredici e quattordici ne ascrive con ragione 
tra' suoi fasti. Aggiungete che quanto piìi il maschio è invaso di tal cupidigia pare 
che quasi gli scoppi dalla pelle che suole spargersi di macchie e di protuberanze. E 
l'uno e l'altro sesso porta infitto sul palato un gherone di tal sostanza nè ossea nè 
carnea, che ricercato assai dagli epuloni dicono che giovi ancora agli esercìzi di Ve- 
nere. Questo pesce altresì pensarono alcuni poter nascere come la Dea senza il con- 
corso de' genitori: la qual fantasia non è dispiaciuta agli scrittori fino al secolo deci- 
mosettimo, i quali crederono poter ingenerarsi dalle sole acque piovane; sendo che 
parca loro averle vedute nascere in circoscritti e puri bacini formatisi a caso ed 
ignari di qualunque altra generazione di pesci. Vero è che in quasi tutti i laghi e fiumi 
dell' Europa temperata si trovano, e quantunque amino il caldo, allignano tuttavia fa- 
cilmente ovunque si pongano, purché i fondi siano erbosi, e non rapide le correnti. 
E poiché ne' paesi freddi si bramano maggiormente sul desco, e son tenacissime della 
vita, molte carra se ne portarono da' laghi e fiumi meridionali nelle conserve di Fran- 
cia, di Germania, d'Inghilterra, di Danimarca, ove le acque morte a'vivaj destinate 
divenner fruttifere piìi di egual misura di terreno coltivabile. Leggiam con piacere che 
vasti ricettacoli se ne formano artifiziahnente di tre sorta con opportune cautele di 
scoli, dighe, e canali: uno stagno si alluoga alla riproduzione, un'altro all'educazione 
loro, il terzo all' ingrassamento, seminatavi prima qualche sorta di granaglia, e mes- 
sevi a germogliare altre piante. Dalle quali conserve i proprietari traendole d'inverno 
le vendono a più caro prezzo per la carne assai delicata nè patita dagli amori; estirpa- 
tone prima dal palato quel boccone più ghiotto che in essa è; di maniera che il ma- 
nicaretto cui dicono di lingua di Ciprini vien preziosissimo sulle mense degli sponsali, 
e ne' larghi desinari de' principi. Raffinamento ignoto agli antichi che secondo Aristotile 
e Plinio, conobbero i Ciprini, quantunque dessero questo nome anche ad alcun pesce 

92 



CYPRINUS REGINA. 



di mare. Dicono che in Olanda usino conservarli vivi circondati di alga continuamente 
umida, ingrassandoli di pane e latte. Della domestichezza loro per altro non si può 
dubitare, essendoché si veggon venire fino a' labri delle vasche al suon di un fischio e 
prender l'esca dalla man del padrone. Che più? ne' paesi ove l'industria è maggiore 
si fanno stringer nelle mani, e palpare, e stropicciare le parti generative con droghe e 
con castoro per dare opera maggiore alla generazione. Per la tanta utilità che se ne 
tragge, e forse per mantenerle in più caro prezzo, niun di coloro che le lian negli stagni 
le dice naturali del luogo, e tutti si vantano di averle ivi chiamate dalle più famose 
e più lontane regioni. Da questo pur nacque la gara tra que' che pretendono averle i 
primi introdotte; così un Leonardo Mascall gloriavasi di aver portato in Inghilterra 
le Carpe ( tali pur chiamansi dopo Cassiodoro le Regine ) nel secolo decimosesto ; ma 
non sappiamo con quanta buona ragione: imperocché veggiam Carpe in Inghilterra fin 
dal i49^- Il Mascall conoscendo forse quanto di quel pesce andava goloso il giovine 
Enrico Vili, non uso ancora alla strage di più amabili regine, talché la corte solca pro- 
fondere generose mancie a chi le portasse sul desco reale, fu il primo che per couten- 
tare ogni giorno la non men potente che discreta bramosìa del monarca, le confidasse 
alle artifiziali conserve. Così pure in Francia mentre veggiamo in carte del secolo de- 
cimoquinto che il Sant' Uffizio condannò un disgraziato di Tolosa, il quale porse ad 
un Eretico Carpam unani quam fuerat piscatus_, abbiam sicura pruova di abbondanza 
veramente artifiziale negli statuti del Convento di San Claudio del i44^5 ^v'è sancito 
che ad ogni frate cum pittancia Carparum ministrari solitarum debbano porsi sul piatto 
duo aleca_y et quatuor nuces prò quali b.et die. 

Vivono lungamente fino a ducento anni, ma perdono o incanutiscono invecchiando 
le scaglie. Della fecondità loro, specialmente ne' climi caldi, abbiam detto di sopra : 
ma se alcuni consumarono il tempo ad annoverare fino a settecentomila uova in una 
femmina di dieci libre, siane tutta la fede appo loro. Delle quali uova certamente ab- 
bondantissime suol' impastarsi il caviale rosso in cibo degli ebrei, che quello dello Sto^- 
rione, come di pesce senza scaglie, non han facoltà di mangiare. Liberamente però i 
Ciprini cibano insetti, vermetti, molli piante d'acqua, granaglie, briccioli di pane. 
Dicesi che di sei anni pesar sogliano soltanto tre libbre, che prima de' dieci giungano 
fino a sei, e possano crescere fino alle venti ed alle quaranta, del che siam testimonj 
noi stessi. Raro è quell' amo che li afferri, perchè sospettosi e furbi lo evitano con 
destrezza. Astuzia pure hanno molta per non incappar nelle reti, che vistele si appiat- 
tano nel fondoj e per aderirvi maggiormente mordono un qualche stelo. Che se tra 
le maglie vengon tratte, non sono men sollecite allora né meno agili delle Spigole a 
zompar fuori e rituffarsi nell'acqua giovandosi di loro opportuna muscolatura, che per- 
mette piegarsi in arco e quasi in cerchio, dalla qual positura vibrandosi in allungarsi 
acquistano forza di leva che le ajiUta nel salto. 

Continuando a parlare delle Regine in genere, delle quali figuriamo nella nostra 
tavola tre specie^ diciamo ofa del posto che occupano nel sistema. Appartengono esse 
alla prima famiglia naturale della seconda divisione artifiziale dei Pesci ossei, qual è 
l'ordine dei MakwopéejjgiL a quella cioè dei Cfpr'midi^. che in un cogli Esocidi^ co' 
Siliiridi^ co' Salmonidi e co' Clupeidi forma la prima tribù del detto ordine, chiamala 
Jbdominales ossia Gasteropterjgii,. perché i Pesci che racchiude hanno le pinne ventrali 
inserite dietro le pettorali, e non dipendenti dalle ossa della spalla. 

Dopo aver però scrupolosamente ponderato l'importanza reciproca dei caratteri, 



1 



CYPRINUS REGINA. 



dappresso i quali ordinare le famìglie dei Malacopterjgii a scaglie lisce, crediamo più 
conforme al piano della natura il dire che questa de' Ciprinidi si collega ai Gadiclij ai 
Siluridi e a Miirenìdi per mezzo del suo genere Cobitis da un lato, coli' altro anche più 
strettamente ai Clupeidi per mezzo dei gemòiì Jspius e Chela. Se comincisi dunque la 
serie dei Malacopterjgii dai Murenidij che tanto naturalmente discendono dagli Scom- 
hridi quantunque Jcanthopterjgiij passando per i Siluridi e i Gadidi si giunge a questi 
nostri Cjprinidi seguiti dai Clupeidij cui yanno appresso i Salmonidij, e si termina negli 
Esocidi. Neil' esemplijflcare sì naturale catena non permettiamo che venga interrotta dai 
Pleuronettidi ( naturalmente coìlegantisi coi Chaetodontidi) non potendo noi conside- 
rarli se non come ramo di un altro ceppo, il quale per le sue scaglie aspre somiglia 
alla maggior parte degli Jcanthopterrgiij e insiem con essa forma per l'Agassiz l'ordine 
dei Ctenoidi; laddove tutte le enumerate famiglie fanno parte dei suoi Cjcloidi. 

Nella famiglia Cfprinidae il corpo è squamoso: non v'ha pinna adiposa, ne inte- 
stini cicchi: il margine della mascella è costituito intieramente dagl' interraascellari : 
la hocca è poco fessa : deboli son le mascelle, sprovviste affatto di denti, o al più for- 
nite talora di tutti o quasi tutti tenuissimi: le ossa faringee fortemente dentate sup- 
pliscono alle disarmate mascelle: i raggi branchiali sono poco numerosi. 

Pel corpo squamoso si distinguono questi pesci dai Siluridi privi di scaglie e for- 
niti per lo più di pinna adiposa. Per la mancanza appunto di questa pinna adiposa si 
fan riconoscere dai Salmonidij i quali hannola per carattere principale, e vantano inoltre 
molti intestini ciechi. L'assenza di questi li allontana dai Clupeidi che hanno altronde 
i margini della mascella costiluiti dai mascellari. Finalmente la tremenda dentatura dei 
voraci Esocidi non permetterà mai che si confondano co' nostri inermi animali. Non 
crediam necessario di porli a confronto con altri. Non curando però la mancanza di 
raggi spinosi nelle pinne, chiaramente scorgiamo che i Cjprinidi dentati hanno forte 
analogia e forse anco decisa affinità co Lahridi^ e che gli edentuli la han coi Mugilidi 
e cogli Atherinidi. 

Meno carnivora di qualunque altro pesce questa famiglia popola delle sue innu- 
merevoli prosapie i laghi, i fiumi, i fossi, e le acque dolci di tutto il globo, incontran- 
dosene appena qualche rara specie nel mare. Variano molto da paese a paese; e la mag- 
gior parte delle specie sono confinate a peculiari bacini, anzi taluna ad un dato lagot 
ben diverse in ciò dai Salmonidij dei quali veggonsi le assai men numerose specie lar- 
gamente sparse per lunghissimi tratti, e identiche nei diversi bacini. 

In tre sottofamiglie i Ciprinidi ripartiamo. Jnableptini diciamo la prima formata dal 
solo JnablepSj, genere singolare che aberra fra tutti i pesci per molte particolarità. Basti 
il notare eh' è viviparo, onde porta un'apertura all'estremità della pinna anale, e che 
offre due pupille in ciascun occhio. La seconda dei Cjprinini comprende la massa dei 
Cjprinidi normali che han la pinna anale imperforata, le mascelle edentule, e tre soli 
raggi branchiostegi. PceciUni finalmente diciamo la terza in cui la pinna anale è imper- 
forata, più numerosi i raggi branchiostegi, e le mascelle dentate, onde a rigore non do- 
vrebbe ammettersi nella famiglia. 

Tutt' i Cjprinini senza eccezione son di acqua dolce, e venivan compresi nei due 
generi Linneani Cjprinus e Cobitis. Dopo le belle ricerche e gli accurati studj fatti 
su di essi dall' ittiologo più famoso de' nostri giorni, il professore Agassiz, crediam 
poterli ripartire in dieciasette generi, elevando a questa dignità tutt'i sottogeneri del 



CYPRINUS REGINA. 



nostro SaggiOj ed introducendone alcuni nuovi dietro le tracce da lui indicate. Soggiun- 
giamo i nomi e i caratteri diagnostici dei tredici generi europei nell'ordine lor naturale: 
i due primi de' quali quasi intermedii agli Jnableptini e agli altri del proprio lor gruppo 
costituiscono la famiglia Cobitoides del Dottor Fitzinger. 

I. AcanthopsiSj^ Agass. (Botia^ Gray ): Corpo compresso: primo sottorbitale taglientis- 
simo, forcuto e mobile : una sola serie di denti faringei acutissimi. Esempio ne sono la 
Cobitis taeniaj L. e le otto prime specie indiane figurate dall'Hamilton, — 2. CobitiSj L. 
(quale è limitato dall' Agassiz): Corpo cilindrico: denti faringei tagliati a cuneo: pinna 
<;audale rotondata. Gli appartengono le Cobitis fossilis e barbatula ^^GàunsL nuova specie»— 
3. GobiOj, Guy. Corpo fusiforme: due serie di denti faringei conici^ sottili, debolmente 
curvi all'apice: pinna caudale forcuta. Appartengono ad esso il C.gobio^L. {Gobio fuma- 
tiliSj,A^.) ed il G. uranoscopus^ A^. del fiume Iser. — Barbus^, Guy. Corpo fusiforme, al- 
lungato: tre serie di denti faringei conici, allungati, ricurvi all'apice: pinna caudale for- 
cuta. Sono di questo genere il Barbus di Linneo, ora Barbus JluviaiiliSj,k^.^ il Barbus 
caninusj. Bon., altre specie nuove italiane già indicate dal Cuvier, il B. leptopogorij Ag» 
d'Algeri, ed il B. lepidotus del Nilo tanto singolare per la mancanza delle barbette e 
del grosso raggio dentellato. — 5. CjprinuSj Cuv. : Corpo erto, piìi o meno alto e com- 
presso : una sola serie di denti faringei a corona piana e solcata: pinna dorsale lunghis- 
sima: caudale poco forcuta. — 6. RhodeuSj, Ag. Corpo alto e compresso: denti faringei 
tagliati a cuneo: dorsale mediocremente lunga: caudale forcuta. Ha per tipo il Cyprinus 
amarus;, Cuv. {Rhodeus amaj^uSj, A^.} — 7. Tincdj. Cuv.: Corpo tozzo: denti faringei cla- 
vati: pinna caudale troncala. — 8. Phojcinus^ A^.i Corpo cilindrico: denti farin^g-ei acuti; 
pinna caudale forcuta. Tipo n'è il Cjprinus PhoxinuSj h. (Phoxinus. laevis_^ Ag. ) cui ag- 
giungasi il Phoxinus Lumaireul del Bonelli. — g. LeuciscuSj Klein : Corpo fusiforme, piìi 
o meno compresso: due serie di denti faringei subconici, alquanto curvi all'apice, più 
o meno troncati, e perfino dentellati al margine interno: caudale forcuta. — 10. Chondro- 
stomaj Ag. : Corpo allungato, cilindrico: bocca infera, trasversa: labbra cartilaginee ta- 
glienti: una sola serie di denti assai compressi, troncati obliquamente al margine inter- 
no: caudale forcuta. Tipo n'è il Cjprinus nasus [ Chondrostoma masusj, Ag. ) cui aggiun- 
gasi la Ch. Rysela^ Ag. — ii. Jspius^, Ag.: Corpo compresso: mascella inferiore più 
lunga dell'altra: due serie di denti faringei allungati e alquanto ricurvi all'apice: pinna 
anale prolungata: caudale forcuta. — 12. Abramis^ Cuv.: Corpo compresso: una sola 
serie di denti faringei assai compressi, piegati all' indentro, debolmente curvi, troncali 
al margine interno. ~ i3. Cheluj Buchan.: Corpo assai compresso, onde il ventre riesce 
tagliente quasi come nelle Clupee: pinna dorsale opposta alla prolungatissima anale:: 
pettorali lunghissime» Chela cuitrata^A^^cissìz^ cioè il Cjprirms cuìtratus degli autori ne è 
il tipo. 

Kondelezio aveva distinto fino ad un certo segno la maggior porzione di quelle 
forme che il Cuvier ha di bel nuovo fatto rimarcare malgrado la riunione forzatane 
da Linneo. Ma quegli che ha sparso luce su questa materia, il ripetiamo, è Agas&iz, 
cui devesi il rinvenimento de' sicuri e comodi caratteri nei denti faringei. 

A questi tredici generi andranno altri sicuramente aggiunti quando con la stessa cura 
e con gli stessi principi Agassiziani verranno analizzali i Ciprinidi esotici; pei quali non 
furono stabiliti finora che i soli Gonorhinchus^ Gronov. per una specie dell' Affrica me- 
ridionale con gli opercoli scagliosi; Cirrhinus^ Cuv., per alcune barbate dell'Asia; Calo- 



CYPRINUS REGINA. 

stomuSj Lesueur, per numerose specie delF America settentrionale, che hanno la Locca 
infera; e LabeOj, Cuv. fornito come il precedente di labbra crasse, e spesso frangiate. 

Venendo in particolare al genere Cfprinus lo Tediamo composto di alcune specie 
ornale di quattro barbette o cirri de' quali altre sono affatto prive. Questo carattere, cui 
Nilsson ha dato soverchia importanza riunendo in virtii esclusivamente sua Barbij Tiii- 
chp Gobi e Reginej lascia comodamente ripartire il naturai nostro genere in due ^se- 
zioni o sottogeneri Cf primis e Cjprinopsisj Fitz. Soverchia importanza dissi, poiché non. 
consiste che in semplici prolungamenti della pelle, non già delle ossa mascellari. Esem- 
pio del secondo gruppo corrispondente all' imberbe Carassius^ Nilss. è il bello e po- 
limorfo Cjprinus auratus originario della Cina, che a ricrear la vista suol conservarsi 
in globi di limpido cristallo. 

Le tre specie da noi effigiate che spettano ai veri Cjprinij e pigliano indistinta- 
mente oltre quel di Regina in Roma, di Reina in Toscana, di Raina e Gobato nel ve- 
neziano, il nome pure di Carpena ne' laghi dell'Italia settentrionale, ove i più grossi 
diconsi Bulberi nel Benaco, hanno tutti in comune i seguenti caratteri: Corpo ovato- 
oblungo, compresso, coi profili del dorso e del ventre convessi anteriormente, concavi 
verso la parte assottigliata del tronco, ricoperto di scaglie grandi, e perciò poco nume- 
rose, leggermente striate, terminate parabolicamente, cigliate, embricate. Capo pirami- 
dale con la fronte piana discendente. Bocca terminale, piccola, rettamente fessa, con le 
mascelle ineguali e le labbra carnose: lingua ottusa, breve. Denti faringei grandi, e 
somiglianti nel logorarsi a que' della Lepre. Due paja di barbette carnose, l'anteriore 
pendente quasi dal mezzo della mascella superiore, l'altro più lungo dall'angolo della 
bocca. Occhio rotondo assai prossimo alla sommità della fronte, avente il diametro 
uguale ad un quinto della lunghezza del capo, distante dalla punta del muso quanto è 
un suo diametro e mezzo. Doppi fori nasali ovati, vicinissimi tra loro, forati alli due 
terzi della distanza fra il labbro e l'occhio ; più grande quello prossimo all' occhio, e 
uguale a un quarto di esso. I tre raggi della membrana branchiostega schiacciati. Oper- 
colo rotondo-angolato, segnato da strie tubercolate raggianti dal suo margine anteriore : 
preopercolo arrotondato, liscio. Linea laterale retta, quasi interrotta, scorrente per lo 
mezzo circa del tronco, distintaqiente segnata da grossi pori che si sollevano anterior- 
mente da ciascuna scaglia della seria mediana, la quale ne conta circa trent'otto, e 
chiamiam mediana quantunque abbiane sei serie al di sopra e cinque al di sotto. Ano 
aperto alla metà del pesce escluso il capo, piccolo, alquanto sporgente. Dorsale retro- 
posta, molto allungata, bassa, ma più alta anteriormente, costituita di ventitre raggi; 
il primo e il secondo dei quali sono ossei ma cortissimi, il terzo duro e dentellato po- 
steriormente che la protegge in avanti ; il quarto più lungo di tutti e molle come i se- 
guenti; l'ultimo geminato. Pinne pettorali adimate, impiantate poco al di là dell'oper- 
colo, formate di sedici o dieciasette raggi, e di forma ovato-allungata. Pinne ventrali 
contigue, quasi intermedie alle pettorali ed all'ano, inserite sotto il terzo raggio della 
dorsale, formate da undici raggi, quadrilatere. L'anale poco discosta dall'ano, difesa 
anteriormente da grosso raggio dentellato ali' indietro simile a quello della dorsale, 
con cui termina alla stessa perpendicolare, ha forma trapezoidale, e consta di sei raggi 
ramosi, oltre il già detto e due incospicui che lo precedono. Caudale ampia, di venti- 
quattro raggi ripartiti, ma non in ugual numero, in due lobi simmetrici. 

I colori di tutte le specie sono un castagno olivastro dorato sul dorso che degrada su 

9 2** 



CYPRINUS REGINA. 

i fianchi ed ingiallisce a mano a mano che il pesce invecchia : assai più. scuro sul capo, 
turchinastro sulla fronte e sulle gote. Giallette sono le labbra: bianco-giallastro il ventre: 
una serie di piccoli punti nereggia lungo la linea laterale. Dorata è l'iride: ombrate 
alquanto di pavonazzetto le ventrali e la caudale: di rossastro l'anale. 

Lo scheletro è composto di trentasette vertebre, e sostenuto da dieciasette paja di 
costole. Lo stomaco non ha culdisacco, e si continua senza distinzione veruna col resto 
del canale intestinale sprovvisto di ciechi, e senza alcuna dilatazione o valvola. Le in- 
testina si ripiegano quattro o cinque volte: la membrana loro mucosa sembra una rete 
a maglie finissime. Il fegato è voluminoso, profondamente diviso in grandi lobi. Il no- 
tatojo presenta uno strozzamento pronunziatissimo nel mezzo, e sbocca nell'esofago per 
mezzo di un lungo e gracile condotto. 

Vorranno alcuni credere che semplici varietà non già specie distinte sieno i tre no- 
stri Ciprini per la ragione che molto è soggetto a variare lo stesso Cjprinus Carpio. Noi 
non vogliam discendere nell'arena in difesa della nostra tesi: osserviamo soltanto che 
se il Pesce è veramente polimorfo in que' paesi ove è divenuto domestico, come nel set- 
tentrione d'Europa, domestico non si può dire fra noi ove non fa di bisogno l'artifiziale 
moltiplicazione di lui. In ogni modo il nostro Cjprinus Regina mostrasi a preferenza 
degli altri due con corpo regolarmente ovato-oblungo, essendo poco dissimili tra loro 
le curve del dorso e del ventre: ambedue le quali s'inflettono insensibilmente per tutta 
la parte assottigliata del tronco, che in lunghezza equivale alla metà di quella del capo, 
ed è ugualmente alta che lunga. L'altezza maggiore del pesce che si trova tra le petto- 
rali e le ventrali al terzo anteriore della lunghezza, ed è doppia della grossezza, vien 
compresa quattro volte nella lunghezza totale. Il capo è uguale in lunghezza all'altezza 
del tronco, e non è piiì grosso di esso : il profilo quasi retto discende assai più che nelle 
altre specie, e si unisce alla carena del dorso senza risalto alcuno. La bocca è piccola 
con apertura presso che orizzontale protratta fino alla metà della disianza tra l'occhio e 
la punta del muso: la mascella inferiore è più breve dell'altra: le barbette anteriori sono 
brevissime, sottilissime, la metà più corte delle altre, che distese per disotto giungono 
a combaciarsi con le loro estremità. La linea laterale corre affatto retta lungo il mezzo 
del corpo. La pinna dorsale si origina ad una distanza dall'opercolo uguale a due terzi 
della lunghezza del capo ; quivi la sua altezza equivale alla metà di quella del tronco 
Ila parte posteriore è poeo più alta della metà: prolungasi poco meno di un terzo 
della lunghezza del pesce. Le pettorali son lunghe tre quarti del capo. Le ventrali spic- 
cano ^,à dove terminano le pettorali, e ne hanno quattro quinti di lunghezza. L'anale è 
intestata in modo che essendo lunga alla base quanto un quarto del capo, cade col 
suo termme sotto a quello della dorsale: la sua altezza anteriore è quanto la lunghezza 
delle ventrali, posteriormente n'è meno che la metà. La caudale lunga quasi un quinto 
del pesce dividesi a mezzo del suo corso in due lobi acuti all'estremità. 

La presente specie è di tinta più slavata delle altre, perciò dicesi Regina chiara. 
Tale è la Regina dell' Arno, del Tevere, dell' Aniene, e del lago Trasimeno, non già 
di quel di Bracciano; quantunque altri pretendano che da questo fosser portale in 
quell'altro le ventisei Regine che nel 1710 vi furon poste, e che ad onta de' Lucci for- 
marono ben tosto la maggior dovizia di quelle acque. Questa è pur quella che vedesi 
figurata dal Belon solo autore che abbiam potuto citare in proposito di lei, che non 
crediamo affatto potersi riguardare qual semplice varietà delle altre. 



CYPRINUS CARPIO 

CIPRINO CARPA 



€rPRiNUS: capite parum breviari aìtitudine corporis tertiam longitudinis partem vix acquan- 
te: dorso modice gibboso. B. 2 3. P. i6. F. 9. J. 9. C. 24. 

CVPRiNus CARPIO^ Lìnn. Sysi. Natl.p.SaS. &p.2. Id.Faun. Suec. p. 118. sp. 55g. Gmel. Syst.I.p.iliW.sp.'ì. 
Bonnat. in Ene.Meth. Ichth.p. 190. sp. 6. tab. A. Meiding. Icon. Pise. Austr. tab.6. Bloch, Ichth.I. 
p. 92. tah. 16. Schneid. Bl. Sy.st. p. 447. sp. 54. Lacép. Misi. Poiss. V. p. i58. Fitz. Pr. Faun. 
Austr. p.333. Nilss. Pr. IchlL Scand. pi 33. sp. 18. 

cyPEiNos RKX-CYvmvonvM, Schcef/.Epist. de stud.Ieht.p.,2^.fig,.2. BlIcìit.I.p.io'].sp.2^, iah.lj. etIII.p.i5i. 

Bonn.in Tabi. Enc.JchiJi. p. 189. sp. 2. taò. "jG.J/g.. 3i8. 
CYPEINCS MACROLEPIDOTCS, Meiding. loon. Pise, Austr. tab. xli. 

CrPKINCS SPEC0LUM el eXPRINUS NDDUS ^ Lacép. Hist, Poi.tS. F". p. 1,82. 

c-ypRiNus CARPÌ, Rond. Agassiz,Poiss,d'eaudouce, tab. inedita. scKelelon, 

'KVTtp.tVOg- et KvnptXVog,, Arist.Hist.Amm. lih iv. cap. vili. Zi 5.. 71. cap. siv, Zzèv vh'i. cap. %l. lib. zi. ccp.xilì. 

Athen. Dipnos. lib. Vii. p. 5og. Oppiati, lib.'i. et ly. Mliaii. lib. ziv. cap. SLtuì. 
CXPBiNcs, Plin.H. Mund. lib,x%xu. cap.w. Bond.Pisc. Lac.II.cap.iv.p.iBo.cum fig. Gesn.Jquat.lF-p-^og. 

Aldrov.Pisc. Ub.\. cap. xl.p. GS;. JonstPisc. I. lib.Vn. tit.iu. eap.xì.p.iii. tab.ig. fig. 3.4.6, Charlet. 

On om, p. yQ2. W^illughb- Iclith, lib-ìv.cap.i, p, 2 1^5 • tab' !• fig, 2, Bay ^ Syn. PisGi.p^ ì,\S> sp.i. 
BAXNA. sive BUEBAEUS, P.Jov.Pisc. Bom. eap. xxxviii. p. 129, 
erpRiNns NOBilis» c^prianus^ carpa, Sehonev. Icìdh. p.'óì. 

cypRiNus I. Marsil. Danuò. IF. cap. iv. p.S?. tab. 19. CXPRINUS II. Id. Ibid. p. Sg. tab. 20. fig. 1. var. 

CARPIO, Petit., in Aet.Paris. l'j'òò. p. 274. tab. i5. carpio , carpds ^ Wagn. Hist. Nat. Helv. p. 2i3. 

CXPRiNus cirris quatuor, ossidilo terlio pinnarum dorsi ac ani uncinulis armato, ^ried. Gen. Pi,»*, p. 4. sp.S. Jd. 
Synon.p.ò. sp. 1. Id. Descript.p.iS. sp.i'S^ Gronov. Mus. Ichth. I. sp. ig. 

CYPRINDS, cixrosus ; mystaclbus duobus juxta angulum superioris labri; etc. Klein, Hist. Pisa. Miss. v. p.Sg.sp.l. 

CYPRiNus, cirrosus, squamis quadruplo v,el plus majoribus etc. Klein, Hist. Pise. Miss.-v. p. Sg.sp.2. -var. 

CYPRINDS squamis totus nudus, Lowe , Abh. der hall. Naturf. Ges. i. p. 1 5?^. mons Ir.. , 

expRiNus maxiUis aequalibus, cirris quatuor, ossicuk) terlio pinnarum dorsi anique uncinalis,^??am. jEZeKG/i.p.Sgo.ip.l. 

CXPEiNus ossiculo terlio in, piana dorsi anique serralo, Bl. Fisch. Beutschl. J.p.g2.sp. ig.tab. 16. i"].. 

GXPRiNus squamis solito quadruplo majoribus dimidia sui parte tectus, altera nuHa, Bl.Fisch.Deul.I.p.iO'j.t.i']. monstr. 

CARPE, Duham. Tr. Pcch. II. Sect. IIL p. Sog, tah 16. fig. 1. Daubent. Diet. Ichth. in Enc. Meth. Hist. 
iV at. III. p. 78. Bazoum. Hist. Nat Jor. I. p. i3o. sp. 5g, Cuv. Tabi. Elem. p. 55g. sp. 1. Ju ^ , 
Hist.Poiis. Lém.p.20/i. sp.ii.tab,. 9. Pesson-Maisonneuve , Manuel. Péch. Frane, p. 40.. ' 

CARPE VULGAIEE, C uv. Règn. A nim.II. p.ig.i. Id.Ibid.2.ed.II.p.2-]i. Cloq.. {n Dict.Sa.Nat.ni.p.i55,sp.i. 

E,EiNE DEs CARPEs , CARPE A MiRoiB, CA.RPE & cuiR, eie. Cw. Règn. Anim. II. p. 192. "var.. 

CARP, Penn. Brit. Zool.Hl. p.l^Q-j. tabSi. Donov.Br.Fish.tah.Xi.0,. Flem. Br. Amm.p.iSS,. 

COMMON CARP, Yarrell, Hisi. Br . Fish. I. p.oo5. curri fi g. ' ■ 

KUIPPEN,, Hartmann, Helv. Ichlìi:. p.174- ' ' 

^)uesta specie TÌTe in molti laghi d'Italia^ ed! è cjiuella che trovasi per tutta Europa, 
perocché oye nan poscia la Natura la portaron rindustria e la cupidigia degli uomini. 
I suoi profili sì del dorso eome del yentre sono più convessi che nella antecedente, e 
pili conformi che in quella e nella seguente. L'altezza maggiore del pesce cade sulla 
linea delle intestature della dorsale e delle ventrali^ e cape nella lunghezza totale poco 
più di tre volte: la grossezza non va più oltre de' due quinti della detta altezza. Il capo 
è lungo appena quattro quinti dell'altezza del tronco,, ed è contenuto tre volte e mezza 



ì 



CYPRINUS CARPIO. 



nella di lui lunghezza; la grossezza che assume alle tempia è maggiore di quella del 
tronco. Il profilo discende retto e meno inclinato che nella precedente specie, ed è 
pochissimo angolato là doTe si unisce colla carena del dorso. Similmente piccola ha 
la hocca ma più obliquamente fessa e cogli angoli alquanto più prossimi agli occhi che 
alla punta del muso: quasi di ugual lunghezza sono le mascelle: le barbette posteriori 
qualora siano distese per di sotto si sovrappongono con le loro estremità. La linea late- 
rale ricorre alquanto convessa all' ingiù, piegando alcun poco dalla sommità dell'oper- 
colo, ed ove è maggiore l'altezza del tronco si trova più vicina ai profilo del yentre che 
a quello del dorso. La pinna dorsale spiccasi distante dall'opercolo per due quinti circa 
della lunghezza del capo; la sua maggiore altezza non giunge alla metà di quella del 
tronco, e posteriormente è tre quinti di quella; la sua lunghezza equivale ad un terzo 
della totale del pesce. Le pettorali son lunghe tre quarti del capo. Le ventrali pochis- 
simo più brevi delle pettorali hanno origine dopo il termine di esse, intercorrendo fra 
questo e l'intestatura loro tre quarti del diametro dell'occhio. L'anale estesa in lun- 
ghezza per quanto è un terzo di quella del capo corrisponde col suo termine sotto 
quello della dorsale, e s'innalza anteriormente quanto la parte corrispondente della 
detta pinna. Assai sviluppata è la caudale giungendo a misurare quasi un quarto della 
totale lunghezza : i suoi lobi sono forse più acuti che nelle altre specie. 



') 



CYPRINUS ELATUS 

CIPRINO GOBBO 



crpRiNus capite fere duplo breviori altitudine corporis tertiam longitudinis partem ^sitp^ 
Fante: dorso mlde gibboso. D. 2 3. P. 16. F. 9. J. 9. C. 24. 

CSPEINUS, Salvian. Aquat. List. xx. p. 92.^^.22. 

]^^"on esitiamo a riconoscere in questa nostra specie, che forse è il Gobato cle'ye- 
neti, il pesce vigesimosecondo dei Salviano, avYegnachè nelle relative erudizioni tro- 
visi colle due altre confuso. Di qual parte lo avesse quel medico ittiologo non ci fe' 
manifesto contentandosi soltanto di escluderlo dall' Etruria, e dall'Umbria sua patria, 
nelle quali provincie chiaramente dice che non lo ebbe incontrato. Noi all' opposto 
abbiam sempre ricevuto questa Regina gobba dal lago di Bracciano, da quello di Vico 
ossia di Ronciglione, e da' fossi che mettono al lago Trajano. 

La grande altezza del corpo e la comparativa brevità del capo non permetteranno 
che mai si confonda con gli altri del genere e molto meno con il nostro Cjprinus 
i?e^ma. Fortemente convesso, assai più che nelle altre specie, è il profilo del dorso: 
quello poi del ventre è rimarchevole pel maggior seno cui dà luogo dopo il termine 
della pinna anale. La parte assottigliata del tronco, alta quanto è lunga, uguaglia la 
metà della lunghezza del capo. L'altezza maggiore del pesce mostrasi tra le origini della 
dorsale e delle ventrali, e supera un terzo della totale lunghezza : la maggior grossezza 
sorpassa appena un terzo dell'altezza. Il capo men lungo dei due terzi dell'altezza del 
tronco vien compreso quattro volte e mezzo nella totale lunghezza: il suo profilo di- 
scende retto, ma per breve tratto, imperocché la convessità del dorso risalta assai ed 
immediatamente dietro l'occhio. Piccolissima è la bocca, e molto obliqua di taglio : i 
suoi angoli si approssimano più alla punta del muso che all' occhio : la mascella in- 
feriore è più breve dell' altra. Le barbette posteriori potriano a stento combaciarsi tra 
loro. La linea laterale è quasi retta abbassandosi appena dalla sommità dell' opercolo. 
La dorsale spicca distante dal detto punto quanto due terzi della lunghezza del capo ; 
la sua maggiore altezza nella parte anteriore equivale a tre settimi di quella del tron- 
co, e nella parte posteriore è più bassa per una metà: la lunghezza poi supera un 
terzo della totale del pesce. Le pettorali son lunghe due terzi del capo. Le ventrali si 
allontanano dalla punta delle pettorali per un buon diametro dell' occhio, e son lunghe 
quanto le suddette. L'anale è un poco più estesa delle ventrali: la sua base uguaglia 
quasi la metà dell'altezza, e si protrae all' indietro alquanto oltre il termine della dor- 
sale. La caudale è assai larga, e relativamente più breve, giacche occupa poco più di un 
sesto di tutto il pesce: i lobi in cui si divide sogliono essere assai rotondati all'apice. 

L' esemplare fin qui descritto aveva dieci pollici di lunghezza. K mano a mano che 



CYPRINUS ELATDS. 



la specie cresce di statura diminuisce la convessità del dorso, quindi l'altezza del tronco 
sì attenua egualmente, ed impiccoliscesi il capo. Così un grosso Ciprino del peso di 
quindici libbre pescato nel lago Sabatino ci offre mentre scriviamo il capo minore di 
mia quinta parte della totale lunghezza, quantunque il tronco sia proporzionalmente 
meno elevato. Egualmente alle altre specie non sorpassa mai appo noi le quaranta libbre 
e ben di rado vi giunge: anzi è già straordinario quando segni le venti sulla bilancia. 

i3i manto è assai scura, e porta generalmente sull'opercolo una bella macchia me- 
tallica, onde ottiene il nome di Regina della garza doro dai nostri pescivendoli, che 
vedendola più carica di colore della Regina del Tevere la dicono generalmente Re- 
gina scura^ e la stiman di carne men buona delia Regina chiara. Differenze che me- 
ritano esser denunciate all'attenzione degl'Ittiologi di ogni parte d'Italia, siano pure di 
specie 0 di varietà, indigene ovvero portate dall'uomo. 



/ 



; 



TINCA ITALICA 



TINCA ITALIANA 



TINCA capite parum hreviori aUitadine corporìs quartam longitudinis partem acquante i 
pinna dorsali capitis longitudine humiliori: radiis pinnarum ventralium graciliusculis , 

D. 12. P. i8. F. II. J. II. C. 24. 

imcs.yP.Jov. Pise. Rom, /.c«jp.xxxvu p-i2^. Salv, Aq.hist, xix.p. go.ia&.Sg.y?^. 1. Gamh.L.Trasim.p,']']; 



ra pesci più ignoLilì è ìa Tinca. Forse gli anticlii romani non la crederono 
degna di peculiar nome, chè non ci pare che la Menda loro le corrisponda come al- 
cuni opinarono. Perciò un solo esempio proveniente forse da lingua teutonica od altra 
settentrionale abbiam dai lessici latini in quel yerso di Ausonio 

- Quis non et virides yulgi solatia Tincas 
Noyit ? 

Ove ogni discreto lettore comprende che se quel nome fosse stato così comune co- 
me il pesce, ridonderiano di Tinche i vocaholarj di Stefano, e di Forcellino. Cono- 
isciamo, ma lodar non sappiamo l'arguzia del nostro Giovio che da questo nome quan- 
tunque ignoto, pigliasse il suo quel faceto orator piacentino celebrato da Cicerone. Più 
graziosa si è quella di Lorenzo de' Medici, il quale per ogni dove grandissimo uomo, 
quel cavaliere, che una sua grossa Tinca ben condita non cessava di encomiarCs ad- 
dimandò Tinca: e quella fù sì bella proposta che d'allora in poi tutti lo dissero m es- 
ser Tinca, di sorte che il nome a tutta la famiglia rimase. E sarìa pur vago il sapere 
se quel cavaliere fosse il medesimo che alla mensa di Leon X, secondo che riferisce lo 
stesso Giovio, " A me piace assai più (disse) in fede mia una Tinca del lago Trasimeno 
,, che la Triglia, che la Spigola, che il Rombo:" di che tutti non escluso il Pontefice 
tanto smaseeìlatamente risero che fuori dagli occhi ne uscivano loro le lagrime. Ma 
or sì che i Toscani essendo tanto originali e saporiti in applicar nomi alle persone e 
alle cose, sarìa quasi da ragionare che di messer Tinca venisse la brutta parola che 
appunto in que' tempi denotò volgarissimamente un certo malanno venuto fresco dal 
nuovo mondo; chè per verità quel bizzarro spirito fiorentino si meritava subito un 
marchio del suo gusto depravato e corrotto. Ma giacché ci siam fatto lecito d' inter- 
mettere la gravità della scienza, opineremmo che Tinca ed anche Tenca^ come dicesi 
appo noi con alcuna grazia di nobiltà, e dal volgo ordinariamente di Napoli e di Ve- 
nezia, venga dal Tenuif de' latini analogamente ad altri vocaboli eziandio di Pesci che 
fin ora abbiam visto ; sendochè Tennis e Tenuitas elegantemente significarono cosa di 
bassa condizione, cui quadra benissimo quel miseri solatia mlgi di Ausonio, e la stessa 
angustia della vita- onde tanto bene suonano in Livio quelle parole Erant in Romana 

93. 



I 



TINGA ITALICA. 

juventute adolescentes alìqiiotj nec ii tenui loco ortìj é quella Tenuitas cerarii di M. Tullio 
che sovente si piange. Che se questa etimologia non paresse abbastanza legittima, os- 
servisi che qualora ripetasi dal diminutivo tenuìcidusj si riconoscerà più ragionevole e 
naturale la necessaria corruzione in bocca del popolo tirante al semplice ed al sonoro 
così nel creare come nelF adoperar le parole. La pratica che abbiamo degl' idiotismi 
popolari non ci permette di abbracciare quella opinione diversa di alcun erudito che 
pensa discender Tinca da Tincta per l'atro colore che indossa. I Toscani che di sì te- 
nue frittura di Tinche fanno uso più che altri, e dicono ho fritto quando vogliono 
intendere non aver più danaro alcuno, quasi costretti a sì misero pasto, sogliono in 
piazza del pesce non far quistione di contratto, poiché per ciascuna Tinca gittano en- 
tro il catino del pescivendolo la vii moneta convenula dall' uso. 

Trovansi ora Tinche per tutta Europa: imperocché nel settentrione, ove non erano, 
si posero ad allignare per artificio come le Regine. Amano le acque stagnanti, perciò 
raro pescansi ne' fiumi, e non mai nelle acque correnti. Lodansi quelle di alcuni laghi 
quai sono del Fucino e di Monterosi appo noi, men forse dispregevoli di altre che 
vivono in acque vicine. Nè il colore, come alcuni pretendono, porge indizio di rela- 
tiva loro bontà; perciocché le più luride Tinche ed in brutte acque pescate riescono 
ordinariamente men cattive di quelle che più ti risplendono se le togli dalle acque 
chiare. Tenacissime sono di vita, resistono anche sotto il ghiaccio essendo capaci di 
respirare un'aria in cui di gas ossigeno sia pressoclié nulla, essendosi sperimentato che 
si contentano di una cinquemillesima parte di aria vitale, quando i pesci soglion go- 
derne entro l'acqua una centesima ed anco più. Abbondan di uova che il pazientissimo 
Bloch contò a circa trecentomila in una Tinca di quattro libre, e le depongon piccole, 
verdognole, a mezzo Giugno ordinariamente, tra piante d'acqua, delle quali preferiscono 
la Potamogeton natans. E quivi almen due maschi vedi attaccarlesi quasi a' fianchi per 
fecondarne il feto con sì profondo studio ed amore, che facil cosa è il pigliar in un 
sol tratto la bigama e gli amanti, predare così almen tre pesci in un punto. 

Immobili quasi perfettamente, e sepolte nella melma trapassano l'inverno. Cibano 
animaletti teneri e vegetabili molli, ma tra gl'insetti prediligono un verminetto, col 
quale i garzoncelli le adescano all'amo. Giova meglio il prenderle con le nasse o con 
le reti, dalle quali siccome sogliono spiccar fuori di salto, perciò se ne raddoppiano e 
triplicano gli ordigni, affinché fuggendo dall'una ricaggiano nell'altra, e le buje notti si 
preferiscono all'impresa. Crescon presto in grossezza, ma raramente giungono al peso 
di otto o dieci libbre. Voracissime sono, e privano di buoni cibi gli altri pesci che vivo- 
no seco loro; a tale che ove si volessero fruttuosamente educar le Regine od altri pesci 
preziosi converria non dare albergo alle Tinche; le quali per avidità di mangiare si lan- 
ciano spesso fuor dell'acqua facendo caccia de' volanti animaletti. Bianca è la carne loro 
ma piena di spine, molle, insipida, difficde a cuocersi, e più a digerirsi; sovente son pure 
compenetrate di fango, onde conviene per lungo tempo espurgarle. Talvolta le più grosse 
rinvengonsi vuote di polpa, e i pescatori le proverbiano allora col nome di Sciiffione. 

Per la piccolezza delle scaglie, che tanto contrasta con la grandezza di quelle dei Cj- 
prinij oltre i caratteri diagnostici già esposti, il genere Tinca si fa distinguere in tutta la 
sua famiglia. 11 corpo é ovato-oblungo, compresso, ma erto e tozzotto: il dorso tondeggia 
e corre leggermente arcuato: il ventre, rotondato anch'esso, corre quasi simmetricamente 
al dorso: ambedue questi profili, convessi nel dinnanzi, si fanno concavi verso la coda. 



TINCA ITALICA. 



Tutto il tronco è ricoperto di scaglie oLlunglie, embricate, rotondate all'apice si dentro 
che fuori, e sì minute che se ne contano varie migliaja disposte in quarantanove fila, la 
Tigesirna nona delle quali è tagliata in due dalla linea laterale, lungo la quale ye n'ha 
novantasei: tutte le scaglie sono aderentissime ad una cute erta, scura, e spalmata per 
ogni dove di viscidume piìi fitto che in qualunque altro pesce. Il capo è piramidale, 
acuto-rotondato all'apice, con la fronte ampia, retta, d.iscendente per dritto. La bocca 
terminale, piccola, obliquamente fessa, con le mascelle sporgenti ugualmente guarnite 
di labbri carnosi, alquanto protrattili, e specialmente il superiore fornito di una sola 
barbetta corta e tenuissima nell'uno e nell'altro angolo. Lingua corta, non libera. 
De' due fori delle narici l'anteriore è appena cospicuo; grandetto ed ellittico il poste- 
riore. Occhio piccolo, quasi circolare, posto presso alla sommità della fronte. Tra le 
narici e il margine superiore del labbro trovasi una serie di pori secretori del muco, 
che volgendo all' indietro contorna la parte bassa dell' orbila : un altra serie di questi 
pori nasce dal margine del labbro inferiore, e si stende lungo l'opercolo, tendendo 
a riunirsi alla linea laterale. I pezzi opercolari sono tutti nudi di scaglie ; son quasi 
circolari ai margini loro l'opercolo ed il preopercolo. I tre raggi della membrana bran- 
chiostega sono schiacciati. La linea laterale assai distinta per lo suo forte rilievo di- 
scende curvata dalla sommità dell'opercolo al mezzo del tronco, d'onde corre per 
dritta via al centro della coda. L'ano s'apre poco dopo il mezzo del pesce. La dor- 
sale spicca alla metà circa del corpo; e breve ed altissima componesi di undici raggi, 
che quasi posson dirsi ossei, ninno però grosso e dentellato: il primo è la metà del 
secondo, che oltrepassa di un terzo in altezza la base della pinna e la metà dell*al- 
tezza del tronco nel punto che le è sottoposto. Le pettorali impiantate assai vicino al 
profilo del ventre sono larghe e rotondale, con dieciasette o dieciotto raggi; gli an- 
teriori de' quali, escluso il primo, sono i piii lunghi. Le ventrali inserite alquanto più 
innanzi della dorsale son più lunghe delle pettorali cui somigliano; compongonsi di 
dieci raggi e variano secondo il sesso del pesce, avendole il maschio assai più grandi, 
più lunghe, e più concave internamente. L'anale comincia dal bel mezzo fra l'origine 
della ventrale e il termine del tronco: consta di nove raggi, e mostrasi circolare anzi 
che nò lungo il suo margine inferiore, perchè i suoi raggi anteriori sono più lunghi di 
molto. La caudale assai ampia, lunga quanto il capo o poco meno, composta di circa 
venticinque raggi, è indivisa: termina alquanto concava nelle giovani, troncata nelle 
adulte, convessa, cioè rotondata, nelle vecchie. 

Trentanove vertebre costituiscono lo scheletro, sostenuto da sedici paja di costole. 
Il fegato è grande e diviso in tre lobi. Verdissimo ed amarissimo più dell'ordinario il 
fiele. La milza allungata e di color rosso cupo giace alla sinistra. L'intestino fa due sole 
ripiegature. Il notatojo diviso in due visciche dal noto strozzamento, come in ogni al- 
tro Ciprinino, ha quella del dinanzi più piccola. 

Pei colori passano le Tinche dal più bel giallo-bruno dorato per tutti i possibili 
verdi al quasi nero sul dorso: il verde suol essere meglio deciso lungo i fianchi, 
purissimo sulle gote: si degrada in giallo sotto la linea laterale, e termina in quasi 
bianco. Lurida e sfumata vedesi la membrana delle pinne: l'iride è di un vividissi- 
mo giallo-ranciato : la pupilla apparisce rivolta sempre all'indietro. Il disotto del corpo 
però varia non meno del dorso, mostrandosi ora biancastro, ora giallo, ranciato, e 
perfino violaceo secondo l'età, il sesso, la stagione e l'abitazione: essendo scurissime 



TINCA ITALICA. 



le Tinche del fondi fangosi, giallo-dorate quelle de' sabbiosi, e solendo i masclij mo- 
strarsi più chiari. 

Fuori di quelle effigiate non ci è noto che altre Tinche sieno state osservate o de- 
nominate: e riguardo alle due nostre medesime si potria pur dubitare che fossero due 
vere specie: nella quale incertezza abbiamo applicato a questa di cui parliamo un no- 
me locale che non le si può mai negare. Consideriamo però questa Tinca diversa da 
quella di tutta Europa per alcune differenze nelle proporzioni fra il capo il corpo e 
le pinne, prescindendo come di ragione da quelle che sappiamo essere sessuali, ma 
principalmente perchè scorgiamo in essa molto più gracili i raggi delle pinne, segna- 
tamente ventrali. Avvertasi poi che la diversa gibbosità tanto rilevante nella nostra ta- 
vola non dipende che in parte dalla specie, e nel resto dal modo in cui l'animale s'ir- 
rigidisce morendo: e che pei colori, pe' costumi, pe' sapori, le due specie non diffe- 
riscono tra loro, e soggiacciono alle stesse modificazioni. 

Il profilo del dorso della Tinca italica si mostra ascendente fino alla dorsale, dopo 
la quale discende e si fa concavo fino all' estremità del tronco. Quello del ventre è- 
regolarmente convesso fin dopo la pinna anale. La maggior altezza del tronco che cade 
alla metà del pesce, esclusa la caudale, vien compresa quattro volte nella totale lun- 
ghezza; e la grossezza è poco più di due quinti dell'altezza. Il capo entra quattro volte 
e mezzo nella lunghezza del pesce : la fronte discende assai ampia e quasi piana fino 
alla punta del muso ; la qual punta si trova superiore all' orizzontale che passa per 
lo mezzo del corpo. 11 diametro dell'occhio misura poco meno di un sesto della lun- 
ghezza del capo ; due diametri quasi ne corrono tra la punta del muso e l'orbita. Gli 
angoli della bocca si trovano alquanto più prossimi all'occhio che alla punta del muso. 
La pinna dorsale estesa alla base per due terzi della propria altezza comincia pochissi- 
mo avanti la metà del pesce, compresa la caudale: i suoi raggi van decrescendo quanto 
più si allontanano dai primi che sono i più lunghi : l'altezza del secondo vien compresa 
cinque volte e mezzo nella lunghezza del pesce; il primo è appena più breve del se- 
condo; l'ultimo è poco più della metà del primo r la pinna è perciò più bassa che 
non è lungo il capo : i raggi piuttosto sottili in confronto dell' altra specie, sono tutti 
equidistanti fra loro. Sottilissimi sono i raggi delle pettorali, e i più lunghi misurano 
due terzi della lunghezza del capo. Le ventraU quantunque s' intestino avanti alla dor- 
sale, pur tuttavia si allontanano dalla punta delle pettorali per una distanza quasi 
uguale ad un terzo della lunghezza del capo. L'anale si trova distante dall'ano quanto 
questo dal termine delle ventrali, che uguaglia in lunghezza: la sua base è uguale alla 
metà dell'altezza: brevissimo n'è il primo raggio; il più lungo si è il quarto, gli altri 
van decrescendo proporzionatamente quanto più se ne allontanano: l'ultimo sorpassa 
appena la metà del quarto. La caudale misura la lunghezza del capo. 

L'abbiam poi ricevuta pochissimo o nulla diversa di forme e proporzioni da tutti 
i punti d'Italia, dal Veneziano cioè fino all'estrema Sicilia, d'onde anzi è il solo che 
abbiam potuto ottenere de' Cjprinini che sembrano mancare affatto in quella isola 
ugualmente che nella Sardegna; ed è quella che in sì gran copia portasi viva al mer- 
cato di Firenze. 



TINCA CHRYSITIS 

TliNGA VOLGARE 



TINCA capite multo breviari altitudine corporis quartam longitudinis partem valde supe- 
rante', pinna dorsali capitis longitudine elatiori: radiis pinnarum ventralium validiusculis, 

D, 12. P. i8. V. II. A, II. C 24. 

CYPBiNus TINCA, Linn.Syst.N at.I.p.Si6.sp.({. Id.Fcivn.Suec.p,i7g.sp.565. WuJ/, Ichth.Boruss.p./^^.sp 55. 
MùU. Prodr. Zool.Dan. p, 5o. s/j.428. Gm.Syst.Nat.Lp.xl^i^. sp,^. Bonnat.in Tahl.Enc. Jchth.p. 10,1. 
sp.io, tab. ']'].fig. 020. Meiding.lcon.PiscAustr.tah.'syn. Bloch, Ichth.I. tab.i^. Schneid. Bl.SyiU 
p. ii^iS. sp. 56. Lacép.Hìst. Nat. Poiss. f^.p.i86, JVilss. Prodr. Ichth. Scand. p. sp.^o. 

CYPRiNus UNcA-AURATCS, Bl. Ichth. I. tcib- 1 5. Bounat. in Tahl.Enc. Ichlh. p- 191. sp. 8, tah. ']']-fi§. 321. 

TINCA VULGARis, Cuv. Regu. Aiiim. II. p.7,']^, Cloc/.in Dict. Se. Nat, LII, p.i85, 

TINCA CHRysiTis, Agass. Eitz. Prodr. Faun, Austr. p. 55"]. 

TINCA, Auson. V. 125, Bellon. Aq. Uh. i. p. Z^l^.fig. in p, 325. Rond. Pise. Lac. II. cap.x.p.iST.cum fig. 

Gesn.Aq.lV-p-^^k' Aldr. Pisc.lib.y .cap.'S.h. p. 6li6. Jonsl.Pisc-I. lib.'ùì. iit.Vù. cap.x. p.i^iQ.tah.ig.fig.'j. 

Will.Ie1Uh,lib.\y . cap. ìv.p.iSi, tab.Q.S.Jìg.i. Ray, Syn.p.\i'].sp.i'5. Marsil. Danub,lF'.p.^'].Jab.ì.5. 
PHVcis vel MERULA FLcviATius, Schouev. p. 76. Chartet. Onoin. p. 162. 

CYPEINHS pinna ani ossiculis undecim, cauda integra) ( Salare, Linciare, Skomakare, Suecis), Linn.F.Suec,l.ed.sp.5'ii. 
cypRiNus niucosus nigrescens, exlremilate cautlae acquali, Arted. Gen. Pìsc.p. sp. 6. Id.Synon, p. 5. sp. 7. 

Id. Descr. Spec.p. 27. sp. 14. Kram.Eleneh. p.Zg-ì. sp. 6, Gronov. Mas. I.p- 4- sp. i8. 
BRAMA pinnìs circinalis el cauda atris;crassiusculus piscis,colore ex atro flavicante in vicidem Glc. Kl,H,Pisp,Miss.\.p,66. 
cypRiNos squamis parvis , pinnis crassis , Bl.Fish. Deutscìil. I.p. Q5. sp.i4- 
cypRiNus pinnis transparenlibus, Bl. Eish. Deutschl. I. p.go. sp. IQ. var. B, tah. i5. rar. 

rmcnz, Duham.Tr.Pèch.II.Sect.m. cap.iv.p,5o6. tah.'ì6.fìg.i. Daub.Dict.Ichth.inEno.Meth.H,N,III.p-^S8. 
TANCHE, Belon, JVat. et Pourtr. Poiss. Uh. i.p. 525. fig. in p. 5^6. Razoum, Hist, Nat.Jorat,I.p. l5i.sp.^i. 

Cui'.Tabl.Elem.p.56o.sp.5. Pesson, Man. Phch. Fr, p.51^. 
TANCHE vcLGAiRE, C ui^. Règn.An. 1 1. p.ig5, Id.Ihid.'ì. ed.II.p.2']5. Jurine, H.P. Lém.p.2o5.sp.i'2.tab.io. 
TENCH, Penn. Br. Zool. III. p. 3o6. sp. 3. Donov. Br. Fish, tal. ii3. Flem. Br. Anim. p. 186. sp. 61, 

Yarrell, Hist. Br. Fish. I.p. 328. cum Jìg. 
SCHI.EIHE, Hartm. Helv. Ichth, p. i^Q, 

rri 

X ulto ciò che in comune si spetta alle due specie di Tinca^ che si racchiudono 
nella sola di cui parlarono gli autori, si è da noi detto nel!' articolo precedente della 
Tinca italica. Resta ora appo noi il nome di Tinca chrysitis a questa che altri vorrian 
pur credere sola varietà, distinta però dalla piti grande altezza della pinna dorsale e 
dell' anale, non che dalla maggior robustezza dei raggi nelle yentrali. Facile è il rav- 
visare che ottenesse il nome Chrjsitis da quel lurido giallo d'oro che la riveste: il cIia) 
rende sempre più indegno quel distico che in alcuni libri si legge, il quale pretende 
che il vocabolo Tinca venga da Tincta per le macchie di cui si dipinge; errore non 
men grossolano di quello che circa il sapore parimente vi si contiene: 



Tinca vocor, quare? Maculosura respice tergus, 
Coctaque post Troctam gloria prima feror. 



TINCA CHRYSITIS. 



mentre il nome del poeta, più cieca certamente di Omero>e più ottuso il palato di qua- 
lunque animale, meritò bene di essere per compassione taciuto dal nostro Aldroyandi. 

Il profilo del dorso di questa Tinca si eleva molto piìi che nell'altra fino alla dorsa- 
le, dopo la quale scende quasi retto fin sopra l'anale, e quindi si fa concavo per tutto 
il resto del tronco : quello del ventre è dolcemente convesso fino all' anale,, dopo cui 
corre quasi retto fino al termine. L'altezza maggiore del tronco entra tre volte e mezza 
nella lunghezza, e la sua grossezza è poco più d'un terzo dell'altezza. Il capo vien 
compreso quattro volte e mezzo nella totale lunghezza: la punta del muso corrisponde 
all'orizzontale che passa per i due terzi dell'altezza del tronco dall'alto al basso. II 
diametro dell' occhio entra poco più di cinque volte nella lunghezza del capo. Un 
diametro e mezzo si trova fra la punta del muso ed il margine anterioTc dell' orbita. 
Gli angoli della bocca non toccano ri mezzo della distanza tra la punta del muso e 
l'occhio. La pinna dorsale s'intesta poco dopo la metà del pesce, esclusa la caudale: il 
più lungo dei raggi si è il quarto, gii altri si abbassano quanto più s'allontanano, onde 
la pinna acquista superiormente un contorno circolare: quel raggio più lungo misura 
un quinto della totale lunghezza, di poco è più breve il secondo; l'ultimo ed il primo 
non ne misurano che la metà; tutti i raggi hanno ugual distanza tra loro, fuor del 
primo e del secondo che sono quasi a contatto, come pure sono gli ultimi due; questi 
raggi sono piuttosto grossi e molto ramosi; la base della pinna è quasi un terzo dell' 
altezza del quarto raggio. Le pettorali si estendono per quattro quinti della lunghezza 
del capo. Le ventrali si trovano intestate sotto l' origine della dorsale là dove termi- 
nano le pettorali, ed hanno un dislintivo carattere ben rimarchevole, per la robustezza 
de' raggi che le costituiscono, e per la grossa membrana che ricuopre gli anteriori. La 
lunghezza loro è quasi tanta quanto quella del capo. L'anale si rileva dal profilo del 
ventre per una protuberanza cutanea rivestita di sca^^lie: i raggi anteriori escluso il 
primo brevissimo sono i più lunghi: l'altezza loro misura la lunghezza delle pettorali, 
l'ultimo appena giunge a un terzo di quest' altezza: la base della pinna è due terzi 
della medesima altezza: essa si trova inserita dove terminano le ventrali, e con la 
sua estremità può giungere a toccare l'intestatura della caudale. La lunghezza di questa 
eccede quella del capo, ed i suoi raggi sono anch'essi più grossi che nell'altra specie» 

Simile alla descritta Tinca, che in Italia vive nel solo Piemonte, n'abbiam rice- 
vuta ogni altra da qualunque contrada di Europa. Restaci ora a sapere se colà sotto 
r Alpi viva insieme con lei quel!.' altra, esclusivamente italiana, di cui abbiam trattata 
di sopra.. 



BARBUS FLUVIATILIS 



BARBO DEL TEVERE 



BARBvs capite pjramidali^ hrenore altitudine corporisj quintum longitudini s acquante: 
spatio interoculari duplo majore quam oculo parvo j medio : radio osseo pinnae dorsalis 
robusto j valde serrato : squamis minimiSj suhrotundatisj postice concavis. 

D. il. jP. 17. F'. 9. jé\ 8. C. 19. Lin. lat. sq. 60. ser. 21. —L.. 

CYPEiNtis BAKBOS, Linn. Syst. Nat.1. p. S25. sp. 1, Id. Mus, Ad. Fred. II. p. 107. Bonnat. in Tabi. 
Enc, Ichth. p. 189. sp. 4. iab. 76, fig. 317. Bloch , Fisch Deutscld. I. p. ìog. toh. 18. Meidinger, 
Icon. Pise. Austì\ tah. 9. Gmel. Syst., Nat. I. p, 1049. sp. 1. Schneid. Bl. Syst. p. 45o. sp. 62. 
Lacép. Hist. Poiss. V. p. 178. Castel, Bl.Hist.Poiss, VII. p.i88. Eichw.Zool.Spec. Ili, p. IQQ. sp,5. 

eyPEiNus BAEBA, Hartmann, Helv, IcTith. p. 184. 

BAEBns VDLGAKis y Flem. Brit. Anim. p. iS5. sp. 58, 

BARBUS FLUVIATILIS, Agass. Fiizing,. Prodr. F aMU. Au&tr- p. '^^'St. 

BARBUS, Auson. in Mosell. v. 94. P- Jov. Pise. Rom. in cap. svi, p. 79. Rond'el, Pise. Lac. II. cap. xh. 

p. 194. cum fig. Salvian. Aquat. Hist.XMu. p. 86. fig. 19, Gesn. Aquat. IV. p. 124. cum figura Equilia. 

Aldrov. Pisa. Uh. v. cap^%vi.p.5g8.cum fig. Ecpilis? Will. Ichthyogr. Uh,, iv. cap.'s.y.p.2.5g.iab.Q.2.Jìg.i. 

Bay^ Synops. Pise.p. 121. Charlet. Onom..p. i56. Jonst. Hist. Pise. Uh. iii. tìt. i. cap. v. tah. òQ.fig. 6, 
JVulf. Iclith. Boruss.p, ^i. sp. 52. 31 arsi gli, Dan uh. IV. cap.yì.p. 18. tah. 7, fig. i. 
MVSTUS, Fluviatilis BARBUS, Bellon. Aquat. Uh . 1. p. 501 . 

BAKBUS, BARBO, BARBATUL.US , MUGIL BARBATUS, MUGIL FLUVIATILIS n0nnu]lis, SchoneV. Ickth. p. ^g. 

BARBUS oblongus olivaceiis, ciriis quatuor,- maxilla superiore longiore , Leske, Mus. Regn, Anim. Spec.p. IJ. 
MVSTUS (l'orsi paruru arcuati, sed cultellati, colore dilule olivaceo etc. Klein, Pise. Miss. V.p. Q!\.sp.i. 
evpRiNus obloHgus masiHa sttpeiiore longiore, cirris 4? piana ani ossiculorum 7, Arted. Gen. Pise. p..l\. sp. li. 

Id.Synon. p. 8. sp. 14. Gronov. Zoopb- 1. p-XO^. Id. Mus. IchtK I. p- 5. et II. p. 3. sp. 20. 
cypRiNus maxilla superiore longiore, cirris quatuor; ossiculo lerlio pinnae dorsi tantum uncinal-o , jfiTram. jE'Ze/zc/j, 

Veget. et Anim. Austr,p.5gi. sp.2. 
BARBEAu, Belon, Nat. &t Poiirir. Poiss. I. p. z.gg.^ Duham. Pèch, II. p, 5-20. Dauhent. Dici. Ichth. inEnc. 

Meth.Hist.Nat.III. p.44. Cuv.Tahl.Elém. p.56o. sp.2. Pesson-Maisonneuve, Man.Péch. Frang. p.5o. 
BARBEAU COMMUN, Cui>. Règn. Anim. II. p. 193. Id. Ibid. 2. ed. II. p. 272. 

BARBEL, Penn.Brit. Zool. III.p. l^j-ì. tab. 82. Donov. Brit. Fish.II. tah.'i^. Yarr,ell,Bjiii. Fish.I.p.^ìi. 
BARBE, oder BARBEL, BARBEN oder BARIVI, Fitzing. Pr.odv. loco citato. 
VCAjb.,, Ross. BOLEfi', Poi. Eichwald, Ioqo citato^ 

il Sistema nostro ehe ora la famìglia dei Cyprinidì^ seevrata dagli Ana- 
hleplini e dai Paecilini componenti l'odierna famiglia dei Paecilidij la quale ha denti 
nelle mascelle, e non tre soli raggi brancliiostegi , circoscrivasi a quel grappo, che allor- 
quando scrivemmo l'articolo del Cj-pnnus Regina costituiva la sottofamiglia deCiprinini. 
Maturati e raccolti i semi colà sparsi, ne sorge, che nell' attuale Ittiologico coordina- 
mento essa formi la 32."^'' famiglia dei Pesci appartenenti all'ordine dei Cfcloidij se- 
zione dei Teleostmnij sottoclasse dei Pamatohranchii. E questa famiglia dei Cjprinidi 
in due sottofamiglie si ridivide. La prima è dei Cjprininij, che ha pelle mucosa^ scaglie 
profondamente conficcate e rade, hocca il piìi delle volte fornita di barbette. La seconda 
è dei LeucisGÌni_, che non ha mucosa la pelle, veste scaglie superficiali e fitte, ha bocca 
senza barbette. 129 



< 



BARBUS FLUVIATILIS. 



I generi Cjprinidl sono in numero di 27: diciassette dei quali appartengono ai Cj- 
prininij quanti cioè ne yantava l'intiera famiglia secondo l'articolo predetto del Cyprinus 
Regina. Ma poiché cinque tra i dieci generi accresciuti appartengono ai Leuciscini; per- 
ciò mi astengo parlar di quelli, e gli altri cinque registro così: i. Botia^, Gray, diverso 
dall' JcanthopsiSj e che per dritto di anteriorità dovrebbe essere conservalo, benché noi 
fosse, proprio però delle Indie orientali: o.. Schizothorax^ Heckel, genere nuovissimo, di 
cui quell'autore ci descrive e rappresenta in figura dieci specie trovate nelle acque del 
Cacemir, somiglianti aìBarbij ma distinte da quelli per una escrescenza squamosa della 
pelle sulla regione metagastrica : 3. Labeo-BarbuSj Ruppel, notabile pei labbri amèndue 
grossissimi, l'inferiore però più turgido e più proteso assai, cui pende dalla sinfisi un'in- 
forme gherone carnoso , ed è nel resto alquanto simile al Barbo: 4« Varicorhinus ^ Rup- 
pel, con due sole barbette come il GobiOj ma di muso emisferico, carnoso, tempestato 
di verruchette cartilaginee : 5. StomocatuSj Nob. genere cui debbonsi ascrivere quei 
dei Catostomi del Lesueur, che han breve la pinna dorsale. GÌ' indicati generi sono però 
stranieri all'Europa, e l'ultimo non appartiene affatto all'antico continente. 

II genere Barbusj.^àel quale non giova ripetere i caratteri essenziali già sufficien- 
temente esposti nel più volte citato articolo, ha condotto da poco tempo sotto i suoi 
vessilli assai più specie che prima non avea. E queste sono quelle figurateci dal Ruppel 
nella sua memoria sui Pesci del Nilo, cioè B. SurkiSj B. ElongatuSj B. Garguarij B. Jf- 
finiSj B. Inter ine diusj B. Perince. KWe quali sei si aggiunga quell'unica B. DiplochiluSj, 
Heckel, che diguazza tra i Schizothorax del Cacemir; e il C. Miirsa di Guldenstein del 
fiume Cyro; e il C.Bulatmai del Gmelin {ChaljbatuSj,Vii\hs) del mar Caspio; e il C. Binnj 
di Forskal che non differisce dal Lepidotus di Geoffroy S.^ Hilaire ; non altrimenti che 
il C. CalbasUj il C. Coesa., il C. DaniconiuSj il C. Kiinamaj il C. Morula^ il C. Gonius 
e il C. Rahita del Buchanan e del Russel, abitatori del Gange. Oltre poi questo gran 
numero di specie Asiatiche ed Affricane, altre ne ha perfino l'xVmerica non per anco 
descritte. Specie fossili non si conoscon finora. 

Ma se autori chiarissimi ci esibirono i Barbi di sì lontane regioni, non ve ne fu pur 
uno che si occupasse di quelli d'Italia. Quindi nell'attuale mancanza di qualunque fi- 
gura, descrizione e confronto, noi porgiamo le imagini di quattro, alle quali contrapo- 
niamo per compimento di tavola la non mai figurata specie Agassiziana Barbus Leptopo- 
gon di Algeri, ed il mostruoso capo di un de' nostri, dalla cui stravaganza ci si ram- 
menta quella di un Ciprino figuratoci dal Rondelezio sotto il nome di Caprini mira spe- 
cies. Avvertasi frattanto che dovendo noi denominare le seguenti italiane specie abbiam 
fatto uso di nomi già noti, dei quali però non si conoscono i legittimi possessori, quan- 
tunque ne abbiam perfino interrogato coloro che li han nominati. Per quello poi che 
risguarda il Barbo di questo Tevere, non abbiam potuto appellarlo che B. Jluviatilisj es- 
sendoché non ci è riuscito provare che sia diverso da quelli dei fiumi Settentrionali. 

Tutti i Barbi, ma più particolarmente i quattro nostri, hanno i seguenti caratteri: 
Corpo oblungo, poco compresso, coi profili del dorso e del ventre lievemente convessi, 
concavi nella parte assottigliata del tronco ricoperto da scaglie piccole, numerose, pro- 
fondamente infitte nella cute, leggerissimamente striate, di forma più 0 meno ellittica, 
con più seni sul margine esterno, embricate, disposte in serie poco regolari. 11 capo, che 
forma il quinto, o al più il sesto di tutto il pesce, è ovale, più o meno allungato, ot- 
tusetto all'apice, con la fronte che quasi perfettamente continua la linea del dorso, e di- 



BARBUS FLUVIATILIS. 



scende grado grado fino al muso più o nien turgida nella regione nasale: bocca piccola 
orizzontalmente fessa, situata in Lasso quasi sotto il muso, poiché la mascella sporge 
alquanto oltre la mandibola : le labbra son crasse, e carnose : il palato è rivestilo da 
membrana muscolare, forte, increspata. I denti faringei impiantati sopra due piastre os- 
see sono numerosi, cortini, conici, alquanto curvi, fitti e disposti in serie. Due paja di 
barbette carnose, pendule, l'un pajo presso l'apice della mascella, l'altro più lungo dagli 
angoli della bocca. Occhio ellittico, vario in grandezza nelle diverse specie, ma sempre 
m-ediocre, collocato in prossimità della fronte. Doppi fori nasali vicinissimi tra loro, 
situati circa ai due terzi della distanza tra il labbro e l'occhio; il posteriore più gran- 
de ed ellittico, l'anteriore più piccolo quasi rotondo. 1 tre raggi della membrana bran- 
chiostega laminari. Opercolo rolondo-angolato ; preopercolo rotondato. Linea laterale 
continua, retta o dolcemente ricurva in basso, scorrente per lo mezzo circa del tronco, 
e formata dai pori rilevati di una serie longitudinale di scaglie in numero di cinquanta 
o sessanta. Ano angusto, aperto un quinto più vicino all'apice della coda che alla punta 
del muso. Pinna dorsale, anteposta alle ventrali, spiccante circa il mezzo del pesce, 
esclusa la caudale, corta, più alta in avanti, trapezoidale, costituita di undici raggi, il 
primo brevissimo, il secondo metà del terzo, e questo più lungo di tutti, osseo, robusto, 
acutamente seghettato; il quarto, e tutti que' che lo seguono, molli e ramosi, compreso 
l'ultimo che è geminato, decrescenti a grado a grado. Pettorali impiantate prossima- 
mente all'opercolo, più brevi del capo, acute, aventi diecisette raggi. Ventrali spiccan- 
tisi sotto il quarto raggio della dorsale, più brevi e più larghe delle pettorali, composte 
di dieci raggi, ed aventi ciascuna nell'ascella una lunga, stretta, acuta scaglia. Anale 
contigua all'ano, originata n&l punto corrispondente a quello cui posson giungere i raggi 
della dorsale ripiegati all' indietro, breve, trapezoidale, e formata da otto raggi tutti 
molli, e tutti, ad eccezion dei due primi, ramosi, il terzo dei quali è il più lungo. Cau- 
dale biforcata fino oltre la metà con diecinove raggi principali. 

Il colore in generale, è di un grigio olivastro metallico sul dorso, che degradando 
nei fianchi si trasmuta in bianco e più o meno splendido argentino o dorato nel ven- 
tre : superiormente sparso di macchie fosche, prodotte da punti e lineole irregolarmente 
riavvicinate, che invadono talvolta i fianchi. L'esser poi cosi più o men vagamente pun- 
teggiato di nero varia da individuo a individuo piuttosto che da specie a specie, dipen- 
dendo dalla dimora, che tanto influisce sui colori dei pesci, più che da veruna altra cau- 
sa; ma dalla età parimente, essendo i bambini molto più argentini, e somigliando in que- 
sto come nella delicatezza della carne i Lattarmi. Le pinne negli adulti sogliono essere 
pallide alquanto rosseggianti in punta, mostrandosi la caudale più scuriccia delle altre. 

La spina dorsale si compone di quarantasei o quarantasette vertebre, cui sono at- 
taccate sedici paja di costole. L'esofago grandemente protratto non è distinto dal ventri- 
colo, per la insensibile diversità di forma, e per la poca ampiezza che va gradatamente 
acquistando? cortissimo e gracile è l'intestino. Il fegato e gli altri visceri soa piccoli e 
flaccidi. Il notatojo però è grande, e biloculare come in tutti i CyprinidL 

I Barbi ricevono presso a poco da per tutto un nome tratto da' cirri carnosi che 
pendono loro a foggia di barbe dalla mascelk superiore. Si pescano nei grandi fiumi, 
ne' ruscelli, e in qualche lago eziandio. In quanto all'Europa, abbondano maggiormente 
nella meridionale; ciò non pertanto anche la Russia ne fornisce in copia, ed il Tamigi 
ne ha molti, ma gl'Inglesi non li tengono in alcun pregio. Il Bellonio scrisse che quelli 

I29« 



B ARBUS FLU VI ATILlS. 



del nostro Tevere sono di ottima qualità: Romae Barbi Tiberini plurimum laudantur. 
Egli però avrà certamente inteso parlare di coloro che venuti dall' Aniene non abLiano 
oltrepassato i Ponti della città, imperocché quelli che si pescano al di sotto hanno cat- 
tivo sapore, per le immondezze e corrotte sostanze che cibano. I predali entro le chiare 
e sassose correnti sono delicati e di facile digestione, massime nel Settembre e nel Mag- 
gio; e più che invecchiano, come Ausonio cantava, si fan sempre più buoni. 

Tu melior primore aevo, tibi contigit omni 
Spirantum ex numero non illaudata senectus. 

Le uova loro però, come quelle di parecchi altri pesci, convien fuggire in alcu- 
ne stagioni, lorchè producono tormenti di basso ventre, fino al punto che alcuni opina- 
rono poter in corpo umano ingenerare il Cholera. Pasconsi di piante acquatiche, di lu- 
machelle, di piccoli pesci, nò fastidiscono le carni morte. La situazione della bocca 
piuttosto inferiore fa sì che vadano scavando e rivoltando la terra per lo fondo dei 
fiumi col fine di procacciarsi cibo : ed è pur questa la cagione che altri pesci para- 
siti li corteggino. Amano di nuotare contro la corrente, di albergare lungo le ripe, e 
ricovrare negli ingrottamenti loro. E siccome il freddo li rende languidi e dispossati, essi 
nell'inverno si radunano e sì tenacemente si appiattano in qualche cavo o fenditura, 
che patiscono meglio lo strappamento delle squamme che venir tolti allo schermo di 
questo lor tetto. Se vengano stretti da penuria di cibo si succiano l'un l'altro la coda 
in maniera che i più grossi giungono di frequente a estenuare e distruggere i più pic- 
coli. Sogliono fecondare nel terzo o quarto anno di età, e depongono le uova nel co- 
minciar della estate sopra nude pietre, ove l'acqua corre più velocemente. I figliuo- 
lini sbuccian dalle uova fra otto o quindici giorni. 

Il nostro Barbo del Tevere, che trovasi ancora ne' vicini fossi e rigagnoli, ha il cor- 
po rotondetto, poco attenuato: l'altezza maggiore è meno di un quarto della lunghez- 
za. Il capo molto acuto discende obliquo fino all'apice del muso, ed è il quinto di 
tutto il pesce. La parte assottigliata del tronco è lunga quanto i tre quarti del capo, ed 
alta i due terzi di sua lunghezza. Il profilo superiore dell'animale è lievemente con- 
vesso, l'inferiore allorché giunge alla pinna anale tostamente ripiega in dentro, e, formato 
Tin seno, va risalendo lungo il margine della coda. La bocca non si protrae che fino alla 
metà della distanza che passa tra l'angolo anteriore dell' occhio e l'apice del muso : le 
barbette anteriori ripiegate all' indietro oltrepassano sensìbilmente l'inserzione delle po- 
steriori, che tratte all' innanzi sorpassano alquanto la punta del muso. L'occhio entra 
cinque volte nella lunghezza del capo, e dista più di due diametri dall'apice del muso: 
la distanza che corre fra un occhio e l'altro è di un diametro e mezzo. La linea laterale 
scorre quasi retta. La pinna dorsale sorge nel mezzo tra l'apice del muso e l'origine 
della coda, s'innalza per tre quarti della lunghezza del capo, e si estende per poco più 
della metà di essa lunghezza. Le pettorali sono ovate, lunghe tre quarti del capo: le 
ventrali poco più piccole, rotondate. L'anale è un quinto minore del capo; la sua base 
stendesi un terzo meno di quella della dorsale, e il suo lato posteriore è poco più lungo 
di essa base. I due lobi acuti della caudale son lunghi ciascuno quanto il capo. 

Può giungere al peso di sette in otto libbre, ma è generalmente assai minore. Due 
diverse razze riconoscono in questo Barbo i nostri pescivendoli e pescatori, secondo che 
siano di una sola tinta, ovvero pinticchiati, o screziati in altro modo di nero: carat- 
teri puramente accidentali che già spiegammo di sopra. 



BARBUS EQUES 

BARBO CAVALIERE 



EJnBUS capite subovali mpra gibòoj micie longiori altitudine corporiSj parum brenore 
longitudinis quarto : labiis crassis : spatio interoculari plus duplo majori quam oguIo 
parvOj retroposito : radio osseo pinnae dorsalis modice robusto j serrulato : squamis ma- 
gnisj subrotundatiSj postice comexis. 

II, P. 17. V^. 9, À. ij. C. 19. Lin. lat. sq. 6q. ser. 2i.,i-i- . 

EArbus eques, Walenc. in Cuv. B.ègn.Anim^-2.ed.lI.p. 3,75, 

cypRiNUS BAEBOs ? N ardo, Prodr. Adr. Icìith, sp, Naccari, lit. Adr. p-2i. sp.Si. 

BAKBUS, Gesner^fig. sui pictoris, Aquat. IV. p. 12^. 

alla gobba internasale e dalia turgidezza delle labbra facile è il riconoscere a 
prima giunta tra gli altri Barbi questo che è proprio della nostra penisola, e non solo 
Yive in quasi tutta la Italia superiore, ma discende in Toscana eziandio, ed è comune 
nella stessa Firenze. A determinarne la specie abbiam prescelto un bell'esemplare pe- 
scato sotto i nostri occhi nell'Arno, e simile in tutto ad altri di Piemonte e di Lombardia. 

Il profilo superiore di questo Barbo dalla punta del muso all'inserzione della pinna 
dorsale è quasi un ottavo di cerchio ; e da detta pinna all' origine della caudale è sen- 
sibilmente concavo : l' inferiore fino alla pinna anale è convesso, da questa alla coda è 
concavo. La parte assottigliata del tronco misurata nel punto medio è presso che uguale 
alla distanza che corre dall'angolo anteriore dell'orbita alla punta del muso. La mag- 
giore altezza è il quinto della lunghezza, mentre la grossezza è quasi la metà dell' al- 
tezza. Il muso è assai grosso ed ottuso; una gibbosità notevolmente grande s'innalza 
Ira l'uno e l'altro foro nasale; dal qual punto discende all'apice in linea molto obli- 
qua : la bocca collocata molto al di sotto squarciasi orizzonlalmente fino al di là delle 
narici; e le sue labbra sono assai turgide e carnose. Le barbette sono lunghe, grosse 
ed acute ; le due posteriori, ripiegate in avanti, oltrepassano la punta del muso. I fori 
nasali grandi e rotondati distano dal muso quanto le due orbite tra loro. Gli occhi sono 
lungamente ellittici, il diametro loro orizzontale entra sei volte nella lunghezza del 
capo, distando essi quasi tre diametri dalla punta del muso, e più di due l'uno dall'al- 
tro. La linea laterale assolutamente retta corre per lo mezzo del tronco. Le scaglie sono 
rotondate. La pinna dorsale, trapezoidale col superior lato molto più lungo degli altri, 
sorge quasi dal mezzo del pesce, e si stende un quinto meno della propria altezza; il 
terzo suo raggio è seghettato internamente fino alla metà. Le pinne pettorali sono lunghe 
un quarto meno del capo: le ventrali inserite poco più lungi dall'inserzione delle pettorali 
che dall'anale, un terzo meno. Questa somigliante per la forma più ad esse che alla dorsa- 
le, misura tre quarti della lunghezza del capo. La caudale è un quarto più breve di esso. 

Il colore tende generalmente più al rossino, e non suol essere pinticchiato di nero. 

129** 



BARBUS PLEBEJUS 

BARBO PLEBEO 



BARBUS capite amygdaliformij, parum longiore attitudine corporis\, quintum longitudinis 
acquante: labiis tenuibus: spatio interoculari vix majore quam oculo, maxima j antepo- 
sito: radio osseo pinnae dorsalis modice robusto serrulato: squamis mediocribus et- 
lipticis, elongatis^ 

D. II. P. 17. J^. 9. A. 6. C. 19. Lin. lat. sq. 65. ser. ai. ■ ^ ^ > 

y 9 

BARBUS PLEBEJUS, Valine, in, Cuv, Règw. Anim. 2.. ed.. II. p. 233,. 

.A.d esemplificare la presente specie tolghìamo un Barbo proveniente dal Iago dì 
Como, e simile in tutto a quelli che pur dì colà passarono nel Museo di Parigi, ove 
ricevettero il nome Plebejus dallo stesso Professor Valenciennes fondatore delle specie 
Eques e Plebejus ^ nelle cpali avrà certamente osservato caratteri, che tuttavia non veg- 
giam consegnati agli scritti^ onde ci fu d'uopo il rintracciarli in natura. 

Il corpo di questo Barbo è alquanto compresso, e la sua maggiore altezza, innanzi 
alle ventrali, è la quinta parte della lunghezza totale. Il profilo superiore, dolcemente 
convesso dall'apice del muso alla pinna dorsale, và da questa alla caudale quasi retto: 
l'inferiore è convesso fino a tutta la base della pinna anale,, dove incavandosi sensibil- 
mente procede pressoché parallelo al superiore. Il capo leggermente curvo,^ colla fronte 
piuttosto ampia, ed alquanto più grosso del tronco, in figura cioè di mandorla, misura 
l'altezza del corpo, eh' è quanto dire il quinto di tutto il pesce :, lo squarcio, della bocca 
non arriva neppure al pari del foro anteriore delle narici: le labbra sono sottili: le bar- 
bette filiformi ; e le posteriori ripiegate in avanti pareggiano appena il muso. Gli occhi 
pressoché circolari occupano la quarta parte del capo: sono essi collocati così in alto che 
toccano quasi la fronte, e disiano dalla punta del muso per un loro diametro e mez- 
zo, mentre lo spazio tra l'uno e l'altro è poco maggiore di un diametro loro stesso. 
La linea laterale leggermente inflessa fin sopra alle pinne ventrali,, si protrae quasi retta 
fino alla caudale. L'ano apresi a tre quinti del pesce. Le scaglie sono molto allungate. 
La pinna dorsale elevantesi poco dopo la di lui metà,, esclusa la caudale^ ha quasi la 
forma di un trapezio, il terzo raggio acutamente seghettato, e la base distesa per due 
terzi della sua altezza, che é di un solo sesto minore della luiighezza del capo. Le pet- 
torali strette, acute, hanno tre quarti della lunghezza suddetta. Le ventrali sono un ter- 
zo pili brevi. L'anale trapezoidale anch' essa é men lunga delle pettorali,, ed è situata 
proprio in mezzo fra la caudale e le ventrali. Questa lunga quanto il capo, è forse 
più profondamente forcuta che nelle altre specie j i suoi lobi essendo angusti ed acuti. 

Le tinte sono generalmente più scure, e la maggior parte degli esemplari mostransi 
screziati come quello effigiato. 



%é 



BARBUS GANINUS 

BARBO CANINO 



BARBUS capite ovato-pjramidalì^ longiore altitudine carporis^ quintum longitudinis vix su- 
perante: spatio, interoculari vix aequante oculum maximum j antepositmn : radio osseo 
pinnae dorsaUs gracillimOj. vix serruìatoi squamis magnisj rotundis^ 



D. II. P. l'j. V, g, J. 8. C. 19. Zm. laU sq. So. ser. 17. 

7 



I 



.1 dotto Prof. Bonelli fu il primo a distinguere dal commune un Barbo che chiamò 
Caninus_, dettandogliene certamente la idea quello che il volgo Piemontese appella Barb 
canin. Non avendoci egli fornito caratteri, nè avendolo pubblicato, noi crediam lecito 
l'imporre il nome di Caninus ad un piccolo Barbo che sotto lo stesso nome ci fu man- 
dato dal Piemonte, nei cui ruscelli e laghi si ritrova ugualmente. Non possiamo però 
preterire che sotto la stessissima volgare denominazione ci giunsero dalla regione me- 
desima esemplari del nostro Eques, cui le grosse labbra come di Can mastino potria- 
no meritar quel nome, ed esemplari perfino di un Gobio.. Che se il B. meridionalis del 
Risso fosse realmente diverso dal Jlimatilis_,_ non saremmo alieni dal sospettare la sua 
identità con questa specie che andiamo a descrivere. 

Il costui corpo è rotondato e svello: il profilo superiore corre quasi retto dall'occipite 
alla pinna dorsale, e sensibilmente obliquo da questa all'origine della coda; l'inferiore 
fino alla pinna anale è convesso, da questo alla caudale insensibilmente concavo. L'al- 
tezza maggiore è il quinto della lunghezza: la parte assottigliata del tronco, alta la metà 
della propria lunghezza, estendesi un quarto meno del capo, lungo poco più del quinto 
di tutto il pesce. 11 muso è grosso e rotondato : la bocca situata inferiormente spinge 
lo squarcio fin sotto le narici : le labbra grandette sono schiacciate piuttosto che turgide, 
le barbette sono corte e sottili, non giungendo le posteriori alPapice del muso se si rivol- 
gano innanzi. L'occhio ellittico, situato presso la sommità della fronte, medio fra l'apice 
del muso e l'intestatura dell'opercolo, occupa la quarta parte del capo, distando un dia- 
metro e mezzo dal detto apice: la distanza fra un occhio e l'altro è uguale a un diametro 
dell'occhio. La linea laterale segue l'andamento del profilo del ventre fin sotto l'inser- 
zione della dorsale, quindi procede rettissima. Le scaglie sono grandi, molto imbricate, 
e molto rotondate. La pinna dorsale, alta due terzi della lunghezza del capo, ergesi in 
mezzo al pesce, esclusane la caudale, e si estende per quanto spazio è dall'apice del 
muso all' angolo posteriore dell'occhio. Le pettorali sono anguste, acute e poco più brevi 
del capo. Le ventrali son corte, larghette, ottuse, inserite in mezzo fra l'orbita e la cau- 
dale. L'anale più estesa di esse, men pero delle pettorali, nasce un poco più vicino alla 
caudale che all'inserzione delle ventrali. La caudale è il quinto del pesce. 

Tende sensibilmente al violaceo sul dorso, dilavato sui fianchi con passaggi giallognoli 
e cilestri, bianco nel ventre con un lieve trasparir di violetto: il lustro metallico splende 
maggiormente in una fascia lungo i fianchi: macchiuzze nerastre veggonsi qua e là più o 
meno irregolarmente sparse, più frequenti però e più cupe nella dorsale e nella caudale. 



GOBIO VENATUS 



GOBIONE VENATO 



GOBIO capite parum longìore altitudine corporis_, quintum longitudinis vix superante: spatio 
interoculari acquante oculum, lateralenij grandiculunij antepositum: cirris mediacri- 
bus: pinna dorsali vix ante venir ales antepositas orta. 

D. IO. P. i6, F". 8. ^. 9. C. ig. Lin. lai. sq. 40. se7\ 11. — . 

4 

Ija piccolezza del capo compreso ben cinque volte nella total lunghezza, lad- 
dove quello del Gobio Fluviatilis benché adulto ne occupa il quarto, e principalmente 
le pinne ventrali spiccanti assai più innanzi che nel pesce suddetto, sulla stessa linea 
cioè, in cui finisce la pettorale, ed incomincia la dorsale, carattere che non s'incontra 
nella specie Francese, la quale ammette tra l'apice delle pettorali e l'inserzione delle 
ventrali un intervallo notabile, nel cui bel mezzo la dorsale s'innalza, ci han consigliato 
a riguardare come specie nuova questo piccolo Ciprinide. Lo ricevemmo di Piemonte 
sotto quel comune volgar nome di Barb canin_, ed anco sotto quel di F'olà : lo avemmo 
altresì dal Bolognese, ove pescasi ne' freddi rivoli abbondanti di Trote alle falde dei 
grandi Apennini, e lo dicono Broccioloj erroneamente, come crediamo: nè si desidera 
nel torrente Savena prossimo a Bologna, che lo chiama Vana. Iddi qual vocabolo scor- 
gendo l'ombra etimologica dell' epiteto venatusj, che può competergli, per le quasi ve- 
nature della pinna dorsale e della caudale, abbiamo tratta la appellazione che proponia- 
mo. Ma quanto fummo dolenti di non aver potuto paragonarlo col Temolo del Benaco, 
Cjprinus Benacensis del Pollini, che a giudicarne dalla descrizione e dalla figura è cer- 
tamente un Gobio j altrettanto ci siam rallegrati nell' averlo confrontato e rinvenuto si- 
mile ad altri esemplari che ci pervennero dalla Germania. Gli abbiamo dati a compagni 
nella tavola un bellissimo Gobio FluviatiliSj trienne almeno di età , pescato nella Senna 
a Parigi, ed il grazioso Gobio Uranoscopus del fiume Isera in Baviera fattoci conoscere 
dall'Agassiz, specie tanto notevole per la elevazione dei piccoli suoi occhi, e per lo spor- 
gere a guisa di naso la superiore mascella sopra la bocca più inferiore e più piccola, i 
cui cirri sono ancora più lunghi che negli altri Gobioni: il qual Pesce sembraci già 
fosse benissimo notato dal Willughby alla pag. 264. della sua Ittiografia sotto il nome di 
FFapperj ossia Gobius Fhmatilis minor j comune nella città di Augsburgo. Ci gode poi, 
tanto più l'animo nell' introdurre il Bolognese Vanà nella nostra Fauna, in quanto che 
di Gobioni manca affatto l'Italia meridionale, e segnatamente il Tevere e l'Arno. 

Gli antichi naturalisti greci e latini non favellarono in alcun modo de' pesci che im- 
prendiamo ad illustrare. Ausonio sembra sia stato il primo a farne parola applicandogli 
il nome di Gobio siccome per questi versi si rende palese: 

Tu quoque flumineas inter memoranda cohortes, 
Gobio, non major geminis sine pollice palmis j 
Praepinguis, teres, ovipara congestior alvo, 
Propexique jubas imitatus Gobio Barbi. 



GOBIO VENATUS. 



Questo nome Gobio per altro è slato causa di gravissimi errori, per evitare i quali 
gioverà tenere in mente che i Gobii marini sono tutt'altra cosa, appartenendo alla fa- 
miglia di un altro ordine la quale dicesi Gobidae; come diversissimo ugualmente, quan- 
tunque di fiume, è il Cottus Gobio, che è un Triglide. l medici gli eruditi e tutti colo- 
ro, che all'opposto de' naturalisti seguono più i nomi che i caratteri, sono caduti in er- 
rori che non saremo a rilevare in questo luogo. La carne dei veri Gobioni è bianca, di 
buon sapore e facile a digerirsi; onde si apprestano graditi alle delicate mense, e alle 
persone di lassa ed infermicela costituzione. Pasconsi d'insetti acquatici, di vermi, di 
uova, di avanzi di corpi organizzati. Amano l'acqua pura, siccome quella che scorre 
placidamente sopra un letto sabbionoso, e non inquinata per mistura di sostanze stra- 
niere. Si mostran pure provvidentissimi ad una vita tranquilla, perchè sul cominciare 
di autunno sogliono ritirarsi dentro quei laghi, cui non sconvolge tempesta, e al primo 
tepore di primavera riconquistano il fiume, ove depongono le uova ne' luoghi più solin- 
ghi ed ombrosi. La durala de' loro amori è di circa un mese: moltiplicano copiosamente, 
e comechè del continuo sieno pasto agli uccelli e ad altri pesci, ve ne ha purtanto assai 
abbondanza. Amano il conversar compagnevole, e trovansi congregali a grandi torme. Il 
numero delle femmine avanza per cinque o sei volte quello de' maschi. 

In tutte le specie di Gobio_^ che rimangon sempre di piccola statura, il corpo vedesi 
allungato e non dissimile da quello dei Barbi, 11 capo è grande più o men conico, al- 
quanto depresso, trasversalmente incavato al di là di una leggera protuberanza che scor- 
gesi in punta al muso. Larga è la bocca, con la mascella protrattile, che nello stato di 
riposo sporge oltre la mandibola, ed è fornita di una sola barbetta a ciascun angolo; ca- 
rattere che li diversifica da quei Barbi che avendo il terzo raggio della pinna dorsale 
debole e appena seghettato potrebbero confondersi con essi. Le narici apronsi un poco 
innanzi agli occhi, che sono o piccoli o mezzani. Tutto il capo è privo di scaglie e liscio. 
Quelle che rivestono il tronco sono grandette, sottili, fortemente aderenti, semicircolari, 
raggiate nella porzione libera, ch'è leggermente orlata ne'margini. L'ano apresi nel mez- 
zo fra le pinne ventrali e l'anale. La dorsale spicca alla metà in circa del pesce, esclusa 
la caudale, ed ha dieci raggi, otto dei quali sono ramosi e due semplici; il terzo è il 
più lungo, oltrepassando di poco il secondo. Le pettorali circa un quarto più brevi deì 
capo hanno maggiori degli altri il secondo e terzo dei loro sedici raggi, e tutti fuor del 
primo sono ramosi : le ventrali composte di otto raggi sono alquanto più brevi ma non 
dissimili per la forma. L'anale di nove raggi rappresenta in piccolo la dorsale originan- 
dosi sotto il punto ove giunge quella pinna se la ripieghi all' indietro. La caudale è for- 
cuta fino alla sua metà, e conta una ventina di raggi non valutati alcuni più brevi 
sotto e sopra. 

I colori sogliono essere un bruno olivastro sul dorso e al disopra dei fianchi, mac- 
chiato di nerastro, argentino su delti fianchi e bianco sul ventre ; la pinna dorsale e la 
caudale sono macchiettate, le altre unicolori. Quattordici paja di costole sostengono in 
questi pesci la spina dorsale che ha trentadue vertebre. 11 canale intestinale si ripiega 
due volle in se. 

Oltre le tre specie di Gobioni da noi figurate, che son tutte quelle che conosciamo 
in Europa, se ne rammentano parecchie esotiche descritte dal Guldestein, dal Pallas, 
dal Buchanan e dal Ruppel ; cioè il C. Capoeta, Gould, dal quale non differisce il 
C. Fundulus, Pali., il 0. Capito, Pallas, del fiume Cyro presso il Mar Caspio ove tro- 



GOBIO VENATUS. 



vasi ancora il precedente. I C. Curmuca e C. BendelisiSj Buchanan eie. Il Professore 
xA.gassiz ne figura una fossile, di Oeningen, sotto il nome di Gobio analis nella tav. 54- 
della sua celebre opera sui Pesci petrificati. 

La più grande altezza del nostro Gobio Venatus vedesi, come negli altri, all'origine 
della pinna dorsale, ed uguaglia la quinta parte della lunghezza : la larghezza è la metà 
dell'altezza, il capo è grande, depresso superiormente, e misura il quinto della totale 
lunghezza : le labbra sono sottili : le barbette ripiegate all' insù non oltrepassano l'oc- 
chio, il quale collocato in alto occupa quasi il quarto di tutto il capo, distando per un 
suo diametro e mezzo dalla punta del muso, e per quasi due dal margine posteriore 
dell'opercolo: fra un occhio e l'altro corre un diametro. Le narici sono grandi, e svi- 
luppata ne è la membrana : il muso sporge alquanto più che nella specie settentrionale. 
La linea laterale scorre leggermente concava lungo la metà del tronco: coraponesi di 
circa quaranta scaglie, in lunghezza, e se ne contano dieci nell'altezza, cinque sopra 
e quattro sotto. La dorsale spicca molto innanzi la metà del pesce non compresa la 
caudale; è alta quasi quanto è lungo il capo, ed ha forma trapezoidale, essendo alla 
base un terzo più stretta che non è alta. Le pettorali, lunghe più di tre quarti del 
capo, han forma acuta rotondata, e giungono coi loro apici all'attaccatura delle ven- 
trali, che spiccano precisamente sotto la dorsale, son più rotondate delle pettorali, mi- 
surano due soli terzi del capo. L'anale ha |origine poco dopo il punto, sotto il quale 
può giungere la dorsale, dalla quale non differisce se non per le proporzioni minori 
di un quarto. La caudale biforcala fino aUa sua metà, ha le acute sue punte lunghe 
precisamente quanto il capo. 



V 



LEUCISCUS SQUALUS 

LASCA SQUALO 



SQUJLius griseo-argenteiiSj longitudine altltudinem quintuplo superante : capite corporis al- 
titudini pari: spatio interoculari duplo magnitudine oculi: pinnis parmlisj pallescen- 
tibus : dorsali ventraìibus opposita^ ad apicem subrotundata. ^ 

D. IO. P. i6. y. 9. A. II. C. 19. Lin. lai. sq.li-^.ser. 14 

5 

SQOALOS, Trarrò, Ruit.lib.Wì. cap.'iW. Columell. liò.vìu, cap.xvì. Bellon. Aq. lib.L p.5i5. qxioai pìsc. lom. 

Salv. Aquat. Hist. XVI. p. 84. i'-fg. 1 9. Gesn. Aquat. IV. p. 1 82. 
SQUAius Telerum, Aldrov. Pise. lib. v. cap. svii. p. 600. Jonst, Pise, lib . iii. tit. i. cap, vi. art. 1, p. 89. 
CEPHALOS FLUViATiLis, Rotidel. Pisc . FI. lib. p. 1^1. ^}3oaà Yi&cxom. 

CYPRiKus oWoDgus macrolepitlotus,elc. Arted.Gen. Pisc.p. 5. sp. 12. Id.Synon, p.^-sp. 10. quoad Squal. TCterum. 



Oltraggiereramo indegnamente il padre Tevere, se da molti anni pacificamente 
godendo di benignissimo ospizio sulle famose sue rive trascurassimo di ricercarne le na- 
turali dovizie, e decorarne il nostro lavoro. Egli (e lo diciamo con meraviglia) possiede 
pesci nuovissimi per la scienza, cioè a dire non per anco esaminati dai sistematici au- 
tori, pesci che oramai fa d'uopo di pubblicare secondo le dottrine di oggidì, affinchè 
non dicasi più lungamente che questi nostri studj valgano a rimescolare soltanto i ca- 
taloghi delle specie oltramontane ad oggetto di riferir loro le nostrali a dispetto sovente 
della Natura, ed anco degli occhi nostri. Sembra in verità che ci dispaccia il muover 
l'occhio dalle spiagge di Scandinavia, attratti come la calamita dal chiaro settentrione di 
Linneo, per attinger luce su quelle cose ancora eh' egli non vide. Ed è pur vergogna 
che mentre ci raccommandiamo alle pesche dell'India e perfino di America, mentre 
aspettiamo avvisi di flotte armate sotto i poli spedite e nell' Oceanica, per saper quali 
esseri vivano in quelle lontanissime regioni, trascuriamo d'interrogare gli elementi no- 
stri, ne' quali Natura quanto più dolce, tanto più riccamente lussurieggia ed alletta: 
Externa et longinqua dum cupìmus propinqua non curamus. 

Conobbe è vero il Salviano lo Squalus romano, dalla perfetta somiglianza però del 
volgar nome S quale ^ Squalo^ Squaglio^ col quale i pescivendoli chiamano un miserabil 
pesce, piuttosto che da ragionata osservazione. Filologica tutta fu la dottrina che profuse 
nella materia il dotto Archiatro Papale : e quanto dice sulla identità dello Squalo col 
Leuciscus di Galeno e V Alburnus di Ausonio, che nell'una e nell'altra lingua suona lo 
stesso, sembra plausibile a chi non sà: quanto poi aggiunge per dimostrare che ove l'edi- 
zioni di Plinio dicono in più luoghi Scarus^ debba leggersi SqualuSj è superiore ad ogni 
eccezione. Perciò non avendo gl'Ittiologi posteriori, la maggior parte oltramontani, vedu- 
to il nostro pesce, lo cred-erono effettivamente VJlburnus deha Mescila cantato da Auso- 
nio, eh' è tutt' altro animale: consapevole di tanto l'Artedi lo annoverò fra i sinonimi del 

96 



r 



LEUCISCUS SQUALUS, 

SUO decimo Ciprino del quale fece Linneo il suo Cjprinus cephaluSj cui per verità lo 
Squalo somiglia assai più che d\Y alburnusj, il quale è un Aspius della moderna nomen- 
clatura. Noi frattanto elevatolo al rango di specie intendiamo per lo Squalo dei Roma- 
neschi, ciò che i Reatini chiamano Fiassaro_, i Viterbesi CavenorOj i Toscani LascUj e 
che altre genti d' Italia dicono abusivamente Cefalo di lagOj per quella superficiale ap- 
parenza che saltò agli occhj di Galeno, caeterum omnino animai (Leuciscus) animali 
(Mugili) omnino est simile^ nisi quod Leuciscus paulo est candidior^ caput habet minus 
et saporem acidiorem. Riuniti poi gli esposti nomi in un solo, lo diciam Leuciscus Squa- 
lus contenti di fare adeguato onore alle due più solenni denominazioni della sempre 
venerabile antichità. 

Esempio segnalato dello strano cambiamento che fanno da luogo a luogo i nomi vol- 
gari, spetta ai genere Leuciscus del Klein ne' termini che fu da noi esemplificato all' ar- 
ticolo del Cy primis Regina ^ secondo le belle riforme dell' Agassiz non mai abbastanza 
lodato ; al qual genere applichiamo il nome italiano Lasca usurpato in diversi luoghi 
da parecchie differenti sue specie. 

In tutti i Leucisci troviamo il corpo allungato, fusiforme, piìi o meno compresso, 
coi profili del dorso e del ventre convessi anteriormente, concavi verso la parte assot- 
tigliata del tronco, ricoperto di scaglie mediocri, leggermente striate, di figura poligo- 
nale-curvilinea, disposte in serie longitudinali e regolarmente embricate. Capo conico- 
piramidale, compresso. Bocca terminale, piccola, con le mascelle subeguali e le labbra 
carnose, senza alcuna barbetta. Denti faringei disposti in quattro serie e foggiati a guisa 
di coni allungati. Occhio rotondo. Circolare il foro esterno delle narici, l'altro in forma 
di mezza luna. I tre raggi della membrana branchiostega schiacciati. Opercolo rotondo- 
angolato, perfettamente liscio quanto il preopercolo. Linea laterale convessa verso il 
profilo del ventre, cui si avvicina più che a quello del dorso, segnata da un tubetto 
longitudinale per lo mezzo di ciascuna sua scaglia, il quale si estende dal punto em- 
bricante della sovrapposta fino alla metà della parte scoperta. Ano aperto circa la metà 
del pesce esclusa la testa, piccolo, alquanto sporgente. Dorsale retroposta, breve, piut- 
tosto elevata, di forma trapezia, costituita di circa dieci raggi, tutti molli, i più lun- 
ghi de' quali son gli anteriori, escluso il primo. Pinne pettorali adimate, impiantate as- 
sai vicino all'opercolo, curvilinee specialmente dalla parte inferiore, formate di sedici 
raggi sottdi, i superiori de' quali sono i più lunghi, suolendo uguagliare i primi della 
dorsale, Ventrah contigue, quasi intermedie alle pettorali ed all' ano, inserite avanti la 
dorsale, formate da nove raggi, i più lunghi de' quali son gli anteriori, con margini la- 
terali rettilinei, rotondate all' apice, munite di un' acuta scaglia sopra la base. Anale 
spiccante al di là della dorsale cui somiglia nelle forme, essendo poco estesa e senza 
valido raggio come quella, composta di una dozzina circa di raggi, gli anteriori dei 
quali sono i più lunghi. Caudale forcuta, lunga ed ampia, costituita da ventisei o ven- 
tisette raggi compresi quei minori nei lati. 

Il colore dominante delle specie è quasi di stagno più o meno ombrato di piombi- 
no o di roseo, ma più scuro sul dorso, ove la luce si riflette ad iride sopra le scaglie, 
sbiancandosi a gradi a gradi sempre più verso la carena del ventre che è totalmente di 
un bianco argentino. Le pinne ora son pallide, ora tinte più o meno intensamente di 
fosco, o di rosso. 

CuTÌer suddiyide questo genere in due sezioni ch'egli tuttayia crede non bastante- 



\ 



LEUCISCCS SQUALUS. 

mente definite. Pone in una le specie che lian la dorsale inserita sopra le ventrali, nel- 
l'altra quelle che la portano collocata sopra lo spazio intermedio alle ventrali e all'anale. 
Agassiz lo suddivide anch' egli in due sezioni, l'una delle quali si distingue dal ventre 
rotondato qual'è la maggior parte dei Cjprininij l'altra dalle scaglie del ventre formanti 
angolo benché poco sporgente, dal che mostra vergere alquanto verso il genere Chela_, e 
perciò verso i Clitpeidi: carattere tuttavia malagevole a scorgersi. Quindi noi dopo aver 
esaminato minutamente più di quaranta specie di questo genere raccolte in diverse re- 
gioni, ed averne formulato le diagnosi per una Monografia che siam per dare alle stam- 
pe, ci siam decisi a suddividerlo in tre sottogeneri dietro la scorta principalmente dello 
squarcio della bocca. Diciamo pertanto Leuciscus propriamente quelle specie che hanno 
il detto squarcio alquanto volto all'ingiìi, ed il muso alcun poco sporgente al di sopra 
di esso, le quali sogliono essere svelte, rotonde di ventre, e con la pinna dorsale opposta 
alle ventrali. Diciamo Squdlius le specie che hanno medio lo squarcio suddetto, termi- 
nale affatto, e di taglio quasi orizzontale, solite a mostrarsi corpacciute, ma non molto 
alte, rotonde anch'esse di ventre, e con la pinna dorsale quasi sempre opposta alle ven- 
trali. Diciamo finalmente Scardinius quelle altre specie, in cui lo squarcio più volte 
detto volge molto obliquamente all' insù, il corpo delle quali è assai alto e compresso, 
il ventre per lo più carenato, e la pinna dorsale frapposta alle ventrali ed all' anale. 

Al primo di questi tre sottogeneri appartengono principalmente il L. argenteuSj il 
rodensj il rostratus^ il majalis^, confusi un tempo sotto il Cjprinus leuciscus di Linneo, 
separati quindi dall' Agassiz; che quantunque non li abbia finora pubblicati, tuttavia ci 
fu cortese di communicarceli unitamente agli altri suoi nuovi Cjprinìnij affinchè sem- 
pre più comparative potessero riuscire le descrizioni de' nostrali. Il pesce di cui ci oc- 
cupiamo è tipo eccellente del secondo sottogenere, cui s'appartengono ancora il men nor- 
male L. rub'dioj figuratogli vicino, e parecchi altri inediti de' quali parleremo in appres- 
so. Fra le specie già conosciute son meritevoli di special menzione il L. dobulcij che ha 
la pinna dorsale situala fra le ventrali e l'anale, ed i L. jeses^ orfus_, rutiluSj prasinus 
(scoperto dall' Agassiz) che hanno il corpo alto ed il ventre carenato. 

Il nostro Leuciscus Squalus non si può ragionevolmente riferire ad altra specie Lin- 
neana, tolto il Cjprinus cephalus_, che al C/prinus leuciscus. È simile al L. rodens di 
Agassiz più che ad ogni altro vero Leucisco, ma è ben distinto da quello e dai suoi 
affini per le scaglie più grandi, per le pinne diversamente conformate, per lo squar- 
cio finalmente della bocca, che lo fa collocare in un diverso sottogenere. Le varie pro- 
porzioni del corpo, delle quali ci siamo serviti per istabilire le frasi specifiche, ben lo 
distinguono dalle numerose specie del proprio sottogeoere. Ond' è che senza più te- 
diare il lettore con altri confronti, passiamo dirittamente a descriverlo a parte a parte. 

Poco e quasi ugualmente convesse sono le curve del dorso e del ventre, che poi 
tendono al retto nella parte assottigliata del tronco; la quale misura in altezza la metà 
di sua lunghezza uguale presso che al sesto di tutto il pesce, e quasi doppia dello spa- 
zio occupato dalla pinna anale. La maggiore altezza del corpo che cade al di sopra 
delle ventrali vien compresa quasi cinque volte nella totale lunghezza: e la grossezza 
maggiore presa poco dopo l'opercolo è la metà dell'altezza. 11 capo, lungo quanto è alto 
il tronco, vien compreso quasi cinque volte in tutto l'animale ; il suo profilo è a dolce 
curva qual prolungamento di quello del dorso; la mascella inferiore dolcemente curva 
anch'essa, serve di continuazione al profilo del ventre: tondeggia la part^ superiore di 

. . 



LEUCISCUS SQUALUS, 



esso capo : la punta del muso terminata in ellissi trovasi sulla media orizzontale del pe- 
sce; lo squarcio della bocca appena obliquo giunge sotto il margine anteriore dell'orbi- 
ta: la mascella inferiore è alquanto più breve dell'altra, e tutta ricoperta dalla superio- 
re; la lingua è grossa, ruvida, e aderente. L'occhio ha per diametro men di un quinto 
della lunghezza del capo, e dista di un diametro e mezzo dalla punta del muso: più di 
due diametri è la distanza tra un'occhio e l'altro. L'opercolo è marginato ad angolo 
quasi retto al di sopra, e tondeggia verso il basso. Similmente angolato, ma più infe- 
riormente, è il preopercolo. La linea laterale tiene una curva quasi parallela al profilo 
del ventre 5 e si allontana da esso per due quinti dell'altezza del corpo in quel punto 
che è più alto. Grandette sono le scaglie disposte in quattordici serie sul tronco, non 
valutando quella del dorso nè quella del ventre, otto sopra, e cinque sotto la linea la- 
terale, che ne ha quarantacinque, come vedesi formulato nella diagnosi : la figura loro 
è quasi ellittica, e sono embricate in modo che soltanto lasciano visibile di loro stesse 
una parte minore della metà, ove mostransi raggiate triangolarmente dal centro ; la 
parte coperta con cui aderiscono alla cute ha centinaio il contorno. La pinna dorsale 
rotondata all'apice si origina avanti la metà del pesce a distanza dal termine dell'oper- 
colo più lunga alquanto del capo, e si estende sul dorso per due terzi dell'altezza del 
secondo suo raggio, il quale è lungo quanto due terzi del capo, l'ultimo raggio essendo 
la metà del primo. Le pettorali s' intestano sotto l'angolo dell' opercolo, e son lunghe 
quanto è alta la dorsale. Le ventrali più brevi un quarto di queste sono inserite poco 
innanzi il perpendicolo della detta pinna, distano dall'inserzione delle pettorali poco 
più della lunghezza del capo, e dall' estremità di esse per una distanza maggiore della 
loro metà. L'anale spiccia lontano dalla punta delle ventrali quanto è una mezza lun- 
ghezza loro e si estende lungo il ventre per due terzi dell'altezza del primo suo raggio, 
che è di un sesto minore del primo della dorsale, l'ultimo suo essendo la metà del pri- 
mo. La caudale è poco più breve del capo: il suo biforcamento comincia oltre il mezzo. 

Color del pesce si è un turchinetto assai sbiadato sul dorso e sulla parte superiore 
del capo, degradante in argentino su i fianchi, ed in perla sul ventre; puramente ar- 
genteo all'opercolo. Le pinne sono scolorate con un ombra soltanto di carnicino o di 
ceruleo: la caudale però è foschiccia. L'esemplare che abbiamo descritto misurava sette 
pollici e quattro linee. Non è raro il pescarne di tre libre, e ne conserviamo un indi- 
viduo prodigioso che ne pesava fin sette. 

Fluviatile assai più che lacustre scorre per tutto il Tevere e per l'Arno ; trovasi 
pure in quasi tutti i corsi d'acqua della Toscana, dello Stato romano e del Kegno, 
non però nell' Italia superiore, nè dentro la maggior parte de' nostri laghi. La sua carne 
è poco stimata. 



LEUCISCUS RUBILIO 

LASCA RQVIGLIONE 



squJLius fusco^argenteuSj longitudine altitudinem quadruplo et ultra superante : capite cor- 
poris altitudine parum breviori: spatio interoculari subduplo magnitudine oculi: pinnis 
grandibus fuscQ-rubescentibus : dorsali ventralibus oppositaj, oblique truncata. 

D. IO, P. i6. V, IO. A. II, C. 19. hin, lat, sq. 40, ser. 12. 

.^J^ercè di questo Pesce esclusivamente lacustre, e di quello che gli è figurato di 
sotto Tanta il picciol lago di Nemi due specie di più di quel yicino di Albano che sette 
sole ne pasce quantunque piìi grande. Lo desidera eziandio il Trasimeno. Lo ha quel 
di Bracciano, e forse qualche altro lago che non Togliamo garantire sulla fede altrui, 
sendochè troppo facile è a confondersi con la Rovella da un lato a cagione delle pinne 
rosseggianti, con la Scarda/a dall' altro, cui somiglia di statura e di oscurità di colore, 
ma in nulla più. Quindi è da merayiglìare che neppur si distinguano sempre dai piìi 
esperti pescatori specialmente di Roma, ove è iuTalsa generalmente l'opinione che i?o^'z* 
filone e Scarda/a sieno lo stesso pesce. Non è la sua carne degna di tutto il disprezzo 
che ne fa la maggior parte, essendo al contrario di buon sapore. Giunge al peso di due 
e tre libre. 1 

La forma e la proporzione del capo lo distinguono bene dal rubelluj, unico fra i 
piccoli Leucisci col quale potria confondersi da giovane. La dorsale collocata assai più. 
verso il capo basti per contradistinguerlo dal L, scardala che gli sta figurato di sotto. 
La più erta corporatura poi e il color rosseggiante delle pinne servono a farlo separare 
a prima giunta non men da quello che dal h. squalus che gli sta sopra, senza dire delle 
più minute differenze che ciascuno potrà rilevare dalle rispettive descrizioni ; come si 
potrebbe pur fare intorno a quelle specie catalogate dal Risso, e da qualche altro autore, 
se chiaramente da' loro scritti apparisse la indubitabile loro fisonomia. Tra le specie co- 
nosciute ne' libri o da noi vedute le sole che gli si possono paragonare sono il Leuciscus 
rutilus simile più per il nome che per le forme e i colori, il Leuciscus dobula e il Leu- 
ciscus idus: dal primo lo distingue il Tentre rotondato, dal secondo la relativa posizione 
della pinna dorsale, dal terzo l'uno e l'altro di questi caratteri. 

La curva del dorso alquanto più convessa di quella del ventre piega insensibilmente 
dietro la dorsale, locchè pur fa l'altra curva dietro l'anale, concedendo luogo all'as- 
sottigliamento del tronco, che ivi è alto due terzi di essa parte assottigliata, lunga ap- 
pena un settimo di tutto il pesce e poco più della pinna anale. La maggior altezza 
all'intestatura delle ventrali vien compresa quattro Tolte nella lunghezza, e la grossezza 
è poco meno della metà dell' altezza. Il capo, un poco più brcTC che non è alto il tron- 
co, vien compreso men di cinque Tolte nella totale lunghezza: il suo profilo quasi retto 



LEUCISCUS RUBILIQ. 



discende poco rapidamente, e si unisce colla carena del dorso mediante un risalto : la 
mascella inferiore si eleva formando un angolo con la carena inferiore: la fronte è leg- 
germente spianata ; il muso rotondato, e la sua estremità trovasi un poco superiore al- 
la media orizzontale del pesce. Lo squarcio alquanto obliquo della bocca è assai breve, 
non giungendo i suoi angoli alla metà tra l'apice del muso e l'occhio: le mascelle son 
quasi lunghe egualmente. Il diametro dell'occhio è un quinto della lunghezza del capo : 
un diametro e un quarto circa corre tra esso e la punta del muso, un diametro e tre 
quarti tra un occhio e l'altro. L'opercolo è contornato quasi semicircolarmente; triango- 
lare rettangolo il preopercolo. La linea laterale ha un andamento convesso verso il pro- 
filo del ventre, trovandosi, dove è maggior l'altezza del corpo, due volte più vicina al 
medesimo che non a quello del dorso. Dodici sono le serie delle scaglie che rivestono 
ciascun lato del corpo, e quella per cui passa la linea laterale ne comprende quaranta- 
due. Sono esse scaglie semicircolari in avanti, rettilinee agli ineguali lati, centinate lun- 
go la parte con cui aderiscono alla cute : la loro superficie è triangolarmente segnata in 
avanti da molte strie convergenti verso il centro per tutta la parte scoperta, ed in senso 
opposto è segnata più debolmente dair altra. La pinna dorsale si origina pochissimo dopo 
la metà del pesce, non compresa la caudale, e si estende lungo il dorso per due terzi 
dell'altezza del secondo raggio, il quale s'innalza due terzi dell'altezza del tronco; l'ul- 
timo è solo la metà di quello, i frapposti decrescono regolarmente in modo che il mar- 
gine terminale della pinna è molto obliquo, e piuttosto concavo che convesso. Le petto- 
rali assai prossime alla carena del ventre s' intestano quasi di sotto al termine dell' oper- 
colo, e son lunghe quanto è alta la dorsale. L'intestatura delle ventrali si trova distante 
dall'apice delle pettorali un terzo della lunghezza delle medesime; e sono esse un quinto 
più brevi. L' anale spiccia dopo due terzi della lunghezza delle ventrali contando dalla 
lór punta; e si estende lungo il ventre per quanto è lungo il suo primo raggio, eh' è 
quasi due terzi del secondo dorsale; l'ultimo è poco più lungo della metà del primo. La 
caudale non men breve del capo si biforca a due terzi della sua lunghezza. 

Il colore del capo superiormente e del dorso è un olivastro cupa che si degrada in 
argentino sui fianchi e divien sempre più bianco sul ventre: gli opercoli sono sparsi 
di un lurido argenteo. Rosseggiano le pettorali, le ventrali e l'anale; più fosche ap- 
paiono la dorsale e la caudale. L'esemplare che abbiamo descritto misurava sei poi- 
liei e nove linee» 



LEUCISCUS SCARDAFA 

LASCA SCARDAFA 



scJRDiNius nigro-argertteus j longitudine altitudinem quadruplo vix superante: capite quin- 
tuplo hreviori longitudine corporis: spatio interoculari valde majori magnitudine osuli : 
pinnis grandibus nigricantibus : dorsali inter ventrales et analeni opposita_, oblique trun- 

D. IO. F. i6. V. 9. II. C. 19. Lin.lat.sq.ù^o.ser.ii.J— 

Ija Scardafa dei Romani che trovasi ne' laghi di itemi, di Ronciglione, di Brac- 
ciano, di Fogliano ed altri, in tanti rigagnoli, e in tanti fossi, vien detta Scardava j 
ScardinCj Scarda_, Scarbatra^ Scardola^ ed anco in diversa piìi o men lontana ma- 
niera di corruzione, tra le quali porta il vanto la Scarpettaccia dei Fiorentini che così 
Togliono hen giustamente avvilirla; perchè tra loro è ancora peggior eh' appo noi. A. 
Roma frequentemente chiamasi Roviglione da chi la confonde o per ignoranza o per 
malizia col pesce suddescritto, cui si conviene lai nome, non a questo che non ha strac- 
cio di rosso nella sua livrea. Maliziosissimo poi ma pur consecrato specialmente dagli 
abitatori della romana Suburra è quello di Orata^ sotto il quale la gridano i Pesci- 
vendoli erratici profittando del suo color metallico; ed è meraviglia se, aggiuntovi tal- 
volta l'epiteto, dicono Orata d'acqua dolce. 

Fra i Leucisci che qui figuriamo questo è il solo che abbia il corpo sì alto e sì com- 
presso, il ventre acuto, quantunque leggerissimamente, e la pinna dorsale spiccante da 
un punto medio alle sottoposte ventrali ed anale, talché impossibile è il confonderlo 
con alcun' altro di loro. Appartiene poi al sottogenere ScardiniuSj cui serve di eccel- 
lente tipo, e cui spettano ancora il men normale L. scarpata,, Nob. del Trasimeno; 
YiduSj Cuv. con Y idbarusj L. sua varietà, che rotondo hanno il ventre, rosse le pinne 
e minori le scaglie; il decipienSj nuoYa specie dell' Agassiz, tanto facile a prendersi per 
una Jbramis ; e V erjthrophthalmuSj L. men dissimile forse di ogni altro dal nostro, ma 
di pinne rosse e con l'iride di egual colore: niuna delle quali specie può confondersi 
con la nostra scardafa. 

Giunge questo pesce al peso di tre libre o poco più, ma ben raro è il vederne di 
tal fatta. Molto convesse sono le curve del dorso e del ventre, fortemente inflesse, e 
riavvicinate ad un tratto dietro le rispettive pinne dorsale ed anale. La parte assotti- 
gliata del tronco, alta poco men della propria lunghezza, misura un ottavo di tutto il 
pesce, e appena quanto l'anale. La maggior altezza sopra le ventrali vien compresa tre 
volte e tre quarti nella lunghezza totale, e la grossezza è poco men della metà dell'al- 
tezza. Il capo assai più breve che non è alto il tronco vien contenuto quasi cinque volte 
nella lunghezza totale: il suo profilo unito alla carena del dorso mediante un piccolo ab- 
bassamento discende quasi retto fino all' estremità del muso : la mascella inferiore for- 
ma un angolo sotto il margine anteriore dell'occhio; sale quindi piuttosto curva verso 



LEUCISCUS SGARDAFA. 



la punta del muso la quale cade superiormente all'orizzontale del corpo, ed è tondeg- 
giante alcun poco. La fronte è rotondata. La bocca molto obliquamente fessa spinge i 
suoi angoli fin sotto a due terzi della distanza tra la punta del muso e l'occhio. La ma- 
scella inferiore è sensibilmente più lunga della superiore. L' occhio collocato a poco più 
di un suo diametro dalla punta del muso vien compreso quattro volte e mezzo nella 
lunghezza del capo: quasi due diametri corrono fra un occhio e l'altro. L'opercolo è 
contornato pressoché ellitticamente, e il preopercolo triangolarmente, con l'angolo ret- 
tangolare alquanto smussato. La linea laterale convessa scende alcun poco al suo prin- 
cipio, quindi corre parallela al profilo del ventre, due volte piìi vicino ad esso che a 
quello del dorso. Undici serie di scaglie contansi in ciascun lato del corpo, sette supe- 
riori e tre inferiori a quella che vien tagliata dalla linea laterale che ne ha quarantuno : 
queste scaglie sono grandette, piìi larghe che lunghe, ellìttiche in avanti anzi che circo- 
lari, poco centi nate posteriormente dove aderiscono alla cute: la superficie loro è raggia- 
ta a ventaglio come quella delle altre specie, ma con minor numero di strie. La dorsale 
spicca alla metà del pesce compresavi la caudale, e si estende lungo il dorso un quarto 
meno dell'altezza del secondo raggio, il quale misura cinque settimi della lunghezza 
del capo: l'ultimo è soltanto la metà di esso, decrescendo gradatamente i frapposti, sic- 
ché il margine terminale della pinna mostrasi obliquamente troncato. Le pettorali inte- 
state sotto l'opercolo sono lunghe quanto la dorsale. Le ventrali poco più brevi delle 
pettorali distano dall'origine delle medesime quanta è la lunghezza del capo. L'anale 
s' intesta lontana dall' origine delle ventrali quanto da quella della pinna caudale, cioè 
quanta è la medesima lunghezza del capo: il primo raggio è appena più breve dei primi 
della dorsale; l'ultimo misura due quinti del primo: la di lei base si estende due terzi 
della lunghezza del primo raggio. La caudale è alquanto più breve del capo: il suo bi- 
forcamento comincia anche prima della sua metà. 

Sul dorso, sulla parte superiore del capo fino in punta, e lungo l'opercolo è di co- 
lor fosco bruno, che nel discendere su i lati prende a gradi una tinta di acciajo can- 
giante di ceruleo e d'olivastro con matti colpi di giallo dorato alternanti con altri di 
color ferrigno. Quella tinta di acciajo schiarisce a poco a poco sul ventre, di modo che 
alquanto sopra la linea laterale trovasi già mutata in quasi madreperla leggermente 
opalizzante di roseo, e biancheggiante ancor più nell' accostarsi al profilo del ventre. 
L'opercolo e il preopercolo son madreperla più schietta, causa la continuità di lor tes- 
suto, assumenti un iride dorata d'indole metallica. L'iride dell'occhio è color di miele 
tendente leggermente al dorato. Le pinne sono tutte oscure sulla punta, e impallidisco- 
no alla base, esclusa la caudale che non si sbiada nè punto nè poco. Queste tinte son 
ritratte a pennello da un esemplare lungo un palmo architettonico, del peso di otto 
oncie romane, pescato poche ore prima. 



f4 



LEUCISGUS RUBELLA 

LASCA ROVELLA 



SQUJLWS fuscQ'argenteuSj, longitudine altitudinem quadruplo superante ; capite acutiusculo 
corporis altitudine multo breviori: spatio interoculari oculo subduplo majori: pinnis 
inferioribus mediocribusj rubris:. dorsali wntralibus opposita^ elata^ truncata. 

IO. P. i6. P^. IO.. J(. iQ. C. 19. Lin^ lat._ sq. 41. ser. i3. ~ 

4 

Ija maggior parte dei pesci marini suol cambiare ordinariamente di nome da una 
spiaggia all'altra: quelli di acqua dolce soglion quasi mutarlo in ogni lago, in ogni fiu- 
me, in ogni rigagnolo: ma che in due parti contigue di una medesima città, se n'ap- 
pelli uno solo in due differentissime maniere, è cosa rara e forse unica al mondo. Nella 
romana regione del Trastevere che giace occidentalmente a dritta del fiume, questo Leu- 
cisco yien detto esclusivamente Pardiglia^, e in quella orientale de' Monti che s' innalza 
alla destra, non assume altra appellazione che di Rovella. Saria pertanto da cercare se la 
transtiberina denominazione Pardiglia discenda dal primitivo etrusco ch'ivi suonò ne- 
gli antichissimi tempi, e se quella di Rovella sia, com' è più probabile, radicalmente la- 
tina nella regione in cui Roma nacque. Rovella dicono pure a Viterbo questo buon pe- 
scetto, delizia di quelle mense per mancanza di migliori; così pure lo chiamano nelle 
Marche; Ruvella nel Regno di Napoli, e nel Perugino Roviglione. A Terni ed a Rieti 
però, volgarizzando non sappiam se a ragione, il nome rubella^ lo dicono Rosciola. 

Segnalato per lo colore più o raen rosseggiante delle pinne in tutte le stagioni, men- 
tre altre specie congeneri le arrossano solamente di estate, pescasi nel Tevere, e in tutte 
le nostre marrane, d'onde lo predano in abbondanza gl'insidiatori delle ranocchie: ma 
in verun lago non sappiamo che siasi ritrovato, e se pure in qualcuno alberga, è raris- 
simo. Notabile si è per la emissione di alcune spinuzze sul capo e sul dorso del maschio 
Bei mesi che sfoga gli amori, il che dicono comunemente fiorire,^ tanto più propriamen- 
te perchè accade di primavera. In talun altro Ciprinino osservarono questo fenomeno 
i naturalisti fin dal secolo XVI; il primo probabilmente de' quali si fu il Salviani in 
quello del lago Maggiore e dell'altro di Como, pesce cui dicono Pico o PigOj noto 
anche a Plinio quantunque noi nominasse: duo lacus Italiae in radicihus alpium Larius 
et F erbanius appellaniur^, in quibus pisces omnibus annìs vergiliaruin ortu existuntj squa- 
mis conspicuis crebris atque praeacutis clavorum caligariuin effigie: nec amplius quam 
circa eum mensem vis.untur. Ove l'erudito lettore non può non intendere che Plinio real- 
mente credea comparire quel pesce ne' suddetti laghi in cotal tempo soltanto, non già le 
spine nel pesce, com'è pura e semplice verità. Spiegare la periodica espinescenza al 
di fuori è facile o pur malagevol cosa, a seconda di quanto più in alto voglia salirsi 
coir ingegno. Noi crediamo che non altrimenti che orescan le unghie e i capelli negli 
animali, così possano uscire dalla pelle di questo ed altro pesce le spine per eccesso di 

io3 



I 



LEUCISCUS RUBELLA. 

tigore, le quali per non avere alimento bastevole a mantenersi in vita sul fior della pel- 
le, caggion dopo un periodo più o men breve di tempo. Dicemmo che Rosciola è forse 
un ingiusto volgarizzamento, perchè dall' emetter le spine che fa la nostra Rovella, puà 
essere così detta dal latino ruhus più che da ruber; ma quel nome tuttavia di Rosciola 
non manca di esser giustificato dal rosso di che tingesi costantemente le pinne. 

Confuso probabilmente fin qui col Cf primis Idus di Linneo, tanto è pure caratteristico 
da non abbisognare di speciale confronto. Giunge al peso di quattro oncie al più, acqui- 
stando la lunghezza di sette pollici, ma raro è il vederne dì sì grandi, essendo ordina- 
riamente della statura in cui l'abbiamo effigiato. Il profilo del ventre è più convesso di 
quello del dorso, e l'uno e l'altro assottigliano dolcemente per gradi, non già con rapido 
decrescimento, verso la coda. La parte assottigliata del tronco è alta quanto è lunga la 
pinna anale, e misura in lunghezza una volta e mezzo la sua altezza, vale a dire un se- 
sto di tutto, il pesce ; il quale al di sopra del punto da cui spicciano le ventrali vanta la 
sua maggiore altezza compresa quattro volte nella totale lunghezza. La grossezza è poco 
meno della metà dell'altezza. II capo misura un quinto appena di tutto il corpo; la sua 
forma è presso che trapezoidale, essendo alquanto angolate oltre l'occhio la parte supe- 
riore e l'inferiore del muso terminante in punta rotondata, la cui estremità trovasi 
sull'orizzontale che passa per il terzo superiore del pesce. La bocca è piccola, e poca 
obliqua di taglio, i cui angoli non giungono che alla metà della distanza tra la punta 
del muso e l'occhio: la mascella inferiore è un poco più breve dell'altra. L'occhio dista 
dall'apice del muso un suo diametro e un quarto, ed è lungo circa una quarta parte del 
capo: fra l'uno e l'altro occhio corrono quasi due diametri di loro stessi. L'opercolo è 
angolato rotondato, il preopercolo rettangolarmente angolato. La linea laterale molta 
curva si approssima assai al profilo del ventre fino a lasciar sopra di se due buoni terzi 
dell'altezza del pesce, ov'essa è maggiore. Le scaglie sono erte, molto più larghe che 
lunghe, poligone, e curvilinee principalmente alle estremità superiore ed inferiore, fitta- 
mente raggiate dal centro verso le dette estremità : si dispongono esse scaglie in tredici 
serie sovra ciascun lato del corpo; otto delle quali sovrastano a quella per cui passa là 
linea laterale, che ne conta quarantuno. La pinna dorsale spunta alla metà del pesce, 
esclusa la caudale, e si estende per tre quarti di lunghezza del suo secondo raggio lunga 
almen quanto il capo; l'ultimo raggio è quasi più breve della metà, e gli altri che 
si frappongono loro decrescono gradatamente. Le pettorali impiantate sotto l'opercolo 
sono un quinto men lunghe del capo. Le ventrali spicciano sotto la dorsale, lontane 
egualmente dall'origine dell'anale e da quella delle pettorali, e più brevi di esse distano 
dalla punta loro quanto è un mezzo capo. L'anale si allontana dal termine delle ven- 
trali per un terzo di lor lunghezza, e si estende poco men di esse: il suo primo raggio 
doppio dell'ultimo è subeguale alla di lei base. La caudale è un poco più lunga del capo». 

Sul dorso è un verdastro brunognolo, più scuro sul capo, che si diluisce a mano> 
a mano sui lati con forte cangianza di madreperla fino a diventare argenteo sul ventre. 
L'opercolo è madreperla cuprina con rifiessi d'oro e d'argento: l'iride dell'occhio è do- 
rata. Li molti esemplari vedesi lungo il mezzo del corpo una larga fascia nerastra che 
curvasi sopra la linea laterale. La pinna dorsale ha la tinta del dorso ma più pallida i 
róssine più o men di cinabro sono le pettorali, le ventrali e l'anale: la caudale è giallo- 
gnola di quel tono che si può dir decolore. Lo scheletro è composto di 35 vertebre so- 
stenute da 17 paja di costole. 



LEUCISCUS MUTICELLUS 

MSGA MOZZELLA 



S^jLivs cinereo-argenteuSj longitudine altitudinem vix quintuplo superante: capite ohtti- 

siusculOj altitudine corporis vix breviari : ore subinfero: spatio interoculari oculo ses- 

quiniajori: pinnis decoloribus: pecioralibus ingentibuSj macula axillari subaurantia : 

dorsali ventralibus apposita^ subrotundaia. 

D. IO. P, 14, V. 9, A. io\ C 20. Lin. lat. sq. 55. ser. i5. ^ 

5 

I^ublìcando per nuova questa pìccola specie siam compresi da rÌTerente timore' 
Imperocché FAgassiz, al cui giudizio ci riferimmo, stimò che fosse identica al Leuciscus 
AphfO. degli autori. Molto sarebbeci riuscito a grado il poterla confrontare con quello 
esaminato in natura, perchè avremmo probabilmente avuto ragione di uniformarci alla 
sentenza del valente uomo ; quando che facendone il paragone con le divulgate ligure, 
valutata ben anco l'esagerazione artificiosa de' già più vivi colori naturalmente assunti 
nella stagion degli amori, poco ci è sembrata plausibile la supposta identità. Per ragion 
poi della ben nota discrepanza che questi pesci offrono da luogo a luogo benché vicinis- 
simo, è ben difficile a credersi che in Isvezia se ne riproduca un similissimo a questo. 

Distinguesi fra gli altri congeneri nostrali per la piccolezza delle scaglie, per la fascia 
nerastra su cui passa la linea laterale, e per una bella macchia lanciata che vedesi alla 
base delle grandissime sue pettorali. Aphfa nordica poi differisce per la posizione 
della dorsale, avuto riguardo alla diagnosi di quella specie secondo il Bloch, cui dob- 
biam molta fede per quel che sguarda i Ciprini. La specie Linneana inoltre ha, come 
cel conferma lo stesso Nilsson, l'occhio rosso, nove soli raggi nella dorsale e nell' anale, 
ed anco nelle altre pinne un minor numero che nella nostra. 

Pesce si è questo essenzialmente di fossi, e di torrenti che suol rimontare fin verso 
le origini, nè trovasi affatto ne' laghi. A Terni lo chiamano Buglione^ a Viterbo, ov' è 
comunissimo, Mozzella^ dalla notevol forma del capo, onde altrove lo dicon Mozzone. 
Sprezzano i Ranocchiari romani di porgli un nome determinato, e l'antico rimprovero 
insieme del francese Belon, il quale scrisse i pescatori nostrali essere ignorantissimi dei 
pesci (li acqua dolce. Lo dicono Lasca bastarda^, Pesce bastardo,, Moretta^ ed in altre 
maniere vernacole, sulle quali non persistono e neppur consentono tra di loro. Egli fa 
d' uopa di confessare però, che di tai differenze, ond' è ben giusto che si pascano i 
curiosi della natura, soverchia riuscirebbe la erudizione, e forse ridicola sotto il Por- 
tico d' Ottavia, e innanzi il Panteon d' Agrippa. 

I profili del dorso e del ventre sono poco e quasi uniformemente convessi nel di- 
nanzi, rettilinei verso la parte assottigliata del tronco, alta poco men della metà della 
elevazione più grande, ugualmente che della propria lunghezza; la quale eccede di 
molto quella della pinna anale, ed è un quinto di tutto il pesce. La maggior altezza tro- 
vasi sulle pettorali ed è poco più di una quinta parte di tutta la lunghezza : la grossezza 

iq3* 



I 



LEUCISCUS MUTICELLUS. 

poi misura tre quinti di essa altezza. Il capo lungo un quinto dell' animale ha forma al- 
quanto triangolare : il suo profilo piuttosto conyesso tondeggia lateralmente, essendo 
molto rotondato di sopra, e si continua senza risalto alcuno dal dorso: dolce altresì è 
la sua curva inferiore continuante la carena del yentre: sotto il mento poi l'andamento 
è quasi retto fino alla punta del muso che riesce molto ottuso, e trovasi sotto la me- 
dia orizzontale del pesce: la hocca è piccolissima, piuttosto inferiore, di taglio quasi 
retto giungendo cogli angoli suoi poco più che alla metà della distanza tra l'apice del 
muso e l'occhio: la mascella inferiore è un pocolin più hreve della superiore. L'oc- 
chio col suo diametro misura un quarto della lunghezza del capo : un diametro o poco 
più corre tra esso e la punta del muso: un huon diametro e mezzo corre fra un occhio 
e l'altro. Rotondato più che angolato apparisce l'opercolo: il preopercolo è rotondato af- 
fatto. La linea laterale leggermente convessa in avanti corre poi quasi retta fino al ter- 
mine, e là ove passa per la maggior altezza si discosta dal profilo del ventre per un ter- 
zo dell'altezza stessa. Le scaglie sono molto piccole, più lunghe che larghe- con due 
lati rettilinei paralleli, coll'anterior margine quasi semicircolare, coli' opposto centinato: 
sono striate triangolarmente tanto dalla parte esterna visibile quanto dall' altra che vien 
TÌcoperta dalla scaglia precedente: se ne contano quindici serie; e lungo quella per cui 
passa la linea laterale ve ne ha cinquantacinque. La dorsale spicca innanzi la metà del 
pesce, cioè alla metà giusta, se n'escludi la caudale: il secondo suo raggio misura tre 
quarti della lunghezza del capo; l'ultimo eccede poco la metà del secondo; tre quarti di 
questo o poco più è lunga la base. Le pettorali inserite sotto l'opercolo sono lunghe quan- 
to il capo, e giungono con la punta quasi a toccar le ventrali: queste hanno origine un 
poco innanzi la dorsale in un punto ugualmente lontano dalla base delle pettorali che 
da quella dell'anale; la lunghezza loro è un quarto minore di quella delle pettorali. 
L'anale dista dall'apice delle ventrali quanta è la loro metà; il suo primo raggio è poco 
più breve del primo della dorsale, e un terzo maggiore della base della pinna; l'ultimo 
è tre quinti del primo : la caudale eccede pochissimo la lunghezza del capo. 

Per la bocca alquanto infera, e per la minutezza delle scaglie indica questo Squa^ 
lius il passaggio al sottogenere Leuciscus ; e tanto più svelto dell'antecedente L. mbella 
ne ha quasi gli stessi colori. Quel del suo corpo è di stagno con riflessi di acciajo ti- 
rante al violetto, plumbeo fosco il dorso, più scuro il capo, madreperla il ventre ; ma 
poiché ha le scaglie tanto più piccole, contentasi di più modesti riflessi, anco per la ra- 
gione che è cosperso di nera minutissima punteggiatura, che fittissima lungo il mezzo 
constituisce una angusta fascetta, che di primavera in alcuni maschi par fatta coU'inchio- 
stro. Ha l'iride dell'occhio argentea spruzzata di nero: l'opercolo e il preopercolc riful- 
gono di madreperla con lumeggiatura d'oro: la pinna dorsale e la caudale tingonsi presso 
a poco del colore del dorso: le pettorali, le ventrali, e l'anale posson dirsi piuttosto de- 
colori, che di leggerissimo arancio slavato : tutte però egualmente esse pinne tendono 
verso la base ad un coloretto più o men ranciato, che sotto le pettorali segna sulla te- 
nera polpa delle ascelle una ben circoscritta macchia rancio-incarnata, che nello stato 
di freschezza fa riconoscer la specie a prima vista. Allor che la stagione lo invita alla 
riproduzione, germoglia anch'esso come il L. rubella^ ma solo di alcune lenticchie iner- 
mi, rade, poco elevate, ed unicamente sul capo. Lo scheletro ha 3; vertebre, e quin- 
dici paja di costole. 

Giunge al peso di tre oncie, ma raro è trovarlo anco di due, essendo generalmente 
minore della Rovella. L'esemplare da noi descritto misurava cinque pollici e mezzo. 



LEUCISCUS TRASmENICUS 

LASCA DEL TRASIMENO 



SQUJ'Lws vireseentì-argenteuSj longitudine altitudinem quintuplo paullum superante .°- capite 
acutiusculOj, corporis altitudine sublongìori: ore subsupero: spatio interoculari oculo 
vix majori : pinnis inferioribus decoloribuSj nuptiarum tempore rubeseentibus t dorsali 
ventralìbus opposita^ humili^ subtruncata. 

D. 10. F. 16. V. 9. A. IO, C, 20. Lm. lai. sq. 40. ser, 14. ~ 

5. ■ 

6,VKD0Nus lacos Perusinl, Bellon^ Aciuat.lihA,.j}. ^.il^ Id. JS(at- si Pourtr. Poiss.lih.ì.p.^i'j. 

LASCA,, Gamh.iìkix Lago Trasim. pag. 22'- 

J^eucLseus trasimenÌGUs quest'altra nuoYa specie appelliamo, non tanto perchè si 
trovi in quell'unico lago, o perchè quel lago non alimenti altro Leucisco che questo^ 
ma sì yero perchè ivi abonda sì fattamente che la sua fruttuosissima pesca è un pro- 
vento non lieve del nostro fisco, e soggetto di particolare statuto. Di colà sotto il no,-» 
me esclusivo di Lasca carreggiasi perfin sulle rive dell'Adriatico e del Tirreno a facilis- 
simo mercato. Si desidera per bontà di carne spezialmente in frittura quando la fem- 
mina è piena delle uova, ed il maschio s' intende di fecondarle, nel qual tempo però 
n'è saggiamente proibita la pescagione. Il magistrato municipal di Perugia aveva una 
volta provveduto che in ogni sabato potessero i poveri cibarsi di Lasca per vilissimo 
prezzo, e nella vigilia del divin Natale n'avessero la dispensa gratuita; ma questi usi 
furono cancellati da instituzioni straniere. 

La pesca se ne fa in diverse fogge, ma più solenne si è quella cui dicono della iV^a^^e^ 
che cade appunto ne' primi mesi d'inverno accompagnata da feste e da tripudio. Son 
già piantate in parecchie direzioni dalla riva fin sull'alto del lago alcune coppie di ra- 
stelli di pali distanti tra loro circa due braccia, nel quale intervallo i pescatori glttano 
minute legna e sarmenti da formar nascondigli. Poscia tendono al di fuori due reti lun- 
ghe quanto i rastelli suddetti, fermandone un lato ad altri pali discosti circa tre braccia, 
e sommergendo l'altro sino in fondo dell' acqua, in sì fatta guisa che l'una e l'altra rete 
così curvate formano quasi il ventre di una nave, cui tien luogo di carena la palafitta di 
mezzo. Non prima il freddo punge quelle acque, che le Lasche van sollecite a rimpiat- 
tarsi traile fascine: e quindi i pescatori montati sugli schifi s'introducono ne' rastelli di 
mezzo vuotandone la stipa; dal che turbate e spaventate le Lasche fuggono per gl'inter-. 
stizj de pali dentro le reti, dalle cui maglie non possono uscire; e quelli quando si ac- 
corgono di averle tutte cacciate, alzano bel bello fuor d'acqua i fianchi sommersi di esse 
reti. Formatosi così nel mezzo loro un gran sacco, in cui si raduna la preda, lo tirano, 
a riva con più migliaja di libre in ciascuna tratta. 

Il profilo del dorso è poco convesso fin quasi a mezzo tronco, e poscia rettilineo fina 
al termine: quello del ventre è similmente convesso fino al penultimo raggio dell'ana- 
le, quindi si avvalla continuando quasi retto fino alla base della caudale. La parta 



LEUCISCUS TRASIMENICUS. 

assottigliata del tronco supera un poco in altezza la più elevata del medesimo, ed è 
quasi doppia in lunghezza, sorpassando di una metà lo spazio occupato dalla pinna ana- 
le, e costituendo la settima parte dell'animale. La maggior altezza che si troya sopra le 
ventrali vien compresa quattro volte e tre quarti nella lunghezza totale, e la grossezza 
avanza di poco la metà dell'altezza. Il capo, un pochin più lungo di quanto è alto il 
pesce, ha forma presso che triangolare, e tanto la linea superiore quanto la inferiore 
s'uniscono senza risalto ai rispettivi profili del dorso e del ventre: la prima discende 
quasi piana, l'altra s' incurva alcun poco, alzandosi verso la punta del muso acuta- 
mente rotondato, che trovasi sulla media orizzontale del pesce. La bocca è piccolis- 
sima ; gli angoli del suo squarcio molto obliquo e volto decisamente all' insù, oltre- 
passano appena la metà della distanza tra la punta del muso e l'occhio: la mascella 
inferiore mostrasi alquanto più lunga della superiore. 11 diametro dell'occhio vien con- 
tenuto sole tre volte e tre quarti nella lunghezza del capo; men di un diametro si 
trova tra la punta del muso e il margine anteriore dell'orbita, e poco più di uno tra un 
occhio e l'altro. L'opercolo è marginato triangolarmente con l'angolo molto rotondato- 
similmente lo è il preopercolo, ma con l'angolo più in basso e meno smussato. La li- 
nea laterale segue per buon tratto un andamento convesso, quindi è quasi retta fino al 
termine del tronco, e là dove interseca la maggior altezza, dista un terzo dal profila 
del ventre. Le scaglie sono sottilissime, presso che semicircolari, leggermente convesse 
nell'estremità che aderisce alla cute, più cospicuamente raggiate che negli affini, e col 
punto onde partono i raggi retroposto quasi presso alla circonferenza: tredici sono le 
serie in cui vengono disposte le dette scaglie, sette delle quali al di sopra di quella 
per cui passa la linea laterale che ne conta quarantadue. Alia metà del pesce, esclusa 
la caudale, nasce la pinna dorsale, il cui secondo raggio misura quasi tre quarti della 
lunghezza del capo ; l'ultimo giunge solo alla metà del primo : estendesi la di lei base 
per due terzi dell'altezza del più lungo raggio. Le pettorali s'intestano sotto l'opercolo 
anteriormente alla di lui estremità, e giungono a tal distanza dalle ventrali quanta è 
quasi la metà della lunghezza loro: esse ventrali escon sotto la dorsale un terzo più 
lungi dall'inserzione delle pettorali che da quella dell'anale, e sono un sesto circa più 
brevi di queste. La distanza dell'anale dalle ventrali è appena un quarto della lunghez- 
za loro: il primo suo raggio, lungo il doppio dell'ultimo e un poco più della base, misu- 
ra due terzi del primo raggio della dorsale. La caudale stende pochissimo più del capo. 

Superiormente è un verdognolo chiaro alquanto più vivace sul capo, e degradante 
assai rapidamente in argenteo che rifulge meglio sul ventre. Le pinne del dorso e della 
coda sono quasi del colore del tronco ; le pettorali, le ventrali e l'anale sono ordina- 
riamente decolori, ma inoltrando la primavera tingonsi a gradi a gradi di un delicato 
vermiglio, non mai però così intenso come il cinabro del Leuciscus rubella. Filtrando 
talvolta questo bel colore nelle parti circonvicine le tinge più o meno di se; più rara- 
mente invade l'intero pesce, d'onde le meravigliose Lasche rosse che di tempo in tempo 
rallegran le reti. Lo scheletro componesi di 87 vertebre e 18 paja di costole. L'esenjplare 
descritto misurava quattro pollici e tre linee, che raramente oltrepassa, pesando general- 
mente un terzo di oncia, quantunque registrinsi individui portentosi di quattr'oncie e più. 

Depone le uova a mezza primavera tra i raduni di piante secche, nelle quali nascon- 
desi d'inverno. I Perugini, i quali, toscanamente come in tante altre cose, dicono Lasca 
del Tevere il nostro L. sqaalus^ il cui giovane è qui figurato per conoscerne le differen- 
ze, chiaman questo lor pesce Lasca del lagOj Laschetta. 



LEUCISCUS FUCIIVI 

LASCA DEL FUCINO 



SQUJLius cinereo-argenteus : longitudine altitudìnem quintuplo superante: capite acutiuscuìo 
altitudine corporis vix breviore: spatio interoculari oculo panilo majori: pinnis inferii- 
ribus rubellis: dorsali ventralibus apposita j capite vix humiliorij subtruncata. 

J). IO. P. i6. p^. 9.. ^. iQ. C. 20. Lin, lat. sq. /^o. ser. 12. J~ 

4 

r^er frutto di esperienza, e perciò con molta ragione, dicono i nostri pescivendoli 
produrre i diversi laghi diverse specie di Lasca: sotto il qual nome ristringono i soli 
piccoli Squalii lacustri di scaglia gentile. Se paragoniamo infatti questa del lago Fucino 
e quella del Trasimeno le rinveniamo due specie differenti. Questa è meno svelta di 
quella, onde maggiormente assomiglia alla Rovella j, ed ha più stretto etl acuto il capo. 
La superior mascella di questa è piìi lunga dell'inferiore, mentre in quella sono ambe- 
due perfettamente uguali, seppur la inferiore non eccede. La pinna dorsale finalmente 
offre un altro carattere distintivo; imperocché nella presente specie è quasi tanto alta 
quanto è lungo il capo, ed è inserita onninamente a perpendicolo delle ventrali, laddove 
nella Trasimenica è assai più breve, e spiccia più indietro. Che poi questa Fucense con- 
fondasi col Leuciscus ruhella comunissimo de' nostri fossi, noi permettono la più grossa 
ed erta corporatura del secondo, nè la qualità delle scaglie, assai più dure e più grandi. 

Nella specie di cui qui parliamo, i profili del dorso e del ventre sono uniforme- 
mente arcuati in avanti, rettilinei verso la parte assottigliata del tronco, la quale in 
altezza misura due terzi della propria lunghezza, che supera di un terzo lo spazio 
occupato dall'anale, e vien compresa sei volte nella lunghezza totale, 11 capo è di forma 
triangolare col profdo pochissimo convesso, continuante le linee del dorso e del ventre 
senza risalto alcuno, ed è lungo poco men del quinto dell'intero pesce: porta ottusa la 
punta del muso che trovasi sulF orizontale che passa per lo mezzo del pesce; piccola ed 
obliquamente fessa la bocca, con la mascella inferiore poco più breve della superiore, e 
con gli angoli protratti poco oltre la metà dello spazio tra la punta del muso e l'occhio, 
il cui diametro è appena compreso quattro volte nella lunghezza del capo. Un diame- 
tro misura quello spazio tra la punta del muso e l'occhio, e poco più di uno quello che 
passa tra un occhio e l'altro. Rotondato è l'opercolo, angolato inferiormente il preoper- 
colo. La maggior altezza del tronco misura poco men della terza parte delia lunghezza 
totale, e la grossezza misura un terzo dell'altezza. Dodici sono le serie di scaglie che 
rivestono il tronco, sette sopra, quattro sotto alla linea laterale quasi parallela al profilo 
del ventre, e distante da quello per due quinti della maggiore altezza del pesce là dove 
la trapassa. Le scaglie sono quasi circolari, visibili per buona metà, radiate a ventaglio 

104 



LEUCISCUS FUCINI. 



in avanti, centlnate all' indietro. La dorsale incomincia alla metà del pesce, esclusa la 
caudale; il secondo suo raggio è poco più breye della lunghezza del capo, l'ultimo è po- 
co più della metà del primo; la base della pinna è due terzi dell'altezza del secondo. 
Le pettorali s'intestano sotto all'estremità dell'opercolo: la lunghezza loro è poco mi- 
nore del secondo raggio della dorsale: lo spazio che corre tra la lor punta e l'intesta- 
tura delle yentrali è due terzi della lunghezza delle prime. Le yentrali hanno origine 
poco avanti la dorsale, piia prossime all'intestatura dell'anale che a quella delle pet- 
torali; e son lunghe poco meno delle medesime. L'anale s'allontana dalla punta delle 
ventrali suddette per la metà della lunghezza loro; il suo primo raggio è poco più 
di due terzi del secondo della dorsale; l'ultimo è la metà del primo; la base è poco 
men dell' altezza del primo raggio. La caudale avanza di poco la lunghezza del capo. 

Verde olivo con riflessi di argento è sul dorso, il qual colore va scemando verso la 
linea laterale, ove assume un argentino quasi sporco: la stessa tinta del dorso, ma 
più atra alquanto, cuopre la sommità del capo, d'onde trapassa in argentino tanto più 
netto quanto più si avvicina al centro. La pinna dorsale è color di oliva fradicia con 
l'estremità più scura. La caudale segue le stesse fasi. Le pettorali, le ventrali, l'anale 
simulano un nastro che abbia una striscia longitudinale rossastra ed altra giallognola. 
Lo scheletro componesi di 87 vertebre sostenute da i5 paja di costole, quante sono nel 
h. trasimenicus ma più sottili. L'esemplare scelto fra i grandicelli ordinarli misurava 
quattro pollici e mezzo. 

In alcuni paesi di Toscana, non sappiam con quanta proprietà, udimmo imporre ad 
nudi Lasca affinissima a questa, e forse alla trasimenicaj il nome di Bogdj che modifi- 
cato diversamente per tutta Italia spetta ad un ben cognito Spande marino, cioè al Bqjc 
boopSj Nob. ossia Box vulgariSj Cuv. 



LEUCISCUS ALBUS 

LASCA ALBO 



SQUadims àlho'virens argeMeuSj longitudine aìtitudinem seMuplO' superante: capite altitu- 
dine corporis multo longiori : spatio interoculari fere duplo oculo maximo : ore am- 
piissimo : pinnis parvuUsj suòni gricantibus : dorsali ventralibus opposita_, subtruncata. 

D. IO. P. iG. V. 9. jÌ. ii. C. 19;. Lin, lat.squam. 46. ^er. 1,2. -Z- 

ALBUS PisciS-, Salvian. Pise. Hìst.p.88.Jig.^O. sub nomine Alburni incur. calcogjC, 
Cyprinua ALBO Italia dlclus, Arted. Synon. Piscp. 1-3, sp. 26. ex, Sal^. 
ALBO» Gambini ^.Lago Trasim, jo. 77^ 



IPerchè mai r^Z^o> (Jistinto ottimamente dal SalTiano, non si registra ne'Gataloglii 
della scienza, quantunque il grande Artedi lo accettasse ? Fu disgraziato questo pesce 
appresso Linneo,, che non ne fece menzione. Tanto yale l'oblìo di un sì chiaro Maestro! 
Proprio si è del lago Trasimeno, nel quale mal supponemmo altra -volta eh' esistesse 
una specie peculiare di Scardinius : altro non essendo la Scarpata di quel lago^ detta ivi 
altresì Sputapane^ che il nosXm Leuciscus scardafa. Somiglia, è vero, allo Squalo, ma 
ne differisce assai Lene per la dimora esclusivamente lacustre, e pe' caratteri distintivi 
che ripetuto dall' Artedi c'indicò lo stesso, Salviano quando ia sostanza dlsselo un poco 
più svelto e più gobbo dello Squalo, di muso più acuto,^ di più grandi occhi, di pinne 
più scure, di scaglie più larghe: a' quali caratteri è d' anteporsi lo squarcio grande e 
protratto della bocca, non solo maggiore clxe nello Squalo ma in ogni altro Leucisco 
finor conosciuta. 

La material descrizione del pesce andlam formando così. Poso incurvi sono i proiìli 
superiore ed inferiore, mostrandosi alquanto, più concavo quello del ventre verso la 
parte assottigliata del tronco, l'altezza della quale è superata due volte dalla lunghezza, 
eh* è quasi uguale ad un sesto di tutto il pesce, e doppia dello spazio occupato dalla 
pinna anale. La maggior altezza del corpo, che cade tra le pettorali e le ventrali, vien 
compresa poco men di sei volte nella totale lunghezza, e la grossezza è quasi due terzi 
dell'altezza. 11 capo molto più lungo dell'altezza del tronco, è contenuto appena quattro 
volte e mezzo nella lunghezza del pesce:: il suo. profilo è quasi retto, con poco risalto 
da quello del dorso; la mascella inferiore» curva alcun poco^ continua il profilo del 
ventre. Tondeggiante discretamente verso i lati è la parte superiore del capo stesso. La 
punta del muso, ellitticamente contornata, trovasi suU'orizontale che passa sopra la metà 
dell'altezza del tronca Lo squarcio della bocca dolcemente obliquo si protrae fin oltre 
la metà dell'occhio; il cui diametro vien compreso quattro volte e mezzo nella lun^ 
ghezza del capo: un diametro e ua quarto misuta lo spazio, tra esso occhio e la punta 

104* 



LEUCISCUS ALBUS. 



del muso; molto men di due diametri la distanza tra un occhio e l'altro. L'opercolo è 
pochissimo angolato, tondeggiando piuttosto in tutto il suo contorno: lo stesso è del 
preopercolo. La linea laterale presenta un andamento quasi parallelo al profilo del yen- 
Ire, da cui si allontana per due quinti dell'altezza doye essa è maggiore. Grandi sono le 
scaglie, disposte in dodici serie, quattro sotto e sette sopra alla linea laterale: la figura 
loro è quasi circolare; e tanto nella visibile quanto nella embricata opposta parte sono 
raggiate a yentaglio dal centro, centinate da quella che aderisce alla cute. La pinna 
dorsale piuttosto troncata si origina avanti la metà del pesce ad una distanza dal termi- 
ne dell'opercolo poco maggiore della lunghezza del capo, e si estende per due terzi 
dell'altezza del secondo suo raggio, il quale è lungo poco più della metà elei capo; l'ul- 
timo raggio è alquanto minore della metà del secondo. Le pettorali s'intestano sotto al 
margine estremo dell'opercolo, e son poco più lunghe dell'altezza della dorsale. Le ven- 
trali, più brevi quasi un quarto delle pettorali, sono inserite poco avanti il perpendicolo 
della dorsale: distano esse dall'inserzione delle pettorali poco men della lunghezza del 
capo, e dalla punta di esse più di una metà della propria lunghezza. L'anale spicca lun- 
gi dall'inserzione delle ventrali per una volta e mezza della loro lunghezza, e si protrae 
lungo il ventre per due terzi dell'altezza del primo suo raggio, che è quasi uguale al 
secondo della dorsale, l'ultimo essendo la metà del primo. La caudale è quattro quinti 
della lunghezza del capo: il suo bifofcamento comincia alla di lei metà. 

Il color del dorso, che tinge ancora tutte le pinne, è bianco cinereo leggermente tin- 
to di verdognolo, e distinto appena dall'argentino dei fianchi, che dà in perla sul ven- 
tre; onde per la chiarezza generale il pesce prese il nome di Alho.ì Lo scheletro consta 
di 42 vertebre sostenute da 17 paja di costole. L'esemplare che abbiamo descritto misu- 
rava dodici pollici. Giunge al peso generalmente di tre libre, e talun individuo ne pe- 
sava fin sei. La sua carne insipidissima, e perciò tenuta a vile, non serve che di cibo 
alla povera gente quando raramente la pigliano in quel lago che molto gode dell'ab- 
bondante peculiar sua Laschetta, e nulla gli duole la rarità di questo ignobile alunno. 













f ii 






f 


s 






f 






ìj li 



LEUCISCUS CAVEDANUS 



L ASC A C AYED Q 



squ-JLius cinereorargenteuSj, longitudine altitudmem quadruplo, superante i capite multo bre- 

viori altitudine corporis :: spatio interoculari duplo magnitudine ocuU :, pimiis parvul'Sj, 

decoloribus .". dorsali Inter ventrales et analeni opposita_, subrotundata. 

D. IO. P. iS. >F. 9., ^.11. C. 20. Lin. lat. sq. /^S. ser. 12.. — 

5 

CAVEDANUS, Aldrov^ Pisc . Uh. V. in cap. xvVi. p. 600. Bcllon,, Aquat, Uh.i. p.,3i5.. 
CXP1UNU5 cAvno,, Scopali, Delie, Faun. Insubr. p. j5.^ 

In mezzo alla confusione che regna negli scritti degli autori intorno, ai B.eucisci -pei 
la indigesta accumulazione de' nomi locali, raramente o non mai essendosi esaminati i 
pesci che li portano, non y'c altro filo per uscirne dal labirinto che di studiare e yerifi- 
care nuovamente ogni lago,, ogni fosso, e determinarne le produzioni ittiologiche dietro, 
i principii da noi stabiliti. Non risparmiammo perciò la ricerca del Cavedo de' Bolo- 
gnesi, nel quale non dubitavamo ritrovare il Leuciscus Squalus Nob. tra le cui volgari 
denominazioni aveva il dotto bolognese Aìdrovandi registrato il nome di Cas^edanm. 
Fummo però sorpresi da meraviglia quando, in quel C'ai^edo ritrovammo, una specie di 
Leucisco non solamente diversa, ma caratteristica molto, e nuovissima affatto, Nè eoa 
lo Squalo, propriamente; detto, nè con alcun altro de'hostri S:qualii può, esso- confondersi, 
perchè porta la pinna dorsale retroposta fra le ventrali e l'anale. Per questo carattere 
specifico, e per la maggiore altezza del corpo somiglia soltanto a quello Scardinio. no- 
strale che abbiami denominato L. Scardafa;: dal quale tuttavia,, oltre essere di un altro 
sottogenero, differisce per lo. colore assai men cupo. Quello poi fra gli esteri Leucisci 
cui men dissomiglia, sembraci che: sia il Dqbula^: il quale però è- meno, alto,, ha il capo 
men largo, e assai più lungo, compreso cioè quattro volte sole nel pesce, ha la bocca 
pili profondamente fessa,, le pinne pettorali più estese, il colore- moJto piìi intenso e più 
cuprino,. le scaglie più piccole e più embriciate.. 

Convesse sono le curve del dorso e del ventre che tendono al retto nella parte assot- 
tigliata del tronco, la quale in altezza misura due terzi della lunghezza compresa sei 
volte e mezzo.' nella totale del pesce,, ed uguaglia una volta e mezzo lo spazio, occupato 
dall' anale. La. maggiore altezza del corpo la qual cade- poco avanti le ventrali, è il quar- 
to della totale lunghezza,, e la grossezza è la metà dell'altezza. Il capo,, che non arriva a 
misurar l'altezza del tronco^ entra quasi cinque volte nella lunghezza totale ; ed ha pro- 
filo quasi retto con pochissimo risalto dalla linea del dorso: la mascella inferiore al- 
(|uanto. angolata, si trova in continuazione col profilo del ventre: piuttosto tondeggiante 
è la parte superiore del capo. La estremità del muso,, terminata circolarmente,, risponde 
all' arizion.tale che passa pel mezza dell' animale. Lo squarcio della bocca, che corre 



LEUCISCUS CAYEDANUS, 



quasi la stessa linea, non giunge neppure sotto il margine anteriore dell'orbita; la ma- 
scella inferiore è sensibilmente più breve dell'altra. L'occhio ha per diametro un sesto 
della lunghezza del capo, e dista quasi due diametri dalla punta del muso: tre diametri 
misura la distanza tra un occhio e l'altro. L'opercolo è marginato ad angolo quasi retto, 
e tondeggia alcun poco nella parte inferiore; il preopercolo similmente è angolato, ma 
molto più in basso. La linea laterale ha un andamento quasi uniforme al profilo del 
ventre, e si allontana da esso per due quinti dell'altezza dove essa è maggiore. Gran- 
dette sono le scaglie, disposte sul tronco in dodici serie, sei sopra, cinque sotto alla linea 
laterale che ne conta quarantacinque: e scorgonsi di forma ellittica, centinate nella estre- 
mità posteriore, embriciate per due terzi della loro lunghezza, raggiate a ventaglio nella 
parte che lascian visibile. La pinna dorsale troncata per dritto si origina quasi al mezzo 
del corpo lungi dall'opercolo piìi di una volta e mezzo della lunghezza del capo, e si 
estende sul dorso per tre quarti dell'altezza del secondo suo raggio, il quale è lungo 
due terzi del capo: l'ultimo raggio è poco più della metà del primo. Le pettorali s'inte- 
stano poco prima che termini l'opercolo, e sono lunghe quanto è alta la dorsale. Le ven- 
trali un quinto più brevi sono inserite tra la dorsale e la punta delle pettorali, distan- 
do dall'inserzione delle ultime poco più della lunghezza del capo, e dall'estremità delle 
medesime quasi la metà di loro stesse. L'anale comincia lontano dalle ventrali per tre 
quarti della lunghezza di quelle, e si estende per tre quarti dell'altezza del primo suo 
raggio, che è un quinto più breve del secondo della dorsale; l'ultimo essendo la metà 
del primo. La caudale misura tre quarti della lunghezza del capo, il suo biforcamento 
comincia quasi alla di lei metà. Lo scheletro consta di 41 vertebre sostenute da 21 paja 
di costole, due cioè di più del L. squalus. 

Tale si è il Cwedo che i Bolognesi pescano comunemente nel piccol Reno, e che fi- 
nora non sappiamo se alligni in altri fiumi d'Italia. Possiam però quasi dire che non si 
ritrovi nella parte meridionale cisappenina della penisola, e che quivi ceda il luogo al 
L. squalus. Se avesse a giudicarsi da' volgari nomi per analogia, potrebbesi dire che il 
Cavian 0 Cavezzale de' Veneti sia lo stesso pesce, il quale probabilmente percorra i fiumi 
del versante superiore d'Italia, ove gioverebbe il sapere sino a qual confine si estenda 
prima che gli subentrino le ben dichiarate specie Francesi e Tedesche, alcune delle 
quali si rincontrano identiche nella lontana Dalmazia e non fra noi: come interessereb- 
be anco più il conoscere in qual parte dell'Italia meridionale venga sostituito dal no- 
stro L. squalus. Credìam poter azzardare la ipotesi che i fiumi del Tirreno abbian lo 
Squalo, que' dell' Adriadco la specie che descriviamo. 

A questo proposito ci cade in acconcio il ricordare che anco il L. squalus in talua 
paese di qua dall' Apennino dicesi Gavedo. Al confin di Toscana, nella terra di Canino, 
avvien di fatti cosi ; ed il Beton dice che a' suoi tempi così propriamente chiamavasi in 
Roma lo Squalo giovane; del quale appunto aggiungiam la figura nella tavola stessa 
che racchiude la Ro<^ella e la Mazzetta (Strai de' Bolognesi). E ciò per la ragione che 
suolendo egli essere contubernale di quelle, con le quali potria pur confondersi in te- 
nera età, ed usurpando loro talvolta il nome ài Lasca bastarda_, ne giovi ora il confronto 
a ravvisarne le differenze, che oltre le diverse proporzioni registrate nelle rispettive 
diagnosi consistono nella linea laterale che il detto Squalus ha più elevata, nelle sca- 
glie a strie più rade e più divaricate, nella pinna dorsale sensibilmente retroposta alle 
ventrali j e molto più breve del capo. 



- s g 



LEUCISCUS ROSEUS 

LASCA ROSATA 



LEUCISCUS roseo-argenteus; longitudine vix altitudinis ciuadrupla: capite a&utOj, dimidio bre- 
viari altitudine corporiSj sextum longitudinis vix superante: spatio interoculari duplo 
amplitudine oculi: pinna dorsali mx humiliori longitudine capitisj ventralibus opposita^ 
margine terminali subcavo. 

8 

D. li. P. i6. V. 9. J. i3. C. 24. Lin. lat. sq. 46. ser. 16. — 

rato invano il saper di più, quantunque si accosti un poco agli Squalii per la grandezza 
delle scaglie, è tuttavìa del sotlogenere Leuciscm^ ed assomiglia nelle forme e nel colore 
il Leuciscus Prasinus di Agassiz. Da questo però dislinguelo abbastanza la forma tanto 
più acuta del capo. 

11 profilo del dorso rilevante quasi per un gradino al di dietro del capo procede ad 
arco fino all'intestatura della pinna dorsale, e poi discende quasi retto fino alla caudale: 
quello del ventre incurvasi alquanto fino all'intestatura dell'anale, dove maggiormente 
s'inflette, e da onde procede quasi retto sulla parte assottigliata del tronco alta la metà 
della propria lunghezza, cioè poco meno di un settimo della totale. La più elevata 
altezza del pesce è maggiore della quarta parte della lunghezza; la grossezza è due quin- 
ti dell'altezza. Il capo dalla sua punta ai margine posteriore dell'opercolo cape cinque 
volte e mezza nella totale lunghezza dell'animale, ha forma triangolare, con andamento 
rettilineo al di sopra e al di sotto, che dopo la mandibola si rdeva alcun poco: la 
fronte è ampia, alquanto convessa; l'apice del muso è leggermente rotondato: la bocca 
sta in linea di un quarto dell'altezza del pesce presa dal profilo del ventre, il suo ta- 
glio è quasi orizzontale, la mascella superiore sensibilmente più lunga. Rotondo è l'oc- 
chio, il cui diametro vale un quinto della lunghezza del capo; ed un suo diametro e 
mezzo lo divide dalla punta del muso, mentre due diametri passano tra un occhio e 
l'altro. Il preopercolo ad angolo retto è smussato, e con un lato quasi orizzontale: l'oper- 
colo è curvilineo. La linea laterale conforma la sua curva con quella del profilo del 
ventre; e dove l'altezza è maggiore dista dal detto profilo un terzo e poco più della me- 
desima: formasi la detta linea dalla continuazione dei piccoli tubetti rilevati sopra cia- 
scuna scaglia che la segna, e di tanto poco interrotti che sembrano congiungersi insieme. 
Le scaghe quasi circolari, raggiate a grandi intervalli, imbricatissime tra loro e fortemente 
aderenti, si dispongono in sedici serie sopra ciascun fianco, otto cioè al di sopra, sette 
al di sotto di quella che forma la linea laterale che ne conta quarantasei. La pinna dor- 
sale intestata a quasi un sesto innanzi la metà del pesce, consta di dodici raggi ramosi, 
gli anteriori de' quali essendo più lunghi corrispondono quasi alla lunghezza del capo, 

126 



LEUCISCUS ROSEUS. 



mentre l'ultimo non arriva alla metà dei primi; e la base di essa pinna è tre quarti 
dell'altezza del secondo raggio. Le pettorali, nascenti a così poca distanza dall'opercolo 
cpanla si forma da un mezzo diametro dell'occhio, compoogonsi di sedici raggi, i supe- 
riori dei quali più lunghi han tre quarti della lunghezza del capo. Le yentrali, intestate 
poco più al di là del perpendicolo in cui si origina la dorsale, contano nove raggi ramosi, 
la maggior lunghezza dei quali è poco minore di quella delle pettorali: la metà della 
detta lunghezza corre tra la di loro punta e l'anale che componesi di tredici raggi, tra 
i quali il secondo più lungo è un sesto minore delle pettorali, e misura la base di essa 
pinna. La caudale poco profondamente forcuta vanta ventiquattro raggi. 

La sua tinta generale è argentina rosata, color piacente, che suggerivane il nome. 
L'esemplare che abbiam qui descritto, a più di nove pollici si stende. 

( 



/ 



LEUCISCUS GEINEI 



LASCA DEL, GENE 



imojscus cinereo argenteus ^ macula axìllari lutea} longiludme quadrupla cum dlmidio 
altitudinem. superante : capite valde breviori altitudine co.rporiSj sextum longiludinis 
acquante: spatio interoculari duplo ampliiujUne oculi: pinnis parvulis ad hasim lu- 
tescentihus ; dorsali valde humiliori longitudine capitiSj ventralibus apposita ^ margine 
terminali subcava. 

IO, P. i6. V.. g. A- C 24. Lin. lai. sq. 58. ser. 22. — . 

1 1 



I3esi(leraì da gran tempo dar prova delia mìa grande estimazione al celebre pro- 
fessore Gène, degnissimo snecessor del Bonelli nella direzione del Real Museo Torinese 
d'Istoria Naturale, e Segretario delT Accademia delle Scienze di cjuella coltissima città. 
Ben volentieri a ciò, mi porgo in quest'oggi coli' intitolargli la presente normalissima spe-^ 
eie di Leucisco^ che vive appunto nel paese che lo chiamò d'allrove a quella cattedra di 
Zoologia, tanto piij ch'egli stesso ce la mandava in compagnia di molti altri de'laghi di 
Piemonte. Malgrado ripetute indagini non abbiam potuto venir in chiaro del nome vol- 
gare che porti colà, nè dì altre notizie che la riguardino. Dobbiam perciò contentarci 
della figura e della descrizione che segue; le quali speriamo che possano eccitare la cu- 
riosità degritliologì, onde saperne dì piìi, e registrarla con sufficiente corredo nei cata- 
loghi della scienza. 

I profili del dorso e del ventre rotondamente sMncurvano fin' oltre la metà dell' ani- 
male, seguono quindi alquanto piìi retti, e la parte assottigliala del tronco, lunga un 
terzo più che non è alta, comprendesi sette volte nella totale lunghezza. La maggior 
altezza che trovisi tra le pettorali e le ventrali, misura meno di un quarto della lun- 
ghezza totale, ed ivi la maggior grossezza è la metà dell'altezza. Il capo è lungo poco 
più di una sesta parte del pesce, va leggermente obliquo, al di sopra discendendo mag- 
giormente verso la punta del muso; la fronte è convessa; il mento non ha angolo che 
lo rilevi: la mandibola è piìi corta della mascella; il taglio della bocca è pressoché oriz- 
zontale, e protendesi quasi fin sotto al margine anteriore degli occhi. L'orbita è circolare, 
ed il suo diametro è un quinto della lunghezza del capo : corre un diametro e un quarto 
tra la punta del muso ed il di lei margine anteriore, due ne passano tra un occhio e l'al- 
tro; il preopercolo è rotondato, Fopercola leggermente angoloso. La linea laterale segue 
un andamento quasi retto circa il mezzo. Le scaglie sono poco men lunghe che larghe, 
rotondale all' esterno e fittamente raggiate:, le serie loro giungono a ventidue in ciascun 
lato, undici cioè di sotto, e dieci di sopra della linea laterale, lungo la quale succedonsi 
una sessantina di scaglie. La dorsale spicca alla metà del corpo, non valutandovi la cauda- 

126* 



LEUCISCUS GENEI. 



le; ha i raggi anteriori poco meno lunghi del capo, l'ultimo più breve della metà. Le pet- 
torali, che par nascano dall'opercolo, son tre quarti della detta lunghezza, e tra la punta 
loro e le -ventrali corron tre quarti di quella misura, quanto cioè son lunghe le dette 
ventrali. Tra la punta poi dì queste e l'anale è uno spazio pari alla metà di esse; ed il 
secondo raggio dell'anale uguaglia in altezza la lunghezza delle ventrali, avendone l'ul- 
timo ancor minore della metà del primo. La caudale profondamente forcuta è un poco 
più lunga del capo. 

Argentino squallido è il color del presente Leucisco annebbiato alquanto di scuriccio 
sul dorso, e cosparso lungo il mezzo di minutissimi puntini scuri, parecchi dei quali 
ciascuna scaglia s'indossa. Sembra vano il ripetere che questo, come lutti gli altri con- 
generi, veste nelle parti inferiori più chiaro e più netto il color ch'è di sopra. Una traccia 
pm o men giallastra dislingue la base di ciascuna pinna; ed una dichiarata macchia di 
giallo intenso alle ascelle lo fa ravvisare a prima vista da quegli altri che più gli so- 
migliano. Misurava il Pesce descritto sette pollici. 



I 



LEUCISCUS MEEGEm 

LASCA DELL' HEEGER 



scJRDmius ex ruhello cinereo-argenteus ; longitudine altitudinis quintupla et ultra : capite 
subpari altitudini corporis : spatio interociplari sesqui amplitudine acuii: pinnis medio- 
cribuSj sub-rubellis ; dorsali capite parum breviorej apposita inier ventrales et parvu- 
ìam analemj margine terminali subcavo : dentibus hamulatisj interne serrulatis. 

D. IO. P. I 6. V. t). jÌ. I I. C. 24. Lin. lat. sq. 60. ser. 16. , 

LEucTSCus HEBGEM, Agass. in Meni. Soc. Hist. Nat. Neufchai. I- p. 38. 

conservato al noslro Scardinius per lo squarcio tanto yerticale della sua bocca e per 
la posizione della sua dorsale, Disìinguesi però dagli Scardimi per una corporatura tanto 
svelta che Io potreste dire uno sveltissimo Squalio^ ed ha il ventre non dissimilmente 
rotondato. Trovasi nelle acque correnti di qualche parte dell'Istria, e quindi portasi al 
mercato della prossima Fiume, quantunque la sua carne sia di misero pregio. Il eh. Agas- 
siz , in quella sua Memoria sui Leucisci del lago di Neufchatel, ove espone con tanta 
maestrìa l'intricatissima famiglia dei Ciprinidij annoTerollo tra le specie rotondate di Leu- 
cisci, dedicollo al signor lieeger riputato Entomologo Tedesco, e a noi generosamente do- 
navane la descrizione unitanìenle all'esemplare che abbiam figurato. 

11 profilo del dorso è alcun poco incurvato sul dinnanzi fino oltre la pinna dorsale; 
discende poi quasi retto fino alla caudale: quello del yentre è rettilineo fino all'anale, 
dove incurvasi fortemente, e quindi procede quasi retto sulla rimanente parte assotti- 
gliata del tronco: la quale estendesi poco meno di un quinto della totale lunghezza, 
ed è alta due terzi della sua propria. La maggiore altezza tra le pettorali e le ventrali 
misura poco più d'un sesto di quanto è lungo il pesce, e la maggior grossezza dopo 
l'opercolo corrisponde a metà dell'altezza. 11 capo è lungo poco più d'un quinto di 
tutta la lunghezza : la fronte leggermente convessa discende quasi retta fino all'apice 
del muso: la mascella inferiore elevandosi forma im angolo colla carena inferiore, ed 
un altro angolo anche più pronunziato colla superiore: la punta del muso è piuttosto 
acuta; le mascelle son quasi uguali, lo squarcio della bocca molto obliquo ed assai 
breve, non giungendo al margine anteriore dell'occhio. Il diametro della rotondissima 
orbita vale un quarto della lunghezza del capo; e la misura di un tal diametro corre 
tra la punta del muso e il margine anteriore di quella ; gli occhi distano per un dia- 
metro e mezzo tra loro. Il preopercolo è rotondato; l'opercolo posteriormente angolato. 
La linea laterale nasce dall'attaccatura dell'opercolo, s'abbassa leggermente curvandosi, 
e quindi ai due terzi del pesce si prolunga rettilinea nel mezzo del tronco; colà oye 



LEUCISCUS HEEGERI. 



cade la maggior altezza del pesce dista dal ventre due quinti soli della medesima. Le 
scaglie a lati paralleli, imbricate molto, rotondate nel margine scoperto, e raggiate con- 
spicuamente, formano sedici serie da ciascun lato, cioè sei al di sotto e nove al di sopra 
della linea laterale, lungo la quale giungono al numero di sessanta. La pinna dorsale leg- 
germente incavata nel suo margine terminale spiccasi a due quinti della totale lunghez- 
za, ha il secondo raggio poco men alto che non è lungo il capo, l'ultimo alquanto mi- 
nore della metà del secondo. Le pettorali inserite vicino all'opercolo son lunghe poco 
più di due terzi del capo, giungendo colla punta loro a toccar la base delle ventrali, 
che son lunghe un quarto meno di esse, e distano dall'anale poco meno della metà di 
loro lunghezza: il primo raggio di questa ultima pinna uguaglia in lunghezza le ventra- 
li, l'ultimo è la metà del primo. La caudale è lunga quanto il capo, 

11 colore di questo pesce è di un cinereo argentino lievemente ombrato di rossastro 
che pur si degrada secondo il solito sopra i fianchi, tingendo però piìi fortemente le 
pinne inferiori. L'esemplare descritto misurava sei pollici e due linee. 



\ 



s 



\ 



■9 



SI 




TELESTES SAVIGNY 

MQZZ,ETTA DEL SAVIGNY 

TELESTES cinereo-argenteuSj longitiidme aUitudinem quater superante : capite obtusoj bre- 
nore altitudine corporis : ore infero; rostro tumido^ promimdo : spatio interoculari ses- 
quimajori diametro oculi: pinnis, pectoralibus. parvidis: dorsali mlde humiliori longitu- 
dine capitiSj praepGsita_, subtruncata. 

D. IO. P. 14. f^. 9. A. IO. C. 25. Lin. lai. sa. 5o, ser. i5. 

5 

tiEtJCisca?, sAviGNXi f falene, in Mus, Paris,. 



Xn questa Iconografìa parlando del Leuciscus squalus contradislinguemmo come sot- 
togeneri i tre gruppi LeuciscuSj, SqualiuSj e Scardinius: quindi nella Monografia de'Leu- 
cisci europei aggiungemmo un quarto sottogenere chiamandolo Telestes: ora innalziamo 
ugualmente i quattro gruppi suddetti al grado di genere. Dei tre inclusi nella Iconografia 
si veggano i caratteri nell'artìcolo di quel pesce, ora Squalius ijberinus ; del Telestes li 
aggiungiam di presente. Corpo tercte, piuttosto allungato ; capo Lreve, di muso roton- 
dato, sporgente oltre la bocca piccola ed aperta inferiormente: pinna dorsale opposta al- 
le ventrali, e più o men rotondata: pettorali grandi: squame piccolissime: linea laterale 
scorrente lungo il mezzo. I denti faringei poi sodo uncinati, e disposti in due serie, 
sono cinque cioè all'esterno e due all'interno; laddove negli Squalii_, che gli hanno più 
acuti e meno incurvi, sì dispongono in tre serie, contandosi cinque di essi nell'esterna, 
tre nella media, e due nell'interna; e nello Scardinius^ che li ha pur esso Liseriali, non 
solo son fatti espressamente ad amo, ma son pure dentellati internamente. Tale impor- 
tante diversità ci ha persuaso l'innalzamento al grado di genere. E già di mano in ma- 
no che si studia un gruppo ne saltano agli occhi i particolari : così di un Pesce farai 
bentosto un Ciprinìde ; di un Ciprinide un Leucisco ;,e di questo più tardi un Telestes. 
Ed a noi medesimi sarebbe sembrata enormità da principio il fare un genere dell'an- 
tico Leuciscus che ora in quattro scindiamo. La corporatura del Telestes^ che è la più 
lontana dalla compressa del Chela^, prossimo ai Clupeidi^ gli prefigge il primo posto ira 
i Leuciscmi: tanto più che la piccolezza delle squame ben lo rannoda al Phoxinus^ ul- 
timo dei Cfprinìni. Ne vedemmo già un tipo nel Leuciscus muiicelluSj del quale segna- 
lavamo le singolari forme: nè dubitiamo che varj Leuciscini foggiati sul di lui tipo sieno 
confusi insieme, e che più specie di Telestes rimangano a determinarsi. Lasciato da parte 
il Cfprinus aphja di Linneo, che forse è lo stesso Phoxinus^ veggiamo appartenere al 
Telestes quel pesce della Germania meridionale, che qne' dotti chiamano Jphja^ ed è 
più allungato, ha qualche raggio di più nella dorsale e squame più alte delle Mazzette 
italiane; le quali non possiamo finora credere che siano più di due, il muticellus cioè, 
e la presente, stimando che alcune diversità osservate secondo i luoghi, non siano 

1/16 



TELESTES SAVIGNY. 



che semplici modificazioni di questa. Giunge a dimensioni maggiori della comun Moz- 
zelluj e sembra propria delle parti settentrionali d'Italia, pescandosi nel lago di Lugano, 
ed in varii minori del Piemonte. La riconoscemmo nel Museo di Parigi; ed il professor 
Valenciennes avendoci ivi detto che sariasl compiaciuto di chiamarla col nome di Savi- 
gny, perciò noi e per deferenza al primo, e pel rispetto che abbiamo al secondo, non 
men venerando che giudiziosissimo scrittore, glie lo sanciamo publicamente. Passiamo 
intanto a descriverla facendo riflettere che i principali caratteri, che, oltre la statura mag- 
giore, la distinguono dal muticellus sono il muso tumido, l'occhio più grande, la dorsale 
troncata, le pettorali tanto piìi brevi. 

Il corpo di questo pesce è fusiforme allungato, piuttosto compresso principalmente 
nella metà posteriore. Il profilo del dorso è molto convesso dall' occipite al termine 
della sua pinna, quindi procede concavo sempre più che accosta verso la parte assotti- 
gliata del tronco. Quello del ventre è del pari assai convesso dalla gola alla origine dell' 
anale, ove, salito tostamente, prende lo stesso andamento dell'altro. La maggiore altez- 
za, che cade sotto la origine della dorsale, cape quattro volte nella totale lunghezza. Il 
capo conico, leggermente declive fino oltre la regione nasale, ove avvallandosi scende 
rapidamente obliquo, talché il muso ne riesce tumido ed ottuso, costituisce una quarta 
parte del pesce esclusane la coda. L'occhio ampia, rotondo, Gccupante mi quarta dei 
capo, dista un diametro e un quarto dalla punta del muso, e per uguale spazio è diviso 
dal suo compagno. Angusta è la bocca, situata molto inferiormente, squarciata alquan- 
to obliqua, ma non al di là del margine anteriore dell'orbita. Le duplici narici distano 
dall'apice del muso quasi un diametro dell'occhio ; le anteriori sono ovate oblunghe, le 
posteriori semilunari. Il preopercolo non è molto largo, e va rastremandosi grado grado 
che ascende. Il subopercolo assai angusto ha il suo margine ascendente quasi nascosto 
sotto il preopercolo. L'opercolo ha il margine inferiore rotondato, il posteriore troncato, 
leggermente concavo. Le squame irregolarmente rotonde son quadripartite, e di condizio- 
ne diversa in ciascuna parte: quella cioè che s'impianta nella cute è vagamente e minu- 
tissimamente striata a ventaglio; le due laterali sono levigatissime e trasparenti; la più 
esterna ha del pari le strie, men però visibili perchè ricoperte di una tinta lurida sparsa 
di frequenti piccolissimi punti rossigni. La linea laterale corre poco più bassa del mezzo 
del corpo leggermente concava fino alla parte assottigliata del tronco, d'onde procede 
retta. L'ano ampio e rotondo sta in mezzo fra l'estremità della coda e il margine poste- 
riore dell'orbita. La pinna dorsale quadrilatera spicca poco innanzi la metà del pesce 
non valutandovi la caudale, ed è alta un quarto più che non è lunga, cioè un buon 
terzo meno della lunghezza del capo. Le pettorali oblunghe sona molto più brevi di 
esso capo, e con l'acuta punta distano dalle ventrali un terzo della propria lunghezza. 
Le ventrali quasi triangolari spiccano a perpendicolo della dorsale. L'anale è più gran- 
de di esse, uguale quasi alla dorsale, ed anco più troncata di quella. La caudale più 
breve del capo biforcasi oltre la sua metà. 

Orlato largamente di squallido violetto, che va più diluendosi grado grado verso la 
linea laterale, è sul dorso. 11 ventre argentino è languidamente rosato. Le pinne sono 
giallognole. 

L'esemplare descritto misurava più di sei pollici. 



SCARDIIVIUS ERYTHROPHTHALMUS 



SCARDAFA OCCHIROSSA 



scjRDiNius olwaceo-argenteuSj valde gìbbusj ventre acuto; longitudine altitudineni parum 
ultra ter superante: capite corporis altitudine tertio breviori: spatio interocularì duplo 
oculo praegrandi ; pinnis grandicidis rubris; dorsali inter ventrales et analem oppo- 
sitUj subir uncata. 

D. II. P. 17. jy. 9. A. 14. C, i(^. Lin. lat. sq. 42. ser. 12.— Z^. 

4 

cypEiNDS EByxHROPHTHALMns , Litin. Syst. N at. I. p.55o. sp. ig. Id. Faun. Suec p.izg, sp.566. Gniel. 

Syst. L p.i^zQ. sp.ig. Bo.nnat.in Tali. Enc. Ichtkyol. p. igp. s/:'.38. lab.8i./ìg.55']. Ascan. Icon.tah.^^. 

Bloch, Fischw. tal/. 1. Schneid. Bl. Syst. p. 434. sp. 1. Castel, Bl. Ilist. Poiss. VII- p- i^.sp. 1. 

Lacép. Hist. Poiss. VI. p. 38. Osheck, Fet. Acad. Handl. 1771. p. 162. tal. k-fig- 4- Betz, Faun. 

Suee.p. 358. sp. 118. Donndorf, Eur. Faun. FII.p.']02, Hartmann, Helv. Ichih.p, ^ìi, Donov. 

Brit.Fish. Il.tab.l^o. Turt, Br. Faun. p. 10.8. Nilsson , Prodr. Ichth. Scand. p. q8. sp,5, Ekstrom, 

Fet. A c. Handl. i85o, ^462. Eicliw. Zool. spedii. p.ioi.sp.iS. Jenyns,Man.Engl.Fert.p. ^12. sp.QO. 

Fries et Ekstrom, Skandinav. Fiskar, Ilaft. IF.p- 74' tah. 16. 
C?P.R!NUs coMPKEssus, Hollb. Gótheh. N. Handl. V. p. 66. cum fig. junior. 

I.ETJCISCCS EKrTKOPHTHALMUs, Flem. Brìt. A n. p. i88. sp. 66. Fii^. Prodr, Faun, Austr. p.ó'òq. 
LEUCiscus EUBELLIO, [nonne potius 'E.v.x'XHf.YNMS'ì ) Schwenckfeld, Agassiz, Icon. 
KDBELLUS sive EUTILDS ? Marsigl Dannò. I F. Sect. ii. cap. \.p.l\i. tah. i5.fig. 4. 

P.OOTAUG idest ERYTHUoruTiiAi^MUs Geioianis iliclus , Bvamis aìfiiùs , Willughb. Ichthyogr. lib.ìv. cap,iv,p.'2l^(^. 

iab. Q. 5. /ìg. 1. Bay, Syn. Pise. p. 116. sp. 6. 
EUTiLus, -Leske , Mas.. Bègn. Anim. Spec. p. 64- sp, 14. 

cypRiNcis iride, pinnis omnibus, caudaque ruloris, SARV, vel SARF Suecisj Artedi, Deser, spee.p. g. sp. 2. Id. 

Synon. p.l^. sp.3. Id. Gen. Pise, p.3. 
cVPRiNos pinna ani radiis (jualuordecim, pinnis omnilius ruLris, Einn.Fa.un. Suec.i. ed, p,i20. s;;. 324. Kram. 

Elench. p.5g5, sp. g. Milli. Prodr. Zool. Dan.p.Zi. sp.I^'5']. 
cyPBiNUS oLlongus, cauda vis lunulata , dorso convexo, eie. Gronov. Zooph. I. p.iO"]. sp,5/\o. 
cypRiNos latus, iride crocea, pinnis -yentralibus anali caudaqpe cinnaharinis, Bloch, Fisci1Deuischl.Ip.28. sp.l.iab.i. 
SARVE, Daubent. Dici, Ichlh. in Enc. Métlu Hist. Nat.III. p.'òl^g, 
ROTENGLE, Cuv. Bègn. Anim. II. p. 276. 

ROTENGLE, RAUFE , PLATELLE OU PLATEF.ON, Jurine, PoisS. Lèni. p. SOQ Sp. tah, 12. 

cypEiN ROTENGLE, Bosc , in N ouv. Dict. H. Nat. IX, p, 74? 
AREE SARVE , Bory S.t Fine, in Dict. Class. I. p. aS. 

EUDD, Penn. Brit.Zool. III. p 565, sp.6. tab.'ji. Id.ed-i8i'2.III.p.l\']g tab.85. Bowé,Brit.fr.wat.Fish,iab.2i. 
RED-EifE, RUDD, ROCD, FiNscALE, SHALLOW, Yart. Brit. Fish. I. p. 56i. cum.Jìg. 
ROTHAUGE, 3Ieyer , Thierb. 1 1. p.i5. tab . 5i5. 



In questo Scardìnio di pinne rosse, die in ninna parte d'Italia si trova fuorché in 
Piemonte, da' cui laghi lo ricevemmo, non sappiam conoscere differenza alcuna col Cf- 
prinus erjthrophthalmus di Linneo; lo pubhlichiamo perciò come tale, non senza mera- 
viglia tuttavia, nò senza tema di errare, quantunque il corrediamo dell'abbondante sino- 
nimia degli autori. Schwenckfeld fu il primo che distinse V erjthrophthalmus dal rutilus : 
il Willughby fu il primo a figurarlo, mentre i compilatori che scrissero nel frattempo lo 
avevano riconfuso con quello, valutando solo il connine color rosso degli occhi e delle 

146* 



SCARDINIUS ERYTHROPHTHALMUS. 



23Ìnne, nulla la diversa direzione della bocca, nulla la tutt' altra posizione della dorsale. 
1)1 tutte poi le figure venute fiinora In luce, e da noi qui sopra registrate, quella datane 
dai signori Fries ed Ekslrom è preferibile assai. , 

La forma tanto elevata, il dorso gibboso, e il color rosso delle pinne son circostanze 
che riunite insieme lo distinguono immediatamente da' suoi congeneri anco più affini, 
compreso il nostro Se. scardafaj, che solo fra gì' Italiani lo rassomiglia, ed aveagli usur- 
pato per fino il nome per lo poco riguardo che alcuni naturalisti concedono alla natura 
sul vero. 

È comune in quasi tutta l'Europa, e principalmente ne' laghi e fiumi della Germa- 
nia, ove roder ne somministra sovente abbondevol cibo ai majali Tenacissimo di vita, 
e quindi facilmente portatile a popolar piscine, preferisce i fondi erbosi e le acque tor- 
bide, nè però fastidisce quelle del mare, sendochè in alcune stagioni si vede in riva del 
Baltico. Gregario per nativo istinto, non solo accompagnasi con individui della propria 
specie, ma sin con altri di quelle affini, e molto più buone a mangiarsi. Così avviene 
che gli Svedesi, gente assai pescatrice, indispettiti di sua presenza per causa della po- 
vera e spinosa carne, ma non però così trista come potrebbesi crederla, proverbiar so- 
gliono del nome stesso coloro che più. s'intrudono dove men si voruiano. La sua pelle 
è solita a rigermogliare non altrimenti che quella di altri Leuciscini che ci vivono in- 
torno. La femmina disgravasi in Aprile o Maggio di così grande quantità di uova, pa- 
zientemente annoverate da taluno fin quasi a cento mila, ma con qualche breve riposo 
tra le diverse feture, riparando natura in tal guisa alle stragi, cui la specie è soggetta. 
Nella Senna gode due nomi: Sccwerde cioè dicono il giovane, Rotengle l'adulto, che già 
non sono di due specie ma di una sola ; nò possiam sospettare che que' due nomi popo- 
lari ne addimandino altrettanti scientifici da coloro che più profondamente studieranno 
i pesci di quel celebre fiume, nel quale (dicasi a caglon di esemplo) noi stessi così da 
lunge guardando, lorchò applicammo alla Monografia dei Leuciscini^ proponemmo il 
nome di cenisophius ad un di quelli che diguazzano laddentro non per anco descritti. 

E poichò dovremo illustrare un'altra tavola di Leuciscinij ove sarà figurato il giova* 
ne di questo erythrophihalmuSj di cui abbiamo adombrato qui sopra le più appariscenti 
diversità dagli altri, perciò rimettiamo a quel luogo la descrizione della specie. Ma non 
così vogllam tardare lo aggiungere ai congeneri enumerati nell'articolo dello Se. scar- 
dafaj lo Scardinius orfus pregevole ornamento dei fiumi dì Germania, che malamente 
credemmo uno SqualiaSj nè lo Scardinius caeruleuSj Yarrell, proprio dell'Inghilterra. 
Quest'ultimo, non altrimenti che Y c?ythrophthalmus e lo scardafa^ ha la pinna dorsale 
corrispondente fra le pettorali e l'anale, carattere che non ricorre in tutti gli Scardimi. 
Difatti come havvi alcuni Squalii^ quai sono il dobula_, e (notisi hene) ViduSj i quali ci 
offrono la pinna dorsale intermedia, nè tuttavia si posson credere Scardiniij così v' ha 
taluni di questi colla pinna dorsale opposta alle ventrali, quale si è il suddetto orfus, e 
qual' è parimente lo stesso normalissimo decipiens. Il carattere essenziale (non si può 
ripetere abbastanza) consiste nel taglio della bocca, e nella forma e disposizione dei 
denti faringei. 



CHONDROSTOMA RYSELA 

CONDROSTOMA SQETTA 



CHONDROSTOMA cinereo-arg.enteaj longitudine^ altitudinem quatev superante: capile quintum 
longitudinis aequante : spatio interoculari palde majore duplo diametro oculi : squamis 
grandibus : linea laterali curva. ^ 
D. 12. P. i6. V. IO. A, i3. C. 27. Liji. lat. sq. 55. ser. i5. 

CXPRINOS NASUS} Naccqri, Ut,. Adr. j].2i.sp.S5,. Nqrdo, Prodr. Adr. Ichth. sp. x6q, 

IS[on abbiamo altra ragione per dare a questa Chondrostoma il nome di rjseìa se 
non quella ehe due Condrostome europee son registrate dall'Agassiz; e non essendo que- 
sta la comune Chondrostoma nasus del Settentrione di Europa, così argomentiamo che 
sia queir altra da lui chiamata rysela ( Cyprinus rjsela_, Genner ) , della quale però non 
c' indicava caratteri, nè alcuna particolarità. Quando fallisse questa nostra supposizione 
gradiremmo che quel di Soetta^ onde la distinguono i Veneti, appo i quali è comune, 
le venisse subito dato come specifico ; ed in tal caso sarebbe essa la terza specie euro- 
pea. Senza diffonderci sui caratteri del genere, di cui già esponemmo i principali, pas- 
seremo meglio a descrivere minutamente questa specie, unica per quanto sappiamo in 
Italia, e ristrettavi alla regione più settentrionale ne' fiumi di Lombardia, ove il dialetto 
nativo la dice Savetta. 

È oyato-oblunga col profilo del dorso fortemente convesso dalFoccipite, ove soffre un 
leggero avvallamento, fine al termine della dorsale, d'onde procede lievemente concavo. 
Quello del ventre è sensibilmente convesso dalla gola alla origine dell'anale, d'onde con 
minore convessità raggiunge l'andamento del superiore. La maggiore altezza che cade in- 
nanzi alla pinna dorsale è un quarto e piii della lunghezza del pesce. La maggiore gros- 
sezza dietro la origine delle pettorali n'è un decimo. Il capo, ch'è un quinto della mede^ 
sima, e piuttosto compresso, declina dolcemente fino alle narici, d'onde scende più obli- 
quo al suo termine. L'occhio grande rotondo ne occupa una quinta parte, distando dalla 
punta del muso un diametro e mezzo, mentre più di due ne corrono fra un occhio e 
l'altro. L'angusta bocca, il cui squarcio non giunge che sotto le narici, quando è chiusa 
n.asconde le commessure delle sue protrattili labbra sotto la volta anteriore del sottorbi- 
tale: la mascella ha il margine concavo tagliente:, la mandibola è piana, ma nella sua 
estremità presenta lateralmente due apofisi lamellari, rotonde, taglienti, molto rilevate. 
Le narici apronsi più vicine all'occhio che all'apice del muso, co' fori anteriori ampj ed 
ovati, co' posteriori semilunati e chiusi dal lembo degli anteriori. Il preopercolo molto 
angusto presenta il margine lievemente ondulato: l'opercolo assai robusto lo ha regolar- 
mente curvo. Le squame quasi rotonde hanno la parte nascosta crenata, e segnata da 
quattro o cinque strie, convergenti tutte in un punto piuttosto eccentrico, e framezzate 



CHONDROSTOMl RYSELA. 



da altre che non vi giungono: la porzione esterna è solcata da strie più minute e più 
fitte : e tali squame montano al numero di cinquanta lungo la linea laterale, sopra la 
quale ne corrono otto serie, e sei sotto. La linea suddetta procede sensibilmente con- 
cava più vicina al profilo del ventre che a quello del dorso. L'ano rotondo, ampio, pro- 
tuberante, apresi ai due terzi del corpo, esclusane la pinna caudale. La pinna dorsale 
co' suoi dodici raggi, il primo de' quali è il doppio dell'ultimo, spiccando sul bel mezzo 
del pesce, non compresa la coda, è quadrilatera col margine superiore troncato, alquan- 
to concavo. Le pettorali piuttosto larghe, che ripiegate in avanti giungono a cuoprir l'oc- 
chio, e si stendono verso la origine delle ventrali assai meno che noi mostri la nostra 
tavola, hanno ciica diciotto raggi, gli ultimi de' quali sono esilissimi, delicatissimi. Le 
ventrali di forma triangolare, piii larghe di tutte le altre pinne, spiccano alquanto in- 
nanzi la dorsale, precisamente tra il termine dell'opercolo e la metà della pinna anale, 
e risultano di dieci raggi tutti cospicui, suddivisi oltre la metà in quattro rami a venta- 
glio. L'anale ugualmente distante dalle ventrali che dalla base della caudale, è quadri- 
latera troncata, fornita di tredici raggi. La caudale robustissima, forcuta a metà, co'lobi 
ottusi divaricati per quanta è la loro lunghezza, consta di raggi diciannove tutti grossi e 
saldi, non che di altri quattro rudimentarii per ciascun lato» 

11 colore di questo pesce è argenteo sporco di cinericcio sul dorso, che va sfumando 
verso la metà del corpo, e prende un argentino pallido quasi puro. Il capo si tinge come 
il dorso nel terzo superiore, il resta è di un lurido color perla. Le labbra sono legger- 
mente rosate; le pinne languidamente paonazze, salva la caudale che è verdognola. 

L'esemplare descritto avea quattordici pollici di lunghezza, ed era alto tre e mezzo. 

La grande elevazione del corpo la distingue ad un tratto dal nasuSjed anco piii dall' 
altra Chondrostoma scoperta non ha guari nel Nilo dal signor Ruppel, in ambedue le 
quali la linea laterale è retta, e nella seconda poi sono molto più piccole le scaglie; 
perciò non monta il notare altre differenze nelle rispettive parti. Aggiungi che i colori 
son pur diversissimi, poiché la Ch. nasus col suo argenteo fosco e molto scuro, e la Ch. 
dembeensis col suo verdognolo contrastano con la chiarezza della nostra. Oltre ciò la 
dorsale della seconda è quadriraaculata, quando quella delle due specie europee non ha, 
macchia alcuna. 

Finalmente giacché le suddette specie formano con la nostra il complesso di tutto il 
genere, il quale non vantane alcuna fossile, ne proponiamo le frasi. 

1. Chondrostoma nasus j Agassiz, (Bl. tab. 3. ) Fusco-argentea j longitudine altitudi- 
nem quinquies superante: capite sextum longitudinis acquante: spatio interoculari vix du- 
plo majore diametro oculi: squamis niediocribus : linea laterali infera j recta. 

D. i3. P. 12 J^. IO. J. i3. C. 24. Lin. lai. sq. 61. &er. i5. 

Habitat in Europae mediae fluminibus. ^ 

2. Chondrostoma dembeensiSj Rupp. {C. niloticus'^ìM.Wl. tab.a.fig. 4.) ì^iridi'plum- 
beaj longitudine altitudinem sexies superante : capite sextum longitudinis aequantej infra 
oblique truncato : squamis minutis : linea laterali mediaj recta. 

Habitat in Nilo. 



ASPIUS ALBURNUS 



ASPIO ARBORELLA 



ASPWS griseo-argenteuSj longitudine altitudinem quintuplo superante : capite pari altitudini 
corporis : spatio interoculari paulo minori oculo : pinnis grandibus; dorsali ventralibus 
parum retropositaj margine superiore i>ix sinuate truncato. 

D. 9. P. 14. 9. 18, C. 21. Lin. lat. sq. 46. ser. 14. — . 

5 

i 

Sospettiamo fortemente che V Albore tanto commiine nei laghi dell'Italia setten- 
trionale sia diverso àoW Aspius alburnus dei paesi oltramontani, e perciò non abbiam 
compilato sinonimia, che si potrà stabilire soltanto in virtù di minuti confronti, e quin- 
di decidere se questo pesce italiano dovrà ritenere il Linneano nome specifico che gli 
abbiamo provisoriamente applicato, ovvero se dovrà assumere anco scientificamente l'ap- 
pellazione di arborella. Comunque siasi esso è un Aspius certo d'Italia, e circoscrivesi 
al nord della penisola ; che mentre abbonda in ogni sua provincia di tanti e sì varii 
Leucisci non possiede alcuna specie dell'affine genere Abramis, tante specie del quale 
popolano le acque dolci dell' Europa più settentrionale. 

Il genere Aspius e già come vedemmo un opportuno smembramento Agassiziano 
del genere Leuciscus di Klein come ristretto dal Cuvier. Di corporatura svelta quantun- 
que compressa e di coda ben forcuta, distinguesi dagli altri Leuciscini^ ed anzi dai Cf- 
prinidi quasi tutti, per la mandibola più lunga della mascella, onde si accosta ai generi 
Pelecus e Chela, e per conseguenza ai Clupeidi. La sua pinna anale è più estesa che 
nel LeuciscuSj meno però che nelle specie di Abramis talvolta elevate, tal altra tozzotle, 
sempre però contradistinte bene dalla lunghezza notabile della pinna anale suddetta: 
la pinna dorsale nasce sempre in un punto intermedio tra la pinna ventrale e l'anale • 
e i suoi denti faringei allungati e alquanto ricurvi all'apice si dispongono in due serie, 
nè diciamo altro di essi. Ma chi può mai vantarsi di aver sufficientemente studiati i 
denti faringei de' pesci, organi tanto importanti alla naturai classazione di questi esseri, 
e specialmente in questa famiglia, se le acute indagini di un Agassiz lasciano ancor 
tanto a desiderare ? 

Le specie che sotto Aspius comprendonsi, oltre il C. alburnus di Linneo e V aspius 
del medesimo, ora Aspius rapaXj Agassiz, sono il bipunctatus vero, non già quello dei 
francesi, ch'è tutt'altra cosa [Squalius pigulus, Nob.), V Aspius mento d'Agassìz, A. Heckelii, 
Fitzinger, non che l'altro del Danubio, stabilito dal detto Fitzinger, sotto il nome di 
Aspius ochrodon. Due specie vivono nel Nilo descritteci s'on pochi anni dal navigatore 
De Joannis, come L. niloticus, e thebensis; e numerose altre se ne rinvengono tanto 
nelle Indie orientali quanto nella America. I monumenti antidiluviani ne additano 
due specie perdute, Aspius gracilis, ed A. brongnartii_, Agassiz, figurate ambedue nella 



ASPIUS ALBURNUS. 



grande opera dei Pesci fossili. Le specie poi deW JbramiSi oltre quelle già riconosciute 
per tali dal Cuvier, cioè Abramis bramai blicca (an latus?)^ ballerus, vimba^ buggenhag- 
gii^ sono le nuove che dobbiamo agli attenti studii dell'indefesso Agassiz, A, microle- 
pidotusj, balleropsis^ argjreus, micropteryx^ melaemis, erythropteruSj elongatus, non per 
anco pubblicate, nonché Jbramis schreibersii^ leuckartii, e vetula^ Heckel, figurate nei 
Nuovi Annali del Museo di Vienna. Esìstono specie nelle Indie, ma non in America, nè 
se conosce ancora alcuna fossile. 

Nella stessa tavola che rappresenta sotto il n. 5. YAspius alburnus veggonsi effigiati 
quattro altri Leuciscini, Sotto il numero i. giace un giovane del Leuciscus genei di Pie- 
monte già illustrato in quest' opera, nel quale rifulge più viva la macchia ranciata alla 
base della pettorale, macchia che vedesi ancora nella bella Chondrostoma giovane di 
quelle acque, i cui pesci raccomandiam sempre più a quel degno Cavaliere, cui la tanto 
coltivata scienza della natura procacciò di recente ben altri onori che la dedica nostra. 
Sotto il numero 2. dipingesi un giovane dello Scardinius errthrophthalmus che già suffi- 
cientemente illustrammo, tanto ben conosciuto oggi giorno, che non staremo a stancare 
il lettore colla sua descrizione. Esibisce il n. 3. uno Squalius di Lombardia, che credia- 
mo nuovo, e cui per cagion delle folte tenebre in cui pur troppo giacciono tutti i pesci 
d'acqua dolce di quelle parti, non abbiam dedicato articolo per mancanza d'informa- 
zione, limitandoci ad introdurlo nei cataloghi sotto il nome di Squalius elatus^ suggeri- 
toci così dalla elevazione della pinna dorsale come dall'altezza straordinaria del corpo, 
che sente piii dello Scardinius che dello Squalius. Finalmente sotto il numero 4' abbia- 
mo posto un' Avola^ che sotto i nomi di Aula e di Brussolo spettanti forse con buon 
dritto a due diversi pescetti, ad un Aspius cioè e ad uno Squalius^ abbiam ricevuto dai 
canali delle provincie Venete, ma non possiam definire se sìa identica con la celebre 
Avola del Lago maggiore. Rinviando i piìi curiosi lettori alle poco soddisfacenti erudi- 
zionì degli antichi autori, ed alle scarse notìzie dei moderni, ci ristrìngiamo a deside- 
rare che al pesce da noi figurato rimanga il nome di Squalius aula. 



/ 



CTENOLABRUS IRIS 

CTENOLABRO IRIDE 



CTENOLABRUS ruMcuns,, mucula nigra i^etroposita in pinnis dorsali et caudali : rostro depres- 
so j acutissimo ; dentibus quatuor intermediis uncinatisj caeteris minute granularibus. 

D. 16/12. P. 16. F. 1/5. A. 3/10. C. i3. 

ctenjolabrus iris» Cui', et p^aleìic. Hist. Poiss. XIII. tab.S']^. 

JNfon possiam permettere (e forse iie saremmo rampognati altrimenti) che la nostra 
Iconografia rimangasi totalmente priva di un sì bell'ornamento del mare, quai sono i 
Labridi ; nè può piacerci il tacerne quando parecchi naturalisti in più parti del mondo 
ne forman soggetto di grave studio. Il Risso per esempio (volendo dir dei vicini) si ac- 
cinge a renderne di pubblica ragione una magnifica Monografia, nella quale intende di 
vendicare il vero sopra coloro che ne avessero sfigurato gli elementi da lui medesimo 
somministrati; e il Danese Kroyer (se vogliam guardar oltre) in una bell'opera che va 
pubblicando de' Pesci della sua patria si affatica molto, a districarne le specie. Nell'an- 
gustia frattanto sì del tempo come dello spazio in cui ci troviamo, prescegliam quattro 
pesci di così vaga ed interessante famiglia, due del genere Julis sfolgoreggianti di bel- 
lezza, gli altri due perchè son tipi di genere. 

La famiglia àe Labridi j che oggidì è per noi la ottava dei Cjcloidei ossia trigesima- 
quinta della università de' Pesci, susseguita dai Mugilidi si approssima molto ai Cjprini- 
di mediante i Paecilidij sebbene il pregiudizio dell' Acantopterismo facessela soverchia- 
mente avvicinare all'Ordine delle Percae che ora per noi son sinonimo àeìCtenoidi. Da 
questa famiglia Labridi devesì presentemente escludere la intiera già nostra sottofa- 
miglia de Chromidinij così volendo la condizion di loro scaglie e delle parti interne; i 
quali vanno a costituire una famiglia di Percae intermedia agli Sparidi e agli Sciaenidij 
a' quali per migliorare sempre piii il sistema, tolghiamo a suggerimento dell' Heckel di 
Vienna la sottofamiglia dei Pomacentrini trasferendola in terza di essi Chromididij di- 
stinta per una branchia spuria che si desidera nelle altre due, nei Chromidini cioè che 
hanno una serie di denti conici, e nei Cjchlini che li han tenuissimi tutti. Caratterizza- 
no assai bene la ridetta famiglia dei Labridi le labbra carnose, prominenti, duplicate, dal- 
le quali l'Artedi desumeva il nome del genere principale, non già da quel pesce placen- 
iem cauda Labrum mentovato una sol volta nelle stampe di Plinio, in cui probabilmente 
dovrìa meglio leggersi dappresso Ovidio nell'Haleutico placentem cauda Melanurum. Le 
sue specie hanno il corpo oblongo vestito di scaglie, grandi sì ma lisce e tenere, una 
sola dorsale sostenuta anteriormente da raggi spinosi più brevi de' molli, al contrario di 
quel che ne Per cidi accade, e quasi tutti appendicolati, onde Linneo proferì quella pin- 
na ramentacea generatrice di sì fatali agglomerazioni. Hanno la bocca piccola, e le lab*- 

i56 



1 



CTENOLABRUS IRIS. 



bra che appariscon doppie nella mascella perchè la pelle de' sottorbitali e de' nasali ol- 
trepassa i margini delle dette ossa, e prolungasi in un gherone cutaneo, che serve di tet- 
toia al vero labro, e sopravvanza dall'apice del muso quando la bocca è chiusa: hanno 
il palato liscio, privo affatto di denti, due ossi faringei superiori, uno inferiore, armati 
di denti emisferici: hanno il notatojo, il canale intestinale sprovvisto di ciechi, la pelvi 
sospesa alle ossa umerali, onde cotai pesci son pettorali, se usar vogliamo il linguaggio 
di Linneo: hanno splendidissimi i colori, che ben ti rilevano l'eleganza delle forme; il 
fondo cioè generalmente più o meno verde con fasce turchine rosse e gialle, sicché quasi 
direstele i Pappagalli del marCj, quali infatti si dicono tra i Labridi gli Scarini che han 
quasi di Pappagallo anco il becco, riservata ai Labrini l'antonomasia pressoché universale 
di Tordi o Merli marini. 

La famiglia può dirsi che appartenga a'mari caldi, essendone affatto nordica una spe- 
cie sola, mentre il mediterraneo ne racchiude maggior numero di proprie che di comu- 
ni con l'oceano europeo, e i mari tropici ne vantano assai più che il mediterraneo stesso. 
Tutte si cibano di crostacei e di testacei frangendoli di leggeri co' robusti e conici denti 
mascellari, e cogli ossi faringei opportunamente, armati. Piccole brigate di una stessa 
specie van battendo le aCque, e nella bella stagione tendono verso le spiagge guizzando 
tra gli scogli e le madrepore, ove non molestate da' burrascosi flutti amoreggiano in pa- 
ce, e danno opera alla fecondazione tra l'erbe marine, gradito ricovero a' figliuoletti che 
ivi rimangonsi a crescere per qualche tempo. Non acquistano mai gran mole rimanen- 
dosi ordinariamente piccine. Han solida e bianca la carne, ma quantunque sana discre- 
tamente apprezzata. 

Quanti sono i nostri Labridi comprendonsi ne' limiti assegnati dall' Artedi al suo ge- 
nere Labrus assai filosoficamente da lui fondato, da Linneo però adulterato alquanto, e 
quindi reso inestricabile da' suoi successori, fino a che il Cuvier diffuse lume in questo 
come in tanti altri gruppi. Passando sotto silenzio le aberrazioni del Gmelin, del Bloch, 
ed anco del Lacépède eh' eccedette ogni confine, rechiamo soltanto in esempio che que- 
st' ultimo mentre accumulava pesci di più famiglie diverse nel genere Labrus, e disper- 
deva molti Labridi altrove, registrava perfin sette volte ne' suoi indigesti cataloghi una 
sola delle più comuni specie di Europa. Occupandoci poi di quanto statuirono autori 
più recenti ed esatti, bastici il dire che lo stesso Cuvier seguito un tempo da noi mede- 
simi, v'intrudeva il Chromis tanto più felicemente collocato da Linneo, e cosi ancora le 
C/chlae; i quai pesci non ne furono ritolti dal Valenciennes se non dopo i reclami no- 
stri e dell' Agassiz comprovatigli dall'Anatomia. Lo Swainson finalmente, ultimo che 
siasi occupato dell' argomento, pecca gravemente, per quanto ci sembra, nel sottomet- 
tere alla sua poco fortunata famiglia de' Chaetodontidi gli Scarini e i Labrini^ conceden- 
do a questi due affinissimi gruppi una correlazione non maggiore di quella che imagina 
esistere fra ciascun di essi e le tre altre sue sottofamiglie Sparini^ Sciaenini^ e Chaeto- 
domini^ che sono eccellentissime famiglie di un altro ordine. Nè possiam convenire con 
lo stesso Ittiologo inglese nel considerare piuttosto Scarini che Labrini lo Xyrichthjs e gli 
affini suoi, locchè ci somministra un argomento maggiore alla riunione delle dette due 
sottofamiglie in una famiglia. Ma tralasciando le censure sopra i lavori altrui, e vaglian- 
do piuttosto i già mentovati di recente fatti dal Valenciennes in Francia e dallo Swain- 
son in Inghilterra all'insaputa tra loro, dividiamo i Labridi per la diversa indole de'pro- 
prii denti in due sottofamiglie ; in Labrini cioè che hanno le mascelle arenate di denti 



CTENOLABRUS IRIS. 



robusti, taglienti, conici, ineguali, ed in Scarini che hanno i denti lamellosi ed imbri- 
cati. Lasciati gli Scarini da banda, facciam quattro categorie di Labrini circoscritte si 
bene che potrebbero considerarsi altrettante sottofamiglie di veri Labridi se essi S carini 
si elevassero al grado di famiglia. 

La prima categoria comprende i generi più affini a' veri Labri^ onde in qualunque 
ipotesi le si dovrebbe conservare il nome di Labrinij che si caratterizzano dal capo ve- 
stito di squame, e cinque raggi branchiostegi. La seconda distinguesi dalla precedente 
perchè i suoi generi hanno il muso più o men protrattile e prolungato qual è uoìVEpi- 
buluSj onde polriano dirsi Epibulini. La terza componesi de' pesci affini allo JuliSj in 
cui il capo e gli opercoli son nudi di squame, e la linea laterale corre non interrotta. 
La quarta consta de' compressissimi Xyrichthinij, nudi di squame le gote, la linea late- 
rale de' quali è interrotta. 

Ciascuno de' tre generi figurati nella nostra tavola appartiene ad una diversa catego- 
ria delle quattro sunnominate. La prima di esse ascrive i seguenti generi, i. LabruSj, L. 
ne'limiti però in cui è presentemente ristretto, che ha gli opercoli inermi ed integri, i 
denti incisivi anteriori larghi, la linea laterale quasi retta, la pinna dorsale nuda, non 
falcata, le ventrali piccole, la caudale rotondata; composto di circa venti specie, la mag- 
gior parte europee, parecchie delle quali italiane. Suo tipo è Labrm velala figurato dal 
Bloch nella tavola 298. — 2. HemijuliSj Swainson, che ha la dorsale umile in egual 
grado per ogni dove, con tutti i raggi ramosi e molli, la caudale leggermente semilu- 
nata, il cui tipo è Labrus guttatuSj Bloch, tav. 287. fig. i. — 3. CossjphuSj Valenciennes, 
che ha l'opercolo con dentellature più o men pronunziate, i mascellari larghi, fittamen- 
te muniti di altri dentini rotondi, granulari, dietro la serie de' denti acuti; le pinne ver- 
ticali scagliose, le ventrali piccole : ha per tipo il Cossyphiis bodianus, Valenciennes, ri- 
prodotto sotto tanti nomi dagli autori del passato secolo, e vanta una quindicina di spe- 
cie tutte esotiche. — 4- CrenilabruSj Cuvier, quale è filosoficamente circoscritto dal Va- 
lenciennes, col preopercolo dentellato, denti conici uniseriali, linea laterale non inter- 
rotta, dorsale libera, nuda. Suo tipo è il Favo del Salviani [Crenilabrus pavo^ Valencien- 
nes, non però il Labrus pavo di Linneo), e gode di gran moltitudine di specie nel me- 
diterraneo che, somministratigli i materiali per districarle, lasciammo in cura al Valen- 
ciennes, il quale ne registra già trentadue, la maggior parte europee. Notisi poi che lo 
Swainson, non valutando la dentatura, compone il suo genere Crenilabrus di quelle spe- 
cie che hanno la coda forcuta 0 lunata come il Lutianus verresj Bloch, tav. 2 55., riser- 
vando il nome di CjnaeduSj, Swainson, a quelle che han la caudale rotondata al pari 
delle pettorali, e citando per tipo il Lutianus rupeslrisj Bloch, tav. 25o. fig. i.; la quale 
considerazione assai men filosofica di quella del Valenciennes potrà servire appena ad 
ulteriori suddivisioni. — 5. Ctenolabrus^ Valenciennes, col preopercolo dentellato, una fa 
scia di denti a scardasso dietro i conici anteriori, la pinna dorsale nuda, tre soli raggi 
spinosi nell'anale; il quale vanta otto o dieci specie, tra cui il rupestris dell'Oceano 
mal figurato dal Bloch, ma tanto però bene nell'opera sui Pesci della Scandinavia dell' 
Etstròm, ed il soggetto del presente articolo nel Mediterraneo. — 6. JcantholabruSj Va- 
lenciennes, coir opercolo dentellato, con una angusta lista di piccoli denti dietro la se- 
rie degli anteriori conici e grossi, con cinque raggi spinosi all'anale. Può servirgli di ti- 
po il Labrus exoletuSj L. dell'oceano, oltre il quale se ne conoscono quattro specie, tra 
cui è \\ Ctenolahrus paZ/o^/^ Risso, del nostra Mediterraneo. —- 6. LachnolaimuSj Guv., con 

i56* 



CTENOLABRUS IRIS. 



l'opercolo iritegro, urna fitta peluria innanzi i denti faringei superiori, onde gli viene il 
nome, la dorsale falcata perchè molti de' raggi anteriori si protendono in lunghi fila- 
menti, locchè accade altresì nell'anale: ha per tipo il Suillus delle Antille primiera- 
mente figurato dal Gatesby, non già però il Labrus suillus di Linneo, che è un vero La- 
bro europeo; e conta quattro o cinque specie tutte americane. — 'j .ThallìuruSj Swainson, 
col preopercolo liscio, i denti anteriori lunghi, acuti, taglienti in ambedue le mascelle, 
i laterali corti, conici, separati, ottusi; la linea laterale interrotta; le pinne scagliose alla 
base; i raggi dorsali muniti di brevi filamenti; le pettorali e le ventrali uguali ed acute; 
la caudale lunata. Suo tipo è il preteso Sparus chlorouruSj Bloch, tav. 260. — 8. Chei- 
Unej Cuv., diversissimo dall'assurdo genere, cui Lacépède adoperando un vocabolo del 
Commerson dette un tal nome, con labbra grossissime, denti conici uniseriali, scaglie 
grandi anco sugli opercoli, linea laterale interrotta, la pinna dorsale e l'anale nude, la 
caudale scagliosa. 11 Cheilinus triìobatus^ Lacépède, è suo tipo, attorno il quale ragione- 
volmente schierarono il Cuvier ed il Valenciennes oltre venti specie tutte proprie del 
Mare indico e dell'Oceano, esclusane l'altra iniaginaria o diversissima dello stesso Lacé- 
pède. Tra le specie suddette comprendesi quella che lo Swainson vi pone a buon dritto, 
cioè il Labrus fasciatusj Bloch, tav. 290 {Cheilinus B lo chii^ Valenciennes) diversissima 
dallo Sparus fasciatus Bloch., tav. 257. {Labrus ejieacanthus^ LacéT^hde) che avendola 
caudale forcuta deve porsi nel genere antecedente. — 9. Tautoga^ Valenciennes, cogli 
opercoli integri, quasi totalmente nudi, onde si approssima a Julis_, con denti in duplice 
serie nell'una e nell'altra mascella. Vedesene il tipo nalTautoga nigra_, Valencienn. {La- 
brus ajnericamiSj Bloch, Labrus tautoga, Mitchill) unica e variabilissima specie america- 
na, ivi utilissima, mentre le altre cinque 0 sei specie conosciute abitano il mare delle 
Indie, fra le quali è il Labrus melapterus^ Bloch tav. 285.: non sappiamo però come 
il Falenciennes possa citare il Labrus fasciatus di Bloch tav. 290, citandolo ancora sotto 
il genere Cheilinus, ove giustamente lo riceviamo noi. — 10. MalacanthuSj Cuv., cbe 
dallo Swainson vien posto coi Xf ri chthys per la somiglianza che ha con le Cor/phaenae^ 
ma che tuttavia deve includersi in questa categoria, per aver l'opercolo scaglioso. Ha il 
corpo allungatissimo ; gli opercoli armati da una spina ; i denti uniseriali in ambedue 
le mascelle, tra'quali ve n'ha degli uncinati e robusti; la pinna dorsale e l'anale assai 
prolungate co' raggi non solo tutti molli, onde ha il nome, ma tutti altresì ramosi; la 
caudale semilunata. Non ha che due specie, l'una di America, l'altra indiana, cagioni 
d'innumerevoli abbagli ben conosciuti dal Cuvier, cui è dedicatala prima, e istorica- 
niente descritti dal Valenciennes. — 11. CM/o^ Commerson, che troppo dal Lacépède fu 
slonlanato da Labrij a' quali ingiustamente riunivalo il Cuvier, essendo genere eccellente 
intermedio ai Labrij ed ai JuU. 11 suo opercolo infatti è scarsamente scaglioso, gl'inter- 
raasceliari son dilatati, e interamente coperti di fitti granelli ; i denti della serie esterna 
triangolari, compressi, taglienti, e i due di mezzo perfino uncinati, mentre gì' interstizj 
di ciascun dente nella mandibola sono occupati da altri piccoli e conici; i denti della 
mascella poi, tranne i due di mezzo, son tutti eguali; la linea laterale non è interrotta; 
lutti i raggi son molli, e sprovisti di qualunque cutanea appendice. Suo tipo è il Cheilio 
auratus^ Commerson, e se ne conoscono otto specie, tutte del mare indiano. — 12. Ma- 
lapterus. Valenciennes, partecipante dei caratteri de' due generi precedenti, e perciò ap- 
punto diverso. I suoi pezzi opercolari non sono tutti scagliosi, gl'intermascellari non di- 
latati ; i denti sono conici, uniseriali, gl'intermedj piìi lunghi; la dorsale co' raggi tutti 



CTENOLABRUS IRIS. 



molli, ma forniti di appendici cutanee. Tipo, ed unica specie ne il Malapteriis reticu- 
latus, Valenciennes, dell'isola Juan Fernandez. 

Venendo dunque al soggetto dell'articolo, al Ctenolabrus ìris, che abbiam veduto ap- 
partenere al quinto genere della esposta categoria de' Labrlni, non possiam tacere che 
erane più importante la illustrazione allorquando lo facemmo figurare, prima cioè che 
il Valenciennes ne trattasse a fondo nel decimoterzo tomo della Storia generale de' Pesci. 
Dobbiamo a lui la fondazione del genere Ctenolabrus, il quale a cagione della diversa 
dentatura è uno smembramento tanto bello quanto opportuno de' numerosissimi di quel 
nome. Questo iris poi distinguesi da tutte le altre specie pel suo depresso acutissimo 
musetto, che farialo quasi credere un Coricus. 

La sua forma è una mezza ellissi molto allungata, giacché il profdo superiore, lascia- 
to un cavo tra il muso e gli occhi, risale fino alla dorsale, d'onde continua per discendere 
nuovamente arcua tissimo fino alla poco elevata sottil parte del tronco, mentre il profilo 
inferiore è quasi retto. La maggior altezza è uguale alla lunghezza del capo, ed è il quin- 
to della totale. L'acuto e depresso muso è stretto in modo che l'orbita intacca la linea 
della fronte. La bocca è piccola e poco fessa con la mascella inferiore prolungata un 
poco oltre la superiore : i quattro denti medii sono uncinetti, e dietro di essi havvene 
una fascetta di granulari, e minori che in qualunque altro congenere. L'occhio misura 
un quarto della lunghezza del capo, e dista più di un diametro dalla punta del muso: 
l'intervallo fra un occhio e l'altro è ristretto fino a misurarne appena la metà. 11 preo- 
percolo è rotondato, e sottilmente dentellato: le aperture branchiali grandi: la membra- 
na branchiostega è sostenuta da cinque raggi. I fori nasali superiormente collocati di- 
stano l'uno dall' altro in ambedue le paja : gli anteriori son circondati da una papilla 
tubulare. Le parti nude del capo, e de' pezzi opercolari sono sparse di pori. Le squame, 
più lunghe che alte, dispongonsi in regolari serie, quattro o cinque delle quali sono al 
disopra, ed una dozzina al disotto della linea laterale, che scorre parallela al dorso sul 
quinto dell'altezza del pesce finché s'infl.ette dietro la dorsale, e termina in modo da di- 
videre in due porzioni eguali la parte assottigliata del tronco. La pinna dorsale spicca 
ad un terzo di esso tronco, e protendesi sette volte più de' suoi raggi spinosi, che son più 
bassi de' molli. Le pettorali inserisconsi sotto l'angolo membranoso dell'opercolo, son 
lunghe quanto la metà del capo, e pressoché rotondate. Le ventrali simili nella forma e 
nella grandezza nascono precisamente sotto le suddette. L'anale originasi oltre la metà 
dell'intiero animale, e corrisponde alla parte molle della dorsale, avendo i suoi raggi 
semplici più robusti e più lunghi. La caudale più breve dell'altezza del tronco è squa- 
mosa fino alla metà, e leggermente rotondata. 

Il colore é talvolta un bel rosso scarlatto, ma più spesso carnicino, come è la figura. 
Un tratto fosco assai cospicuo parte dietro l'occhio, ed attraversando l'opercolo svanisce 
dietro la spalla. Tre cospicue macchie rotondette adornano il piccol pesce, una sulla 
parte posteriore della pinna dorsale sopra i tre primi suoi raggi molli, essendone spro- 
vista affatto la parte spinosa, in cui suole posarsi: l'altra è sopra la coda: la terza più 
oscura poggia sulla base de' raggi della caudale. 

Giunge a quattro pollici di lunghezza, ma ordinariamente è la metà più piccolo, e 
precisamente quale lo abbiamo effigiato; salvochè la bruna macchia della dorsale vedesi 
nella nostra figura assai più retroposta che nella quasi universalità degl' individui, che 
la portano sui tre primi raggi molli quale esprimevala il Valenciennes, e descriviamo, 
noi stessi. i56^** 



CTENOLABRUS IRIS. 



Sparso per tutte le eoste de' nostri mari abbonda maggiormente nelle meridionali, e 
più che altrove nelle acque di Sicilia. Non lo abbiamo udito distinguere con apposito 
nome volgare da verun pescatore; ed in Roma passa insiem con altri della famiglia sotto 
quello di Pappagalletto. ' ' 

Un altro solo degli otto Ctenolabri registrati e descritti dal Valenciennes sembra do- 
versi annoverare tra i pesci italiani, cioè il marginatus; imperocché il cinereus di Pallas 
confinasi nelle estremità orientali del Mediterraneo, come V acutusj Valenciennes, nelle 
occidentali. Questo marginatus ^ eh' è senz'altro il cornubicus del Risso, checché ne sia 
degli errori di sinonimia, somiglia moltissimo all'altra sola specie europea propria del- 
l' Oceano, della quale anzi tien luogo nel Mediterraneo; somiglia cioè al rupestris di 
Linneo, che é il vero cornubicus degli autori, o per meglio dire una delle due distintis- 
sime specie, con ambedue le quali fu dallo Gmelin fabricata una complessiva specie sot- 
to quel nome di cornubicus da rigettarsi con nausea per cagione degli errori accumulati- 
vi da' susseguenti autori, Distinguesi poi dal nostro iris il mai^ginatus per lo capo più 
lungo, per l'occhio più grande, per un raggio di meno nella dorsale e nell'anale, e per- 
chè queste pinne sono in lui sottilmente marginate di nero, d'onde gli venne tal nome. 
Infine la macchia nera posta sul dinnanzi della dorsale così nel rupestris come nel mar- 
ginatus serve a farli distinguere a colpo d'occhio da questo, in cui vedesi cotanto retro- 
posta. Gli altri Ctenolabri sono esotici, e quasi tutti dell' A.merica meridionale. 



► 

C O R I C U S V I R E S C E N S 

SUBIETTO VERDEGGIANTE 

coMicus vel ruhes^enSj. vel virescenSj vel cmerewSj variegcAus aureOj, vel argenteo j vel lute& 
mandibula oblique tnmcata: rostro acuto. D.iS/io. P. 12. p^.i/5. -^.3/9. Ci 3. 

LUTJANUS EOSTRATUS? Bloch, Fischw. tab. 'ìSli- fìg. 2. 
EUTJANUS VIRESCENS 5 BissO , Ichth. JSìc. p. 280. sp. 23^ 

liUTJANCS: LAMARCKiT, Pdsso , Iclith. Nic. p. 281. sp. tab. ix. fìf;. 29. 
LurrANUS RUBEscENSr Risso , loìilh. Nic. p. 271,. sp. l3. 

CORICDS TiRESCENS , Cuv. Règn. A nlm. 1 1 , p. i&o. lei, 1, ed. II.p.-ì&o, Risso, Hist. Nat. IH. p.'h'ii.sp,^l^p. 
, cORicus LAMARCKii, Cuv. Règn. Anim. II, p-i.^^, Id. 2. ed.H. p-'i6o. Risso , Hist.N nt. III. p.'ò'òi. sp. 

gcmicus KUBESCENs )— 5 -^w*. -^«i- p. 333. sp. 243. Citv. Rcgn, Anim 2. erf. //. p. 260. 
coRicus ROSTRATUS? C uv. et J^alenc. Hist. Poiss. XI II. sp, 256, tab. 5']6. 

LABRus rostro sursum reflexo, cauda in estremo circularl ?- Arted, Syji. Pise, p, 56. sp, g, ( excl. syn*) 

liUTJAN GROIN, Lucép. Hist, PoisS. III. p. 78. 

GW\ìiy Castel , Bl. Hist. Poiss. III. p.'ì')^. 
SUBLET GROIN',, f^alanc. loc. citaU 

I^a seconda eategoria dei Labrini, quella cioè degli Epibuìini, ossia Labridi a muso 
protrattile, secondo che dicemmo all'articolo precedente, è alla prima dei veri Labrini 
ciò che la famiglia de Maenidi è a quella degli Sparidi. Componesi de' seguenti generi. 
I. CoricuSj Cuv. che in questa seconda categoria rappresenta i veri Crenilabri della 
prima, e non solo ha il preopercolo seghettato di quelli, ma perfino la dentatura, diffe- 
rendone unicamente per la protraltilità del muso: suo tipo è il soggetto del presente ar- 
ticolo. 2.. Clepticus^ Cuv. col muso protrattile, anch'esso cilindrico e breve, coli' oper- 
colo dentellato, colla linea laterale curva, non interrotta, ma- ben distinto' dall' antece- 
dente per la piccolezza eccessiva della bocca, appena armata d'insensibili denti, e per 
le pinne verticali scagliose: sola specie che si conosca finora di questo genere e la Ra- 
ì)irubia figurata nella rarissima opera del Parrà sui Pesci di Cuba, Clepticus genizarra^ 
Cuvier. — 3. Epibulus^ Cuv. eh' è al €heiline della prima categoria ciò eh' è il Goricus 
al Crenilabrus, avendo come essola linea laterale interrotta: la bocca eccessivamente 
protrattile ^ foggia di tubo,, i denti taglienti, le squame grandi,- le pinne scagliose: suo 
tipo- è YEpibulus insidiator figurato dal Pallas. 

Il nostro pesce fu la prima volta registrato dal Bloch, seppure l'Artedi non ebbelo 
in vista quando scrisse la diagnosi della nona sua specie di Labro come il Valenciennes 
ragionevolmente sospetta, benché il Cuvier attribuiscalo al Risso che descriveane due 
' varietà in grado di specie nella Ittiologia di Nizza, e quindi perfino tre registravano nel- 

la sua opera posteriore. Diciam varietà col Valenciennes, non già specie col Risso non 
contradetto dal Cuvier, perchè veggiam variare anco in ciascuna di quelle ch'egli pre- 
tende tali il numero de' raggi dorsali, mentre ognun sa quanto poco peso debba darsi 
ai colori per caratterizzare la specie, massime in questa fami^Ha che vantasi di variarli 



1 



1 



CORICUS VIRESCENS. 

oltremodo, e fino al punto che lo stesso Risso dovette segnalare parecchie varietà di co- 
lore in ciascuna delle sue supposte specie, mal collocate inoltre da lui tra i Lutjani in- 
vece di annoverarle tra i Labri. Ottimamente poi il genere Coricus fu stabilito dal Cu- 
vier fin dalla prima edizione del suo Regno animale, presa appunto in considerazione 
la protrattilità della bocca, che in esso rinvenne come nell' Epibulus, quantunque in 
grado tanto minore. La sua dentatura è propriamente simile a quella dei Crenilabri nel 
senso più ristretto, la quale consiste in soli denti conici disposti in una serie sola: ha 
per faringei meri granellini rotondi stipati sopra le ossa di tal nome: ha il preopercolo 
rotondato e dentellato, come i Crenilabri suddetti : ha similmente la linea laterale inte- 
gra, che lo diversifica àdiW Epibulus in cui vedesi interrotta: ha il tubo intestinale bre- 
ve senza dilatazione che gli serva di stomaco, e senza appendici cecali talqual'è in 
tutti i Labridi, Il meccanismo onde prolungasi tubularmente la bocca in cotesto genere 
è presso a poco lo stesso che serve ad un egual uso nello Smaris, e consiste nel bilicare 
delle ossa mascellari, che all' abbassarsi della mandibola protendono all' infuori gl' in- 
termascellari muniti di lunghissimi rami. 

La configurazione di questo pesce è di un ellissi irregolare e quasi parallelogrammi- 
ca, attesoché il profilo superiore forma un piccolo angolo sopra il termine dell'opercolo, 
e discende poscia in curva regolare fino alla coda, mentre il profilo inferiore forma un 
altro piccolo angolo dietro le ventrali, e quindi rimonta regolarmente fin pure alla coda. 
La maggiore altezza del tronco cape quasi quattro volte nella lunghezza del medesimo, la 
cui parte assottigliata è appena un terzo di essa altezza. Il capo entra tre volte e mezzo 
nella totale lunghezza dell'animale: il muso è acutissimo quando la obliquissima e poco 
fessa bocca chiugga le membranose sottili sue labra: i fori nasali prossimi al profilo apron- 
si al di sopra dell'occhio: i posteriori sono ovali e più grandi: l'occhio minore della quin- 
ta parte del capo, dista due diametri dalla punta del muso, e alquanto più dal termine 
dell' opercolo, essendo posto a qualche distanza sotto il punto della maggior concavità 
del profilo, ove il capo è meno alto della metà di sua lunghezza: il sottorbitale è stretto e 
lungo, intaccato alquanto all'innanzi. 11 margine del preopercolo è angusto: la porzione 
verticale e l'angolo rotondato sono sottilmente dentellati: la parte orizontale è integra: 
le fessure branchiali sono larghe. Le squame dispongonsi in circa trenta serie lunghesso 
il tronco, son maggiori di quelle che muniscono i pezzi opercolari, e specialmente di 
quelle che scarseggiano sulle gote: ciascunà squama è crenulata nel suo margine radi- 
cale per effetto della prolungazione dei circa tredici raggi che vi si dispongono a venta- 
glio; la parte scoperta poi di ogni squama è sottilmente scolpita da strie raggianti dal 
centro al margine, e incrociate da altre meno sensibili, che circolarmente seguono la fi- 
gura squamale. La linea laterale conslituita da tubetti rilevati va parallela al dorso nel 
quinto superiore del pesce, ove corre la quarta serie delle squame. La pinna dorsale 
originasi al perpendicolo dell' estremità dell' opercolo, ed è lunga sette volte l'altez- 
za de' suoi corti e deboli raggi spinosi; essendone più elevata e terminante in punta 
la sua parte molle. Le pettorali brevi a segno di misurare appena un settimo del pesce 
s'Inseriscono alquanto oblique sotto l'angolo membranoso dell'opercolo, ed hanno i rag- 
gi cosi esili, e la membrana talmente sottile, che appena si distingue la pinna quando 
congiungesi al corpo. Le ventrali brevi al pari di esse pettorali sono inserite alquanto 
dietro di loro. La anale nasce ad una distanza dalla punta del muso triplice della sua 
lunghezza, che è quanto la metà della dorsale, ed è perfettamente simmetrica alla di 



\ 



CORICUS VIRESCENS. 



lei metà posteriore. Innanzi alla detta pinna anale vetlesi un appendice carnosa, coni- 
ca non acuta, e biforata. La caudale rotondata non è più grande della metà del capo, 
minore cioè del sesto dell'intiero pesce. 

La colonna spinale in ciascuna varietà consta sempre di trentuna vertebre, tredici 
delle quali sono addominali: le coste son piccole ma robuste; e due o tre soltanto so- 
no le orizontali. Il fegato collocato quasi interamente nel sinistro lato dell'addome è 
grandicello, concavo al di sopra per alluogare l'esogafo e lo stomaco, convesso al di 
sotto, ed offre superiormente e alla sua dritta un piccolissimo lobulo. La cistifelle è an- 
gustissima. L'intestino ripiegasi due volte soltanto, e l'ultima circonvoluzione è il dop- 
pio più lunga della seconda. La milza giace a dritta dell'intestino minima e lenticulare. 
Le ovaje formano due piccoli corpi triedri, che occupano la metà inferiore dell'addome, 
riunisconsi per buon tratto alla estremità posteriore, e contengono uova appena visibili. 
Il notatojo grande, semplice, ovoide, con pareti argentee, robuste, contiene corpi rossi 
assai voluminosi. 

I maggiori individui di questa specie misurano quattro pollici e mezzo; ordinaria- 
mente però son minori, e pressoché della misura che vedesi nella tavola. 

Abonda in tutto il mediterraneo, non meno sulle coste della Grecia che della Spa- 
gna, non meno su quelle della Francia e dell'Italia che dell'Affrica. Vive tutte le sta- 
gioni traili scogli, ed a poca profondità. La femmina emette le uova in primavera. 

I colori diversificano tanto da un individuo all'altro, quantunque se ne rincontrino 
molti uguali, che difficil cosa è darne una idea compiuta. Ora il corpo è di un verde, 
ora di un altro, e nell'una o nell'altra vicenda è più o men largamente sparso o lineato 
di giallo: ora è uniforme: ora incrociato nel capo da linee paonazze: ora protendesi 
fin sul ventre: ora cede luogo al dorato. Talvolta il corpo è cenerino scuro con riflessi 
aurei ed argentei, segnato di linee e puntini rossi; spesso col dorso di un vivo oltre- 
mare, e co' fianchi rosati sotto un velo di argento sparso di punti carminiati. Incontrasi 
pure colorato il dorso di rosso più o meno aranciato, più o men sanguigno, o frammisto 
di torchino e di fosco sopra un fondo rosato; e negl'individui dominati dal color rosso 
vedesi ordinariamente una fascia longitudinale roseo-argentea, la base della coda mac- 
chiettata di nero, e il ventre argenteo-rosato anch' esso. Qualunque poi siane il color 
principale, vedesi quasi in tutti una gran macchia turchinastra verso l'ano, ed in mol- 
tissimi scorgonsi punteggiature sul petto, sul ventre, sulla coda, e più abondantemente 
sul capo, che talvolta si moltiplicano a segno da farlo comparir fosco. Una fascetta pur 
fosca suol correre dal muso all'occhio, risorgere dietro l'orbita, e percorrendo l'opercolo, 
terminare alla metà del corpo. Le pinne sono anch'esse non meno del tronco variabili 
ne'colori: sulla dorsale che spesso è universalmente verde come tutte le altre, suol vedersi 
una macchia più o meno nera, che invade tutta quella porzione di membrana che con- 
giunge i primi tre raggi: sul resto della porzione spinosa sono due serie di punti neri, 
una presso il margine, altra lungo la base della pinna: la porzione molle è rossastra sul 
terzo inferiore, è scolorata nel resto: le pettorali tuttavia sono sovente di un rosso più 
o meno intenso: le ventrali giallognole; l'anale o sente di un debole color di aurora, o 
gialleggia, o variopingesi di più colori, e spesso è segnata da una serie di punti neri alla 
l3ase: la caudale finalmente riserbasi il bel colore ranciato negli individui che hanno le 
pettorali pallide, contentandosi del giallastro in quelli che vantano le pettorali rosse; e 
coronasi generalmente di un sottil lembo nerastro mostrando alcuni punti più o men 



CORICUS VIRESCENS, 



distaili fra i raggi; ma negli individui rossi la base suol portare uno stigma nero più 
visibile. In tutte le varietà l'iride dell'occhio è dorata: gli occhi scintillano quai carbon- 
chi con raggetli d'argento: 

Mentre vagavano tanto i naturalisti in allargare il numero delle specie di questo pe- 
sce, i pescatori non lasciandosi illudere in ciò dalla variabilità de' colorì, e quasi per- 
suasi dalla anatomia che in tutte è la stessa, non gli moltiplicarono i nomi, mantenen- 
dogli in ogni provincia unicamente il suo. Il nome Cuvieriano Subletj onde noi facem- 
mo SubiettOy viene da quello di Suhlaire in giusto omaggio a' pescatori Nizzardi. 

/ 



1 




DONZELLA ZIGURELLA 



JULis supra atro-caeruleus ^ ìateribus argenteis sub fascia plus minus aurantiaca infra su- 
praque dentata^ macula magna elongata utrinque atra : radio secundo pinnae dorsa^ 
lis caeteris valde longiori. D. 9/12. P. i3. P'. i/5, A. 2/1 1. C. 12. 

LABRUS JULIS, Lìnn. Syst. Nat. I . p. ^']6. sp.i5. Gmel. Syst. I. p. iq,S8, sp.i5. Bonnat. in Tahl.Enc. Ichth. 

p.io8, sp. 16. tab.52.fig.iQg. Lacép, Hist. Poiss. II. p.467. BlocJi, Fìschw.pt. mn. tal. 28'], fig.il 

Schneid. Bl. Syst. p.^^"]. sp.-ì^, Castel, Bl. Hist. Poiss, III,p. 5oi. Noce Ilt.Adr, p.x'ò.sp.li'5. 

Nardo, Prodr. Ad. Ichth, sp. 98. Donov, Brit. Fisli, tab. 96? Risso , Ichth. Nic. p. 227. sp, i5. 

Jenyns , Man. Br. J^ert. p. 5q']. sp. 74. 
JULIS vuLGARis, C loq .inDict. S c.N . XFIII.p.55Q. Fl.Br.An. p.-2io.sp.i5/i. Fal.H.p.Xl II.p.56i.ta7j.58^? 
JULIS MEDITERRANEA» Bisso, Hist. Nat, III. p. 5og. sp. 2og. 

H I Ov'Xl^? Arist. Hist. Anim. liò.ix. cap. 11. Athen. lib.y'ù. cap. xv. p.3o4- 

luXfJ? jEUan. Nat. Anim. lib. il. cap, xliv. p, 123. Oppian. Halieut. lib. ir p. 6. et Uh. n. fot. 127. 36. 
JDLis ) Plin. Hist, mund, lib. xxxii. cap. ix. ? Bellon, Aquat. I. p. 25/^, cumfig. in p. 256. Rondel. Pise. 

mar.I. lib.xu, cap.yiì. p, 180. cum flg. 2. mala. Salvian. Aquat. Hist, LXXX, p. "ìiQ.fig. 85. Gesn. 

Aquat. IF.p. 464. cum fìg. propria, Aldrov. Pise. lib. i. cap. tÌì, p. 5']. cum Jìg. in p, Sg. Jonst. 

Pise. 1. lib. i. tit. ii. cap. 1. art, y,p. 28. tah. 14. fig- 3. Charlet. Onom. p. i55. Willughb. Ichthyogr. 

lib. hi. ca/j. xxvii. p.324. tah. x. 4. -^«Jj Synops. Pise, p, i38. sp.5. 
LABRUS palmaris varius, dentibus 2. majoriLus, maxilia superioris, Arted. Gen. p,5^. sp.i. 1 d.Synon.p. 55. sp.i. 
LABRTJS laleribus caerulescenlibus : viltà longitudinali fulva utrinque dentata, Linn. Mus. Ad, Fr. II. p, ']5. 
LABRUS oblongus nigricans, Ìateribus linea alba utrinque sinuata Tarius, cauda indivisa, Gronov.M us.Iehth.II.sp. 18^. 
JULIS ossia ZIGURELLA, Getti, Anf.e Pesci di Sardegn.III.p. 122. labro ivhxm, BaJìn.Ind.Itt,Sic.p.2i.sp.iiS. 
JULIS, DOUSELLE ( quasi DaiDoiselle ) ou zigurelle, Belon^Nat. et Pourtr. Poiss.I. p.2l^8. cum Jig. in p. 2l^g. 
GIRELLE, Daubent. in Enc.3Ièlh. Hist. Nat. III. p.i85. Cuv. T. El.p.558.sp. 3, Bory,Dict.Cl.lX. p.iSa. 
GIRELLE de la Mediterranée, Cuv. Régn. Anim. II. p. 262. ld.2, ed. II. p. 257. 

LABRE GIRELLE, Bosc , in Nouv. Dict. Hist. N at. XF 1 1 . p. iSl^. GIRELLE COMMUNE ? Falene, loc, cit. 
RAINBOW WRASSE, Penn.Brit.Zool.III.p.5i^5. indented striped wrasse? Yarrell,Brit.Fisch I.p.-ìgi.cum fig, 
MEER jUNCKERLEiN,c/'onsf.Pise-.faZ>.ci«. ALMiNDELiGE iVNKEUGYhiE? Kroyer,Danmarks Fi ske,II.p.56 1 .cum fig. 

DONZELLINA et ZIGURELLA Italis, DONZELLA Venetis, DOVELLA MaSsiliensibuS , ZIGURELLA LigUlibuS , AFDELLKS 

Cretensibus, menchina di re Romanis et Neapolitanis , ziLLO Rbodis, Arted. Ice cit. 

Eccoci a dare un saggio della terza categoria de Labrini, che potria quasi chia- 
marsi ào'Julini^ perchè comprende il geneie Julis, e i sjioi affini. Hanno essi il corpo fu- 
siforme, tutto il capo, i pezzi opercolari eie mascelle sprovvisti affatto di squame; la 
bocca piccolissima, i denti anteriori più lunghi, conici, robusti, e dritti sull'estremità 
delle mascelle, dietro i quali ve n'ha de' tubercolari, che spesso accumulandosi con Fan-' 
dar dell'età occupano spazio maggiore, rendendo le mascelle più o men simili a quelle 
degli i5'car/, mentre le ossa loro faringee non differiscono punto per l'armatura da quelle 
de Labrinii ed hanno la linea laterale curva in un subito e continua, la pinna dorsale 
munita di raggi spinosi rigidi e pungenti. Riguardo ai ìor colori, ninno è che non sap- 
pia essere vivacissimi e varii. Vivono specialmente ne' paesi caldi, uno solo innoltrando- 
sene verso le coste settentrionali d'Europa, ove forse per descrizioni inesatte, e per fi- 
gure non abbastanza fedeli, è creduto da taluno esser diverso dal mediterraneo. Tre a 



JULIS VULGARIS. 



quattro sjDecie ne abitano ne' mari italiani distendendosi eziandio nelf Atlantico affrica- 
no, ove s'incontrano e si meschiano colle tropicali. Appartengono a questa categoria 
I. Gomphosisj Lacép. con la protrattile bocca allungata in un sottile tubo, e con la pin- 
na caudale lunata, il cui tipo è V Elops fuscus dì Commerson {Jracaima longirostris , Se- 
Lastianof), de' Mari indiani, che ne vantano due altre specie figurate dal Bennett ne'suoi 
Pesci dell'isola di Ceylan. _ 2. Eupemis , Swainson, col capo assai prolungato, ma 
non tubulare, di bocca grande ed obliqua: col corpo snello ed allungato: colla pinna 
caudale rotonda; le pettorali e yentrali piccolissime, piuttosto acute. Suo tipo è il La- 
hrus fiisiformis dell'Atlante abissinico dei P.uppel , che peraltro ya forse collocato pres- 
so alle Cfchlae. — 3. Chlorichthjs ^ Svs^ains. col capo grosso di muso corto e rotondato, 
colla pinna caudale semilunata di corna acute, come nel bifasciatus di Bloch ed in altri 
molti. — 4. Ichtycollus, Swains. indegno a parer nostro d'esser separato da Julìs^ colla 
pinna caudale troncata e rotondata, colla dorsale umile al dinnanzi, qual vedesi nel 
chloropterus di Bloch ed in altri molti. — 5. Julis, Cuv. qual lo ristringe lo Swainson, 
colla caudale rotondata, colla dorsale alta al dinnanzi, e quasi falcata, qual' è nel sog- 
getto di quest'articolo. — 5. Jnampses, Cuv. con due soli denti in ciascuna mascella, 
cioè gl'incisivi anteriori piatti, taglienti, ottusi, e rivolti all' infuori fino a sporgere oltre 
la bocca, siccome vedesi nel diadematus, e nel caeruleo-punctatus del Ruppel. 

Non parliamo àdV Haljchoeres dello stesso Ruppel, genere più che dubbio, e cer- 
tamente mal nominato, poiché a quello del celebre Mammifero Halicore, Illiger, somi- 
glia troppo il nome che gli fu dato pel robusto dente canino sporgente all'infuori dall' 
uno e dall'altro lato della mascella superiore, dente soggetto a variazioni bene indicale 
dal Professor Valenciennes, e cui dava importanza soverchia il celebre viaggiatore af- 
focano così nel midticolor come in altre vaghissime specie figurate nell'opera suddetta. 
Non parliamo neppure dei generi Hologpnnosus e Coris di Lacépède ragionevolmente 
già condannati dal Cuvier. Nel Coris tuttavia scorgesi in qualche modo il passaggio alla 
quarta categoria che può dirsi dei Xjrichthini^ la qual accostasi più d'ogni altra ai Pap- 
pagalleschi Scarini, richiama le forme de' Blennidi^ è analoga, non già affine come si 
\o\\g,2ì\\q Coryphaenae, mostrando la corona alta, il profilo verticale ed ottuso. Contiene 
essa i seguenti generi, i. Xjrichthjs, Cuv. qual' è ristretto dallo Swainson, colla corona 
del capo altissima, col profilo quasi totalmente verticale, colla dorsale acuta all' innanzi: 
il cui tipo è Valtipinnis, Ruppel, della Fauna abissinica. — 2. Thalassoma^ Swains. col 
muso bruscamente sporgente, colle pinne ventrali più lunghe delle pettorali: il Julis 
purpureus, Rupp. figurato nell'Atlante della Zoologia nordica-affricana gli serve di tipo. 
— - 3. Urichthfs, Swains. col muso acuto, colle pinne ventrali lunghissime, puntute, la 
caudale enorme, troncata, e spingente i suoi raggi oltre la membrana, siccome vedesi nel 
supposto Cheilinus quinquecinctus dell' Atlante suddetto. — 4. Crassilahrus, Swains. con 
capo grande, labbra assai carnose, fronte gibbosa, pinna caudale corta e rotondata, co- 
me nel Cheilinus undidatus dell'Atlante stesso. — 5. Novacula, Valenc. {Hemipteronotus„ 
Lacép. nome troppo improprio, e accozzamento di specie troppo informe per essere 
adottato) con preopercolo munito di piccole squamette sotto l'occhio, co' due primi raggi 
dorsali staccati, e prolungati a filamento, come vedesi nella Cor. pentadactyla figurata 
nella tavola 178 del Bloch. 

Appartiene al genere Julis l'elegantissimo Zaèn'^/e figurato al N. i della nostra tavola, 
proclamato già il più bel figlio del mare dal Belon, cedendo appena diffatti in bellezza 
tra'pesci europei al solo Julis pavo, che attualmente ascriyesi al genere Chlorichth/s, Sw. 



JULIS VULGARIS. 



vaticinato dal Risso. Noi con esso Swainson non abbiam ragione di crederlo diverso dall' 
Julis degli antichi, quantunque il Cuvier ne abbia mosso alcun dubbio: che seppur 
non è quello de' sistematici tutti, è probabilmente quel di Linneo, e certamente quello 
del Risso. Se poi l'anzidetto dell'Oceano figurato dal Bloch e dal Cuvier fosse realmente 
diverso da questo, e yeramente un Ichthycallus dello Swainson, in tal caso, riservato ad 
esso il nome di vulgaris, dovriasi distinguere il nostro col nome di mediterraneus. 

Usuo corpo è fusiforme, notabilmente incrassato al dinnanzi: il profilo inferiore è al- 
quanto più convesso del superiore. La maggior altezza, dietro l'opercolo, è un quinto 
della lunghezza totale: la parte assottigliata del tronco è due volte e mezzo più bassa. La 
larghezza è compresa due volte e mezzo nell'altezza. Il capo piuttosto acuto forma più 
della quarta parte del pesce: l'occhio perfettamente rotondo dista più di un suo diame- 
tro dalla punta del muso, e quasi tre dal margine posteriore dell'opercolo: lo spazio in- 
teroculare turgido e rotondato misura un diametro dell'occhio: la bocca è poco fessa^ e 
appena protrattUe: il mascellare è piccolo, e totalmente nascosto sotto il margine del sot- 
torbitale eh' è appena sensibile a cagione della erta cute che lo ricopre: Tintermascellare 
è sottile, e di mediocri rami munito: i denti della serie esterna sono semplici e conici; 
i quattro anteriori allungati e ricurvi rassomigliano altrettanti uncinetti ; gli altri più 
corti sembrano intaccature dell'osso, in cui sorgono a guisa di sega: nell'uno e nell'al- 
tro angolo della bocca sporge un dente allungato come una vera zanna dalla mascella ; 
e tranne le due zanne suddette la dentatura della mandibola è uguale a questa della 
mascella, anco perchè dietro la serie esterna, sono in ambedue alcuni dentini rotondi 
e granulari. Pascetti di spessi e numerosi peli guerniscono d'alto in basso l'ingresso della 
faringe, fra i quali la solita piastra triangolare inferiore di denti ottusi ha nella parte 
posteriore un dente globoso assai maggiore degli altri: le due piastre superiori di detti 
denti faringei non offrono alcuna particolarità. Le pettinature delle branchie sono me- 
diocri : le anteriori sono anzi cortissime: le aperture branchiali son poco fesse, perchè 
le membrane branchiosteghe sostenute da sei raggi si approssimano tra di loro sotto la 
estensione tutta della gola, e sono intieramente coperte dai sottili e larghissimi interoper- 
coli,che inferiormente si raggiungono anch'essi. 11 margine del preopercolo scende verti- 
calmente, e segna un angolo rotondato ove uniscesi coli' inferiore, e quello membranaceo» 
dell'opercolo si prolunga in una singoiar linguetta libera, carnosa, e rotondata: le squame 
son piccole, sottilissime, e numerose, contandosene quasi ottanta dall'opercolo alla coda: 
sembrano all' occhio nudo esser lisce, ma la lente le fa scorgere segnate di granulazio- 
ni, e di strie divergenti in numero di i5 o i6 raggianti da un punto eccentrico: sono di 
forma oblunga colla porzione radicale maggiore più che il doppio del resto. La linea la- 
terale, segnata da una serie di piccioli tubi forati ciascuno da un poro, parte dall'angolo 
superiore del soprascapolare, rimonta fin sotto il terzo raggio della pinna dorsale, e dopo 
una leggera curva scorre dirittamente, e parallela al profdo del dorso lunghesso il settima 
dell' altezza del corpo, finché giunta sotto il decimo raggio molle della detta pinna in- 
flettesi bruscamente, e sempre continua discende sul mezzo della parte assottigliata del 
tronco trapassandola in linea retta ed obliterandosi poco prima della caudale. La pinna 
dorsale nasce sopra il termine del capo, ed è lunga più delia metà dell'intero pesce : il 
suo secondo raggio lungo una metà più degli altri ha quasi due terzi dell'altezza del 
tronco, il che forma la differenza di questo /. vulgaris del mediterraneo con le figure di 
quello dell'oceano, il cui primo raggio vien descritto come più lungo del secondo, e 
pochissimo più degli altri: li sette altri raggi spinosi sono gracili come gli antecedenti^ 



JULIS VULGARIS. 



eguali fra loro, ed ai primi de' dodici molli, gli ultimi de' quali soltanto decrescono, ma 
poco sensibilmente. Le pinne pettorali lunghe più della metà del capo sono lanceolate 
rotondate: le ventrali un quarto più brevi sono piuttosto acute: l'anale nasce prima del- 
la metà del pesce sotto l'undecimo raggio della dorsale, e corre perfettamente simmetri- 
ca alla medesima; i suoi tre raggi spinosi son deboli, il primo è il più breve di tutti: la 
caudale poco più lunga della metà del capo è piuttosto troncata che rotondata. 

I colori, quali noi li facemmo rappresentare sulla spiaggia nel momento che il pesce 
usciva dalle acque, è paonazzo torchino sopra il quarto superiore del capo e del dorso: 
rifulge al disotto e con egual corso una bella fascia di vivo arancio dentellata in ambe- 
due i margini: la metà inferiore di tutto il pesce è argentina: una linea di azzurro ol- 
tramarino parte dall'angolo della bocca, e leggermente flessuosa innoltrasi sotto la gota 
fino al di là dell'opercolo tingendogli la linguetta in più cupo: dietro la inserzione 
ed alquanto più sopra della pinna pettorale, nasce una fascia scura, che forma una co- 
spicua macchia su' lati del corpo sotto quella colorata d'arancio, e protendesi fino alla 
metà del pesce, essendo lunga quanto è l'altezza di esso; da quel punto poi impallidita 
e ristretta molto, prosegue fino alla caudale sottostando sempre alla aranciata suddetta. 
La pinna dorsale è di olivo squallido listata orizontalmente di ceruleo: una gran mac- 
chia torchino-cupa tinge fin quasi a tre quarti i primi tre raggi che son rossi in punta e 
la membrana loro: le pettorali e le ventrali sono jaline: nell'anale signoreggia un color 
d'aurora pallido, che inflette a diverse cangianze lineari: la caudale è olivacea. Avver- 
tasi però che talvolta la fascia dentata è di un bel giallo dorato, tal altra è bianchiccia: 
spesso tutte le pinne, e principalmente di estate, rosseggiano quale più quale meno. 

Ha dodici vertebre addominali, e diciannove caudali, il fegato piccolo, il canale in- 
testinale mediocre, il notatojo grandetto, il peritoneo sottile, e di modesto splendore. 

Giunge a sette ed anco otto pollici di lunghezza, ma ordinariamente incontrasi di 
quella misura che nella tavola nostra si rappresenta. 

I suoi nomi volgari sono Donzella^, DonzellinUj Donzella di barro presso i veneziani ; 
di Pesce girasol nel Piceno; di Zigiirellaj di Minciaj e di altro poco onesto nel Geno- 
vesato: di Girella in Nizza; di Maravizzo in Civitavecchia; di Membro di Re in Roma, 
d'onde i Toscani più prossimi a' Genovesi gliel danno più turpe, che i Napolitani dirai- 
nuiscon per vezzo, se pur non lo dicono Pwtoy di Viola^ Vidiola^ Vizza di Re in Sicilia. 

La bianca sua polpa non igrata affatto al palato è facile a digerirsi. Vive per tut- 
to il Mediterraneo, ed abonda sulle coste di Spagna e di Grecia quanto in quelle di 
Francia e d'Italia, affezionando precipuamente quelle scogliere che sian meglio ve- 
stite di alghe marine, delle quali si ciba qual'ora gli manchi il più ordinario nutrimento 
ne' minori pesci: 

Scopulos quos alluit unda 
Alga conspersos, et multo murice tectos. 

Ben così riferiva Oppiano; cui però non fu estraneo il pregiudizio di molti e principal- 
mente di Eliano, che lo credea solito a mordere col dente avvelenato, quando al con- 
trario può dirsi che familiarizzi con l'uomo, cui si appaga toccar col dentato musetto le 
gambe, se lo incontra nel mare, non già come scriveva esso Poeta cartaginese: 

Ore venenato sic laedunt stigmate parvo, 
Atque catervatim fusae per membra natantis 
Circumdant acri morsu, vel dente laborant. 



JULIS 

DONZELLA 



GIOFREDI 

DEL Gì OE REDI 



jULis supra ruber vel atrO'CneruleuSj lateribus abrupte argenteis sub linea recta semiaura- 
ta : macula nigricante ad angulum praeoperculi : radiis pinnae dorsalis omnibus subae- 
qualibus. D.g/i3. P. 14. F.i/5. J.2/12. C. i^. 

LABRUS GIOFREDI, RisSO , Ichth. Nic. p. 228. ip. l6. tal. g. flg. 25. 

JULIS GIOFREDI, Risso , Hist. Nat. III. p. 3io. sp 210. Cuv, et Falene. Hist. Poiss. XIII. p.5']2. tab.iSS. 
LAERUS JULIS Tar. Boìinat. in Tabi. Enc. Ichih.p. loQ. sp. i6. et Aliar, ex Brunnich. 

GIRELLE GIOFREDI, RisSO , Hist. N Ut. loo. cit. 

LABRE GIOFREDI, Bosc in N. Dict. H. N. XP^II. p. l66. 

GIRELLE ROUGE, Cuv. Rcgn. Anim. 2. ed. II. p. 267. 

A.I Signor Giofredi istoriografo delle Alpi marittime il Risso intitolava codesto La- 
bride, cui conserviamo tal nome, poiché non ci semlora che fosse distinto specificamente 
dapprima, quantunque trovisi notato in grado di varietà. Non però il colore rosso della 
schiena lo distingue abbastanza dall'antecedente Julis mlgaris, ma sibhene la forma piìt 
terele del corpo, e la dorsale più umile, e più eguale in tutta la sua lunghezza; atteso- 
ché in questa specie anco più che in quella variano infinitamente le tinte del dorso, che 
in alcuni è rosso perfin di corallo, in altri è di paonazzo quasi nero. Che se pur dai co- 
lori volesse prendersi un contrasegno specifico, guardisi alla fascia dentata che sempre 
vedesi nel pulgaris^ma in questo non mai, qualunque sia la tinta signoreggiante del dorso. 

La sagoma generale del pesce è pistilliforme con ambedue i profili regolari, ma più 
convesso quello del ventre. La maggiore altezza che cade dietro le pettorali è il quinto, 
della lunghezza. Il capo acuto è il quarto della lunghezza stessa: l'occhio perfettamente 
rotondo è quasi un quarto del capo, distando poco più di un diametro dalla punta del 
muso, e poco più di due dal margine dell'opercolo: l'intervallo alquanto turgido fra 
un occhio e l'ahro è uguale al diametro dell'occhio. Emerge da queste dimensioni e pro- 
porzioni una quasi perfetta somiglianza di questa specie con la precedente; e siccome 
i pezzi opercolari, e le altre parti del capo e del tronco sono perfettamente simili in; 
ambedue, ci asteniamo perciò dal ripeterne la descrizione. La pinna dorsale collocata in 
questa similmente che in quella, e munita di un egual numero di raggi, ha gli spinosi 
più robusti, e i primi poco più lunghi di un terzo dell'altezza del corpo, quando nell' 
altra li vedemmo molto maggiori della metà; oltre ciò tende sempre ad elevarsi in que- 
sta invece di abbassarsi. La anale è forse un poco più rotondata, e nel resto non ha dif- 
ferenza alcuna, come non la hanno le altre pinne. 

II colore della metà superiore del corpo è rosso più o men vivace di ogni maniera,, 
ovvero è fosco ceruleo, sempre però bruscamente diviso da quello della inferiore, che è 
sempre bianco argentino. Vedesi nell'angolo dell'opercolo una bella macchia amatistina;. 



\ 



JULIS GIOFREDI. 



e spesso (quando il pesce esce dall'acqua) lo segnano quattro fascle longitudinali. Una 
fosco-oliyacea parte dall'apice del muso, attraversa T occhio, e la macchia amatistina 
suddetta, e poi svanisce sotto il termine della dorsale : altra color turchino sbiadato 
comincia sulle labra, trapassa le gote, e prende sulla spalla una tinta violacea, che 
conserva fino alla caudale; sotto la detta fascia ve n'ha una terza gialla, lunga e larga 
ugualmente: finalmente la quarta corre hianco-turchinastra sul ventre. Ninna ombra di 
macchia vedesi sulla pinna dorsale, che è giallastra marginata sovente di turchino. Le 
pettorali rosseggiano mediocremente, seppur non sono affatto pallide : le ventrali spesso 
tingonsi di torchino : l'anale è pallida, e talvolta rosseggiante: la caudale è rossastra al- 
la base, debolmente verdognola in punta. 

La misura ordinaria del pesce è quella figurata nella tavola, cioè poco più di tre 
pollici, nè lo vedemmo crescer mai alla statura del precedente. Trovasi sparso al par 
di quello in tutto il Mediterraneo; ha comuni con quello le abitudini, e perfino i nomi 
volgari. 

Il Julìs speciosus del Risso ci è totalmente incognito, e confessiamo che difficilmente 
saremmo per ammetterlo se non ci fosse confermato dal Valenciennes. E delle numero- 
sissime specie esotiche non è qui luogo a trattare. 



/ 



/ 



1 





3. 




Z. 





ATHERINA HEPSETUS 

LATTERINO SARDARO 



ATHERINA longitudine corporìs altiiudinem ultra seoctuplum superante: capite acutiusculoj, 
corporis altitudine parum longiori : oculo vix acquali spatio anteoculari : pinnis dor- 
salibus modice remotisj antica fere media supra ventralium exitum nascenti : vertebris^ 
quinquagintaquinque. i. D. 9. 2. I>, i/si. P. i5. F. i/5. J. 1/12. C. 17. 

àTHERINA. HEPSETUS, Linn. Syst. Nat. I. p. Sig.sp. i, pari. Hasselq- Iter. p. 382. Gmeh Sysi.Nat, I. 

p. i3g6.sp.i. Bonnat. in Tabi. Enc.Icìiih. p. i-j8. sp. i. tah. "jo. fig. 002. Lacép.Hist. Poiss.F-p-^6. 

Schneidì Bl. Syst. p. ìio.sp. 1. pari, exel tah.'zg.Jìg. 2. Bafin ? Ind.Itt. Sicp. 36. sp. 263. Bisfr.. 

Ichth. Nic- p. 337, sp. 1 . Id. Ilist. Nat. III. p. 469. sp. 376. Cuv. Eégn.An. 2. ed. II. 7J.254. Naccari t 

Itt. Adr.p.ig.sp.^S. Nardo? Pr.Adr.Ichi^i.sp. i/ij. Cuv.et Falene. H. N.Poiss.X. p.^25.tab.5o-ì.fìg,i. 
ATHERINA HEPSETUS \av. 1 . Omcht aut TescB Uey , Delaroclte , Mc'm. Pois. Ivic. in Ann. 34us. XI 1 1. p.SS"]. 
A.6cpiV0(, Aristot. Ilist.Anim. lih.x'ì.cap. zvìt. lib.ìx. cap. li. Oppian. Uh. i. v.ioQ. Athen.lih.Vn.p. m.2%Z.A. 
ARISTA -vel ARiSTULA, Theod. Gaza, in Aristot. loco citato. 

ATHERINA, Bond. Hist. Pise . I. lib .Vù. cap.x'ì .p.-2i 6. cumfig. Gesn.Aq.IV.p.']^. Aldr.Pisc.lib.u.cap.xzxxì: 
p. 217. cum Jìg. W illughb . lehiyogr. lib. iv. eap. xii. pag. 210, Bay, Syn. Pise. p. 79. sp. 3. Jonston, 
Pise. lih.\. art.x^ni. p. 52. 1. 19. fig. i3, Linn.Mus.Ad.Fred.I I. p.io5. Artedì, Syn. Pise. App, p,n6.sp.,i. 

lAVAROKUS, Belon, Aquat. libi. p.^S-j. Id. Nat. et Pourtr. Poiss.lib.'up. 201. 

SAtrcLET, Duham. Tr. Péch. 11. Sect. s'utab. iv.fig. 3. 

JOEL (err. ), Daubent. Dici. Ichth. in Enc. Meih. Hist, Nat, III. p- 214, 

ATHEEiNE JOEL , (err.) Bisso, loco citato. 

SAuctET du Languedocs ou CABASSOU (err,?] JeProvencBj Cuv. loco citata. 

■Ben diceva il Ciivier che il naturalissimo genere delle Atherinae non può esser 
associato con alcun altro, perciò lo isolava ponendolo intermedio fra i Mugilidi e i 
Gobidi: ma noi che simili isolamenti non ammettiamo ne costituimmo la sottofami- 
glia degli Jllherininij de' quali unitamente ai Mugilini ed ai Tetragonurini compo- 
nemmo la nostra famiglia dei Mtigilidij come si può leggere nel Saggio di una distri- 
buzione etc. e neir articolo Mugil cephalus di questa Iconografia. Nonostante però che 
quella nostra opinione venga corroborata da una autorità grandissima in Ittiologia qual'è 
quella del prof Agassiz, pi^re nello stato in cui siamo parci non aver fatto ancora ab- 
bastanza pel genere in quistione ordinandolo in sottofamiglia, e doverlo quindi innal- 
zare al grado di famiglia da dirsi Jtherinidae. Infatti qualunque sia la sua apparente 
relazione coi Muggini essa non è di stretta affinità; e posto anche il caso che doves- 
simo riunirla ad altre famiglie, non la riuniremmo con quella più mai. Siamo dunque 
ben lontani dal modo di vedere di Pallas che neppur genericamente voleva che le Athe^ 
rinae si separassero dai Muggini j biasimando Linneo che per nota distintiva assegnò 
al genere una fascia argentea lungo i latij la quale non potria certamente bastare a co- 
stituire un genere, se il grande uomo non l'avesse tolta a carattere rappresentativo, di 
cui poscia abusarono pur troppo i suoi non ben veggenti seguaci, quando riunirono 
alle Atherinae tanti Pescetti che ne distano le mille miglia. Senza enumerare ad una 

9^ 



r 



ATHERINA HEPSETUS. 

ad una tutte le differenze essenziali che passano fra i Mugilidi e questi nostri Jthe- 
rinidi privi di tante e tante particolarità proprie di quelli, diremo soltanto che mentre 
i Mugilidi si rendon notevoli per una tal sorta di grecile, rarissimo nei Pesci, per la 
lunghezza e per le molte ripiegature del tubo intestinale ; le Atherinae al contrario sono 
singolari per la brevità di questo viscere, e per la semplicità in genere degli organi 
digestivi. 

I caratteri della nostra famiglia Atherlnidaej ben diversa dal gruppo collettizio cui 
il Risso impose tal nome, sono i seguenti. Corporatura allungata: capo privo di bar- 
bette o d'altre appendici, con la mascella superiore assai protrattile, guernita di sì mi- 
nuti denti che appena si scuoprono con la lente: lingua liscia: i faringei non compli- 
cati, con piccoli denti conici, fitti: il primo arco branchiale con lunghe pettinazioni 
gracili, gli altri con semplici tubercoli aspri: sei raggi nella membrana branchiostega : 
due pinne dorsah, distanti l'una dall'altra, il numero de raggi delle quali varia sebben 
di poco nelle diverse specie: ventrali nascenti sotto l'addome più indietro delle pet- 
torali. In tutte le specie vedonsi i fianchi ornati di una cospicua e larga fascia d'ar- 
gento, ed un piccolo tratto nerastro al margine superiore dell' orbita. Lo stomaco con- 
siste in un semplice tubo membranaceo, alquanto slargato, senza intestino cieco ne ap- 
pendici piloriche: il tubo intestinale è poco lungo e poco ripiegato come abbiam detto. 
11 peritoneo mostrasi generalmente nero all'interno, argenteo alla superficie. Portano 
tutte un notatojo, spesso prolungato in un condotto formato dalle ultime vertebre ad- 
dominali che incartocciano le loro apofisi trasverse. Numerosissime sono le vertebre 
(più del doppio che nei Muggini), e le apofisi di tali ossi e le costole costituiscono le 
tante spine che s'insinuano nella sostanza di lor carne. 

In tre generi ripartiamo Jtherinidi denominandoli Atherina^ Membras e Meni- 
dia^ de' quali trovasi il germe nella grande opera sui Pesci continuata ora dal solo pro- 
fessor Valenciennes coi materali già da lui abbozzati sotto la disciplina dell' immortai 
suo maestro. Il primo di questi nostri generi viene caratterizzato dalla pinna dorsale 
anteriore collocata sopra le ventrali, dalla bocca fessa obliquamente fin sotto l'occhio, 
armata di denti, quantunque minutissimi anche al palato. Il secondo si fa riconoscere 
per la prima dorsale collocata sopra l'anale, e per la bocca obliquamente fessa fin sotto 
l'occhio, senza denti al palato. Il terzo oltre all'avere la pinna dorsale anteriore retro- 
posta, si distingue eminentemente per la bocca più orizzontale, fessa soltanto fino alla 
metà del muso, locchè unitamente alla piccolezza dell' occhio produce una diversa fi- 
sonomia, e pel palato liscio privo affatto di denti. Le più grandi specie offrono chiara- 
mente un singolarissimo carattere che per verità le approssima ai Muggini, soli tra i 
^esei che lo posseggono. Gracilissime hanno le ossa costituenti la mascella ; e la parte 
posteriore del mascellare, invece di slargarsi presso l'angolo della commìssura, termina 
in punta sottile. 

Tralasciando i generi Membras e Menidia formati di sole specie esotiche, ci ristrin- 
giamo a\V Jtherinaj genere cosmopolita, nel quale si comprendono tutte le specie Italia- 
ne, Anche queste vere Atherinae potriansi a rigore suddividere in due sottogeneri ^ che 
ripristinata la nomenclatura Rondeleziana, chiameremmo Hepsetia ed Atherina: impe- 
rocché come bene osserva il soprallodato Valenciennes, alcune specie, di cui viene in 
esempio Tunica europea Atherina Bojeri [HepsetuSj Rond.), hanno denti visibili tanto 
alle mascelle quanto sul vomere e sui palatini, il capo d'altronde slargato e piano, l'oc- 



ATHERINA HEPSETUS. 



cliio grande, la prima dorsale piccola e corrispondente al termine delle ventrali; men- 
tre le altre, come appunto la nostra A. hep&eius dal muso più acuto [Jtherincij Rond.), 
hanno sì piccoli i denti, che si rendono quasi incospicui, la dorsale anteriore grandetta 
e corrispondente al centro delle pettorali. Non sembra però necessario lo stabilire dae 
sottogeneri per siffatte specie che appena si distinguono dall'occhio acuto de' Zoologi: 
né si potrebbero assolutamente disgiungere se le forme della nostra proposta Hepsetia 
non si trovassero esagerate in tipi stranieri. Tullavolta noi esibiamo in globo quattro 
specie di Atherinae italiane, sole di cui abbiamo riconosciuto l'esistenza, non potendo 
ammetterne altre sulla fede altrui. Comuni sono a tutte cpattro, anzi a tutte le specie 
conosciute di quel genere, come lo abbiamo ristretto, le seguenti particolarità. 

Corpo di forma allungata, compressa, assottiglialo verso l'estremità posteriore, la 
eh cui maggiore altezza cade al di sopra delle ventrali circa il terzo anteriore del pesce, 
vestito di scaglie embricate e disposte assai regolarmente in circa venti serie, contan- 
dosene più o men sessanta su quella dei fianchi, piccole, sottili, trasparenti, rotondate 
al margine anteriore o piuttosto paraboliche per esser più larghe che lunghe, levigale 
verso l'apice, striate trasversalmente alla base, facili a cadere. Le gote e ciascun pezzo 
opercolare sono coperti di scaglie, ma il cranio, il muso e le mascelle hanno la pelle 
nuda e liscia. Capo mediocre, di forma piramidale a quattro facce, la superiore delle 
quali quasi piana con uno spigolo rilevalo longitudinalmente tra gli occhj e per lo mez- 
zo del muso; le laterali piane, e l'inferiore ricurvata all' insù, semicilindrica verso il 
mezzo, ellittica per quanto si estende la mascella inferiore sporgente più della supe- 
riore, onde il muso apparisce rotondato all'apice. La hocca piccola, terminale, squar- 
ciata obliquamente. Mascella superiore munita agli intermascellari di lunghi peduncoli, 
perciò assai protrattile. Osso mascellare largo alla base, terminato in punta; visibile 
soltanto quando la bocca è protratta perchè lo ricuopre il sottorbitale che termina sotto 
il centro dell' occhio ed è di forma triangolare, integro sui margini, foracchiato di pic- 
coli pori disposti in varie linee. II preopercolo quasi rettangolare, con l'angolo alquanto 
smussato, integro sui margini. L' opercolo integro anch' esso, alto un terzo più che 
lungo, ò rotondato al margine. L'apertura branchiale fessa fin sotto gli occhj, 11 primo 
dei sei raggi branchiostegi dilatato alla base, il sesto di esimia sottigliezza, quasi in- 
cospicuo, jNiuna scaglia particolare indica la spalla. Linea laterale quasi retta, parallela 
al profilo del dorso, e più vicina ad esso che a quello del ventre, segnala da una serie 
di scaglie sovrapposta l'una all'altra. Ano situato quasi alla metà del corpo. La dorsale 
anteriore piccola, di figura triangolare a due lati curvilinei, costituita di raggi spinosi, 
gracili, in numero di sette a nove, ha origine avanti la metà del pesce dopo le pettorali 
e le ventrali. La dorsale posteriore più lunga della prima, di figura quadrilatera, com' 
posta di raggi molli ad eccezion del primo piccolissimo, trovasi quasi media fra la pri- 
ma e la caudale. Le pettorali impiantate dopo l'opercolo circa la metà dell'altezza del 
tronco sono piuttosto acute col margine inferiore curvilineo, e formansi di quindici o 
sedici raggi scemanti di lunghezza dopo il quinto. Le ventrali di figura quadrilatera 
mistilinea sono piccole e nascono fra l'intestatura delle pettorali e della prima dorsale? 
una scaglia puntuta giace alla base dell'una e dell'altra ventrale; un'altra simile scaglia 
si vede tra l'una e l'altra pinna. L'anale quadrilatera è sottoposta alla seconda dorsale, 
cui quasi è simmetrica. In fine la caudale fornita di diecisette raggi è forcuta a due 
lobi uguali. 

9^* 



I 

ATHERINA HEPSETUS. 

La parte superiore del corpo si vede tinta di un carnicino trasparente punteggiato 
di nero, disponendosi le punteggiature a fascetti sopra ciascuna scaglia: l'opercolo e 
il di sopra del capo similmente son punteggiati. Due o tre serie longitudinali di scaglie 
su i fianchi brillano di lucentissimo argento. Tra il color carneo del dorso e l'argenteo 
dei fianchi si vede a breve intervallo qualche cangianza di turchinastro. Al di sotto 
della fascia argentea e sul ventre campeggia il bianco rossastro con pochi riflessi ar- 
gentei. Le pinne sono tutte diafane. La pupilla dell'occhio turchinastra tende al nero : 
l'iride è bianchissima. 

Tutti i mari del globo (aggiungansi alcuni laghi italiani, come si vedrà nell'arti- 
colo delV ^therina lacustris) pullulano di questi pescetti, ed in alcuni ve n*ha di sover- 
chio. A Venezia per esempio ove li dicono j4nguele e li gridano per ogni contrada ser- 
vono in cibo de' gatti: tanto è il dispregio che nasce dalla gran copia, quantunque siano 
buonissimi a mangiare. Altrove, saziatine gli uomini e gli animali, gittansi perfino ad 
ingrassare la terra. Graziosi sono ì nomi che godono in alcune spiagge Francesi, di Pretìj, 
e Abbatozzi per quel simulacro di stola argentea che scende loro sui fianchi. In Sicilia 
godono indistintamente i nomi di Coroneda_, Curunedda o Corinella aggiuntevi all'uopo 
le parole marzoja^ di sciume^ laUarìna_, secondo le diverse specie. Lavorìi li dicono i Na- 
poletani: Segreti i Sardi: Chewierij Pascatte_, Occioni i Genovesi: i Marchegiani Jcqua- 
delli: i Triestini Garal: quei dell' Istria Agònà. Non sapendo con sicurezza come li 
chiamino i Toscani crediamo che ad essi si riferischino i nomi di Lattaja e Pesce latte 
che meglio non sapremmo ad altri applicare. Da per tutto si pescano con le reti du- 
rante l'inverno. Si riuniscono a grandi caterve, partoriscono uova più grosse che le 
comporti la diminutiva loro statura, malgrado la quale per la bontà della carne sono 
assai ricercati per cibo, e più grati giungono sul desco in primavera quando i niaschj 
son pieni di latte e le femmine d'uova. La figliuolanza resta per lungo tempo radu- 
nata in masse strette e compatte d'innumerevoli individui, che pescati usan friggere^ 
ovvero lessare nel latte. I quali delicatissimi pescetti che in molti luoghi diconsi non- 
nati furono origine di molti equivoci di naturalisti, che specie e generi ne han fabbri- 
cato, e ciò eh' è peggio, vi aggiunsero anche la figliuolanza dì altri diversissimi pesci. 

Si conoscono ne' libri antichi di Storia naturale le diverse generazioni di JphicB o 
ApucBj come altri dicono, confuse ancora con V Hepsetus. Ne si può dubitare nella con- 
cordia degli scrittori greci eh' eglino intendessero indistintamente per À.fn o Kffloc que- 
sti e qualunque minutissimi pescetti appena usciti dall'uovo, ammucchiati ancora tra 
congeneri ed altri, nò pur anco divisi dal vischio della generazione: cibo vile e di sem- 
plice cottura che non ammette sorta di condimento, ed opportuno appena a mescolarsi 
nel garum. Di mano in mano che progredì la scienza zoologica venne ad analizzare 
per così dire la filologia degli antichi, e bandita la favola, nella quale con meraviglia 
veggiamo assonnato anco il Gesnero, che VAphia vera nascesse dalla spuma del mare 
come f^enere Afrodite j furono distinte le Aphice o Apnee in PhalericUj in Membradej. 
in Cobite j, in Encrasichola secondo che si crederono partorite da diversi pesci, le quali 
enumera e descrive l' Aldrovandi, che un breve capitolo soggiunge de caeteris Apui& 
nominandovi quelle de Muggini^, delle Triglie^ delle Mendole ed altre. 

Il volgo di Roma, il quale per suo naturale idiotismo suol congiungere Tarticolo 
col nome che in altri casi disgiunge con pari facilità, compose delF antica Atherina 
(ignota ai glossarii latini) il vocabolo Latterìno col quale chiama indistintamente i nostri 



I 



/ 



ATHERINA HEPSETtJS. 

V 

pescetti, come dice eziandio Latterìni tutte le altre minutissime specie che trovansi 
frammiste ed anco talor separate, non altrimenti che chiama Latterini le persone deboli, 
imbecilli, e quasi da niente» Anche i Toscani, facondi autori cle'vocaboli, non sapendo 
come distinguere le tanto diverse ma pur somiglianti generazioni di queste congreghe 
di pescetti da nulla, indistintamente li chiamano Arnolti dall'Arno in cui nascono o 
imboccano. 

Il Latterino Tero però de' Romani, cui per la tenerezza lattea si conviene benissimo 
tal nome, essendo la Jtherina de' Greci antichi, Alherno dei moderni, poco a noi rileva 
se gli venisse da kOzpy col quale questi dissero tanto le ariste o spine della spica quanto 
la stessa spica derelitta sul campo da' mietitori, in che si rinverrebbero e la nota distin- 
tiva del disprezzo in cui tiensi, e delie spine che gli compenetrano la piccola polpa, 
ovvero da (xxsep che significa piccolezza, e quasi nullità di cosa. Quanto all'aggiunto di 
hepsetus dato da Linneo d'appresso Rondelezio, che forse ebbe principalmente in vista 
l's^^jv de' Greci, cuocere j gli si conviene per eccellenza, essendoché per la sua picco- 
lezza e tenerezza il Latterino cuoce più presto di ogni altro pesce, onde l'antico pro- 
verbio che indisse oleum satis est. 

Quantunque due delle tre specie marine, senza parlare della nostra nuova lacusirisj 
fossero state effigiate e denominate dal Rondelezio, pure gli autori successivi o non 
vedendole o non sapendo distinguerle, le passarono sotto silenzio. Assorbille così VAthe- 
rina hepsetus di Linneo^ il quale sotto cjuel titolo racchiuse i due nomi e le cUie spe- 
cie del Rondelezio non che tutte le altre di Europa. Il Delaroche colla scorta dei Pes- 
catori d'Ivica ritrovò le due specie Rondeleziane e ve ne aggiunse una terza: egli però 
come fece per i Muggini non le valutò che per semplici varietà. 11 Risso cui devesi il 
vanto di aver saputo apprezzar Rondelezio e studiare profondamente il suo libro, fece 
risorgere le due specie del medesimo alla moderna nomenclatura, quantunque non lo 
citasse in questa occasione. Al Cuvier per altro si rimaneva la gloria di far distinguere 
solidamente le tre Atherinae mediterranee accennate già dal Delaroche, e di aggiun- 
gerne un'altra propria dell'Oceano, ove non si rinvengono le nostre. 

La sola figura meritevole di esser citata del maggiore e primo nostro Latterino 
{ A the rina hepsetus^^ Cu.\.) innanzi che apparisse la recentissima del Signor Valencien- 
nes, pubblicata dopo la nostra e giuntaci ora soltanto, erasi quella del Duhamel. I pro- 
fili tanto del dorso che del ventre sono leggermente convessi. La maggior altezza cade 
al terzo anteriore del pesce, nella cui lunghezza è compresa sei volte e mezzo ; la 
grossezza poi misura due terzi dell'altezza. La parte assottigliata del tronco, alta un 
terzo del corpo, giunge appena alla settima parte dell'animale. Il capo è lungo poco 
meno di un sesto del pesce. Il diametro dell' occhio è compreso piìi di tre volte nella 
lunghezza del capa; ed uguaglia tanto la distanza dell'orbita dalla punta del muso, 
quanto lo spazio tra un occhio e l'altro. La prima dorsale comincia quasi alla metà 
del pesce, esclusa la caudale: nove sono i raggi che la compongono; dal primo di essi 
che è il piìi alto van gli altri gradatamente diminuendo di altezza in modo, che l'ul- 
limo giunge appena a misurare un terzo del primo, che uguaglia l'altezza del capo: la 
base di questa pinna è due terzi dell'altezza del primo suo raggio. La seconda dorsale 
costituita da undici raggi molli, scende alcun poco in addietro, essendo gli anteriori i 
più alti, ma non quanto nella prima dorsale ; dista dalla prima due terzi della lun- 
ghezza del capo, e si estende quanta è l'altezza dei primi raggi dell'altra. Le pettorali 



V 



ATHERINA HEPSETUS. 



SÌ trovano al ài là dell'opercolo per una distanza uguale al semidiametro dell' occliìo; 
la loro lunghezza è uguale alla maggiore altezza del pesce. Le ventrali si trovano inte- 
state più vicino all'ano che al margine dell'opercolo quasi sotto la punta delle petto- 
rali, e si estendono per tre quarti delle medesime. L' anale un poco più eslesa della 
dorsale posteriore, ed alta quanto essa, ha la sua origine quasi perpendicolare a quella 
della medesima, distando dall'ano quant' è la maggior altezza della stessa dorsale: do- 
dici sono i rag-gi che la compongono. La caudale bipartita in due lobi fino alla metà 
posteriore è lunga la settima parte di tutto il pesce. 

Giunge questa specie a quattro e cinque pollici di lunghezza. Cinquantaclnque o 
cinquantasei sono le sue vertebre: le cinque prime hanno dilatate e contigue le apo- 
fìsi spinose. Tre o quattro dalla trigesimaterza in poi servono a formare quella cavità 
entro la quale si prolunga in punta il notatojo : le apofisi di queste non sono affatto 
dilatate. / 

Ben lungi dall' essere questa Jtherina la specie più comune del Mediterraneo, è 
su tutte le coste d'Italia molto meno frequente dell' ^. Bojeri e dell' ^. Mochon„ nè 
chiamasi Latterino più delle altre; per distinguerla dalle quali i pescatori esperti la di- 
cono anzi Latterino sardaro. Sauclet la chiamano in Linguadoca, e nella Spagna Chu- 
cielo. Sembra sparsa per tutto il Mediterraneo, specialmente nei più reconditi suoi seni, 
e volge anch'essa per la costa oceanica dell'Affrica facendosi vedere in copia alle isole 
Canarie, ove la stivano in barili ad uso delle nostre Alici. 



ATHE RIN A 

LATTERINO 



M O C H O N 

COMUNE 



JTHERINA corporis longitudine altitudinem vix sextiiplo superante: capite ohtusìuscuìoj cor- 
poris altitudine multo longiorii oculo parum majori spatio anteoculari: pinnis dor^salibus 
subpropincjuiSj, antica fere media supra ventralium exitum nascenti: veftebris quadra- 
gintasex. i. D. 7. vel 8. 2. D. i^ii. P. i5. V. i/5. ^. 1/17. C. 17. 

A.THERINA. HEPSETUS yar. 2. MocLo seu Moohoa, Delaroclie, Mém. Poìss.lvig. in Ann. Mus. XIII. p.358. 
ATHERiNA MOCHON, C uv. Rcgn. Anim.'À, ed, 1 1. Valenc.in Cuv. etp^aleno. Hist.Nat. Poiss, X.p.l{'^l{. 

MOCHON d'Ivica, Cuv. loco citato, 

l^otto il nome eli Mochon_, che al dire del Delaroche porta nell'Isola d'Ivica cpe- 
sta sua creduta varietà, il gran Cuvier eresse in seggio di specie il presente comunis- 
simo nostro Latterino che fino al suo tempo andò confuso con V hepsetus come tutt'i 
Latterini di Europa. Simile è tanto a quello, che appena Jo fariano ricevere per specie 
la statura più piccola, i due raggi di meno nella prima dorsale e il maggior numero 
de' raggi molli de' quali si compone la pinna anale, se non fosse il tanto minor numero 
delle vertebre. 

Anche nella presente specie i profili del dorso e del ventre sono leggermente con- 
vessi; e se vogliamo attendere alle più piccole differenze, quello del ventre è alquanto 
più convesso di quello del dorso. Delle tre del Mediterraneo questa ci offre la più pic- 
cola corporatura. La di lei maggior altezza prosegue costante quasi dal mezzo delle 
pettorali fino alla prima dorsale, e vien compresa poco più di sei volte nella lunghezza : 
la grossezza del tronco, che apparisce più compresso e men turgido che neW hepsetus j 
è la metà dell' altezza. La parte assottigliata del tronco alta poco più di un terzo del- 
l' altezza del pesce arriva a misurare un sesto della totale lunghezza. Il capo simile per 
la forma a quello della suddetta specie, ma meno acuto e più turgidetto alle tempia, 
è contenuto poco più di cinque volte nella lunghezza del pesce: più larghetta è la fron- 
te quantunque non lo sia quanto neW'J.Boferi. 11 diametro dell'occhio è un terzo della 
lunghezza del capo: tre quarti di esso si trovano tra la punta del muso ed il margine 
anteriore dell'orbita: simile misura occorre tra un occhio e l'altro; molto maggiore è 
per conseguenza lo spazio che passa dal suo termine posteriore al margine dell'oper- 
colo. La prima dorsale è inserita circa a' due quinti della lunghezza, ed è composta di 
sette o otto raggi : il secondo ed il terzo sono i più alti e misurano tre quarti dell' al- 
tezza sottoposta: l'ultimo è appena tre quinti de' più lunghi: la base della pinna si 
estende quanto è alto quest'ultimo raggio. La seconda dorsale nasce a tal distanza dal 
l'origine della prima quanta è la quinta parte di tutto il pesce: lo spazio che corre fra 
l'una e l'altra è perciò minore della metà della lunghezza del capo: viene essa costituita 



I 



1 



ATHERINA MOCHON. 



da dodici raggi, il primo de' quali semplice, gli altri ramosi; cortissimo è il primo, il 
più lungo è il secondo ; e gli altri van gradatamente diminuendo in altezza per modo 
che l'ultimo è appena la metà di questo: la di lei base uguaglia l'altezza di esso raggio. 
Le pettorali si allontanano con la loro intestatura dall'opercolo quasi per un sesto della 
lunghezza del capo: la loro lunghezza è alcun poco maggiore dell'altezza del pesce. Le 
ventrali si trovano intestate più vicino all'ano che all'opercolo poco prima che termi- 
nino le pettoi'ali: la loro lunghezza arriva a tre quarti delle medesime. L'anale tragge 
la sua origine precisamente sotto quella della seconda dorsale, e protrae il suo termine 
alcun poco oltre quello della nominata pinna : dieciotto sono i raggi che la comporì- 
gono, gli anteriori de' quali corrispondono in altezza a quelli similmente anteriori della 
detta pinna dorsale: gli altri vanno gradatamente scemando d'altezza. La caudale mi- 
sura quasi un settimo della totale lunghezza i è bipartita in due lobi dopo i tre quinti 
anteriori della sua propria. La fascia argentea dei lati più stretta è forse più splendida 
che nelle altre specie; e questa è la sola differenza osservabile nei colori. 

Lo scheletro ha quarantasei vertebre: e il cartoccetto della base della coda, abbrac- 
ciato da sole tre vertebre di non dilatate apofisij incomincia dalla vigesimaquarta. 



ATHERINA LACUSTRI» 



LATTERINO DI LAGO 



ATHERiNA longitudine eorporis altitudinem septuplo superante: capite acutiusculOj corporìs 
altitudine valde longiori: oculo majori spatio anteocularii pinnis dorsalibus remotis- 
simiSj antica prceposita supra ventralium retropositarum originem nascenti : vertebris 
quadragintaquatuor. i.D.'j. vel^. 2.Z>. i/ii. P. i5. J^, ij^. A.iJìq.. C.i']. 

N...... 

correnti, i Latterini che pur sono nei laghi, quantunque i naturalisti fino ad ora non ve 
li abbiano sospettati. E sì vero che la gran simiglianza del marino e del lacustre Latte- 
rino ha distolto fin ora gli Ittiologi, che forse li ebbero talvolta sott' occhio, dall' insti- 
tuirne osservazioni parallele e particolari per rilevarne le differenze reali. Si trovarono 
così d'accordo col volgo, benemerita sempre benché involontaria scorta delle indagini 
de'savj : imperocché con una credenza quasi religiosa ti dice vivere in qualche lago 
talun pesce marino, e ne fa meraviglioso argomento che que' bacini corrispondano con 
l'oceano sotterra, o che inabissati i crateri vulcanici scuoprissero le sottoposte acque 
marine. Queste ed altre simili fole spacciano principalmente i semplici abitatori de' colli 
laziali, che tanto dal lago Albano cui dicono di Castel Gandolfo quanto da quello di 
Wemi, traggono ed imbandiscono Latterini in nulla creduti diversi da quelli che nelle 
spiagge d' Anzio e di Astura vengono tra le reti dei pescatori, 

Non però tutti i laghi d' Italia contengono questo Latterino» anzi noi non l' abbiamo 
-Verificato che in alcuni vulcanici dello Stato Romano. Cosi ne van privi quelli di Pe- 
rugia, di Piò di Lugo, di Vico etc. etc. mentre invece ne abbondano quelli di Bolsena, 
di Bracciano, e l'Albano e Nemorense già detti. In quest'ultimo poi quantunque piìi an- 
gusto crescono Latterini assai maggiori di mole, Pescansi con nasse e con reti nelle 
buone stagioni solendo nell'inverno difendersi dalla rigidezza del clima nei profondi 
meati. Delicati al pari e forse anche più delle specie marine muojono appena usciti 
dair acqua, e appena colti nella rete; nè v'ha pescatore che possa vantarsi di aver visto 
un Latterino. vivo. 

Il grande slontanamento delle pinne dorsali basta a far riconoscere questa specie 
a colpo d* occhio tra le altre. 1 due profili del dorso e del ventre leggermente ed ugual- 
mente convessi si vanno assottigliando insensibilmente verso la coda. L'altezza del corpo 
che supera di un terzo la larghezza vien compresa quasi sette volte nella lunghezza. 
La parte assottigliata del tronco è poco più di un sesto della lunghezza totale. Il capo 
acuto, rotondato all'apice, misura men di un sesto della detta lunghezza. L'occhio è 
piuttosto grande, superando il suo diametro un terzo della lunghezza del capo; imo 
di questi diametri corre tra il margine posteriore e l'estremità dell'opercolo, tre soli 



ATHERINA LA.CUSTRIS. 



quarti tra il margine anteriore e la punta del muso : molto meno di un diametro final- 
mente misura la distanza tra un occhio e l'altro, essendo strettina la nuca. La Locca 
-è assai protrattile capace di estendersi quasi quanto è lunga la metà del capo. L'ano 
s'apre un poco piìi indietro ohe nelle altre specie, e corrisponde alla metà dello spazio 
fra le due dorsali. L'anteriore di queste si trova assai prima della metà del tronco a 
due lunghezze del capo dalla punta del muso, ed è costituita da sette raggi: gli an- 
teriori pili lunghi uguagliano la larghezza del corpo, ed i posteriori ne souo la metà 
più brevi: questa pinna ha la base uguale in lunghezza all'altezza degli ultimi raggi. 
La seconda dorsale si origina dopo la prima in modo che tra l'una e l'altra si trovano 
più di tre quarti della lunghezza del capo: essa vien costituita da undici raggi ramosi: 
gli anteriori sono i più lunghi, decrescono quindi a mano a mano che vanno verso il 
termine; la lunghezza de' più alti è uguale a quella dei raggi anteriori della prima dor- 
sale: questa seconda si allunga quanto sono alti i suoi primi raggi. Le pettorali s'inte- 
stano presso l'estremità dell'opercolo ad una distanza eguale quasi ad un terzo del dia- 
metro dell'occhio, e ad un terzo dell'altezza del corpo partendo dal dorso. Le ventrali 
equidistanti dall'ano e dall'opercolo cominciano pochissimo più avanti alla prima dor- 
sale, dopo il termine delle pettorali di cui souo più corte un quarto. L'anale è più lunga 
della seconda dorsale di un quinto circa,, ed è collocata in modo che il suo termine 
cade sotto quello della dorsale stessa, cui è simmetrica per tutta quella parte che le cor- 
risponde. La caudale si divide in due lobi alla metà della sua lunghezza» la quale è un 
sesto della tota>le del pesce. 

Giunge nel lago di Kemi ad oltre tre pollici di statura: rimane assai più piccolo 
negli altri laghi. Pei colori è forse alquanto più chiaro delle specie marine: la sua 
fascia argentea strettina è assai ben definita.. Sole quarantaquattro sono le vertebre; e il 
cartoccetto della base della coda, simile a quello della Mochorij. è abbracciato come irì 
essa da sole tre vertebre» cioè dalla vigesima quarta, vigesima quinta e vlgesima sesta. 

Non meno nuovi de' graziosi pescetti de' quali parliamo son tutti quegli altri pesci 
che ne' suddetti laghi suburbicarii si vivono,, se ne togli VJnguilla e lo SpinaFeMo. Nuova 
è la Tinca che raro o. mai vi si desidera, nuovi i Leiiciscij nuovo anche il Blennio [Blen- 
nius antìcohùSj Nob, ) che sotta il nome di LupetéOj, di AnticolOj di Capocaccioncj s'ap- 
presta nello stesso piattello, e con egual condimento de' Latterini a gentil frittura desti- 
nati egualmente dalle cucine del popolo e de' signori. Perciò di tutte queste specie dob- 
biani trattare nella nostra Iconografia, ed acciocché Y Athenna novella si distingua su- 
bito nella scienza ed abbia condegno luogo ne' cataloghi, la dimandiamo Atherina la-^ 
custris ossia Letterina, di lago^, dalla stazione tutta sua propria^ 



\ 



ATHEHINA BOYERI 

LATTERINO CAPOCCIONE 



Atherina corporis longitudine altitudinem quintuplo superante: capite latOj obtusiusculoj,. 
vix longiori corporis altitudine: oculo mlde majori spatio anteoculari: pinnìs dor- 
salibus appropinquatisj antica retroposita supra ventraliuni aìitepositarum exilum na- 
scenti: vertebris quadragintaquatuor. 

I. D. 7. 2. D. 1/12. P. 14. V. 1/5. J. i/i3. C. ij. 

ATHERiNÀ. HEPSETus, var. 3. CaliasuJa , Delaroche , Mem. Poiss. Ivic. inAnn. Mus. XIII.p.ZS']. 

ATHERINA BOVERi, Eisso, Ichlliyttlog. Nic. p. 555. sp. 2. lab. io. fig. 58 Id, Hist. Nat. III. p. 470. sp. 377. 

Cuv. Règn. Anim. 2. ed. II. p. 255, Valenc, in Cuv. et Val. Hist. Poiss. X. p. 452. tab. 5q2. fig. 2. 
HEPSETUS. Rond. Pise. 3Iar. I. lib. Tìì. cap. z. p. cuni/ig. Gesn. Aquat. IK.p. ^l- 

TjKVARonvs, Gesn.Aq. IV. p.jS. Aldrov, Pisc.lib.ii.cap.xx-ay'n.p.^iS.cum flg. Jonst. Pise. lib.]. art.xii,p.52. 
Pisciculus ANGDELLA Venetiis clictus, JVillughb, Ichth. lib. h, cap.'s.up. Oiog. Rafi Synops. p. 79.5^.2. 
JOEL dii LangueJoc, CABASSOUOA d'Ivica, Cuv.loc.cit. 

Il Rondelezio che disse Atherina la nostra Atherina hepsetus addimanclò Hepsetus 
questa diversa specie di Latterino, che in Provenza chiamano Joelj come fin dai suoi 
tempi la dicevano Juoil. Modernamente osservolla il Risso, e la disse Atherina Bojeri. 

Non giunge alla lunghezza dell' Hepsetus j ed ha forma tozzotta più di ogni al- 
tro Latterino. Corre per ogni dove il Mediterraneo, ed è facile a rinvenirsi in qua- 
lunque costa d'Italia, ove promiscuamente co' poco dissimili pescetti vien tra le reti. 
Qualora però i pescivendoli non siano cauti a dividerlo, nò i cuochi ne scevrino la 
derrata, ben si accusa da se stesso al palato de'mangiatori di gusto con una carne men 
buona; locchè accade sovente in Roma ove ne' mercati non suol badarsi a si minuta 
differenza, mentre il Genovese più destro lo distingue perfino col nome di Occion per- 
chè ha l'occhio più grosso, come per la maggior grossezza del capo in Ispagna lo dicono 
Cabasudaj che suona Capoccione presso i pescatori di Napoli, di Gaeta e Civitavecchia ; 
onde ci sembra che ad esso piuttosto che aìYA. hepsetus debba riferirsi il Cabassou di 
Provenza. 

E sì vero che per queste esagerate forme, non meno che per la bocca più vertical- 
mente fessa, porta una diversa fisonomia. Cinque volte è più lungo di quanto è alto, 
della qual lunghezza il capo largo ed ottuso misura una quarta parte e poco più. 
Il profilo del dorso è convesso assai più che non quello del ventre; ed ambedue si rav- 
vicinano sensibilmente ad un tratto al di là della dorsale posteriore e dell' anale : la 
parte assottigliata del tronco alta un quarto dell' altezza del pesce equivale ad un sesto 
della totale lunghezza. Il diametro dell'occhio è un terzo maggiore della distanza che 
passa tra il suo confine e l'apice del muso: un diametro corre tra il margine posterio- 
re dell'orbita e l'estremità dell' opercolo, tre quarti di diametro passano tra un occhio 



ATHERINA BOYERI. 



e l'altro quantunque larghissimo sia quest'intervallo. Men protrattile delle altre specie 
ha la mascella superiore, ma denti in maggior numero e meglio visibili, i quali nella 
inferiore uguahnente si dispongono in angusta schiera, ed in altra sul vomere. La sua 
pinna dorsale anteriore è piccola, nasce alla metà della lunghezza del pesce, esclusa 
la caudale, ed è costituita da sette soli raggi assai gracili, il secondo de' quali è il più 
lungo, il primo tre quarti del secondo, gli altri van gradatamente scemando d'altezza 
in modo che l'ultimo giunge appena ad un terzo del secondo: la base di questa pinna 
è la metà della lunghezza del secondo raggio. L'origine della seconda dorsale si allon- 
tana da quella della prima per un sesto della totale lunghezza^ talché fra l'una e l'altra 
di queste pinne misurisi molto meno della mela del capo : tredici sono i raggi che la 
costituiscono, de' quali il primo semplice e corto, gli altri ramosi; più lunghi sono il 
secondo ed il terzo uguali in lunghezza a tre quinti dell' altezza del pesce : la base di 
questa pinna si estende quanto s'innalzano i suoi raggi più lunghi. Le pettorali si tro- 
vano distanti dall'opercolo un terzo del diametro dell'occhio, la loro lunghezza ugua- 
glia i quattro quinti dell' altezza del pesce. Le ventrali si trovano intestate più vicino 
all'opercolo che all' ano sotto i tre quarti della lunghezza delle pettorali, ed uguagliano 
in lunghezza i medesimi tre quarti. L'anale si trova inserita un poco più avanti della 
seconda dorsale corrispondendo col suo termine sotto a quello della medesima pinna : 
vien composta di quattordici raggi, il primo dei quali semplice, gli altri ramosi, il se- 
condo ed il terzo i più luoghi superando eziandio la lunghezza dei raggi anteriori della 
seconda dorsale. La caudale entra cinque volte e mezzo nella lunghezza totale, e si 
divide in due lobi dopo due terzi della propria lunghezza. 

Ne' colori è simile alle altre specie: ma de' neri minuti punti, alquanto in lei più 
fitti, macchiasi il dorso con più bella regolarità; delle quali macchiuzze accade sovente 
che se ne vegga una serie lungo il margine inferiore della fascia argentea de' fianchi, 
larghissima in essa, e un qualche gruppo ancora sulla parte superiore dell'opercolo. 

Giunge alla lunghezza di tre pollici e mezzo. Lo scheletro si compone di quaranta- 
quattro vertebre, venti delle quali spettano alla coda. Le quattro o cinque più prossime 
al capo hanno apofisi spinose, compresse a guisa di creste quasi membranacee, e con- 
giungentisi l'una con l'altra. Le quattro più prossime all' origine della coda hanno le 
apofisi trasverse dilatate e in circoli riunite, locchè forma dietro l'addome una specie 
di piccolo imbuto che dà ricetto al notatojo. L'addome è presso che accerchiato da co- 
stole gracili aventi una piccola appendice verso la base. 

Le viscere nulla han seco di singolare, salvo che lo stomaco è alquanto più glo- 
buloso e più largo relativamente alle altre specie, e il notatojo prolungasi maggiormente 
al di là dell'ano. Il peritoneo non è tanto nero, nò tanto risplendente l'argentea sua 
superficie. 



/ 







\ 



GONOSTOMA DENUDATA 

GONOSTOMO CODASPINOSA 



GQNOSTOMA fusco- argentea j, squamis grandibuSj, argenteis^ deciduis: punctis argenteis serie 
duplici utrinqae in abdomine : cauda bifurca spimdis sex infra supraque ante basini, 
i.^ D. i5. 2.«/?. 5. rud. P. IO. F. 6. J. 3o. C. 24. 

GONOSTOMA DENUDATA, RafiTi. Ind. Itt. Sic. p. 64. gen. xxyiii. s.p. 38o. 

GASTEROPELECUS ACANTHURus, Cocco, in Giorn. Sc. etc. Sic. 1829. Fase. Ixxvii. art, in. p. l/^5. 

GoNosTOMus ACANTHURUS, Cocco, Leit. su' SalmonicU IH N. u4nn. Sc. N al. Boi. Fasc. ìK. p. 5. sp.i .iab.i. fig 1. 

QONQSTOMA SPOGLIATA, Ma/m, locO CÌt((ÌQ^ GONQSTOMO CODA-SPINOSA, Co^CO, loc.cit. 

Se pOTerissima è l'Ilalia in Sahnonidi di acqua dolce_, giacche la centrale e me- 
ridional sua parte non vantano che la saporita Trota ( Salmo Fario, L. ) tanto varia- 
Lile nel color del manto e perfin della carne, mentre la settentrionale non vede convi- 
vere secolei ne' suoi grandi laghi che poche altre specie congeneri oltre un Thymallus 
e qualche Coregoniis ; altrettanto è ricca in Salmonidi marini^ del che fanno fede le 
tavole ahhondantissime di specie nuove che prendiamo ad ilhistrare. Al piacere di oc- 
cuparci di loro vien mescolandosi frattanto un timore giustamente riverenziale, impe- 
rocché i fluviatili ed i lacustri formano di presente il soggetto delle profonde indagini 
dell'Agassiz, non meritate ancora da cpelli di cui trattiamo, e sarehbeci riuscita meglio 
la impresa dai suoi lumi ajutata che dal suo confronto atterrita. 

La grande e naturai famiglia dei Salmonidi compresa quasi tutta da Linneo ne' suoi 
due generi Salmo e Argentina^ era neli' arlificial sistema del Cuvier la quarta dei suoi 
Pesci malacopterigii abdominali ; e nel nostro che sempre più vorremmo armonizzare 
con la natura, costituisce la quarantunesima famiglia della Classe de' Pesci, decimaquar- 
ta dell'ordine dtì Cicloidei (o Cjprini che dir si vogliano) collocata fra i Clupeidi e gli 
Esocidi. Congiungesi alla prima mediarne gli Scopelini^ con la seconda per mezzo de- 
gli Hydrocionini. Caratteri della famiglia sono: Il corpo squamoso; le pinne sprovviste 
di qualunque osseo o spinoso raggio; le ventrali sospese sotto l'addome più indietro 
delle pettorali, e non attaccate alle ossa della spalla; due dorsali, la di cui seconda 
è adiposa, vale a dire costituita semplicemente da una borsetta pellicolare ripiena di 
pinguedine (circostanza ripetuta soltanto in alcuni Siluridi^ famiglia di un Ordine di- 
verso): gl'intestini ciechi numerosi: resistenza del notalojo. 

La struttura e Tannatura degli organi della masticazione in veruna altra famiglia 
naturale variasi più che in questa; e perciò la decantata voracità di tutte le sue spe- 
cie non può fare a meno che in alcune vada soggetta a non leggera modificazione. 
Esempio solenne che i caratteri tratti dagli stessi organi non serbano in tutti i gruppi 
la medesima importanza. Poche ugualmente delle altre generalità che abbiam' dagli 
autori potremmo ragionevolmente applicare all' intiera famiglia. Le specie essenzial- 

i38 



s 



I 



GONOSTOMA DENUDATA. 

mente marine, per esempio, non può dirsi che rimontino i fiumi, ed abbian così squi- 
sita la carne ; perciò non intrattenendoci più a lungo sul di lei complessivo, passiamo 
a suddividerla in sei sottofamiglie: ScopeUni_, Julopodini_, Sternoptyginij Salnionini_, Mi- 
letidinij Hjdrocjonini. 

Scopelinì chlamiam quelli che più somigliano i Clupeidi vestendone anco i colorì 
argentini : hanno essi la bocca grandemente squarciata, coi margini della mascella in- 
tieramente formati dalle ossa intermascellari : denti piccolissimi; la lingua, se non il pa- 
lato, priva affatto di essi: i raggi branchiali in numero minore di dodici: le squame 
grandi, lisce, caduche: le pinne ventrali retroposte : la seconda dorsale adiposa sì, ma 
pur costituita da simulacri di raggi. 

Julopodini appelliamo quelli, che hanno la bocca fessa molto al di là degli occhi, 
co'rnargini della mascella intieramente formati dalie ossa intermascellari: numerosi acu- 
tissimi denti non solo nelle mascelle ma sulla lingua eziandio, sulle ossa palatine e sulle 
faringee: raggi branchiostegi più che dodici : le pinne ventrali impiantate molto all' in- 
nanzi: la pinna adiposa senza vestigio alcuno di raggi. Il corpo loro è intieramente ve- 
stito di squame grandi, aderenti, ciliate. 

Stemoptjgini son per noi que'pescetti stravagantissimi, di corpo corapressissimo se- 
curiforme, col taglio della bocca diretto all' insù, e il margine della mascella formato 
nei lati dalle ossa mascellari; ì quali appena possono stimarsi Salmonidi attesoché la 
pinna adiposa è sostituita in essi da una tenuissima membrana bassa e prolungata. 

Salmonini diciamo quelli che hanno ampia l'apertura della bocca, e il margine della 
mascella formato in parte soltanto dalle ossa intermascellari; schiera di pesci che rac- 
chiude i più potentemente dentati, perchè hanno denti per lo più acuti, disposti in una 
o due serie, sulle ossa mascellari, sulle intermascellari, sulle palatine, sulle mandibo- 
lari, sulle faringee, sul vomere e sulla lingua. Le squame loro son piccolette, e inte- 
gerrime: le pinne ventrali retroposte: la pinna adiposa non ha vestigio di alcun raggio. 
Appartengono a questi gli squisitissimi dei Salmonidi, tra cui quelli stessi che son di 
mare rimontano i fiumi per usar la Venere, travalicando le cataratte e i rapidissimi 
ruscelli delle più alte montagne. Di questi appunto va ora esclusivamente occupan- 
dosi l'Agassiz, nè può fallire di metter luce nella oscura confusione che li ravvolge. 

Miletidini han da noi nome quelli, la cui bocca è poco fessa, e il margine della 
mascella costituito in parte soltanto dalle ossa intermascellari: i denti loro sono ottusa- 
mente prismatici e coronati di tre punte : privi ne son la lingua ed il palato. 

Hfdrocjon'mi finalmente diciamo quelli che hanno il margine della mascella costi- 
tuito come i precedenti, molto però fessa la bocca, e denti conici o acuti, non però 
sul vomere e sulla lingua che ne son privi: una lamina sottorbitale protegge loro le 
gote. Queste ultime due sottofamiglie non si trovano in Europa. 

Prendendo a dire degli Scopelinì Italiani non possiam meglio condurci che ripe- 
tendo le notizie sparse recentemente dal eh. signor Dottor Cocco di Messina, nome 
oramai celebre nella Ittiologia, il quale piacquesi dirigerci una sua dotta lettera rela- 
tiva alle specie Siciliane resa da noi di pubblico diritto. Che se nei seguenti articoli 
nostri, e nelle relative figure si trovasse alcun che da potersi credere migliore di quanto 
se ne vide finora, sappiasi che anche di questo gli si apparterrìa tutto il merito, poiché 
ci fu largo eziandio di privata corrispondenza e di preziosissimi esemplari. Alla sotto- 
famiglia loro pertanto ascriviamo i seguenti generi, che son tutti muniti di lunghi eigll 
Spiniformi sulla parte concava degli archi branchiali: carattere che merita l'attenzione 



GONOSTOMA DENUDATA, 



degli anatomici, e aveva suggerito al Cocco la non infelice idea di un nuovo ordine de 
Ciliobranchii , cui dovessero anco ascriversi gli Sternoptjgini. 

I. Gonoi'toma, Rafin, che ha il corpo allungato, vestito totalmente di squame uniformi, 
grandi, caduche- i denti di maggiore e minor n^ole, uniseriali; le pinne pettorali inse- 
rite in basso e molto all'innanzi; la prima dorsale assai retroposta, cioè molto al di là 
delle ventrali e al perpendicolo dell'anale. — 2. Ichtjococcus^'^oh. col corpo raccor- 
ciato, vestito totalmente di squame uniformi; i denti tutti eguali e piccolissimi, unise- 
riali, le piune pettorali spiccanti ad un punto medio; la prima dorsale anteposta, cioè 
a perpendicolo delle ventrali. — 3. Scopelus, Cuv. il cui corpo svelto rivestesi di grandi 
squame, fra le quali distinguesi la serie di mezzo, che rende assai conspicua la linea 
laterale; la cui bocca non oltrepassa con lo squarcio le orbite; i cui denti sottilissimi 
lungo le mascelle e sul palato si dispongono a fascetti; la cui prima pinna dorsale so- 
vrasta in mezzo tra le ventrali e l'anale. 4. MauroUcus, Cocco, di corpo sveltissi- 
mo inargentato soltanto, o non avendo che alcune poche squame triangolari ai lati del 
ventre; poco quindi cospicua la linea laterale; la fessura della bocca toccante appena il 
perpendicolo anteriore delle orbite; la mandibola più sporgente dtlla mascella, ed am- 
bedue fornite di rainutissltni denti: la prima pinna dorsale scarsamente retroposta alle 
ventrali, la seconda esilissima. — 5. Mjctophum, Rafin. di corpo tozzotto, vestito uni- 
versalmente di grandi squame, fra le quali distinguesi la sefie di mezzo: rotondato di 
muso; squarciato di bocca ben oltre le orbite; i cui sottilissimi denti si dispongono a fa- 
scetti come nello Scopeìas: la sua prima dorsale spicca al perpendicolo delle ventrali : 
ha brevi le pettorali che appena giungono sotto di quella. — 6. Lampaiifctus, Nob. di 
corpo svelto, coperto per ogni dove di grandi squame, con la serie di mezzo non troppo 
distinta: acuto di muso, e squarciatissimo di bocca anco più del precedente; dal quale 
non differisce nei denti, e poco nella collocazione della prima dorsale: ha però lan<diis- 
sirne le pettorali, che si stendono insino al termine della medesima. — 7. Chloroph- 
thaìmus^ 'Noh, di corpo più terete degli altri, di squame uniformi, sulle quali però ri- 
leva assai bene la linea laterale: di breve squarcio di bocca: di occhio smisurato, el- 
littico, che lo distingue dagli altri della famiglia, ^, 8. Qdonstomus, Cocco, svelto e' fu- 
saio di corpo, privo di squame e trasparente, seppur non siano piccole e caduche, dissi- 
mde dagli altri tutti, perchè ha denti grandi, e gli anteriori speciahnente che eccedono 
dalle mascelle. 

Facendoci ora dal primo, è da sapersi che stabilito sopra fallaci basi dal Rafinesque 
fu ricostruito dal Cocco, che modificò il primitivo nome in quel di Gonostomus, e gli as- 
segnò tre specie. Noi tultavolta lo ristringiamo a quella sola, cui per motivo di anterio- 
rità dobbiamo conservare il nome specifico Denudala^ quantunque il Cocco le ne so- 
stituisse uno migliore, 

Questo pesce ha forma di un pistone molto compresso cosi nel capo come nel corpo, 
lì profdo del dorso corre quasi retto dall' occipife fin verso la dorsale anteriore, cui pri- 
ma di giungere si fa in sensibd modo ascendente, poi discende e va dolcemente con- 
cavo fino alla origine della caudale. Il profilo del ventre procede pur essQ alquanto con- 
vesso fin dove spicca l'anale, quindi si continua con lo stesso andamento del superiore. 
La maggiore altezza, che supera Ire volte e un quarto la grossezza, misurata al termine 
dell'opercolo, è un sesto di tutta la lunghezza del pesce. 11 capo, lungo poco più della 
propria altezza, è compreso tre volte, nello spazio che corre dal suo termine alla origine 
della coda, ha ottuso il muso, e dolcemente declive la fronte. L'occhio occupa una s'osta 

i38* 



GONOSTOMA DENUDATA. 



parte della lunghezza della testa, è situato molto superiormente, dista un suo diametro 
dall'apice del muso, ed uguale è pur la distanza che l'un dall'altro divide. Ampia molto 
è la bocca che squarciasi fin quasi al termine del preoper€olo. La mascella ha il suo 
margine convesso quasi per tutta la sua lunghezza. La mandibola, larga alla base un 
quarto circa della propria lunghezza, n'è alquanto più lunga: offre un piccolo tubercolo 
nella parte inferiore della sua sinfisi ; e quando la bocca è chiusa trovasi dalla mascella 
interamente coperta: rilevasi sotto essa una carena longitudinale formata dal contatto 
delle due ossa, onde si articola. La dentatura componesi di quattordici o quindici denti 
per ciascun lato grandetti, acutissimi, e alquanto ricurvi; tra l'uno e l'altro de' quali ne 
sorgono cinque o sei molto più piccoli : que' della mandibola sono alquanto minori. Le 
duplici narici trovansi lungi dall'apice dei muso per quasi un semidiametro dell'occhio: 
l'anteriore è circa tre volte più piccola della posteriore. Il sottorbitale anteriore, sotto 
cui la mascella nascondesi in parte, ha forma allungata ; il posteriore l'ha ovale acuta. Il 
preopercolo è molto angusto, e rastremasi più di grado in grado che ascende. L'oper- 
colo è obliquo, di figura parallelogrammica, la di cui larghezza è la metà meno della 
lunghezza. La membrana branchiale, breve, ha dieci raggi sottili ed incurvi: le ciglia 
delle branchie sono lunghe e spinose. Le caduche squame penetrano profondamente 
nella carne; la forma loro è irregolarmente ellittica; sono notate di strie concentriche, 
e sovrappongonsi l'una all'altra per metà. La linea laterale, poco visibile, corre dritta 
in tutta la sua lunghezza. L'ano piuttosto ampio apresi nella metà del pesce. La pinna 
dorsale anteriore spicca poco al di là del perpendicolo del punto suddetto; ha forma 
pressoché triangolare, ed è quasi tanto alta che lunga: ha i due raggi anteriori spinifor- 
mi, il quinto il sesto, e il seltimo più lunghi di tutti. La posteriore è piccolissima, trian- 
golare, e dista dalla prima quanto è la lunghezza di quella. Le pettorali sono oblunghe 
situate molto in basso, tanto che s'impiantano quasi sul profilo inferiore in mezzo alle 
ventrali e alla punta del muso. Le ventrali sono flabelliformi, lunghe un terzo meno 
delle pettorali, e spiccano poco innanzi la metà del corpo. L'anale sta sotto la origine 
della dorsale anteriore, protrae la sua base fino oltre la posteriore, e va sempre rastre- 
mandosi, onde il terzo suo raggio, che più degli altri s'innalza, è quadruplo dell'ulti- 
mo; ed il primo de'due anteriori, semplici, brevissimi, è poco più della metà del se- 
condo. La caudale è forcuta co' suoi lobi molto divaricati, ottusi di punta: la sua lun- 
ghezza è la sesta parte di quella dell'intiero pesce: e d'innanzi la sua base spuntano 
tanto sopra che sotto cinque o sei spinette acute ed incurve. 

B-lsplende il pesce di un bel colore argentino, che dal muso alla coda lungo il dorso, 
e da questa alla gola lungo il ventre, tingesi di nerastro; di argenteo colore sono pure 
tanti piccoli punti, come capi di spille, i quali dall'uno e dall'altro fianco sono dispo- 
sti in due file, che nascono sotto la gola a diversa altezza, e quindi vanno convergen- 
do lunghesso il corpo (ino alla metà dell'anale, ove sì riuniscono in una che giunge alla 
base della coda. Le pinne sono bianche trasparenti, eccettuate la dorsale anteriore e 
l'anale sparse di minutissimi punti scuri. 

Vive nel mar di Sicilia; ed in altre acque non si è veduto finora. Colà tuttavia 
non se ne fa pescagione di sorta: nè sarebbe venuto a notizia, se i flutti non lo aves- 
sero gittato sulla riva, come frequentemente accade. Quindi non meritava peculiar no-' 
me dal volgo, che confondelo nella generica rmmenclatura di Pisci diauulo, cui meno im- 
propriamente danno ai Cjclopteridi. L'iqdividuo da noi figurato misurava sette pollici 
in circa di lunghezza. / 



ICHTHYOCOCCUS OVATUS 

ITTIOCOCCO OVATO 



ICHTHYOCOCCUS corpore elato: capite rotundaiOj rostro obtitsOj maxilla longiori: pinnis 
pectoralibus longissimis. i.'* D. i3. 2.« D. 3. rudim. P. 8. F~. 6. J. i6. C. 20. 

GONOSTOMUS ovATBS, Cocco, Lettera su' Salmonìdi eie. p. 9. sp.5, iah.i.fìg. 3. 

Delle due specie che sottraemmo al Gonostamus del Cocco formiamo un genere a\ 
parte, che ben giustamente dedichiamo a quell'esimio Naturalista, Qualunque sia la dif-, 
ferenza fra loro, maggiore è quella che intercede tra ciascuna di esse e la Denudata^ de- 
scritta di sopra. Basti osservare i margini delle mascelle tanto diversamente armati, e 
la respeltiva posizione delle pinne. 

Il corpo di questa è ovato anteriormente, oblungo ed assottigliato nel suo terzo po- 
steriore. Il profilo del dorso è assai convesso dall'apice del muso fino al termine della 
dorsale anteriore, ove fassi leggermente concavo, e si protrae così fino alla coda : l'infe- 
riore è quasi retto fin dietro le pettorali, va quindi convesso fin dopo l'anale, e poi ra- 
stremandosi corre rettamente fino alla caudale. La maggiore altezza, innanzi alla prima 
dorsale, è poco meno di un terzo della lunghezza. 11 capo poco più lungo che alto, è ot- 
tuso, ed uguaglia la slessa misura. Una leggera carena segna il mezzo della fronte che 
discende dolcemente declive ed alquanto convessa. L'occhio posto assai in alto disia 
dal muso per un suo diametro, che è un quarto del capo. La bocca squarciasi fin dietro 
l'occhio. I pezzi opercolari hanno il margine rotondato. La pinna dorsale anteriore spicca 
innanzi il mezzo del corpo: la sua maggiore altezza è poco minore della lunghezza: gli 
ultimi raggi sono anche più brevi della metà dei primi. La posteriore esilissirna nasce 
quasi alla estremità del tronco. Le pettorali sono alquanto anguste, e distese lungo il 
corpo oltrepassano di alcun poco le ventrali. Queste sono corte, rotondette, e nascono 
sotto il mezzo della prima dorsale, e nel punto medio tra il muso e la coda. L'anale 
spicca dietro il termine della delta pinna, e si estende per uno spazio eguale a quello 
che la separa dalle ventrali, raccorciandosi gradatamente in modo che gli ultimi raggi 
sono il doppio più brevi dei primi. La caudale è forcuta, e costituisce poco più di un 
settimo del pesce. 

Argentino pavoneggiante è nel corpo, cui sul dorso corre una banda fosca pavoneg- 
iiiante anch'essa, e sul ventre una lar^a orlatura nera, sovra cui rilucono d'ambo i lati 
due serie di argentei punii l'una sopra l'altra, che quasi riunisconsi al termine dell'ana- 
le. Nella regione delle narici nereggia un punto: in quella degli occhi risplende sotto le 
orbite altro punto lucido accerchiato di nero: e su i pezzi opercolari ne spiccano altri 
tre. Le pinne sono giallognole sbiadate indistintamente. 

Rarissima, forse perchè la sua estrema esilità non la pose fin ora in cura degli UO' 
niini, non fu veduta fuor di Sicilia giammai. L'esemplare da noi figurato è un gigante 
tra i pochi, che siansi potuti osseryare. 

i38** 



ICHTHYOCOCCUS POWERI^E 

ITTIOGOGCO DELLA POWER 



icETHYOcoccvs corpore tenui: capite declivi ^ rostro acuto sursum verso mandibuU lon- 
giori: pinnis pectoralibus brevibus. i.^.D.i^. c^.^ D.?>.rud. P. io. F.6. A.i/^. 

G0N0ST0MU3 PowERi^, Coeco, Lettera su' Salmanidi eto^. p.']. sp.z. tab.u.fig.2... 

Solo per non moltiplicar generi non innalziamo a tal grado pur questa specie. Siam 
però persuasi che le nostre diagnosi consìglieranno altri a farlo: ed in tal caso desideria- 
mo che il nome Ichthjococcus rimanga ^iWovalus-^ e il generico di Powevia diasi a que- 
sta, cui sarà focile aggiungere lo specifico di Attenuata. At)bondiamo così voionlieri nel 
senso del prof. Cocco, rimeritando una nohil donna che utilmf?nte si applica alla Zoologia. 

Il profilo superiore del pe^ce lanceolato ascende per un piano inclinato lino all'oc- 
cipite, "d'onde va convesso fino alla prima dorsale, e quindi re.ttp.. Quello inferiore è cur- 
vo fin oltre le ventrali, quindi procede sempre retto. La maggiore altezza, clip cade 
circa il mezzo del capo, entra cinque volte in tutta la lunghezza, di cui Ja maggior gros- 
sezza è il settimo appena. 11 capo, lungo un terzo del pesce, e piii del doppio della pro- 
pria altezza, ha forma di cuneo; la fronte, poco incavata nel mezzo, declina fino al muso 
alquanto rilevato e prominente. Gli occhi vicinissimi al* profilo, grandi un terzo del ca-, 
po, distano dal suo apice quasi un diametro, e la metà fra loro. -L'ampia bocca innoltrasi 
fin dietro gli occhi; la mascella è molto convessa, la mandibola retta : i denti sono acuti, 
brevi, piccolissimi; le narici vicinissime agli occh'i. Il preopercolo è piuttosto convesso^ 
l'opercolo quasi triangolare. Squamoso è il pesce fin sottó la prima pinna dorsale:: nudo 
e semitrasparente nel resto: e le caduche squame sovrapponentesi e confitte nella car- 
ne, subrotonde, striate. La pinna dorsale anteriore, triangolare, e poco più lunga che 
alta, nasce alquanto prima della metà del corpo. La posteriore piccolissima spicca poco 
pili lungi dalla anteriore che dall'anale. Le pettorali sono quasi per metà più grandi 
delle ventrali, le quali spiccano alquanto innanzi la prima dorsale, e stendonsi ali' ano. 
L'anale bassa e quadrilatera nasce sotto il termine di essa, dorsale, e tanto dista dalla 
caudale quanto è la sua lunghezza, uguale allo spazio fra le due dorsali. Forcuta è la 
caudale poco profondamente fessa, e un sesto del pesce. 

Fin dove sono squame il colore è argenteo-amarantino: l'intervallo degli occhi, la 
nuca, il dorso sono nerastri : brilla un punto lucido accerchiato di nero presso le na- 
rici, un altro sotto l'occhio, due sotto l'opercolo, uno minore nelTapice del preoper- 
colo : parallele al ventre corrono di qua e di là due serie longitudinali di tai punti,, la 
superiore termina alla anale, la inferiore alla caudale, mostrando ivi più larghe le sue 
rotelle. La parte nuda del corpo è adorna lungo il mezzo fino alla coda di una serie di 
punti nerastri che s'insinuano nella sostanza. Le pinne son tutte bianche trasparenti. 

Raramente oltrepassa la statura in cui lo abbiam figurato, nè mai giunge ad un pol- 
lice e mezzo. Rarissimo ne' Musei è un rifiuto de' flutti siculi su quelle arene. 



SCOPELUS BENOITI 

SC0PELQ DELBENOIT 



SCOPELUS corpore elongato, castigato, altitudine longitudinis quintum vix acquante i capite 
valde longiori altitudine corporis : oculo, magriQ i^ijc minore dimidio capitis. 
i.'^' D. 14. 2.« D. 3. rud. P. i^. F. 7. J. 17. (J. 18. 

SCOPELUS BENDITI, CoccOf Lett. Su' Salmon^, età. p.ia. sp.i, tab. ii. fig. 4, 
GASTEROPELECOS HUMBOLDT!!? Bisso, Ichth. Nic. p. 55Q. sp. 5. tab. fig. 58. 

scopELDs HciMBOLriTii ? Risso, Hist. Nat. III. p. 467. sp, 375. 



l3 copeìus è nome che yien dal greco, e fii' dagli antichi attribuito ad un pesce che 
resta ancora ignoto ai Naturalisti, Volle usarne il Cuvier, e diello ad un genere di Sal- 
monidi che avria potuto abbracciare qiiasi tutti gli Scopelini attuali, se fossero stati noti 
a quel sommo. iNoi dappresso.il Cocco Io adottiamo soltanto per quelli di corpo squa- 
moso, denti a fascetti, e pinna 'dorsale intermedia fra le yentraU e l'anale, come vedem- 
mo neirarlicolo della Gonostoma denudata. 

Tre sole specie di questo genere ci son yenute sott'occhio, che sono appunto le tre 
mediterranee che abbiam figurato'. ci si oppongano come da noi trascurati quei tre 
Scopeli che il Risso, denomina Crocodilus^ Balbo, e Humboldtii; imperciocché i due pri- 
mi appartengono evidentemente a 'clae diYersi generi, ed il terzo, unico, che veramente 
sìàScopelus^ non altro è al certo che una delle tre nostre sp^ecie, e probabilmente la stes- 
sa di cui qui parliamo', come sospetta il Cocco: cosa che non possiamo verificare a pen- 
nello, atteso il dubbio in cui ne lascia la descrizione del Risso. Una quarta specie vive 
nei mari del Settentrione, cioè la celebre Argentina di Pennant, che a differenza delle 
nostre ha le ventrali equidistanti dalle pettorali e dalla caudale; e fu dal Nilsson appel- 
lata Scopelus Boreéis, ma dagli Inglesi (non sappiara sopra qual fondamento, seppur 
non sia la nuda supposizione, del Cuvier) vien creduta lo Scopelus Humboldtii. Perciò in 
tale incertezza, non, abbiamo restituito a questa quel nome, siccome avremmo desiderato, 
e con piacere gli abbiam conservato quello à\ BenoiLi.cht ricorda ai cultori della scienza 
un assai zelante e colto naturalista, dal quale attendiamo con impazienza una completa 
Ornitologia Siciliana. 

Abbenchè questi pesci sian piccoli, son tuttavia ^forti, coraggiosi,, e di tanta voracità, 
che assalgono ed inghiottono perfino le proprie specie neppur masticandole co' denti. 
Rapidissimi ancora ne' rauovimentì si slanciano, sulia preda con la velocità di una 
saetta - e nondimeno si piaccionQ di esser socievoli tra loro, ed unirsi in punte quando 
si tratti assalire un qualche mucchio di Molluschi o di Radiarli, che più abondante e 
grato cibo lor sono, Amano la vicinità delle sponde, presso le quali sogliono le femmine 
deporre fra mezzo a pietre calcaree le uova in estate, che numerose e giallastre sbuc- 



I 



SCOPELUS BENDITI. 



ciano prestamente dopo alcuni pochi giorni di sole ardente. Muojono appena vengano 
al contatto dell'aria: nel che, ed in altro ancora tengono molta somiglianza con le Athe- 
rinae. La carne loro è però flaccida, e di sapore non buono. E tutte queste cose che ab- 
biam dette degli Scopeli si avverano in tutti gli Scopelini. 

Il corpo di questa specie è piuttosto lunghetto, e nel terzo posteriore si assottiglia 
molto, e si comprime più assai. Simili quasi sono i profili del dorso e del ventre, dol- 
cemente curvi, se non che il secondo presenta un maggior seno dopo il principio della 
pinna anale. La maggior altezza del pesce è un quinto della sua lunghezza. 11 capo al- 
quanto compresso, grosso poco più delia metà di quanto è lungo, cape tre volte e mezzo 
nell'intiero animale: la fronte scende mediocremente declive, ed ha ben distinta care- 
na: il muso è ottuso: l'ampia bocca squarciasi obliquamente fin dietro gli occhi: la ma- 
scella obliqua e lievemente concava allargasi e rotondasi posteriormente: la mandibola 
alquanto più lunga è obliqua nel senso inverso cioè ascendente; e le sue ossa nel con- 
giungersi formano posteriormente una carena, e anteriormente prima di toccarsi con 
la punta si discostano, lasciando fra sè uno spazio ovale. I denti, minutissimi, appena 
visibili, si dispongono in poco distinte serie: gli occhi distano un terzo del diame- 
tro loro dal muso, l'un dall'altro la metà di esso diametro compreso due volte nella 
maggior altezza del capo. Le narici anteriori sono rotondette, e tengono il mezzo tra il 
muso e il margine delle orbite; le posteriori sono ovali e alquanto più grandi. Il preo- 
percolo è diviso dall'occhio per un terzo dello spazio che corre tra questo e il margine 
posteriore dell'opercolo; il suo margine ascendente è incurvato: l'opercolo è promi- 
nente e alquanto ottuso, e discende rotondandosi e adossandosi al subopercolo, che ha 
forma ellittica allungata. Le squame grandi, caduche, quasi rotonde, concentricamente 
striate, sono alquanto oblunghe sui fianchi con intaccature nel margine anteriore. La li- 
nea laterale corre quasi retta. L'ano quasi rotondo apresi più prossimo alla coda che al 
capo. La prima pinna dorsale spicca innanzi la metà del tronco, ed è più alta che lunga; 
ha i due primi raggi semplici spiniformi, il quinto più elevato di tutti. La seconda dor- 
sale oblunga, acuminata, spicca nel punto medio fra la prima e la caudale. Le pettorali 
rotondate son lunghe quanto la base della prima dorsale. Le ventrali, assai più brevi di 
esse e ugualmente rotonde, nascono poco dietro la lor base. L'anale lunga quasi il dop- 
pio della pinna dorsale, nasce sotto la metà di essa, ha forma triangolare, e il quarto 
raggio più lungo di ogni altro. La caudale, profondamente forcuta in due lobi lunghi 
quanto le pettorali, è un sesto di tutto il pesce. 

Argentino in tutto il corpo con riflessi violetti lascia travedere il fondo foschiccio. 
11 dorso, la nuca, la fronte, e l'estremità d'ambe le mascelle mostransi più o meno fosche; 
la bocca violetta-nerastra nell'interno; l'iride argentina semicerchiata di nero al di so- 
pra; la pupilla cenericcia. Yeggonsi in tutto il corpo parecchi punti lucidi quasi gem- 
mati, contornati di nero, disposti in qualche ordine geometrico ma variabile assai, fuor- 
ché lungo il ventre, ove sogliono assumere un andamento lineare per lo più duplicato, 
e grandeggiano principalmente sopra Panale, 

Giunge il pescetto a due pollici al più. È il più comune della sottofamiglia: i fluiti 
lo spulano sulle spiagge non men del Tirreno che del mar di Sicilia: ed in Nizza vien 
detto Maire d JmplovUj cioè a dire Madre di Jlici. 



I 

SCOPELUS RISSO 

SCOPELO DEL RISSO 

SCOPELUS Gorpor e abbreviato^ crasso, altitudine longitudinis tertium fere aequante: capite 
acquante altitudinem corporis : oculo maximo grandiori dimidio capitis. 

i.-^ D. i4- s.'^ D. 3. rud. P. 17. F. 7. A. 17, C. 18. 

SCOPELtJS BISSO, Cocco, in GioTii, Sicil, Fasc. IxXTU. p- 144« ^d- Lett, su' Salmon, eie. p.x5.sp,2.tai.njìg. 5^ 

(Questo pesce comunissimo in Siciìia non può confondersi con aìcun altro con- 
genere per la grande altezza del suo corpo. Esso è perfettamente ovale fino alla seconda 
pinna dorsale, d'onde assottigliandosi termina cuneiforme. Il profilo superiore è assai ar- 
cuato fino all'occipite, quivi si avvalla leggermente, dipoi procede convesso fino al ter- 
mine della dorsale anteriore, d'onde va concavo fino alla coda. L'inferiore è convesso 
fino al di là della pinna anale, ove prende lo slesso andamento del superiore. La mag- 
giore altezza, triplice della grossezza, cade sulla origine delle pettorali, ed è contenuta 
poco più di tre volte in tutta la lunghezza. 11 capo piuttosto rotondato è lungo quanto 
la maggiore altezza del corpo: la carena frontale è molto rilevata. Gli occhi distan po- 
chissimo dalla punta del muso; e lo spazio che li separa è la metà del loro diametro 
poco minore della metà del capo. Le narici subrotonde toccano quasi il margine an- 
teriore di essi ocelli, La bocca squarciasi fin dietro loro: il margine della mascella è 
convesso nella sua metà anteriore, nella posteriore è concavo: la mandibola di forma 
ellittica n'eccede alcun poco, ed è lunga quasi il doppio di sua larghezza. I denti sono 
minutissimi, numerosi, acuti, più palesi al tatto che alla vista. Il margine ascendente 
dell'opercolo è lievemente scabro, e dista dal margine posteriore dell'occhio per un 
quarto del suo diametro. L'opercolo sale quasi in linea retta, nella parte superiore è ro- 
tondato. Le squame sono irregolarmente ovato-oblunghe, concentricamente striate. La 
linea laterale discende dolcemente fin sotto il mezzo della prima dorsale, quindi corre 
sempre retta. La pinna anteriore del dorso nasce sulla metà del tronco: ha forma trian-< 
gelare: in altezza sorpassa di poco la lunghezza : il quinto raggio ed il sesto sono i più 
lunghi, il primo è più breve di tutti. La dorsale posteriore, piccola, ottusa, spicca poco 
più innanzi il mezzo tra la anteriore, e la base della caudale. Le pettorali sono subro- 
tonde, e si protraggono fin quasi alla orìgine dell'anale. Le ventrali rotondate nascono 
sotto la metà delle pettorali. L'anale esce poco innanzi al perpendicolo dell'estremità 
della prima dorsale, ed estendesi fin oltre quello della seconda, lasciando fra sè e la cau- 
dale uno spazio eguale a quello che passa fra la sua origine e la base delle ventrali; il 
terzo, il quarto, e il quinto suo raggio sono i più lunghi. La caudale, forcuta, è un 
sesto del pesce : i due lobi son lunghi quasi il doppio della base. 

Non diversifica dall'antecedente ne' colorì così nel fondo, come nelle punteggiature, 
-che, tuttavia sono men grandi sovra la pinna anale; e ne' ridessi indorasi alquanto più. 



SCOPELUS COCCO 



SCOPELO DEL COCCO 



SCOPELUS corpore elongato, tenui ^ altitudine longitudinis quintum \>ix superante: capite 
pari corporis altitudini : oculo minimo^ vix quintum capitis acquante. 

i.« D. IO. 2.« D. 3. rud. P. 12. 6. ^. 20. C. 18. 

SCOPELUS COCCO, Cocco , in Giorn, Lett. Sc.etc. Sicìl, Fase. Jsxtìì. p. i43» 
SCOPELO DI cocco, Cocco, Lett, su' Salmon. etc. p.i8. sp.5. tab.ii.Jìg. 

f 

Ti a sveltezza del corpo, e la piccolezza cieli' occhio fan distinguere facilmente que- 
sto Scopelo dagli altri due precedenti, dei quali è assai piii raro. Il professor Cocco de- 
dicavalo alla cara memoria del suo genitore. 

E fusiforme, assai compresso e fortemente assottigliato nel suo quarto posteriore. Il 
. profilo del dorso è convesso dalla punta del muso fino alla seconda dorsale; dipoi corre 
in linea dritta. Quello del ventre ha la stessa andatura. La maggiore altezza, che cade 
sulla origine delle pettorali, è compresa cinque volte nella intiera lunghezza. Il capo è 
schiacciato, ottuso, con una leggera carena sul mezzo : la sua lunghezza è il quarto del 
pesce toltane la coda. Gli occhi sono piccolissimi, fino ad essere la quinta parte del ca- 
po, siedono molto presso al profilo, distando dall'apice del muso per quanto è il loro 
diametro, e altrettanto l'uno dall'altro. Le narici sono rotonde. La bocca protraesi dietro 
gli occhi più che negli altri: la mascella ha il suo margine dolcemente concavo: la 
mandibola è ovato-oblunga, e la supera di poco: questa e quella son fornite di acuti, fit- 
ti, piccolissimi denti. L'opercolo è rotondalo con una lieve crenatura nel mezzo del suo 
margine inferiore. I cigli della parte interna degli archi branchiali sono piii corti che 
nelle altre specie. Le squame sono grandi, sovrapposte le une alle altre. La linea la- 
terale corre totalmente retta. La pinna dorsale anteriore spicca innanzi la metà del pe- 
sce, è alquanto piii lunga che alta, ed il suo raggio maggiore è il doppio dell'ultimo. La 
posteriore è tanto esile che appena mostra i vestigli de' raggi, e solo distinguesi per la 
base. Le pettorali sono strette, ottuse, e giungono distese fino al mezzo delle ventrali. 
Queste, situate al terzo anteriore del pesce molto innanzi la prima dorsale, sono corte, 
quadrilatere. L'anale spicca sotto la metà della dorsale anteriore, giunge fino alla poste- 
riore, dalla sua origine va sempre gradatamente rastremandosi, e dista dalla punta della 
coda per quanta è la sua lunghezza. La caudale è gentile, e lunga poco più di un set- 
timo di tutto il pesce, forcuta fino alla metà, co' suoi lobi poco divaricati. 

Il corpo è argenteo con riflessi dorati ed azzurri, nerastro sul dorso, e sulla nuca. 
Molti punti gemmali gli rilucono su i fianchi, ed una serie se ne vede lungo il ventre 
d'ambo i lati fino alla coda, sotto cui ve n'ha cinque argentini. L'interno delia bocca è 
nerastro, l'iride argentea con la pupilla translucida. Giunge a due pollici di lunghezza. 



MAUROLICUS AMETHYSTINO-PUPiCTATUS 

MAUROLICO DALLE CHLUE 



MAUROLICUS corpore crassiculo, altitudine longitudinis quintum suhaequante: rostro sima: 
oculo magno capiiis terlium acquante : squamis triangularibus ad latera : pinna dorsali 
ifentralibus fere apposita. io. i."^ D.rud? P. 9. -^.17. {J. 2 3* 

MAUROLICBS AMETHysTlNO-POKCTATDj j Coeco, Lett, Sii Salmon. eie. f. 5^. iab. iy. fig, 1^. 

Il genere che passiamo a trattare fu stabilito dal Cocco e segnalato col nome di un 
celebre letterato siciliano, perchè yidelo differente dagli Scopeli avendo il corpo non ve- 
stito delle grandi squame di quelli, ma di un sen»plice strato argentino che facilmente si 
attacca alle dita, essendovene al più alcune poche triangolari ne' lati del ventre. Mostra 
inoltre la fronte ristretta, ed ha la bocca protrattile : sopra i nudi fianchi corrono linee 
sottili, oblique, che metton punta sulla linea laterale: i vestigi dei raggi dell'esilissima 
seconda dorsale, cioè dell'adiposa, sono appena sensibili: i raggi branchiali sono nove 
Q dieci. 

Giunge il corpicciuolo di questa prima specie, piuttosto coramune sulle spiagge Si- 
cule ad un pollice e mezzo di lunghezza. La sua figura è fusiforme alquanto crassa; il 
profilo del dorso è quasi retto con amabile declivio dalla nuca fino alla coda: quello del 
ventre è dolcemente convesso in tutta la sua estensione, ma inarcasi più sensibilmente 
sopra la pinna anale: la maggiore sua altezza cape cinque volte 0 poco più nella totale 
lunghezza. Il capo è poco meno del quarto della misura suddetta: la fronte è inclinata 
non poco: il muso tende all' insù, e per tal cagione comparisce più acuto di quel che 
porti la sua vera figura : la bocca non squarciasi che fin sotto alla metà dell' occhio : ma 
in compenso è molto protrattile in basso: la mandibola è più lunga della mascella assai 
ddatata nelle estremità: i denti in ambedue sono sottilissimi: gli occhi perfettamente 
rotondi occupano quasi un terzo dell'intero capo distando poco meno di un loro diame- 
tro dalla punta del muso, e poco più di tal misura dal margine posteriore dell'opercolo: 
tra un occhio e l'altro corre meno di mezzo diametro. L'opercolo è perfettamente roton^ 
dato. Alcune squame triangolari coli' apice rivolto all'insù veggonsi lungo i lati del ven^ 
tre. L'ano apresi molto dietro la metà del pesce. La prima pinna dorsale, di forma 
trapezoidale, nasce poco innanzi la detta metà, ed è poco più lunga che alta, la sua 
base estendesi molto meno dell'altezza del tronco: la seconda appena visibile non éop^ 
siste che in una semplice pellicola bassissima, che rileva scarsamente dal dorso in for- 
ma di triangolo smussato. Le pettorali si stendono per quanto ò lunga la metà del capo 
lasciando fra la loro punta e le ventrali uno spazio uguale a loro stesse; le ventrali più 
brevi di esse nascono quasi del pari con la prima dorsale ; l'anale spicca sotto il punto 
ove finisce la suddetta pinna, ed ha estesa la sua base quanto quella ; la caudale bifor- 
cuta misura un sesto dell'intero pesce. 



) 



MAUROLICUS ATTENUATUS 

MAUROLIGO DEL TENORE 



MAUROLICUS corpore tenuiculo^ altitudine breviore longitudinis sexto: rostro acuto ^ recto: 
oculo parvo capitis quartum acquante : squamis nuìlis : pinna dorsali media inter ven- 
trales et analem. i.« 12. 2.^^ D. rudi P. 9. F. 6. A. i5. C. 23.. 

MADROLicus ATTENUATas, Cocco^ Lettera su' Salrnon. etc, p, 55. tai. iv.Jìg, i3. 

en comune del precedente, cui mollo assomiglia, ha il corpo più allungato ed 
assottigliato, senza verun indizio di squame; e la pinna dorsale in mezzo le ventrali e 
l'anale. La sua maggior altezza, che cade immediatamente dietro l'opercolo, non è neppu- 
re il sesto della lunghezza, mentre il capo n'è il quarto. Il totale della corporatura può 
dirsi lanceolato col profilo superiore quasi retto, coll'inferiore dolcemente convesso : il 
muso è retto ed acuto: l'occhio è piccolo non essendo che il quarto del capo, e dista uii 
huon diametro dall'apice del muso, e quasi due dal margine dell'opercolo: tra un oc- 
chio e l'altro poi corre soltanto mezzo diametro: l'opercolo è rotondato. Non mostra 
il pesce vestigio alcuno di squame; e l'ano apresi poco dopo la metà di esso. La prima 
pinna dorsale spicca innanzi la suddetta metà; la sua lunghezza, assai maggiore dell' 
altezza del tronco, è doppia della propria elevazione: la seconda dorsale, appena visi- 
bile, consiste in una semplice appendice cutanea: le pettorali, lunghe un mezzo ca- 
po, giungono quasi alle ventrali, che hanno origine mollo innanzi la prima dorsale, e 
sono simili a quelle in forma e grandezza : l'anale nasce poco dietro la metà della della 
pinna dorsale, ed ha base lunga quanto quella; la caudale, assai meno robusta che nella 
precedente specie, è lunga un sesto del pesce. 

Per quel che concerne i nomi specifici italiani che leggonsi in fronte non men di 
questa che dell'antecedente specie, avvertiamo che furono essi stessi in origine dati dal 
Cocco, il quale poi li ritolse, per la ragione forse di non cumulare due denominazioni 
provenienti da due nomi proprii. Noi li prescegliemmo, affinchè se taluno avesse cono- 
sciuto i due pesci sotto i titoli suddetti non credesse che questi da noi descritti ne fos- 
sero diversi. Più volentieri poi, che la malsonante traduzione de' nomi datine definiti- 
vamente dal Cocco, prendiamo dal medesimo per l'uso volgare quelli che ne rammen- 
tano il celebre Anatomico continuatore del Poli, e il non mai abbastanza encomiato prO' 
fessor di Botanica, onor di Partenope e vanto d'Italia tutta. 



«5 }■ 



ito 



MYCTOPHUM RAFINESQUII 

MITTOFO DEL RAFINESQUE 



MrcTOPHUM altitudine parum minori longitudinis quarto: capite longiori altitudine corpo- 
ris : spatio interocidaii vix majori oculo maxim:0^ cum apparata luqido verticali cari- 
nato ad medium : pinna dorsali postposita ventralibas retropositis. 

i.« D. 12. a.* D. 5. rud. P. 9. 9. A. i3. C. 20. 

NYCTOPHus RAFiNEsQuii, Cocco , Lett. su' Salmon. etc. p.20. sp. 1. tab. ìiì.Jlg. 

KITTQFQ DI R4FÌNESQUE, CocCO , locO cilalO,, 

Il genere Mjctophum fu stabilito, dal Rafinesque, ma con caratteri in parte erronei, 
nel resto non diversi da quelli degli Scopeli, Fu merito del Cocco il distinguerlo da 
questi restringendolo alle specie che, oltre la squamatura e i denti loro, hanno lo squar- 
cio della bocca proteso assai più in là del margine posteriore dell'oTbila, la prima pinna 
dorsale opposta alle ventrali, un apparato lucido inleroculare sulla fronte, e (se vuoisi 
aggiungere) i pezzi opercolari molto obliqui, che improntano in essi una fisionomia pro- 
pria e caratteristica. Noi lo adottiamo in tal senso, e ne eliminiamo innoltre quella spe- 
cie che formiam tipo del genere Lampanjctus, perchè sembra più coerente che tutti i 
MitLofi non abbian differenza alcuna tra loro nel muso e nelle pinne. Così in ciascuno 
de' nostri il muso è rotondato, e le pinne pettorali sono assai brevi. 

Quattro sono le specie dei nostri mari, nelle quali si verificano tutti i caratteri sud- 
detti. Tre di esse furono esatlamente e comparativamente descritte dal soprallodato na- 
turalista, e sono il Rafinesquii^ il Metopoclampum^ ed il Gemellari i alle quali aggiungia- 
mo, non senza qualche esitazione, la quarta sotto il nome Rafinesquiano di Mjctophum 
punclatam. 

La prima, soggetto del presente articolo, fu dedicata dal Cocco all'inventore del 
genere, perchè credettela appunto il di lui punciatum'^ e noi le conserviamo quel nome 
Rafinesquii tanto più yolontieri perchè il punctatum, come vedremo, sembra che sia un 
altro pesce. E comunissima nelle acque 3icule, che frequentemente la depongono sulle 
spiagge principalmente esposte al Settentrione, e più ne' mesi di Febrajo e Marzo, che 
in altre stagioni, 

Pistilliforme è il suo corpo, allungato cioè nel tronco, e molto ingrossato yerso il 
capo. 11 profilo del dorso è convesso dalla punta del muso fino all'origine della prima 
dorsale, d'onde corre concavo fino alla coda. Il profilo del ventre, alcun poco convesso 
fino al termine dell'anale, passa subitamente in concavo, ed assottigliando in sensibil 
modo il tronco procede quasi retto fino alla coda. La maggiore altezza, che cade innan- 
zi la origine delle ventrali, è un quarto dello spazio che corre dal margine posteriore 
dell'occhio all'estremità della coda. La maggior grossezza è alquanto minore dell'altezza. 

189 



MYCTOPHUM RAFINESQDII. 



Il capo è piuttosto allungato, alto circa due terzi della sua lunghezza, la quale entra 
quattro volte in quella del pesce. La fronte è assai declive: l'apparecchio lucido è ver- 
ticalmente oblungo, integro, simmetrico, e intersecato da una lieve carena che slendesi 
attorno al margine inferiore dell'orbita. Gli occhi, grandi quasi un terzo del capo, sono 
divisi dall'estremità del muso per un terzo del proprio diametro, per uno intiero fra 
loro, per men di due diametri dal margine posteriore dell'opercolo. Lo squarcio della 
bocca estendesi quanto due diametri dell'occhio, e i suoi angoli distano un diametro da' 
medesimi. Il margine della mascella è tenuemente convesso sotto il margine anteriore 
dell'occhio: la mandibola eccede alquanto la mascella, e larga meno della metà del- 
la propria lunghezza offre una concavità corrispondente. 1 denti mascellari sono esili, 
gli esterni sono più grandi e incurvati all'apice; i palatini sono minori; quei delle ossa 
faringee sono più allungati, e rivolti verso la gola; pochissimi e piccolissimi sono quelli 
del vomere. 11 margine postico-superiore dell'opercolo offre un angolo alquanto ottuso, 
e sotto di esso una intaccatura rotondata: il subopercolo e l'inferopercolo sono subsinua- 
ti. Le squame grandi, irregolarmente rotonde, superiormente crenate, concentricamente 
striate, aderiscono leggermente alla pelle:, quelle su cui è segnata la linea laterale, che 
è quasi retta, sono circa trenta, sovrapponentesi, per metà, e aventi la forma di un rene, 
la cui concavità sia volta in basso.. Lano apresi poco innanzi i due terzi del pesce. La 
pinna dorsale anteriore trapezoide dista ugualmente dalla punta del muso che dalla ori- 
gine della caudale, elevasi quanto è l'altezza del tronco che le sta sotto, ed è più lunga 
che alta: il suo primo raggio è il più breve di tutti, il terzo, il quarto, il quinto sono i 
più lunghi. La posteriore è lunga ed acuta, e spicca in mezzo tra la prima e la caudale, 
distando da questa e da quella per quanto stendesi essa prima. Le pettorali sono ovato- 
oblunghe, e poco più lunghe della metà del capo non oltrepassano la origine delle ven- 
trali. Queste cuneiformi col margine rotondato sono un terzo più lunghe delle pettorali 
e nascono fin quasi innanzi la prima dorsale. L'anale, simile per la forma alla dorsale, 
ma un quarto minore, comincia sotto il termine della dorsale anteriore, e finisce prima 
di giungere alla posteriore, distando poco più dalla caudale che dalle ventrali. La cau- 
dale largamente forcuta è il quinto di tutto il pesce. 

Il corpo è argentino con riflessi azzurri e bruni. Il dorso e la nuca sono tinti di ne- 
rastro. Due serie longitudinali di punti lucidi corrono sui Iati del ventre; ed altri po- 
chi punti simili veggonsi quasi immediatamente al di sotto della linea laterale. Argen- 
tina è l'iride, cenerognola la pupilla: l'interno della bocca è castagno-violaceo. Le pinne 
sono trasparenti, ma luride. 

In questo, come in ogni altro Mfctopho, chiusa che sia la bocca, l'osso interma- 
scellare vien quasi intieramente occultato dal sottorbitale, e serbando in tutto il suo 
corso una stessa forma giunge fin all'angolo inferiore del preopercolo: l'apertura delle 
branchie è ampia ed arcuata : le membrane loro congiungonsi perfettamente fino al 
quarto incirca della rispettiva lunghezza, nel resto appena si toccano co'margini: i raggi 
che le sostengono sono arcuati, compressi, dilatati, ed alquanto convessi anteriormente 
alla base, poi si assottigliano, e finiscono in punta: ^ìì archi branchiali, angolati, e con 
la più lunga branca protesa fin presso all'apice della lingua, hanno sul margine con- 
cavo una serie di piccole foglioline, ripiegate, cibate all'apice, ed hanno inoltre nel suo 
lato interno una serie di punte rare e corte, mentre nel margine convesso sono legger- 
mente sfrangiati: l'arco esteriore soltanto mette fuori una serie di rigide setole piegate 
all' innanzi, e fiancheggianti la lingua. 



MYGTOPHUM METOPOCLAMPUItt 

MITTOFO FRQNTELUGIDA 



mrcTOPHVM altitudine lougìtudinis qucirtum, vix aequantex capite hr^viorì altitudine cor- 
poris: spatio interoci{larÌ duplo quam oculo grandiculOj cuni apparata lucido vasto, 
conspicuo, sub ocuJos producto : pinna dorsali praeposita supra ventrales, antepositas. 
i.« D. i5. a.*» D. 5. rud. P. 9. F. 9. J. i5. C. 20. 

MYCTOPHUM METOPOCLAMPDM, Cocco, in Giom. Lelt, Sc. elc. Sic, jF«ìc. IxxTÌi. art. iii. 144, 
«YCTOPHDS METOPOCi^iMPns, Cocco, Lett. su' Sulm, etc, p.-ìl^. sp.i, tal. i\\.Jì^. d). 

KITTOrO FRONTELUCIDA, CoCCO, loc, cit, 

I\ara e bella questa specie Si fa riconoscere ad un tratto per la rotondità del suo 
capo maestoso fornito di apparecchio lucido più vasto, che gli meritò per eccellenza lo 
specifico nome di Metopoclampum dal Greco. L'essere piìi corta e plìi grossa la diver- 
sifica altresì a prima yista da'suoi congeneri quantunque raccorciati, e molto più dagli 
Scopelini spettanti ai generi affini. Giunge ai tre pollici e mezzo di lunghezza, nè altri- 
menti si trova che balzata talvolta iqsi^n^e colle altre specie sulle fertili spiagge di 
Sicilia. 

Ha il corpo alquanto terete, accorciato, anteriormente inerassato e rotondato. Il pro- 
filo del dorso sale sensibilmente arcuato dalla estremità del muso fino alla prima dorsa- 
le, ove tosto discende, e va così declinando fino alla coda. Quello del ventre è convesso 
fino alla estremità dell'anale, ivi si fa un poco concavo, e corre in tal modo per tutla la 
parte assottigliata del tronco. La maggiore altezza, che rinviensi alla origine della prima 
dorsale, non entra che quattro volte nella totale lunghezza; la maggiore grossezza, che 
vedesi al termine dell'opercolo, avvanza di alcun poco la metà dell'altezza. Il capo è 
grosso, perfettamente semicircolare all' innanzi, ed entra quattro volte e mezzo in tutto 
il pesce : la sua altezza è un poco maggiore della propria lunghezza. L'apparecchio lu- 
cido cuopre tutta la larghezza della fronte, corona i margini anteriori degli occhi, e as- 
sottigliandosi e rilevandosi dolcemente nel mezzo ne cìnge eziandio gl'inferiori. L'oc- 
chio occupa il terzo della lunghezza del capo, alla cui estremità è vicinissimo: la di- 
stanza fra l'uno e l'altro è doppia del loro diametro, e dal fine dell'opercolo è di un dia- 
metro e mezzo. La bocca non ha il suo squarcio più lungo del doppio diametro dell'oc- 
chio, ed i suoi angoli distano dagli occhi un diametro di essi: il margine della mascella è 
insensibilmente convesso: la mandibola, alquanto più lunga, è larga un quarto solo della 
sua lunghezza. I denti sono brevissimi, minuti; pochi ve ne ha posteriormente ai lati del 
vomere. L'angolo postico-superiore dell' opercolo è rotondato, ed ha in basso un profondo 
incavo semicircolare, con al disotto una sensibile prominenza. L'interopercolo è oblungo 
subrotondo come pure è il subopercolo; ed è a notarsi che il preopercolo è quasi ta- 

■ *29* 



MYCTOPIiUM METOPOCLAMPUM. 



gìiato perpendicolarmente. Le squame sono grandi, ed hanno pressoché la forma di 
un parallelogrammo coi lati rotondetti e undulati. La linea laterale è quasi retta. L'ano 
apresi poco innanzi alla metà del pesce. La dorsale anteriore quadrilatera spicca sul 
terzo anteriore; il terzo raggio, che è il doppio dell'ultimo, è poco più alto che non 
è lunga la hase. La dorsale posteriore è allungata lanceolata, e nasce poco più vicino 
alla caudale che all'altra. Le pettorali sono brevi, rotondate, e in tutta la lunghezza 
mantengonsi quasi ugualmente larghe come alla hase. Le ventrali spiccano precisamente 
sotto la prima dorsale, hanno forma di ventaglio, e distese toccano quasi all'anale: il 
primo raggio loro semplice, spiniforme, è lungo un quarto del secondo. L'anale nasce 
dietro il perpendicolo della prima dorsale, e stendesi fin sotto la seconda in modo, che 
il suo principio dista dalle ventrali quanto il suo termine dalla caudale, ed è quasi la 
metà più lunga che alta : il terzo suo raggio è il doppio del primo. La caudale è forcuta 
oltre la metà, e le due punte disiano fra loro più di quanta è la di lei lunghezza, che 
costituisce un quinto del pesce. 

Il colore è argentino con riflessi di castagno-bruno. Tre o quattro punti lucidi az- 
zurri veggonsi lungo la linea laterale, ed una serie longitudinale ve ne ha di qua e di 
là dai lati del ventre, più fitta e più regolare dopo le ventrali. Le pinne sono biancastre 
trasparenti. L'iride è argentea, la pupilla cinerea pellucida: la bocca internamente ne- 
rastra. 



MYCTOPIIUM GEMELLARI 

MITTOFO DEL GEMELLARO 



MYCTOPHVM altitudine longitudinis quinium aequante: capite longiori altitudine corporis : 
spatio interoculaj'i subduplo quam oculo parvulo^ cum apparaiu lucido ultra oculuiri 
vix produclo: pinna dorsali longa^ praeposita ante ventrales medias. 

i.« D. 17. a.*» D. 5. rud. P. 9. f^. Q. J. i5. C. 20. 

NYCTOPnos GKMELLARii, Cocco, Lett. Su' Salmon. etc, p.ì6. sp. 3. taè. jii. fig, g, 

NITTOFO DI GEM^ttABOj CoCCO , locO cUata. 

I i II più alloiigato tra i suoi congeneri, dei quali ha minore l'occhio, più proteso 
lo squarcio della bocca ^ e più nuraerosi i raggi della prima dorsale maggiormente estesa 
che in tutti. Il profilo del dorso è leggermente convesso fino al termine della prima sud- 
detta pinna, meno però leggermente dalla punta del muso alla nuca: dopo la dorsale cor- 
re dolcemente concavo. 11 profilo del ventre è più convesso fino all'estremità dell'anale, 
acquista poi l'andamento del superiore. La maggior altezza, che cade dopo la origine 
della dorsale anteriore, è un quarto della lunghezza del pesce, esclusane la coda: la mag- 
gior grossezza, che trovasi al termine del preopercolo, è un poco meno della metà dell' 
altezza. Il capo, ottuso e mediocremente compresso, entra quattro volte nella lunghez- 
za totale; e la sua altezza è due terzi della lunghezza. La fronte discende poco obliqua, 
e poco rotondata: il suo lucido apparecchio è poco esteso, oltrepassando appena il mar- 
gine anteriore degli occhi. Ciascun di questi, occupante appena un quarto del capo, 
dista dalla punta del muso la metà del suo diametro, e quasi tre dal termine dell' oper- 
colo: lo spazio che corre tra l'uno e l'altro è quasi doppio del loro diametro. La boc- 
ca squarciasi per quanto misurano tre diametri dell'occhio, e i suoi angoli distano due 
diametri dall'uno e dall'altro. Il margine della mascella è dolcemente convesso nel suo 
terzo anteriore: la mandibola eccede la mascella, ed è lunga il doppio della sua lar- 
ghezza. I denti sono picc